Europa

Coronavirus, ultime notizie. Due ceppi diversi di virus in Lombardia. Lagarde: economia cambia, diseguaglianze in aumento. Negli Usa altri 50mila casi

● Nuovo focolaio a Trieste tra addetti import-export
● Bolivia: contagiati sette ministri
● A Melbourne in Australia migliaia in quarantena
● In Russia superate le 10mila vittime
● In Catalogna quarantena per 200mila persone
● Positiva la fidanzata del primogenito del presidente Trump
● A Tokyo 130 nuovi casi, numero più alto da due mesi
● Superati gli 11 milioni di contagi nel mondo
Che cosa è successo ieri 3 luglio



  • Trump: siamo sulla strada di una grande vittoria

    «Solo quattro mesi fa stavamo facendo meglio di ogni altro Paese, poi siamo stati colpiti da questa terribile piaga dalla Cina e ora siamo sempre più vicini» a sconfiggerla. Lo afferma Donald Trump in un video per augurare agli americani un buon 4 luglio. «Il nostro Paese sta riemergendo, i nostri dati sul mercato del lavoro sono spettacolari, ci sono molte cose che ancora molti non vedono ma che vedranno fra poco. Siamo sulla strada di una grande vittoria», dice Trump.

  • Usa 2020: Biden, indossare la mascherina è gesto patriottico

    «Questo quattro luglio la cosa più patriottica che si può fare è indossare la mascherina». È il tweet del candidato democratico alla Casa Bianca, Joe Biden. La mascherina è diventata di recente un simbolo politico, indossarla vuol dire essere per i democratici e non farlo è sposare la causa di Donald Trump. Eppure la mascherina, così come il distanziamento sociale, sono considerate le armi migliori dagli esperti sanitari per combattere il coronavirus.

  • Turismo, a luglio in vacanza il 23% in meno del 2019

    Sono 13,5 milioni gli italiani che hanno deciso di andare in vacanza in luglio, con un calo del 23% rispetto allo scorso anno, a causa di incertezze, paure e difficoltà economiche. Emerge dall'analisi Coldiretti/Ixè nel primo week-end del mese, che segna tradizionalmente in Italia l'inizio delle grandi partenze, condizionate quest'anno dall'emergenza Coronavirus. “Quello che emerge nel settore turistico è un quadro preoccupante - spiega il presidente di Coldiretti Lazio, David Granieri - stando alle nostre recenti statistiche ma anche ai rapporti di Unioncamere e Banca d'Italia sulle difficoltà affrontate dalle aziende. Le vacanze 2020 registrano comunque una netta preferenza degli italiani verso le mete nazionali”. E aggiunge: “La novità di quest'estate sta anche nel fatto che 1 italiano su 4 (25%) ha scelto una destinazione vicino casa”. La situazione, dice Granieri, “si ripercuote anche nel Lazio, dove a risentire fortemente è stato proprio il settore turistico con un calo di nuove aziende iscritte registrato tra marzo e maggio da Unioncamere pari a 5.056 rispetto allo stesso periodo dello scorso anno. Una battuta d'arresto del 47% delle imprese che avrebbero dato nuovo impulso proprio nel settore della ristorazione e del turismo”. Stando inoltre al rapporto sull'economia del Lazio realizzato dalla Banca d'Italia, risulta che i comparti più colpiti sono il commercio (pari al 10,5 per cento del valore aggiunto) e quelli legati al turismo. “Cerchiamo di fare fronte comune - conclude Granieri - per risollevarci insieme da questa crisi economica”.

  • Studio San Matteo-Niguarda: 2 ceppi diversi di virus in Lombardia

    Due ceppi diversi per il Covid-19 in due tra le aree della Lombardia più colpite dalla pandemia. Ad annunciarlo, in un convegno svoltosi all'Università di Pavia ed organizzato dall'associazione culturale “Nova Ticinum” presieduta dal prof. Mario Viganò, è stato il professor Fausto Baldanti, direttore della Virologia del San Matteo. “Grazie a uno studio che abbiamo condotto con il Niguarda di Milano - ha spiegato Baldanti - abbiamo scoperto che ci sono stati due diversi ceppi del virus in Lombardia. Quello circolato nella zona di Bergamo è diverso dal Coronavirus che si è diffuso nelle province di Cremona e Lodi. Due virus differenti tra di loro, per sequenza genetica e caratteristiche, che hanno provocato due diversi focolai”.

  • Piemonte oltre 25 mila guariti,11 nuovi contagi

    Con le 77 di oggi il numero delle persone guarite dal Coronavirus in Piemonte ha superato quota 25 mila. Sono dati del bollettino dell'Unità di crisi della Regione che riporta oggi due decessi (il totale da inizio pandemia è di 4.102) e 11 nuovi contagi, di cui 8 in pazienti asintomatici. I ricoverati in terapia intensiva sono 9 (-1 rispetto a ieri), negli altri reparti 225 (-10). Le persone in isolamento domiciliare sono 983, i tamponi diagnostici finora processati sono 427.590, di cui 234.833 risultati negativi.

  • In calo i nuovi contagi in Lombardia, 16 morti

    È in calo il numero dei nuovi positivi al coronavirus in Lombardia, con 95 casi (di cui 32 a seguito di test sierologici e 21 “debolmente positivi”) nelle ultime 24 ore (ieri erano 115) per un totale di 94.298. I tamponi effettuati sono stati 10.160. In aumento, invece, i morti che sono 16 (16.691 in totale), mentre ieri erano 4. «I dati di oggi riportano buone notizie per quanto riguarda il calo dei ricoveri (-10, con un positivo - 5 relativamente alle terapie intensive)», ha spiegato l'assessore lombardo al Welfare Giulio Gallera. «Buone notizie anche per ciò che attiene la voce guariti/dimessi (+330 in totale) a conferma di come la battaglia contro il virus stia producendo i risultati sperati».

  • Nuovo focolaio a Trieste tra addetti import-export

    Un focolaio di nuovi contagi da coronavirus è stato registrato a Trieste. Al momento, afferma il vicepresidente della Regione, Riccardo Riccardi, sono otto le persone collegate tra loro e trovate positive al coronavirus. “Sono stati eseguiti circa sessanta tamponi - dice - tutti con esito negativo, a persone entrate in contatto con i contagiati. Poi è partita un'ulteriore campagna di tracciamento dei contatti e siamo in attesa dei risultati di ulteriori 60 tamponi”. Dei nuovi casi riscontrati a Trieste, “quattro lavorano nell'import-export e potrebbero avere avuto contatti con persone provenienti dall'estero - spiega Riccardi - quattro sono invece loro famigliari. Nessuno si è recato all'estero di recente”. Alle 17 è prevista una videoconferenza dalla sede della Protezione civile di Palmanova tra Regione - sono attesi Riccardi e il presidente del Fvg, Massimiliano Fedriga - infettivologi e direttori sanitari. Su questo focolaio, precisa Riccardi, “c'è una giusta attenzione, che non deve diventare allarmismo ma non può neanche essere sottovalutata. Ora continuiamo a lavorare con lo stesso tenore e la stessa impostazione tenuti in questa esperienza”. Si tratta di “un contagio significativo dopo diversi giorni, in cui non avevamo nessun contagio”. In generale, osserva Riccardi, “nell'ultima settimana si sono verificati tre casi che hanno avuto origine in altri Paesi: questo è un problema che intendiamo monitorare. Ma intendiamo anche far comprendere come il confine può rappresentare un problema”.

  • A Melbourne, in Australia, migliaia in lockdown

    Migliaia di residenti in alcuni edifici popolari di Melbourne, la seconda città dell'Australia, sono stati messi in isolamento, da oggi e per almeno cinque giorni, dopo lo scoppio di un nuovo focolaio di coronavirus che le autorità stentano a mettere sotto controllo. Centinaia di poliziotti sono stati dispiegati per imporre il lockdown a nove torri di edilizia popolare. Il Paese ha registrato il più grande aumento giornaliero di casi di coronavirus negli ultimi mesi, con 108 nuovi casi concentrati nello Stato sud-orientale di Victoria.

    Le case popolari interessante dal nuovo lockdown a Melbourne, in Australia
  • Bolivia: 7 ministri contagiati

    Sette ministri del governo della presidente ad interim della Bolivia, Jeanine Anez, sono stati contagiati dal Covid-19. Lo riferisce il quotidiano Pagina Siete citando dichiarazioni del ministro dell'Interno, Arturo Murillo. Durante una cerimonia con la polizia a El Alto, città gemella di La Paz, Murillo ha sostenuto ieri che “i ministri sono in prima linea lavorando per il popolo e, se non mi sbaglio, già sette sono stati colpiti dal Covid-19. E non per questo - ha ancora detto - se ne restano dietro una scrivania o danno ordini da una qualche residenza all'estero”, in allusione all'ex presidente Evo Morales esule in Argentina.

    Un funerale a La Paz, Bolivia (Reuters)

    Il giornale indica che l'annuncio di Murillo ha colto di sorpresa i media perché fino a questo momento si sapeva soltanto di un ministro - quello della Presidenza Yerko Núñez - risultato positivo ad un test per il coronavirus. Altri due ministri, Luis Fernando López (Difesa) e María Elva Pinckert (Ambiente), hanno invece trascorso un periodo di isolamento preventivo per essere stati a contatto con parenti contagiati, senza a loro volta infettarsi. La stessa presidente Anez si è sottoposta ad un test, risultato negativo, dopo l'annuncio del contagio del ministro Núñez con cui lavora quotidianamente.

  • In Toscana 3 cluster da sovraffollamento: nuova ordinanza per evitare queste condizioni

    In Toscana nelle ultime 2 settimane sono stati registrati 3 cluster familiari: sono 18 persone, straniere, che rappresentano più del 40% dei nuovi casi. Essendo il contagio dovuto principalmente al sovraffollamento in casa, oltre alla difficoltà di trasmettere alle comunità straniere il valore della protezione primaria della mascherina, il governatore toscano Enrico Rossi firmerà oggi una nuova ordinanza affinchè i sindaci adottino provvedimenti per eliminare eventuali sovraffollamenti con l'utilizzo dell'albergo sanitario.

  • Gualtieri: successo su contributi a fondo perduto. E su rifinanziamento cig e proroga al blocco dei licenziamenti: lo faremo

    “Oggi è una bella giornata, si è parlato tanto di ritardi che ci sono stati su alcune misure come la cassa integrazione. Ma è bene che si parli anche di efficienze di risultati come i contributi a fondo perduto erogati dall'Agenzia delle Entrate”, una misura che “si sta rivelando un vero successo. Molto efficace”. Lo dice il ministro dell'Economia, Roberto Gualtieri, a margine del Consiglio confederale della Uil. “Procedure semplici, tempi inferiori a quelli annunciati e contributi importanti che vengono erogati. Siamo a quasi 3 miliardi”, sottolinea il ministro, riportando “i complimenti all'Agenzia delle Entrate che - aggiunge con una battuta - sta lavorando come una Agenzia delle uscite con grande efficacia”.

    Roberto Gualtieri, Giuseppe Conte e Nunzia Catalfo durante il consiglio confederale nazionale della Uil (Ansa)

    “Lo faremo”: così il ministro dell'Economia, Roberto Gualtieri, ha risposto alla domanda se saranno rifinanziati gli ammortizzatori sociali e prorogato lo stop ai licenziamenti, a margine del Consiglio confederale della Uil. “Abbiamo avviato con Catalfo e predisposto un quadro di misure che stiamo analizzando tecnicamente in modo da arrivare ad un confronto con i sindacati e le imprese per varare un prolungamento e aggiornamento delle misure sociali”, ha sottolineato.

  • L’imprenditore veneto era ripartito per la Bosnia già ammalato

    L'imprenditore vicentino, in terapia intensiva per il Covid 19, che si era recato in Serbia per lavoro assieme a tre collaboratori (tutti positivi), è rientrato in Italia per un giorno ed è poi ripartito per la Bosnia già ammalato. Lo ha detto Giovanni Pavesi, dg dell'Usl Berica, che si è occupata del focolaio e che ha già sottoposto a tamponi 52 persone nel vicentino, 37 nel veronese e 28 nel padovano. La maggior parte di queste, al momento, risultata negativa ai test.

    Un momento della diretta su Facebook del governatore del Veneto, Luca Zaia, oggi (Ansa)

    I quattro veneti che hanno viaggiato nella stessa auto al rientro dalla Serbia “non avevano addosso la mascherina”. Lo ha precisato il governatore del Veneto Luca Zaia, intervenendo sul caso. “Oggi la Serbia, Belgrado, - ha aggiunto - è entrata in lockdown”.

  • L’83% delle aziende italiane pensa di essere in recessione

    In Italia l'83% delle aziende pensa di essere in recessione e fra i settori industriali si registra il pessimismo di Leisure & Hospitality (69%), Real Estate, chimica (entrambe (65%) e delle aziende retail (61%). I dati emergono dallo European Payment Report Whitepaper, ricerca condotta da Intrum intervistando le posizioni apicali di 9.980 aziende in 29 Paesi europei e di 11 settori industriali sia nella fase pre Covid-19 (febbraio) che durante (maggio). Emerge che la recessione impatta sui pagamenti e coloro che hanno risposto che la recessione sarà paneuropea vedono un forte rischio sul fatto che i pagamenti vengano effettuati in tempo. In Italia d'altra parte risulta che vi siano settori che vengono pagati sostanzialmente in tempi ragionevoli sia dai clienti che dalle imprese. Per i pagamenti dei clienti - retail (singoli o famiglie) alle aziende il 33% dei settori economici indagati in Italia è pagato da 1 a 10 giorni, l'11% da 11 a 20 giorni, il 24% da 21 a 30 giorni e solo il 3% è pagato fra 101 e 200 giorni.

  • Bce, Lagarde: politica moneteria resterà accomodante

    A causa del coronavirus “in termini di politica monetaria dobbiamo affrontare cambi strutturali che possono avere un impatto sull'inflazione” per cui “la politica monetaria della Bce dovrà essere accomodante”. Lo ha detto la presidente della Bce, Christine Lagarde, al convegno online “Attuare un modello di crescita alternativo”.

    La decisione della Corte costituzionale tedesca che ha chiesto chiarimenti sul Qe “non credo sia una minaccia per la Bce perché la Bce è soggetta alla giurisdizione della Corte europea di giustizia”, ha aggiunto Lagarde.

  • Bce, Lagarde: il coronavirus cambia la nostra economia e porta all’aumento delle diseguaglianze

    “Il coronavirus cambierà profondamente la struttura della nostra economia, ci sarà un'accelerazione verso la digitalizzazione, i settori dei servizi e della manifattura saranno organizzati in modo diverso con quest'ultimo che vedrà un aumento della robotizzazione. Lo smart working ha cambiato il nostro modo di lavorare, per cui ci saranno cambiamenti nel modo in cui viviamo, produciamo e vendiamo”. Lo ha detto la presidente della Bce, Christine Lagarde, ad un convegno online dal tema “Attuare un modello di crescita alternativo”, sottolineando di essere “fiduciosa che l'Europa sarà in grado di gestire questa immensa transizione”. La numero uno della Bce ha però avvertito che il coronavirus “porterà anche ad un aumento delle diseguaglianze”.

  • Positivi a Roma due dipendenti del World Food Program rientrati dalla Somalia

    “Due dipendenti del World Food Program di rientro dalla Somalia sono risultati positivi e sintomatici e segnalati da un medico delle Nazioni Unite”. Lo comunica in una nota l'Unità di Crisi Covid-19 della Regione Lazio aggiungendo che sono stati “posti in isolamento domiciliare ed è stata avviata l'indagine epidemiologica dalla Asl Roma 3 e dal Seresmi”.

  • Zaia: sembra sia deceduto il paziente zero serbo che ha contagiato l’imprenditore vicentino per cui si valutano profili di colpevolezza

    “Il paziente serbo 0 che ha contagiato l'imprenditore vicentino sembra sia deceduto mercoledì”. Lo dice il governatore del Veneto Luca Zaia sui nuovi casi in Veneto, generati da un imprenditore vicentino che si era recato in Serbia.

    Una segnalazione sarà presentata alla Procura di Vicenza per valutare eventuali profili di colpevolezza da parte della persona che pur sapendo di essere positivo ha diffuso il contagio in Veneto. È quanto reso noto nel corso della conferenza stampa indetta dal governatore del Veneto Luca Zaia, presente il direttore dell'Ulss berica.

    Per approfondire: il nuovo focolaio in Veneto

  • Dl Rilancio: Pa in smart working al 50% fino a fine anno

    Proroga fino al 31 dicembre 2020 del lavoro agile per il 50% dei dipendenti che svolgono attività eseguibili da remoto. Lo prevede un emendamento M5S al decreto Rilancio, riformulato e approvato dalla commissione Bilancio della Camera, che e introduce il “Piano organizzativo del lavoro agile” (POLA), con il quale dal 1° gennaio 2021 la percentuale salirà ad almeno il 60%. Si tratta, commenta il ministro Fabiana Dadone, di una “rivoluzione in atto”. Con l'emendamento si introduce anche l'Osservatorio del lavoro agile “per raccogliere dati e informazioni fondamentali e permettere di programmare al meglio le future politiche organizzative delle Pa e lo sviluppo delle performance di dirigenti e personale”.

  • Contributo a fondo perduto: erogati 2,9 miliardi

    Dal 15 giugno, giorno dell'apertura del canale dedicato dell'Agenzia delle entrate per il contributo a fondo perduto, sono più di 890 mila gli ordinativi di pagamento emessi per un importo complessivo 2,9 miliardi di euro. Le somme sono accreditate direttamente sui conti correnti di imprese, commercianti e artigiani. Ad oggi sono 1.208.085 le istanze di contributo a fondo perduto provenienti da tutto il territorio nazionale. Lo comunica la stessa Agenzia delle Entrate precisando che al primo posto c'è la Lombardia con oltre 200mila domande.

  • In Catalogna quarantena per 200mila persone

    La Generalitat catalana ha deciso di mettere in quarantena nelle loro case gli abitanti di 38 piccoli comuni della provincia di Segrià, che contano circa 209.000 persone, a partire da mezzogiorno, a fronte dell'aumento dei casi di coronavirus registrati nelle ultime ore. Sono nove i focolai attivi. Lo rende noto La Vanguardia. Fino alle 16 ai residenti sarà permesso di entrare, ma da quel momento in poi sarà vietata la circolazione, ad eccezione dei lavoratori che devono spostarsi.

  • In Iran stime ipotizzano che si sia contagiato il 20% della popolazione

    “Sulla base di test sierologici effettuati in modo casuale, abbiamo scoperto che i casi di coronavirus sono aumentati a oltre 18 milioni in Iran, pari al 20% della popolazione del Paese”. Lo ha detto un membro della sede centrale per la lotta contro il coronavirus Masoud Mardani, citato dall'Isna. La portavoce del ministero della Sanità Sima Lari ha annunciato venerdì che il numero ufficiale di infezioni è stimato a 235.429 e a 11.260 morti. La sua stima, ha affermato, si basava su un numero limitato di 1.744.958 test nel paese dall'inizio dell'epidemia del virus. Tuttavia, secondo un membro del consiglio comunale di Teheran, Nahid Khodakarami, solo nella capitale, finora 5.000 persone sono morte a causa del virus. Inoltre, un rapporto dell'IRNA ha reso noto sabato che il deputato al Parlamento Hosseinali Hajideligani è stato infettato dal Covid-19.

  • Enit: per agosto solo il 40% delle camere prenotate

    Sono 4 su 10 le camere delle strutture ricettive prenotate online dai turisti italiani e stranieri.Venezia è un po' più in affanno con il 68% di camere ancora disponibili mentre Rimini si sta riprendendo con la metà delle notti già prenotate. Emerge dal bollettino realizzato dall'Enit, agenzia nazionale del turismo. Resistono le grandi città con una quota di mancate prenotazioni del 26% a Firenze, 38% a Roma, 39% a Milano, 47% a Napoli. Le città d'arte sono comunque molto penalizzate dalla forte dipendenza dal turismo internazionale che - in una proiezione annuale sul 2020 - vede Firenze a -63,9% di arrivi internazionali, Napoli a -61,5%, Venezia a -60,7%, Roma a -60,5% - comparabili con quelli di Nizza-Cannes (-61,8%), Barcellona (-59,2%) e Parigi (-57,9%).

  • Positiva la fidanzata del primogenito del presidente Trump

    È positiva al coronavirus Kimberly Guilfoyle, fidanzata di Donald Trump Junior, primogenito del presidente americano. Guilfoyle lavora come senior fund-raising official per la campagna di rielezione di Trump, i cui responsabili hanno confermato la notizia anticipata dal New York Times. Donald Trump Junior sarebbe invece risultato negativo al tampone.

    Kimberly Guilfoyle e Donald Trump Junior (Afp)
  • In India record di casi giornalieri: oltre 22mila

    L'India ha registrato il picco più alto di casi di coronavirus giornalieri, con oltre 22.000 nuovi casi e 442 morti. Lo stato occidentale del Maharashtra, sede della densamente abitata capitale finanziaria di Mumbai, ha il totale più alto del Paese, con 6.364 nuovi casi nelle ultime 24 ore e 198 morti. Con oltre 640.000 contagi dall’inizio dell’epidemia, l’India è il quarto Paese al mondo più colpito dal Covid-19 dopo Stati Uniti, il Brasile e la Russia. E gli sforzi di contenere le infezioni sono messi a dura prova dalla stagione dei monsoni che sta flagellando soprattutto la costa occidentale.

    Mumbai, in fila per la misurazione della febbre (Reuters)


  • In Russia 6.632 nuovi casi. Superate le 10mila vittime

    La Russia riporta 6.632 nuovi casi di coronavirus, portando il conteggio nazionale delle infezioni a 674.515. Le autorità hanno affermato che 168 persone sono morte nelle ultime 24 ore, portando il bilancio delle vittime ufficiale a 10.027.

    Mosca: la galleria statale Tretyakov ha riaperto al pubblico il 3 luglio (Afp)
  • Consulenti del lavoro: a rischio Covid 6,5 milioni di lavoratori

    Forte rischio di contrarre malattie infettive respiratorie come il coronavirus per “6,5 milioni di lavoratori”, pari al 28,3% della platea degli occupati. Ed i timori son maggiori per le donne, per gli under35 e per chi è più istruito: il 40,9% dei laureati contro il 27% dei diplomati ed il 20,9% di chi si è fermato alla scuola media. Lo calcolano i consulenti del lavoro.

  • A Tokyo 130 nuovi casi, numero più alto da due mesi

    A Tokyo confermati 130 nuovi casi di infezione da coronavirus, terzo giorno consecutivo con oltre 100 nuovi casi, ha riferito l'emittente pubblica NHK. I contagi a Tokyo sono saliti al massimo da due mesi, spinti dalla diffusione del virus nei locali notturni della capitale.
    I nuovi casi nella capitale ieri erano 124, 107 il giorno precedente, in parte a causa dei maggiori test tra i lavoratori della vita notturna nei distretti di Shinjuku e Ikebukuro.

    Tonni congelati alla Misaki Megumi Suisan, a Tokyo (Reuters)


  • Negli Usa oltre 50mila nuovi casi per il terzo giorno consecutivo

    Nuovo record di casi di coronavirus negli Stati Uniti: nelle ultime 24 ore sono stati 57.562. È quanto emerge dai dati del Covid Tracking Project. Si tratta del terzo giorno consecutivo con oltre 50.000 nuovi contagi. I casi di coronavirus negli Stati Uniti sono in totale 2,79 milioni e i decessi 129.405. L’epidemia non frena in America Latina: oltre 70mila casi in un giorno, con il Brasile che rimane il Paese più colpito seguito da Perù e Cile.

    La folla radunata per il discorso del presidente Trump al Mount Rushmore, South Dakota, in occasione della festa dell’Independence Day

    Per approfondire: Il boom del virus negli Usa in 11 mappe

  • Superati gli 11 milioni di casi nel mondo

    Più di undici milioni di casi di coronavirus nel mondo e 523.777 morti. È il bilancio della pandemia secondo i dati della Johns Hopkins University, per la quale i contagi sono, per l'esattezza, 11,03 milioni.

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti