risposta delle entrate

Contributi colf, li deduce il datore anche se li paga un altro

di Salvina Morina e Tonino Morina

default onloading pic


2' di lettura

È solo il datore di lavoro che può dedurre i contributi previdenziali pagati per i domestici e per gli addetti ai servizi personali o familiari, anche se il pagamento viene fatto da un conto corrente di un familiare. Questa, in sintesi, la risposta n. 278 fornita dall'agenzia delle Entrate, a seguito di un'istanza di interpello presentata da un contribuente .

Cosa prevede la norma

L'articolo 10, comma 2, ultimo periodo, del Testo unico delle imposte sui redditi (Dpr 917/1986) prevede che siano deducibili dal reddito complessivo i contributi previdenziali ed assistenziali versati per gli addetti ai servizi domestici (autisti, giardinieri, eccetera) nonché per gli addetti all'assistenza personale o familiare (colf, baby-sitter, assistenti delle persone anziane, eccetera), per la parte rimasta a carico del datore di lavoro.

PER SAPERNE DI PIÙ / Lavoratori stranieri, dall'Italia partono 6,2 miliardi di risparmi

Il caso

Il contribuente che ha fatto istanza all’Agenzia nel 2017 ha pagato, in qualità di datore di lavoro, i contributi Inps per la badante della suocera, da un conto corrente bancario intestato alla suocera e da lui gestito.

Secondo l'agenzia delle Entrate, sono deducibili le somme effettivamente versate, applicando il principio di cassa, fino ad un importo massimo di 1.549,37 euro annui. La deduzione spetta solo per la quota rimasta a carico del datore di lavoro dichiarante, al netto della quota contributiva a carico del collaboratore domestico.

Colf e badanti: da gennaio aumentano gli stipendi per quasi 900mila lavoratori

Per la deducibilità, è necessario essere in possesso delle ricevute di pagamento complete della parte informativa sul rapporto di lavoro domestico (datore di lavoro, lavoratore, ore trimestrali, retribuzione oraria effettiva, importo complessivo, eccetera), effettuati dal contribuente intestati all'Inps.

Per dedurre l'onere pagato nel 2017, in caso di presentazione del modello 730/2018, per il 2017, il datore di lavoro avrebbe dovuto indicare i contributi versati nel rigo E23 per la parte rimasta a suo carico. Ed è il datore di lavoro l'unico soggetto legittimato a dedurre i contributi previdenziali versati alla collaboratrice domestica (nella specie, la badante della suocera), a prescindere dalla circostanza per la quale l'effettivo pagamento di tali contributi sia avvenuto usando un conto corrente di terzi (nel caso in esame, il conto corrente intestato alla suocera).

LA SENTENZA / Il Me Too delle badanti: le avances pressanti del datore non sono reato

Al fine di dedurre dal proprio reddito i contributi Inps versati nel 2017, e recuperare l'onere pagato e non dedotto nel modello 730/2018, il contribuente, nella sua qualità di datore di lavoro, potrà presentare una dichiarazione integrativa a favore.

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti