Europa

Coronavirus oggi. Francia «favorevole» a controlli frontiere in Europa. Berlino preme per misure Ue anti-varianti. Gb: 1.820 morti, nuovo picco.

● Pfizer recupererà consegna dosi entro settimana 15/2
● Pfizer: nostro vaccino efficace contro variante inglese
● Francia, stazioni sci non riapriranno
● Pechino, in lockdown 1,7 milioni di persone
● Usa, i morti salgono a 400mila
● Germania, picco di 1.734 vittime
● Dal vaccino Pfizer segnali di efficacia anche contro la variante inglese
● Von der Leyen: «Dobbiamo essere più veloci con vaccinazioni. Chiudere le frontiere non ha senso»
● La Newsletter che fa il punto sulla pandemia

La visita del presidente sud-coreano Moon-Jae-a uno stabilmento per la produzione del vaccino anti-Covid (Epa)
  • Bozza Piano pandemico: distanziamento anche contro influenza

    “Come suggerisce l'esperienza australiana, le misure di distanziamento fisico sono state in grado di minimizzare l'impatto dell'influenza stagionale e potrebbero quindi mitigare, almeno in parte, il decorso di una pandemia influenzale”. L'indicazione è contenuta nella nuova bozza del Piano pandemico 2020-2023. Si è visto inoltre “che le mascherine chirurgiche o quelle di comunità, quando usate correttamente da tutti, insieme alle altre misure di prevenzione - si legge - esplicano un sostanziale effetto di popolazione nel ridurre la trasmissione dell'infezione”.

  • Nuova bozza Piano pandemico: valutare cure caso per caso

    Cambia, e si alleggerisce, il passaggio relativo alla cura dei pazienti in caso di scarsità di risorse in una nuova bozza del Piano pandemico 2021-2023, aggiornata al 18 gennaio. Il medico, si legge, “agendo in scienza e coscienza, valuta caso per caso” e “gli interventi si basano sulle evidenze scientifiche e sono proporzionati alle condizioni cliniche”. Nella prima bozza, dell'11 gennaio, l'indicazione era di trattare preferenzialmente i pazienti “con maggiori probabilità di trarne beneficio”. I vaccini sono le “misure preventive più efficaci, con un rapporto rischi/benefici particolarmente positivo, ed hanno un valore non solo sanitario, ma anche etico intrinseco di particolare rilevanza. La loro distribuzione deve rispondere a criteri trasparenti, motivati e ragionevoli, e deve rispettare i principi etici e costituzionali di uguaglianza ed equità, bilanciando i rischi diretti e indiretti con specifica attenzione a evitare un impatto negativo per chi è più vulnerabile sul piano bio-psico-sociale”. È questo un passaggio della nuova bozza del Piano pandemico aggiornato al 18 gennaio.

  • Pfizer recupererà mancata consegna dosi entro settimana 15/2

    La mancata consegna delle dosi del vaccino Pfizer-BioNtech sarà recuperata entro la settimana del 15 febbraio, secondo quanto si apprende a Bruxelles. Questa settimana tutti gli Stati membri hanno ricevuto il 35-40% di dosi in meno rispetto a quanto previsto. Ma la media tra questa settimana e la prossima, quindi calcolando le due settimane insieme, riporterà la percentuale delle dosi consegnate al 92%. Il restante 8% sarà recuperato nella settimana del 15 febbraio.

  • Ema: se non attivi su varianti, qualche mese per nuovi vaccini

    Se gli attuali vaccini anti Covid-19 dovessero dimostrarsi inefficaci nel contrastare una o più varianti del virus SarsCoV2, potrebbero essere rimpiazzati nell'arco di qualche mese. È quanto accadrebbe in quello che Marco Cavaleri, responsabile della Strategia vaccini dell'Agenzia Europea dei Medicinali, definisce lo “scenario peggiore” ma del quale per ora non ci sono segnali. Sono diverse le varianti del virus attualmente in circolazione: da quella inglese, che secondo l'Oms sarebbe già in 60 Paesi, a quelle sudafricana e brasiliana, fino a quella recentemente isolata in California.

  • Ema: risolti i problemi in prime dosi vaccino Pfizer

    «Si è riscontrata una differenza nei lotti del vaccino Pfizer- Biontech utilizzati negli studi clinici e nei lotti per la commercializzazione: in fase di produzione e nei primissimi lotti di prova la quantità di mRna integro alla base del vaccino era ridotta e la molecola si era degradata». Lo dice all’Ansa Marco Cavaleri, responsabile della Strategia vaccini dell'Ema. «È avvenuto in novembre e la documentazione relativa, accessibile dal sito dell'Ema, è riportata in stralci nelle email hackerate in dicembre. Il problema ora è risolto e il vaccino è accettabile per sicurezza ed efficacia», afferma.

  • Argentina, sì a vaccino Sputnik anche per over 60

    L'Amministrazione nazionale dei farmaci (Anmat) dell'Argentina ha raccomandato l'uso del vaccino russo Sputnik V contro il coronavirus per le persone con più di 60 anni. Secondo quanto riferito oggi dal governo e riportato dall'agenzia di stampa statale Telam, dopo aver analizzato i rapporti aggiuntivi inviati dal produttore del vaccino russo, l'Anmat ha stabilito che “è stato segnalato un livello di efficacia del 91,8% del vaccino per coloro che hanno più di 60 anni; l'immunizzazione dei volontari ha portato alla formazione di anticorpi nel 98,1% al ventottesimo giorno dopo la vaccinazione, e la variabile di sicurezza ha mostrato un profilo che non differisce da quello osservato nel resto della popolazione”. Inoltre, Anmat ha riferito che “dopo aver analizzato le nuove informazioni fornite per il vaccino VacunaGam-COVID-Vac (Sputnik V), è stato stabilito, attraverso il rapporto di espansione, che rientra in un margine di sicurezza accettabile, l'immunogenicità ed efficacia per la fascia di età oltre i 60 anni”. L'Argentina ha registrato finora 1.819.569 casi di coronavirus con 46.066 morti. Il 29 dicembre, il governo di Alberto Fernandez ha lanciato la campagna di vaccinazione nel Paese dopo l'arrivo delle prime 300.000 dosi di Sputnik V. Gli operatori sanitari sono stati i primi a ricevere le dosi.

    Il vaccino russo anti Covid Sputnik V. REUTERS/Fedja Grulovic/File Photo

  • Pressing Berlino, misure coordinate Ue anti-varianti

    La Germania propone misure anti-Covid aggiuntive, coordinate a livello Ue, per i viaggi dalle zone dove sono state individuate le mutazioni del Covid-19, per far fronte alla preoccupante diffusione delle varianti. Si legge in un documento di lavoro circolato dalla delegazione tedesca a Bruxelles, in vista della videoconferenza dei leader, di cui l'ANSA ha preso visione. “Proteggere la salute garantendo la libertà di movimento rende necessario che gli Stati intraprendano un'azione coordinata per contenere la diffusione delle varianti, col timore che ne emergano altre”.

  • Francia «favorevole» a controlli frontiere in Ue

    “La Francia è favorevole ad istituire controlli sanitari alle frontiere interne fra stati europei” per far fronte al pericolo delle varianti Covid: lo ha detto il portavoce del governo, Gabriel Attal. “Ci sono domande che possono essere poste - ha detto Attal al termine del Consiglio dei ministri - sulle frontiere in seno all'Ue e sarà l'oggetto delle discussioni che si svolgeranno domani nel quadro del Consiglio europeo”. “La Francia è favorevole - ha aggiunto - ad istituire controlli sanitari appena possibile e a far avanzare su questo punto il coordinamento europeo”.

    “Coloro che possono venire nel nostro paese da paesi esterni all'Unione europea - ha precisato Attal - sono quasi esclusivamente dei cittadini francesi, e devono presentare un tampone molecolare negativo prima di imbarcarsi per la Francia, impegnandosi anche ad osservare un isolamento di 7 giorni”

  • Domani il premier Conte in videocall a Consiglio Europeo su lotta Covid

    Il Presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, domani giovedì 21 gennaio alle ore 18 interverrà in videoconferenza al Consiglio europeo sulla lotta al Covid-19. Ne dà notizia un comunicato di Palazzo Chigi.

  • Focolaio in centro anziani del Barese, chiusa struttura

    Per un focolaio Covid tra gli anziani e il personale del Centro polivalente “Vivia” di Bitonto (Bari), la direzione ha disposto la chiusura temporanea della struttura. I primi sospetti casi positivi sono stati accertati lo scorso 15 gennaio quando la responsabile del Centro, Silvana Mirabile, ha disposto che tutti gli anziani che frequentano la struttura e i dipendenti fossero sottoposti a tampone dopo sintomi avvertiti da due di loro. Dopo i test antigenici rapidi che hanno rilevato diverse positività, la Asl ha proceduto ai tamponi molecolari che hanno confermato tre contagi tra gli educatori e una decina tra gli anziani, tutti asintomatici.

  • Francia, stazioni sci non riapriranno

    “Una riapertura degli impianti di risalita a metà o a fine febbraio sembra altamente improbabile”: lo ha detto il sottosegretario francese al Turismo Jean-Baptiste Lemoyne, annunciando - come previsto - che le strutture sciistiche non riapriranno come era stato annunciato dal 1 febbraio. Il sottosegretario ha aggiunto che “ci si orienta verso una 'stagione bianca'”, senza sci alpino.

    In Francia gli impianti sciistici restano chiusi. EPA/SEBASTIEN NOGIER

  • Nuova risalita positivi in Calabria (+313), 4 vittime

    Tornano a salire i nuovi positivi in Calabria. Nelle ultime 24 ore ne sono stati individuati 313 (ieri erano 191) a fronte di un numero di soggetti sottoposti a test simile, 2.436 contro 2.140. Quattro le vittime in più con il totale che arriva a 543. I ricoverati in terapia intensiva crescono di 3 persone (27) e quelli isolati a domicilio di 9 (9.775). Diminuiscono invece di due unità i ricoverati in area medica (303). I guariti crescono di 299 (19.185). In lieve crescita anche i casi attivi, 10.105 contro 10.095. I casi confermati oggi sono suddivisi a Cosenza 72, Catanzaro 65, Crotone 21, Vibo Valentia 23, Reggio Calabria 132. Ad oggi sono stati sottoposti a test 464.842 soggetti per un totale di 488.659 tamponi fatti con 29.833 positivi. A comunicarlo è il dipartimento Tutela della Salute della Regione.

  • Domani udienza su ricorso Lombardia a Tar Lazio

    È fissata per domani al Tar del Lazio l'udienza sul ricorso presentato da Regione Lombardia contro l'istituzione della zona rossa. La decisione del giudice monocratico è attesa prima del fine settimana.

    PER APPROFONDIRE: La Lombardia ricorre al Tar. «Zona rossa penalizzante»

  • Calcio, Benfica: salgono a 19 i positivi nel gruppo squadra

    Ieri il club, sul proprio sito online, ne aveva annunciati 17, oggi il numero dei positivi nel gruppo squadra del Benfica è salito a 19, fra calciatori e componenti lo staff tecnico. A quelli già noti, infatti, si sono aggiunti l'argentino Nicolas Otamendi e Nuno Tavares. Anche il presidente del glorioso club di Lisbona, Felipe Vieira, risulta positivo al Coronavirus. Questa sera il Benfica deve affrontare il Braga nella semifinale della Coppa di Lega portoghese: la vincente se la vedrà in finale contro lo Sporting.

  • Cina: «Vaccino CNBG efficace contro varianti»

    Il vaccino Covid-19 del China National Biotec Group (CNBG) prodotto in Cina è ad ampio spettro e può neutralizzare in modo incrociato diversi ceppi di coronavirus, ha detto un dirigente del CNBG oggi in una conferenza stampa. Zhang Yuntao, vicepresidente di CNBG, affiliato a Sinopharm, ha affermato che la società ha raccolto campioni di coronavirus trovati in altri Paesi che erano raggiungibili alla fine del 2020 e condotto test pertinenti. I risultati dei test all'epoca hanno mostrato che il vaccino poteva fornire un'ampia protezione contro ceppi provenienti da altre parti del mondo, ha detto Zhang. “Tuttavia, da allora abbiamo osservato segnalazioni di alcune nuove varianti da Paesi tra cui Sud Africa, Regno Unito e Nigeria”, ha affermato Zhang, sottolineando che la società sta prestando molta attenzione ai cambiamenti e continuerà a svolgere pertinenti test di neutralizzazione incrociata.

  • Domani a Milano due proteste ristoratori in piazza

    Domani i ristoratori milanesi scenderanno in piazza in due diverse manifestazioni per chiedere di riaprire e di avere ristori che permettano di sopravvivere. Al mattino, dalle 9 alle 11 parte della categoria parteciperà al presidio 'Basta siamo stremati' davanti alla prefettura, con l'intenzione di consegnare al prefetto Renato Saccone ceste degli alimenti che sono scaduti in questo periodo di chiusura. Una manifestazione, ha spiegato Alfredo Zini, che “è un modo per far capire le difficoltà”. “Negli ultimi due mesi abbiamo lavorato praticamente 12 giorni, l'anno scorso 170” e i ristori non sono certo sufficienti. “Sono solo due lire ed è importante dirlo alla popolazione” gli fa eco Paolo Peroli, che è fra gli organizzatori della manifestazione organizzata alle 16 dal comitato territoriale esercenti sotto la sede della Regione. A parlare, oltre a Peroli ci sarà Rosy Chin, ristoratrice cinese di seconda generazione, e uno delle “centinaia” di ristoratori falliti in questo periodo. “Andiamo in piazza - ha spiegato - per chiedere di potere aprire e perché il Cts ha ampliamente dimostrato che non siamo luoghi di contagio. Stiamo morendo, i ristori sono ridicoli e per questo domani saremo in tantissimi”.

    La protesta dell'osteria Dal Verme che apre al pubblico contro le chiusure dopo le 18 a Milano, 15 gennaio 2021. ANSA/Mourad Balti Touati

  • Nuovo picco giornaliero di morti in Gb, sono 1.820

    Ancora un record assoluto giornaliero di morti censiti per Covid nelle 24 ore nel Regno Unito, che tocca quota 1820 contro i 1610 di ieri. Il Paese è alle prese con una variante più aggressiva del virus che il lockdown nazionale sta solo lentamente frenando e che fa sentire ora i suoi effetti sui decessi a un paio di settimane dai picchi sui contagi. Si assesta invece a quasi 39.000 sul fronte dei nuovi casi certificati dai dati governativi di oggi, su quasi 580.000 test. Mentre le vaccinazioni salgono a oltre 5 milioni fra prime e seconde dosi somministrate (4,6 milioni e quasi mezzo milione, rispettivamente).

    Il premier britannico Boris Johnson (Photo by JESSICA TAYLOR / UK PARLIAMENT / AFP)

    Il totale dei decessi ufficiali - conteggiati includendo coloro che sono morti dall'inizio della pandemia entro 28 giorni dal primo tampone positivo da coronavirus - supera adesso sull'isola i 93.200, peggiore bilancio europeo in cifra assoluta (e quinto al mondo dopo Usa, Brasile, India e Messico); ma inferiore al Belgio e - seppure ormai di poco - anche all'Italia in rapporto alla popolazione. Mentre il numero dei contagi registrati oltrepassa la soglia di 3 milioni e mezzo, vicino al sorpasso sulla Russia e alle spalle solo di Usa, India e Brasile; senza contare i casi asintomatici che secondo alcune stime relative alla diffusione degli anticorpi hanno portato a dicembre a quantificare che il 10% della popolazione complessiva britannica (68 milioni di abitanti) sia stato in realtà già infettato. Nel Question Time del mercoledì alla Camera dei Comuni uno dei leader dei partiti di opposizione, il liberaldemocratico Ed Davey, ha rilanciato oggi accuse sulla gestione del governo Tory della pandemia e su alcuni presunti ritardi rispetto a decisioni cruciali e ha sfidato il premier Boris Johnson a far istituire una commissione d'inchiesta indipendente per “trarre lezione da ciò che è stato sbagliato”. Johnson ha tuttavia replicato che al momento è prematuro parlarne e occorre concentrarsi sull'emergenza in atto, in particolare sulla “pressione senza precedenti” di ricoveri che la cosiddetta variante inglese del virus ha scatenato sugli ospedali del servizio sanitario (Nhs), rivendicando all'esecutivo di star facendo “tutto il possibile”. “Trarremo le lezioni necessarie a tempo debito, quando verrà il momento di riflettere per prepararsi a una prossima pandemia”, ha tagliato corto.

  • Lombardia, esenzioni ticket sanitario prorogate al 31 marzo

    La validità delle autocertificazioni per le esenzioni dal ticket sanitario è stata prorogata al prossimo 31 marzo. La misura, approvata dalla Giunta regionale lombarda, è stata adottata allo scopo di ridurre l'accesso dei cittadini agli sportelli a causa del Covid. La stessa delibera incarica le Agenzie per la Tutela della Salute ad attuare le procedure di rinnovo automatico delle esenzioni per malattie croniche e invalidanti che dovranno essere processate entro il 31 marzo e poi con cadenza almeno semestrale.

    Il neo assessore alla Sanità e vicepresidente della Regione Lombardia, Letizia Moratti. ANSA / MATTEO BAZZI

  • Trovati casi di ceppo mutante a Pechino

    Le autorità sanitarie di Pechino hanno affermato di aver identificato dietro i recenti casi di Covid-19 trasmessi a livello locale a Pechino il ceppo mutante scoperto per la prima volta nel Regno Unito. Pang Xinghuo, vicedirettore del centro di Pechino per il controllo e la prevenzione delle malattie, ha dichiarato oggi a una conferenza stampa che il nuovo ceppo è stato trovato nei due casi confermati segnalati domenica scorsa nel distretto di Daxing. Il Centro cinese per il controllo e la prevenzione delle malattie ha esaminato la scoperta e ha concluso che si trattava dello stesso ceppo mutante che si stava diffondendo nel Regno Unito, ha detto, aggiungendo che ora si ritiene che il ceppo sia arrivato dall'estero. Pechino ha registrato ieri sette nuovi casi di COVID-19 trasmessi localmente, di cui sei nel complesso residenziale di Ronghui a Daxing.

    EPA/Costfoto CHINA OUT

  • Record di nuovi casi in Portogallo, + 40% in 24 ore

    Nelle ultime 24 il Portogallo ha registrato 14.647 casi di coronavirus, un record rispetto ai 10.455 del giorno prima. Il totale delle infezioni dall’inizio della pandemia sale così a quota 581.605.

  • Ricorso Lombardia, sospendere ordinanza e parte Dpcm

    La Lombardia chiede con il suo ricorso al Tar di annullare, anche con un decreto presidenziale, l'ordinanza del ministro della Salute Roberto Speranza del 14 gennaio con cui la Regione è stata inserita in zona rossa e anche il Dpcm del 14 gennaio 2021 nella parte in cui definisce i criteri per la classificazione di zona arancione e zona rossa così come il Decreto Ministeriale 30 aprile 2020 sul monitoraggio “e di ogni altro atto ad essi presupposto, conseguente o comunque coordinato o connesso”. Una delle osservazioni sollevate dalla Regione è infatti che “incredibilmente, nell'ambito di tale valutazione di rischio, il dato dell'incidenza settimanale (ossia del numero di nuovi contagi ogni 100.000 abitanti) - che è fortemente indicativo della progressione dell'epidemia in quanto restituisce un'idea del numero di possibili vettori di infezione che prescinde dal dato dei sintomatici e che permette di effettuare una prognosi veritiera sulla pressione cui il sistema sanitario sarà sottoposto nelle settimane successive - non assume alcun rilievo o, comunque, assume un rilievo del tutto recessivo rispetto all'indice di trasmissibilità R(t)”.

  • Bolla anti-Covid, le nuove regole nella Casa Bianca di Biden

    Tamponi quotidiani allo staff della Casa Bianca e obbligo della mascherina N 95 sempre. In netto contrasto con il recente passato la nuova amministrazione Biden prevede rigide regole per proteggere la salute del presidente in tempi di Covid. Secondo quanto riferisce Axios, le nuove direttive sono già stata inviate al personale che lavorerà in stretto contatto con il nuovo presidente. Biden ha 78 anni e per questo è un soggetto ad alto rischio, anche se è già stato vaccinato. Secondo una nota inviata allo staff della West Wing, l'ala della Casa Bianca dove tra le altre cose si trova lo Studio Ovale, il vaccino sarà presto disponibile per alcuni assistenti. Infine, almeno nella fase di partenza, sia la Casa Bianca che l'Eisenhower Executive Office Building opereranno a capacità ridotta visto che parte dello staff lavorerà da casa.

    PER APPROFONDIRE: Inauguration day, segui il live

  • Studio Bergamo, 50% guariti ha ancora sintomi

    Un paziente guarito dal Covid su due ha ancora sintomi come affaticamento, dispnea da sforzo e palpitazioni. Le donne, in particolare, riferiscono stanchezza con una frequenza quasi doppia. Alcuni sono ancora incapaci di svolgere le normali attività e di lavorare, hanno perso l'indipendenza o addirittura, per la minima parte, non sono più autosufficienti. E' il quadro che emerge dallo studio clinico dell'ospedale Papa Giovanni XXIII di Bergamo, una delle zone più colpite dal virus nella prima fase della pandemia. Lo studio riguarda i pazienti guariti dal Covid-19 e transitati dall'ospedale di Bergamo, da quello di San Giovanni Bianco e dal Presidio Medico Avanzato alla Fiera. In totale sono stati valutati 1.562 pazienti che si sono ammalati tra febbraio e agosto 2020 e che sono stati sottoposti a controllo di follow-up tra maggio e ottobre. A livello psicologico, il 30% dei pazienti secondo lo studio è ancora alle prese con aspetti traumatici correlati al Covid-19 e, per la maggioranza, con risorse personali non sufficienti a reagire. Il lavoro, intitolato 'Surviving Covid-19 in Bergamo Province: a post-acute outpatient re-evaluation', è stato pubblicato su Epidemiology & Infection, e porta la firma degli infettivologi del Papa Giovanni XXIII. La pubblicazione riguarda i primi 767 pazienti.

  • Trump, con noi vaccino anti-Covid in mesi, miracolo medico

    “Abbiamo sviluppato un vaccino” contro il Covid “in pochi mesi, un miracolo medico”. Lo afferma Donald Trump nel suo discorso d'addio.

    (Photo by ALEX EDELMAN / AFP)

  • Cina, cresce rischio epidemiologico

    La Cina sta affrontando rischi crescenti dall'epidemia di Covid-19 dopo che diversi focolai sono emersi in alcune parti del Paese in vista della Festa di primavera. Lo ha detto oggi in una conferenza stampa a Pechino Mi Feng, funzionario della Commissione Sanitaria Nazionale, affermando che nel corso della scorsa settimana si sono verificati 757 casi trasmessi localmente in Cina continentale. Il funzionario ha aggiunto che il numero di persone fra loro in stretto contatto sotto osservazione medica ha raggiunto il massimo negli ultimi dieci mesi. Mi ha detto che i focolai recentemente riportati si sono verificati principalmente in aree rurali, aggiungendo che la diffusione del virus nelle famiglie, nelle comunità e nelle scuole ha posto una sfida agli sforzi di contenimento della malattia

  • Covid: Berlino, cerchiamo misure sincronizzate ai confini

    Le misure di contenimento della pandemia dovrebbero “essere prese in modo il più possibile sincronizzato e concordato da entrambi le parti dei confini” per “evitare ulteriori limitazioni degli ingressi” in Germania: lo ha detto il portavoce del ministero degli Interni in conferenza stampa, aggiungendo che di questo si parlerà domani al Consiglio europeo. Se «un livello sincronizzato di protezione verrà raggiunto» allora non ci saranno limitazioni degli ingressi, e questo vale in particolar modo per i pendolari che entrano nel Paese dai Stati di confine come la Repubblica Ceca, la Polonia, ma anche Olanda e Belgio. Sui controlli di frontiera «al momento non ci sono preparativi concrete» ha aggiunto il portavoce degli Interni.

  • Usa, ieri più di 168mila nuovi casi

    Ieri, gli Stati Uniti hanno registrato oltre 168.000 nuovi casi di coronavirus, per un totale superiore ai 24,2 milioni, secondo i dati della Johns Hopkins University. I morti sono stati oltre 2.500, per un totale superiore ai 400.000, di cui 100.000 solo in poco più di un mese. I ricoverati, ieri 123.820, il numero minimo dall'inizio dell'anno, secondo il Covid Tracking Project; 23.029 persone erano in terapia intensiva, un numero in lieve calo rispetto a lunedì. Oltre 15,7 milioni di persone sono finora state vaccinate negli Stati Uniti.

  • Morto clochard: Sant’Egidio, freddo e Covid, mix esplosivo

    «Siamo preoccupati e facciamo appello non solo alle istituzioni ma anche alle persone per aiutarci. Il freddo e il Covid sono una miscela letale per questa povera gente che vive in strada». Lo dice all'Ansa Carlo Santoro, volontario della Comunità di Sant'Egidio che assiste i senza fissa dimora nella zona intorno al Vaticano e che conosceva la persona trovata morta stamane.

  • Covid: von der Leyen, lockdown necessari, ma prezzo è alto

    «La presidenza portoghese giunge in un momento cruciale durante il quale combattiamo con la pandemia e da una parte c'è l'arrivo e la consegna dei vaccini e vediamo la luce in fondo al tunnel». Lo ha detto la presidente della commissione europea Ursula von der Leyen alla conferenza stampa con il presidente del parlamento europeo David Sassoli e il premier portoghese Antonio Costa. «I prossimi mesi saranno duri per i cittadini e le imprese e sappiamo che ci sarà bisogno ancora di lockdown in Europa, e questo è necessario, ma a grandissimo prezzo».

  • Svezia: 4.702 nuovi casi di Covid e 206 decessi

    La Svezia ha registrato 4.702 nuovi casi di coronavirus e 206 decessi nelle ultime 24 ore. Lo comunicano le autorità di Stoccolma.

  • Inac-Cia, Patronati a rischio con raddoppio richieste

    Rischio chiusura per centinaia di uffici di Patronato messi a dura prova dalla valanga di richieste più che raddoppiate per la gestione delle nuove misure varate dal governo per far fronte all'emergenza sanitaria. Attività che si sono sommate alle prestazioni ordinarie svolte in ambito di welfare, assistenza e previdenza.

    Lo denuncia Inac-Cia che lancia un appello ai ministri del Lavoro e dell'Economia per chiedere il ripristino dell'aliquota dello 0,226 e 56 milioni di euro per ristrutturare il Fondo che permette il sostentamento di quelle strutture a servizio degli italiani in difficoltà. “Questa situazione - spiega il presidente Inac-Cia, Antonio Barile - rischia di far saltare il sistema dei Patronati che devono strutturarsi in maniera adeguata per dare risposte puntuali alle tante richieste dei cittadini, Il Fondo da cui si sostengono tutte le attività non è sufficiente per tenere in piedi il sistema”. Le conseguenze sono facilmente immaginabili, conclude il presidente con il direttore generale Laura Ravagnan, con i cittadini che non potranno più ricevere l'assistenza di cui hanno bisogno.

  • Olanda, torna il coprifuoco per la prima volta dalla guerra

    Il governo olandese annuncerà a breve una stretta delle misure per contrastare la pandemia da coronavirus con un coprifuoco a partire da giovedì, il primo a livello nazionale dalla seconda guerra mondiale. Lo riferiscono i media locali tra cui l’emittente Rtl. Alcune fonti - scrive invece il portale Dutch news - hanno riferito all’emittente Nos che i ministri stanno discutendo sulla misura che dovrebbe partire dalle 20.30 fino alle 4 e 30 del mattino. Sul tavolo anche altre restrizioni alle visite domiciliari, nuove limitazioni al numero delle persone dei funerali e un potenziale divieto di volo dalla Gran Bretagna e dal Sud Africa, dove sono stati identificati per la prima volta i nuovi ceppi del virus.

  • Calcio, Cuadrado è guarito e torna a disposizione della Juventus

    Juan Manuel Cuadrado è guarito dal Covid-19. Lo rende noto la Juventus. L’esterno colombiano si è negativizzato dal coronavirus e torna dunque a disposizione di Andrea Pirlo che potrà di nuovo contare su una pedina fondamentale per la sua squadra.

  • Governo, allo studio altre 26 settimane Cig Covid e proroga degli sgravi

    Il Governo, secondo quanto si apprende, sta lavorando sull'ipotesi di estendere la Cig Covid garantendo una maggiore copertura, fino a 26 settimane per assegno ordinario e cassa in deroga. In parallelo si dovrebbe anche confermare l'esonero contributivo alternativo all'utilizzo della cassa Covid, per chi fa rientrare i dipendenti al lavoro. Nei giorni scorsi il ministro del Lavoro, Nunzia Catalfo, aveva parlato di una «consistente proroga» della Cig Covid con il prossimo decreto Ristori.

  • Miozzo (Cts), a fine primavera ricominceremo a respirare

    «Se la campagna vaccinale funziona come auspichiamo, inizieremo a vederne i risultati verso la fine della primavera. Per prima cosa abbattiamo il numero delle vittime, che continua ad essere drammatico. Se metteremo in sicurezza gli anziani oltre gli 80 anni, gli over 60, i lavoratori del mondo della scuola, dei servizi e della sicurezza, io credo che verso la fine della primavera, l'inizio dell'estate, possiamo “tentare” di cominciare a respirare, anche se mantenendo la rigorosa osservazione di certi criteri di protezione». A parlare così il coordinatore del Cts, Agostino Miozzo, a Radio 2.

  • Von der Leyen: «Dobbiamo essere più veloci con vaccinazioni. Chiudere le frontiere non ha senso»

    «Domani avremo una videoconferenza con i capi di stato e di governo, parleremo dei punti salienti e di priorità. Dobbiamo essere più veloci sulle vaccinazioni perché il ritmo è troppo variegato in Europa». Così la presidente della Commissione europea Ursula Von Der Leyen intervenendo alla plenaria del Parlamento europeo. «Dobbiamo dare maggiore sostegno alle imprese per aumentare la produzione e dobbiamo contrastare, seguire e tracciare chiaramente la diffusione della nuova variante è una corsa contro il tempo», ha aggiunto. La presidente ha anche precisato che «la chiusura a tappeto delle frontiere in questa situazione non ha senso, ostacola il funzionamento del mercato interno e non è così efficace come le misure mirate. Noi abbiamo bisogno di un approccio comune, test, tracciamento, viaggi e frontiere».

    Il presidente Ursula Von Der Leyen intervenendo alla plenaria del Parlamento europeo

  • Dal vaccino Pfizer segnali di efficacia anche contro la variante inglese

    Il vaccino sviluppato da Pfizer e BioNTech probabilmente proteggerà anche dalla variante inglese. L’indicazione emerge dai risultati di ulteriori test di laboratorio. Risultati considerati incoraggianti questi perché basati su un'analisi più ampia rispetto a quella rilasciata dalla casa farmaceutica statunitense la scorsa settimana.
    La scorsa settimana, infatti, Pfizer aveva già affermato che secondo quanto emerso da uno studio il vaccino si è rivelato efficace contro una mutazione chiave, chiamata N501Y, trovata in entrambe le nuove varianti che si stanno diffondendo in Gran Bretagna e Sud Africa. Quest’ultimo studio, che però non è stato ancora sottoposto a peer review, è stato condotto su dieci mutazioni, caratteristiche della variante nota come B117 identificata in Gran Bretagna.

    La cattedrale di Salisbury è stata “convertita” in un centro di vaccinazione temporaneo. Accade appunto a Salisbury, nel sud-ovest dell'Inghilterra . (Credit: Justin Tallis)

  • Pechino, isolati i primi casi della variante inglese

    A Pechino sono stati isolati dei primi casi legati alla cosiddetta variante inglese del coronavirus. Lo hanno comunicato le autorità sanitarie cinesi

  • Mancano dosi Pfizer, Land tedesco interrompe vaccinazioni

    Il Nordreno-Westfalia interrompe le vaccinazioni per 10 giorni per mancanza di dosi del vaccino Biontech-Pfizer: lo ha confermato il ministero della Salute del Land tedesco, a quanto riferisce Dpa. “La modificata quantità di fornitura di vaccini ordinati rendono necessario un cambiamento del piano vaccinale” è scritto in una lettera arrivata alla Gazzetta Ufficiale. Le vaccinazioni nelle case di riposo e di cura per anziani e negli ospedali saranno sospese quindi fino al 31 gennaio, con le prossime consegne del vaccino.

  • Covid: fine revisione scientifica Ema, Sputnik chiede ok Ue

    L'RDIF - il fondo per gli investimenti diretti della Russia - conferma che si è tenuta ieri la Scientific Review tra i team scientifici dello Sputnik V e dell'EMA, l'agenzia europea per il farmaco. Alla revisione hanno partecipato oltre 20 tra i migliori esperti e scienziati internazionali. Si prevede che le raccomandazioni basate sui risultati della Scientific Review saranno inviate al team dello Sputnik V entro 7-10 giorni. L'RDIF ha presentato una domanda di registrazione e prevede che la prima Rolling Review si terrà a febbraio.

  • Nelle Rsa Puglia 3.289 vaccinati su 22mila,solo il 15%

    A oltre 20 giorni dall'avvio della campagna vaccinale anti Covid, sono solo 3.289 le persone vaccinate nelle Residenze sanitarie per anziani in Puglia, su una platea complessiva di circa 22mila persone: circa il 15%. E' questo il dato che emerge dal report del ministero della Salute. Le aspettative, evidenziano fonti sanitarie pugliesi, erano maggiori, considerando che le Rsa e Rssa sono state le strutture più colpite dalla pandemia Covid, con decine di focolai e centinaia di contagi. Complessivamente in Puglia sono 64.079 le persone vaccinate, 51.488 sono operatori sanitari e 9.292 il personale non sanitario.

  • Vaccini: procedura per sintetizzarli, si potranno inalare

    Una nuova procedura per sintetizzare i vaccini, che permetterà una produzione più rapida e più sicura di immunizzazioni vitali per malattie come la tubercolosi e, potenzialmente, per il Covid-19. I ricercatori dell'University of Sydney e del Centenary Institute of Cancer Medicine and Cell Biology, sono i primi a sintetizzare un vaccino batterico, con un potenziatore incorporato come singola molecola. Le prime sperimentazioni su topi di un vaccino contro la tubercolosi prodotto usando il metodo, che fonde la proteina batterica al potenziatore, o adiuvante, usando chimica sintetica che permette al vaccino di essere inalato piuttosto che iniettato, hanno generato una potente risposta immunitaria.

    Affinché i vaccini possano fornire protezione, è necessario che le cellule del sistema immunitario incontrino simultaneamente gli antigeni proteici e l'adiuvante, ed è per questo che debbono essere fusi insieme. La tecnologia, spiega una dei responsabili del progetto Anneliese Ashhurst della School of Medical Sciences, sul sito dell'University of Sydney, permette di produrre vaccini più efficienti e senza dover ricorrere a patogeni vivi. “I vaccini proteici tendono a essere molto sicuri e si possono usare su persone con un sistema immunitario compromesso”, scrive. La lotta contro la tubercolosi, che ogni anno uccide 1,4 milioni di persone, può essere assistita sostanzialmente da un vaccino che può essere inalato con uno strumento come un inalatore per l'asma, aggiunge.

  • Covid: von der Leyen, ora Usa si uniscano a sforzi Ue

    «Ci attendiamo dal nuovo governo americano che si unisca al nostro sforzo» nella lotta al Covid-19 e «proporremo agli Stati Uniti di rilanciare la nostra opera per rafforzare la preparazione e la risposta» alla pandemia «al vertice di Roma sulla sanità del G20 a maggio». Lo ha detto la presidente della Commissione Ue, Ursula von der Leyen, intervenendo alla plenaria del Parlamento europeo.

  • Russia, 21.152 nuovi casi e 597 vittime

    La Russia ha registrato 21.152 nuovi casi di coronavirus nelle ultime 24 ore, portando il totale a 3.633.952. Si sono contati anche 597 decessi, aumentando il bilancio delle vittime a 67.220.

  • Arcuri, ritardi vaccini, nei prossimi giorni azioni legali contro Pfizer

    «Ho ricevuto una unanime solidarietà da parte di tutti i presidenti delle regioni e delle province autonome del nostro Paese nel corso della riunione appena conclusa alla presenza dei ministri Speranza e Boccia. La tutela della salute dei cittadini italiani non è una questione negoziabile. La campagna vaccinale non può essere rallentata, tantomeno per le somministrazioni delle seconde dosi ai tanti italiani a cui è stata già somministrata la prima». Lo ha dichiarato il Commissario straordinario per l'emergenza Covid, Domenico Arcuri, in una nota diffusa ieri in tarda serata.

    «Purtroppo l'esito delle interlocuzioni anche odierne con Pfizer non ha sortito gli effetti che auspicavamo. Infatti l'azienda – ha aggiunto il Commissario straordinario - ci ha comunicato che anche nel corso della prossima settimana non solo non verranno consegnate in Italia le dosi che sono state unilateralmente e senza preavviso non consegnate in questa settimana, pari al 29%, ma ci sarà una pur lieve ulteriore riduzione delle consegne. Di conseguenza si è discusso quali azioni intraprendere a tutela dei cittadini italiani e della loro salute in tutte le sedi, civili e penali, in cui ciò sarà possibile. Si è unanimemente deciso che tali azioni verranno intraprese a partire dai prossimi giorni in un quadro unitario».

  • Israele estende il lockdown a fine gennaio

    Israele ha deciso di estendere il lockdown fino al termine di gennaio, secondo un comunicato rilasciato dal primo ministro. Il paese ha registrato 10.051 nuovi casi, portando il totale a 565.629, con un bilancio di 4mila vittime. Il governo sta dispiegando, però, anche un’aggressiva campagna vaccinale con 2,8 milioni di dosi già somministrate: il tasso pro-capite più alto al mondo.

  • L’UA si aggiudica 100 mln di dosi del vaccino AstraZeneca

    L’Unione africana, l’istituzione che raccoglie i 55 paesi del Continente, si è assicurata 100 milioni di dosi del vaccino AstraZeneca e 50 milioni di dosi del vaccino Pfizer-Biontech.

  • Germania, picco di vittime. Ma il tasso di contagio è in calo

    La Germania ha raggiunto il suo record di vittime giornaliere dall’inizio della pandemia di Covid, mentre il tasso di contagio inizia a flettersi. Il totale di decessi è salito di 1.734 unità a 48.997 nelle ultime 24 ore, a fronte di un incremento di casi di 12.233 (un numero relativamente basso rispetto ai dati delle settimane precedenti).

  • Pechino, in lockdown 1,7 milioni di persone

    Pechino ha imposto il lockdown a 1,7 milioni di persone nel distretto di Daxing, a sud della capitale dove si trova il nuovo aeroporto, dopo che sono stati trovati sei casi di Covid-19 per un totale nella città salito a quota 15. “I casi rilevati a Daxing hanno lanciato l'allarme che la situazione epidemica è dura e complessa - ha affermato Xu Hejian, portavoce della municipalità, in conferenza stampa -. Non possiamo allentare sulla prevenzione dei casi importati e sul rimbalzo domestico”. Pechino ha anche esteso a 28 giorni il periodo di restrizioni a chiunque arrivi dall'estero, di cui 14 di quarantena in strutture centralizzate.

  • Oms, variante inglese diffusa in almeno 60 paesi

    La variante britannica del nuovo coronavirus Covid-19 continua a diffondersi in tutto il mondo ed era presente la scorsa settimana in 60 paesi e territori, 10 in più rispetto al 12 gennaio: lo ha fatto sapere l'Organizzazione mondiale della Sanità. La variante sudafricana, che, come quella inglese, è molto più contagiosa del virus originale SARS-CoV-2, si diffonde più lentamente ed è presente in 23 paesi e territori, 3 in più rispetto al 12 gennaio, precisa l'Oms nel suo rapporto epidemiologica settimanale.

  • Usa, 400mila vittime. Distribuiti 38,5 milioni di vaccini

    Il totale delle vittime di Covid-19 è arrivato negli Usa a 400mila unità, il peggior bilancio registrato su scala globale. Il governo ha anche riferito di aver distribuito finora 38,5 milioni di vaccini.

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti