Ospedale dedicato

Coronavirus: a Roma via al Columbus Covid-2 hospital

A tempi da record ha aperto i battenti nella Capitale l’ospedale dedicato che affiancherà nella lotta all’emergenza Coronavirus lo Spallanzani, hub regionale

di Nicoletta Cottone

Coronavirus, a Roma nasce Columbus Covid-2 hospital

A tempi da record ha aperto i battenti nella Capitale l’ospedale dedicato che affiancherà nella lotta all’emergenza Coronavirus lo Spallanzani, hub regionale


2' di lettura

A tempi da record ha aperto i battenti nella Capitale il Columbus Covid 2 Hospital, che affiancherà nella lotta all’emergenza Coronavirus lo Spallanzani, hub regionale. I primi pazienti sono già stati trasferiti dai reparti del Policlinico Gemelli di Roma dove erano in isolamento. La struttura, che si trova a Montemari, vicino al Gemelli, nasce dalla partnership tra le competenze cliniche della Fondazione Policlinico Gemelli Irccs e il contributo di Eni spa, che sosterrà gli investimenti
necessari. Dotato delle migliori tecnologie sanitarie al momento disponibili, il Columbus Covid2 Hospital entro dieci giorni sarà
completato con una dotazione complessiva di 79 posti letto singoli e 59 in terapia intensiva.

Coronavirus in Italia, i dati e la mappa

Loading...

La generosità dei sostenitori
Eni ha messo in campo una serie di interventi, con un impegno economico di 30 milioni, per fronteggiare l’emergenza coronavirus che saranno immediatamente operativi in campo medico e sociale. Nell'ambito dell’operazione Columbus, verrà anche allestito un pronto soccorso dedicato ai pazienti con coronavirus all’interno del Policlinico Gemelli. Per sostenere la trasformazione dell’ex ospedale privato Columbus in un centro dedicato esclusivamente alla cura di malati di Covid-19 era stata lanciata una campagna di raccolta fondi a cui hanno aderito, tra gli altri, Luca di Montezemolo (donando due grandi autorespiratori ) e la Fondazione Carla Fendi (100mila euro per l’acquisto di ventilatori meccanici). Flavio Cattaneo ha aderito domando due autorespiratori alla clinica Columbus di Roma. «Voglio ringraziare - ha detto l’assessore regionale alla Sanità Alessio D'Amato - tutti coloro che hanno risposto alla richiesta del Servizio sanitario regionale. In questo momento occorre unità e concretezza. Fatti e non chiacchiere».

Coronavirus: ecco tutte le regole nei luoghi di lavoro

Anche big-data e intelligenza artificiale per combattere il virus
Il futuro della sanità, e anche la lotta per fermare l’attuale epidemia di coronavirus, passa anche per big data e intelligenza artificiale, ha spiegato Giovanni Arcuri, direttore Uoc tecnologie sanitarie al Gemelli di Roma. In un’intervista a DigitEconomy.24 (report di Radiocor e Luiss Business School) «valuteremo con i nostri radiologi l'uso di sistemi di analisi automatica delle immagini tomografiche polmonari per comprendere se possono essere utili ad abbreviare i tempi di diagnosi». In questa emergenza «la sfida primaria è quella di utilizzare efficacemente le risorse disponibili. Stavolta abbiamo, però, dei nuovi strumenti a disposizione. Senza dubbio utilizzeremo i sistemi di business intelligence che abbiamo già sviluppato per avere, in tempo reale, il polso della situazione in termini di assorbimento di risorse ed efficacia dei percorsi clinici».

Per approfondire
Bollette, trattative in corso per un taglio da 2-3 miliardi
Coronavirus, ecco chi sono le vittime: letalità al 5,8%, età media dei decessi 79,4 anni

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti