Attualità

Coronavirus oggi. Israele raccomanda quarta dose di vaccino agli over 60

La UK Health Security Agency ha inoltre conteggiato altri 15.363 casi accertati di contagio da Omicron: quasi il doppio rispetto al giorno precedente, mentre il bilancio complessivo dei casi sale sopra le 90mila unità. Intanto la Germania del neo-cancelliere Olaf Scholz annuncia nuove strette dal 28 dicembre, con discoteche e stadi chiusi e limitazioni ai contatti fra persone

I dati dei vaccinati al 20 dicembre 2021
  • Biden valuta stop bando voli da paesi Africa

    Il presidente degli Stati Uniti Joe Biden ha dichiarato che sta “considerando” se revocare il bando per i voli dal Sudafrica e altri sette paesi dell’Africa meridionale, messo in atto quando la variante Omicron del coronavirus ha iniziato a diffondersi. Il divieto è stato oggetto di un controllo crescente poiché il ceppo è già predominante nei nuovi casi negli Stati Uniti ed è dilagato in altri paesi che non hanno attuato simili restrizioni di viaggio. “Sto pensando di annullare il divieto, parlerò con la mia squadra nei prossimi due giorni”, ha detto Biden ai giornalisti dopo un discorso sul Covid-19 alla Casa Bianca.

  • Israele raccomanda quarta dose di vaccino agli over 60

    Un gruppo di esperti del ministero della Salute di Israele ha raccomandato la quarta dose del vaccino anti Covid per le persone di oltre 60 anni e per gli operatori sanitari. La decisione è stata accolt adal primo ministro Naftali Bennett come «una grande notizia», per arginare l’ascesa di contagi scatenata dalla variante Omicron. Ora la misura deve passare per l’approvazione del direttore generale del ministero della Salute, attesa entro giorni, quando saranno diffuse linee guida più chiare.

  • Oltre 49mila casi di Covid in Spagna, record in un giorno

    Record di nuovi casi di Covid notificati in Spagna in un solo giorno da inizio pandemia: sono 49.823, secondo El País, che cita l’aggiornamento odierno del Ministero della Sanità. L’incidenza su 14 giorni passa, in un giorno, da 609 ai 695 casi ogni 100.000 abitanti. Leggeri aumenti dei tassi di occupazione negli ospedali: si passa dal 6,03% al 6,14% nei reparti ordinari e dal 15,49% al 15,77% nelle terapie intensive. Al bollettino odierno sono state aggiunte 94 morti, che ora diventano 88.887 da inizio pandemia.

  • Usa, Biden: 500mln test rapidi a domicilio dal mese prossimo

    Il presidente Usa Joe Biden ha annunciato un’espansione dei test rapidi a domicilio per combattere l’ondata di nuovi casi di Covid-19, aggiungendo che è “di fondamentale importanza sapere chi è stato infettato”. Il presidente ha affermato che il governo federale acquisterà mezzo miliardo di test rapidi Covid-19 a domicilio e metterà in atto un piano per distribuirli gratuitamente agli americani che ne faranno richiesta tramite un sito web. I 500 milioni di nuovi test saranno resi disponibili il mese prossimo e raggiungeranno gli americani tramite posta, ha affermato Biden.

  • Biden, non vaccinati hanno molte ragioni per preoccuparsi. «Niente panico da Omicron»

    “I non vaccinati hanno buone ragioni per essere preoccupati, mentre i vaccinati e chi ha fatto il booster, molti di meno, potranno passare le festività di fine anno come programmato”: lo ha detto il presidente americano Joe Biden parlando dell’emergenza legata alla rapida diffusione della variante Omicron del Covid 19. “Chi non si vaccina rischia di ammalarsi in maniera più grave e rischia la morte”, ha detto il presidente.

    “Dobbiamo essere preoccupati per la diffusione della variante Omicron del Covid 19 - ha detto Biden -, ma non c’è ragione di farsi prendere dal panico. Non è come nel 2020, oggi gran parte dell popolazione è vaccinata”

    Joe Biden (Afp)

  • In Piemonte somministrate oggi 33.919 dosi

    Sono 33.919 le persone che hanno ricevuto il vaccino contro il Covid comunicate oggi all'Unità di Crisi della Regione Piemonte (dato delle ore 18). A 1.992 è stata somministrata la prima dose, a 2.154 la seconda, a 29.773 la terza. Dall'inizio della campagna si è proceduto all'inoculazione di 7.690.160 dosi, di cui 3.082.891 come seconde e 1.178.594 come terze, corrispondenti al 98,7% di 7.791.250 finora disponibili in Piemonte.

  • Regione Madrid a positivi non gravi: autoisolatevi

    Nella regione di Madrid sarà sufficiente un test rapido di auto-diagnosi del Covid con risultato positivo per considerare confermato un contagio, nel caso in cui un paziente non presenti sintomi come una febbre di 38 ºC o difficoltà di respirazione. È quanto stabilito da un nuovo protocollo delle autorità sanitarie locali. In casi di questo tipo, il paziente dovrà comunicare il risultato del test a un numero d’emergenza, che raccomanderà 10 giorni di “autoisolamento”. Nel caso di sintomi come febbre di 38 ºC o più alta viene raccomandato di contattare il proprio centro sanitario pubblico per ulteriore assistenza. Ai contatti stretti vaccinati dei positivi viene invece chiesto di “ridurre le uscite all’essenziale” e di lavorare in smart-working, se possibile, per “7-10 giorni”.

    Le nuove indicazioni della regione arrivano mentre il sistema di assistenza sanitaria primaria si trova in grossa difficoltà per l’aumento esplosivo di contagi negli ultimi giorni, come confermato da vari medici e pazienti. Oggi la regione ha notificato il record giornaliero di contagi da inizio pandemia: più di 11.221. Intanto, la presidente regionale Isabel Díaz Ayuso continua a mostrarsi restia ad applicare restrizioni. In dichiarazioni a Es Radio, stamattina ha affermato che vuole indagare sul perché “in alcuni centri sanitari non rispondono al telefono” o “all’improvviso non ci sono più medici”. Sindacati di lavoratori del settore sanitario, che accusano il governo di Ayuso di non aver investito sufficienti risorse per la sanità pubblica, hanno fatto sapere che stanno valutando se denunciarla per queste affermazioni, riporta l’agenzia di stampa Efe.

  • Fedriga, non siamo stati convocati per cabina regia

    “Ad oggi non siamo stati convocati dal governo per il 23 dicembre e non sappiamo se il governo ha intenzione di convocarci in questa cabina di regia che noi aspettiamo”. Lo ha detto a margine di una conferenza stampa a Trieste il presidente della Conferenza delle Regioni e del Fvg Massimiliano Fedriga. “Penso comunque - ha aggiunto - che serva buon senso e calma, non bisogna farsi prendere dal panico con la consapevolezza però, sia ben chiaro, che se dobbiamo proteggere il nostro paese e i nostri cittadini da aumenti di contagi. Ciò - ha concluso - è soprattutto importante per quelli legati alla variante omicron che si sta espandendo nel paese in modo esponenziale. Detto questo però non facciamo allarmismi”.

  • Casi in aumento a New York, rinviata cerimonia insediamento nuovo sindaco

    L’aumento esponenziale dei casi di Covid-19 a New York a causa della variante omicron ha fatto saltare la cerimonia di insediamento del nuovo sindaco, Eric Adams, prevista il primo gennaio. Lo ha annunciato lo stesso Adams in una nota. “E’ chiaro che la nostra città sta affrontando un nemico tremendo con la variante omicron - ha affermato - Dopo aver consultato esperti di salute pubblica, abbiamo deciso che la nostra cerimonia di inaugurazione congiunta sarà rinviata a una data successiva”.

  • Scholz, chi non si vaccina è esposto a forte rischio

    Chi non si vaccina è esposto a un rischio molto grande, di contagiarsi, ed eventualmente anche di ammalarsi in modo grave”. Lo ha detto il cancelliere tedesco Olaf Scholz in conferenza stampa a Berlino, incitando di nuovo i tedeschi a vaccinarsi, soprattutto in vista della diffusione della variante Omicron. “Vaccinare, vaccinare, vaccinare resta il nostro obiettivo”. Scholz ha spiegato di aver come prima obiettivo il raggiungimento di una quota dell’80% di protetti completi

  • Islanda, nuove restrizioni da giovedì

    L’Islanda ha annunciato nuove restrizioni contro il covid, dopo che gli ultimi bollettini hanno riportato oltre 300 casi giornalieri, un numero significativo in un paese di 360mila abitanti. A partire da giovedì sera, il tetto massimo per le riunioni sarà abbassato da 50 a 20 persone, mentre sarà imposto l’obbligo di distanza personale di 2 metri. Nel caso tutti i partecipanti possano esibire un test negativo rapido, il tetto sale ad un massimo di 200 persone. Pub e ristoranti dovranno chiudere alle 22. Palestre e piscine potranno operare soltanto al 50% della capacità. Circa la metà delle nuove infezioni sono attribuite alla variante omicron.

  • Usa, Fda verso autorizzazione pillole Pfizer e Merck

    La Food and Drug Administration, l’autorità statunitense sui farmaci, dovrebbe autorizzare due trattamenti orali contro il Covid-19 in settimana, forse già domani, secondo fonti di Bloomberg. Si tratta del Paxlovid di Pfizer e del Molnupiravir di Merck, riservati a persone ad alto rischio risultate positive al Covid. I trattamenti, che prevedono che i pazienti assumano una serie di pillole per diversi giorni, potrebbero contribuire ad alleviare il peso sugli ospedali in un momento di forti rialzi dei contagi. Il governo statunitense ha ordinato 10 milioni di trattamenti della Pfizer e circa 3 milioni di quello della Merck. Il trial clinico ha mostrato che il farmaco di Pfizer riduce dell’89% i casi di ricovero per i pazienti che hanno ricevuto il farmaco nei tre giorni dai primi sintomi. Nel caso del trattamento di Merck, l’efficacia è molto più bassa, intorno al 50%. A Wall Street, il titolo di Pfizer cede il 3,8%, quello di Merck l’1,1%.

  • In Usa infezioni al livello più alto da settembre

    I casi giornalieri di Covid-19 negli Stati Uniti sono saliti al livello più alto da settembre, segno che la variante dell’omicron si sta diffondendo rapidamente. Lunedì sono stati segnalati quasi 254.000 casi, secondo i dati raccolti dalla Johns Hopkins University e da Bloomberg. Un numero in aumento rispetto ai 73.208 di domenica. La media dei casi su sette giorni è salita del 17% nell’ultima settimana a circa 140.000.

  • Germania, stretta dal 28 dicembre: contatti limitati, stadi e discoteche chiuse

    “Non è tempo per party di Capodanno”. Lo ha detto il cancelliere tedesco Olaf Scholz, in conferenza stampa a Berlino, dopo il vertice con le Regioni sul Covid, annunciando una nuova stretta. Dal 28 dicembre in Germania i contatti saranno ridotti a gruppi di dieci persone al massimo, nel caso di vaccinati. Nel caso dei non vaccinati, la riduzione sarà più drastica, permettendo al massimo l’incontro di un nucleo abitativo e due persone di un altro. Non sono comunque considerati i minori di 14 anni.

    Sempre dal 28 dicembre scatteranno chiusure per discoteche e night club, mentre le partite si calcio dovranno disputarsi a porte chiuse.

  • Israele, bando a viaggi in Italia e Usa da mezzanotte

    Dieci nuovi paesi, fra cui Italia e Stati Uniti, sono stati aggiunti in Israele alla lista rossa dei paesi dove non si può viaggiare a causa del rischio covid. Deciso ieri dal Consiglio dei ministri, il provvedimento è stato approvato oggi dai deputati della commissione costituzionale della Knesset. Il bando ai viaggi in questi paesi entrerà in vigore a mezzanotte e durerà almeno una settimana, riferiscono i media israeliani. I nuovi dieci paesi aggiunti alla lista rossa sono Belgio, Canada, Germania, Italia, Marocco, Portogallo, Stati Uniti, Svizzera, Turchia e Ungheria. Finora gli Stati Uniti non erano mai apparsi in una lista rossa israeliana.

    All’inizio della pandemia era stato deciso un bando a tutti i viaggi e vi erano state speculazioni sul fatto che il governo Netanyahu avesse preferito un divieto generale per non offendere il presidente americano Donald Trump. La misura ha un impatto molto forte per le centinaia di migliaia di israeliani che hanno anche la nazionalità americana. Gli israeliani che vogliono viaggiare verso paesi della lista rossa devono chiedere un permesso speciale da un’apposita commissione governativa. I cittadini o i residenti in Israele che tornano da uno di questi paesi devono rimanere in quarantena in alberghi gestiti dallo stato fino al primo test negativo. Dopo devono rimanere in isolamento a casa per sette giorni anche se vaccinati.

    A quanto scrive oggi il Jerusalem Post potranno essere fatte eccezioni per nonni di nazionalità straniera in caso di importanti eventi familiari in Israele. Della lista rossa facevano già parte Danimarca, Emirati Arabi Uniti, Finlandia, Francia, Gran Bretagna, Irlanda, Spagna, Svezia, oltra a Sudafrica e diversi paesi africani.

  • Scholz, non possiamo chiudere gli occhi su prossima ondata

    “Io posso capire tutti quelli che non ce la fanno più a più sentir parlare del virus e delle varianti. Ma non possiamo chiudere gli occhi di fronte alle prossima ondata”. Lo ha detto il cancelliere tedesco Olaf Scholz, in conferenza stampa a Berlino, dopo il vertice con i ministri presidenti dei Laender. Scholz ha spiegato che i contagi dell’ondata in corso (provocata dalla Delta) calano, le misure sono efficaci e che questa “sarebbe una buona notizia”. “Purtroppo rischiamo l’ondata numero cinque”, ha aggiunto, ricordando che in Gran Bretagna la Omicron è dominante. “Le infezioni aumenteranno in modo massiccio. Dobbiamo preparaci adesso”, ha concluso.

  • Francia, 78.832 nuovi casi

    La Francia ha registrato 78.322 nuovi casi di coronavirus nelle ultime 24 ore. Lo riportano i dati del ministero della sanità francese.

  • Brasile,ente scientifico autorizza il carnevale a Rio

    Un ente scientifico legato al Comune di Rio de Janeiro ha autorizzato lo svolgimento dei ’blocos de rua’ (balli stradali in maschera) in occasione del carnevale del 2022 in città, considerata la capitale turistica del Brasile. “Il Comitato speciale per il contrasto al Covid (Ceec), in base allo scenario epidemiologico favorevole e considerata la copertura vaccinale dell’80%, raccomanda di non stabilire alcuna restrizione per il Carnevale di Rio”, si legge in una nota ufficiale.

    Il sindaco Eduardo Paes, la scorsa settimana aveva precisato che qualsiasi decisione sul carnevale di strada sarebbe stata sottoposta al Ceec nel contesto della comparsa di Omicron. Proprio ieri è stato segnalato il primo caso ufficiale della nuova variante del coronavirus a Rio. Allo stesso tempo Paes, tifoso sfegatato del carnevale, aveva già promesso la realizzazione delle sfilate ufficiali delle scuole di samba, trasmesse dalle televisioni locali in diversi Paesi e oggetto di sponsor milionari. Circa 500 gruppi musicali del Carnevale carioca si sono nel frattempo iscritti per dare vita alle sfilate di strada attraverso i vari quartieri della città.

  • Oms Europa: «Omicron tempesta in arrivo, sistemi sanitari a rischio»

    Omicron corre e «possiamo vedere un’altra tempesta in arrivo»: la nuova variante di Sars-CoV-2 «sta diventando dominante, o lo è già, in diversi Paesi» europei «tra cui Danimarca, Portogallo e Regno Unito, dove i suoi numeri raddoppiano ogni giorno e mezzo-3, con tassi di trasmissione mai visti prima».

    Una velocità di diffusione che porterà Omicron a prevalere «entro poche settimane in più Paesi della regione, mettendo ulteriormente a rischio la tenuta di sistemi sanitari già sotto pressione». E il monito lanciato da Hans Kluge, direttore dell’Ufficio regionale dell’Organizzazione mondiale della sanità per l’Europa, in una dichiarazione diffusa oggi per fare il punto su Omicron.

  • Covid, oggi in Italia 30.798 nuovi casi e 153 vittime

    Sono 30.798 i positivi ai test Covid individuati nelle ultime 24 ore, secondo i dati del ministero della Salute. Ieri erano stati 16.213. Sono invece 153 le vittime in un giorno, ieri erano state 137.

    PER APPROFONDIRE / L’articolo sul bollettino Covid di martedì 21 dicembre

  • Usa, il 73,2% dei nuovi casi Covid è dovuto a variante Omicron

    Il 73,2% dei nuovi casi di coronavirus negli Stati Uniti sono riconducibili alla variante Omicron. Lo riferiscono i Centri per il controllo e la prevenzione delle malattie (Cdc) spiegando che la variante Delta è stata rilevata nel 26,6% dei nuovi contagi. La scorsa settimana solo il 12,6% dei nuovi casi confermati negli Stati Uniti erano riconducibili alla Omicron, diagnosticata per la prima volta in Sudafrica, contro l’87% della Delta.

  • Gran Bretagna, oltre 90mila nuovi casi Covid in 24 ore

    Restano stabili attorno a quota 90.000 (90.629 nelle ultime 24 ore, circa mille meno di ieri, su 1,5 milioni di test giornalieri) i contagi totali da Covid censiti nel Regno Unito, alimentati dall’impennata della nuova variante Omicron. Lo indicano i numeri ufficiali, che danno i morti di nuovo in aumento a 172 (ma con il tradizionale recupero statistico di una parte di dati riferiti al weekend) Frena intanto l’incremento dei ricoveri e. in parallelo i vaccini si assestano sull’obiettivo fissato da governo del milione al giorno (con altre 900mila terze dosi booster, il cui totale copre ora il 52% dell’intera popolazione over 12).

    La UK Health Security Agency ha inoltre conteggiato altri 15.363 casi accertati di contagio da Omicron: quasi il doppio di ieri.

  • Ema: «Donne incinte più a rischio, vaccino sicuro ed è giusto farlo»

    «Le donne incinte sono a rischio aumentato di esiti gravi quando si ammalano di Covid, sia in termini di ricoveri che di accesso alla terapia intensiva, di necessità di uso della ventilazione e di morte. E ci sono dati emergenti che indicano anche che l’esito della gravidanza può subire un’influenza negativa da Covid. Quindi è pienamente giustificato che le autorità sanitarie le mettano nella lista prioritaria» per la vaccinazione.

    A evidenziarlo è stato Georgy Genov, responsabile della Farmacoviglianza dell’Agenzia europea del farmaco Ema, che durante l’ultimo press briefing del 2021 ha voluto sensibilizzare sull’importanza di proteggere dagli effetti del virus le donne in attesa di un bebè. «I dati sulla sicurezza della vaccinazione a mRna nelle donne incinte - ha sottolineato - sono veramente rassicuranti. Il loro utilizzo nel secondo e terzo trimestre ha un buon profilo di sicurezza ed efficacia ed è importante sottolineare che le donne incinte dovrebbero essere vaccinate».

  • Draghi, somministrate 106 milioni di dosi

    “Medici, infermieri, volontari hanno somministrato oltre 106 milioni di dosi di vaccino – uno sforzo senza precedenti nella storia recente”. Così il presidente del Consiglio Mario Draghi intervenendo alla conferenza degli ambasciatori e delle ambasciatrici d’Italia nel mondo.

  • Verso ok Usa a pillole Pfizer e Merck in settimana

    La Food and Drug Administration dovrebbe approvare in settimana, forse già mercoledì, le pillole per il Covid di Pfizer e Merck. Lo riporta l’agenzia Bloomberg citando alcune fonti. L’autorizzazione amplierebbe la platea di farmaci a disposizione contro il virus.

  • Ema, «dobbiamo essere preparati ad altre nuove varianti virus»

    “Questo virus è ancora in una fase pandemica. Dobbiamo essere preparati” a nuove varianti di Sars-CoV-2, “essere pronti a vederlo cambiare ancora nel tempo finché non troverà una buona posizione per vivere nella comunità umana. Quindi dobbiamo avere tutti gli strumenti per dare una risposta” a tutto questo “e fornire vaccini che potranno essere efficaci”. A sottolinearlo è stato Marco Cavaleri, responsabile Vaccini e Prodotti terapeutici per Covid-19 dell’Agenzia europea del farmaco Ema, durante l’ultimo aggiornamento del 2021 dedicato alla stampa.

  • La Svizzera riduce da 6 a 4 mesi i tempi per la dose di richiamo

    La Svizzera ha ridotto pi tempi per la dose di richiamo del vaccino contro il Covid-19 da 6 a 4 mesi. “La vaccinazione di richiamo con un vaccino mRNA - spiega una nota dell’Ufficio federale della sanità pubblica (OFSP) - è ora raccomandata per tutti a partire dai 16 anni e soprattutto per gli anziani”. Inoltre, afferma l’UFSP, i dati indicano “che una vaccinazione di richiamo migliora notevolmente la protezione contro l’infezione da Omicron”. Si raccomanda inoltre che le persone che hanno ricevuto una dose di vaccino Janssen almeno quattro mesi fa “ricevano una dose di richiamo di un vaccino mRNA, a condizione che tale vaccino non sia controindicato o escluso per altri motivi”.

  • De Luca, «per dati contagio Campania sarebbe già in zona arancione»

    “Vi invito a stare attenti perché la variante Omicron sta esplodendo. Rispetto ai dati che abbiamo della sanità campana noi dovremmo stare già in zona arancione, non in zona gialla”. Lo ha detto il presidente della Regione Campania Vincenzo De Luca, nel suo intervento in Consiglio regionale nel corso della seduta sul bilancio. “Il dato che è arrivato ieri - ha aggiunto De Luca - era di occupazione del 12,5% di posti di area medica per ricoveri Covid ordinari e del 6% di occupazione di posti di terapia intensiva. Le soglie sono rispettivamente 15% per l’area medica e 10% per le terapie intensive. Adesso dobbiamo controllare quotidianamente che non vengano sforati i parametri nazionali altrimenti ci facciamo male, perché già per il livello di contagio per 100mila abitanti siamo oltre soglia. Reggiamo perché reggiamo sui ricoveri in area medica e in terapia intensiva. Dal punto di vista strettamente sanitario noi avremmo interesse ad andare subito in zona arancione, ma dal punto di vista sociale ed economico no, perché sarebbe una tragedia bloccare di nuovo l’economia della regione”.

  • Fedriga, puntare su 3/a dose non tamponi a vaccinati

    “Penso che bisogna puntare sulla terza dose e non sui tamponi per accedere ovunque: se noi diamo questi messaggi discordanti, rischiamo di non proteggere i cittadini”. E’ quanto ha sostenuto il presidente della Conferenza delle Regioni, Massimiliano Fedriga, a Rai News 24. “La terza dose protegge bene anche da Omicron - ha specificato -. Noi dobbiamo puntare su quello. Se cominciano a dire che per fare attività ordinarie serve il tampone anche per i vaccinati, rischiamo di perdere la campagna vaccinale”.

  • Cipro sosterrà campagna vaccini in Africa

    Il governo di Cipro sosterrà con una donazione la campagna vaccinale per la pandemia da Covid-19 in due Paesi africani, il Mozambico e la Repubblica Centrafricana, in collaborazione con il programma Dream della Comunità di Sant'Egidio, attivo da anni per la cura e la prevenzione dell'Aids in Africa. “La decisione - spiega Sant'Egidio - è stata presa a seguito della visita di Papa Francesco e delle espressioni di solidarietà che le sue parole hanno suscitato nella popolazione cipriota. Un forte appello a favore dei rifugiati presenti sull'isola, che provengono in larga parte dal continente africano. I fondi stanziati permetteranno di incrementare le vaccinazioni anti Covid-19 nei centri Dream”.

  • Omicron è dominante in Danimarca, nuovo record di casi

    La variante Omicron altamente trasmissibile è ora dominante in Danimarca che oggi ha stabilito un nuovo record per le infezioni quotidiane di Covid-19. E’ quanto ha affermato il ministro della Sanità. “L’Istituto di sanità pubblica ritiene che Omicron sia ora la variante dominante e sia in crescita”, ha twittato Magnus Heunicke. Un record di 13.558 nuovi casi in 24 ore è stato registrato nel Paese nordico che conta 5,8 milioni di persone.

  • Brasile: minacce ad agenzia vigilanza dopo ok vaccini bimbi

    La Polizia federale brasiliana ha annunciato l’apertura di un’inchiesta sulle minacce ricevute dai tecnici dell’Agenzia nazionale di vigilanza sanitaria (Anvisa). Gli attacchi sono aumentati da quando l’Agenzia ha autorizzato la vaccinazione contro il Covid-19 per i bambini dai 5 agli 11 anni.

  • Draghi, serve massima cautela nei prossimi mesi

    “L’altra priorità è la gestione della nuova fase della crisi sanitaria. La campagna di vaccinazione ci ha permesso di salvare vite e di riaprire l’economia, le scuole, i luoghi della nostra socialità. L’arrivo della stagione invernale e la diffusione della variante Omicron ci obbligano però alla massima cautela nella gestione dei prossimi mesi”.Lo ha detto il premier Mario Draghi alla Conferenza degli ambasciatori in corso alla Farnesina.

  • Nel Lazio 39.644 casi positivi, 128 in terapia intensiva

    Sono 39.644 le persone attualmente positive a Covid-19 nel Lazio, di cui 915 ricoverati, 128 in terapia intensiva e 38.601 in isolamento domiciliare. Dall’inizio dell’epidemia i guariti sono 412.857 e i morti 9.170 su un totale di 461.671 casi esaminati, secondo il bollettino aggiornato della Regione Lazio.

  • Governo spagnolo, più preparati ad affrontare ondata

    Il governo spagnolo insiste sulla necessità di essere “prudenti” e sulle strategie della “vaccinazione” e della “prevenzione” per far fronte a una nuova, esplosiva, ondata di contagi di Covid nel Paese. Intanto, il mondo politico è in pieno dibattito sulla necessità o meno di applicare nuove restrizioni in vista delle festività natalizie. “Siamo in un momento diverso rispetto ad altri affrontati in precedenza”, ha affermato in conferenza stampa la portavoce dell’esecutivo Isabel Rodríguez, “Possiamo dire che oggi siamo più preparati, abbiamo più strumenti e più esperienza”.

  • Vaccini: Russia, «oltre 70 milioni hanno completato ciclo»

    In Russia hanno ricevuto almeno una dose di vaccino contro il Covid-19 “quasi 76 milioni di cittadini, dei quali oltre 70 milioni hanno completato il ciclo di vaccinazione”: lo afferma il ministro della Salute russo, Mikhail Murashko, ripreso dalla Tass. In Russia vivono circa 146 milioni di persone.

  • Usa, primo morto per Omicron, era non vaccinato e con patologie pregresse

    Un uomo non vaccinato, con patologie pregresse, è morto in Texas dopo essere risultato positivo alla variante Omicron del coronavirus. Lo hanno annunciato le autorità dello Stato; si tratterebbe della prima morte, negli Stati Uniti, dovuta alla nuova variante. L’uomo, di oltre 50 anni, era già risultato positivo al Covid-19. La variante Omicron è diventata dominante negli Stati Uniti.

  • Oms, vaccino Novavax in elenco uso emergenza

    L’Organizzazione mondiale della sanità ha incluso il vaccino anti-Covid Nuvaxovid* di Novavax nell’elenco Oms per l’uso di emergenza (Eul). Si tratta del decimo inserito nell’Eul. Lo annuncia l’ente ginevrino, dopo il via libera di ieri al prodotto da parte dell’Agenzia europea del farmaco Ema. Nuvaxovid - ricorda l’Oms - è stato sviluppato da Novavax e dalla Coalition for Epidemic Preparedness Innovations (Cepi), ed è l’originator del vaccino Covovax* prodotto dal Serum Institute of India su licenza dell’azienda Usa, che l’Oms ha incluso nell’Eul il 17 dicembre.

  • Germania, Commissione vaccini raccomanda terza dose a tre mesi da seconda

    La Commissione tedesca sui vaccini (Stiko) ha raccomandato di somministrare la terza dose del vaccino contro il coronavirus a tre mesi dalla seconda, invece dei precedenti sei. La raccomandazione ha effetto immediato, ha aggiunto.

  • Omicron: Gb stanzia 1 miliardo di sterline per la ripresa

    Il governo britannico di Boris Johnson mette sul piatto uno nuovo stanziamento di denaro pubblico, pari a 1 miliardo di sterline aggiuntive, sul fronte del sostegno al mondo economico colpito dalla pandemia di Covid. Lo ha annunciato oggi il cancelliere dello Scacchiere, Rishi Sunak. Si tratta di fondi che saranno destinati in particolare a quei settori - alberghiero, ristorazione, viaggi, turismo - più minacciati dalle prime restrizioni imposte a causa dell’impennata di contagi alimentati dalla nuova variante Omicron e dalle ulteriori misure che potrebbero essere prese a breve.

  • Francia accelera procedura per l'adozione del Green pass

    La Francia ha deciso di convocare un consiglio dei ministri straordinario il 27 dicembre per accelerare l'iter legato al progetto di legge sul futuro Green pass, in modo che possa essere discusso la stessa settimana in Parlamento: è quanto annunciato dal portavoce del governo francese, Gabriel Attal. Il certificato sostituirà l'attuale pass sanitario, con una “definitiva adozione” da parte del Parlamento “nei primi quindici giorni di gennaio”, ha precisato il portavoce, aggiungendo che “il premier (Jean Castex, ndr.) l'ha annunciato questa mattina: abbiamo deciso di accelerare e anticipare questo calendario”, con l'obiettivo di ottenere il futuro pass “senza attendere”.

  • Inps: in 2020 tra dipendenti 291mila beneficiari congedi, media di 17 giornate

    Nella parte di Osservatorio dell'Inps dedicato al congedo parentale, per l'anno 2020 è stata introdotta una nuova variabile di classificazione (tipologia di congedo), che mette in evidenza il numero di beneficiari che nel corso dell'anno hanno usufruito del congedo parentale o del congedo Covid-19. In quest'ultima tipologia sono stati ricompresi tutti i lavoratori che si sono avvalsi di almeno un giorno di congedo Covid-19 tra tutte le tipologie previste dai diversi decreti emergenziali.

    Emerge, da questa analisi, che tra i lavoratori dipendenti, i beneficiari di congedi Covid-19 sono stati circa 291.000 con in media 17 giornate autorizzate; mentre i lavoratori autonomi (circa 11.000) e i lavoratori parasubordinati (circa 2.600), hanno beneficiato in media di 22 giornate. Il 51% dei beneficiari (circa 147.000) di congedi Covid-19 tra i lavoratori dipendenti del settore privato sono donne e risiedono al Nord; complessivamente il 21% di uomini (circa 60.000) è ricorso a questa tipologia di congedo, solo il 3% di uomini si riferisce alle regioni del Sud e delle Isole.

  • Ema: «Situazione epidemiologica resta preoccupante», per le 2 pillole antivirali «speriamo ok entro inizio anno»

    “A un anno dalla prima approvazione del vaccino non avrei creduto ci trovassimo ancora in una epidemia, ma come tutti sapete la situazione epidemiologica rimane estremamente preoccupante in Europa e la variante Omicron è diventata la variante predominate in un numero crescente di paesi”. Lo ha detto la direttrice esecutiva dell'Ema, Emer Cooke nel corso di una conferenza stampa. “Con cinque vaccini e sei trattamenti siamo molto più preparati dell'anno scorso - ha aggiunto - e siamo pronti ad adattare i vaccini e i trattamenti se necessario”. Cooke ha poi lanciato un appello ad “aumentare le vaccinazioni e le dosi booster”. Quanto alle 2 pillole antivirali, l’Ema spera «in un ok all’inizio del 2022».

  • Ema: «Con Novavax 1 miliardo dosi l’anno a Covax per vaccinare il mondo»

    Secondo l'Ema non esiste “ancora una risposta” sul fatto che i produttori di vaccini dovranno o meno adattare i loro vaccini anti Covid per contrastare la variante Omicron. “Lasciatemi sottolineare che, non c'è ancora una risposta sul fatto che avremo bisogno di adattare un vaccino con una composizione diversa per affrontare Omicron o qualsiasi altra variante”. Lo ha affermato la direttrice esecutiva dell'Ema, Emer Cooke nel corso di una conferenza stampa. La direttrice ha affermato poi che con il vaccino Novavax saranno disponibili «1 miliardo di dosi l’anno per il programma Covax» per vaccinare il mondo.

    (Photo by JUSTIN TALLIS / AFP)

  • Covid, allo Stato proroga titoli abilitativi edilizi e paesaggistici

    Incostituzionale la proroga dei termini dei titoli abilitativi disposta durante l'emergenza Covid dalla regione Lombardia (legge 18/2020) in modo difforme da quanto ha previsto lo Stato con i decreti legge 18 e 76 del 2020. “Le pur gravi difficoltà che investono il settore delle costruzioni in Lombardia, peraltro riscontrabili anche in altre realtà regionali, non giustificano l'introduzione di un regime regionale difforme”. Lo si legge nella sentenza n. 245 depositata oggi (relatrice Silvana Sciarra). La Corte costituzionale ha dichiarato illegittima la disposizione regionale di proroga dei termini, impugnata dal Governo perché in contrasto con la disciplina statale che, incidendo sulla durata dei titoli abilitativi, partecipa della natura di principio fondamentale della materia del governo del territorio.

    I giudici delle leggi hanno osservato che, nel seguire lo sviluppo dell'emergenza Covid e delle sue drammatiche ricadute, il legislatore statale ha inteso bilanciare l'interesse dei beneficiari dei titoli a conservare i rispettivi diritti e l'interesse pubblico a non vincolare l'uso del territorio per un tempo eccessivo. Di qui la proroga generalizzata dei titoli abilitativi su tutto il territorio nazionale, fino al novantesimo giorno successivo alla cessazione dello stato di emergenza.

  • Lopalco, tampone a vaccinati messaggio sbagliato

    In merito al tampone anche ai vaccinati per assistere ai grandi eventi “è una valutazione prettamente politica. Quello che io mi chiedo è: che messaggio diamo? Abbiamo detto 'vaccinatevi e sarete più liberi', e penso soprattutto a chi ha fatto anche la terza dose. L'aspetto comunicativo ha il suo valore”. Lo dice l'epidemiologo Pierluigi Lopalco. “Così facendo si darebbe più importanza al tampone che alla vaccinazione - prosegue - ma il primo è solamente uno strumento diagnostico”.

  • Istituto salute tedesco, limitare da subito i contatti

    L’istituto federale di salute pubblica Robert Koch Institut ha chiesto di “limitare al massimo i contatti da subito” fino a metà gennaio per tenere sotto controllo la nuova ondata di covid nella variante omicron. Lo ha divulgato lo stesso istituto via twitter. L’istituto ha chiesto anche di ridurre gli spostamenti ai viaggi assolutamente necessari e di adottare tutte le misure preventive disponibili.

  • Spal sospende vendita biglietti gare con Benevento e Pisa

    A rischio le ultime due gare del 2021 per la Spal. Il club ferrarese - che nei giorni scorsi ha comunicato la presenza di alcuni casi di di positività al Covid nel gruppo squadra, subito sottoposto alle procedure previste dal protocollo sanitario della Figc - ha sospeso le vendite dei biglietti per le prossime due gare interne allo stadio ’Mazza’, ossia Spal-Benevento in programma domenica 26 e Spal-Pisa in programma mercoledì 29 dicembre. Alla luce delle norme in vigore, in caso di positività da Coronavirus accertate ora spetta alle aziende sanitarie locali prendere una decisione sul giocare o meno le partite. Cosa avvenuta, in Serie B, nell’ultimo turno del campionato per Benevento-Monza, con il rinvio del match - causa cinque giocatori positivi nel Monza - dietro il provvedimento dell’Ats Brianza.

  • Green Pass: Ue, regole non mettono in discussione misure paesi

    L’aggiornamento circa la durata della validità del certificato vaccinale Ue “non mette in discussione” le misure aggiuntive sui viaggi “annunciate da alcuni Stati membri” come l’Italia “in reazione alla diffusione della variante Omicron”. Lo ha chiarito un portavoce della Commissione europea. La decisione sulla validità del certificato vaccinale “è limitato ai viaggi anche se incoraggiamo gli Stati membri ad allinearsi anche sui certificati nazionali”. La decisione “non mette in discussione le risposte di emergenza di alcuni Stati membri alla diffusione della variante Omicron”, ha aggiunto.

  • Fontana, dei nuovi casi in Lombardia 40% è no vax

    “Le persone non vaccinate neo infettate sono superiori al 40%” dato “che rappresenta il 15% della popolazione”, una “percentuale molto alta di no vax che sono infettate”. Così il presidente della Regione Lombardia Attilio Fontana a ’Buongiorno’ su SkyTg24.

  • Veneto, 4.716 positivi nelle ultime 24 ore

    I casi positivi in Veneto nelle ultime 24 ore sono stati 4.716. Lo rende noto la Regione, sottolineando che i tamponi molecolari sono 24.183 e gli antigenici 121.571. Il dato delle positività è inferiore ai 5.557 casi registrano solo venerdì.

  • Biden si prepara ad ondata Omicron, test ’fai da te’ e sostegno ad ospedali

    Rafforzare i centri per i tamponi in tutto il Paese, distribuire nelle case degli americani mezzo miliardo di kit per il test ’fai da te’ e soprattutto sbloccare nuove risorse federali per gli ospedali già allo stremo. Questi i capisaldi della strategia difensiva con cui la Casa Bianca intende cercare di frenare la nuova, improvvisa e drammatica ondata di Covid, determinata dalla variante Omicron che, secondo i dati del Cdc, è diventata dominante con il 73% dei casi dell’ultima settimana.

  • Israele in allerta Omicron blocca viaggi con Usa e altri Paesi

    Israele blocca i viaggi con gli Stati Uniti dove la variante Omicron del Covid-19 è stata annunciata come “prevalente”. Gli Usa rientrano quindi nella “lista rossa” che il Governo sta varando, verso i quali è vietato viaggiare, al fine di combattere la diffusione della nuova contagiosissima variante. Una commissione parlamentare ha approvato la proposta del ministero della Salute di vietare agli israeliani di viaggiare negli Stati Uniti ma anche in Canada, Germania, Belgio, tra gli altri, ha affermato la portavoce del comitato in un comunicato stampa.

  • Omicron:Vaia, Spallanzani sperimenterà vaccino sudafricano

    “I colleghi del Sudafrica ci chiedono di collaborare alla sperimentazione di un nuovo vaccino Rmna adaptive che stanno brevettando lì. Faremo un incontro a gennaio e partiremo con la sperimentazione allo Spallanzani”. Ad annunciarlo il direttore dello Spallanzani, Francevo Vaia, a margine degli auguri di Natale con i dipendenti. “E’ un vaccino contro Omicron - spiega Vaia - perché nasce lì in sud Africa. Questa è una buona notizia”.

  • Asl, stop Salernitana per 2 positivi e un sintomatico

    “Due positivi più un sintomatico hanno fatto suggerire al nostro contact tracing, anche sulla scorta delle comunicazioni del medico sociale della Salernitana che nelle 48 ore precedenti non c’era stato un rigoroso rispetto delle procedure del gruppo squadra, la sospensione dei movimenti dei giocatori contagiati e dei contatti stretti”. Lo dice Arcangelo Saggese Tozzi, responsabile Covid dell’Asl di Salerno in merito allo stop imposto alla Salernitana.

  • Agenas, posti in reparto al 13%, crescono in 12 regioni

    I posti letto nei reparti ospedalieri di area non critica salgono, a livello nazionale, al 13% rispetto a quelli disponibili e la percentuale cresce in ben 12 regioni: in Basilicata salgono al 9%, in Calabria al 23%, in Emilia Romagna al 12%, in Friuli Venezia Giulia al 23%, nel Lazio al 14%, in Liguria al 22%, nelle Marche al 18%, nella PA di Bolzano 17%, nella PA di Trento 19%, in Piemonte al 13%, in Puglia al 6%, in Toscana al 7%. E’ quanto emerge dal monitoraggio quotidiano dell’Agenza Nazionale per i servizi sanitari regionali (Agenas), che confronta i dati di ieri, 20 dicembre, con quelli del giorno precedente (12%).

  • Marche; 689 contagi in 24ore, incidenza verso 300

    Viaggia rapidamente verso quota 300 l’incidenza dei casi di positività al coronavirus su 100mila abitanti nelle Marche: nell’ultima giornata è passata da 284,99 a 296,38. E’ ancora la provincia di Ancona, secondo i dati dell’Osservatorio epidemiologico regionale, a registrare il maggior numero di casi (220), seguita da Fermo (116), Macerata (165), Pesaro Urbino (94), Ascoli Piceno (65); 25 i contagi di persone provenienti da fuori regione. Nelle Marche, ieri erano stati confermati altri due casi di variante Omicron (uno a Loreto in provincia di Ancona, e l’altro in provincia di Ascoli) dopo un primo caso di variante individuato a Roma in una ragazza di Tolentino di ritorno con un volo dal Sudafrica.

  • D’Amato, in Lazio possibile caso autoctono di Omicron

    “Ho ricevuto dal SERESMI-Spallanzani (servizio regionale sorveglianza e controllo delle malattie infettive) la notizia dell'individuazione di una variante Omicron accertata. Questo caso è di particolare interesse poiché sembrerebbe essere un caso autoctono, ovvero da una fase preliminare dell'indagine epidemiologica non emergono contatti con persone provenienti da altri Paesi”. Lo comunica l'Assessore alla Sanità della Regione Lazio, Alessio D'Amato.
    “Il paziente, giovane, attualmente è asintomatico ed è in isolamento”, prosegue D’Amato. “Ricostruendo l'albero dei contatti si arriva ad una festa a Roma con almeno quattro amici risultati poi positivi al tampone. Il paziente era vaccinato con Astrazeneca (due dosi) e non risultano viaggi nei 14 giorni precedenti l'insorgenza dei sintomi. Prosegue l'indagine epidemiologica a cura delle Asl competenti e sotto il coordinamento del contact tracing del SERESMI”.

  • Falsi vaccini: fino a 400 euro per dose, sequestrati dati

    Le indagini sulla truffa dei vaccini all’Hub della Fiera del Mediterraneo è solo agli inizi. Il sospetto è che ad avere pagato fino a 400 euro all’infermiera per la finta dose siano stati più degli undici finiti nell’indagine. Tra questi un’altra infermiera, sempre in servizio all’Hub, ed un poliziotto in servizio alla questura di Palermo. Avrebbero pagato per potere ottenere il Green pass. Il procuratore di Palermo Francesco Lo Voi, l’aggiunto Sergio Demontis e il sostituto Felice De Benedittis hanno anche disposto il sequestro preventivo dei dati informatici inseriti nella piattaforma nazionale “Digital green certificates” del ministero della Salute attraverso cui vengono rilasciati i Green pass.

  • Papa: Covid devastato mondo lavoro, prospettive drammatiche

    “La pandemia da Covid-19 ha aggravato la situazione del mondo del lavoro, che stava già affrontando molteplici sfide”, dice il Papa. “Milioni di attività economiche e produttive sono fallite - spiega Francesco -; i lavoratori precari sono sempre più vulnerabili; molti di coloro che svolgono servizi essenziali sono ancor più nascosti alla coscienza pubblica e politica; l’istruzione a distanza ha in molti casi generato una regressione nell’apprendimento e nei percorsi scolastici”. Inoltre, “i giovani che si affacciano al mercato professionale e gli adulti caduti nella disoccupazione affrontano oggi prospettive drammatiche”.

  • Inail, 185.633 contagi sul lavoro da inizio pandemia

    Dall'inizio della pandemia alla data dello scorso 30 novembre i contagi sul lavoro da Covid-19 segnalati all'Inail sono 185.633, pari a oltre un sesto del totale delle denunce di infortunio pervenute da gennaio 2020 e al 3,7% del complesso dei contagiati nazionali comunicati dall'Istituto superiore di sanità (Iss) alla stessa data. A rilevarlo è il 22esimo report nazionale sulle infezioni di origine professionale da nuovo coronavirus elaborato dalla Consulenza statistico attuariale dell'Inail, da cui emerge anche che rispetto alle 183.147 denunce registrate dal monitoraggio mensile precedente i casi in più sono 2.486 (+1,4%), di cui 1.525 riferiti a novembre, 425 a ottobre, 62 a settembre e 67 ad agosto scorsi, mentre gli altri 407 casi sono riferiti per il 57,0% agli altri mesi del 2021 e il restante 43,0% al 2020. Il consolidamento dei dati permette, infatti, di acquisire informazioni non disponibili nelle rilevazioni precedenti

  • Esperto Gb, Omicron corre vertiginosamente, 36 ore per decidere

    Emergono perplessità e critiche da parte di alcuni scienziati e medici britannici sulla decisione presa ieri dal governo di Boris Johnson di attendere una maggior chiarezza sui dati prima di decidere un possibile giro di vite sulle restrizioni anti Covid per frenare l’impennata di casi alimentati dalla nuova variante Omicron. Le indicazioni del premier, indebolito da una serie di rovesci recenti e dalla fronda interna di parte della maggioranza Tory, sembrano al momento puntare in effetti su un potenziale rinvio della stretta fino a subito dopo Natale; ma esperti come l’epidemiologo Paul Hunter temono che aspettare un consolidamento dei dati possa rivelarsi tardivo anche solo per rallentare un’ondata di ricoveri in grado di riempire gli ospedali del servizio sanitario pubblico: soprattutto se le misure fossero adottate solo per Capodanno.

    Il premier britannico Boris Johnson

  • Trasporto aereo: incontro Giovannini-Assaeroporti, a breve Dm compensazioni Covid

    Incontro tra il ministro delle Infrastrutture e della mobilità sostenibili Enrico Giovannini e il presidente di Assaeroporti Carlo Borgomeo per un confronto sulle strategie di ripresa e sulle sfide che attendono il settore del trasporto aereo. All’incontro, informa una nota di Assaeroporti, erano presenti anche il capo della segreteria tecnica del Mims Mauro Antonelli e, per Assaeroporti, il vicepresidente Roberto Naldi e il direttore generale Valentina Menin.

  • Fontana, farò di tutto per ridurre restrizioni

    “Farò di tutto per ridurre il più possibile ogni tipo di restrizione, confidando sulla serietà delle persone, che rispetteranno quello che si dice loro”: questo è l’impegno del presidente della Lombardia Attilio Fontana. “Sono dell’opinione - ha spiegato a ’Buongiorno’ su Sky Tg 24 - che bisogna fare di tutto per ridurre la pericolosità che deriva dai contagi ma ridurre il più possibile ogni forma di restrizione. I nostri cittadini hanno sofferto tanto, le attività economiche hanno sofferto tanto, ma soprattutto i nostri cittadini si sono comportati bene, sia nel rispettare le regole che ne sottoporsi alla vaccinazione, quindi credo che i nostri cittadini in questo momento non possano essere sottoposti ad ulteriori restrizioni”. Per quanto riguarda l’ipotesi dell’obbligo di mascherina all’aperto in zona bianca, Fontana ha detto che “ci stiamo pensando, vedremo qual è l’evoluzione dei nostri dati”.

    Per approfondire/ Verso il green pass a sei mesi. Frenata sui tamponi ai vaccinati

  • Boom contagi in Australia, record New South Wales con oltre 3mila casi

    E’ salito sopra quota 3mila per la prima volta il numero dei nuovi casi di Covid-19 nel New South Wales, lo Stato più popoloso dell’Australia. Secondo gli ultimi dati, in 24 ore sono stati registrati 3.057 nuovi casi e due decessi; 284 persone erano in ospedale, in aumento rispetto alle 261 del giorno precedente, 39 delle quali in terapia intensiva rispetto alle precedenti 33. Il premier Scott Morrison ha convocato un incontro “informale” per mercoledì con ministri federali, premier statali e responsabili dei territori, mentre nuovi aumenti di infezioni sono state registrate in New South Wales e Victoria. I premier di quei due Stati probabilmente chiederanno di ridurre l’intervallo tra la seconda dose del vaccino e quella di rinforzo, passando da sei mesi a quattro mesi. Lo Stato di Victoria ha registrato 1.245 nuovi casi e sei decessi in 24 ore.

  • Cirio, obbligo tampone contraddice lavoro fatto

    “Sono mesi che spieghiamo alla gente di vaccinarsi per evitare il tampone, perché così indossa una corazza per sé e per gli altri. Imporre il tampone in maniera generalizzata rischierebbe di minare questo messaggio. E rischia di non essere la soluzione giusta”. C’è anche Alberto Cirio tra i governatori perplessi sull’obbligo di test per vaccinati o guariti dal Covid di cui si sta discutendo. “Che il tampone diventi misura ordinaria per un vaccinato con super Green pass per vivere la propria socialità contraddice tutto il lavoro fatto”, aggiunge il presidente della Regione Piemonte ai microfoni di Rainews.

  • In Israele superati i mille casi per secondo giorno

    Oltre mille casi di coronavirus in Israele in 24 ore, per il secondo giorno consecutivo e a causa della diffusione della variante Omicron. Lo ha reso noto il ministero della Salute israeliano, che ha dichiarato che 1.306 persone sono risultate positive al Covid-19 nell’ultima giornata e il tasso di contagio è ora pari all’1,27%, il più alto degli ultimi due mesi. Inoltre sono 81 i pazienti ricoverati in gravi condizioni negli ospedali israeliani, come spiegato dal ministero della Salute. Il 76% di loro non era vaccinato, ha precisato il ministero.

    Passeggeri al Ben Gurion Airport di Tel Aviv


  • Iran: ambasciatore richiamato dallo Yemen muore di Covid

    L’ambasciatore dell’Iran in Yemen, Hassan Irloo, è morto di Covid-19 dopo essere stato richiamato dal Paese in guerra per quelle che Teheran ha definito cure mediche. I media di Stato iraniani hanno riferito che il diplomatico è stato contagiato in Yemen. In precedenza Wall Street Journal aveva riferito che Irloo era stato rimosso dal suo incarico a causa di crescenti divergenze tra Teheran e gli houthi che controllano Sanaa. Il dipartimento di Stato degli Stati Uniti, sotto la presidenza Trump, aveva descritto Irloo come un membro dei Guardiani della rivoluzione iraniani

  • Istat: fatturato industria a ottobre + 2,8%, +16,9% anno

    Prosegue a ottobre, per il quinto mese consecutivo, la crescita congiunturale del fatturato dell’industria . Secondo i dati dell’Istat, a ottobre il fatturato dell’industria, al netto dei fattori stagionali, segna un aumento congiunturale del 2,8%, con una crescita sia sul mercato interno (+3,4%) sia sull’ estero (+1,4%). Nella media del trimestre agosto-ottobre l’ incremento è del 2,8% rispetto ai tre mesi precedenti (+4,0% mercato interno +0,7% estero). Corretto per gli effetti di calendario ( 21 giorni lavorativi contro i 22 di ottobre 2020), il fatturato totale cresce su anno del 16,9% (+19,4% mercato interno, +12,1% estero).

  • Russia, 25.907 nuovi casi e 1.027 morti in 24 ore

    In Russia nel corso dell’ultima giornata sono stati registrati 25.907 nuovi casi di Covid-19 e 1.027 decessi provocati dalla malattia: lo riporta il centro operativo nazionale anticoronavirus, ripreso dalla Tass. Secondo l’agenzia di stampa statale russa, nel Paese si registrano meno di 26.000 nuovi casi di Covid-19 in un giorno per la prima volta dallo scorso 6 ottobre. Nella giornata precedente, stando ai dati pubblicati ieri mattina, in Russia erano stati registrati 27.022 nuovi casi di Covid-19 e 1.019 decessi provocati dalla malattia. Secondo i dati del centro anticoronavirus, dall’inizio dell’epidemia in Russia sono stati rilevati 10.267.719 casi di Covid-19 e 299.249 persone sono morte a causa della malattia. Ma la Bbc riferisce che secondo l’agenzia statale russa di statistiche Rosstat più di 537.000 persone sono morte nel Paese tra l’aprile del 2020 e l’ottobre del 2021 dopo che è stata confermata o sospettata la malattia. In Russia vivono circa 146 milioni di persone.

  • Basket: focolaio Covid Ax Milano, Ats ordina stop attività

    Un focolaio Covid all’interno del gruppo squadra dell’Ax Milano, con sei persone positive. Per questa ragione l’Ats locale ha imposto la sospensione dell’attività dell’Olimpia, imponendo la quarantena domiciliare a tutti i membri della squadra. “L’attività sportiva - spiega l’Olimpia in una nota - potrà riprendere il 27/12 previa effettuazione di test antigenico di terza generazione negativo e contestuale effettuazione di test molecolare”. Milano quindi oggi non partirà per Kaunas dove domani avrebbe dovuto giocare in Eurolega e sarà rinviato anche il big match con la Virtus Bologna, in programma a Santo Stefano.

  • Oms: solo 10 Paesi senza contagi, nel mondo 274 milioni di casi e 5,4 milioni di morti

    Sono 273.900.334 i casi di coronavirus accertati nel mondo dall’inizio della pandemia, per un totale di 5.351.812 decessi, di cui oltre 45mila nell’ultima settimana. È quanto indicano i dati dell’Organizzazione mondiale della Sanità (Oms), che vedono in testa alla triste classifica dei contagi e dei morti gli Stati Uniti, con 50.415.500 casi accertati e oltre 800mila morti.
    Se il virus è diffuso sulla quasi totalità del Pianeta, secondo l’Oms vi sarebbero ancora 10 Paesi o territori ancora ’Covid-free’. L’elenco comprende: Corea del Nord, sulla cui attendibilità vengono però sollevati numerosi dubbi; Kiribati; Micronesia; Nauru; e Niue. Questi ultimi 4, tutti stati insulari che si trovano nel Pacifico.
    Nella lista dei luoghi dove non sono ancora stati rilevati ufficialmente casi di Covid compaiono anche le Isole Pitcairn e l’Isola di Sant’Elena, entrambi Territori britannici d’Oltreoceano, il territorio neozelandese di Tokelau, l’arcipelago di Tuvalu e il Turkmenistan.

    I dati dei vaccinati al 20 dicembre 2021
  • Costa (Salute): In Cabina di regia valutazione su riduzione durata green pass

    «Una riflessione dovrà essere fatta in merito alla riduzione del green pass , ovviamente siamo in un campo in cui la politica attenderà con fiducia le indicazioni scientifiche. Altre misure puntuali le valuteremo ma per quanto riguarda i tamponi ai vaccinati, non sono sicuro che quella sia la strada dal momento che abbiamo sostenuto con decisione la campagna vaccinale. E non penso neanche che la proposta di tanti sindaci di avanzare il Green Pass nelle scuole possa essere oggi una strada percorribile: siamo vicino alle vacanze di Natale e abbiamo tutto il tempo per valutare e fare il punto sulla campagna vaccinale per gli under 12». Così il sottosegretario alla Salute Andrea Costa intervistato su RaiNews24 in merito alle misure attese dalla Cabina di regia sul Covid-19 convocata dal presidente del Consiglio Mario Draghi giovedì 23 dicembre.
    «Bisogna proseguire con prudenza e gradualità, così come ha sempre fatto l’Italia nella gestione della pandemia con tutta una serie di misure restrittive come il super Green Pass, ma senza diffondere allarmismi o panico - ha detto Costa -. Stiamo valutando la situazione con prudenza e attenzione e faremo le opportune valutazioni sui nuovi dati relativi alla variante Omicron, in arrivo tra oggi e domani. La strategia è proseguire rapidamente con la campagna vaccinale e con le terze dosi, su cui ci arrivano dati positivi».
    Quanto al vaccino Novavax non a mRna approvato il 20 dicembre dalla Ue, «significa avere un’arma in più e ci auguriamo possa convincere qualche cittadino a vaccinarsi». Rispetto all’obbligo, «anche questo lo abbiamo introdotto con gradualità, oggi è previsto per alcune categorie, valuteremo nelle prossime settimane se sia il caso di estenderlo ad altre ancora», ha concluso Costa.

    Il sottosegretario alla Salute, Andrea Costa (Ansa/Massimo Percossi)

  • In Germania 23.428 contagi, incidenza in calo

    In Germania sono stati accertati 23.428 nuovi contagi da Coronavirus nelle ultime 24 ore. Una settimana fa i contagi erano stati 30.823. In calo l’incidenza settimanale, con 306,4 casi per 100mila abitanti contro i 316 di ieri e i 375 di una settimana fa. I decessi causati dal Covid-19 sono stati 462, contro i 473 di una settimana fa. I guariti da inizio pandemia sono stati 5.866.900.
    L’istituto Rki ha pubblicato intanto su Twitter la rivalutazione del rischio infezione aggiornato a dopo l’arrivo della variante Omicron, rischio definito “molto alto” con un possibile improvviso aumento dei casi e sovraccarico per le strutture sanitarie. Il rischio è considerato ’molto alto’ per le persone non vaccinate, ’alto’ per persone guarite e vaccinate con immunizzazione di base, ’moderato’ per persone vaccinate con vaccinazione di richiamo.

    Il ministro della salute tedesco Karl Lauterbach (Reuters/Annegret Hilse)

  • In Germania vertice urgente tra Scholz e i premier dei Lander

    È in programma nel pomeriggio del 21 dicembre il vertice in videoconferenza tra il cancelliere Olaf Scholz e i 16 premier dei lander tedeschi, per discutere le misure da adottare per arginare la quinta ondata della pandemia .
    Il vertice d’urgenza è stato deciso dopo l’avvertimento lanciato dal nuovo Consiglio di esperti del governo federale, che ha messo in guardia dai rischi derivanti dalla rapida diffusione della variante Omicron del virus. Tra i punti all’ordine del giorno del vertice di oggi, le misure da adottare per ridurre i contatti tra la popolazione, compresi i vaccinati e i guariti e la probabile chiusura di locali notturni e discoteche.

    Il Cancelliere tedesco Olaf Scholz (Ansa/Mauro Scrobogna/Pool/Lapresse)

  • In Ucraina 6.029 nuovi casi e 346 morti in 24 ore

    In Ucraina nel corso dell’ultima giornata sono stati registrati 6.029 nuovi casi di Covid-19 e 346 decessi provocati dalla malattia: lo riporta il ministero della Salute ripreso dall’agenzia Ukrinform. Stando ai dati ufficiali, dall’inizio della pandemia nel Paese sono stati accertati 3.616.716 casi di Covid, inclusi 93.608 decessi.

    Il Presidente ucraino Volodymyr Zelensky (Epa\Valentyn Ogirenko)

  • La Nuova Zelanda rinvia la riapertura delle frontiere

    La Nuova Zelanda ha rinviato di circa 1 mese l’attesa riapertura delle frontiere per cercare di prevenire la diffusione nel Paese della variante Omicron del coronavirus : lo riporta il Guardian. “Aspettare fino alla fine di febbraio aumenterà la protezione complessiva della Nuova Zelanda e rallenterà l’eventuale diffusione di Omicron”, ha detto il ministro per la lotta al Covid, Chris Hipkins. “Non c’è dubbio che questo sia deludente e sconvolgerà molti piani per le vacanze, ma è importante definire chiaramente queste misure oggi in modo che (la gente) possa avere il tempo di valutare i loro piani”, ha aggiunto.
    Hipkins ha inoltre reso noto che il governo ha concordato una serie di altre misure precauzionali, tra cui la riduzione dell’intervallo tra la seconda dose del vaccino anti Covid e la dose booster da 6 a 4 mesi nonché l’aumento del periodo di quarantena per i viaggiatori di ritorno nel Paese da sette a 10 giorni. Il ministero della Sanità ha poi reso noto che nelle ultime 24 ore sono stati registrati 33 nuovi casi di coronavirus, dei quali 28 trasmessi localmente e cinque rilevati in persone provenienti dall’estero.

    Epa /Bianca De Marchi

  • Germania: GfK, fiducia consumatori crolla a -6,8 a gennaio da -1,8

    La fiducia dei consumatori tedeschi crolla a gennaio, a causa dell’impennata dei prezzi e della situazione sanitaria, secondo l’indice GfK pubblicato il 21 dicembre: l’istituto prevede che scenda a -6,8 punti a gennaio da -1,8 di dicembre. Si tratta del livello più basso dallo scorso giugno. Pesano sempre di più “gli alti tassi di contagi dovuti alla quarta ondata di Coronavirus e il significativo aumento dei prezzi”, commenta Rolf Burkl, esperto dell’istituto.

  • In Brasile ingressi solo a vaccinati e guariti, serve anche test negativo

    Il Brasile ha deciso di limitare gli ingressi nel Paese ai viaggiatori completamente vaccinati o guariti dal Covid-19 . All’arrivo, i viaggiatori dovranno anche esibire un test negativo. Le nuove regole, ha annunciato il governo, sono in vigore da subito. I viaggiatori dovranno fornire la prova dell’avvenuta vaccinazione direttamente alle compagnie aeree, prima di imbarcarsi sui voli per il Paese. Il governo in precedenza aveva respinto l’implementazione di queste nuove regole, ma è stato ora costretto alla decisione dopo una sentenza della Corte Suprema federale di Brasilia. Anche l’agenzia sanitaria Anvisa aveva raccomandato le misure.

    Afp

  • Palermo: simulano vaccinazioni, 3 fermati dalla Digos

    La Digos di Palermo ha fermato la mattina del 21 dicembre 3 persone per aver simulato la vaccinazione contro il Covid . Un’infermiera e altre 2 persone devono rispondere dei reati di corruzione, falso ideologico e peculato. L’infermiera era impiegata nell’hub della fiera del Mediterraneo a Palermo. La tariffa per essere vaccinati solo sulla carta, ottenere green pass e super green pass pur essendo esposti in maniera totale al Covid costava 400 euro. Sono in corso le perquisizioni, nell’ambito dell’indagine coordinata dal procuratore aggiunto Sergio Demontis e dal sostituto Felice De Benedittis, e l’analisi di tutti i filmati per capire quanti sono i falsi vaccinati dall’infermiera di stanza all’hub della fiera di Palermo, ma dipendente dell’ospedale Civico.
    Tra i falsi vaccinati, oltre al leader dei No vax Filippo Accetta e all’amico Giuseppe Tomasino, anche due parenti di quest’ultimo. Gli agenti della Digos sono risaliti ai tre grazie a intercettazioni telefoniche ed ambientali e riprese video nel centro di vaccinazione, che hanno permesso di accertare che l’infermiera avrebbe effettuato altre otto false vaccinazioni, tra cui un’altra infermiera che operava presso la Fiera del Mediterraneo ed un poliziotto della questura di Palermo. Sono stati infine sequestrati i dati informatici inseriti presso la “Piattaforma nazionale digitai green certificate” del Ministero della Salute - con conseguente sospensione e blocco della loro operatività dei Green Pass di tutti i soggetti che hanno effettuato i falsi vaccini. (ANSA).

    Ansa

  • Usa, la National hockey league sospende il campionato

    La National hockey league (Nhl), la principale lega professionistica di hockey nordamericana, ha annunciato la sospensione del campionato. Tutti gli incontri in programma sono rinviati alla prossima settimana a causa del Covid .
    La Nhl è la prima lega professionistica Usa a prendere un tale provvedimento. Problemi di contagi tra i giocatori hanno già costretto la lega in questa stagione a ritardare circa una quarantina di partite. Lunedì 20 dicembre diverse squadre avevano annunciato che intendevano sospendere tutte le attività prima della sosta natalizia.

    Jerome Miron-Usa Today Sports

  • Cdc: Omicron è dominante in Usa tra i nuovi casi

    Omicron è la variante più comune nei nuovi casi di Covid-19 registrati negli Stati Uniti. Lo ha riferito il Centers for disease control and prevention (Cdc). La variante, estremamente trasmissibile, rappresenta ora circa il 70% di tutti i nuovi contagi rilevati negli Usa. Una settimana fa il dato era del 13%. Secondo quanto registrato nei primi casi, Omicron sarebbe meno pericolosa delle altre varianti finora registrate, ma gli scienziati attendono ulteriori ricerche per una valutazione definitiva.

    Usa, Omicron è la variante dominante. Ma non si pensa al lockdown


  • Serie A, la Salernitana non parte per la trasferta di Udine

    La Salernitana, dopo l’accertamento di casi di positività all’interno del gruppo squadra, non partirà per Udine dove avrebbe dovuto giocare il 21 dicembre alle 18,30. Lo ha comunicato in nottata il club. “L’U.S. Salernitana 1919, a seguito di accertate positività nel gruppo squadra - si afferma - prende atto delle disposizioni dell’Asl di Salerno che ha richiesto la sospensione dell’attività della squadra e ne ha vietato la partecipazione ad eventi sportivi”. “La società ha provveduto a comunicare tali disposizioni alla Lega Serie A e si rende disponibile ad ogni tipo di accertamento da parte delle autorità sanitarie locali”.

    Afp\Carlo Herman

  • Biden negativo a test dopo positività membro staff

    Il presidente Usa Joe Biden è risultato negativo al test Covid dopo la conferma della positività di un membro del suo staff. Lo conferma la Casa Bianca in una nota precisando che Biden, completamente vaccinato e testato ogni due giorni, si è sottoposto a tampone lunedì e che sarà testato nuovamente mercoledì.
    Lunedì era arrivata la conferma della positività di un membro del suo staff con cui Biden non ha regolari contatti ma che era stato a bordo dell’Air Force One, da Orangeburg, nella Carolina del Sud, a Philadelphia, in Pennsylvania. Vaccinato e con test negativo prima di salire sull’aereo presidenziale, il collaboratore aveva iniziato a manifestare sintomi domenica, venendo poi sottoposto a tampone lunedì.

    Il presidente Usa Joe Biden (AP /Evan Vucci)

  • Manovra: commissione in stand-by, riunione governo-capigruppo

    Fino a tarda serata erano ancora in stand-by i lavori sulla manovra al Senato, dove è continuata a slittare la convocazione della commissione Bilancio. È stata sospesa la riunione della maggioranza, per farne iniziare una fra i capigruppo, il governo e i relatori al provvedimento in commissione Bilancio a Palazzo Madama.
    Sul tavolo, da quanto trapela, la decisione su come procedere, se iniziare o meno il voto in commissione sui primi emendamenti riformulati, in attesa di quello sul superbonus. Nel frattempo il sottosegretario al Mef Federico Freni, assieme a uno dei tre relatori, Vasco Errani, ha incontrato i rappresentanti di FdI. “Sulle grandi questioni si registrano distanze, e c’è chiusura totale sulle delocalizzazioni. Ma c’è disponibilità su alcuni argomenti”, ha spiegato Luca Ciriani, capogruppo al Senato del partito all’opposizione: “Abbiamo visto un impegno sull’approvazione della norma sulla malattia dei professionisti che dovrebbe andare in porto - ha spiegato -. Abbiamo chiesto un impegno per i proprietari delle case occupate abusivamente. E abbiamo chiesto un impegno ad approvare un ordine del giorno per l’inserimento di un indennizzo per le reazioni avverse ai vaccini contro il Covid ”.

    Palazzo Madama (Ansa/Claudio Peri)

  • I vaccini

    L’andamento della campagna vaccinale

    I dati dei vaccinati al 20 dicembre 2021
  • La mappa

    I contagi in Italia

    Coronavirus: bollettino del 20 dicembre 2021

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti