Attualità

Coronavirus oggi. Primi dati positivi su terza dose e antinfluenzale insieme

Il governo vara le riaperture. Moderna pronta a investire 500 milioni su una fabbrica di vaccino in Africa. Caos marittimi, dal 15 rischio blocco trasporto a causa del green pass. Pfizer chiede ok Fda per vaccino 5-11enni

Coronavirus, bollettino del 6 ottobre 2021
  • Franceschini, «per concerti in stadi e palasport stesso limite degli eventi sportivi»

    “Finalmente tutta la cultura ricomincia a vivere. Dall'11 ottobre cinema teatri e concerti al chiuso e all'aperto tornano al 100% della capienza, ovviamente con mascherina e green pass. Negli stadi e nei palasport per la musica stesse regole dello sport”. A scriverlo su Twitter è il ministro della Cultura Dario Franceschini. I limiti per gli eventi sportivi a cui si riferisce il ministro, attualmente, sono del 75% all’aperto e del 60% al chiuso.

  • Governo allenta limitazioni capienza per cinema, teatri, musei, stadi, discoteche

    Il Consiglio dei ministri, da poco concluso, ha approvato un decreto legge che allenta le limitazioni Covid in termini di capienza per cinema, teatri, musei, stadi, discoteche e altre attivita'. “In zona bianca – spiega il ministro degli Affari regionali, Mariastella Gelmini - ci saranno, dunque, importanti novità. Nel settore degli spettacoli - cinema, teatri, concerti - la capienza sarà al 100%, sia al chiuso che all'aperto. Per gli eventi sportivi sarà possibile riempire gli impianti al 60% al chiuso e al 75% all'aperto. Per le discoteche e per i locali da ballo avremo una capienza del 50% al chiuso e del 75% all'aperto. In tutti questi luoghi sarà possibile accedere con il green pass, vero strumento di libertà che ci sta riportando gradualmente alla normalità”.

  • Fonti governo: allentamento maglie grazie a politiche su green pass

    L’allentamento delle maglie delle strette sugli spazi culturali e la riapertura delle discoteche “è possibile grazie alle politiche adottare sul green pass”. Lo rimarcano all’Adnkronos fonti di governo a Consiglio dei ministri in corso.

  • Primi dati positivi su terza dose vaccino e antinfluenzale insieme

    I risultati preliminari del primo studio descrittivo di co-somministrazione del vaccino quadrivalente ad alto dosaggio di Sanofi Pasteur con la terza dose di vaccino Covid-19 mRNA mostrano che la somministrazione contemporanea dei due vaccini è risultata sicura, ben tollerata e con una adeguata risposta anticorpale pari a ciascun vaccino somministrato singolarmente. È quanto si legge in una nota dell’azienda, che ricorda che «il vaccino antinfluenzale quadrivalente ad alto dosaggio è indicato negli adulti dai 60 anni di età in Italia. Si tratta dell'unico vaccino antinfluenzale - ricorda Sanofi Pasteur - che ha dimostrato una superiore efficacia nella prevenzione della malattia influenzale confermata in laboratorio e la riduzione delle complicanze associate all’influenza, come ricoveri per eventi cardiovascolari e polmonite, per 10 stagioni consecutive in più di 34 milioni di persone».

  • Cdm: verso 100% capienze cinema-teatri, 50% discoteche al chiuso

    Piena capienza per i luoghi di cultura, come cinema e teatri. È questo l’orientamento che emerge a ridosso dell’inizio del Consiglio dei ministri, a quanto si apprende, da diverse fonti governative. Per le discoteche l’asticella dovrebbe essere fissata al 50% al chiuso, 75% all’aperto, per lo sport 60% al chiuso, 75% all’aperto.

    L’articolo completo

  • A Milano e provincia 88 positivi, +45 in città

    Sono 88 i nuovi positivi registrati nella provincia di Milano nelle ultime 24 ore, di cui 45 a Milano città. Lo rende noto Regione Lombardia. Quanto alle altre province, a Bergamo si registrano 19 nuovi casi, a Brescia 56, a Como 27, a Cremona 17, a Lecco 5, a Lodi 6, a Mantova 9, nella provincia di Monza e Brianza 8, a Pavia 23, a Sondrio 4 e a Varese 17.

  • Vertice Draghi-Salvini dopo le tensioni sul fisco. Il leader della Lega: incontro utile

    È terminato dopo circa un’ora il colloquio del leader della Lega Matteo Salvini con il premier Mario Draghi. «Un’ora di confronto con il Presidente Draghi. Incontro molto utile: proposte e soluzioni condivise e impegno a confrontarci sul futuro dell’Italia ogni settimana. I giornali scrivano ciò che vogliono: un rapporto leale, franco e diretto risolve ogni problema e trova soluzioni», scrive su Twitter il leader della Lega Matteo Salvini all’uscita da Palazzo Chigi.

  • In Trentino 31 nuovi contagi, da lunedì terze dosi in Rsa

    In Trentino oggi zero decessi, 31 nuovi contagi da Covid, 21 pazienti in ospedale di cui 4 in rianimazione. «Tra i nuovi contagiati ci sono anche 3 piccolissimi con meno di 3 anni, ed altri 4 bambini fra i 3 ed i 13 anni» fa sapere l’azienda sanitaria provinciale di Trento. Sul fronte della campagna vaccinale le somministrazioni totali sono 753.941, comprese 346.481 seconde dosi e 3.862 terze dosi. Da lunedì inizieranno le terze dosi per gli ospiti delle residenze sanitarie per anziani, in tutto 4.600 persone.

  • Senato Brasile accusa Bolsonaro, «gestione pandemia folle»

    In Brasile, la Commissione parlamentare d’inchiesta (Cpi) sulla pandemia di coronavirus ha definito «folle» e «negazionista» il presidente della Repubblica, Jair Bolsonaro, per la gestione dell’emergenza sanitaria condotta dal suo governo. «È dimostrato che, nella prima fase della pandemia, la strategia del governo era puntare sull’immunità di gregge dal contagio», ha sostenuto la senatrice Simone Tebet.

