fisco

Controlli fiscali, l’arma più potente è l’analisi dei movimenti sul conto corrente

Accertamenti analitici e bancari: sono le due tipologie di controlli attuate dall’amministrazione finanziaria nei confronti dei professionisti

di Alessandro Borgoglio

default onloading pic
(ktasimar - stock.adobe.com)

Accertamenti analitici e bancari: sono le due tipologie di controlli attuate dall’amministrazione finanziaria nei confronti dei professionisti


2' di lettura

Gli accertamenti analitico-presuntivi (detti anche analitico-induttivi) nei confronti dei professionisti si affiancano oggi sempre di più ad altre tipologie di accertamento.

Negli ultimi anni, infatti, le attenzioni dell’amministrazione finanziaria si sono concentrate prioritariamente su due tipologie di controlli nei confronti dei professionisti:

1. Gli accertamenti analitici, basati sulle scritture contabili presentate dal contribuente a seguito di richiesta dell’Ufficio oppure esibite in sede di verifica, volti a controllare quei soggetti esercenti attività di lavoro autonomo che, seppure dichiarino un ammontare elevato di compensi, deducono un importo cospicuo di costi, andando così ad abbattere in maniera significativa il reddito imponibile;

2. Gli accertamenti bancari, esperiti anche sulla base di analisi di rischio effettuate sui dati dell’archivio dei rapporti finanziari, alimentato dalle informazioni trasmesse dalle banche (circolare 19/E/2019, paragrafo 2.3.2).

I conti bancari

I controlli sui movimenti finanziari sono oggi di fatto lo strumento d’indagine più potente del Fisco: questi accertamenti, infatti, sono (relativamente) più veloci di quelli analitico-presuntivi, che richiedono un meticoloso incrocio tra tutte le fatture emesse dal professionista e il numero e le prestazioni rese, come risultanti da qualche banca dati (ad esempio, catastale per le pratiche Docfa dei geometri) o da comunicazioni di enti pubblici (ufficio del Genio civile per i progetti del geologo); ma soprattutto gli accertamenti bancari, basati sulle movimentazioni finanziarie (rilevano solo i versamenti per i professionisti: si veda Corte costituzionale 228/2014; Cassazione 547/2020), sono assistiti da un forte valore probatorio. 

Per questo il Fisco, di fatto, non è tenuto a dimostrare null’altro oltre al movimento contestato e non giustificato dal contribuente.

Mentre gli accertamenti analitico-presuntivi si basano su una presunzione semplice, che per sostenere la pretesa impositiva deve essere grave, precisa e concordante, e quindi può richiedere l’allegazione da parte dell’ufficio di ulteriori elementi probatori convergenti (si veda Cassazione 17810/2016, 3276 e 10212 del 2018, 15344/2019).

L’onere della prova

In conclusione, per dirla con le parole della Cassazione - anche se non condivise da una parte della dottrina - il contribuente ha l’onere di superare la presunzione legale relativa che assiste le indagini finanziarie, dimostrando in modo analitico l’estraneità di ciascuna delle operazioni bancarie a fatti imponibili (Cassazione 14058/2020).

Secondo la Commissione tributaria Lazio, ai fini della dimostrazione contraria alla presunzione legale relativa che assiste le indagini finanziarie, il contribuente professionista deve allegare prove non generiche, ma analitiche, circostanziate e specifiche. Queste ultime, però, non devono essere necessariamente costituite da documentazione bancaria, poiché si può ritenere la sussistenza di quelle caratteristiche anche in relazione ad altre tipologie di documentazione (sentenza 1300/2020).

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti