allo spallanzani

Coronavirus, chi sono le tre ricercatrici che hanno isolato il virus

Maria Capobianchi, Francesca Colavita e Concetta Castilletti lavorano nel laboratorio di Virologia dell’istituto italiano che per primo, insieme alla Francia, ha aperto la strada a un possibile vaccino

di Alessia Tripodi

Coronavirus, pronto a Wuhan l’ospedale costruito in 10 giorni

Maria Capobianchi, Francesca Colavita e Concetta Castilletti lavorano nel laboratorio di Virologia dell’istituto italiano che per primo, insieme alla Francia, ha aperto la strada a un possibile vaccino


2' di lettura

È un team tutto al femminile quello che all’istituto Spallanzani di Roma ha isolato il coronavirus cinese aprendo la strada a un possibile vaccino. La squadra è guidata da Maria Capobianchi, 67enne nata a Procida, laureata in scienze biologiche e specializzata in microbiologia, dal 2000 allo Spallanzani. Con lei lavorano Concetta Castilletti, 56 anni, siciliana di Ragusa responsabile della Unità dei virus emergenti, specializzata in microbiologia e virologia, e la giovane ricercatrice Francesca Colavita, 30 anni di Campobasso, da 4 anni al lavoro nel laboratorio dopo diverse missioni in Sierra Leone per fronteggiare l'emergenza Ebola.

Colavita, la più giovane del team, allo Spallanzani ha un contratto di collaborazione e lavora presso il laboratorio di Virologia e Biosicurezza. Ha partecipato anche a progetti in Sierra Leone nel laboratorio installato presso il 'Princess Christian Maternity Hospital' di Freetown.

La ministra Bonetti: «Elevata qualità della ricerca italiana»
«Il risultato ottenuto nel laboratorio di ricerca dell'Istituto Spallanzani guidato dalla professoressa Capobianchi certifica ancora una volta la dedizione, la professionalità e l'elevata qualità scientifica del mondo della ricerca italiano», ha affermato in una nota la ministra per la Famiglia, Elena Bonetti.

Leggi anche

«Una vittoria di tutto il team»
«Abbiamo cullato il virus e abbiamo avuto anche un po' di fortuna» racconta Castilletti, due figli grandi e una famiglia che la supporta da sempre, a partire dal marito. «Sono abituati a questo genere di emergenze a casa mia - dice la ricercatrice - anche perchè io non mi ricordo una vita diversa da questa. È sempre stato così». Lo Spallanzani è un centro di eccellenza ed è da sempre in prima linea in questi casi.
«Ho vissuto la grande emergenza - dice - della Sars, di Ebola, dell'influenza suina, della chikungunya, e insieme ai miei colleghi siamo stati spesso in Africa. È un lavoro che mi piace moltissimo e non potrei fare altro. Ma la vittoria è di tutto il team. Eravamo tutti impegnati, tutta la squadra. Abbiamo un laboratorio all'avanguardia, impegnato 24 ore su 24 in questo genere di emergenze».


Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti
Loading...