    La Cpi si appresta a concludere i lavori dopo sei mesi di dibattiti e indagini. Il rapporto finale sarà divulgato il 15 ottobre e si baserà essenzialmente su elementi tecnici e documenti scaturiti dalla violazione dei segreti bancari e telematici degli indagati. Il Brasile è il secondo Paese al mondo per numero assoluto di morti legati al Covid-19. In settimana potrebbe raggiungere quota 600 mila vittime. Il quotidiano O Globo ha anticipato oggi che tra i possibili accusati dalla Cpi ci sono anche due figli del capo dello Stato, il deputato Eduardo Bolsonaro e il consigliere comunale di Rio de Janeiro, Carlos Bolsonaro. Entrambi sono sospettati di aver diffuso fake news sull’epidemia e sui vaccini.

  • Uk, oltre 40mila nuovi casi, record dell’ultimo mese

    Picco di nuovi casi nel Regno Unito, il più alto dal 6 settembre scorso. Sono infatti 40.701 i nuovi contagiati Covid registrati oggi, un incremento del 12% rispetto a una settimana fa. I decessi sono 122, in calo rispetto ai 143 di ieri.

  • In Italia altri 2.938 casi e 41 vittime, tasso di positività all'1%

    In Italia si registrano, il 7 ottobre, altri 2.938 casi e 41 vittime di coronavirus. Effettuati 297mila tamponi, per un tasso di positività che si attesta all'1%.

    L’articolo completo

  • Parlamento Europeo valuta riapertura da novembre con Green pass

    Il Parlamento Europeo sta valutando di tornare all’attività in presenza a partire dal mese prossimo, dietro presentazione del Green pass, o certificato Covid Ue, che varrebbe anche per gli eurodeputati, e non solo per il personale. Lo si apprende da fonti parlamentari. Oggi il presidente David Sassoli ha presieduto da remoto la riunione della Conferenza dei Presidenti. Sassoli, che è stato colpito da una polmonite (negativo al test Covid), ha ringraziato tutti per le manifestazioni di affetto a lui rivolte durante la malattia ed ha spiegato che è ormai in via di guarigione. Una delle questioni discusse oggi è stata quella della introduzione del Certificato Covid-19 per l’ingresso all’Europarlamento, per consentire il ritorno delle attività in presenza: dalla primavera del 2020 i lavori parlamentari si svolgono in forma ibrida, ma da qualche mese l’Aula è tornata a riunirsi in plenaria a Strasburgo, come deve fare ogni mese, un primo segnale dell’auspicato ritorno alla normalità.

  • Piemonte, un decesso e 208 nuovi contagi nelle ultime 24 ore

    Un nuovo decesso di persona positiva al Covid-19 nelle ultime 24 ore è stato comunicato dall'Unità di Crisi della Regione Piemonte. Quest’ultima ha inoltre comunicato 208 nuovi casi di persone risultate positive al Covid-19 (di cui 71 dopo test antigenico), pari allo 0.9% di 23.952 tamponi eseguiti, di cui 17.185 antigenici. Dei 208 nuovi casi, gli asintomatici sono 107 (51,4%). I casi sono così ripartiti: 78 screening, 97 contatti di caso, 33 con indagine in corso. Il totale dei casi positivi diventa quindi 384.177,così suddivisi su base provinciale: 31.578 Alessandria, 18.328 Asti, 12.139 Biella, 55.364 Cuneo, 29.851 Novara, 204.573 Torino, 14.310 Vercelli, 13.713 Verbano-Cusio-Ossola, oltre a 1.583 residenti fuori regione, ma in carico alle strutture sanitarie piemontesi. I restanti 2.738 sono in fase di elaborazione e attribuzione territoriale. I ricoverati in terapia intensiva sono 20 (-1 rispetto a ieri). I ricoverati non in terapia intensiva sono 161 (-5 rispetto a ieri). Le persone in isolamento domiciliare sono 3.179.

  • Argentina approva Sinopharm per i bambini

    L’Argentina ha recentemente approvato l’uso di emergenza del vaccino anti Covid-19 sviluppato dalla compagnia farmaceutica cinese Sinopharm per i pazienti pediatrici di età compresa tra i tre e gli 11 anni. È quanto annunciato la scorsa settimana dal ministro della Salute del Paese, Carla Vizzotti. In Argentina i minori compresi in tale fascia di età sono circa 6 milioni. Inoltre, Vizzotti ha sottolineato che l’Argentina prevede di finire di vaccinare i cittadini di età superiore ai tre anni entro la fine di quest’anno. I funzionari del settore dell’istruzione hanno affermato di aspettarsi che tale mossa aiuti a ripristinare la didattica in presenza nel Paese sudamericano. In Argentina vi sono stati più di 5 milioni di casi di Covid-19 e almeno 115.000 morti.

  • In Emilia Romagna 291 nuovi positivi e due decessi

    Dall'inizio dell'epidemia da coronavirus, in Emilia-Romagna si sono registrati 425.655 casi di positività, 291 in più rispetto a ieri, su un totale di 27.882 tamponi eseguiti nelle ultime 24 ore. La percentuale dei nuovi positivi sul numero di tamponi fatti da ieri è dell'1%. Alle ore 15 sono state somministrate complessivamente 6.552.936 dosi; sul totale, 3.334.978 sono le persone che hanno completato il ciclo vaccinale. Prosegue l'attività di controllo e prevenzione: dei nuovi contagiati, 101 sono asintomatici individuati nell'ambito delle attività di contact tracing e screening regionali.

    Complessivamente, tra i nuovi positivi 124 erano già in isolamento al momento dell'esecuzione del tampone, 164 sono stati individuati all'interno di focolai già noti. L'età media dei nuovi positivi di oggi è 41,5 anni.Sui 101 asintomatici, 75 sono stati individuati grazie all'attività di contact tracing, 5 con lo screening sierologico, 11 attraverso i test per le categorie a rischio introdotti dalla Regione, 5 tramite i test pre-ricovero. Per altri 5 casi è ancora in corso l'indagine epidemiologica.

  • Vaccino: autorità tedesca da l’ok per terza dose a over 70

    La commissione permanente per i vaccini tedesca, Stiko, ha esteso oggi la raccomandazione per una terza dose di vaccino alle persone sopra i 70 anni e a chi ricopre determinate mansioni lavorative. Lo riferisce la Dpa. La terza dose è particolarmente raccomandata a chi lavora nelle case di cura, negli ospedali e in particolare si trova a stretto contatto con il pubblico. In ogni caso la terza dose è consigliata a partire da 6 mesi dal completamento del primo ciclo vaccinale e possibilmente con lo stesso tipo di vaccino, cioè con la stessa tecnologia di base. Se si è usato, per esempio, la prima volta Biontech-Pfizer è meglio restare per la terza dose con un vaccino di tipo mRna. Unica eccezione riguarda il vaccino prodotto da Johnson & Johnson, che secondo la Stiko sarebbe meno efficace a proteggere dalla variante Delta rispetto agli altri. In questo caso la distanza temporale per la terza dose potrebbe essere inferiore rispetto agli altri vaccini.

  • Nelle ultime 24 ore 72 positivi in Friuli Venezia Giulia

    Oggi in Friuli Venezia Giulia su 4.846 tamponi molecolari sono stati rilevati 67 nuovi contagi con una percentuale di positività dell’1,38 per cento. Sono inoltre 5.455 i test rapidi antigenici realizzati, dai quali sono stati rilevati cinque casi (0,09%). Nella giornata odierna non si si registrano decessi; restano 8 le persone ricoverate in terapia intensiva, mentre i pazienti in altri reparti scendono a 34. Lo comunica il vicegovernatore della Regione con delega alla Salute, Riccardo Riccardi. Per quanto riguarda il sistema sanitario regionale, è stata rilevata la positività di un infermiere dell’Azienda sanitaria universitaria Giuliano Isontina. Infine si registrano tre nuovi contagi tra gli ospiti delle residenze per anziani presenti in regione nonché la positività di un operatore all’interno delle strutture stesse.

  • Auto: cancellato Salone Ginevra 2022

    Nuovo stop al Salone dell’auto di Ginevra. Dopo aver annullato questa settimana il ritorno del salone in presenza nel mese di febbraio 2022, la fondazione proprietaria del ’Geneva International Motor Show’ ha deciso di annullare l’evento. Lo riportano diversi media locali, spiegando come la decisione sarebbe stata presa a fine mattinata in seguito a una riunione straordinaria del Consiglio della fondazione, presieduto da Maurice Turrettini.

  • Crisanti: «Terze dosi o in 4 mesi numeri peggiori di Inghilterra»

    «In Italia la situazione Covid è in questo momento positiva. Ci dobbiamo chiedere: perché siamo diversi dall’Inghilterra? Perché ci siamo vaccinati più tardi. Se probabilmente questa è la ragione più plausibile, allora è chiaro che andrà portato avanti un programma sistematico di vaccinazione che preveda anche la terza dose. Altrimenti», con tutte le attività che ripartono, «arriveremmo a una situazione peggiore dell’Inghilterra nel giro di 4 mesi».

    Ribadisce l’importanza di mantenere una costante copertura vaccinale contro Covid il virologo Andrea Crisanti. E quando si allargano le maglie per la ripresa delle varie attività, avverte, «va tenuta presente una cosa: che raggiungere un equilibrio come quello dell’Inghilterra, che ha 30-40mila casi al giorno e 150 decessi quotidiani, socialmente ed eticamente non credo sia una cosa accettabile per lungo tempo». Significa, spiega, «che ogni anno avremmo circa 55mila morti Covid, cioè un numero pari al 9% di tutti i decessi annui di un Paese. E io non penso che sia accettabile avere un carico così elevato. Perché poi alla fine si pongono delle problematiche di questo tipo, etiche e di accettabilità sociale».

  • D’Amato (Lazio): «Oggi 300 casi e 2 decessi»

    «Oggi nel Lazio su 10.038 tamponi molecolari e 12.478 tamponi antigenici per un totale di 22.516 tamponi, si registrano 300 nuovi casi positivi (+55), 2 i decessi (-1), 362 i ricoverati (-5), 53 le terapie intensive (-3) e 120 i guariti. Il rapporto tra positivi e tamponi è all'1,3%. I casi a Roma città sono a quota 145. Cala l’incidenza di 6 punti rispetto alla settimana precedente, attestandosi a 34.65 su 100mila abitanti». Lo sottolinea l’assessore alla Sanità della Regione Lazio. Alessio D’Amato.

  • Catalogna, riaprono le discoteche con il green pass

    Discoteche ed altri locali notturni della Catalogna potranno riaprire a partire da stanotte, dopo che il Tribunale regionale di questo territorio della Catalogna ha dato l’autorizzazione all’introduzione dell’obbligo di presentare il green pass Covid per potervi accedere. Lo si apprende da comunicati stampa ufficiali del governo catalano e dell’organo di controllo della giustizia spagnola. La capienza massima dei locali sarà del 70% sia all’aperto sia al chiuso. Dentro, sarà obbligatorio indossare la mascherina.

  • In Valle d’Aosta 11 nuovi casi e nessun decesso

    Sono 11 i nuovi casi di contagio registrati in Valle d’Aosta nelle ultime 24 ore. È quanto emerge dal bollettino della Regione Valle d’Aosta. Non si registrano decessi. Sono 110 gli attuali casi positivi in regione di cui 2 ricoverati nell’ospedale Parini, 108 in isolamento domiciliare

  • In Sardegna 4 morti nelle ultime 24 ore

    Sono quattro i morti per coronavirus in Sardegna nelle ultime 24 ore: un uomo e una donna di 72 e 89 anni residenti nella Città Metropolitana di Cagliari e due uomini di 63 e 86 anni residenti nella Provincia del Sud Sardegna. I casi di positività in più sono 52, sulla base di 2258 persone testate e 5.425 tamponi processati, fra molecolari e antigenici. I pazienti ricoverati nei reparti di terapia intensiva sono 15 (1 in meno rispetto a ieri), 100 in area medica (7 in meno rispetto a ieri). In isolamento domiciliare ci sono 1.709 persone (24 in meno rispetto a ieri).

  • Cdm alle 18 su capienze spazi cultura, sport e riaperture discoteche

    Il Consiglio dei ministri è stato convocato per questo pomeriggio alle 18. La convocazione, appena giunta ai ministri, non reca ancora l’ordine del giorno, ma sul tavolo dovrebbe esserci il provvedimento per ampliare le capienze dei luoghi di cultura e spettacolo -in primis teatri e cinema- impianti sportivi e discoteche.

  • Da Ema ok a sito produzione Janssen in Pennsylvania

    Il comitato per i medicinali a uso umano (Chmp) dell’Ema ha approvato un ulteriore sito per la produzione del vaccino Covid-19 Janssen. Il sito, situato a West Point, in Pennsylvania, negli Stati Uniti, e gestito da Merck Sharp & Dohme Corp, produrrà il prodotto finito. Il sito dovrebbe supportare la fornitura continua di vaccino nell’Unione Europea. Questa raccomandazione non richiede una decisione della Commissione Europea e quindi il sito può diventare operativo immediatamente. Lo comunica l’Ema in una nota.

  • Pfizer chiede autorizzazione Fda per uso vaccino tra 5 e 11 anni

    Pfizer ha annunciato di aver formalmente presentato la richiesta alla Fda, l’autorità statunitense sui farmaci, per l’autorizzazione per l’uso d’emergenza del vaccino sviluppato con BioNTech contro il coronavirus per i bambini tra i 5 e gli 11 anni. Il processo per l’autorizzazione dovrebbe durare alcune settimane. Pfizer e BioNTech hanno condotto gli studi clinici su più di 2.000 bambini tra i 5 e gli 11 anni; il vaccino è stato ben tollerato dai bambini e la risposta immunitaria è stata «robusta», «comparabile> con quella osservata nei ragazzi tra i 16 e i 25 anni. Il dosaggio è stato adattato da 30 a 10 microgrammi per iniezione. Al momento, il vaccino di Pfizer è stato completamente autorizzato per i maggiori di 16 anni ed è stato autorizzato per l’uso di emergenza per i ragazzi tra i 12 e i 15 anni. Il titolo di Pfizer guadagna lo 0,67% nel premercato, quello di BioNTech l’1,64%.

  • Bonomi, dopo 20 mesi guardiamo a futuro con maggiore ottimismo

    «Dopo venti mesi di una situazione di terribile emergenza sociale ed economica possiamo guardare al futuro con maggiore ottimismo. Questo è stato reso possibile grazie a una collaborazione rapida ed efficace mai vista prima d'ora, tra l'industria, i centri di ricerca, gli stati e le istituzioni internazionali nell'avviare sperimentazioni cliniche e autorizzazioni mediche». Coì il presidente di Confindustria Carlo Bonomi, intervenendo al B20 final summit.

  • Bonomi, non possiamo aspettare che pandemia sia alle spalle

    «Auspichiamo che nulla di altrettanto sconvolgente e traumatico si ripeta, tuttavia il mondo non può permettersi il lusso di attendere che la pandemia sia alle nostre spalle per iniziare a formulare programmi per il futuro. Dobbiamo ideare un nuovo ordine economico globale che faccia della sostenibilità la sua priorità e dobbiamo farlo ora». Così il presidente di Confindustria Carlo Bonomi aprendo il B20 final summit.

  • In Toscana 228 nuovi positivi, età media 44 anni, 5 decessi

    In Toscana sono 228 i nuovi casi Covid (225 confermati con tampone molecolare e 3 da test rapido antigenico), che portano il totale a 283.746 dall’inizio dell’emergenza sanitaria da coronavirus. I nuovi casi sono lo 0,1% in più rispetto al totale del giorno precedente. I guariti crescono dello 0,1% e raggiungono quota 270.493 (95,3% dei casi totali). Oggi sono stati eseguiti 8.343 tamponi molecolari e 9.996 tamponi antigenici rapidi, di questi l’1,2% è risultato positivo. Sono invece 6.790 i soggetti testati oggi (con tampone antigenico e/o molecolare, escludendo i tamponi di controllo), di cui il 3,4% è risultato positivo. Gli attualmente positivi sono oggi 6.056, -1,8% rispetto a ieri. I ricoverati sono 255 (8 in meno rispetto a ieri), di cui 28 in terapia intensiva (4 in meno). Oggi si registrano 5 nuovi decessi: 3 uomini e 2 donne con un’età media di 75,4 anni (2 a Firenze, 1 a Lucca, 1 a Pisa, 1 a Grosseto). Questi i dati - accertati alle ore 12 di oggi sulla base delle richieste della Protezione Civile Nazionale - relativi all’andamento dell’epidemia in regione. L’età media dei 228 nuovi positivi odierni è di 44 anni circa (24% ha meno di 20 anni, 18% tra 20 e 39 anni, 29% tra 40 e 59 anni, 21% tra 60 e 79 anni, 8% ha 80 anni o più).

  • Spahn, in Germania vaccinati 5% in più del previsto

    “La campagna vaccinale tedesca ha avuto più successo di quel che si è finora pensato: secondo il Robert Koch Institut si può contare sul fatto che i vaccinati sono fino al 5% in più di quanto creduto fino ad oggi”. Lo ha detto il ministro della Salute tedesco Jens Spahn in una dichiarazione a Berlino. In Germania l’84% ha una completa copertura vaccinale anti Covid, e l’80% ha ricevuto la prima dose. “Con queste percentuali affrontiamo con più tranquillità l’inverno, e se non verranno fuori altre varianti resistenti al vaccino, potremo evitare nuove misure restrittive”, ha aggiunto.

  • Vaia: “Monoclonali seconda generazione distruggono variante Delta”

    “Gli anticorpi monoclonali di seconda generazione sono molti forti contro la variante Delta, la distruggono”. Così il direttore dell’Inmi Spallanzani di Roma, Francesco Vaia, ospite di ’Elisir’ su RaiTre, parlando della sperimentazione in corso allo Spallanzani sugli anticorpi monoclonali di seconda generazione. “Saranno destinati in via terapeutica alla persone con Covid nei primi giorni di malattia, nei soggetti sani che però hanno avuto problemi di immunità vaccinale o di pazienti oncologici che non hanno sviluppato anticorpi”, ricorda.

    “Saranno in futuro una strategia preventiva e questa è la vera rivoluzione”, ha aggiunto Vaia, che ha ricordato come questa seconda generazione di anticorpi monoclonali “si potrà usare anche a casa perché, al contrario della prima generazione, possono essere somministrati per via intramuscolo”.

  • Bianchi (Istruzione): verso indicazione nazionale su quarantene a scuola

    Sulla gestione delle quarantene nella scuola, per i casi di coronavirus , l’indicazione cui il ministero dell’Istruzione vuole attenersi è di “andare verso un’omogeneizzazione dei comportamenti”. Lo ha sottolineato lo stesso ministro Patrizio Bianchi, durante la conferenza stampa a Palazzo Chigi al termine della Cabina di Regia sul Pnrr. “Sulla gestione delle quarantene, da tempo abbiamo un tavolo comune con il ministro della Salute, con l’Istituto superiore di sanità, con il Cts e con il ministro degli Affari regionali”, ha ricordato Bianchi.”La prima indicazione che è stata data da questo tavolo è andare verso un’omogeneizzazione dei comportamenti. Oggi sono sostanzialmente le Asl che individuano le modalità, noi dobbiamo andare assolutamente verso un’indicazione nazionale. In modo che non ci siano discrepanze”.

  • Regioni: Aumentare all’80% la capienza delle funivie

    Sì al green pass per l’ingresso agli impianti di risalita ma aumento della capienza all’80% per funivie e cabinovie, e via al limite degli skipass giornalieri nelle zone bianche e gialle. Sono gli elementi principali della bozza elaborata dalla Conferenza delle Regioni per lo sci ’congelata’ in attesa delle decisioni del Cdm. Lo ha riferito ai giornalisti l’assessore alla sanità del Veneto, Manuela Lanzarin. “Con il presidente Fedriga - ha sottolineato - abbiamo concordato di attendere i contenuti del nuovo decreto del Governo per poi eventualmente procedere con l’iter”.

  • Finlandia sospende Moderna per maschi sotto 30 anni

    La Finlandia ha annunciato che sospenderà la somministrazione del vaccino anti- Covid-19 Moderna alla popolazione maschile sotto i 30 anni di età a causa di un possibile raro effetto collaterale cardiovascolare. L’annuncio, riporta il Guardian, è stato dato dall’Istituto per la salute e il benessere e segue simili decisioni rese note ieri dalle autorità sanitarie di Svezia e Danimarca.
    “Una ricerca nordica che ha coinvolto Finlandia, Svezia, Norvegia e Danimarca ha indicato che gli uomini sotto i 30 anni di età che hanno ricevuto (il vaccino) Moderna Spikevax hanno un rischio leggermente più elevato rispetto ad altri di sviluppare la miocardite”, ha spiegato il direttore dell’Istituto, Mika Salminen. La Finlandia, ha aggiunto, somministrerà in via precauzionale il vaccino di Pfizer alle persone in questa fascia di età.

  • Boccardi (Assowedding): Per 2022-2023 impennata prenotazioni

    “Per l’anno 2022-2023, da un paio di mesi a questa parte, si è registrata un’impennata di prenotazioni grazie alla conferma dei vaccini, alla stabilizzazione della curva epidemiologica e ai risultati che stiamo avendo con l’utilizzo del Green pass. Siamo ritornati intorno al 100%. La gente si sente più sicura e quindi torna a prenotare”. Lo ha detto Michele Boccardi, presidente di Assowedding & Luxury, l’associazione di Confindustria delle imprese del comparto, precisando che gli eventi che si sono tenuti quest’anno “sono stati una combinazione tra quelli rimandati dal 2020 e quelli già fissati per il 2021”.

  • Umbria e Puglia in verde nelle mappe Ecdc

    Umbria, Puglia e Provincia di Trento si aggiungono alle Regioni italiane colorate in verde nelle mappe aggiornate del Centro europeo per la prevenzione e il controllo delle malattie (Ecdc) sull’incidenza dei contagi da Covid-19 in Italia e in Europa. La Calabria migliora e torna in giallo dal rosso scuro della scorsa settimana, mentre la Basilicata è l’unica Regione italiana in rosso. In Europa le aree che attualmente risultano ad alta incidenza di contagi rispetto alla popolazione, in rosso scuro sulla mappa, sono le Repubbliche Baltiche, la Slovenia e le Regioni occidentali della Romania.

  • Speranza (Salute): 85,7 milioni di dosi somministrate in Italia

    “Oggi siamo a 85 milioni e 700 mila dosi di vaccino anti Covid-19 somministrate nel nostro Paese. E voglio ringraziare le donne e gli uomini del nostro sistema sanitario che hanno reso questo possibile. Un’impresa incredibile. La vera impresa che sta salvando l’Italia. Dobbiamo ridirlo con tutte le energie che abbiamo: i vaccini sono lo strumento fondamentale per chiudere questa stagione drammatica e aprirne un’altra”. Così il ministro della Salute, Roberto Speranza, a margine al Congresso nazionale della Federazione italiana medici di famiglia (Fimmg), in corso a Villasimius (Ca).
    Speranza ha sottolineato che “siamo in una fase molto diversa rispetto ai primi mesi. Perché siamo in un tempo radicalmente nuovo anche per la sfida del Covid, questo grazie alla scienza che ci ha offerto meravigliosi in un tempo breve che ci hanno permesso di gestire, mese dopo mese, meglio questa sfida. Se guardo ai numeri delle vaccinazioni del nostro Paese, vedo numeri straordinari. Se ce lo avessero raccontato un anno fa non ci avremmo creduto.
    A ottobre dello scorso anno annunciavamo, proprio dal vostro congresso, con critiche persino, che da lì a qualche mese avremmo avuto le prime dosi. Poi il 27 dicembre è stato il D day che ci ha consentito di ripartire”, ha ricordato Speranza. Ora, però “arriva la parte difficile: l’85% delle persone ha già fatto la prima dose, e siamo a qualche millimetro dall’80% di quanti hanno completato il ciclo vaccinale. La parte che resta, che non è piccola, ma importante. E ogni persona che portiamo alla vaccinazione ci consentirà di gestire meglio i prossimi mesi e renderà più forte il nostro scudo. Dentro questa fase difficilissima voi medici di famiglia siete gli interlocutori fondamentali”, ha concluso.

  • La Sicilia torna zona «bianca» da sabato 9 ottobre

    La Sicilia torna in zona “bianca”, il rientro sarà a partire da sabato prossimo quindi con 2 giorni in anticipo. Lo ha annunciato l’assessore regionale alla Salute, Ruggero Razza, presentando in conferenza stampa il nuovo bollettino settimanale sull’andamento della pandemia nell’Isola.

  • Afeyan (Moderna): 500 milioni di dosi destinati all’Africa

    “Possiamo immaginare un mondo nuovo, perché abbiamo vissuto in un mondo ignoto”. Noubar Afeyan, presidente della società di biotecnologie Moderna (Libano) e co-fondatore del premio Aurora, intervenendo all’incontro internazionale di Sant’Egidio “Popoli fratelli, terra futura”, ha interpretato l’espressione “fede” come indispensabile per “lanciarsi verso il futuro”. Quando all’inizio dello scorso anno è incominciata l’ epidemia , “lanciarsi in avanti è stata questione di vita o di morte”, con la fiducia che la tecnologia Rna “avrebbe salvato tantissime vite”.
    Moderna intende passare da meno di un miliardo di dosi di vaccino nel 2021 a 3 miliardi entro il 2022 e costruire un impianto in Africa per produrvi 500 milioni di dosi. Facendo riferimento alla propria storia familiare, Afeyan ha richiamato la creatività dei sopravvissuti alle tragedie della storia, dei migranti che hanno cercato nuovi modi per salvare gli altri.

  • Caos marittimi, dal 15 rischio blocco trasporto a causa del green pass

    “Se non si risolvono alcune criticità legate al green pass al 15 ottobre il trasporto nel Paese rischia la paralisi”. A lanciare l’allarme sul nodo della certificazione verde per i marittimi, ma non solo, è il vicepresidente di Conftrasporto Gian Enzo Duci, a margine del convegno Next generation shipping, nell’ambito della Genoa shipping week.
    Si rischia una tempesta perfetta sul trasporto marittimo e terrestre, considerando che il problema tocca anche gli autisti dei tir, spesso stranieri, che oltretutto scarseggiano: “Quando è stato introdotto il Green pass sul posto di lavoro il mondo dei trasporti non è stato al centro dell’attenzione del legislatore - spiega Duci -. A bordo delle navi di bandiera italiana ci troviamo con situazioni diverse da quelle di un posto di lavoro a terra. Abbiamo equipaggi multinazionali, molti provenienti da Paesi che hanno vaccinato le persone con vaccini riconosciuti dall’Oms ma non dall’Ema e quindi non in condizioni di generare il Green pass. L’armatore italiano o l’amministrazione italiana non possono somministrare un vaccino perché queste persone sono già vaccinate.
    Questo crea potenzialmente una situazione molto complessa, perché se il sistema dei tamponi può in parte ovviare, non è ancora chiaro come dovranno essere considerate le navi: se sono una ’bolla’, se l’accesso ai posti di lavoro è da intendersi quando il marittimo imbarca o tutte le volte che scende a terra”.
    “Speriamo che da qui al 15 le complessità siano risolte - conclude Duci - perché altrimenti il tema trasporti rischia di paralizzare il Paese con una tempesta perfetta. Infatti abbiamo problemi simili nell’autotrasporto con una percentuale rilevante di autisti che si muovono sul territorio e sono stranieri, magari anche loro con un vaccino non riconosciuto dall’Ema e anche il sistema ferroviario ha problemi, per personale non vaccinato. Il rischio è trovarci in una situazione simile a quella dell’Inghilterra con gli scaffali dei supermercati vuoti o le pompe di benzina che non hanno carburante”.

  • In Russia altri 924 morti, dato vicino a massimo storico

    Continua a correre il contagio di Covid-19 in Russia, dove nelle ultime 24 è stato confermato un numero di morti vicino al massimo storico registrato ieri. Sono infatti 924 le persone che hanno perso la vita per complicanze seguite al contagio nell’ultima giornata, contro i 929 decessi registrati ieri. Sono invece 27.550 i casi di coronavirus confermati dalla task force incaricata di monitorare l’andamento della pandemia in Russia.
    Il bilancio dei contagi confermati sale così a 7.690.110, mentre sono 213.549 i pazienti Covid-19 morti nel Paese. A essere maggiormente colpita è Mosca, sia per il numero dei casi confermati, 5.404 nelle ultime 24 ore, sia per i 69 decessi, come riporta l’agenzia di stampa Sputnik. Segue San Pietroburgo, con 2.418 casi e 60 morti.

  • L’Oms invierà forniture mediche anti-Covid in Nord Corea

    L’Organizzazione mondiale della sanità (Oms) sta lavorando per inviare forniture mediche per il Covid-19 alla Corea del Nord, un possibile segnale dell’allentamento di uno dei Paesi più rigidi a livello di chiusure per la pandemia. L’Oms ha detto in un rapporto di monitoraggio settimanale che sta iniziando a spedire forniture mediche essenziali anti coronavirus, attraverso il porto cinese di Dalian, nel Liaoning, per “accumulare riserve strategiche e ulteriori invii” alla Corea del Nord.
    Le autorità dell’Oms non hanno rilasciato ulteriori dettagli, ad esempio su cosa fossero queste ’forniture’ e se avessero già raggiunto la Corea del Nord. Pyongyang ha chiuso le sue frontiere da oltre due anni, descrivendo la campagna contro la pandemia come una questione di “esistenza nazionale”, tanto che esponenti dei diritti umani delle Nazioni Unite avevano chiesto, lo scorso agosto, chiarimenti, dopo aver ricevuto le prove del fatto che il governo nordcoreano avesse ordinato alle truppe di sparare a chiunque oltrepassasse le sue frontiere per violazione delle chiusure anti-Covid-19.
    Sebbene la Corea del Nord registri casi zero di Covid-19, gli esperti dubitano che il Paese sia stato risparmiato dal virus.

  • Fto (Turismo): Corridoi insufficienti il 26 ottobre si riapra tutto in sicurezza

    I corridoi turistici vanno bene, ma sono un palliativo e non possono bastarci. D'accordo la sperimentazione in corso, ma per il 26 ottobre ci attendiamo riaperture generalizzate che devono essere l'ovvia contropartita a vaccini, tamponi, green pass e ai rigidi protocolli di sicurezza che sono stati messi a punto e di cui noi garantiremo ovviamente l'applicazione”. Lo dice in una nota Franco Gattinoni, presidente della Federazione turismo organizzato (Fto), sigla di Confcommercio che riunisce circa 1600 tra tour operator e agenzie di viaggi.
    “Si potevano aprire anche altre destinazioni in piena tranquillità: gli italiani oggi continuano a non poter andare in tanti posti che si stanno invece ripopolando di spagnoli, tedeschi o francesi. Gli altri Paesi europei, infatti, hanno preferito gli strumenti della raccomandazione e dell'informazione laddove da noi vigono i divieti tout court. Divieti che a questo punto - prosegue Gattinoni - sembrano sempre più assurdi”.
    Il presidente di Fto infine conclude: “Il settore del turismo organizzato è praticamente fermo da quasi due anni, c'è da ristorare ancora la seconda metà del 2020 e tutto il 2021 e servirà ulteriore cassa integrazione per diversi mesi. Dobbiamo subito passare dalle parole ai fatti e il 26 ottobre è la data giusta per dimostrare che si vogliono davvero salvare le aziende turistiche italiane”.

  • Draghi: Covid sotto controllo ma numero morti inaccettabile

    “La pandemia è finalmente sotto controllo in molte parti del mondo grazie a campagne di vaccinazione efficaci. Ma il Covid-19 continua a colpire duramente molti Paesi. A fine settembre, si contavano più di 50.000 morti al giorno, nonostante l’enorme aumento della produzione di vaccini. Un numero così alto di morti è semplicemente inaccettabile”. Così il premier Mario Draghi alla 7ª Conferenza dei Presidenti dei Parlamenti dei Paesi del G20.

  • Sileri (Salute): Bene avere Molnupiravir ma non è stessa cosa del vaccino

    “Avere a disposizione un farmaco che, almeno nel gruppo di persone in cui è stato utilizzato, ha portato a zero mortalità e alla riduzione del 50% dei ricoveri è un'ottima notizia. È un'ulteriore arma per combattere il coronavirus e io penso che usciranno anche altri farmaci. Però attenzione, non è la stessa cosa del vaccino, perché ridurre del 50% i ricoveri significa che per il 50% rischi di essere ricoverato e soprattutto è meglio non prenderselo il virus. Preveniamo con la vaccinazione, se poi disgraziatamente ci prendiamo comunque il virus nella forma grave, anche se è rarissimo, allora ci cureremo con i farmaci”. Lo ha detto - in merito al farmaco Molnupiravir - Pierpaolo Sileri, sottosegretario alla Salute, parlando ai microfoni della trasmissione “L'Italia s'è desta” su Radio Cusano Campus.

  • Speranza (Salute): Vaccini chiave per chiudere questa stagione

    “Da ogni angolo del mondo arriva un messaggio chiaro: i vaccini sono la chiave per chiudere questa stagione, l’arma che ci permette di aprire una stagione diversa”. Lo ha dichiarato il ministro della Salute Roberto Speranza a margine del 78/o Congresso nazionale dei medici di famiglia aderenti a Fimmg in corso a Villasimius. “Ora - ha aggiunto - ci confronteremo in Consiglio dei ministri sulla possibilità di nuove aperture”.

  • In Francia dal 15 ottobre tamponi non più gratuiti

    Dal 15 ottobre, i tamponi molecolari e antigenici diventeranno a pagamento in Francia, mettendo fine alla gratuità che ha finora contraddistinto la politica dei test anti- Covid-19 del Paese. Resteranno gratuiti per tutti gli studenti fino alla fine del liceo e per chi è vaccinato e in possesso del pass sanitario, il green pass francese, oltre che per chi ha una prescrizione medica. Secondo quanto trapelato, il tampone molecolare costerà, fra una settimana, 44 euro, mentre l’antigenico che si può fare anche in farmacia, 22 euro.
    Con questo provvedimento, il governo punta ad aumentare ulteriormente la copertura vaccinale e a convincere gli ultimi reticenti: “la Sécurité sociale - ha spiegato ai microfoni di France Info Luc Duquesnel, presidente dei medici di base alla Confederazione dei sindacati medici francesi - non può continuare a spendere un miliardo di euro ogni mese per fare dei tamponi a persone che rifiutano di vaccinarsi”.

  • Costa (Salute): Preoccupazione per green pass obbligatorio dal 15 ottobre

    Il 15 ottobre scatterà l’obbligo del green pass per lavorare, “c’è un po’ di preoccupazione nel momento in cui una misura come quella del green pass viene estesa in maniera massiccia. È chiaro che nei primi giorni potrebbero esserci anche delle problematiche ma credo che gli italiani abbiano ben compreso l’importanza dello strumento e abbiamo fiducia”. Lo ha affermato il sottosegretario alla Salute Andrea Costa ospite di ’Radio anch’io’ su Rai Radio 1.

  • Germania: produzione industriale -4% ad agosto, +1,7% su anno

    La produzione industriale tedesca scende ad agosto 2021 del -4,0% rispetto al mese precedente, mentre sale dell’1,7% rispetto a 1 anno fa. Nel mese di agosto 2021 la produzione nell’industria è diminuita del 4,0% rispetto al mese precedente su base di prezzi, destagionalizzata e corretta secondo i dati provvisori dell’Ufficio federale di statistica Destatis. Rispetto ad agosto 2020, l’aumento della produzione nell’industria corretta per il calendario è stato dell’1,7%. Rispetto al febbraio 2020, il mese prima dell’imposizione di restrizioni a causa della pandemia di Covid-19 in Germania, la produzione nell’agosto 2021 è stata inferiore del 9,0% in termini destagionalizzati e corretti per il calendario.

  • Francia: ad agosto deficit bilancia commerciale sale a 7 miliardi

    Ad agosto, la Francia ha visto il suo deficit commerciale ampliarsi a 7 miliardi di euro dai 6,6 miliardi di luglio. Lo ha reso noto l’Ufficio delle dogane francese. In media nel 2019, prima dell’inizio del Covid-19 , il deficit era di 4,9 miliardi di euro mentre durante il periodo Covid, nel 2020, era di circa 7,3 miliardi di euro.
    Le esportazioni hanno raggiunto i 41,6 miliardi di euro. Le importazioni sono aumentate a 48,6 miliardi di euro da 48,2 miliardi, superando i livelli di agosto 2019, e riflettendo il forte aumento dei prezzi all’importazione delle materie prime materiali e prodotti industriali osservati dall’inizio dell’anno.

  • In Spagna 265.000 persone già con la terza dose

    Sono poco più di 265.000 le persone a cui è stata somministrata una terza dose di vaccino anti- Covid-19 in Spagna: lo si apprende dall’ultimo aggiornamento del Ministero della Sanità. Nel Paese iberico, la somministrazione di una dose aggiuntiva del vaccino è già partita per alcune categorie di persone considerate fragili, come le immunodepresse, le recettrici di trapianti o gli anziani ospiti in case di riposo. Ieri, la commissione tecnica responsabile dei vaccini ha autorizzato la terza dose per la popolazione generale over 70: l’inizio della nuova campagna per queste persone è prevista a partire da fine ottobre.
    Intanto, l’87,4% della popolazione vaccinabile (dai 12 anni in su) — il 77,6% della popolazione totale — ha già completato il ciclo di vaccinazione iniziale. Sul fronte contagi, la tendenza rimane discendente, secondo gli ultimi dati del Ministero della Sanità.
    L’incidenza su 14 giorni è di 50,9 ogni 100.000 abitanti, ai minimi da fine luglio 2020. Negli ultimi giorni, tuttavia, si è registrato un rallentamento della curva calante. Nel Paese sono stati registrato ufficialmente quasi 5 milioni di contagi e 86.678 morti da inizio pandemia.

  • Costa (Salute): Per capienza discoteche mi auguro si possa arrivare al 50%

    Per il settore delle discoteche “finalmente arriva un segnale di riapertura e ripartenza, al momento al 35%” della capienza “ma oggi ci sarà la decisione definitiva” in Cdm “e in queste ora ci sia ancora la possibilità di arrivare al 50% è il mio augurio e la mia opinione”. Lo ha detto il sottosegretario alla Salute Andrea Costa ospite di ’Radio anch’io’ su Rai Radio 1.

  • Moderna investirà fino a 500 milioni di dollari su una fabbrica di vaccino in Africa

    La casa farmaceutica americana Moderna ha comunicato che spenderà fino a 500 milioni di dollari per costruire una fabbrica per i suoi vaccini a Rna messaggero in Africa che potrebbe produrre mezzo miliardo di dosi all’anno. In una dichiarazione ufficiale, la multinazionale ha detto che la nuova fabbrica produrrà il celebre preparato contro il Covid-19 ma anche vaccini per altre malattie con tanto di processo di riempimento delle fiale. Moderna inizierà presto a lavorare sull’individuazione del sito, secondo quanto recita il comunicato.

    Una manifestazione del movimento «Vaccinate our world» per la vaccinazione dei Paesi poveri a New Brunswick, New Jersey (Ap)

  • Brasile, 17.893 casi e 530 morti

    Il Brasile ha registrato nella giornata di mercoledì 6 ottobre 17.893 nuovi casi di coronavirus e 530 ulteriori morti per Covid-19, secondo i dati rilasciati dal ministero della Salute. In totale, dall’inizio della pandemia, i decessi registrati nel Paese sudamericano hanno raggiunto quota 599.359.

    Sao Paulo, Brasile: il memoriale delle persone morte di Covid (Reuters)

  • Australia, da lunedì la revoca del lockdown nel New South Wales

    Il governo dello stato australiano del New South Wales ha dato il via libera alla revoca progressiva delle restrizioni da lockdown - per coloro che abbiano completato il percorso di vaccinazione - adottate a giugno di fronte al propagarsi del virus da Covid-19. La decisione, in vigore dalla prossima settimana, è stata resa possibile dopo che lo stato australiano ha oltrepassato la soglia del 70% della popolazione residente doppiamente vaccinata. Da lunedì gli abitanti di Sydney completamente immunizzati potranno riunirsi all’esterno in gruppi composti anche da 30 persone e potranno ricevere anche dieci persone in casa.

    Australia, un pescatore del porto di Sydney (Reuters)

  • In Germania altri 11.644 casi e 68 morti

    Nelle ultime 24 ore in Germania si registrano altri 11.644 casi di Covid-19 e 68 morti legate al coronavirus. A livello complessivo, dall’inizio della pandemia a questa parte, i contagi risultano 4.283.378 mentre i decessi toccano quota 94.027. Lo rivelano i dati del Robert Koch Institute aggiornati a giovedì 7 ottobre.

    Berlino, il ministro della Salute Jens Spahn si vaccina contro l’influenza (Ap)

  • India, 22.431 nuovi casi e 318 morti

    Sono 22.431 i nuovi casi di coronavirus registrati in India nelle ultime 24 ore, mentre si contano 318 morti. Dall’inizio della pandemia nel subcontinente himalayano i contagi risultano 33.89 milioni a fronte di 449.856 decessi.

    India, la campagna vaccinale decolla
  • Al via a Rieti la vaccinazione congiunta Covid e anti influenzale

    Dopo la circolare emanata dal ministero della Salute, la Asl di Rieti, a partire da giovedì 7 ottobre 2021, inizierà la somministrazione contemporanea del vaccino antinfluenzale e della dose aggiuntiva del vaccino anti-Covid19. Il Lazio, come annunciato, è dunque la prima Regione a praticare la co-vaccinazione.

    (Epa)

  • In giornata in Cdm il Decreto capienze

    Arriva in Consiglio dei ministri il provvedimento sull’allargamento delle capienze per teatri, cinema, musei, stadi e discoteche anche se su quest’ultimo punto, dopo il via libera del Comitato tecnico scientifico a una capienza massima del 35%, non c’è ancora accordo tra le forze di maggioranza, con Matteo Salvini che parla di «presa in giro» e le associazioni di categoria pronte a scendere in piazza.

    Le discoteche dividono la maggioranza (Epa)

    Il «pacchetto» di misure che entra in Cdm, valido solo per le attività in zona bianca, è quello delineato nelle ultime riunioni degli esperti e ha come principio di fondo quello della gradualità delle riaperture, ribadito più volte dal presidente del Consiglio Mario Draghi. Per quanto riguarda gli eventi sportivi, il Cts ha suggerito all’esecutivo di procedere a un allargamento della capienza fino a un massimo del 75% per gli stadi all’aperto e fino ad un massimo del 50% per gli impianti al chiuso.

  • In Italia 3.235 casi e 39 morti

    I dati del ministero della Salute del 6 ottobre registrano in Italia altri 3.235 casi (in aumento rispetto ai 2.466 di martedì) e 39 vittime da Covid-19 (il giorno precedente erano state 50). Nelle ultime 24 ore sono stati effettuati 301.773 tamponi (martedì 322.282), con un tasso di positività che si attesta quindi all’1,07%, in aumento rispetto allo 0,77% del giorno precedente. In terapia intensiva sono ricoverati 415 pazienti (18 meno di martedì) con 24 ingressi del giorno (il 5 ottobre erano 18).

    I DATI DEL CONTAGIO
    Loading...

    I ricoverati con sintomi sono 2.872, 96, meno di martedì, mentre il totale delle persone in isolamento domiciliare sono 84.960, ossia 1.938 meno del giorno precedente. Il totale degli attualmente positivi è di 88.247, cioè 2.052 meno di martedì. Le persone dimesse/guarite nella giornata sono state 5.245 (totale dall’inizio della pandemia 4.469.937), mentre nel giorno precedente erano state 4.210. I casi totali di contagi sono a oggi 4.689.341.

    PER APPROFONDIRE:
    La mappa dei contagi
    Vaccini in tempo reale
    Vaccini nel mondo

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti