Europa

Regno Unito, premier e ministro Salute positivi. Oms: almeno 12-18 mesi per un vaccino. In Francia 2mila vittime

La Germania approva misure per 750 miliardi di euro
Usa primo Paese nel mondo per contagi: quasi 70mila e oltre 1.000 morti. Il Senato approva maxi piano di aiuti. Trump e Xi: lavoriamo insieme. New York deserta
In Corea 91 nuovi casi in calo rispetto ai 104 del giorno precedente
In Cina su 55 nuovi contagi 54 sono casi di ritorno. Produzione industriale giù del 38%



  • Los Angeles, si rischia aumento dei casi simile a New York

    Los Angeles rischia di registrare nell’arco di cinque giorni un aumento dei casi di coronavirus simile a quello già vissuto da New York. Lo comunicano le autorità sanitarie delal California, rilevando il tasso di crescita degli ultimi giorni.

  • Irlanda, il premier: state in casa fino al 12 aprile

    Anche in Irlanda si profila una stretta. Il primo ministro Leo Varadkar ha detto ai cittadini di rimanere in casa fino al prossimo 12 aprile per contribuire a rallentare la diffusione dell’epidemia da coronavirus. Il premier ha detto che saranno consentite uscite solo per fare la spesa, compiere degli esercizi fisici individualmente e compiere delle visite familiari assolutamente necessarie

  • Lvmh: ricavi in calo dal 10 al 20% nel trimestre

    I ricavi di Lvmh sono scesi del 10-20% nell’ultimo trimestre a causa dell’epidemia di coronavirus. Il dato è ricavato dal confronto con lo stesso periodo dello scorso anno e la causa è da riferisi alla chiusura temporanea di numerosi negozi di lusso con i marchi del gruppo e al calo degli acquisti da parte dei clienti.

  • Usa, allarme crescita casi a Los Angeles

    I casi di coronavirus potrebbero moltiplicarsi anche a Los Angeles, in California, tanto che secondo il sindaco Erci Garcetti, il numero potrebbe avvicinare se non raggiungere quello di New York nel giro di alcuni giorni.

  • Trump firma il pacchetto da 2mila miliardi

    Donald Trump firma, tramutandolo in legge, il pacchetto da 2.000 miliardi di dollari aiuti all'economia americane. Gli stimoli “concederanno l'aiuto di cui c'è urgentemente bisogno”, dice Trump

  • Brasile, oltre 3.400 casi e 92 morti

    Il numero di casi confermati di coronavirus in Brasile è salito a 3.417, con un aumento del 17% rispetto alle cifre di giovedì (+502), mentre i decessi sono ora 92, con un aumento del 19% rispetto a 24 ore fa (+15), secondo
    il bollettino ufficiale quotidiano diffuso dal ministero della Sanità. Lo Stato di San Paolo resta il principale epicentro dell'epidemia nel paese sudamericano, con 1.223 casi confermati e 68 decessi, registrando un impressionante aumento del 209% delle morti di pazienti sugli ultimi 6 giorni.

  • Calcio, Wembley illuminato con il tricolore per 90’

    Wembley illuminato per 90' con il tricolore dell'Italia. È successo questa sera a Londra, dove oggi si sarebbe dovuta giocare l'amichevole fra Inghilterra e Italia, in preparazione ad Euro 2020. Per l'emergenza determinata dal Covid-19, la gara è stata rinviata, così come gli Europei, ma il calcio continua a dare esempi di solidarietà e vicinanza. L'esempio arriva dalla Federazione inglese, la Football Association, che proprio questa sera ha deciso di illuminare con il tricolore italiano l'arco dello Stadio di Wembley per 90', quelli che avrebbero visto di fronte le squadre
    di Southgate e Mancini. Nello stesso momento il maxischermo di fronte la Olympic Way accompagna l'iniziativa con un messaggio di solidarietà all'Italia: «Siamo separati, ma siamo insieme. Forza Italia #distantimauniti». «Grazie al calcio - commenta il presidente della Figc Gabriele Gravina - Italia e Inghilterra sono più vicine. Ho ringraziato
    personalmente il presidente della federazione inglese Greg Clarke per la bellissima iniziativa di questa sera, animata da un sincero sentimento di vicinanza e di condivisione in un momento così difficile per l'Europa intera. Una volta tornati in campo, sia in Italia che nelle sedi internazionali, dovremo continuare a valorizzare la solidarietà e l'amicizia rafforzate da questa emergenza». L'iniziativa è promossa sui profili ufficiali della Fa e della Figc, con un reciproco messaggio per ribadire l'impegno di tutti nel contrasto al virus. «Non potremmo ondividere il campo questa sera con gli Azzurri, ma saremo insieme e uniti in questo difficile momento» hanno scritto i profili social della
    Nazionale inglese. «Ben detto Inghilterra, grazie. Vinceremo questa partita insieme» hanno risposto i profili della Nazionale italiana.

  • Bce, Enria: da stop cedole prestiti per 450 miliardi

    «Le banche hanno un ruolo importante nel sostenere l'economia reale» e «in questo momento è importante conservare ogni euro di capitale nei bilanci delle banche». Così il capo della Vigilanza della Bce, Andrea Enria, ha commentato al Tg1 la decisione di congelare dividendi e buy-back durante la pandemia. «Stiamo parlando di 30 miliardi di euro che possono sostenere prestiti per 450 miliardi di euro. Quindi una cifra
    molto importante». Enria ha anche aggiunto: «Sono sicuro che gli
    azionisti in questo momento difficile capiranno».

  • La Turchia chiude quasi totalmente le frontiere

    La Turchia ha chiuso la quasi totalità delle sue frontiere, bloccando tutti i voli internazionali in partenza e in arrivo per contrastare la diffusione del coronavirus. Lo ha annunciato stasera in un discorso alla nazione il presidente Recep Tayyip Erdogan.

  • Negli Usa quasi 100mila casi confermati

    I casi di persone contagiate da Covid-19 negli Stati Uniti sono saliti a 94.238. E' quanto emerge dai dati raccolti dalla Johns Hopkins University. I decessi legati al coronavirus negli Stati Uniti sono invece 1.438. Nel mondo, i casi di Covid-19 sono 576.859 mentre i morti sono almeno 26.455. I guariti dalla malattia sono 128.377, di cui 813 in Usa

  • In Francia 33mila contagi e 1.995 morti

    In Francia i decessi a causa del coronavirus sono saliti a 1.995, con un aumento di 299 in 24 ore e i casi di contagi hanno superato la soglia di 30.000 e sono complessivamente 32.954. Lo ha annunciato il direttore generale della Sanità, Jerome Salomon. I malati ospedalizzati sono 15.732 e 3.787 sono in rianimazione.

  • Germania, quasi 50mila contagiati e 304 vittime

    Sono quasi 50 mila i contagiati in Germania da Coronavirus. È quello che rivela la Hopkins University, secondo la quale 49.344 sono i positivi, e 304 le vittime. Il tasso di letalità è dunque dello 0,6%, come in Corea del Sud, ed è nettamente più basso rispetto a quello registrato in Italia, Spagna e Francia. Tra le possibili spiegazioni, il numerato elevato di posti di terapia intensiva negli ospedali tedeschi e il fatto che sia stata finora colpita una fascia di popolazione meno anziana.

  • Germania pronta a curare 73 pazienti italiani in terapia intensiva

    Sono 73 i pazienti italiani che la Germania è pronta ad accogliere nei reparti di terapia intensiva dei suoi diversi Laender. Stando a fonti diplomatiche, finora ne sono arrivati sei: 4 a Lipsia e 2 a Dresda. Mentre i due pazienti, che sarebbero dovuti partire oggi, non lasceranno il paese, le loro condizioni sono troppo gravi. Fra i laender che si sono fatti avanti finora per accogliere pazienti italiani, oltre alla Sassonia, ci sono Berlino, Brandeburgo, Baviera, e Nordreno-Vestfalia. La Turingia invierà un team medico e materiale sanitario

  • Camera Usa approva piano da 2mila miliardi $

    La Camera dei Rappresentanti Usa ha approvato il piano di aiuti del governo federale. Dopo aver gia' incassato l'ok del Senato, il provvedimento deve adesso essere promulgato dal presidente, Donald Trump. Sono state dunque inutili le resistenze del deputato repubblicano del Kentucky, Thomas Massie, che aveva minacciato di fare scattare una procedura che avrebbe richiesto la presenza di almeno 216 deputati.

