La pandemia

Contro il virus luce e mappatura di varianti

di Barbara Ganz

2' di lettura

L’emergenza sanitaria è stata un banco di prova e una sfida su molti fronti. Fondamentale il processo di tracciamento, per identificare e monitorare con tempestività l’evolversi dell’epidemia.

Nel Laboratorio di Genomica ed Epigenomica di Area Science Park sono stati effettuati i sequenziamenti dei primi virus Sars-CoV-2 con variante Omicron registrati in Friuli Venezia Giulia: si è trattato di campioni prelevati a un uomo residente a Cormons proveniente da Milano, e a una donna di Ronchi dei Legionari in arrivo dal Ghana. «Il sistema di controllo che abbiamo messo in atto ci ha permesso di rilevare in breve tempo i casi di varianti», spiega il responsabile del LAGE, Danilo Licastro.

Loading...

Per velocizzare la ricerca, in Area la sorgente di luce di sincrotrone Elettra e il free electron laser Fermi, con le loro stazioni sperimentali, sono state messe a disposizione dei ricercatori di tutto il mondo che hanno avuto la possibilità di richiedere l’accesso alle linee di luce con una procedura prioritaria per effettuare misure in remoto per far luce sulle componenti molecolari del virus SARS-CoV-2.

L’international Centre for Genetic Engineering and Biotechnology (ICGEB) ha proposto una modalità collaborativa lanciando online la piattaforma COVID-19/SARS-CoV-2, per offrire gratuitamente ai suoi Stati membri risorse, strumenti e conoscenze tecniche per la lotta al virus che provoca la malattia Covid-19. Oltre a fornire informazioni su procedure e reagenti essenziali sviluppabili “internamente”, la piattaforma ha messo a disposizione il protocollo per isolare il virus e sequenziarlo per le conseguenti attività di monitoraggio e sorveglianza. Sempre ICGEB ha lavorato sulle tecniche di test, spesso costose e legate a condizioni di laboratorio difficili da ottenere nei Paesi a basso e medio reddito (LMIC). Nel 2020, ICGEB ha coordinato uno studio pilota di successo in quattro Paesi dell’Africa (Camerun, Etiopia, Kenya e Nigeria) che ha confermato l’efficacia di un nuovo metodo accessibile in contesti con risorse limitate. Grazie alla proficua collaborazione con NEB e al finanziamento della Bill & Melinda Gates Foundation, ICGEB ha esteso il progetto ad altri cinque Paesi africani.

Ancora, in collaborazione con Eltech K-Laser è stato ideato il Kair-Laser, un filtro a raggi laser per sterilizzare l’aria da virus e batteri che, a differenza delle normali sanificazioni, permette una sterilizzazione continua dell’aria presente negli ambienti, garantendo una maggior sicurezza.

Riproduzione riservata ©

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti