decreto varato dal cdm

Coronavirus, aiuti al turismo: stop a contributi e ritenute in tutta Italia

Lo schema dell’esecutivo si sviluppa sulla base di due decreti, uno subito e uno nei prossimi giorni, con un occhio rivolto a Bruxelles, per ottenere dalla Ue un’apertura sulla flessibilità


Coronavirus, le aziende adottano lo smartworking

5' di lettura

Misure straordinarie di sostegno non solo ai cittadini, ma anche alle aziende che sono state travolte dall’emergenza coronavirus. Arriva il primo decreto legge sull’emergenza coronavirus e l’impatto per l’economia: oltre a misure per i comuni della zona rossa, contiene interventi di carattere nazionale come la sospensione per il settore alberghiero dei pagamenti dei contributi previdenziali e delle ritenute fiscali

Gualtieri: stasera primo dl, stanzieremo risorse adeguate per il rilancio Il decreto è «in larga parte basato su una proroga di termini di versamenti» e «non richiedeva uno stanziamento aggiuntivo. Le risorse che sono stanziate per gli investimenti e per il Fondo di garanzia sono risorse che erano disponibili» ha detto il ministro dell'Economia Roberto Gualtieri parlando in sala stampa a Palazzo Chigi prima del Consiglio dei ministri che ha varato il provvedimento. E ha aggiunto: «il secondo decreto conterrà lo stanziamento per misure di sostegno sia ai territori più colpiti sia ai settori produttivi che soffrono più questa crisi».

Contributi sospesi per il turismo a livello nazionale
Il primo Dl prevede misure ad hoc per il settore del turismo in tutta Italia, con sospensione dei versamenti di ritenute e contributi per il settore alberghiero. Misure adottate «perché quel settore ha subito e sta subendo delle cancellazioni quindi dovevamo dare una risposta immediata, anche dal punto di vista della liquidità. Ma questo non esaurisce le misure che vareremo sul settore del turismo» ha detto il ministro dell'Economia, Roberto Gualtieri, in sala stampa a Palazzo Chigi prima della riunione.

+50% acquisti pc e tablet per lavoro agile nella Pa
Mettere a disposizione del settore pubblico un numero di personal computer e tablet adeguato a «consentire lo svolgimento del lavoro agile quale misura per contrastare e contenere il diffondersi del virus Covid-19, attraverso il ricorso a strumenti contrattuali efficienti e tempestivi messi a disposizione da Consip». Questa, stando alla bozza in entrata del decreto che consta di 26 articoli, la misura per agevolare il lavoro agile nella pubblica amministrazione prevista nella bozza di decreto legge recante “Misure urgenti di sostegno per famiglie, lavoratori e imprese a causa dell'emergenza epidemiologica da Covid-19”, principale punto all'ordine del giorno del Consiglio dei ministri.

Rifinanziato per 50mln Fondo garanzia pmi
La bozza di ingresso al Cdm prevede anche l’estensione a livello nazionale, almeno per i settori colpiti e per periodi limitati entro il tetto di 50 milioni di stanziamento, delle misure speciali del Fondo di garanzia Pmi inizialmente ideate solo per la “zona rossa”.

Carta famiglia anche a chi a un solo figlio
Per i residenti in di Lombardia e Veneto, con la possibilità che l’area si ampli in base all’estensione del contagio, nel 2020 la Carta famiglia che dà accesso a sconti su beni di prima necessità sarà rilasciata anche ai nuclei con un solo figlio mentre oggi il limite di accesso è di 3 figli. Sarà prorogata fino al 30 giugno 2020 la validità delle tessere sanitarie in scadenza.

Stop bollette e Rc auto fino 30 aprile nella zona rossa
La sospensione delle bollette di acqua, luce, gas e anche dei rifiuti potrebbe operare solo fino a fine aprile. Secondo quanto si legge nell’ultima bozza del decreto sul coronavirus, con le misure per attutire l'impatto dell'emergenza nelle “zone rosse”, lo stop ai pagamenti delle
utenze, ma anche dell'Rcauto e del pagamento dei contributi previdenziali nelle aree dei focolai, vale fino al 30 aprile. Nelle prime bozze si fissava invece una sospensione di sei mesi fino al 31 luglio.

Cigs in deroga in zona rossa fino a 3 mesi
Il pacchetto di misure lavoristiche, che si applica ai circa 20mila lavoratori delle “zone rosse”, punta essenzialmente a sostenere il reddito dei lavoratori coinvolti da sospensione di attività (o residenti o domiciliati nelle aree interessati dalle misure restrittive e che lavorano in altre zone). I datori del settore privato, incluso quello agricolo, che non possono beneficiare degli strumenti di sostegno al reddito previsti a legislazione vigente, con unità produttive nei Comuni della zona rossa dell'emergenza Coronavirus possono presentare domanda di Cigs in deroga per la durata della sospensione del rapporto di lavoro (e comunque per un periodo massimo di tre mesi). La norma riguarda anche i datori di lavoro del settore privato che hanno in forza lavoratori residenti o domiciliati in quei Comuni. Si semplificano inoltre le procedure per gli ammortizzatori sociali (in primis, la cassa integrazione ordinaria); e per quelle imprese, che hanno già in corso un trattamento di cassa integrazione straordinaria, si apre alla possibilità di presentare domanda di cassa integrazione ordinaria per un periodo, in ogni caso, non superiore ai tre mesi.

Indennità mensile di 500 euro ai lavoratori autonomi
Per i lavoratori autonomi, artigiani, commercianti, professionisti e collaboratori, che hanno sospeso l’attività a seguito dell’emergenza sanitaria, arriva una indennità mensile di 500 euro per un massimo di tre mesi.

Slittano a 1 giugno rate rottamazione ter
Sul fronte fiscale, sempre nella zona rossa è prevista la sospensione delle cartelle anche per le entrate non tributarie (ad esempio per i contributi) che avevano scadenze tra il 21 febbraio e il 30 aprile, e lo slittamento al 31 maggio (differito al 1 giugno perché il 31 è festivo) della scadenza del 28 febbraio per chi ha aderito alla rottamazione ter e del 31 marzo per chi ha aderito al ”saldo e stralcio”.

Coronavirus, il sindaco Sala su Fb: «Milano non si ferma»

Deficit, la Ue apre alla flessibilità: pronti a valutare
La partita si gioca anche con l’Europa. La Commissione ha riconosciuto che l’andamento dell’economia italiana sarà condizionato da come si svilupperà l’emergenza. Il commissario all’Economia Paolo Gentiloni ha fatto capire che Bruxelles è pronta a riconoscere flessibilità all’Italia. Un’apertura condivisa dal vicepresidente Valdis Dombrovskis. Dombrovskis ha spiegato che occorrerà discutere la situazione con gli Stati, anche se è presto per valutare gli impatti sull’economia.

Cdp, 1 miliardo a imprese a tassi calmierati
C’è poi il canale Cassa depositi e prestiti. Cdp prevede di erogare attraverso la “Piattaforma imprese” a favore di Pmi e Mid-cap fino a 1 miliardo di euro - a tassi calmierati. In una nota Cdp ha elencato le misure a sostegno di imprese e pubblica amministrazione di fronte all’emergenza Coronavirus. Tra queste anche slittamento delle rate dei mutui 2020 al 2021 per 8 Comuni in Lombardia e 1 in Veneto per liberare risorse per l’emergenza. In più i 2mila dipendenti del gruppo potranno donare alle comunità delle “zone rosse” l’equivalente di un'ora di lavoro.

Le misure di Simest
Anche Simest ha deliberato alcune misure in favore delle aziende italiane beneficiarie dei finanziamenti agevolati per l’internazionalizzazione, colpite dall'emergenza da nuovo coronavirus. Tra queste, una moratoria di 6 mesi relativa ai termini per la presentazione di documentazione e rendicontazione per le iniziative di internazionalizzazione verso la Cina e altri Paesi che sono state rinviate. Parallelamente, verranno posticipati di 6 mesi i periodi di pre-ammortamento e ammortamento del prestito concesso. Prevista l’eliminazione della maggiorazione del 2% - prevista per le revoche - per la parte di rimborso del finanziamento delle spese non effettuate, nel caso di iniziative che sono state invece cancellate.

Per approfondire:
Coronavirus: tutti i danni al made in Italy, settore per settore
Turismo: coronavirus, crollano le prenotazioni turistiche per Pasqua (e oltre)

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti
Loading...