contromisure

Coronavirus, tutte le ordinanze regione per regione

Lombardia, Veneto, Piemonte e tutti gli altri: le contromisure di regioni e comuni per fermare la diffusione del virus: scuole, musei, centri di aggregazione chiusi, Carnevale di Venezia annullato

Decreto Coronavirus, nei comuni focolaio stop a ingressi e uscite

Lombardia, Veneto, Piemonte e tutti gli altri: le contromisure di regioni e comuni per fermare la diffusione del virus: scuole, musei, centri di aggregazione chiusi, Carnevale di Venezia annullato


6' di lettura

LOMBARDIA
“Bar, locali notturni e qualsiasi altro esercizio di intrattenimento aperto al pubblico sono chiusi dalle ore 18.00 alle ore 6.00; verranno definite misure per evitare assembramenti in tali locali”: è quanto si legge nell'ordinanza della Regione Lombardia, per quanto riguarda le chiusure delle attività commerciali nella cosiddetta zona gialla, cioè fuori dai 10 Comuni completamente isolati nella zona rossa (dove vigono le disposizioni del Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri del 23 febbraio).

Erano già state comunicate le seguenti decisioni della regione:
«1) la sospensione di manifestazioni o iniziative di qualsiasi natura, di eventi e di ogni forma di riunione in luogo pubblico o privato, anche di carattere culturale, ludico, sportivo e religioso, anche se svolti in luoghi chiusi aperti al pubblico;

Coronavirus, l’ordinanza della regione Lombardia (zona gialla)

Visualizza

Coronavirus, il Dpcm (zona rossa)

Visualizza

Scuole
2) sospensione dei servizi educativi dell'infanzia e delle scuole di ogni ordine e grado, nonché della frequenza delle attività scolastiche e di formazione superiore, corsi professionali, master, corsi per le professioni sanitarie e università per gli anziani ad esclusione degli specializzandi e tirocinanti delle professioni sanitarie, salvo le attività formative svolte a distanza;

Musei e istituti di cultura
3) sospensione dei servizi di apertura al pubblico dei musei e degli altri istituti e luoghi della cultura»

VENETO
Scuole
Tutte le scuole del Veneto, di ogni ordine e grado, saranno chiuse a causa della presenza del Coronavirus fino al primo marzo. Lo prevede l'ordinanza cofirmata dal Governatore del Veneto, Luca Zaia, e dal ministro della Salute Roberto Speranza.

Chiese
Tutte le manifestazioni e iniziative, anche di carattere religioso, sono sospese. Lo prevede sempre l'ordinanza urgente congiunta del presidente della Regione Luca Zaia e del ministro della Salute, Roberto Speranza. In particolare, il provvedimento ordina fino al primo marzo la sospensione “di manifestazioni o iniziative di qualsiasi natura, di eventi in luogo pubblico o privato sia in luoghi chiusi che aperti al pubblico, anche di natura culturale, ludico, sportiva, religiosa; discoteche e locali notturni,

Ordinanza coronavirus del Veneto

Visualizza

Carnevale di Venezia
Gli eventi pubblici organizzati nell'ambito del Carnevale di Venezia proseguiranno oggi, come da programma fino alle ore 24.00, momento da cui scatterà lo stop completo. Lo ha appreso l'Ansa dagli organizzatori.

Comune di Vo’ (Padova)
1) Sospensione di tutte le manifestazioni pubbliche, di qualsiasi natura, comprese le cerimonie religiose;
2) Sospensione di tutte le attività commerciali, ad esclusione di quelle di pubblica utilità e dei servizi essenziali di cui agli articoli 1 e 2 della legge 12 giugno 1990, n.146, fatto salvo quanto disposto nei punti successivi;
3) Sospensione delle attività lavorative per le imprese del comune sopraindicato, ad esclusione di quelle che erogano servizi essenziali tra cui la zootecnia, e di quelle che possono essere svolte al proprio domicilio (quali, ad esempio, quelle svolte in telelavoro);
4) Sospensione dello svolgimento delle attività lavorative per i lavoratori residenti nel comune sopraindicato, anche al di fuori dell'area indicata, ad esclusione di quelli che operano nei servizi essenziali;
5) Sospensione della partecipazione ad attività ludiche e sportive per i cittadini residenti nel predetto comune indipendentemente dal luogo di svolgimento della manifestazione;
6) Sospensione dei servizi educativi dell'infanzia e delle scuole di ogni ordine e grado nel comune sopraindicato;
7) Sospensione della frequenza delle attività scolastiche e dei servizi educativi da parte della popolazione residente nel comune sopracitato, con l'esclusione della frequenza dei corsi telematici universitari;
8) Interdizione delle fermate dei mezzi pubblici nel comune sopra indicato

PIEMONTE
Scuole
Scuole di ogni ordine e grado chiuse per una settimana in Piemonte per l'emergenza Coronavirus. È quanto emerso dal tavolo di sicurezza in corso in queste ore nella sede della Protezione civile di Torino. Al vertice partecipano il presidente della Regione Piemonte Alberto Cirio, la sindaca Chiara Appendino, il prefetto Claudio Palomba e i rappresentanti delle forze dell'ordine.

Ordinanza coronavirus del Piemonte

Visualizza

Università
L'Università degli Studi di Torino, il Politecnico e l'Università del Piemonte Orientale hanno inoltre disposto, a partire da lunedì 24 febbraio, la sospensione per una settimana delle attività didattiche in tutti gli atenei del Piemonte, salvo diverse indicazioni. Gli esami attualmente in corso sono quindi sospesi, e verranno recuperati senza alcuna penalizzazione per gli studenti.

In linea con quanto definito dagli atenei, l'Edisu sospenderà per una settimana, a partire dalla mezzanotte di oggi, i servizi mensa e le sale studio. Per gli studenti che non possono sostenere esami in questi giorni, l'Edisu prenderà in considerazione tutti gli strumenti legislativi per tutelarli nel conseguimento dei crediti necessari alla conferma delle borse.

Pronto soccorso
L'assessore regionale alla Sanità del Piemonte, d'intesa con il coordinatore dell'Unità di crisi regionale sul “coronavirus covid19”, ha disposto l'allestimento presso tutti i Pronto soccorso del Piemonte di tende pneumatiche della Protezione civile per le attività di pre-triage, in modo che gli eventuali casi sospetti di contagio possano accedere a un percorso differenziato, a tutela delle norme di prevenzione che impediscono la diffusione del virus.

Carnevale di Ivrea
Il Carnevale di Ivrea (Torino) è sospeso per via della questione Coronavirus. Lo ha stabilito il Comune con un'ordinanza che - viene spiegato - fa seguito all'annuncio del governatore Alberto Cirio di un provvedimento di stop per “tutti gli eventi e le manifestazioni culturali, ludiche e sportive, all'aperto e al chiuso, che prevedono l'assembramento di persone” in Piemonte. Oggi a Ivrea si è svolta la tradizionale 'battaglia delle arance', che è stata seguita da migliaia di persone

Partita Torino-Parma
Su indicazione del Ministero dello Sport, la sindaca di Torino ha disposto la sospensione della partita di calcio Torino - Parma che era in programma oggi alle 15 allo stadio Olimpico.

TRENTINO ALTO ADIGE
Bolzano
Il presidente della Provincia autonoma di Bolzano, Arno Kompatscher, ha firmato un'ordinanza che punta a limitare il rischio sanitario di diffusione del cosiddetto Coronavirus. In Alto Adige, a partire da domani 24 febbraio sino a domenica 1 marzo, saranno chiusi le strutture socio-educative, pubbliche e private, dedicate alla prima infanzia (asili nido e microstrutture aziendali). Inoltre, sempre nello stesso periodo, saranno sospese le attività didattiche presso Università, Scuola superiore di sanità “Claudiana” e Conservatorio “Monteverdi”.

Ordinanza Coronavirus di Bolzano

Visualizza

Trentino
L’ordinanza firmata il 22 febbraio dal presidente della Provincia autonoma, Maurizio Fugatti prevede: la chiusura nelle giornate di 24-25 febbraio di asili nido, scuole (in questo caso la chiusura era già prevista per il Carnevale), università e centri di ricerca.

Ordinanza coronavirus del Trentino

Visualizza

Si sta valutando di prolungare per tutta la prossima settimana la chiusura delle attività universitarie mentre il 23 febbraio si deciderà se adottare la medesima decisione per prolungare la chiusura anche degli asili e delle scuole di ogni ordine e grado.

FRIULI VENEZIA GIULIA
Sospensione delle attività delle scuole di ogni ordine e grado, asili nido, Università, di manifestazioni ed eventi e di ogni forma di aggregazione in luogo pubblico o privato, delle gite di istruzione e dei concorsi. Sono le misure adottate in Friuli Venezia Giulia per contrastare la diffusione del Coronavirus, valide fino al prossimo 1 marzo compreso. Sono previste nell'ordinanza firmata dal presidente Massimiliano Fedriga e dal ministro della Salute, Roberto Speranza.

Ordinanza coronavirus del Friuli Venezia Giulia

Visualizza

Università
Gli atenei sonspengono le attivietà che, in assenza di diverse indicazioni, riprenderanno lunedì 2 marzo.

EMILIA ROMAGNA
Sospensione delle attività delle scuole di ogni ordine e grado, asili nido, Università, di manifestazioni ed eventi e di ogni forma di aggregazione in luogo pubblico o privato, delle gite di istruzione e dei concorsi. Sono le misure adottate in Emilia-Romagna per contrastare la diffusione del Coronavirus, valide fino al prossimo 1 marzo compreso. Sono previste nell'ordinanza firmata dal presidente Stefano Bonaccini e dal ministro della Salute Roberto Speranza. Leggi l’ordinanza

Ordinanza coronavirus dell’Emilia Romagna

Visualizza

LIGURIA
La Regione Liguria ha disposto la chiusura di scuole e musei fino al 1° marzo. Sospese le manifestazioni pubbliche o aperte al pubblico, sospesi i viaggi di istruzione e i concorsi pubblici

Ordinanza coronavirus della Liguria

Visualizza

CAMPANIA
Divieto di sbarco sull'isola di Ischia per i residenti in Lombardia e in Veneto, per i cittadini cinesi provenienti dall'aree dell'epidemia e per chi vi abbia soggiornato negli ultimi 14 giorni. Lo prevede, fino al 9 marzo, una ordinanza appena firmata dai sindaci dei sei comuni dell'isola.

Il prefetto di Napoli, Marco Valentini, ha annullato l'ordinanza firmata questo pomeriggio dai sindaci dei comuni dell'isola di Ischia per bloccare gli sbarchi dei turisti provenienti da Lombardia e Veneto. Valentini sottolinea “i profili di illegittimità rilevati nell'ordinanza, ingiustificatamente restrittiva nei confronti di una vasta fascia della popolazione nazionale e non in linea con le misure sinora adottate dal Governo”.

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti