ServizioContenuto basato su fatti, osservati e verificati dal reporter in modo diretto o riportati da fonti verificate e attendibili.Scopri di piùMecenatismo

Coppie intergenerazionali: se un giovane talento crea insieme a un maestro

Per due anni cinque promesse della musica, architettura, design, letteratura e cinema sono seguite da altrettanti insegnanti d'eccezione, tra i più noti nel loro campo.

di Paco Guarnaccia

Da sinistra in senso orario, il giovane regista filippino Rafael Manuel; la musicista di modern jazz sudcoreana Song Yi Jeon; l'architetto e designer Arine Aprahamian di origine libanese-armena; Ayesha Harruna Attah, scrittrice ghanese; l'artista visiva sudafricana Bronwyn Katz.

3' di lettura

Non è un programma di mecenatismo classico (di quelli che si limitano a disporre fondi), il progetto Maestro e Allievo di Rolex permette a un gruppo di giovani emergenti in diversi settori culturali – dall'architettura alla musica, dalla letteratura alle arti visive, dalla danza al teatro e cinema (negli ultimi cicli è stata aggiunta una categoria aperta, per includere altri campi) - di potersi interfacciare per un biennio con delle guide che non sono insegnanti o tutor, ma vere eminenze professionali del loro settore. Il tutto per realizzare insieme un progetto.

L'artista ghanese El Anatsui mentre è al lavoro su una sua opera. Sarà il maestro di Arti Visive.

Dal 2002, anno in cui Maestro e Allievo ha debuttato, nel ruolo di maestro si sono avvicendati 63 nomi di peso: da Sir David Adjaye a Sir David Chipperfield per l'architettura; dagli scrittori Margaret Atwood a Mario Vargas Llosa per la letteratura; da Martin Scorsese a Alejandro G. Iñárritu per il cinema, da Sir Peter Hall a Robert Wilson per il teatro; da William Forsythe a Saburo Teshigawara per la danza; da Brian Eno a Gilberto Gil per la musica; da David Hockney a Rebecca Horn per l'arte.

Loading...

Il recente Day-Date con cassa di 40 mm di diametro e bracciale in platino. Movimento automatico. Prezzo su richiesta.

Dal biennio 2018/19, si è deciso che le discipline protagoniste di Rolex Maestro Allievo si sarebbero alternate, pertanto nel 2023/24 saranno l'architettura, le arti visive, il cinema, la letteratura e la musica. I nuovi nomi sono stati annunciati lo scorso settembre durante il Rolex Arts Weekend che per due giorni ha animato la Brooklyn Academy of Music di New York. Rebecca Irvin, che è la responsabile dell'iniziativa di mentorship, spiega: «Siamo molto grati ai Maestri per il loro impegno nel promuovere l'arte delle nuove generazioni con l'insostituibile tradizione dello scambio e dell'ispirazione individuale. Ci congratuliamo anche con gli Allievi che oggi si uniscono alla comunità artistica globale e multigenerazionale che da vent'anni continua a crescere». E ha aggiunto: «È emozionante vedere come le collaborazioni creative di questo nuovo ciclo abbattano ancora le barriere geografiche e culturali, oltre che quelle dell'età». Nelle arti visive il ghanese El Anatsui (Leone d'oro alla carriera della Biennale di Venezia, tra i suoi riconoscimenti) seguirà l'artista sudafricana sulla rampa di lancio Bronwyn Kats che con le sue opere (un mix che prevede scultura, visual art e installazioni) si è anche aggiudicata il First National Bank Art Prize in Africa del 2019. Sarà Anna Lacaton, vincitrice insieme al suo socio dello studio Lacaton & Vassal del Pritzker Architecture Prize 2021 (praticamente il Premio Nobel dell'architettura) il Maestro di architettura per Arine Aprahamian, designer di origine libanese/armena che ha fondato nel 2018 lo studio Müller Aprahamian e cerca con i suoi lavori di trovare soluzioni architettoniche innovative che mirino a un futuro sostenibile per le varie comunità. Per il cinema il regista cinese Jia Zhang-Ke (già vincitore del Leone d'Oro a Venezia nel 2006 con il film Still Life) lavorerà con il giovane Rafael Manuel, vincitore dell'Orso d'Argento al Festival del Cinema di Berlino con il corto Filipiñana. Bernardine Evaristo, scrittrice che nel 2019 si è aggiudicata il Booker Prize con il romanzo Ragazza, donna, e il cui libro in versi del 2001, The Emperor's Babe, è stato inserito dal The Times tra i 100 migliori libri degli anni zero, collaborerà con la ghanese Ayesha Harruna Attah che ha già al suo attivo cinque romanzi e diversi premi. Infine, per la musica la cinque volte vincitrice di Grammy Dianne Reeves, la più affermata cantante jazz del mondo, ha scelto la promessa del modern jazz Song Yi Jeon, cantante e autrice nata in Corea del Sud. Inoltre, il 2023 non vedrà solo l'inizio di quest'altro prestigioso ciclo, ma vedrà anche un altro momento importante. «Celebreremo con uno straordinario raduno tutti i Maestri e gli Allievi degli ultimi vent'anni», anticipa Rebecca Irvin.

Il regista cinese Jia Zhang-Ke (Leone d'Oro a Venezia nel 2006) seguirà Rafael Manuel.

La cantante jazz Dianne Reeves, cinque volte premiata ai Grammy, ha come allieva Song Yi Jeon.

El Anatsui lavorerà con Bronwyn Katz.

La vincitrice del Booker Prize del 2001 Bernardine Evaristo che seguirà Ayesha Harruna Attah.

Anna Lacaton, insignita insieme al suo socio dello studio Lacaton & Vassal del Pritzker Architecture Prize 2021 sarà la mentore di Arine Aprahamian.

Riproduzione riservata ©

loading...

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti