ServizioContenuto basato su fatti, osservati e verificati dal reporter in modo diretto o riportati da fonti verificate e attendibili.Scopri di piùil bando dell’asi

Coronavirus, così lo spazio lancia un assist alla lotta contro il Covid-19

L’Agenzia presieduta da Giorgio Saccoccia lancia un bando per selezionare, dal 31 marzo al 20 aprile, le migliori idee, basate su asset spaziali, per contrastare l’emergenza da Covid-19

di Celestina Dominelli

Coronavirus, l'appello di Asi ed Esa alle aziende aerospaziali

L’Agenzia presieduta da Giorgio Saccoccia lancia un bando per selezionare, dal 31 marzo al 20 aprile, le migliori idee, basate su asset spaziali, per contrastare l’emergenza da Covid-19


2' di lettura

Nella lotta per sconfiggere il coronavirus , ogni contributo che aiuta a contenere l’epidemia diventa cruciale. Anche quello che può arrivare dallo spazio. Ecco perché l’Agenzia Spaziale Italiana (Asi) ha proposto un bando, “Space in response to Covid19 outbreak”, con il benestare dell’Agenzia Spaziale Europea, il ministro per l’Innovazione tecnologica e la digitalizzazione e il Sottosegretariato di Stato alla Presidenza del Consiglio. Le aziende interessate dovranno presentare i loro progetti dal 31 marzo al 20 aprile. Con una condizione precisa: le proposte dovranno utilizzare tecnologie dello spazio e riguardare due ambiti di applicazione (salute ed educazione a distanza).

Progetti da sviluppare in tempi brevi
L’altro paletto è dettato dall’emergenza stessa e dalla necessità di mettere a punto rapidamente delle soluzioni che permettano di supportare le strategie di contrasto del Covid-19. I progetti presentati, è la richiesta avanzata dall’Agenzia presieduta da Giorgio Saccoccia, dovranno essere avviati in tempi brevi dalla loro approvazione. Il bando è parte integrante, va ricordato, della call to action, Innova per l’Italia, lanciata da tre ministeri (Innovazione tecnologica, Sviluppo Economico e Università e Ricerca), insieme a Invitalia e a sostegno della struttura del commissario per l’emergenza, Domenico Arcuri, con l’obiettivo di individuare ulteriori soluzioni che supportino la lotta contro il Sars-CoV-2.

Loading...
Coronavirus, droni per verifiche sugli spostamenti

Saccoccia: lo spazio ora più che mai deve essere al servizio di tutti
«Lo spazio ora più che mai - ha spiegato il numero uno dell’Asi Saccoccia - deve essere al servizio di tutti e con questo bando saranno messe a fattore comune le tecnologie spaziali provenienti dai dati satellitari di telecomunicazione, navigazione e osservazione della Terra per proporre, in tempi brevissimi, progetti dimostrativi e servizi a sostegno delle attività di contenimento e di monitoraggio degli effetti della pandemia Covid-19 sui cittadini, sui professionisti del settore sanitario ed educativo e sulle imprese. Tutto a beneficio non solo dell’Italia ma anche di altri paesi europei che stanno affrontando la medesima sfida».

In pista fondi per 2,5 milioni di euro
Per sostenere il bando, l’Asi ha garantito ufficialmente all’Agenzia Spaziale Europea l’autorizzazione al finanziamento di progetti italiani per 2,5 milioni di euro, di cui 1,5 milioni nel settore della salute e 1 milione per l’educazione a distanza. L’Agenzia, poi, metterà a disposizione gratuitamente l’utilizzo di capacità satellitare nel caso in cui ciò sia richiesto e necessario. Per partecipare al bando e visionare i criteri di selezione, è possibile consultare il sito dell’Esa.

Per approfondire:

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti