BRUXELLES

Coronavirus, Von der Leyen: «Per Italia ampio margine di manovra». Massima flessibilità su aiuti di Stato e patto di stabilità

Bruxelles garantirà anche otto miliardi di garanzie comunitarie a 100mila imprese

dal nostro corrispondente Beda Romano

Coronavirus, l'annuncio dell'Oms: "E' pandemia"

Bruxelles garantirà anche otto miliardi di garanzie comunitarie a 100mila imprese


2' di lettura

BRUXELLES – – E' un pacchetto ampio quello illustrato venerdì 13 marzo qui a Bruxelles dalla Commissione europea. Tra le altre cose, l'esecutivo comunitario è pronto a suggerire al Consiglio l'uso della “clausola di crisi generale”, vale a dire una norma del Patto di Stabilità che consente a un paese membro di deviare dagli impegni di bilancio assunti in precedenza. Bruxelles garantirà anche otto miliardi di garanzie comunitarie a 100mila imprese. Rivista la previsione di crescita per il 2020, in calo a livello europeo da +1,4% a -1,0%.

«L’epidemia influenzale è uno shock gigantesco – ha detto la presidente della Commissione europea, Ursula von der Leyen - Sarà temporaneo (…) dobbiamo fare in modo che sia il più breve possibile. I Paesi membri devono essere incoraggiati a prendere tutte le misure necessarie». «Massima flessibilità sulle regole relative agli aiuti di Stato e nel quadro del Patto di Stabilità - ha aggiunto l’ex ministra tedesca -. In Italia verrà autorizzato una ampio ventaglio di aiuti».

Loading...

«Abbiamo tutti gli strumenti necessari a nostra disposizione» per affrontare le conseguenze economiche dell'epidemia influenzale da coronavirus – ha detto in una conferenza stampa qui a Bruxelles il vice presidente della Commissione europea Valdis Dombrovskis –. Li useremo pienamente e senza esitazione, in linea con l’evoluzione della situazione». Sul fronte del bilancio, «sosterremo i Paesi che che useranno la piena flessibilità concessa dal Patto di Stabilità».

La clausola “crisi generale”
L’esecutivo comunitario ha ricordato che il Patto di Stabilità permette spesa pubblica eccezionale per far fronte a «eventi inusuali». Il denaro può essere utilizzato per aiutare le imprese in difficoltà, in particolare nei settori dei trasporti o del turismo, assorbire gli shock sul mercato del lavoro, e naturalmente affrontare le necessità sanitarie. La Commissione europea è pronta a suggerire al Consiglio l’uso della “clausola di crisi generale”.

Questa norma, contenuta nel Patto di Stabilità, consente a Bruxelles di permettere a un Paese di sospendere il percorso di aggiustamento di bilancio deciso con le autorità comunitarie nel caso di recessione grave. Non si tratta di una sospensione del Patto di Stabilità, ma piuttosto dell’uso di una regola contenuta nello stesso trattato comunitario, e che può essere applicata salvaguardando comunque la sostenibilità di bilancio nel medio termine.

Infine, la stessa Commissione europea ha annunciato un miliardo di euro di garanzie comunitarie in modo da garantire fino a otto miliardi di euro di liquidità ad almeno 100mila piccole e medie imprese dell’Unione europea. «Oggi – ha poi aggiunto Valdis Dombrovskis - chiedo alla Banca europea per gli investimenti e alla Banca europea per la ricostruzione e lo sviluppo di rifocalizzare le loro attività e adottare misure immediate per sostenere le imprese europee».

Per approfondire
La Bce tiene i tassi fermi e vara nuove aste di liquidità
La scelta di Bruxelles

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti