CONFERENZA GOLDMAN SACHS  

Gualtieri: no specifica tassa sulla ricchezza, rischi al ribasso ma la stima del Pil resta -8%

Il ministro dell’Economia sul tema banche: «Dopo moratoria più Npl, ma non solo in Italia». Il commissario europeo per l’Economia Gentiloni: possibile recessione a due cifre nel II trimestre nella Ue

default onloading pic
Il ministro dell’Economia Roberto Gualtieri (foto Ansa)

Il ministro dell’Economia sul tema banche: «Dopo moratoria più Npl, ma non solo in Italia». Il commissario europeo per l’Economia Gentiloni: possibile recessione a due cifre nel II trimestre nella Ue


2' di lettura

«Non prevediamo una specifica tassa sulla ricchezza». Lo ha detto il ministro dell’Economia Roberto Gualtieri alla conferenza on line di Goldman Sachs confermando la contrarierà a una flat tax: «Stiamo lavorando sulla riforma del sistema fiscale senza cambiare la progressività del sistema per semplificarlo, ridurre il peso fiscale su lavoratori e imprese, continuare nel contrasto dell'evasione che in Italia è di 120 miliardi l’anno».

Gualtieri: rischi al ribasso ma stima Pil resta -8%

Gualtieri ha parlato dello stato di salute del sistema economico italiano allo stato attuale, dopo il lockdown scaturito dall’emergenza sanitaria. Il responsabile del Tesoro ha spiegato: «Manteniamo ancora la stima di un -8%, naturalmente sappiamo che i rischi possono essere al ribasso ma i dati di maggio e aprile sono in linea con la stima, in alcuni casi anche migliori. Ci aspettiamo - ha continuato Gualtieri - una ripresa anche se naturalmente alcuni settori stanno subendo un impatto più a lungo di altri come il turismo».

«Probabilmente dovremo ricapitalizzare il Fondo di garanzia»

Il ministro ha sottolineato che «siamo stati i primi a realizzare una moratoria sui prestiti bancari ed è una misura che ha funzionato molto bene, ne hanno beneficiato finora oltre due milioni di famiglie». I prestiti garantiti al 100%, ora alzati a 30.000 euro, «stanno davvero accelerando a un ritmo estremamente significativo, siamo a oltre 11 miliardi per i piccoli prestiti (alle Pmi, ndr) e probabilmente dovremo ricapitalizzare il Fondo di garanzia», ha detto Gualtieri.

Dopo moratoria più Npl, ma non solo in Italia

Gualtieri ha parlato anche della tenuta del sistema bancario. Il governo, ha spiegato, non è preoccupato per la situazione del sistema italiano. «Naturalmente è possibile, è probabile che dopo una crisi come questa ci sarà per un periodo di tempo un aumento dei crediti deteriorati (Npl) ovunque, non è un problema solo italiano», ha detto, rispondendo durante la conferenza alla domanda se le moratorie messe in atto durante la pandemia non preludano a una futura ondata di insolvenze sui prestiti. «Penso che le misure che stiamo prendendo saranno in grado di contenere» questa tendenza assieme a quanto accade dal lato regolatorio, ha detto. «Il problema di fondo rimane, ecco perché dobbiamo spingere la ripresa per avere una ripresa a forma di V».

Gentiloni:possibile recessione a due cifre nel II trimestre nella Ue

Alla conferenza ha partecipato anche il commissario europeo per l’Economia Paolo Gentiloni, il quale è intervenuto sul tema Sure per il sostegno alle casse integrazioni nazionali. «Sarà operativo a settembre», ha spiegato. L’emissione di bond (per cento miliardi) dovrebbe avvenire a luglio. «Attualmente - ha sottolineato Gentiloni - c’è più pessimismo sulle prospettive per l’economia, in particolare per alcuni settori come i trasporti, i viaggi, e nel secondo trimestre potrebbe esserci una recessione a due cifre. Il maggiore pessimismo - ha aggiunto - è giustificato dato un certo grado di incertezza sul percorso della ripresa anche se non abbiamo segnali di una seconda ondata di contagi».

Recovery Fund, il commissario Ue: sostanza proposta sarà approvata

Tornando al Recovery Fund, il commissario Ue Gentiloni ha ammesso che «ci sono posizioni critiche ma c’è un’apertura alla discussione sulla proposta di bilancio Ue e del fondo per la ripresa: la proposta non sarà la soluzione finale, le critiche sono legittime e comprensibili, alcuni dettagli possono essere aggiustati, ma alla fine penso che la sostanza della proposta della Commissione sarà approvata» dai governi.

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti