il bilancio della pandemia

Coronavirus, ultimi dati: in Italia altri 192 casi e 7 vittime. Risalgono i malati, tamponi in calo

I casi complessivi di coronavirus in Italia arrivano a quota 241.611, in aumento di 192 unità (+0,08%). Le vittime registrate in un giorno sono 7 (+0,02%), mentre i malati tornano a salire: gli attualmente positivi sono 14.642, con un aumento dello 0,14%

Coronavirus, Conte: non abbassare guardia ma nessun terrore

I casi complessivi di coronavirus in Italia arrivano a quota 241.611, in aumento di 192 unità (+0,08%). Le vittime registrate in un giorno sono 7 (+0,02%), mentre i malati tornano a salire: gli attualmente positivi sono 14.642, con un aumento dello 0,14%


5' di lettura

Sono 241.611 i casi complessivi di coronavirus in Italia alle 17 di domenica 5 luglio, in crescita di 192 unità rispetto al giorno precedente (+0,08%). Nelle ultime 24 ore si sono registrate 7 morti (+0,02%, 6 in Lombardia e 1 in Emilia Romagna) che portano il totale, dall'inizio della pandemia, a quota 34.861. Le guarigioni, invece, sono state in totale 192.108 all'insegna di un incremento dello 0,09% per cento. Al momento, in Italia, si contano 14.642 malati , 21 in più di ieri 4 luglio (+0,14%). I ricoverati con sintomi sono 945 (rispetto ai 940 del 4 luglio) e 74 sono i pazienti in terapia intensiva, 3 in più rispetto al giorno precedente, mentre i malati in isolamento domiciliare sono 13.623 (rispetto ai 13.610 di ieri 4 luglio).
Questo il quadro che emerge dai dati del report quotidiano del ministero della Sanità, elaborati sulla base di 37.462 tamponi effettuati. Nella giornata precedente, invece, i tamponi erano stati 51.011, mentre venerdì se ne registravano 77.096 e giovedì 2 luglio 53.243.
I nuovi casi di contagio sono oggi leggermente inferiori rispetto ai 235 di ieri, ma il rapporto con i tamponi effettuati nelle ultime 24 ore è oggi pari a 0,51% mentre ieri 4 luglio era pari a 0,46 per cento.

In Lombardia, la regione più colpita dal contagio, sulla base di 8.772 tamponi effettuati (ieri erano 10.160), si registrano 65.997 guariti, 2.277 dimessi, per un totale di 68.274 (+73). Stabile il numero di pazienti in terapia intensiva (36), mentre scendono di una unità i pazienti non in terapia intensiva (-1). I decessi sono a quota 16.697, in aumento di 6 unità. I nuovi positivi sono 98 di cui 20 debolmente positivi e 43 a seguito di test sierologici. Il totale dei contagiati arriva così a quota 94.416.

CORONAVIRUS IN ITALIA, LA MAPPA DEL CONTAGIO
Loading...

Focolai nel Mantovano tra macelli e salumifici

Decine di lavoratori di macelli e salumifici di un'area del Mantovano positivi al Coronavirus, anche se per fortuna in gran parte senza sintomi o con forme lievi. Sono questi gli esiti di uno screening a tappeto che va avanti da giorni, dopo che alcuni focolai si sono diffusi, già a partire da fine giugno, in una zona vicino al Po, tra Viadana e Dosolo. Tanto che oggi, secondo i dati forniti dalla Regione Lombardia, la provincia di Mantova ha superato quella di Milano per numero di nuovi contagi: 17 (ieri erano 13) contro i 16 del capoluogo lombardo. Dall'assessore lombardo al Welfare Giulio Gallera arrivano, però, rassicurazioni: «I 'protocolli Anticovid', messi in atto dall'Ats Valpadana in collaborazione con medici di base, medici del lavoro e aziende - ha spiegato - hanno permesso di soffocare 6 focolai prima ancora che si propagassero: 1.500 tamponi eseguiti, 70 persone positive di cui 58 residenti sul territorio lombardo, 54 in provincia di Mantova e 4 in provincia di Cremona». L'ultimo cluster in ordine di tempo, segnalato dall'Ats (Agenzia tutela salute) Valpadana, ha riguardato il salumificio Fratelli Montagnini di Viadana, dove ieri 4 luglio le squadre Usca (Unità speciali di continuità assistenziale) sono intervenute per sottoporre a tampone 26 dipendenti, dopo che uno di loro era stato ricoverato in ospedale con febbre alta. Cinque sono risultati positivi, tra cui 3 lavoratori di una cooperativa. L'Ats ha predisposto la chiusura dell'attività e oggi è stata effettuata la sanificazione. Sono così saliti mano a mano a 68 i lavoratori (non tutti residenti nel Mantovano), in gran parte asintomatici o con pochi sintomi, risultati contagiati in cinque macelli e salumifici tra Viadana e Dosolo, di cui due ricoverati in ospedale in condizioni che non sarebbero gravi.

Veneto: +6 casi da ieri pomeriggio

Sono 6 nuovi casi di contagio da Covid-19 registrati da ieri pomeriggio in Veneto, che raggiunge così il dato di 19.326 infezioni dall'inizio della pandemia. Lo segnala il bollettino della Regione. Le vittime sono ferme a 2.023, tra ospedali e case di riposo). I nuovi casi sono distribuiti in varie province (Venezia, Vicenza Verona e Belluno), sono tutti adulti stranieri e non in casa di riposo.

24 nuovi casi in Emilia Romagna, un morto

Sono 24 i nuovi casi di coronavirus in Emilia-Romagna nel bollettino odierno dalla Regione, con dati aggiornati alle 12, per un totale di 28.637 da inizio epidemia. La curva riscende leggermente dopo che ieri era stato registrato un +51 in 24 ore, casi legati a due focolai noti, nel Bolognese e nel Ravennate. Oggi si conta una nuova vittima che porta il totale dei decessi a 4.268. Dei 24 nuovi casi odierni, 13 persone sono asintomatiche e sono state individuate nell'ambito delle attività di screening regionale e di tracciamento contatti di persone positive. Gli 11 sintomatici sono 5 a Bologna, 4 a Modena, uno a Parma e a Piacenza, tutte situazioni riconducibili a focolai esistenti o a casi già noti. I casi attivi in regione sono 1.029 (8 in meno rispetto a ieri). I pazienti in terapia intensiva sono 9 (uno in più da ieri), quelli ricoverati negli altri reparti Covid sono 88, come ieri.

IL TREND GIORNO PER GIORNO
Loading...

14 positivi oggi nel Lazio, 11 a Roma

«Oggi registriamo un dato di 14 casi positivi e zero decessi. A Roma città si registrano 11 nuovi casi. Dei nuovi casi giornalieri si registrano 6 casi di nazionalità Bangladesh (5 da Roma città e uno da Viterbo) e di questi tre sono di rientro con volo aereo da Dacca». Così l'assessore regionale alla Sanità, Alessio D'Amato. «E' necessario fare i tamponi all'aeroporto e garantire l'isolamento per chi proviene dai Paesi ad alto rischio - sottolinea D'Amato -. Continuiamo ad avere una prevalenza di casi di importazione».

Spallanzani, 84 ricoverati, finora 506 dimessi

Sono ricoverati in questo momento allo Spallanzani di Roma 84 pazienti. Di questi 41 sono positivi al tampone per la ricerca Sars-CoV-2, 43 sottoposti ad indagini. 4 pazienti necessitano di Terapia Intensiva. I pazienti dimessi e trasferiti a domicilio o presso altre strutture territoriali, sono a questa mattina 506. E' quanto emerge dal bollettino di oggi dell'Istituto.

In Puglia zero contagi e nessun decesso

Su 1.637 tamponi processati oggi in Puglia, non ci sono nuovi contagi di coronavirus e nemmeno decessi. Dall'inizio dell'emergenza sono stati effettuati 188.242 test, sono 3.881 i pazienti guariti mentre 110 sono i casi attualmente positivi. Il totale dei casi positivi Covid in Puglia è di 4.536, i pazienti ricoverati negli ospedali sono 20, nessuno in terapia intensiva, quelli in isolamento domiciliare sono 89.

Dove eravamo rimasti

Ieri 4 luglio il numero di contagiati da coronavirus è arrivato a quota 241.419, in crescita di 235 unità rispetto al giorno precedente (+0,10%). Nelle precedenti 24 ore si sono registrate 21 morti (+0,06%) che hanno portato il totale, dall'inizio della pandemia, a quota 34.854. Le guarigioni, invece, sono arrivate ieri a quota 191.944, con un incremento dello 0,25% per cento. Ieri 4 luglio, in Italia, si contavano 14.621 malati, -1,77% rispetto a venerdì. I ricoverati con sintomi sono risultati ieri 940, mentre 71 pazienti erano in terapia intensiva (otto in meno rispetto al giorno precedente). I dati di ieri sono relativi a 51.011 tamponi effettuati.

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti