ServizioContenuto basato su fatti, osservati e verificati dal reporter in modo diretto o riportati da fonti verificate e attendibili.Scopri di piùIl monitoraggio Iss-Ministero della Salute

Coronavirus, Rt ancora in calo a 0,68. Incidenza scende a 32 casi ogni 100mila abitanti

Scende l’occupazione di terapie intesive e reparti Covid sotto la soglia critica. Dal 7 giugno Abruzzo, Liguria, Umbria e Veneto zone bianche

di Nicoletta Cottone

Coronavirus, Rt nazionale in calo a 0.68: Molise a 0.45, Bolzano a 0.99

4' di lettura

Rt ancora in calo in Italia, a 0.68. La scorsa settimana era 0.72. Continua anche il calo dell’incidenza settimanale, che si attesta a 36 casi per 100mila abitanti, a fronte del valore della scorsa settimana che si attestava su 51. I dati emergono dal report sull’epidemia da Covid relativo alla settimana 24-30 maggio, elaborato sui dati del flusso dell’Istituto superiore di sanità (Iss).

Progressi nella campagna vaccinale: ora tracciamento possibile

«La campagna vaccinale - sottolineano gli esperti nel report - progredisce sempre più velocemente e l’incidenza è a un livello (sotto 50 per 100.000, appunto) che permetterebbe il contenimento dei nuovi casi». Dunque il tracciamento è ora possibile.

Loading...

Abruzzo, Liguria, Umbria e Veneto bianche dal 7 giugno

Sono regioni bianche dal 7 giugno Abruzzo, Liguria, Umbria e Veneto. Il ministro della Salute Roberto Speranza ha reso noto che sulla base dei dati e delle indicazioni della Cabina din regia, firmerà in giornata una nuova ordinanza in vigore dal 7 giugno.

Tutte le regioni e le province autonome sono a basso rischio

Tutte le regioni e le province autonome sono classificate «a rischio basso». L’ Rt è inferiore a 1 in tutte e nessuna supera la soglia critica di occupazione dei posti letto in terapia intensiva o area medica.

Si abbassa il tasso di occupazione di terapie intensive e aree mediche

Il tasso di occupazione in terapia intensiva «è sotto la soglia critica (12%), con una diminuzione nel numero di persone ricoverate che passa da 1.323 del 25 maggio 2021 a 1.033 del 31 maggio 2021 . Il tasso di occupazione in aree mediche a livello nazionale scende ulteriormente (11%). Il numero di persone ricoverate in queste aree passa da 8.577 del 25 maggio 2021 a 6.482 del 31 maggio 2021. Solo quattro Regioni riportano allerte di resilienza, nessuna ha avuto molteplici allerte.

Brusaferro: «Con questo trend a metà giugno tutta l’Italia bianca»

«Abruzzo, Umbria, Liguria e Veneto per la terza settimana sono sotto i 50 casi per 100mila abitanti e da lunedì sono in zona bianca. Se la tendenza prosegue cosi, per la seconda settimana di giugno tutta l’Italia si troverà in zona bianca», ha detto il presidente dell’Istituto Superiore di Sanità Silvio Brusaferro, nel corso della conferenza stampa al ministero della Salute sull’analisi dei dati del monitoraggio settimanale della Cabina di regia.

Le varianti richiedono cautela e tracciamento

«Sappiamo le varianti che circolano. In particolare, la variante inglese fa da sottofondo, è quella che più circola. Sappiamo però - ha spiegato Brusaferro - che ci sono altre varianti presenti, che possono avere una maggiore trasmissibilità e/o possono eludere parzialmente la risposta immunitaria. Tutto questo ovviamente richiede grande attenzione, grande cautela e anche grande prontezza nel tracciamento, nell’identificazione e nel sequenziamento».

Le nuove regole al ristorante in zona bianca

Intanto è stato raggiunto l’accordo sul numero dei commensali a tavola al ristorante, che sarà ufficializzato con una ordinanza del ministro della Salute Roberto Speranza. In zona bianca sparisce il limite di persone che possono sedere allo stesso tavolo all'aperto, mentre viene fissato il tetto di sei commensali non conviventi al chiuso. Nessuna limitazione per due nuclei familiari che decidono di mangiare insieme al ristorante. Una regola che vuole agevolare le famiglie, evitando di farle stare in tavoli separati.

Molise prima regione verde d’Europa, Sardegna in corsa

La curva epidemiologica in Sardegna scende ancora ed è stabilmente in zona bianca per la seconda settimana di fila. L’Isola nella settimana dal 24 al 30 maggio 2021 esaminata dal report Iss mostra un Rt pari a 0.55, il secondo più basso d’Italia dopo il Molise (0.45) che è la prima regione verde d’Europa con meno di 25 casi per 100mila abitanti, secondo la nuova mappa stilata da Ecdc, il Centro europeo per la prevenzione e il controllo delle malattie. Ora anche la Sardegna aspira all’ambito riconoscimento visto che nella settimana i casi accertati sono stati 197 (-24,5% rispetto alla rilevazione precedente) e la prima parziale stima sui 100mila abitanti registra una forbice tra gli 11 e i 12 casi, con un calo dei focolai dell’84% Confermata la classificazione complessiva del rischio bassa e anche gli indici sotto soglia per quanto riguarda l’occupazione dei posti letto da parte di pazienti Covid nei reparti di medicina (8%) e terapia intensiva (6%).

Magrini a Radio 24: «Anche in 12-15enni azzerano i contagi»

I 12-15enni «in questo momento non sono la categoria prioritaria, ma anche in questa fascia d’età ci sono pazienti con fragilità. È un’ottima notizia vedere la risposta anticorpale. Anche i non fragili si dovrebbero vaccinare, con un vaccino che è sicuro anche per loro. Gli adolescenti sono robusti e sicuri anche di fronte a questo virus, ma il vaccino manda i contagi a zero e questo è importante. Lo devono fare anche per loro, non solo per non trasmetterlo ai grandi», ha detto Nicola Magrini, direttore generale Aifa, a Radio 24. «I dati per i vaccini a mRna sono molto positivi - ha precisato magrini - e confortanti anche dal punto di vista della riduzione della circolazione virale, ma aggiungerei anche questo elemento di protezione individuale: vedere che anche in loro si passa a zero casi con il vaccino è un dato positivo, un ulteriore elemento di rassicurazione».

Fontana: Lombardia verso la zona bianca dal 14 giugno

«Se le cose vanno in questo modo sicuramente. Abbiamo l’Rt in calo e i posti nelle terapie intensive e in ospedale in diminuzione. I dati confermano che in questo momento saremmo in zona bianca. Continuiamo in questa direzione e» il 14 giugno «lo saremo», ha detto il governatore della Lombardia Attilio Fontana intervenendo a SkyTg24. Secobndo l’attuale tabella di marcia del virus, Liguria, Veneto, Umbria e Abruzzo passeranno il 7 giugno nella fascia bianca. Il 14 giugno sarà la volta di Lombardia, Piemonte, Emilia Romagna, Lazio, Puglia e provincia autonomia di Trento. Tutte le altre dovrebbero essere bianche dal 21 giugno, tranne la Valle d'Aosta, che sarà l’ultima a centrare l’obiettivo, il 28 giugno.

Riproduzione riservata ©

loading...

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti