italia

Coronavirus, incanti online per l’arte bene rifugio

Le case d'aste italiane potenziano i canali di vendita digitali per continuare l’attività. Cambiano i calendari. Bene l'asta battuta da Wannenes

di Silvia Anna Barrilà

Aleardo Terzi (Palermo 1870 – Castelletto Ticino 1943) - Volto di donna - Olio su tela, cm 62 x 52 - Aggiudicato a € 8.850 (lotto 1083) - Courtesy Wannenes

4' di lettura

Accanto all'hashtag #iorestoacasa, che in questi giorni invita le persone a non uscire per rallentare la diffusione del Coronavirus, il mondo della cultura si sta mobilitando con l'hashtag #laculturanonsiferma, per portare la musica, i musei, il teatro e l'arte nelle case attraverso i siti e i social. Dalla Triennale al Castello di Rivoli , dalla Collezione Peggy Guggenheim ai Musei di Pesaro al Festival Lo Schermo dell'Arte , ognuno cerca di fare la propria parte. Oltre ai musei, si stanno fermando anche le gallerie, che finora avevano cancellato le inaugurazioni, ma mantenuto aperte le mostre. Adesso, con il passare delle ore e l'aumento delle restrizioni, si va incontro alla chiusura totale. Le case d'aste, così come le fiere, cercano di riprogrammare gli appuntamenti, oppure di potenziare le possibilità di fare offerte attraverso i canali digitali. Chi non ha ancora riprogrammato, è pronto, naturalmente, a farlo all'ultimo minuto.

In asta nei prossimi giorni

In asta nei prossimi giorni

Photogallery25 foto

Visualizza

L’agenda
Immutato, per ora, il calendario di Art-Rite di Milano, che prevede un'asta di Gioielli e Orologi il 24 marzo e di Arte Moderna e Contemporanea l'8 aprile, ma si attende l'evolversi della situazione. Da Czerny's , casa d'aste di Sarzana specializzata in armi antiche, è in programma il 27 marzo quella che la casa d'aste ha definito “la più importante asta di militaria degli ultimi 50 anni”, il 28 marzo segue l'asta di armi antiche e armature. “Per ora sono in programma” ci dicono via mail, “non sappiamo ancora bene se si svolgerà solo online / al telefono o verrà spostata”. Anche Finarte ha in agenda il 17 marzo un'asta di fotografia definita “molto importante”, per cui sarà battuta regolarmente con i clienti in remoto, utilizzando telefoni e piattaforme online debitamente potenziati. Oltre alle offerte scritte, a telefono, online e su piattaforme partner, eccezionalmente per quest'asta sarà possibile registrarsi inviando i propri documenti e le relative offerte tramite WhatsApp.
Christie's , invece, ha spostato l'asta “Thinking Italian”, che doveva tenersi a Milano l'8 e il 9 aprile, a novembre 2020. Grazie al marketing digitale assicura, comunque, che le opere consegnate per questa asta saranno sufficientemente pubblicizzate e presentate a potenziali clienti.
Maison Bibelot di Firenze per tutto marzo e aprile terrà aste esclusivamente online a tempo. La House Sale “Arredi e Dipinti da Villa Lazzi” dell'8/9/10 aprile potrebbe essere rimandata a fine aprile. Anche Bertolami modifica il calendario, ma non ha ancora stabilito le date: le aste di Londra (glittica, archeologia e numismatica) programmate per il 30 marzo sono state spostate a giugno in data da definirsi. Slittano anche le tre aste romane di aprile: Fashion & luxury, Militaria e Oddities, Curiosities & Wonders. I mesi di maggio e giugno rischiano di avere un calendario fittissimo, nella migliore delle ipotesi. Visto il vuoto creatosi ad aprile viene prorogata fino al 20 la mostra dedicata a Titina Maselli, di cui Bertolami ha da poco inaugurato l'Archivio con una mostra antologica.
Per Cambi di Genova, al momento il calendario è modificato ma non annullato. Si invitano i clienti alla partecipazione da remoto (online - telefono). Da Pandolfini di Firenze le aste per ora si sono svolte regolarmente perché una era online e un'altra di dipinti della serie “Arcade”, cioè con una selezione di lotti meno impegnativi da un punto di vista economico, che si è chiusa in modo soddisfacente. Invece gli incanti della prima metà di aprile sono stati posticipati agli ultimi giorni del mese.
Studio d'arte Martini di Brescia ha rimandato la sua prossima asta del 25 marzo al 28 aprile. Da Bolaffi l'asta di francobolli del 12-13 marzo a Torino si svolge solo online, mentre quella di Gioielli e Orologi di fine marzo a Milano è stata posticipata al 28 aprile.

Loading...

Blindarte di Napoli sta lavorando alle aste del 4 giugno. “La crisi derivata dalla diffusione del virus ci spinge a continuare a lavorare, potenziando i servizi di vendita e di aste sull'online” ha dichiarato Memmo Grilli. “Il riscontro è positivo, sia in Italia che all'estero. L'arte è ormai considerato uno tra i più validi beni rifugio, e la storia ce lo insegna. In questo momento è importante continuare ad offrire questa scelta a tutte le persone che ne sentano la necessità». Anche per Meeting Art non ci sono conseguenze, visto che ormai da anni ha un vasto pubblico di collezionisti abituati a partecipare agli incanti attraverso il web. Le aste sono cinque giorni su sette. Da Il Ponte di Milano, al momento il calendario aste del semestre non ha subito variazioni. “Abbiamo svolto con regolarità e successo l'asta di Libri e Manoscritti a gennaio” ci comunicano dalla case d'aste, “e le prossime sono in programma per fine aprile”. Per la sua giornata di valutazioni dell'11 marzo, Sant'Agostino di Torino ha previsto anche la possibilità di valutare opere in formato digitale, inviate via mail o via WhatsApp.

Chi ha già battuto
Wannenes , intanto, ha svolto i primi di marzo alcune aste in sala che, in controtendenza rispetto alle aspettative, hanno ottenuto grandissimo successo. “Arredi Ceramiche Sculture e Oggetti d'Arte” del 3-4 marzo e “Dipinti Antichi e XIX secolo” del 5 marzo hanno raggiunto complessivamente un totale di 3.438.003 euro con percentuali di venduto per lotto dell'81,1% e per valore del 466,4%. Un risultato che ha sorpreso e che in questo momento indica nell'arte un bene rifugio. L'asta è durata diverse ore e ha moltiplicato i prezzi di riserva. Sono stati segnati risultati eccezionali per opere di comparti classici che per molti anni hanno sofferto anche a causa delle mode di altri settori come l'arte contemporanea, l'arte asiatica e il design. In quest'ultimo segmento, l'asta del 26-27 marzo si svolgerà senza pubblico, solo con telefoni e online.

Riproduzione riservata ©

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti