ServizioContenuto basato su fatti, osservati e verificati dal reporter in modo diretto o riportati da fonti verificate e attendibili.Scopri di piùIL LEADER LABURISTA

Corbyn inguaiato dalle accuse di antisemitismo. Lui nega: mai stato razzista

Tegola sul partito laburista a pochi giorni dal voto del 12 dicembre. Jeremy Corbyn finisce nel mirino del Jewish Labour Movement per «partecipato attivamente» alla deriva anti-semita della sinistra britannica. La replica: sono dispiaciuto, ma la mia storia dice altro

di Nicol degli Innocenti

Gb, 7 deputati lasciano Labour: "antisemita" e ambiguo su Brexit

Tegola sul partito laburista a pochi giorni dal voto del 12 dicembre. Jeremy Corbyn finisce nel mirino del Jewish Labour Movement per «partecipato attivamente» alla deriva anti-semita della sinistra britannica. La replica: sono dispiaciuto, ma la mia storia dice altro


2' di lettura

A una settimana esatta dal voto in Gran Bretagna i conservatori restano in vantaggio nei sondaggi, mentre l'opposizione laburista si trova invischiata in una polemica sulle tendenze anti semite nel partito.

Le accuse, che circolano da tempo, ora toccano direttamente il leader Jeremy Corbyn. Un dossier pubblicato oggi contiene 70 testimonianze da membri del partito laburista che accusano il leader di avere sistematicamente insabbiato proteste e lamentele su comportamenti o dichiarazioni antisemite.

Corbyn in particolare viene accusato di 11 specifici atti di anti-semitismo. Il rapporto, compilato dal Jewish Labour Movement, sostiene che il leader «è ripetutamente stato associato con, ha simpatizzato con e ha partecipato attivamente» alla deriva anti-semita del partito.

Leggi anche

La comunità ebraica: ora voltate pagina
Il dossier è stato consegnato alla Commissione sull'uguaglianza e i diritti umani che quest'anno ha aperto un'inchiesta sulla vicenda. Il Jewish Labour Movement, che rappresenta circa 2.500 membri, chiede al partito di ammettere di essere «istituzionalmente antisemita» e di voltare pagina.

James Libson, un avvocato dello studio Mishcon de Reya che collabora all'inchiesta, ha dichiarato inoltre che l'ufficio di Corbyn ha ripetutamente interferito nell'indagine esigendo informazioni su chi aveva testimoniato e dettagli sulle accuse. Il leader laburista ha detto che ogni singolo caso di antisemitismo è stato indagato e gestito in modo appropriato dal partito, ma secondo Libson invece «ci sono molte denunce che non sono state prese in considerazione».

Le scuse di Corbyn
Corbyn ha detto di essere «molto spiacente« per i casi di membri del partito che hanno fatto dichiarazioni o circolato messaggi anti-semitici ma ha respinto le accuse di averli condonati o tantomeno incoraggiati.
Il leader laburista ha sempre insistito che il suo lungo passato di militanza contro ogni forma di razzismo dimostra che non può essere accusato di antisemitismo.

I suoi sostenitori ritengono che la sua posizione pro-palestinese e contro la politica repressiva dell'attuale Governo israeliano sia stata esagerata e utilizzata dai suoi nemici per danneggiarlo. Il partito ha però ammesso di avere sottovalutato il problema dell'antisemitismonei suoi ranghi e di non avere preso misure abbastanza rigorose, ad esempio optando per la sospensione dei membri colti in fallo invece dell'espulsione immediata.

Oggi il Labour ha detto che sta cooperando con l'inchiesta della Commissione e che in futuro i membri colpevoli di antisemitismo verranno espulsi. La settimana scorsa il Rabbino capo, leader spirituale degli ebrei ortodossi in Gran Bretagna, aveva accusato Corbyn di avere permesso che «il veleno dell'antisemitismo» sia filtrato dall'alto verso il basso infettando tutto il partito. In un intervento inaudito in piena campagna elettorale, Ephraim Mirvis aveva parlato del grande timore di una vittoria laburista tra gli ebrei britannici.

ALTRI ARTICOLI
Corbyn scaricato dal suo segretario, è guerra nel Labour
Brexit, il guru del Remain: se Johnson perde si andrà a un nuovo referendum

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti