sport & business

Coppa del mondo, Sestriere (Vialattea) brinda per il ritorno

Già partiti gli investimenti per la competizione che torna in Piemonte

di Filomena Greco


default onloading pic
Una veduta dell'area gare di Sestriere

2' di lettura

Una stagione all’insegna della Coppa del mondo di sci. La Vialattea apre i battenti per gli sciatori il 7 dicembre ma guarda già all’appuntamento con lo sci femminile del 18 e del 19 gennaio, data che segna - dopo tre anni - il ritorno dello sci mondiale nel comprensorio piemontese. Come nel 2016 si correranno Gigante e Slalom, nel 2016 Sofia Goggia è salita sul secondo gradino del podio, alle spalle della francese Tessa Worley. La scommessa è che l’edizione 2020 porti ancora meglio alla campionessa italiana.

Per Gualtiero Brasso, responsabile del Comitato organizzatore, il ritorno della Coppa del mondo di sci femminile «rappresenta una straordinaria occasione di promozione dell’immagine per il nostro comprensorio grazie ai 110 milioni di spettatori tra dirette televisive e repliche». Sestriere si conferma dunque una delle capitali alpine dello sci internazionale, con alle spalle una storia antica, che affonda le sue radici negli anni Cinquanta.

La macchina dei preparativi si è messa in moto. E la settimana scorsa è arrivata anche la prima neve sulla pista Kandahar G.A. Agnelli destinata a ospitare la gara di gennaio. Per sistemare la pista principale di Sestriere, almeno a guardare all’edizione 2016 della Coppa, serviranno almeno 150 ore di produzione neve con 30mila metri cubi di acqua, 450 ore di battitura piste e 7 chilometri di reti di protezione. Nell’insieme, parliamo di un evento che costa circa un milione e mezzo di euro per metà sostenuto da risorse del Comitato. Nella zona di arrivo della gara sarà allestita una tribuna da oltre 750 posti, una tenda per gli ospiti accreditati e un villaggio sponsor per intrattenere il pubblico prima e dopo le gare. «Il 4 novembre abbiamo iniziato i lavori di montaggio della tribuna - racconta Brasso - prima della fase di innevamento vero e proprio, così da ancorare le strutture al terreno». Tra le novità c’è la scelta del Comitato di rinunciare ai fuochi d’artificio, per garantire un taglio ecosostenibile all’evento, e di puntare invece su un laser show proiettato direttamente sulle piste da sci.

Per Sestriere, quello della Coppa di Sci femminile sarà un week end di festa che coinvolgerà l’intero paese per accogliere le atlete, i tifosi ed i turisti. «In questa fase stiamo lavorando per mettere a punto il calendario degli eventi collaterali, l’idea è qualle di creare un evento a 360 gradi per promuovere il mondo della neve, la gara sarà l’evento principale ma non l’unico». Sabato 18 gennaio, nel pomeriggio, la piazza centrale di Sestriere ospiterà la premiazione della prima gara, lo Slalom gigante, e la presentazione delle atlete per il Gigante parallelo. Centrale è stato il ruolo della Fisi, la Federazione italiana sport invernali, e del presidente Flavio Roda, principale artefice del ritorno della Coppa del mondo a Sestriere.

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti
Loading...