Attualità

Coronavirus oggi. Mise: per discoteche, palestre, cinema e teatri 140 milioni di contributi speciali

L’Italia propone al G20 l’istituzione di un comitato finanza-salute contro le pandemie. Fda entro ottobre deciderà su terza dose e vaccino ai bambini negli Usa

Coronavirus, bollettino del 7 ottobre 2021
  • Salute: via libera a circolare su terza dose (booster) per over 60 e fragili

    Alla luce delle ultime deliberazioni dell’Ema il ministero della Salute ha pubblicato stasera la circolare che disciplina il via libera alla terza dose (booster) di vaccino per i fragili di ogni età e per tutti gli over 60 sempre dopo almeno sei mesi dal completamento del ciclo primario di vaccinazione. Il documento conferma che sarà possibile utilizzare come dose addizionale uno qualsiasi dei due vaccini a m-RNA autorizzati in Italia, Comirnaty di BioNTech/Pfizer e Spikevax di Moderna, nei soggetti di età ≥ 12 anni.

  • In Russia nuovo record decessi giornalieri, 936

    Il bilancio giornaliero delle vittime del Covid in Russia ha toccato un nuovo record, che si inserisce tra la lentezza della campagna di vaccinazione nel paese e la riluttanza del governo a inasprire le restrizioni. La task force statale russa sul Coronavirus ha riportato 936 nuovi decessi, il numero giornaliero più alto dall'inizio della pandemia. È il terzo giorno consecutivo in cui i decessi giornalieri per Covid hanno superato le 900 unità. La Russia ha il più alto numero di morti in Europa a causa della pandemia, più di 214mila. La task force del governo ha riportato 27.246 nuovi casi confermati, poco meno del numero di 27.550 di giovedì, che è stato il dato più alto finora quest’anno.

  • Toti, boom di prenotazioni per le terze dosi

    “Le prenotazioni per le terze dosi hanno fatto un importante balzo in avanti – ha aggiunto il presidente Toti – e ad oggi sono 11.443 (10.386 quelle degli over 80, 1.057 quelle degli immuno compromessi), 763 in più rispetto a ieri. Sono quasi 3 mila, invece, i prenotati in tutte le fasce d'età negli ultimi 5 giorni. Un segnale di come la campagna vaccinale non sia arrivata ad un punto di stallo ma vada comunque avanti, ovviamente considerando che ormai si è vaccinata almeno con una dose gran parte della popolazione ligure”. Così il presidente di Regione Liguria e assessore alla Sanità Giovanni Toti.

  • Cile supera mille casi in 24h, prima volta da agosto

    Il ministero della Salute del Cile ha riferito che nelle ultime 24 ore sono stati registrati 1.037 nuovi casi di coronavirus, superando la quota dei mille positivi giornalieri per la prima volta in quasi due mesi. La cifra odierna è infatti la più alta dal 12 agosto, quando ci furono 1.128 contagi, riferisce il portale Emol. Il totale dei contagi dall’inizio della pandemia ha raggiunto 1.660.372. Il Dipartimento di Statistica e Informazione Sanitaria ha segnalato 9 decessi nelle ultime 24 ore, portando il totale dei decessi per cause legate a Covid-19 a 37.542. Il tasso di positività si è attestato all’1,66% a livello nazionale, anche questo il dato più alto dal 12 agosto. L'indice raggiunge il 2% nella Regione metropolitana di Santiago, che registra il 60,2% dei nuovi contagi e il 53,2% dei casi attivi a livello nazionale. Per quanto riguarda la situazione delle strutture sanitarie, sono 377 le persone ricoverate per Covid in unità di terapia intensiva, di cui 274 sottoposti a ventilazione meccanica. Il ministero della Salute ha riferito che ci sono 314 posti letto in terapia intensiva disponibili in tutta la rete sanitaria del Paese, per una occupazione totale dell’86 per cento.

  • Mise, 140 mln di contributi speciali per discoteche, palestre, cinema e teatri

    È stato pubblicato in Gazzetta ufficiale il decreto interministeriale firmato dal ministro Giancarlo Giorgetti lo scorso 9 settembre, che rende operativo il Fondo da 140 milioni di euro a sostegno della continuità di attività d'impresa e professioni per cui era stata disposta la chiusura a causa delle misure restrittive adottate durante l’emergenza Covid. Si tratta di uno strumento speciale previsto dal decreto Sostegni bis, voluto fortemente da Giorgetti per supportare quelle categorie e attività che hanno pagato il prezzo più alto durante questo periodo. In particolare le discoteche e le sale da ballo che potranno riaprire a partire dal prossimo 11 ottobre come previsto ieri dal Consiglio dei ministri. Discoteche e sale da ballo, si legge in una nota del Mise, sono, infatti, alcune delle attività che potranno richiedere i contributi speciali a fondo perduto fino a un massimo di 25 mila euro, per ciascun soggetto beneficiario, e a cui è destinata una quota pari a 20 milioni di euro del Fondo istituito dal Ministero. Fino a 12 mila euro l’ammontare dei contributi che invece potranno essere richiesti da altre attività ammesse alla misura come palestre, impianti sportivi, parchi tematici, eventi di teatro, cinema, arte, fiere e cerimonie. Queste risorse sono aggiuntive rispetto ai contributi già previsti per le attività d’impresa e professioni nei decreti Ristori e Sostegni. Il provvedimento definisce inoltre l'elenco delle attività che hanno diritto a usufruire del sostengo economico, nonché i criteri e le modalità per richiedere il contributo. I termini per l'avvio delle richieste dei beneficiari verranno comunicati dall'Agenzia delle entrate, che potrà successivamente procedere direttamente con l'accreditamento.

  • Mascalucia (Ct) da domenica in zona arancione sino al 20 ottobre

    Il Comune di Mascalucia, in provincia di Catania, da domenica 10 ottobre sarà «zona arancione». Lo prevede l'ordinanza appena firmata dal presidente della Regione Nello Musumeci, su proposta del dipartimento regionale Asoe. Le misure restrittive anti Covid, a causa dell'alto numero di positivi in rapporto ai vaccinati, saranno in vigore fino a mercoledì 20.

  • Rezza: «Valuteremo misure se in Paesi Est Europa incidenza resta alta»

    «Per quanto riguarda la Romania e altri Paesi in Europa dell’Est in questo momento si sta assistendo a un nuovo picco di incidenza di infezioni dovuto in parte alle basse coperture vaccinali» e «se l’incidenza continuasse a mantenersi così elevata dovremmo valutare l’opportunità di prendere eventuali misure». Lo ha detto Gianni Rezza, direttore generale della Prevenzione del ministero della Salute, rispondendo a una domanda durante la conferenza stampa sull’analisi dei dati del Monitoraggio Covid della Cabina di regia. «All’interno dell’Unione europea - ha sottolineato Rezza - è sempre molto delicato prendere delle misure addizionali, però certamente sappiamo che con alcuni di questi Paesi abbiamo molti interscambi, spesso si tratta di persone che fanno anche lavori delicati e sicuramente dovremo valutare la situazione. Oltre a dare supporto a questi Paesi confidiamo nel fatto - ha concluso - che proseguano con la campagna vaccinale e facciano degli sforzi maggiori per cercare di coprire maggiormente la popolazione».

  • Usa, scendono sotto 100mila i nuovi casi al giorno, prima volta da agosto

    Per la prima volta dall’inizio di agosto, il numero dei nuovi casi giornalieri di Covid-19 è sceso negli Stati Uniti sotto i 100.000, secondo i dati della Johns Hopkins University. Il 13 settembre, era stato registrato un picco di oltre 172.000 contagi. Circa 69.000 persone sono ricoverate in ospedale, un numero in calo rispetto ai quasi 104.000 del primo settembre. Nel corso dell’ultima settimana, sono morte in media circa 1.680 persone al giorno, un numero in calo del 18% rispetto al recente picco di circa 2.050 del 22 settembre. Secondo i dati ufficiali delle autorità sanitarie, oltre 186,6 milioni di persone sono completamente vaccinate, pari al 56,2% della popolazione. Completamente vaccinato l’83,8% delle persone di almeno 65 anni e il 67,6% degli over 18. Quasi 6,8 milioni di persone hanno ricevuto la dose di richiamo. In tutto, negli Stati Uniti, sono morte oltre 707.000 persone.

  • Francia, 38 vittime ospedalizzate, 1.164 in terapia intensiva

    In Francia oggi sono state registrate 38 vittime di Covid-19 ospedalizzate. Le persone in terapia intensiva sono 1.164.

  • In Abruzzo un decesso, 28 nuovi positivi e 48 guariti in 24 ore

    Un nuovo decesso per coronavirus oggi in Abruzzo, si tratta di una 80enne della provincia di Teramo. Sale così a 2.548 il bilancio dei pazienti morti a causa del virus. In queste ultime 24 ore sono 48 i guariti e 28 i nuovi positivi al covid -19, questi ultimi portano il totale dei contagiati, in tutto il periodo di pandemia, a 81.557 casi. Nel totale sono compresi anche 77.534 dimessi e guariti, sempre dall’inizio dell’emergenza. Attualmente i positivi in regione sono 1.466, 31 in meno da ieri. Nel totale sono ricompresi anche 428 casi di pazienti persi al follow up, dall’inizio dell’emergenza, sui quali sono in corso verifiche.

    Negli ospedali abruzzesi oggi si sono liberati 2 posti letto dei 48 occupati ieri nelle aree mediche covid. Resta invariato a 5 il numero dei ricoverati nelle terapie intensive, altre 1.424 persone, 20 in meno rispetto a ieri, sono in isolamento domiciliare con sorveglianza attiva delle Asl. Nelle ultime ore sono stati eseguiti 1.859 tamponi molecolari (in tutto 1.429.414 dall’inizio dell’emergenza) e 3.514 test antigenici (in totale 861.778 per tutto il periodo della pandemia). Il tasso di positività, calcolato sulla somma tra tamponi molecolari e test antigenici del giorno, è pari a 0.52 per cento.

  • In Puglia 113 positivi e 4 decessi

    Su 11.664 test eseguiti in Puglia sono risultate positive oggi al Covid 113 persone, quattro sono invece i decessi. Il tasso di positività è dello 0.97%. La provincia con il maggior numero di contagi è Bari (39). Sono 2.410 i pazienti attualmente positivi, 135 quelli ricoverati in area non critica, 20 in terapia intensiva.

  • Rezza, a breve circolare con ulteriori indicazioni terza dose

    «L’orientamento che abbiamo tenuto in Italia è stato quello di offrire» la dose booster di vaccino anti Covid «agli over 80, gli ospiti delle Rsa e poi agli operatori sanitari a partire dagli over 60, più esposti al rischio. Naturalmente è importante assicurare questa possibilità a tutti gli operatori sanitari per proteggere loro stessi ma anche per proteggere eventuali pazienti fragili con cui possono venire in contatto. È possibile che nelle prossime ore, o comunque a breve, venga emanata una nuova circolare che dia indicazioni più precise che riguarderanno anche i pazienti iperfragili e vedremo come regolarci con le fasce di età».

    Lo ha annunciato il direttore generale della Prevenzione del ministero della Salute, rispondendo a una domanda durante la conferenza stampa sull’analisi dei dati del Monitoraggio Covid della Cabina di regia. «Non si pensa per il momento - ha affermato Rezza - a un richiamo generalizzato, universale, da effettuare su tutta la popolazione, anche perché molti giovani sono stati vaccinati pochissimo tempo fa e non ne hanno sicuramente bisogno». Quanto al fatto che l’Ema si sia detta favorevole alla terza dose per tutta la popolazione over 18, Rezza ha precisato come «favorevole» voglia dire «che c’è la possibilità di vaccinare con un booster di richiamo».

  • Oggi in Italia 3.023 nuovi casi e 30 decessi

    Sono 3.023 i test positivi al coronavirus registrati in Italia nelle ultime 24 ore. Lo stesso giorno di una settimana fa erano stati 3.405, dunque il calo è del -11,2% su base settimanale. Le vittime sono 30 in un giorno, mentre una settimana fa erano state 52 (-42,3% in 7 giorni).

    L’articolo completo

  • Speranza (Salute), difendiamo universalità Ssn col coltello

    «L’universalità del Ssn, un sistema che cura tutti, nessuno escluso, è qualcosa che dobbiamo difendere con il coltello e con i denti. I soldi del Pnrr sono una straordinarietà, non sono soldi per sempre, sono per gestire una fase. La cosa più importante quindi è continuare a mettere soldi a regime sul fondo sanitario nazionale. È una battaglia non di domani ma di queste ore». Lo ha detto il ministro della Salute Roberto Speranza al Congresso del sindacato medici Cimo. «Fin dalla prossima legge di bilancio dobbiamo continuare a salire con gli investimenti - ha proseguito - perchè quello che è stato fatto finora non basta. Dobbiamo fare le riforme, riorganizzare la macchina. Ci dobbiamo mettere mano ora, perchè è questa la fase in cui ci sono più soldi da investire. La riforma fondamentale riguarda proprio il personale».

  • In Lombardia 293 positivi (0,5%), calo ricoverati, 3 decessi

    Con 49.782 tamponi effettuati è di 293 il numero di nuovi casi di Covid registrati in Lombardia, con un tasso di positività stabile allo 0,5%. In calo i ricoveri in terapia intensiva (-3, 60) e nei reparti (-15, 334). Sono tre i decessi che portano il totale a 34.078 morti da inizio pandemia. Per quanto riguarda le province, sono 102 i positivi segnalati a Milano, di cui 48 in città, 29 a Bergamo, 37 a Brescia, 19 a Como, 16 a Cremona, 4 a Lecco, 7 a Lodi, 3 a Mantova, 17 a Monza, 21 a Pavia, 2 a Sondrio e 25 a Varese.

  • In Friuli Venezia Giulia 68 nuovi casi e nessuno decesso

    Oggi in Friuli Venezia Giulia su 4.652 tamponi molecolari sono stati rilevati 60 nuovi contagi con una percentuale di positività dell’1,29%. Sono inoltre 4.352 i test rapidi antigenici realizzati, dai quali sono stati rilevati 8 casi (0,18%): il totale dei nuovi casi in regione è di 68. Nella giornata odierna non si si registrano decessi; scendono a 7 le persone ricoverate in terapia intensiva, mentre i pazienti in altri reparti sono 37. Lo comunica il vicegovernatore della Regione con delega alla Salute Riccardo Riccardi. I decessi complessivamente ammontano a 3.825, con la seguente suddivisione territoriale: 828 a Trieste, 2.024 a Udine, 679 a Pordenone e 294 a Gorizia. I totalmente guariti sono 109.504, i clinicamente guariti 50, mentre quelli in isolamento scendono a 860. Dall’inizio della pandemia in Friuli Venezia Giulia sono risultate positive complessivamente 114.283 persone (il totale dei casi è stato ridotto di tre unità a seguito della revisione di altrettanti test positivi) con la seguente suddivisione territoriale: 23.377 a Trieste, 52.658 a Udine, 22.952 a Pordenone, 13.702 a Gorizia e 1.594 da fuori regione. Infine non è stata rilevata alcuna positività né all’interno del Sistema sanitario regionale né tra gli ospiti e gli operatori delle strutture per anziani.

  • In Piemonte 118 nuovi casi, prosegue calo ricoverati

    Prosegue in Piemonte il calo dei ricoverati Covid: in terapia intensiva sono 19 (-1 rispetto a ieri), negli altri reparti 154 (-7). Il bollettino dell’Unità di crisi della Regione riporta oggi 118 nuovi casi positivi con un tasso dello 0,5% rispetto ai 23.423 tamponi diagnostici processati (19.458 antigenici); la quota degli asintomatici è del 55,9%. Sono stati registrati due decessi, non relativi a oggi, che portano il numero totale delle vittime a 11.776. Le persone in isolamento domiciliare sono 3.186, i nuovi guariti 117. Dall’inizio della pandemia nella regione ci sono stati 384.295 casi positivi, 369.160 guariti.

  • Regno Unito: 36mila nuovi casi, 127 vittime

    Nel Regno Unito sono stati riscontrati oggi 36.060 nuovi casi, in calo rispetto ai 40.701 di ieri. Le vittime sono state 127 (ieri 122).

  • Rezza, situazione buona ma mantenere alta l’attenzione

    «C’è una tendenza buona che è conseguenza della campagna di vaccinazione . Ma bisogna continuare a mantenere la situazione sotto controllo in virtù delle graduali riaperture. Parte del successo che stiamo avendo in questo momento nel controllo dell’epidemia è dovuto non solo alle vaccinazioni ma anche al mantenimento di misure precauzionali di distanziamento sociale e all’uso delle mascherine». Coì il direttore della Prevenzione del ministero della Salute Gianni Rezza che invita a mantenere alta l’attenzione.

  • Brusaferro (Iss), 100% ceppi sequenziati sono della variante Delta

    «Nella indagine flash il 100% dei ceppi sequenziati in Italia si conferma della variante Delta». Lo ha affermato il presidente dell’Istituto superiore di sanità, Silvio Brusaferro, alla conferenza stampa sull’analisi dei dati del Monitoraggio settimanale della Cabina di regia.

  • Brusaferro: curva in costante calo, Rt sotto all’1 dato importante

    La curva dei contagi in Italia è in continua decrescita e l’indice Rt è sceso sotto a 1. Sono i due dati importanti e incoraggianti illustrati durante la conferenza stampa settimanale dal presidente dell’Istituto superiore di Sanità, Silvio Brusaferro. «Nella mappa europea si iniziano a vedere molte zone verdi, e in Italia l’andamento della curva è molto controllato e la curva continua a decrescere ed in tutte le fasce d’età», ha affermato Brusaferro, alla conferenza stampa sull’analisi dei dati del Monitoraggio settimanale della Cabina di regia. Il presidente dell’Iss ha anche specificato che il 100% dei ceppi covid presenti in Italia è riconducibile alla variante Delta.

  • Vaccini, Brasile non utilizzerà più il siero CoronaVac

    Il ministero della Salute brasiliano prevede di utilizzare circa 300 milioni di dosi di vaccini contro il Covid-19 nel 2022. Secondo Cnn Brasil, il governo dovrebbe orientare la popolazione a prendere una sola dose di richiamo l’anno prossimo, ad eccezione degli anziani over 60 e gli immunodepressi, che dovranno assumere una dose di richiamo ogni sei mesi.

    Alla Commissione parlamentare d’inchiesta (Cpi) sulla pandemia istituita al Senato il ministero ha informato inoltre che nel 2022 smetterà di usare il vaccino CoronaVac, importato e prodotto dall’Istituto Butantan di San Paolo e tra i più utilizzati finora nelle vaccinazioni.

    Secondo il governo, due fattori hanno contribuito alla decisione di escludere il vaccino cinese: lo stato di approvazione solo di emergenza da parte dell’Agenzia nazionale di vigilanza sanitaria (Anvisa) e la «bassa efficacia tra gli anziani sopra gli 80 anni».

    I risultati preliminari di uno studio svolto dal ministero in collaborazione con l’Università di Oxford mostrerebbero che l’immunità di coloro che hanno assunto il CoronaVac diminuisce significativamente sei mesi dopo l’applicazione della seconda dose.

  • Report Governo, 8,4 milioni italiani over 12 senza vaccino

    Sono ancora 8.393.051 gli italiani over 12 che non hanno ricevuto alcuna dose del vaccino anti-Covid. Si tratta del 15,54% della popolazione vaccinabile. E’ quanto emerge dal report settimanale della struttura del Commissario Francesco Figliuolo. Di questi, 2.987.859 sono ultracinquantenni, 3.996.994 nella fascia di età dei 20-49 anni e 1.408.268 in quella dei 12-19 anni

  • Vaccini: immunizzati 2,8 milioni teenager, il 62% del totale

    Sono 2.873.666 i teenager immunizzati contro il Covid, pari al 62,1% della popolazione tra i 12 ed i 19 anni. Sono invece 1.408.268 quelli ancora senza prima dose (il 30,4%). E’ quanto emerge dal report settimanale della struttura commissariale. La Sardegna è in testa tra le regioni per la quota di ragazzi che ha completato il ciclo vaccinale (69,87%), seguita dalla Puglia (68,9%): ultimo l’Alto Adige (44%), preceduto dalla Sicilia (54,6%)

  • Vaccini, Figliuolo: 2,9 milioni di over 50 ancora senza prima dose

    Sono 2,9 milioni gli italiani sopra i 50 anni di età non ancora vaccinati, nemmeno con una dose di vaccino. Lo ha detto il Commissario Francesco Figliuolo

  • Il Brasile a un passo dalle 600mila vittime

    Il Brasile ha raggiunto 599.865 decessi per coronavirus e potrebbe superare i 600 mila oggi. Nelle ultime 24 ore, il Paese più popoloso dell’America Latina ha registrato altri 451 morti. La media delle vittime dell’ultima settimana si è attestata a 438 al giorno, con un calo del 22% rispetto a quanto segnalato 14 giorni fa. Si tratta della media più bassa dal 23 novembre dello scorso anno. Intanto, 148,8 milioni di brasiliani hanno già ricevuto almeno una dose dei vaccini contro il Covid-19, cifra che equivale a 69,7% della popolazione. Parallelamente, 97,2 milioni hanno ricevuto entrambe le dosi, elevando al 45,5% il totale dei cittadini vaccinati con il ciclo completo, secondo i dati riportati dalle segreterie sanitarie statali pubblicate oggi dal quotidiano Estado de Sao Paulo.

  • Pandemia, Draghi «Collaborazione governi-imprese ha salvato vite»

    «Il veloce sviluppo di vaccini efficaci contro il Covid mostra come la cooperazione tra governi e aziende può letteralmente salvare delle vite. Gli sforzi per la ricerca nel settore farmaceutico sono iniziati immediatamente dopo la scoperta dei primi casi di Covid. Grazie all’ingegno del settore privato i vaccini sono stati subito approntati poco dopo, quando normalmente invece ci vogliono 10 anni, ed è diventata possibile una compagna vaccinale di massa». Così il presidente del Consiglio, Mario Draghi, intervenendo in videocollegamento al B20, International Business Summit.

    Il premier ha poi aggiunto. «Dobbiamo affrontare il protezionismo sui prodotti sanitari. Questo è essenziale per assicurarci di avere gli strumenti per combattere questa pandemia e prevenirne in futuro. Dobbiamo difendere la libera circolazione dei vaccini e delle materie prime necessarie per produrli. Sono fiducioso che il vertice del G20 a Roma alla fine di ottobre raggiungerà un forte impegno per riformare il Wto».

  • Sicilia, ministro Speranza firma ordinanza: isola torna zona bianca

    «Ho appena firmato l'ordinanza che riporta la Sicilia in area bianca. Dopo le scelte di ieri sulle capienze continua il percorso di graduali riaperture. Tutto ciò è possibile prima di tutto grazie ai vaccini e ai comportamenti corretti delle persone. Dobbiamo continuare su questa strada». Così il ministro della Salute Roberto Speranza su Facebook.

  • Covid, Sassoli (Ue): «Stati membri mobilitino risorse per giovani»

    «Il Parlamento europeo è consapevole delle immense difficoltà che state affrontando, perché la crisi economica e sociale, conseguenza diretta della pandemia e delle varie chiusure, non è un’invenzione. Per questo, abbiamo chiesto e continuiamo a chiedere agli Stati membri di mobilitare i fondi necessari per sostenere l’occupazione giovanile, l’istruzione, la mobilità e lo sport. Ingenti fondi europei sono destinati a queste politiche, e noi non abbasseremo la guardia né accetteremo che la vostra generazione possa essere sacrificata».

    Lo ha detto il presidente del Parlamento Ue David Sassoli intervenendo all’European Youth Event, giunto alla sua quarta edizione.

    Il presidente del parlamento europeo David Sassoli

  • Friuli Venezia Giulia, due anni di visite gratuite per i guariti Covid dimessi

    Gli assistiti dimessi a seguito di ricovero ospedaliero guariti dal Covid-19 avranno garantite le prestazioni di specialistica ambulatoriale in forma gratuita per un periodo di due anni con decorrenza dal 25 luglio 2021. È quanto stabilisce una delibera approvata dalla giunta regionale del Friuli Venezia Giulia su proposta del vicegovernatore con delega alla Salute, Riccardo Riccardi.

  • Vaccini, l’Italia donerà all’Africa 45 milioni di dosi entro l’anno

    «L’Italia ha contribuito a mobilitare l’impegno politico e finanziario necessario per la risposta al Covid-19, attraverso l’ACT Accelerator e la Covax Facility, e per garantire accesso equo agli aiuti sanitari. Abbiamo finanziato la Facility con 345 milioni di euro e doneremo 45 milioni di dosi di vaccini entro l’anno corrente». Lo ha detto il ministro degli Esteri Luigi Di Maio intervenendo alla terza edizione della Conferenza Ministeriale Italia-Africa.

  • Vaccini, Mattarella: «Serve subito equa distribuzione mondiale»

    «L’Africa ha avuto solo il 2% dei vaccini: c’è un problema di equa distribuzione che va risolto subito. La vera risposta è stimolare l’industria farmaceutica africana. In questo senso l’Italia ha deciso di investire un miliardo di euro per stimolare il vaccino africano perchè nessuno ne sarà fuori se non ne saremo tutti fuori». Lo ha detto il presidente Sergio Mattarella alla Conferenza “Incontri con l’Africa”.

    PER APPROFONDIRE / Mattarella: basta ambiguità sul clima, è ora di agire subito

  • India: superati i 450mila morti per Covid, ma continua calo contagi

    Superati i 450mila morti per complicanze riconducibili al coronavirus in India, dove nelle ultime 24 ore sono stati registrati 271 decessi. Lo ha reso noto il ministero della Sanità di Nuova Delhi mentre prosegue il calo nel numero deli malati registrato nelle ultime settimane nel Paese asiatico. Gli ultimi dati ufficiali parlano di 21.257 contagi nell’ultima giornata, per un totale di 33.915.569 casi dallo scoppio della pandemia, mentre viene aggiornato a 450.127 il numero dei morti.

  • Ferrara, morto ’no vax’ malato di Covid che si curava con telemedicina

    È morto ieri mattina all’ospedale Sant’Anna di Ferrara il paziente ’no vax’ di 68 anni che era stato ricoverato in condizioni già critiche con la sindrome Covid-19 che aveva inizialmente “curato” a casa con la telemedicina, cioè con l’assistenza via mail e telefono di un medico volontario legato all’associazione Ippocrateorg, la stessa del convegno in Senato sulle cure domiciliari che ha scatenato una bufera politica. Lo riporta la Nuova Ferrara. Sul caso la Procura aveva già aperto un’indagine conoscitiva ma ora c’è un fascicolo aperto per omissione di soccorso.

  • Iss: l’incidenza scende a 34, Rt stabile (0,83), 4 regioni a rischio moderato

    Continua a diminuire l’incidenza settimanale dei casi di Covid a livello nazionale che scende a 34 per 100mila abitanti (27/09/2021 - 3/10/2021) contro i 39 per 100mila abitanti (dal 20 al 26 settembre) della settimana precedente. Nel periodo 15-28 settembre, l’Rt medio calcolato sui casi sintomatici è stato pari a 0,83 (range 0,81-0,86), al di sotto della soglia epidemica e stabile rispetto alla settimana precedente. È quanto compare nella bozza di monitoraggio settimanale sull’andamento dei casi di Covid in Italia che sarà presentato in giornata, al momento all’esame della cabina di Regia.

    Sono quattro le Regioni e Province autonome (PA) risultano classificate a rischio moderato questa settimana: si tratta di Basilicata, PA Trento, PA Bolzano e Valle d’Aosta. Le restanti 17 Regioni e Province autonome risultano classificate a rischio basso. La scorsa settimana solo una Regione, il Lazio, risultava a rischio moderato.

    Il tasso di occupazione in terapia intensiva è in lieve calo al 4,8% (rilevazione giornaliera Ministero della Salute del 5/10/2021), con una lieve diminuzione del numero di persone ricoverate da 459 (28/09/2021) a 433 (5/10/2021).

    È in diminuzione il numero di nuovi casi non associati a catene di trasmissione (5.903 rispetto ai 7.070 casi della settimana precedente). La percentuale dei casi rilevati attraverso l'attività di tracciamento dei contatti è in lieve diminuzione (33% contro 34% la scorsa settimana). È in aumento la percentuale dei casi rilevati attraverso la comparsa dei sintomi (47% rispetto a 45%). Resta stabile la percentuale di casi diagnosticata attraverso attività di screening (21% contro 21%).

    Il presidente dell’Iss Silvio Brusaferro (Ansa)

  • Fda, entro ottobre decisione su vaccino ai bambini e terza dose

    Ottobre fitto di incontri e possibili decisioni chiave per la Food and drug administration (Fda): l’agenzia governativa Usa per la supervisione del mercato farmaceutico e dei prodotti medici discuterà varie richieste di approvazione di prodotti contro il Covid. L’agenda degli esperti della Fda vede sul tavolo per il 14-15 ottobre l’analisi dei «booster» del vaccino contro il Sars-Cov2 , sia di Moderna che di Johnson & Johnson. Entrambi sono autorizzati negli Usa per la popolazione adulta e ora in predicato per la terza dose. Tra i nodi da dirimere figura la possibilità di utilizzare un booster di marca diversa dalle prime due dosi di vaccino già ricevute.

    Bambini in attesa del vaccino Sinovac in Cile (Reuters)

    Poco dopo, il 26 ottobre, la Fda dovrebbe esaminare la delicata questione di un vaccino anti-Covid ,da approvare eventualmente per i più piccoli tra i 5 e gli 11 anni: la richiesta in questo senso è stata presentata dalla Pfizer. Il calendario - suscettibile ovviamente di cambiamenti - mostra come l’agenzia intenda prendere decisioni importanti prima dell’inverno e del possibile aumento dei casi.

  • Usa, donna rifiuta il vaccino: non può ricevere il trapianto del rene

    Una donna del Colorado non può ricevere il trapianto di rene perché non si vaccinerà contro il Covid a causa delle sue opinioni religiose. Si chiama Leilani Lutali e appartiene alla setta dei cristiani rinati che si oppone al ruolo che le cellule staminali hanno svolto nello sviluppo dei vaccini. Il gruppo ospedaliero UCHealth ha dichiarato che i riceventi di trapianto devono essere vaccinati perché sono a rischio significativo di contrarre il Covid e di essere ricoverati in ospedale. L’American Hospital Association ha spiegato che molti centri di trapianto richiedono vaccinazioni, dal momento che i riceventi organi sono vulnerabili al virus a causa dei farmaci che devono assumere.

    Leilani Lutali, la donna del Colorado che avendo rifiutato il vaccino per motivi religiosi non può subire il trapianto di rene (Ap)

  • In Messico 7.631 casi e 514 vittime

    Il Messico riporta 7.613 nuovi casi di contagio e 514 vittime di coronavirus. Performance a seguito delle quali il conteggio complessivo dei contagiati, dall’inizio dell’epidemia, sale a 3.707.234 unità e quello dei decessi a quota 281.121. Si tratta tuttavia di dati che sono approssimati per difetto, considerando i numerosissimi casi non censiti dal sistema sanitario nazionale.

    Un paziente affetto da Covid all’ospedale di Oaxaca, Messico (Epa)

  • Germania, 10.429 contagi e 86 morti

    In Germania, nelle ultime 24 ore, si registrano 10.429 casi confermati di coronavirus che portano il totale dei contagi, dall’inizio della pandemia, a quota 4.293.807. I morti da Covid-19, nello stesso arco di tempo, sono stati 86 con il bilancio complessivo dei decessi che sale a 94.113 unità. Lo rivela il Robert Koch Institute nell’ultimo suo rapporto sulla pandemia.

    Promozione test anti Covid- birra gratis a Dortmond (Afp)

  • In Brasile 15.591 casi e 451 morti. Si tratta per 150 milioni di dosi Pfizer

    Il Brasile nella giornata di giovedì 7 ottobre ha registrato 15.591 nuovi casi di coronavirus e 451 ulteriori morti per Covid-19, secondo i dati rilasciati dal ministero della Salute. In totale, i decessi registrati dall’inizio della pandemia nel paese sudamericano, hanno raggiunto le 599.810 unità. Il Brasile è in trattativa per l’acquisto di 150 milioni di vaccini Pfizer BioNTech per il 2022, sempre secondo quanto riferisce il ministero.

    Sao Paulo, il memoriale per le vittime del Covid (Afp)

  • Usa, San Francisco pronta a rimuovere l’obbligo di mascherina al chiuso

    Diverse contee della Bay Area di San Francisco inizieranno ad allentare le norme sull’utilizzo delle maschere per alcuni locali pubblici al chiuso come uffici, palestre, aule universitarie e chiese, una volta raggiunto un basso tasso di casi e ricoveri di Covid-19 e almeno l’80% di popolazione completamente vaccinata, hanno annunciato giovedì i funzionari locali. La Bay Area, tra i territori statunitensi con tasso di vaccinazione più alto e tassi di casi più bassi, è stata cauta fin dall’inizio della pandemia, quando le contee di tutta la regione hanno emesso il primo ordine di lockdown, già nel marzo 2020.

    Il segretario alla Salute dello stato della California Mark Ghaly (Ap)


  • In India 21.257 casi e 271 morti

    In India, nelle ultime 24 ore, si registrano 21.257 nuovi casi di coronavirus e 271 morti. Il totale dei contagi, dall’inizio della pandemia, sale così a quota 33,9 milioni mentre il conteggio dei decessi nel subcontinente himalayano è pari a 450mila unità.

    India, la campagna vaccinale decolla
  • G20, un comitato finanza-salute per la lotta alle pandemie

    Un «Comitato dei ministri delle Finanze e della Salute per affrontare il tema del finanziamento ed essere più pronti a rispondere alle pandemie». Una struttura del G20, quindi di portata globale, resa sostanzialmente permanente, anziché essere contingente allo shock pandemico del Covid-19. È così che la presidenza italiana punta a lasciare il segno sul fronte della lotta alla pandemia. A rivelarlo - l’occasione è il summit B20, il forum che riunisce le associazioni d’impresa del G20 ospitato da Confindustria - è il ministro dell’Economia Daniele Franco: l’iniziativa arriverebbe sul finale del G20 2021 a guida italiana. La conferma arriva dal ministro degli Esteri Luigi Di Maio: «Intendiamo creare il Global Global Health and Finance Board per far avanzare la cooperazione nella prevenzione, preparazione e risposta alle pandemie».

    Il ministro dell’Economia Daniele Franco (Ansa)

  • Piena capienza per cinema e teatri, stadi al 75% e discoteche al 50%

    Piena capienza per i luoghi di cultura come cinema e teatri, 75% per gli stadi e 50% per le discoteche: lo ha deciso giovedì 7 ottobre il Cdm, superando le indicazioni del Cts. Nella giornata di venerdì 8 ottobre si svolgerà la cabina di regia, con l’ufficializzazione del ritorno in zona bianca della Sicilia da sabato. Molise unica regione in rosso.

    Il teatro Quirino a Roma adesso potrà riaprire (Ansa)

  • In Italia 2.938 casi e 41 morti

    In Italia, il 7 ottobre, si registravano altri 2.938 casi e 41 vittime di coronavirus. Il tutto sulla base di 297mila tamponi effettuati, per un tasso di positività che si attesta all’1 per cento.

    I DATI DEL CONTAGIO
    Loading...

    Gli attualmente contagiati scendevano a 83.946 (-1.074) dei quali 2.824 ricoverati nei reparti ordinari (-48) e 403 in terapia intensiva (-12). Restavano in isolamento domiciliare 83.946 pazienti, mentre erano 3.966 le persone dimesse o guarite.

    PER APPROFONDIRE:
    La mappa dei contagi
    Vaccini in tempo reale
    Vaccini nel mondo

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti