ServizioContenuto basato su fatti, osservati e verificati dal reporter in modo diretto o riportati da fonti verificate e attendibili.Scopri di piùla decisione dell’autorità

Coronavirus, bollette: ecco la nuova boccata d’ossigeno per i clienti morosi

L’Authority di settore ha deciso di prorogare fino al 17 maggio, per le utenze domestiche, il blocco ai distacchi per le fatture dell’elettricità, del gas e dell’acqua

di Celestina Dominelli

default onloading pic
Bollette: ecco cosa cambia con l’emergenza per i morosi

L’Authority di settore ha deciso di prorogare fino al 17 maggio, per le utenze domestiche, il blocco ai distacchi per le fatture dell’elettricità, del gas e dell’acqua


2' di lettura

Sulle bollette arriva una ulteriore boccata d’ossigeno dall’Autorità per l’energia, le reti e l’ambiente (Arera). L’Authority ha infatti deciso di prororgare al 17 maggio, per i soli clienti domestici, i provvedimenti con cui aveva stabilito il blocco delle procedure di distacco per i clienti morosi. Il prolungamento riguarderà tutti i clienti domestici dell’energia elettrica e i clienti domestici gas con consumi non superiori a 200mila Smc/anno (metri cubi standard). Anche per il settore idrico, la proroga scatterà per tutte le utenze domestiche.

Cosa succede al termine del periodo di proroga
Al termine del periodo di proroga, come sottolineato dall’Autorità anche in occasione delle proroghe decise nelle scorse settimane, i fornitori dovranno riavviare le procedure di costituzione in mora dei clienti/utenti finali, rispettando i tempi di preavviso previsti dalle regole settoriali (energia, gas, acqua). La prima comunicazione di sollecito o di costituzione in mora dovrà contenere l’offerta al cliente/utente di poter rateizzare i relativi importi senza il pagamento di interessi poiché l’Autorità ha confermato i criteri di rateizzazione definiti a inizio aprile.

Il settore idrico
Per gli utenti del servizio idrico con usi diverso dal domestico, saranno i gestori, laddove il pertinente ente di governo dell'ambito abbia verificato la compatibilità con la condizione di mantenimento dell'equilibrio economico-finanziario, a poter offrire la rateizzazione del pagamento delle fatture non ancora scadute al 4 maggio (e comunque con scadenza entro il 31 maggio), nonché di quelle emesse tra il 4 e il 31 maggio. Il piano di rateizzazione verrà definito dal gestore, d’intesa con l’ente di governo dell’ambito. Per gli operatori del settore energetico, un’ulteriore delibera dell’Autorità proroga le misure per ridurre le possibili ripercussioni delle sospensioni dei distacchi e sulla corretta gestione dei pagamenti lungo la filiera e dal punto di vista finanziario sul sistema.

Besseghini: interventi centrali segnalati a Governo e Parlamento
«Il sistema energetico e ambientale continua ad essere stabile – afferma il presidente dell’Arera, Stefano Besseghini - garantendo la fornitura dei servizi senza soluzione di continuità. Il monitoraggio dell’Autorità continuerà in modo puntuale, ma nella delicata fase di passaggio che si sta aprendo saranno centrali anche gli interventi segnalati al Governo e Parlamento lo scorso 23 aprile. In particolare sui clienti non domestici, in maggioranza attività produttive, produrrebbero riduzioni importanti delle bollette elettriche le misure di riduzione o azzeramento delle quote fisse sulle componenti trasporto e gestione del contatore e degli oneri generali».

Per approfondire:
Coronavirus, bollette: lo stop ai distacchi per morosità prorogato al 13 aprile
Bollette e stop ai distacchi dei morosi: cosa cambia con l’emergenza

Riproduzione riservata ©
Per saperne di più

loading...

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti