ServizioContenuto basato su fatti, osservati e verificati dal reporter in modo diretto o riportati da fonti verificate e attendibili.Scopri di piùi

Coronavirus: dagli aeroporti alla zona rossa di Fondi, ecco le sentinelle digitali per il Covid-19

Dopo gli scali di Roma e Ciampino, i termoscanner digitali sono arrivati al Mercato ortofrutticolo della cittadina laziale. Ma anche i supermercati di Lombardia e Piemonte si preparano a installarli

di Celestina Dominelli


Coronavirus, divieto di spostamento dal comune in cui si è

2' di lettura

Le prime apparecchiature sono apparse qualche settimana fa, quando ancora l’ emergenza coronavirus non era esplosa in Italia, negli aeroporti romani di Ciampino e Fiumicino. Nei due scali, gestiti da Adr -Aeroporti di Roma, sono così comparsi termoscanner di ultima generazione, veri e propri “termometri digitali” che permettono di misurare, nell’arco di soli due secondi, la temperatura corporea e di lanciare un allarme se viene superata la soglia critica dei 37,5.

Termoscanner al via nei supermarket di Lombardia e Piemonte
Ora queste “sentinelle”, assai preziose per individuare uno dei possibili sintomi del Covid-19, hanno cominciato a prendere piede un po’ ovunque. E, nell’ultima ordinanza emanata domenica 22 marzo, il governatore lombardo, Attilio Fontana, ne ha raccomandato l’uso anche davanti ai supermercati presi d’assalto in questi giorni dopo le ultime strette per fronteggiare l’epidemia. E, da martedì 24 marzo, i termoscanner saranno installati in tutti i punti vendita di Esselunga in Lombardia e Piemonte. Dopo essere entrati in funzione, in queste ore, anche in alcune stazioni, come quella di Napoli Centrale per controllare la temperatura dei passeggeri in arrivo dal Nord.

Le “sentinelle” digitali installate nella zona rossa di Fondi
Nei giorni scorsi, poi, Adr ha messo a disposizione della Regione Lazio due termoscanner che sono stati installati all’interno del Mercato ortofrutticolo di Fondi (Mof), tra i più grandi in Italia, nel cuore della cittadina dichiarata “zona rossa” dalla Regione per l’aumento di casi positivi da Covid-19. Le apparecchiature sono state così posizionate all’ingresso del Mof per misurare la temperatura senza provocare code e disagi. Dopo essere entrate in funzione, in queste ore, anche in alcune stazioni, come quella di Napoli Centrale per controllare la temperatura dei passeggeri in arrivo dal Nord.

Coronavirus, a Fiumicino i nuovi termoscanner: ecco come funzionano

Come funzionano le apparecchiature montate al Mof
I due termoscanner portatili, installati nella struttura di Fondi, sottoposta a prescrizioni molto rigide, sono delle termocamere di marca Flir, leader mondiale per sistemi a immagine termica, infrarossi e per visione notturna. Si tratta di apparecchiature montate su cavalletti e alimentabili da una normale presa elettrica che, come detto, permettono di rilevare la temperatura in un brevissimo lasso di tempo e di gestire anche un grande flusso di persone.

Per approfondire:

Coronavirus, dai contagi in metro alle maniglie dell'autobus, ecco il manuale anti-panico
Il coronavirus in Italia, come difendersi da rischi reali e fake news

Riproduzione riservata ©
Per saperne di più

loading...

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti
Loading...