  • New York costruisce 8 ospedali temporanei

    Lo Stato di New Yorkcostruirà 8 ospedali temporanei per far fronte all’emergenza coronavirus. Lo ha detto il governatore Andrew Cuomo. Il picco della domanda di ospedalizzazione dovrebbe essere raggiunto tra 3 settimane. Sono 44.635 i casi positivi nello Stato (+7.400 in 24 ore) e le vittime sono salite a 519 (da 385).

  • Oms: per il vaccino almeno 12-18 mesi

    «Il vaccino contro il Covid-19 è ancora lontano: ci vorranno almeno 12-18 mesi». Lo ha detto il direttore generale dell'Oms Tedros Adhanom Ghebreyesus nel consueto briefing sul coronavirus

  • Oms: più di 500mila casi e 20mila morti ma anche 100 guariti

    L’epidemia di coronavirus ha fatto registrare finora più di 500mila casi di c ontagio e oltre 20mila morti, ma anche 100 guariti. Lo ha comunicato l’Organizzazione mondiale della sanità.

  • Coronavirus: Grecia, il bilancio sale a 966 casi e 28 morti

    Con 74 nuovi casi di contagio nelle ultime 24 ore, il totale delle persone infettate dal coronavirus in Grecia è salito oggi a 966, di cui 65 si trovano in terapia intensiva. Lo ha detto l'infettivologo Sotiris Tsiodras nel
    quotidiano briefing del ministero della Sanità ad Atene, trasmesso dalla tv pubblica Ert.

  • Trump attacca General Motors: non mantiene la parola

    «Come sempre, con General Motors, le cose sembrano non funzionare». Il presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, va all’attacco dei vertici di GM, accusando il colosso dell’auto di non rispettare la parola data sul totale di ventilatori promessi alla Casa Bianca. «Ci avevano detto che ci avrebbero dato 40mila ventilatori “molto rapidamente” - scrive Trump - Ora dicono che saranno solo 6mila e vogliono un sacco di soldi. Sempre un casino con Mary B (Mary Barra, l’attuale Ceo di Gm, ndr)».

  • Coronavirus: a New York 519 morti, 134 in un giorno

    New York ha fatto registrare 134 vittime da coronavirus in un solo giorno. Il bilancio - secondo gli ultimi dati resi noti dal governatore Andrew Cuomo - parla ora di 519 morti dai 385 di 24 ore prima. I casi di contagio sono saliti a 44.635 in tutto lo Stato di cui 25 mila nella Grande Mela.

  • Francia, altri 15 giorni di confinamento

    Il primo ministro francese, Edouard Philippe, ha annunciato, al termine del Consiglio dei ministri, la proroga di 15 giorni del confinamento per i francesi. La misura restrittiva sarebbe scaduta - dopo i primi 15 giorni -
    martedì 31 marzo.

  • Cuomo: a New York picco tra 21 mesi

    Il picco di contagi a New York è previsto tra 21 giorni: lo ha detto il governatore dello Stato Andrew Cuomo, avvertendo che «per allora avremo bisogno di almeno 140 mila letti di ospedale. Al momento ne abbiamo a disposizione solo 53 mila».


  • Francia sotto shock per la morte della 16enne Julie


    “Non avremo mai una risposta”: la madre di Julie, 16 anni, la prima minorenne morta in Francia di coronavirus, non ha spiegazioni. Tranne quella che gira sulla bocca di tutti: nessuno è al sicuro dal coronavirus.
    Da quando, nella consueta conferenza stampa serale, ieri, il direttore generale della Sanità, Jerome Salomon, ha annunciato il decesso della giovanissima vittima, la Francia è ancora più sotto shock. In poche ore, le notizie trapelate dalla famiglia hanno chiarito che si trattava di una ragazza sanissima, senza altre malattie. E che è morta in poche ore di malattia. Racconta la madre: “Julie aveva soltanto un po' di tosse, da una settimana. Aveva preso uno sciroppo, qualcosa a base di erbe, aveva fatto inalazioni”. Sabato aveva cominciato a sentirsi mancare il fiato: “nulla di clamoroso - racconta la madre - aveva difficoltà a riprendere respiro”. Poi attacchi continui di tosse e la visita dalla dottoressa di famiglia che la invita a chiamare l'ospedale. In seguito La notte, però, la ragazza viene colta da insufficienza respiratoria e trasferita d'urgenza all'ospedale pediatrico di Parigi, il Necker, dove la sottopongono al tampone. Prima negativo, poi positivo ma la intubano quando è ormai troppo tardi .

  • Wuhan, contagio bloccato: rischio passa da alto a medio


    Il contagio del coronavirus a Wuhan risulta attualmente “sostanzialmente bloccato”: è la valutazione fatta nel pomeriggio in una conferenza stampa da Liu Dongru, vicedirettore del comitato sanitario dell'Hubei, la provincia epicentro dell'infezione. Liu, ha riportato il Quotidiano del Popolo, ha anche spiegato che la città focolaio della pandemia ha visto il giudizio sul livello di gravità del rischio ridotto da “alto” a “medio”.

  • Spagna, ministro del Lavoro vieta licenziamenti

    Il inistro del lavoro spagnolo annuncia misure per impedire che in questo periodo di emergenza le aziende licenzino i lavoratori.

  • Olanda prolunga fino al 10 aprile il blocco voli dall’Italia


    Il governo olandese ha deciso di prolungare fino al 10 aprile il bando ai voli provenienti dalle zone considerate a rischio nel quadro dell'emergenza coronavirus, fra cui l'Italia. Il bando deciso due settimane fa, che sarebbe dovuto scadere questa sera 27 marzo, riguarda tutti i voli provenienti da Cina, Hong Kong, Iran, Corea del Sud e Italia. La Spagna e l'Austria erano già state aggiunte alla lista dei Paesi a rischio fino a inizio
    aprile. Restano comunque permessi solamente i viaggi per motivi
    essenziali. Dal 27 marzo, 112 persone sono morte nei Paesi Bassi per il Covid-19 e 1.172 persone sono i positivi. Ciò porta complessivamente ad un totale di 546 decessi e a 8.603 contagi. I ricoverati sono 2.500.

  • Regno Unito: dopo premier anche ministro della Salute positivo

    Nel Regno Unito, oltre al primo ministro Johnson anche il ministro della Salute, Matt Hancock, è positivo al coronavirus. Hancock, un'altra figura chiave dell'emergenza, ha confermato in prima persona di essere a sua volta risultato positivo al test e di avere al momento “sintomi lievi”. Hancock è ora in auto-isolamento, ha fatto sapere.

  • Ocse: Giappone paese con più posti letto, Italia 19esima


    Il Giappone è il Paese Ocse ad avere più posti letto ospedalieri (7,8 ogni mille abitanti). Solo diciannovesima è l'Italia. A dirlo è uno studio sulle cure sanitarie pubblicato dall'Ocse, l'Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico. L'analisi ha valutato i suoi 36 Paesi membri e, in questo caso, ha fotografato i posti letto per acuti (esclusi quelli per i disturbi psichiatrici). A seguire il Giappone è la Corea del Sud (7,1 ogni mille). Solo dopo la Germania, con sei posti letto ogni mille abitanti.
    In questa classifica la Francia è sedicesima (con 3,1 posti letto ogni mille abitanti), dopo Lituania, Austria, Belgio, Repubblica Slovacca, Repubblica Ceca, Svizzera. L'Italia, è al diciannovesimo posto insieme alla Nuova Zelanda (che hanno, rispettivamente, 2,6 posti letto ogni mille abitanti). Solo dopo, al 20esimo posto, gli Stati Uniti d'America (2,4 posti letto ogni mille), a pari merito con la Spagna, la Danimarca e l'Islanda. Solo al 31esimo posto il Regno Unito (con 2,1 posti letto ogni mille). In coda alla classifica ci sono Svezia, Cile, Canada, Messico. Sempre il Giappone guida la classifica delle Tac: ne ha 111 ogni milione di abitanti: l'Italia è a metà classifica con 35.

  • Spagna, boom di contagi tra operatori sanitari: quasi 10.000 casi


    “Ci sono già quasi 10.000 operatori sanitari contagiati in Spagna”. Lo riporta il sito di El Mundo sottolineando che, secondo gli ultimi dati, i casi del personale nella sanità positivo al coronavirus sono 9.444. In Spagna, in base all'ultimo bollettino del ministero della Sanità spagnola, i casi di contagio sono aumentati del 14% a 64.059. I pazienti che hanno avuto bisogno del ricovero in ospedale sono 36.293 e quelli sottoposti a terapia intensiva sono 4,165. Il numero dei guariti è invece di 9.357. A Madrid i contagiati sono quasi 20.000 (+10%), con 2.412 vittime.

  • Da Ue nuovi orientamenti per il trasporto aereo per assicurare i prodotti essenziali

    La Commissione europea ha invitato gli Stati membri a sostenere le operazioni di trasporto aereo di merci durante la crisi del coronavirus con nuovi orientamenti che formulano raccomandazioni relative a misure operative e organizzative volte a mantenere attivi i flussi di trasporto essenziali, anche per quanto riguarda le forniture mediche e il personale medico. Il trasporto aereo di merci rappresenta circa il 35% del commercio mondiale in valor e consente alle catene di approvvigionamento globali della maggior parte dei materiali di alto valore di continuare a funzionare e costituisce un complemento essenziale del trasporto merci via terra e via mare.

  • Svizzera, oltre 12.000 casi. La Banca centrale favorisce liquidità

    Il governo svizzero riporta 12.161 casi e 197 morti a fronte di pochissime misure dratistiche per fermare la diffusione del virus. La Banca centrale svizzera assicura la liquidità con il meccanismo Bns-Covid19.

  • Territori Palestinesi, 91 casi inclusi i 9 a Gaza


    Con altri 7 casi è salito a 91 il numero dei positivi nei Territori palestinesi, compresi 9 a Gaza. Lo ha fatto sapere il ministero della sanità locale spiegando che i nuovi casi riguardano il villaggio di Bidu, a nord di Gerusalemme, dove nei giorni scorsi si è avuta la prima vittima, una donna di 64 anni. Tutti gli abitanti del villaggio sono stati messi in isolamento. In Cisgiordania la maggior parte delle infezioni si è verificata a Betlemme posta in lockdown totale. Il ministero ha segnalato che del totale dei casi sono 17 quelli ricoverati in ospedale.

  • Belgio, gatto contagiato dal padrone


    “La Facoltà di medicina veterinaria di Liegi ha messo in evidenza che il gatto di una persona infettata dal Covid-19 è stato contagiato dal suo padrone e ha quindi ha sviluppato dei sintomi e un'infezione che è stata confermata”. Lo hanno annunciato il virologo Emmanuel André, portavoce interfederale della lotta contro il coronavirus durante la conferenza stampa quotidiana per fare il punto sull'epidemia in Belgio.
    “Questo tipo di trasmissione, però, va dall'uomo all'animale, non il contrario, e necessita di un contatto ravvicinato fra i due durante la vita quotidiana”, hanno precisato, “si tratta di un caso isolato, non è la regola, ma le autorità hanno proposto di adottare una serie di misure di precauzione per le persone infettate che hanno un animale domestico. Oggi non c'è ragione di pensare che gli animali possano essere vettori dell'epidemia nella nostra società”.

  • Il premier britannico Johnson ha il coronavirus

    Il 26 marzo il numero uno del servizio sanitario nazionale ha detto di apsettarsi uno tsunami a Londra. Il 27 marzo arriva la notizia di un positivo eccellente: il primo ministro Boris Johnson risulta positivo al coronavirus. Lo annuncia Downing Street. Johnson avrebbe “lievi sintomi” della malattia. Il ministro dell’Economia ha annunciato che non si metterà in quarantena: non ha avuto contatti col premier ultimamente.
    Johnson in un video pubblicato sul suo profilo twitter dettaglia i sintomi (febbre e tosse persistente) che lo hanno spinto a fare il test sul coronavirus risultato poi positivo. “Mi sono autoisolato e continuo a lavorare da casa - aggiunge il premier britannico - e continuerò a guidare il governo nella lotta contro il coronavirus”.

  • Spagna, il bilancio vittime sale a 4.858, 769 morti nelle ultime 24 ore

    Il numero dei morti in seguito alla diffusione del coronavirus torna ad aumentare in Spagna con 769 vittime indicate nelle ultime 24 ore. Il bilancio totale dei morti sale così a 4.858. Lo scrive el Pais.

  • La Germania approva misure per 750 miliardi di euro

    Anche il Bundesrat tedesco (il senato federale) ha approvato l'enorme pacchetto di aiuti che dovrà salvare imprese e famiglie dall'impatto economico del coronavirus in Germania. Si tratta di misure economiche da 750 miliardi di euro, che comprendono un deficit da 156 miliardi per il 2020.

  • Il presidente del parlamento europeo David Sassoli: “I governi nazionali non sono l’Europa”

    “Voglio essere molto chiaro: I governi nazionali non sono l'Europa”. Così il presidente del Parlamento europeo David Sassoli commenta le conclusioni del Consiglio di ieri al canale Uno di Rtve. “Ci saremmo aspettati una più forte assunzione di responsabilità dai leader. Ora abbiamo due settimane di tempo per lavorare, sperando che si sciolgano le riserve e vengano date risposte”, ha aggiunto. “Ci sono le istituzioni europee che stanno combattendo per difendere i nostri cittadini, le nostre vite e la nostra democrazia nessuno può uscire da solo da questa emergenza” coronavirus.

    Il trasporto di bare a Vitoria in Spagna
  • L’Australia testa il vaccino anti tubercolosi contro Covid-19 su operatori sanitari

    Un vaccino vecchio di un secolo, usato per prevenire la tubercolosi, è in via di sperimentazione su migliaia di medici e infermieri in Australia, nel tentativo di proteggere dal contagio chi opera in prima linea nella crisi del coronavirus. Il Murdoch Children's Research Institute di Melbourne ha reso noto che i suoi ricercatori in malattie infettive hanno avviato uno studio clinico multicentrico randomizzato e controllato sul vaccino detto Bacille Calmette-Guerin o BCG, precisando che il processo è stato approvato dal direttore generale dell'Oms, Tedros Adhanom.

    Guidato dal professor Nigel Curtis, direttore del gruppo di ricerca sulle malattie infettive dell'Istituto, lo studio si basa su ricerche precedenti che hanno dimostrato come il BCG riduca il livello di virus in persone infettate da virus simili al SARS-CoV-2. La sperimentazione di sei mesi coinvolgerà 4.000 operatori sanitari in Australia, a metà dei quali non verrà somministrato. I ricercatori sperano di ottenere indicazioni della sua efficacia entro tre mesi, nel qual caso il campione sarà esteso.

  • Turchia, in quarantena i migranti al confine con la Grecia

    Le autorità turche hanno evacuato stamani diverse centinaia di migranti e rifugiati che da un mese si erano accampati alla frontiera con la Grecia, dopo che il governo di Recep Tayyip Erdogan aveva annunciato che non avrebbe più fermato chi voleva tentare di recarsi nell'Ue. Secondo Anadolu, i migranti sono stati condotti con il loro accordo in centri di accoglienza della provincia frontaliera di Edirne, dove resteranno in quarantena per evitare rischi di contagio da coronavirus

  • Lagarde al lavoro in ufficio dopo sei giorni di isolamento volontario

    La presidente della Bce Christine Lagarde è al lavoro nel suo ufficio dopo aver fatto un breve periodo, di sei giorni, di isolamento volontario durante i quali ha comunque continuato a lavorare regolarmente mantenendo i contatti e partecipando alle riunioni. Lo apprende l'Ansa. Secondo quanto riporta l'agenzia Bloomberg la presidente della Bce era in quarantena volontaria dalla scorsa settimana dopo aver avuto contatti con una persona risultata positiva al coronavirus.

    Folla a Ginza, quartiere dello shopping a Tokyo. Finora non vi sono state molte restrizioni ma i casi di contagio sono in crescita e anche il governo del Giappone invita adesso a stare a casa
  • La compagnia El Al sospende tutti i voli da e per Istraele

    La compagnia aerea israeliana El Al ha annunciato la sospensione temporanea di tutti i voli da e per Israele dalla mezzanotte di oggi (ora locale) fino al 4 aprile. La motivazione - ha spiegato l’azienda - è legata alla diffusione del coronavirus. Fino ad oggi El Al aveva garantito alcuni voli con l'Europa, gli Usa e verso altre destinazioni internazionali.

  • Russia, da domani chiudono bar e ristoranti

    Il governo russo ha ordinato la chiusura di tutti i bar e ristoranti nel Paese a partire da domani per contenere la diffusione del coronavirus. Lo ha annunciato il governo di Mosca.

  • Germania, 42.288 malati: 5.780 in più nelle ultime 24 ore

    Il numero di casi confermati di coronavirus in Germania è salito a 42.288 e 253 persone sono morte a causa della malattia,secondo le statistiche del Robert Koch Institute per le malattie infettive. I casi sono aumentati di 5.780 rispetto al giorno precedente mentre il bilancio delle vittime è salito di 55.

  • Trump a Xi: lavoriamo insieme

    “Ho appena concluso un'ottima conversazione con il presidente Xi della Cina. Discusso in dettaglio il coronavirus che sta devastando gran parte del nostro Pianeta”. Lo scrive su Twitter il presidente americano Donald Trump, secondo cui “la Cina ha molta esperienza e ha sviluppato una forte conoscenza del virus. Stiamo lavorando a stretto contatto insieme. Molto rispetto!”.

    Gli Stati Uniti sono ormai diventati il primo Paese al mondo per casi di coronavirus: secondo i dati del New York Times sono 81.488, più di Cina e Italia, con 1.178 morti in tutto il Paese.

    Monterey Park, California (Afp)

    Secondo quanto riportano fonti ufficiali cinesi, durante il colloquio telefonoico Xi avrebbe detto a Trump che i due Paesi “devono unirsi contro l'epidemia” del Covid-19. Il leader cinese ha poi affermato, alla televisione pubblica Cctv, che “la Cina è disposta a proseguire nella condivisione di informazioni ed esperienza con gli Stati Uniti senza riserve” sul virus. La telefonata arriva dopo giorni di tensioni a seguito delle accuse lanciate da Trump ai cinesi colpevoli, secondo il presidente Usa, di aver ritardato nel comunicare la gravità del virus, provocando, di fatto, l'attuale pandemia. I cinesi non hanno poi apprezzato il continuo riferimento di Trump al “virus cinese”

    Per approfondire: Usa, il piano di aiuti da duemila miliardi di dollari

  • Corea del Sud, 91 nuovi casi

    La Corea del Sud ha registrato 91 nuovi casi di coronavirus alla fine di giovedì 26 marzo, in calo sui 104 del giorno precedente: le infezioni totali, ha riferito il Korea Centers for Disease Control and Prevention (Kcdc), sono salite a 9.332, contro decessi a 139 (+8). Sono 13 i contagi importati, per 144 totali, costituendo la minaccia di un'ondata di ritorno. A tal proposito, le autorità sanitarie locali hanno disposto la quarantena obbligatoria agli arrivi da Europa e Usa, mentre ai passeggeri con più di 37,5 gradi di febbre sarà negato l'imbarco

  • Cina, 54 casi di ritorno su 55

    I casi di coronavirus registrati giovedì 26 marzo in Cina sono stati 55, di cui 54 importati e uno interno nello Zhejiang. La Commissione sanitaria nazionale ha citato nei suoi aggiornamenti quotidiani 5 nuovi decessi tutti nell'Hubei, provincia epicentro della pandemia, e 49 nuovi casi sospetti. Le infezioni sono salite a 81.340, di cui 3.460 pazienti in cura, 3.292 decessi e 74.588 dimessi dagli ospedali, che valgono un tasso di guarigione al 91,69%. Contro il contagio di ritorno, Pechino ha annunciato ieri lo stop dei visti agli stranieri e un drastico taglio dei voli internazionali.

    Pechino (Afp)

    Nel Paese che è stato il primo epicentro della pandemia, i profitti industriali hanno accusato un crollo annuo del 38,3% nel periodo gennaio-febbraio 2020, il più pesante mai registrato dall'inizio della raccolta omogenea dei dati.

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti