Asia e Oceania

Coronavirus, primo test negativo per 34 italiani della nave Princess

Salgono a 634 i contagi sulla nave da crociera dove si sono registrati anche i primi due decessi. Già in Giappone l’aereo dell’Aereonautica Militare che riporterà a casa 34 passeggeri italiani, forse domani. A Roma la coppia cinese ricoverata a giorni fuori dalla rianimazione, mentre alla Cecchignola lasciano la quarantena i primi 20 connazionali. Per la prima volta in Cina il numero di guariti supera quello dei nuovi contagi. Nel mondo 75.775 contagiati e 2.130 morti. In Corea del Sud registrato il primo caso di infezione; in Iran cresce il numero dei malati,scuole chiuse a Qom e Arak



  • La provincia dell’Hubei estende al 10 marzo il blocco delle imprese

    La provincia dell'Hubei, epicentro dell'epidemia di coronavirus in Cina, ha esteso il blocco per le imprese per la terza volta, fino al 10 marzo, a oltre un mese e mezzo di dalla fine del Capodanno lunare. Le società, tranne quelle di primaria importanza come servizi di pubblica utilità, cibo e medicine, resteranno chiuse per limitare il contagio. Lo stop era atteso fino a giovedì, ma il nuovo blocco rischia di causare gravi danni all'economia. Nel resto della Cina le attività sono ripartire il 10 febbraio. L'Hubei ospita impianti di case dell'auto come Honda Motor, Nissan Motor e Gm.

  • JH University: ad oggi 75.775 contagiati e 2.130 morti nel mondo

    Il numero complessivo di contagi da coronavirus registrati fino a questo momento è di 75.775, secondo quanto riporta la mappa online della statunitense Johns Hopkins University. I morti sono 2.130, di questi 2.029 nella provincia dell'Hubei, 7 fuori dalla Cina. Le persone guarite sono 16.882.

  • In serata fine quarantena per i primi 20 italiani della Cecchignola

    Usciranno entro stasera i primi venti italiani provenienti da Wuhan che dallo scorso 3 febbraio, per 17 giorni, sono stati in quarantena nella Città Militare della Cecchignola, a Roma. Prima della partenza, riceveranno la visita dei ministri della Difesa Lorenzo Guerini e della Salute Roberto Speranza. Altri 36 italiani che hanno superato la quarantena partiranno domani a bordo di navette che li porteranno all'aeroporto di Fiumicino e alla stazione Termini.

  • Iata: rischio bilanci in rosso fino a 28 mld di dollari per compagnie aeree Asia-Pacifico

    Il coronavirus potrebbe causare nel 2020 una perdita di 27,8 miliardi di dollari nei ricavi delle compagnie aeree della regione Asia-Pacifico, la maggior parte a carico dei vettori registrati in Cina, con un rosso di 12,8 miliardi di dollari per il solo mercato cinese. È questa una prima valutazione della Iata (International Air Transport Association) circa gli effetti dell'epidemia sul trasporto aereo in quella regione.

  • Oms: bene il calo dei contagi, ma restare vigili

    «I dati in arrivo dalla Cina sull'epidemia di coronavirus continuano a mostrare un rallentamento nei nuovi contagi. Ancora una volta, questo trend ci incoraggia, ma non è ancora tempo per abbassare la guardia». Lo spiega il direttore generale dell'Oms Tedros Adhanom Ghebreyesus nel bollettino quotidiano da Ginevra, aggiungendo che «fino alle sei di questa mattina, ora di Ginevra, la Cina ha riportato 74.675 contagi complessivi, e 2121 morti».

  • Tutti negativi al primo test 34 passeggeri italiani della Diamond Princess

    Sono risultati tutti negativi al primo test per il coronavirus i
    34 italiani sulla nave Diamond Princess, ormeggiata a Yokoama in Giappone. È ora in corso un secondo test suoi nostri connazionali per l'esito definitivo. Una volta ottenuti i risultati anche del secondo test, si
    procederà al volo di rimpatrio in Italia, previsto per domani. Uno degli italiani a bordo - in totale 35 - nei giorni scorsi era risultato positivo al coronavirus.

  • Media iraniani: altri 25 contagi a Qom, almeno 9-10 vittime

    Cresce il numero di sospette infezioni da coronavirus (Covid-19) in Iran, dopo che ieri si sono registrate le prime due vittime nella provincia nordoccidentale di Qom, solo poche ore dopo la prima ammissione ufficiale di contagi da parte delle autorità. Mentre sono al momento 3 i nuovi malati confermati ufficialmente, alcuni media locali parlano di almeno 25 contagi sempre a Qom e un totale reale di almeno 9-10 vittime. Le notizie non hanno ricevuto finora riscontri da Teheran, ma appare crescente la sfiducia dell'opinione pubblica nella trasparenza delle autorità. Secondo alcuni dissidenti, i vertici della Repubblica islamica avrebbero nascosto deliberatamente le informazioni per evitare polemiche e critiche alla vigilia delle elezioni parlamentari di domani. Il mese scorso, le autorità di Teheran finirono nel mirino di forti proteste popolari per aver negato per giorni l'abbattimento del jet ucraino sui cieli della capitale iraniana, che provocò 176 vittime.

  • Salone auto di Ginevra regolarmente al via il 5 marzo

    Nonostante l’epidemia da coronavirus, il Geneva International Motor Show - salone svizzero dedicato alle auto e alla mobilità - si svolgerà regolarmente nelle date previste, dal 5 al 15 marzo 2020.

  • Esperto Usa: epidemia soffocata dalle contromisure eccezionali

    L'epidemia di coronavirus sta venendo letteralmente «soffocata dalle misure eccezionali che la Cina ha deciso di adottare», ma anche se «il rallentamento è sicuro non bisogna abbassare la guardia». È questa l’l'analisi del fisico esperto di sistemi complessi Alessandro Vespignani, direttore del Network Science Institute della Northeastern University di
    Boston. Vespignani, che sta studiando la diffusione del virus SarsCoV2 fin dall'esordio. conferma infatti la «forte evidenza» del fatto che «l'epidemia sia rallentata per le misure straordinarie».

  • La Regione Toscana attiva Numero Verde per informare i cittadini

    Per favorire una corretta informazione sull’emergenza coronavirus la Regione Toscana ha attivato un Numero Verde per i cittadini presso il Centro di Ascolto regionale, al quale rispondono operatori adeguatamente formati. Il servizio, spiega la Regione, fornisce orientamento e indicazioni sui percorsi e le iniziative individuate sulla questione. Il Numero Verde è 800.556060, opzione 1, ed è attivo dal lunedì al venerdì, dalle ore 9 alle ore 15.

  • Un ricercatore da Wuhan: il virus «influenza le nostre vite», ma «la situazione sta migliorando»

    L'epidemia di coronavirus ha cambiato la vita dei cittadini di Wuhan, anche se «la situazione sta gradualmente migliorando»: lo ha detto a un’agenzia di stampa tialiana il ricercatore Hongyu Zhang, della Huazhong Agricultural University, che vive e lavora nella città epicentro dell'epidemia e collabora con l'università Federico II di Napoli. Il coronavirus «ha un grande impatto sulle nostre vite, sullo studio e sul lavoro perché la maggioranza delle persone resta a casa per evitare che il virus si diffonda». «L'epidemia di coronavirus non è stata ancora completamente eliminata, ma la situazione va gradualmente migliorando», ha aggiunto il ricercatore. Fortunatamente per un ricercatore come lui non è un problema lavorare da casa: «Come scienziato e docente posso tenere corsi online, cercando di non uscire il più possibile», ha detto ancora Hongyu Zhang.

  • Taiwan mette al bando la carne di maiale italiana

    Il ministero degli Affari esteri di Taiwan ha annunciato il bando alle importazioni di maiali vivi e prodotti suini lavorati dall'Italia, precisando che la misura non è legata alla decisione di Roma sulle restrizioni dei voli da e per Taipei sui timori di contagio del coronavirus ma poggia su «basi scientifiche». La portavoce Joanne Ou, secondo l'agenzia statale Cna, ha precisato tuttavia che la mossa italiana sul blocco dei voli poggia sulla «rappresentazione sbagliata» dell'Oms, secondo cui Taiwan è parte della Cina.

  • Italiani in quarantena a Cecchignola via oggi o domani

    Lasceranno la struttura militare della Cecchignola tra oggi e domani, dopo gli ultimi controlli sanitari, i 55 italiani rientrati dalla Cina il 3 febbraio con il Boeing dell'Aeronautica Militare. Lo si apprende dal ministero della Difesa. I ministri Guerini e Speranza, nel pomeriggio alle 17, saranno presso la struttura con i cittadini italiani al termine del periodo di controllo sanitario stabilito dal protocollo del ministero della Salute a causa dell'emergenza Coronavirus.

  • In Cina contagiati finora 29 cittadini stranieri

    Sono 29 in totale i cittadini stranieri finora contagiati dal nuovo coronavirus in Cina. Lo ha dichiarato oggi Ding Xiangyang, vice segretario generale del Consiglio di Stato, il governo cinese, durante una conferenza stampa tenuta a Wuhan, epicentro dell'epidemia e capoluogo della provincia centrale dello Hubei. Il dato è aggiornato alle 18 di ieri. Complessivamente sono guariti e sono stati dimessi dagli ospedali 18 pazienti stranieri. Secondo Ding, 9 stranieri si trovano in quarantena e stanno ricevendo le cure presso gli ospedali e 2 sono deceduti a causa del virus

  • Nell’Hubei attività produttive ferme fino al 10 marzo

    In Cina, le aziende della provincia dell'Hubei, focolaio del nuovo coronavirus, non riprenderanno le proprie attività prima del 10 marzo. Lo hanno annunciato le autorità locali precisando che la decisione è parte integrante degli sforzi per consolidare l'effetto positivo del controllo dell'epidemia, entrato adesso in una fase cruciale nella provincia cinese. Il provvedimento, fanno sapere le autorità, non si applica «alle aziende necessarie al contenimento del virus, ai servizi pubblici e alle attività che soddisfano le esigenze quotidiane della popolazione, né a quelle essenziali per importanti interessi nazionali e pubblici».

  • Due milioni di passeggeri controllati in Italia

    Proseguono i controlli sanitari negli aeroporti per l'emergenza coronavirus: dall'inizio del monitoraggio (5 febbraio) sono stati controllati quasi 2 milioni di passeggeri. Lo fa sapere la Protezione civile. Il sistema di monitoraggio prevede l'impiego di team misti composti da personale medico dell'Ufficio di sanità marittima aerea e di frontiera - Usmaf - e da volontari delle organizzazioni nazionali e regionali di protezione civile e della Croce Rossa Italiana, con il supporto dei presidi medici aeroportuali. La temperatura corporea viene rilevata da termometri laser e dove presenti da termoscanner.

  • Sangalli (Confcommercio): a rischio interi comparti

    «In una fase di totale stagnazione dei consumi, gli effetti del coronavirus rischiano di mettere in ginocchio interi comparti economici del nostro Paese». Così il presidente di Confcommercio Carlo Sangalli. «Penso soprattutto al comparto del turismo e della ristorazione - ha osservato Sangalli - con impatti sul Pil di almeno tre decimi di punto». «Data la già precaria condizione della nostra economia, non si può escludere la recessione. Di fronte a questo scenario, apprezziamo l'impegno del presidente Conte e del ministro Gualtieri a prevedere specifiche misure di sostegno per i settori delle imprese più direttamente coinvolti», ha concluso.

  • In Giappone altri 13 contagi sulla Diamond Princess

    Si registrano 13 nuovi casi di contagio da coronavirus sulla Diamond Princess, la nave da crociera ferma nel porto di Yokohama. Lo ha reso noto il ministero della salute giapponese, dopo altri 52 test. Il numero di contagi complessivo a bordo sale così a 634.

  • Spallanzani: coppia cinese a giorni fuori dalla rianimazione

    La coppia di coniugi cinesi contagiata da coronavirus e ricoverata allo Spallanzani di Roma, se continua a migliorare, potrebbe lasciare la terapia intensiva nei prossimi giorni. Nell’ultimo bollettino medico rilasciato dalla struttura si sottolinea che le «condizioni cliniche della coppia sono in continuo e progressivo miglioramento».

  • Azienda sudcoreana dispone auto-quarantena per 800 dipendenti

    La SK hynix, azienda sudcoreana produttrice numero due al mondo di schede di memoria, ha disposto l'auto-quarantena per circa 800 dipendenti presso il suo quartier generale, l'Incheon Campus, distante appena 70 km da Seul. La misura, ha spiegato la società, è stata presa dopo che il caso sospetto di un neo-assunto entrato in contatto con un contagio accertato di coronavirus a Daegu, la città sudcoreana del sudest dove i casi stanno aumentando con velocità. Al campus di Sk hynix sono impiegate nel complesso 15mila persone.

  • Spallanzani: ad oggi 68 persone sottoposte a test

    Ad oggi presso l’ospedale Spallanzani di Roma sono stati valutati e sottoposti al test per la ricerca del coronavirus 68 pazienti. Di questi 62, risultati negativi al test, sono stati dimessi. Sono i dati dell'ultimo bollettino dello Spallanzani. Sei pazienti sono tutt'ora ricoverati: tre sono i casi confermati di Covid-19 (la coppia di coniugi cinese ed il giovane proveniente dal sito della Cecchignola), tre pazienti rimangono ricoverati per altri motivi.

  • Slitta a domani il rientro degli italiani dal Giappone

    Secondo fonti informate dovrebbe slittare a domani il rientro dal Giappone degli italiani che erano a bordo della nave da crociera Diamond Princess. Il Boeing dell'Aeronautica Militare è già in Giappone in attesa di imbarcare la trentina di connazionali e altri 26-27 cittadini europei ma i test medici sul coronavirus a cui vengono sottoposti i passeggeri sono ancora in corso.

  • Airfrance-KLM: da coronavirus perdite per oltre i 150 mln di euro

    Secondo il gruppo Air France-KLM le perdite dovute alla sospensione dei collegamenti con la Cina, tra febbraio ed aprile, a causa della propagazione del Coronavirus, sono tra i 150 e i 200 milioni di euro. È quanto scrive il gruppo franco-olandese in una nota diffusa nel giorno della presentazione dei risultati annuali 2019 a Parigi.

  • Due nuovi contagi in Giappone non a bordo delle Princess

    Due nuovi casi di coronavirus sono stati resi noti in Giappone portando il totale a 88, esclusi i casi registrati sulla nave Diamond Princess. Si tratta di un quarantenne residente nella città di Sapporo e di un sessantenne residente a Fukuoka. Il totale dei casi accertati nel paese, inclusi quelli della nave da crociera ha superato quota 700.

  • Altri tre casi di contagio registrati in Iran

    Altri tre contagi da coronavirus si registrano in Iran, portando a cinque in totale le persone risultate positive, tra queste due sono decedute ieri. Lo riferisce il responsabile delle relazioni pubbliche presso il ministero iraniano della Sanità, Kianoush Jahanpour. «Sulla base di test positivi, tre persone sono state ricoverate a Qom e Arak. Inoltre due residenti di Qom sono morti ieri a causa del virus», ha detto.

  • Prima vittima del virus in Corea del Sud

    La Corea del Sud ha annunciato oggi il primo morto da coronavirus, nel giorno in cui i contagi accertati hanno superato quota 100. La vittima, riferisce l’agenzia di stampa sudcoreana Yonhap, è un uomo di 63 anni deceduto mercoledì mattina in un ospedale della città di Cheongdo, dove sono state finora accertate 13 nuove infezioni. L'uomo è deceduto all'apparenza di polmonite, ma dalle verifiche successive è invece risultato positivo al Covid-19. Le autorità sanitarie stanno attualmente cercando di determinare le cause esatte del decesso. Come provvedimento immediato, tutti gli altri pazienti del reparto e il personale medico e paramedico sono stati sottoposti ai test da ieri quando due ricoverati nel reparto di psichiatria sono risultati positivi.

  • Iran, scuole chiuse: Paese verso la quarantena

    Scuole e università sono rimaste chiuse a Qom, nel nord-ovest dell’Iran, dove ci sono state le prime due vittime per coronavirus (Covid-19) nella Repubblica islamica. Media locali segnalano la presenza di militari, che avrebbero bloccato alcune strade e isolato l’area intorno a un ospedale, mettendo di fatto in quarantena almeno parte della città.

  • Diamond Princess, il comandante Arma resta a bordo

    «Confermiamo che il comandante Gennaro Arma rimane a bordo della Diamond Princess a Yokohama, al comando della nave, coordinandosi con i funzionari della sanità pubblica per la sicurezza, la salute e il benessere dei passeggeri e dell’equipaggio. Il comandante è in buona salute e sta guidando il suo team in questa situazione straordinaria». Si esprime in questi termini una nota diffusa dall’armatore della nave Princess Cruises ferma nel porto giapponese. Intanto sono due i passeggeri morti per contagio: si tratta di una coppia di ottantenni giapponesi che hanno contratto la malattia sulla nave.

  • Fipe: «I ristoranti cinesi perdono 2 milioni al giorno»

    Gli effetti dell’epidemia da coronavirus sulla ristorazione italiana «sono molto pesanti». Per il presidente di Fipe, la Federazione Italiana Pubblici Esercizi di Confcommercio, Lino Enrico Stoppani: «innanzitutto c'è il crollo dei 5mila ristoranti cinesi in Italia, con 2 milioni al giorno di mancato incasso» e un «venir meno del turismo cinese in Italia. Parliamo di 500mila euro al giorno con effetti gravissimi. Ancora più grave poi è la psicosi che si è creata. Questa situazione di incertezza, ha frenato i consumi fuori casa».

  • Diamond Princess, italiani attesi in giornata

    È iniziato lo sbarco dei passeggeri dalla Diamond Princess a Yokoama, mentre da Roma è partito il volo militare che riporterà a casa 30 italiani, insieme ad altri 27 europei che erano a bordo della nave. L’aereo partito nella notte tra martedì e mercoledì 19 febbraio ha invece portato un gruppo di medici per fare i test sui passeggeri, che saranno imbarcati purché negativi al coronavirus. Resterà a bordo il comandante italiano della nave, con altri 4 connazionali dell’equipaggio. Salgono a 621 i contagi sulla nave e si registrano i primi due decessi, mentre perla prima volta in Cina il numero di guariti supera quello dei nuovi contagi.

  • Cina, i nuovi casi «crollano» a 394

    La Commissione sanitaria nazionale (Nhc) cinese ha reso noto che mercoledì 19 febbraio sono stati rilevati 114 nuovi decessi da coronavirus e 394 contagi aggiuntivi, facendo salire il totale, rispettivamente a 2.118 e 74.576. I nuovi casi sono un drastico calo dai 1.749 di martedì, fino ai minimi da un mese circa. Hubei ha segnalato 349 altri contagi dopo la rimozione di 279 casi risultati negativi ai test dell’acido nucleico. La Cina ha cambiato (protocollo «No. 6 trial») in parte i parametri di prevenzione e controllo, consentendo all'Hubei di rimuovere i «clinicamente diagnosticati».

  • Giappone, morti due passeggeri della Diamond Princess

    Due persone contagiate dal coronavirus a bordo della Diamond Princess, la nave da crociera attraccata a Yokohama, sono decedute: lo riferisce la Tv pubblica nipponica Nhk. Si tratta di una coppia di circa 80 anni. Gli anziani coniugi sono le prime vittime confermate dalle autorità che erano a bordo della nave. I casi accertati di morte in Giappone dovuti al coronavirus salgono dunque a tre, dopo il primo avvenuto giovedì scorso. La nave da crociera, ancorata dal 5 febbraio nella baia di Yokohama, trasportava inizialmente 3.700 passeggeri provenienti da 50 nazioni, inclusi 35 italiani. Le persone contagiate a bordo hanno superato quota 600.

  • Corea del Sud, rilevati altri 31 casi

    La Corea del Sud ha annunciato altri 31 casi di coronavirus, portando il totale delle infezioni nel Paese a quota 82 e facendo aumentare i timori di contagio. Dei 31 nuovi casi, 30 sono a Daegu, a 300 chilometri a sudest di Seul, l’altro è a Seul, secondo una nota del Korea Center for Disease Control and Prevention. Il 31/mo degli 81 noti pazienti è considerato un «super diffusore» dato che si ritiene abbia contagiato almeno altre 15 persone venendo a contatto con altre 166: è una donna molto attiva nella comunità di una parrocchia cristiana di Daegu.

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti