ServizioContenuto basato su fatti, osservati e verificati dal reporter in modo diretto o riportati da fonti verificate e attendibili.Scopri di piùlavoro domestico

Coronavirus: Posso vietare alla colf di uscire? Devo pagare la baby sitter se non viene più? Ecco 10 cose da sapere

Dalla sospensione del versamento dei contributi all’anticipo del Tfr ai lavoratori domestici: ecco una serie di domande e risposte elaborate con la collaborazione di Domina

di Francesca Barbieri

Coronavirus: 10 consigli degli esperti per cercare di evitare il contagio

Dalla sospensione del versamento dei contributi all’anticipo del Tfr ai lavoratori domestici: ecco una serie di domande e risposte elaborate con la collaborazione di Domina


5' di lettura

(articolo aggiornato il 24 marzo)

L’Italia è “blindata” fino al 3 aprile: resteranno aperte solo farmacie, generi alimentari di prima necessità, le imprese dei servizi essenziali. Per il lavoro domestico, si stanno chiedendo tante famiglie italiane, come ci si comporta? Ecco 10 domande e risposte elaborate con la collaborazione di Domina, associazione nazionale famiglie datori di lavoro domestico.

Il vademecum dell'associazione Domina per il lavoro domestico

Visualizza

1) Le colf e badanti non conviventi devono restare a casa propria o possono continuare a lavorare dalla famiglia che le ha assunte?
È possibile ridurre l'orario di lavoro? L’attività di lavoro domestico può proseguire sia a ore sia atempo pieno anche nel periodo di emergenza per coronavirus. «L’indicazione che stiamo dando alle famiglie - risponde Lorenzo Gasparrini, segretario generale di Domina - è di sospendere l’attività, salvo casi eccezionali, come atto di responsabilità e per dare attuazione alle disposizioni introdotte dal Governo italiano». Ci sono famiglie che lo stanno facendo e continuano a retribuire la colf, altre che si accordano tra di loro per sospendere l’attività e recuperare le ore perse una volta finita l’emergenza.

A prescindere da questo momento di emergenza, poi, è sempre possibile operare una riduzione del rapporto di lavoro. Si consiglia sempre al datore di lavoro di mettere per iscritto tutte le modifiche contrattuali.

Coronavirus: come assistere una persona in isolamento domiciliare

2) Se la colf vuole continuare a lavorare e la famiglia vuole sospendere come ci si regola?
Posto che la soluzione migliore sarebbe quella di trovare un accordo, possibilmente scritto, in cui si sospende l’attività con l’impegno di recuperare più avanti le ore perse, se la colf insiste per venire la famiglia potrebbe tentare la strada di ferie, visto che nel lavoro domestico non esiste il congedo ordinario. E se il lavoratore non ha ferie? Si possono anticipare, garantendo così una retribuzione al dipendente senza dover interrompere il rapporto di lavoro.

In questo settore non esistono permessi per questo tipo di situazione se non quelli non retribuiti che permettono di non lavorare e non percepire la retribuzione, senza perdere il lavoro. «L'indicazione che diamo a tutte le famiglie che non hanno esigenze di assistenza indifferibili (quindi a cui possono rinunciare) - spiegano da Assindatcolf, altra associazione di datori di lavoro domestico - è quindi quella di considerare l'assenza da lavoro come periodo di ferie».

LAVORATORI DOMESTICI REGOLARI
Loading...

3) È possibile licenziare? Il blocco dei licenziamenti del nuovo Decreto Legge “Cura Italia” vale anche per il lavoro domestico? 

«Vista la situazione attuale - risponde Gasparrini di Domina - si ritiene possibile il ricorso al licenziamento. Con l’interruzione del rapporto di lavoro la colf potrà percepire l’indennità di disoccupazione Naspi, ma deve trattarsi di un’estrema ratio».
In caso di licenziamento in generale bisogna rispettare i termini del preavviso che varia da 8 a 15 giorni in base all’anzianità. Tuttavia se ricorre la giusta causa di licenziamento il preavviso non si applica.
In caso di licenziamento al collaboratore domestico va pagata anche la liquidazione. Possibile anche anticipare quote del trattamento di fine rapporto, che permette di evitare il licenziamento.

Il blocco dei licenziamenti previsto dal Decreto Legge 17 marzo 2020, n.18, al momento non include i lavoratori domestici. Chi ha assunto colf, badanti o babysitter può cessare il rapporto di lavoro rispettando i termini di preavviso previsti dal CCNL.

4) Se la badante che vive in casa vuole uscire posso impedirlo?
La risposta è negativa perché nessun privato può limitare la libertà altrui. «Se le abitudini della lavoratrice non sono in linea con le regole di buon senso odierne è possibile impedire il rientro - risponde Gasparrini - invitando la badante a mettersi in ferie». In Italia secondo le rilevazioni di Domina il 35% dei rapporti di lavoro domestico è con convivenza.

5) Se la colf o baby sitter di sua spontanea iniziativa non viene più devo continuare a pagarla lo stesso?

Se la colf è regolarmente assunta e non può andare al lavoro a fronte del nuovo decreto può essere invitata a prender le ferie. Se il lavoratore si rifiuta può chiedere anche di godere di permessi non retribuiti.

6) Posso fare uscire la colf per fare la spesa?

La risposta è affermativa. È opportuno che la colf porti con sè un’autocertificazione in cui dichiara il motivo dell’uscita e le generalità del datore di lavoro e abbia a cuore di usare tutte le precauzioni del caso.

7) Ci sono ammortizzatori sociali per i lavoratori domestici?

No. Al momento questa categoria di lavoratori è esclusa dalla Cassa integrazione o da altri ammortizzatori sociali. I collaboratori domestici possono accedere al Fondo per il reddito di ultima istanza (articolo 44 del decreto legge 18/2020 che dovrebbe fornire misure di sostegno al reddito ai lavoratori che hanno cessato, ridotto o sospeso l’attività a casa dell’emergenza per il coronavirus.

8) Le famiglie che continuano a pagare la colf che non lavora a causa dell’emergenza possono chiedere il rimborso?

Al momento questa possibilità non è prevista. Lorenzo Gasparini segretario generale di Domina lancia però un appello. «Chiediamo al Governo di non escludere le famiglie datori di lavoro domestico dal rimborso delle retribuzioni dei lavoratori domestici che rimangono a casa senza poter venire a lavorare».

«Stiamo chiedendo alle famiglie di non licenziare i lavoratori - prosegue Gasparrini - per evitare di lasciarli in una situazione di povertà assoluta in questo momento di emergenza nazionale. Tuttavia le famiglie datori di lavoro dovrebbero avere la stessa attenzione delle altre imprese».

9) Il pagamento dei contributi è sospeso?
In base alle disposizioni del decreto legge Cura Italia, i pagamenti dei contributi previsti per i lavoratori domestici dovuti fino al 31 maggio, sono rinviati. I datori di lavoro potranno posticipare i versamenti al mese di giugno dei contributi per i quali l’Inps ha già inviato i bollettini da pagare entro il 10 aprile.

10) Se ho un domestico irregolare come mi comporto?

«Ora più che mai è il momento di mettere in regola colf, badanti e baby sitter - rispondono da Assindatcolf -. Assumere con regolare contratto di lavoro dovrebbe essere la regola ma la realtà ci dice altro: la maggior parte dei lavoratori domestici sono, infatti, in una condizione di irregolarità. Ora, però, che per muoversi sul territorio nazionale serve un'autocertificazione la famiglia datrice che ha il domestico in ‘nero' rischia molto. Un motivo in più per provvedere alla regolarizzazione del rapporto di lavoro».

Altri articoli
Coronavirus, vita dura per baby sitter, colf e badanti (in nero). Ecco cosa si rischia
Coronavirus, non solo smart working: rischio ferie «forzate» fino al 3 aprile in tutta Italia

Colf e badanti, 4 strade per sospendere il rapporto durante l'emergenza coronavirus

Riproduzione riservata ©
Per saperne di più

loading...

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti