Tennis

Coppa Davis, Italia avanti contro gli Stati Uniti. Oggi sfida decisiva con la Colombia

Sonego e Sinner, entrambi al debutto nella competizione, vincono contro Opelka e Isner. Un successo con i colombiani porterebbe gli azzurri ai quarti

di Eliana Di Caro

Jannik Sinner vittorioso contro lo statunitense John Isner (Ap)

3' di lettura

Gli azzurri del tennis infiammano il Pala Alpitour di Torino e tutti i tifosi italiani con una grande vittoria contro gli Stati Uniti: nel girone E, Lorenzo Sonego e Jannik Sinner battono, entrambi in due set, Reilly Opelka e John Isner portando avanti l’Italia, che oggi affronta la Colombia. In serata, a risultato dunque acquisito, il doppio Fognini-Musetti ha avuto la peggio con la forte coppia americana Ram-Sock.

Ma partiamo dall’inizio, e cioè dall’esordio in coppa Davis del numero 27 del mondo Sonego nella sua città. Schierato da Filippo Volandri - anche lui al battesimo da capitano - quale secondo singolarista, sconfigge il suo avversario (26simo nel ranking) per 6-3, 7-6. Opelka, due metri e 11 centimetri forse preferito a Frances Tiafoe per via della sua stazza e della sua potenza, ha potuto contare sul proprio servizio (12 aces e 81% di punti vinti sulla prima) e poco altro: i 23 errori gratuiti (a fronte dei tre dell’azzurro) e un’unica palla break disponibile fotografano una partita che Sonego ha condotto con sapiente equilibrio, tenendo gli scambi in attesa dell’errore dietro l’angolo, chiudendo i punti propiziati dal proprio servizio (90% i punti vinti sulle prime palle) e giocando un tie break semplicemente perfetto (finito 7-4 e in cui ha piazzato due dei 5 aces del match). Il calore del pubblico ha fatto il resto. A fine partita Sonego ha dato sfogo alla sua gioia chiedendo di poter parlare in italiano: «È incredibile giocare in Italia, è bellissimo essere a Torino, nella mia città, nella mia Italia, e ora forza Jannik Sinner ».

Loading...

L’altoatesino, numero 10 del mondo, al debutto in coppa Davis, è entrato in campo con la solita determinazione e la grande maturità alla quale ci ha abituato (a dispetto dei 20 anni compiuti lo scorso 16 agosto). Ha letteralmente demolito Isner (2 metri e 8), numero 24 del mondo, per 6-2, 6-0 in una sfida che ormai dal 3-0 del secondo set non era neanche più tale: l’americano appariva sfiduciato e scarico, schiacciato dai vincenti dell’avversario. Sinner è partito subito mettendo in difficoltà Isner (che nell’unico precedente, a Cincinnati, l’aveva sconfitto) il quale a fatica ha tenuto il servizio del primo game. Il break è arrivato già sull’1 pari, e poi ancora sul 4-2, complice uno dei tre doppi falli compiuti dall’americano, il quale ha inanellato 23 errori gratuiti e raccolto solo il 58% dei punti sulla prima. Il punteggio finale è figlio anche degli 8 vincenti di dritto e altrettanti di rovescio, e dell’88% dei punti sulla prima messi a segno dell’altoatesino, che ha ‘regalato’ solo 4 punti. Inutili,quindi, i ripetuti tentativi di discesa a rete di Isner, puntualmente punito dai passanti dell’azzurro, anche lui ben sostenuto dal pubblico.

Il doppio, a questo punto, era ininfluente (benché nel bilancio finale per l’accesso alla fase a eliminazione diretta in realtà conti, ed è per questo che la vittoria degli americani lascia loro uno spiraglio). Accanto a Fabio Fognini, Volandri ha schierato Lorenzo Musetti anziché Simone Bolelli. I due hanno resistito e combattuto per un set, mostrando carattere e cedendo solo al tie break, poi nel secondo set l’andamento è stato più celere.

Ma lo sguardo ora è alla sfida con la Colombia (inizio alle 16, in chiaro su Super Tennis): una vittoria porterebbe l’Italia, prima del girone, ai quarti di finali, lunedì, sempre a Torino.

Ai quarti di finale accedono infatti le squadre vincenti dei gironi e le migliori due seconde.

Riproduzione riservata ©

loading...

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti