Attualità

Ricciardi, buona probabilità vaccini proteggano da Omicron

Le notizie sul coronavirus di domenica 28 novembre in tempo reale

I dati dei vaccinati al 27 novembre 2021
  • Covid: Lagarde, non saremo protetti finché non saremo tutti vaccinati

    «Non saremo protetti finché tutti non saremo vaccinati». Lo ha detto la presidente della Banca centrale europea, Christine Lagarde, a Che tempo che fa su Rai3.

  • Covid: in comune Calabria scuole chiuse fino al 5 dicembre

    Il sindaco di Mongiana (Vibo Valentia), Francesco Angilletta, ha disposto la chiusura di tutte le scuole fino al 4 dicembre. La decisione é stata presa a causa del peggioramento nel centro delle Serre vibonesi, che ha una popolazione di poco più di 700 persone, dei contagi da Covid. Con la rilevazione di quattro nuovi positivi, i casi attivi sono saliti a 22. Il sindaco Angilletta ha anche deciso il divieto di accesso al campo di calcetto ed al parco giochi ospitati nell’area del Centro sociale. Nei giorni scorsi lo stesso primo cittadino aveva disposto l’uso delle mascherine anche all’aperto.

  • Vaccini: Ricciardi, passaggio epocale somministrazioni a bambini

    «Un passaggio epocale sarà la vaccinazione dei bambini. La vaccinazione dei bambini ora è il tassello probabilmente più importante per la diminuzione della circolazione del virus. In America ne hanno vaccinati più di 3 milioni, è una vaccinazione che si sta dimostrando straordinariamente sicura e protettiva». Lo ha detto Walter Ricciardi, consigliere del ministro della Salute, Roberto Speranza, a Che tempo che fa su Rai3.

  • Covid: Ricciardi, scuola punto debole, serve più attenzione

    «Occorre avere maggiore attenzione per le scuole perché in questo momento sono il punto debole». Lo ha detto Walter Ricciardi, consigliere scientifico del ministero della Salute, a Che Tempo che fa su Rai 3. Ricciardi ha sottolineato la necessità che gli studenti siano in classe distanziati e che i locali siano ventilati. «Ci sono degli elementi di debolezza frutto di mancati investimenti» nel passato, ha detto. Per poi auspicare che le Regioni si attrezzino per «potenziare» anche la «prevenzione» al fine di evitare la Dad.

  • Ricciardi, Figliuolo pensa a riaperture hub per booster

    «Arriveremo ad una terza dose praticamente per tutti e l’emergenza di nuove varianti ce la rende ancora più urgente. Se gli hub riapriranno al 100% per spingere sulle terze dosi? So che il generale Figliuolo sta pensando a queste riaperture». Lo dice Walter Ricciardi, consigliere del ministero della salute, a Che Tempo che Fa su Rai 3.

  • Covid, Lagarde: «risposta Italia a crisi molto forte»

    «Ogni tanto ci sono buone notizie. Penso che i risultati economici che possiamo osservare ora sono eloquenti. L’Italia ha superato bene la pandemia, eppure è stato un paese molto colpito con una contrazione del 9%, oggi invece l’economia italiana cresce del 6%. Si parla di un 6,5-6,6%. È una risposta molto forte alla crisi. Le riforme che sono state decise e che poi bisognerà applicare sono tali da convincere le agenzie di rating sul fatto che l’Italia abbia preso la strada giusta». Ad affermarlo è il presidente della Bce, Christine Lagarde intervenendo a Che tempo che fa su Rai 3 rispondendo a una domanda sull’aumento dell’outlook da parte di S&P da stabile a positivo.

  • Ricciardi, Omicron? Grande capacità diffusione ma no maggiore gravità

    La variante Omicron «è definita una variante di preoccupazione, ci sono degli elementi che destano attenzione che dobbiamo monitorare. Un fatto negativo è la grandissima capacità di diffondersi, la contagiosità è perfino superiore alla Delta, l’altro è la numerosità delle variazioni, che di per sé non è un fatto negativo ma, quando sono tante, la probabilità di contagio aumenta». Fra gli aspetti positivi, c’è quello secondo cui «non ha una maggiore gravità». Lo ha detto Walter Ricciardi, consigliere del ministro della Salute, Roberto Speranza, a Che tempo che fa su Rai3, specificando che gli studi sulla nuova variante del Covid sono solo all’inizio e proseguiranno.

  • Lagarde, da Omicron rischi su 2022 ma siamo più attrezzati

    «È chiaro» che un’eventuale aumento forte dei contagi per esempio legato all’ultima variante Omicron del Covid 19 potrebbe influenzare negativamene l’andamento dell’economia e questo ormai più per quanto riguarda il 2022 che il 2021, ma ora rispetto al passato «abbiamo più strumenti per combattere il nemico», dai vaccini alla conoscenza medica fino alla consapevolezza «individuale di mettere in atto misure di difesa dal virus». Lo ha detto la presidente della Bce, Christine Lagarde a Che tempo che fa.

  • Ricciardi, buona probabilità vaccini proteggano da Omicron

    «Da Israele ci arriva una notizia positiva: i test continuano a diagnosticarla, non ha bypassato i test. C’è una buona probabilità che i vaccini continuino a proteggerci». Lo afferma Walter Ricciardi, consigliere scientifico del ministro della Salute, parlando della variante Omicron a Che tempo che fa su Rai3.

  • Omicron, Gb convoca per il 29 novembre vertice urgente ministri Salute G7

    Il Governo britannico, che occupa attualmente la presidenza del G7, ha convocato per lunedì 29 novembre una riunione di emergenza dei ministri della Sanità dei paesi del G7 per discutere della variante del Covid Omicron. Lo riferisce il Guardian. Il G7 è composto da Canada, Francia, Germania, Italia, Giappone, Regno Unito e Stati Uniti. «Sotto la presidenza del Regno Unito, lunedì 29 novembre sarà convocata una riunione urgente dei ministri della salute del G7 per discutere gli sviluppi su Omicron», ha affermato domenica 28 il Dipartimento della salute e dell’assistenza sociale.

  • Sudafrica, niente strette ma si pensa a obbligo vaccino

    Il presidente del Sudafrica Cyril Ramaphosa ha lanciato un appello al mondo «ad eliminare immediatamente il blocco dei voli» dal suo Paese. In un discorso alla nazione, dopo la scoperta della variante Omicron, ha poi detto che, al momento, non sono previste nuove restrizioni anti-Covid ma si esplorerà la possibilità dell’obbligo di vaccino in alcune circostanze. «Il governo - ha detto - ha istituito un gruppo di lavoro che intraprenderà ampie consultazioni per rendere obbligatoria la vaccinazione per attività e luoghi specifici e fornirà raccomandazioni al governo», ha detto.

  • Omicron: Israele, nei vaccinati la malattia è molto leggera

    Secondo il capo della sanità pubblica israeliana, Sharon Alroy-Preis, la potenzialità di trasmissione della nuova variante Omicron del Covid-19 è «molto alta» ma al tempo stesso - ha sottolineato - nei casi di vaccinati la malattia è «molto leggera».

  • Omicron: secondo caso individuato in Israele

    Secondo caso di variante omicron rilevato in Israele. Lo ha fatto sapere il direttore generale del ministero della sanità Nachman Ash. Secondo i media si riferisce ad una donna rientrata di recente dal Sudafrica: le sue condizioni non sono gravi in quanto vaccinata. Il primo è stato invece riscontrato ieri in una persona, anche lei vaccinata, ritornata dal Malawi. In Israele ci sono altri casi sospetti di variante omicron ma ancora bisogna capire se i contagi sono avvenuti all’interno del Paese. Dalla mezzanotte del 28 novembre scattano le nuove regole decise dal governo che chiudono agli stranieri l’ingresso nel Paese per 15 giorni.

  • Caccia a contatti caso zero, isolate classi figli

    La situazione «è sotto controllo», assicura la Asl di Caserta: il paziente zero italiano della variante Omicron sta bene, e così i suoi cinque familiari, risultati positivi. A scopo precauzionale però sono state messe in isolamento le due classi delle elementari frequentate dai figli dell’uomo, dove finora dopo due serie di tamponi non sono emersi altri contagi: lunedì 29 novembre nuovo giro di test, poi se tutto andrà bene, entro la settimana, i bambini potranno riprendere le lezioni.

  • Covid: in Italia superati i 5 milioni di casi

    Con l’incremento odierno di 12.932 contagi, l’Italia supera i 5 milioni di casi Covid dall’inizio della pandemia: il totale confermato dai dati del ministero della Salute è infatti di 5.007.818.

  • Fvg banco prova del Super Green pass,scatta il 29 novembre

    Lunedì 29 novembre il Fvg - unica regione in giallo nell’Italia tutta bianca - sarà il banco di prova del Super Green pass, ovvero quello rilasciato solo col vaccino o con guarigione, anticipandone di una settimana l’applicazione nel resto del Paese. Senza questo certificato, per il momento solo in formato cartaceo, non si potrà andare allo stadio, al cinema, a teatro, né al ristorante o sedere al tavolo nei bar, non si potrà partecipare a cerimonie o feste o andare in discoteca. Occorrerà il Super pass, che si ottiene esibendo il certificato vaccinale o di avvenuta guarigione, in versione cartacea completa. Esclusi dunque dalla vita sociale i non vaccinati. Nessuna limitazione, invece, nemmeno transitoria, è prevista per chi abbia avuto il Covid da meno di 6 mesi o si è vaccinato negli ultimi 12 mesi. Ma torna l’obbligo, per tutti, della mascherina, anche all’aperto.

  • Omicron: von der Leyen, è una corsa contro il tempo

    «È una corsa contro il tempo» per il contrasto della variante Omicron. «Consideriamo la variante in maniera molto seria. Ci vorranno due-tre settimane per avere una visione completa delle caratteristiche di questa mutazione. La priorità, innanzitutto, è vaccinarsi, vaccinarsi, vaccinarsi e fare la terza dose. La seconda priorità è tenere le mascherine e il distanziamento sociale». Lo ha detto la presidente della commissione Ue Ursula von der Leyen nella conferenza stampa da Riga, dove ha incontrato i vertici del governo lettone.

  • Covid:12.932 positivi, 47 vittime. Oltre 5 milioni casi totali

    Sono 12.932 i positivi ai test Covid individuati nelle ultime 24 ore, secondo i dati del ministero della Salute, ieri erano stati 12.877. Sono invece 47 le vittime in un giorno, in calo rispetto a ieri, quando erano state 90. Il totale dei casi di positività dall’inizio dell’emergenza ha superato i cinque milioni (esattamente 5.007.818).

  • Speranza agli infettivologi, vostro aiuto anche su Omicron

    «Nei momenti più difficili abbiamo sempre potuto contare su una comunità scientifica all’altezza. Mai come oggi appare l’evidenza di quanto sia importante essere capaci di divulgare in un eccesso di informazione. In queste ore ci aspettiamo una capacita’ di approfondimento e comprensione anche sulla nuova variante Omicron». Lo ha detto il ministro della Salute Roberto Speranza in collegamento al congresso SIMIT (Società Italiana di Malattie Infettive e Tropicali), a Milano.

  • Vaccini:il 4/12 maratona in Trentino,obiettivo 100mila dosi

    Il 4 dicembre scatterà in Trentino una ’maratona vaccinale’ di 5 giorni nei centri di somministrazione distribuiti sul territorio che rimarranno aperti dalle 6 del mattino fino a mezzanotte. L’obiettivo è immunizzare 100.000 trentini con la prima o con la terza dose di vaccino anti-Covid, per mettere quanto prima in sicurezza tutta la popolazione.

  • Covid: Alto Adige rischia giallo, in Trentino su nuovi casi

    L’Alto Adige si avvicina alla zona gialla: lo dicono i dati dell’Azienda sanitaria, in particolare quelli sui ricoveri in rianimazione, dove è al limite la soglia per il cambio di colore del 10%. Nelle ultime 24 ore non ci sono stati decessi per Covid e sono stati processati 2.255 tamponi molecolari pcr e registrati 395 nuovi casi positivi. I pazienti Covid-19 ricoverati nei normali reparti ospedalieri sono 91, più altri 64 che sono ricoverati nelle strutture private convenzionate. In isolamento a Colle Isarco ci sono poi altre 3 persone, mentre il numero di ricoverati nei reparti in terapia intensiva è pari a 10. Le persone in quarantena o isolamento domiciliare sono 10.387. Anche in Trentino i numeri confermano la tendenza di questi ultimi giorni ad un numero consistente di nuovi contagi da Covid: sono 111 i nuovi casi positivi, 17 al molecolare (su 465 test effettuati) e 94 all’antigenico (su 6.609 tamponi). I molecolari poi confermano 23 positività intercettate nei giorni scorsi dai test rapidi. I pazienti ricoverati sono 50, di cui 7 in rianimazione. Nella giornata di ieri sono stati registrati 8 nuovi ricoveri e 2 dimissioni. Nessun decesso. I vaccini somministrati hanno raggiunto quota 835.235, di cui 376.055 seconde dosi e 39.855 terze dosi.

  • Covid: variante Omicron, terzo caso in Gb

    Terzo caso di contagio da variante Omicron nel Regno Unito. Lo ha reso noto l’Agenzia britannica per la sicurezza sanitaria, secondo cui la persona risultata positiva è arrivata nel Regno Unito dall’Africa meridionale e adesso ha lasciato il Paese.

  • Covid: Reali Belgio modificano la visita in Italia

    I reali del Belgio hanno deciso, di concerto con le autorità italiane, di rimodulare la visita di Stato in programma in Italia dal 1 al 3 dicembre a causa dell’andamento della pandemia in Europa. Il viaggio avrebbe visto nel nostro Paese l’arrivo di Re Filippo, della Regina Mathilde e di alcuni ministri del governo belga. Solo Re Filippo - spiega la casa reale - sarà invece a Roma il primo dicembre per «una breve visita» durante la quale incontrerà il presidente Sergio Mattarella ribadendo «l’importanza delle relazioni privilegiate che legano Italia e Belgio».

  • Green pass: altre 30 multe per blocchi al porto di Ancona

    Arrivano altre 30 sanzioni amministrative per i manifestanti che tra il 15 e il 23 ottobre bloccarono a intermittenza via Mattei, una delle strade di accesso al porto di Ancona nell’ambito delle iniziative di protesta, non autorizzate, per l’obbligo del Green pass sul posto di lavoro. Le sta notificando in queste ora la Divisione di Polizia Amministrativa della Questura di Ancona. Si tratta dell’esito della seconda attività di identificazione di soggetti protagonisti dei blocchi stradali - riferisce la Questura in una nota - effettuata nel corso delle ultime settimane dalla Digos e la Pasi della Questura di Ancona, e dalla Polizia Scientifica del Gabinetto interregionale di Ancona. I primi dieci verbali erano già stati notificati ad altri attivisti no green pass che avevano fatto i blocchi stradali alla fine del mese di ottobre.

  • De Luca, vigili su Omicron, paziente campano quasi asintomatico

    «Il nostro concittadino» colpito dalla variante Omicron del Covid «aveva già fatto due vaccinazioni, meno male, si è contagiato ma senza grandi problemi. È quasi asintomatico, a conferma del fatto che, quando ci si vaccina, si può essere anche contagiati ma non si hanno ricadute pesanti dal punto di vista sanitario. Stiamo facendo tutti i controlli, i tracciamenti. Abbiamo isolato la famiglia e gli alunni della classe frequentata dai bambini». Lo ha detto il presidente della Regione Campania, Vincenzo De Luca, nella puntata di “Controcorrente” in onda stasera su Retequattro.

  • Lamorgese,attenzione alta su chi fa proselitismo tra no vax

    «L’estrema destra? In queste manifestazioni ci sono persone radicalizzate che cercano di fare proselitismo inserendosi nel circuito dei no vax. Noi stiamo seguendo con la massima attenzione». Lo dice la ministra dell’Interno Luciana Lamorgese alla festa del Foglio.

  • Green Pass: Lamorgese, mi pare proteste meno partecipate

    «Io ho emanato una direttiva a prefetti e questori perché le manifestazioni venissero svolte tenendo conto delle esigenze di tutti e delle esigenze sanitarie in primis». Così la ministra dell’Interno Luciana Lamorgese alla festa del Foglio intervistata sulle manifestazioni dei no pass e no vax. «Bisogna tener conto di coloro che vogliono fare la manifestazione» che però deve essere «con delle regole e ove possibile in forma stabile» e non deve «ledere i diritti alla mobilità, allo studio, di chi ha negozio e di chi vuole - in questo momento - uscire a fare delle spese per Natale. Non vedo perché debbano essere limitati», aggiunge. Lamorgese parla quindi di «aree dove possono manifestare senza ledere diritti degli altri». Poi aggiunge: «Mi pare che in questo momento le manifestazioni si stanno svolgendo ma mi pare con una minore presenza e partecipazione. Evidentemente chi doveva capire ha capito che forse non vale la pena insistere più di tanto».

  • Lamorgese: «I migranti che arrivano in Italia vengono vaccinati»

    «Abbiamo visto quali sono i paesi chiusi ai voli, non mi sembra che ci siano paesi presenti nella lista dei paesi da cui provengono» i migranti, «tra l’altro quando giungono nel nostro paese noi li vacciniamo. È un problema generale». Lo ha detto il ministro dell’Interno, Luciana Lamorgese, a margine della Festa dell’Ottimismo del quotidiano “Il Foglio” a Firenze, a proposito della nuova variante sudafricana del Covid.

  • Covid: Lamorgese, fatti 28milioni controlli, locali collaborino

    «Noi da gennaio ad oggi abbiamo controllato 28 milioni di persone, circa 3,6 milioni i luoghi pubblici come i ristoranti. È stato fatto tanto e andrà fatto ancor di più, con forze che abbiamo e anche con il ricorso alla polizia locale. Ce la metteremo tutta». Lo ha detto la ministra dell’Interno Luciana Lamorgese alla festa del Foglio. Fino ad ora, sulle norme anti-Covid «la maggior parte degli italiani sono stati obbedienti e rispettosi delle regole e questo ha aiutato anche le forze di polizia - ha detto la ministra -. Certo che da parte dei gestori dei locali occorrerebbe una maggiore collaborazione», ha spiegato. Lamorgese ha quindi prospettato «controlli a campione e cercheremo di sensibilizzazione anche i gestori di locali, piscine e locali».

  • Green Pass: Lamorgese, carenze organico,controlli a campione

    «Noi abbiamo delle carenze di organico, ricordiamoci che gli organici delle forze di polizia sono state tagliati nel corso degli anni, oggi gli agenti hanno tanti impegni e se fossimo di più sarebbe meglio, ma lavoreremo e faremo dei piani. Saranno controlli a campione e cercheremo di sensibilizzazione anche i gestori di locali e piscine». Lo dice la ministra dell’Interno Luciana Lamorgese alla festa del Foglio.

  • Covid:Lamorgese, piano controlli da ristoranti a metro

    «Noi domani mattina (lunedì 29 novembre, ndr) abbiamo un incontro con tutti i prefetti e le forze di polizia per stabilire un piano di controlli che poi sarà declinato sul territori». Questo piano sarà declinato «non solo nei ristoranti e negli esercizi di pubblico spettacolo, ma anche sui mezzi pubblici e nelle metropolitane. È un impegno notevole, ma c’è tutto l’intento di fare il massimo», «anche in relazione alla nuova variante». Lo dice la ministra dell’Interno Luciana Lamorgese alla festa del Foglio. Secondo Lamorgese i «controlli sono necessari anche per dissuadere chi pensa di eludere le regole».

  • Contagiato Omicron, «contento di essermi vaccinato»

    «Sono soddisfatto di essermi vaccinato, perché il vaccino nel nostro caso ha funzionato in maniera egregia». A dirlo al giornale radio Rai è il paziente zero italiano della variante Omicron. «Considerati i sintomi blandi miei e della mia famiglia, che è stata contagiata e comprende persone tra gli 8 e gli 81 anni,posso dire che l’infezione si è manifestata solo in modo lieve», aggiunge il manager che fa sapere di essere in isolamento e monitorato in maniera assidua da medici e autorità sanitarie.

  • Covid: positivo assessore regionale della Lombardia

    L’assessore al Bilancio della Regione Lombardia, Davide Caparini, è positivo al Covid. La notizia è emersa nel pomeriggio durante il dibattito sulla nuova legge sanitaria in Consiglio regionale in corso dal 10 novembre. A quanto si apprende da fonti di Palazzo Lombardia, l’assessore sta bene e non risulta sia stato in contatto stretto del Presidente della Regione Attilio Fontana. Il governatore non dovrà dunque mettersi in quarantena. Martedì si svolgeranno i test molecolari al Pirellone su consiglieri e personale.

  • Carfagna, super Green pass per Natale in sicurezza

    «La variante ci dice che la lotta contro il virus non è finita e non finirà presto. È un brusco richiamo alla realtà per tutti, però anche questa volta il governo italiano si è mosso per tempo perché le norme sul super Green pass ci consentiranno di non rallentare la ripresa economia e di garantire agli italiani di trascorrere un Natale in serenità e sicurezza». Lo ha detto il ministro per il Sud e la coesione territoriale Mara Carfagna a margine della Festa dell’ottimismo de Il Foglio a Firenze.

  • Covid: Lamorgese, massimo sforzo per controlli

    «Domani mattina (lunedì 29 novembre, ndr) abbiamo un incontro con tutti i prefetti per stabilire un piano di controlli sui territori, non solo nei ristoranti o negli esercizi di pubblico spettacolo, ma anche in metropolitane e trasporti pubblici. Metteremo il massimo impegno anche per dissuadere chi pensa di scansare le regole. Da gennaio a oggi abbiamo controllato circa 28 milioni di persone e 3 milioni di esercizi commerciali. È stato fatto tanto ma ancora di più c’è da fare». Lo ha detto Luciana Lamorgese, ministra dell’Interno, intervenendo alla Festa dell’Ottimismo organizzata dal quotidiano il Foglio a Firenze.«Oggi la salute pubblica è prioritaria», ha aggiunto.

  • Omicron: Germania conferma tre casi nel Paese

    La Germania segnala tre casi di contagiati dalla variante Omicron nel Paese. Dopo i primi due in arrivo dal Sudafrica a Monaco, resi noti ieri sera, il ministro degli affari sociali dello stato dell’Assia, Kai Klose, ha confermato che anche un altro contagio sospetto si è rivelato essere legato alla nuova variante. «Il sequenziamento ha confermato il risultato: il caso sospetto che è stato reso pubblico ieri mattina è legato alla variante Omicron», ha twittato Klose. Si tratta di un passeggero, sempre proveniente dal Sudafrica, risultato positivo al Covid al suo arrivo all’aeroporto di Francoforte.

  • Omicron: Marocco sospende tutti i voli per due settimane

    Il Marocco chiude le sue frontiere aeree per due settimane. Sono sospesi tutti i voli in arrivo in Marocco a partire da lunedì 29 novembre e fino a domenica 12 dicembre inclusa. La decisione arriva dal Comitato interministeriale, che segue gli sviluppi della pandemia da Covid, a causa della rapida diffusione della nuova variante Omicron.

  • Covid: Fauci, possibile America verso quinta ondata

    C’è la possibilità che l’America vada verso una quinta ondata della pandemia: lo ha detto il virologo Anthony Fauci parlando alla Cbs, riferendosi alla minaccia della nuova variante Omicron e puntando il dito su un tasso di vaccinazione stagnante e una deludente, finora, corsa verso il booster.

  • Palu’,prossima settima vaccino bimbi, anche a miei nipoti

    Il vaccino anti Covid per i bambini sarà approvato la prossima settimana e «farò vaccinare i miei nipotini appena sarà disponibile in Italia, le dosi arriveranno forse a metà dicembre. Lo farò perché con la variante Delta è cambiata la situazione in età pediatrica. I dati americani e anche quelli dell’Iss ci dimostrano che il 30% dei casi li riguarda, ci sono ricoveri. Chiederei ai genitori di farsi questa domanda: c’è più rischio con il vaccino o con il ricovero? Consiglierei di guardare le immagini di chi soffre di fame d’aria». Lo ha detto Giorgio Palu’ presidente dell’Aifa durante la trasmissione “Mezz’Ora in più”.

  • Covid: variante Omicron, due casi in Danimarca

    La variante Omicron è arrivata anche in Danimarca. Lo ha riferito l’Istituto di sanità di Copenaghen, secondo cui sono stati confermati due casi di contagio con il nuovo ceppo di Covid: le due persone positive sono arrivate in Danimarca con un volo dal Sudafrica e sono ora in quarantena, mentre ai loro contatti stretti è stato ordinato di mettersi in isolamento.

  • Omicron: Gb, obbligo mascherina in negozi e bus da martedì

    L’obbligo di mascherina nei negozi e sui trasporti pubblici in Inghilterra (che così si uniformerà al resto del Regno Unito) scatterà martedì, 30 novembre, insieme con i test per tutti gli arrivi nell’isola, per contenere la variante Omicron del Covid. Il segretario alla salute Sajid Javid ha affermato che le nuove restrizioni serviranno a garantire che le persone possano «godersi il Natale con le famiglie». Javid ha affermato che il governo ha agito «rapidamente» e «in modo proporzionato» ed intraprenderà ulteriori azioni «in modo proporzionato ove necessario», anche se al momento, ha spiegato, non è necessario lavorare da casa. E ha detto di sperare che la nuova stretta possa essere revocata nello spazio di qualche settimana.

  • Fedriga, «vaccino ai bambini tema delicato, bisogna parlare con i pediatri»

    «Dobbiamo ascoltare la scienza, il vaccino per i bambini è un tema delicato» per questo «bisogna parlare con i pediatri» ed è «essenziale che la popolazione adulta continui a vaccinarsi e che chi deve fare la terza dose la faccia. Il vaccino è un’arma che dobbiamo utilizzare per proteggerci». Lo ha detto il presidente della Regione Friuli Venezia Giulia, Massimiliano Fedriga, presidente della Conferenza delle Regioni, in una videointervista alla Festa dell’Ottimismo del quotidiano “Il Foglio” a Firenze, a proposito del super green pass. «La parte relativa ai bambini ha una particolare esigenza proprio perché stiamo parlando di bambini - ha aggiunto Fedriga - Ci vuole la massima attenzione».

  • Fedriga, «Super green pass dà certezze in fase di emergenza»

    «Si sono messe da parte le appartenenze partitiche» e le Regioni hanno chiesto in modo unito al governo misure che tengano insieme salute e lavoro: «il governo è stato attento alle nostre proposte e ha formulato il decreto dando certezze fondamentali in un momento di emergenza». Lo ha detto il presidente della Regione Friuli Venezia Giulia, Massimiliano Fedriga, presidente della Conferenza delle Regioni, in una videointervista alla Festa dell’Ottimismo del quotidiano “Il Foglio” a Firenze, a proposito del super green pass.

  • Speranza, «miei figli pensano virus sia grande nemico»

    «Nessun problema a vaccinare i miei figli, ho parlato con loro e seguirò le indicazioni della com unità scientifica». È quanto ha detto il ministro della Salute Speranza rispondendo ad una domanda di Lucia Annunziata. Speranza ha 2 figli tra i 5 e gli 11 anni. «I miei figli - ha aggiunto - ritengono questo virus un grande nemico». «Bisogna fare riferimenti ai pediatri - ha detto ancora -. Capisco che vaccinare i piccoli sia un tema delicato, quindi i genitori parlino con i pediatri. Abbiamo la fortuna - ha concluso - di avere pediatri tra i migliori al mondo».

  • Covid: Speranza, per dati su Omicron ci vorrà qualche settimana

    «Ci vorrà almeno qualche settimana» per avere i dati sulla variante Omicron, che «è già entrata nelle nostre comunità» e il suo studio «va approfondito, ma è sbagliato un atteggiamento non scientifico». Così il ministro della Salute Roberto Speranza a Mezz’ora in più su Rai3, precisando che «analizzeremo il caso del Sudafrica con attenzione».

  • Vaccini:boom prime dosi,+40% rispetto a scorsa settimana

    Crescono di circa il 40% rispetto alla scorsa settimana le somministrazioni delle prime dosi. Oggi, 28 novembre, i primi shot inoculati sono 28.385, ieri erano stati 28.018 e venerdì 25.607 a fronte della media di poco più di 17mila somministrazioni quotidiane la settimana scorsa. Il dato arriva a pochi giorni dall’annuncio dell’introduzione del super- Green pass da parte del Governo e dell’allarme per la diffusione della variante Omicron. Complessivamente, ieri sono state somministrate 294.007 dosi di vaccino anti-Covid.

  • Covid: Olanda, 13 positivi a nuova variante, potrebbero essercene altri

    Le autorità sanitarie dei Paesi Bassi hanno confermato l’esistenza di 13 casi accertati di nuova variante Omicron del Coronavirus nel paese, riscontrata in un gruppo di persone arrivate venerdì a bordo di voli in provenienza dal Sudafrica. In tutto 61 persone sono risultate positive dopo essere sbarcate dagli ultimi due voli che hanno raggiunto il paese prima della chiusura e per tutte è stato disposto l’isolamento. Intanto sono iniziati gli esami per stabilire se si trattasse o meno di variante Omicron. I test stanno ora proseguendo «e la nuova variante potrebbe emergere in altri risultati», hanno riferito le autorità sanitarie con una dichiarazione. La maggior parte dei 61 passeggeri è stata messa in isolamento in un hotel nei pressi dell’aeroporto, pochi hanno ricevuto il permesso di trasferirsi a casa propria a patto di attenersi a rigide precauzioni.

  • Speranza, rischio serio ma va ponderato

    «La situazione è seria e non può essere sottovalutata, ma va ponderata con gli esperti». Lo ha detto il ministro della Salute Roberto Speranza durante il suo intervento a Mezz’ora in più condotto da Lucia Annunziata. «È un bene per il mondo che ora esista una rete di allerta. Capiremo quanto il rischio e’ serio solo quando capiremo gli effetti sui vaccini». Speranza ha riferito di avere avuto informazioni sulla variante nel pomeriggio prima di chiudere i voli.

  • Speranza, guardia alta ma non precipitiamo giudizi

    «Credo sia troppo presto per sentenze definitive su questa mutazione. Ci sono elementi di preoccupazione ma non dobbiamo trarre conclusioni che non sono alla nostra portata. Siamo ancora in una fase epidemica significativa ma lo eravamo ancora prima che arrivasse questa variante. Non affrettiamo conclusioni, ho molta fiducia, solo 11 mesi fa eravamo senza vaccini». Lo ha detto il ministro della Salute Roberto Speranza durante il suo intervento a Mezz’ora in più condotto da Lucia Annunziata concludendo: «È giusto prendere precauzioni ma non precipitiamo i giudizi».

  • In Alto Adige 395 nuovi casi e nessun decesso, tasso al 5,6%

    Sono 395 i nuovi casi Covid registrati in Alto Adige a fronte di 6.942 tamponi processati (2.255 molecolari e 4.687 rapidi) per un tasso del 5,6%. È quanto emerge dal bollettino dell’Azienda Sanitaria dell’Alto Adige. Nessun decesso comunicato per lo stesso arco temporale per un totale di 1.239 da inizio pandemia. Sono 91 i ricoverati in reparto, 3 nelle strutture di Colle Isarco: 10 i ricoveri in intensiva. Sono 403 i nuovi guariti.

  • Svizzera favorevole a Green pass, vince il sì a referendum

    Gli svizzeri hanno detto «Sì» al Green pass: secondo le prime proiezioni SSR/gsf.bern, il 63% degli elvetici ha votato a favore nel referendum sulla legge che prevede l’introduzione del certificato anti-Covid.

  • Covid, Gentiloni «Chi dice che di nuovo in situazione pre vaccini sbaglia ed è pericoloso»

    «Chi dice che siamo di nuovo in una situazione senza speranza paragonabile al periodo pre vaccini dice una cosa inesatta e le cose inesatte sono pericolose». Così Paolo Gentiloni, commissario Ue, nel corso del suo intervento alla Festa dell’Ottimismo del Foglio.

    Certo, prosegue, «cosa possa accadere con questa variante è prematuro dirlo per chiunque. La reazione della Commissione europea è stata di invitare gli stati a prendere misure precauzionali. Ci vuole grande cautela ma eviterei eccesso di allarmismi». «Serve ottimismo» prosegue ricordando i due interventi Ue giudicate «straordinari»: il ’common procurement’ dei vaccini e il Qrcode , il green pass.

  • Speranza: «Variante Omicron ulteriore sfida, fase molto delicata»

    «La variante Omicron è un’ulteriore sfida. Dobbiamo mantenere il massimo livello di attenzione e cautela. Serve tempo per capire l’impatto di questa variante». Lo ha detto il ministro della Salute, Roberto Speranza, in collegamento video con la Festa dell’ottimismo, che si tiene in Palazzo Vecchio, a Firenze, organizzata dal quotidiano Il Foglio.

    «I numeri che vengono dai paesi europei sono significativi e allarmanti - ha aggiunto Speranza -. I nostri dati sono un po’ meno allarmanti, ma c’è una crescita significativa del contagio. È una fase ancora molto delicata».

  • Green pass rafforzato, Lamorgese: domani riunione con prefetti per piano controlli

    Dopo il decreto legge che ha introdotto il green pass rafforzato «noi faremo tutti i controlli necessari. Domai incontrerò i prefetti con il capo della polizia, i comandanti generali di Carabinieri e Guardia di finanza per predisporre i piani che i prefetti possono attuare sui territori». Lo ha detto il ministro dell’Interno, Luciana Lamorgese, intervistata al programma “Il Caffè della domenica” su Radio 24, il programma di Maria Latella. È, ha sottolineato il ministro, «il momento della responsabilità. Per passare in modo sereno il periodo natalizio dobbiamo fare la nostra parte».

  • Omicron, Sileri: ipotesi doppio tampone e quarantena per chi entra in Italia

    «Valuteremo nelle prossime 24-48 ore una strategia di contenimento a livello europeo. Fino a quando la presenza dell’Omicron era confinata a quelle regioni africane, la scelta giusta era bloccare i voli da quei Paesi. Ora invece servono decisioni comunitarie per nuove restrizioni». Lo dice alla Stampa il sottosegretario alla Salute Pierpaolo Sileri. «Si potrebbe reintrodurre l’obbligo di doppio tampone all’ingresso e di quarantena, ma solo per chi viene da Paesi in cui si registrano focolai, non casi singoli. Dobbiamo capire anche un’altra cosa: sappiamo che l’Omicron viene riconosciuta dai tamponi molecolari, ma non siamo ancora certi che gli antigenici abbiano la stessa efficacia. Nel caso, sarebbe un problema», spiega. In ogni caso, secondo Sileri, «potrebbe essere una variante che contagia di più, ma che non elude i vaccini. In questo caso, porterebbe solo la necessità di avere più vaccinati. Se invece li elude, sarà un problema serio. Dovremo rivedere anche le terapie con gli anticorpi monoclonali».

    Quando si saprà se è pericolosa? «Nel giro di una settimana - risponde -. Ora sappiamo solo che in Sudafrica c’è stato un aumento del 356% dei casi in una settimana. Se tra i loro ricoverati ci saranno anche dei vaccinati, avremo un indizio indiretto della minore o nulla efficacia di questi vaccini. Nel caso, dovremo aspettare 3 mesi per riprogrammare i vaccini, ma è verosimile che un certo grado di protezione ci sia».

    «La terza dose va fatta - avverte -. L’errore più grave sarebbe aspettare gli ipotetici vaccini per l’Omicron, perché la variante che ora circola qui è la Delta plus. Senza terza dose, in piena quarta ondata, rischieremmo di essere travolti dalla Delta, ancora prima che dall’Omicron».

  • In Russia 33.548 nuovi casi e 1.224 vittime nelle ultime 24 ore

    Nelle ultime 24 ore la Russia ha registrato 33.548 nuovi casi di positività al Coronavirus e 1.224 morti causati dall’infezione. Sono i dati riferiti dall’autorità sanitaria di Mosca.

  • Presidente medici Sudafrica: «Omicron dà sintomi lievi»

    «La nuova variante Omicron del coronavirus provoca una malattia leggera senza sintomi importanti»: lo ha dichiarato, ripresa da diversi media, Angelique Coetzee, presidente della Associazione dei medici del Sudafrica, Paese da cui proviene la variante e che l’ha isolata.

  • Svizzera oggi al voto per il referendum sul green pass

    Unico paese al mondo, la Svizzera vota oggi per un referendum sul green pass, che viene chiamato ’certificato covid’ ed è obbligatorio dal 13 settembre per andare al ristorante, in palestra, al cinema o partecipare alle grandi manifestazioni culturali o sportive. Malgrado l’aggressiva campagna elettorale dei contrari, le previsioni sono che il passaporto verde verrà confermato. I sondaggi indicano una percentuale stabile del 61% favorevole a questa misura e uno zoccolo di 38% di contrari, con solo l’1% di indecisi.

    Il voto si svolge mentre i contagi hanno ripreso a correre in Svizzera con un’incidenza molto alta, arrivata ormai a 870,82 contagi ogni 100mila abitanti nell’arco di due settimane. A questo si aggiunge la preoccupazione per la variante Omicron.

  • Locatelli: «Omicron più rapida, non sappiamo se più aggressiva»

    Per Franco Locatelli, coordinatore del Comitato tecnico scientifico, la variante Omicron è «rapida nella diffusione, ma non sappiamo se sia capace di provocare una malattia grave. Il vaccino, ora più che mai, resta fondamentale, unito all’uso della mascherina». Omicron «ha un elevato numero di mutazioni (oltre trenta), identificata per la prima volta in Botswana all’inizio di novembre e poi trovata in tutti e 77 i campioni analizzati dalla provincia Gauteng del Sudafrica, tra il 12 e il 20 novembre scorsi», spiega intervistato dal Corriere della Sera.

    L’incognita se riesca a sfuggire ai vaccini, «è la domanda cruciale. La presenza di mutazioni nelle regioni della proteina Spike riconosciuta dagli anticorpi o dalle cellule T linfocitarie potrebbe ridurre parzialmente l’efficacia dei vaccini - afferma -. Tuttavia, solo ulteriori valutazioni ci daranno una risposta fondata sull’evidenza».

  • Allerta Omicron, anche Israele chiude le frontiere

    Lo Stato di Israele chiuderà da questa sera la sue frontiere agli stranieri per due settimane. È quanto si legge in una nota diffusa dal primo ministro Naftali Bennett, in merito all’allerta Omicron. «L’entrata dei cittadini stranieri in Israele è interdetta con l’eccezione dei casi approvati da un’apposita commissione», si legge nella nota ufficiale del governo

  • Omicron, primo caso italiano in Campania

    L’allerta per la variante Omicron arriva anche in Italia, con un primo caso accertato in un paziente, residente in Campania, rientrato dal Mozambico e atterrato a Milano. Il genoma è stato sequenziato presso l’ospedale Sacco e l’Istituto superiore di sanità fa sapere che il paziente, vaccinato contro il Covid, è in buone condizioni di salute, così come i suoi parenti, in isolamento in Campania. Allo stato, si legge in una nota, non sono stati identificati contatti positivi in Lombardia.

    PER APPROFONDIRE / Variante Omicron, è allerta globale

  • Covid, ieri in Italia 12.877 casi e 90 vittime

    Alle 18.05 di sabato 27 novembre si sono registrati 12.877 nuovi positivi al Coronavirus (-809 giorno su giorno: venerdì erano 13.686) rilevati dal bollettino quotidiano diffuso dal ministero della Sanità e dalla Protezione civile. Il totale degli attualmente contagiati arriva così a 178.946 unità. Il “tasso di positività”, cioè il rapporto tra il numero totale dei tamponi effettuati e quelli che risultano postivi si è attestato al 2,1% (in calo dal 2,5%). I decessi sono stati 90.

    PER APPROFONDIRE / L’articolo sul bollettino Covid di sabato 27 novembre

  • Lab24: l’84,45% degli italiani over 12 è completamente vaccinato

    Il 76,97% della popolazione italiana ha completato il ciclo vaccinale primario. Il 2,56% è in attesa di seconda dose. Il 9,77% ha fatto la terza dose. Complessivamente – contando anche il monodose e i pre-infettati che hanno ricevuto una dose - è almeno parzialmente protetto il 79,52% della popolazione italiana. Considerando solo gli over 12, oggetto della campagna vaccinale, rispetto alla platea individuata dal Commissario straordinario per l’emergenza Covid-19 la percentuale di almeno parzialmente protetti è del 87,25% mentre l’84,45% è vaccinato.

    PER APPROFONDIRE:
    La mappa dei contagi
    Vaccini in tempo reale
    Tutto quello che ha scoperto la scienza

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti