ServizioContenuto basato su fatti, osservati e verificati dal reporter in modo diretto o riportati da fonti verificate e attendibili.Scopri di piùPrezzi alle stelle

Contro il caro benzina FdI propone di liberalizzare subito lo smart working

Una prima «soluzione emergenziale» per la riduzione al minimo degli spostamenti casa/lavoro, l’idea dei deputati Massimiliano De Toma e Walter Rizzetto

Smartworking, Cisal: occasione per mercato lavoro più democratico

2' di lettura

Per i continui rincari dei carburanti arriva una proposta da Fratelli d’Italia. «Per le famiglie, almeno quelle dei dipendenti pubblici e privati con uno stipendio inferiore a 1.500 euro/mese, che devono far fronte all’aumento indiscriminato del costo della vita, una prima soluzione emergenziale è quella che i ministri Brunetta ed Orlando pongano subito in campo misure concrete per la riduzione al minimo degli spostamenti casa/lavoro, mediante una totale liberalizzazione dello smart working senza limiti di giornate».

L’idea è stata lanciata dai deputati di FdI Massimiliano De Toma della commissione Attività produttive e Walter Rizzetto della commissione Lavoro pubblico e privato. «Questo consentirà alle famiglie di beneficiare di un risparmio almeno sul costo degli spostamenti e del carburante. Per contro gli enti pubblici e le imprese private potranno abbattere notevolmente non solo i costi di gestione ma soprattutto quelli legati alla climatizzazione degli uffici».

Loading...

La dinamica dei costi in risalita

I costi dei carburanti «nonostante la modesta defiscalizzazione operata dal Governo che li aveva ricondotti a circa 1,75 euro/litro, sono tornati a salire con punte sino a 2,30 euro litro al servito». Per i deputati è evidente «che sono tutt'ora in atto forti speculazioni che non si è stati in grado di fermare e che si è tornati alla situazione precedente agli interventi del governo. Capiamo che la coperta sia corta, nonostante i fondi del Pnrr, ma per tagliare ancora i costi fiscali sui prodotti energetici che sono divenuti nuovamente insostenibili, senza introdurre nuove tasse, vanno trovate delle soluzioni concrete anche rimettendo mano alla revisione della spesa pubblica improduttiva».

Impatto su enti e imprese dei servizi essenziali

“L'aumento indiscriminato del costo del carburante ha poi un impatto fortemente negativo sugli enti e le imprese dei servizi pubblici essenziali che, se il Governo non garantirà loro una defiscalizzazione totale dei costi energetici e una immediata compensazione degli oneri già sostenuti, queste potrebbero non essere più in grado di assicurare il servizio ai cittadini o peggio, per garantirlo, aumentare le tariffe a danno dei consumatori finali», avvertono De Toma e Rizzetto.

Riproduzione riservata ©

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti