Europa

Coronavirus, ultime notizie. Iss: in 18 regioni Rt sopra 1, le autorità valutino nuove misure. Valentino Rossi e Federica Pellegrini positivi. Londra impone quarantena per arrivi dall'Italia

● Coronavirus circola in tutta Italia, Rt è 1,17
● Pronto Soccorso Sacco accetta solo malati Covid
● Entrate tributarie e contributive, Mef: in 8 mesi -7,1%, pesa Covid
● Conte vede Fipe: misure mirate, attenzione dal governo
● Ryanair: riduce al 40% capacità di voli per l'inverno per restrizioni da Covid
● Oms, vaccino? Giovani potrebbero aspettare fino al 2022
● Record casi in Repubblica Ceca, 9.500 in un giorno
● Conte: possibili misure restrittive delle regioni
● Ministero: contagiati 5.793 studenti, 1.020 docenti
● Germania, record di casi: 6.638 in 24 ore
Le notizie del 14 ottobre
La nuova mappa con i dati del contagio



  • Positivo un passeggero che ha volato in aereo con Biden

    Un passeggero dell'aereo della campagna elettorale di Joe Biden è risultato positivo al coronavirus. La persona, un funzionario della società di charter usata dal comitato dell'ex vicepresidente, ha viaggiato a bordo del velivolo questa settimana durante i viaggi del candidati democratico in Ohio e Florida ma sedeva ad almeno 15 metri da Biden. Tutti e due hanno sempre indossato la mascherina. Lo riferisce la campagna di Biden, sottolineando che i medici hanno detto che non è necessaria alcuna quarantena per Biden.

  • Iss: le Regioni valutino innalzamento misure

    Invito alle Regioni, “in raccordo con il ministero della Salute, a realizzare una rapida analisi del rischio, anche a livello sub-regionale, e di valutare il tempestivo innalzamento delle misure di contenimento e mitigazione nelle aree maggiormente affette”: si legge nel monitaggio settimanale di ministero della Salute e Iss. Si rileva inoltre che “si evidenzia una nuova fase epidemiologica con un aggravio del lavoro dei servizi territoriali che potrebbe riflettersi in breve tempo in un sovraccarico dei servizi assistenziali”.

  • Iss: epidemia in una fase acuta

    “Si assiste a un'accelerazione nell'evoluzione dell'epidemia, ormai entrata in una fase acuta con aumento progressivo nel numero dei casi” e con “evidenze di criticità nei servizi territoriali ed aumenti nel tasso di occupazione dei posti letto in terapia intensiva e area medica che rischiano, in alcune Regioni/PA, di raggiungere i valori critici nel prossimo mese”. Lo rileva il monitoraggio settimanale ministero della Salute-Iss

  • Aumentano i focolai scolastici ma restano limitati

    “Questa settimana sono in aumento i focolai in cui la trasmissione potrebbe essere avvenuta in ambito scolastico”, si legge del monitoraggio settimanale di ministero della Salute e Iss relativo al periodo fra il 5 e l'11 ottobre, “ma - si rileva - la trasmissione intra-scolastica rimane complessivamente una dinamica di trasmissione limitata: 3,8% di tutti i nuovi i focolai in cui è stato segnalato il contesto di trasmissione”. Tuttavia, “le attività extra-scolastiche possono costituire un innesco di catene di trasmissione laddove non vengano rispettate le misure di prevenzione previste”.

  • Focolai attivi sono 4.913, di cui 1.749 nuovi

    I focolai attivi in Italia nel periodo fra il 5 e l'11 ottobre sono 4.913, di cui 1.749 nuovi, in aumento per la undicesima settimana consecutiva. Lo indica il monitoraggio di ministero della Salute e Iss, rilevando che nella precedente settimana di monitoraggio erano stati segnalati 3.805 focolai attivi di cui 1.181 nuovi. “Sono stati riportati - si legge nel documento - focolai nella quasi totalità delle province (102/107)” Per la maggior parte (80.3%) i focolai continuano a verificarsi in ambito domiciliare. Si mantiene stabile la percentuale dei focolai rilevati nell'ambito di attività ricreative (4,2% contro il 4,1% la settimana precedente).

  • Campania, vietati anche i cortei funebri

    Le nuove restrizioni anti-Covid contenute nell'ordinanza appena firmata dal presidente della Regione Campania, Vincenzo De Luca, includono anche il divieto per i cortei funebri e le riunioni in presenza di organi collegiali scolastici, nonché per l'elezione di questi ultimi. Fino al 30 ottobre solo didattica a distanza per le scuole primarie e secondarie; per gli asili sono sospese l'attività didattica ed educativa “ove incompatibili con lo svolgimento da remoto”.

  • Iss: forte aumento nuovi casi senza link epidemiologico

    “Si osserva un forte aumento nel numero di nuovi casi fuori dalle catene di trasmissione note. Questa settimana le Regioni/PPAA hanno riportato 9.291 casi dove non si è trovato un link epidemiologico (contro i 4.041 della settimana precedente), che comprende il 33% di tutti i casi segnalati nella settimana”. Questo quanto si legge nel rapporto settimanale su Covid-19 dell'Is e ministero della Salute relativo al periodo fra il 5 e l'11 ottobre.

  • Coronavirus circola in tutta Italia, Rt è 1,17

    “Il virus oggi circola in tutto il Paese” e a livello nazionale l'indice di contagiosità Rt è di 1,17, calcolato sui casi sintomatici. Lo rileva il monitoraggio di ministero della Salute e Iss relativo al periodo fra il 5 e l'11 ottobre. Nella settimana considerata è stato osservato un forte incremento dei casi, che dal 28 settembre all'11 ottobre ha portato l'incidenza cumulativa a 75 per 100.000 abitanti, contro i 44,37 per 100.00 del periodo compreso fra il 21 settembre e il 4 ottobre.

  • In 18 regioni indice Rt sopra 1

    In 18 Regioni il valore dell'indice di trasmissibilità Rt è sopra l'1. Il valore più alto si registra in Valle d'Aosta (1.53), seguita da Piemonte (1.39) e Provincia autonoma di Bolzano (1.32). Tre le Regioni con Rt pari a 1 o sotto 1. Si tratta di Basilicata (1), Calabria (0.94), Molise (0.83). Lo evidenzia il monitoraggio settimanale Iss-Ministero Salute.

  • Rezza: Rt significativamente sopra 1

    “Aumentano i casi di Covid-19 nel nostro Paese questa volta sensibilimente rispetto alle settimane precendenti. E l'Rt è significativamente superiore ad 1. Si verificano focolai e si registrano casi sporadici un po' in tutte le regioni italiane e stanno aumentando i ricoveri ospedalieri, più lentamente i ricoveri in terapia intensiva, anche se ancora non si registra da questo punto di vista una particolare criticità”. Lo ha detto il direttore generale prevenzione del ministero della Salute, Giovanni Rezza, commentando i dati del bollettino settimanale. “In questo momento - spiega - è necessario prendere misure, tenere comportamenti prudenti, evitare aggregazioni ed eventi sia pubblici che privati, comprese quelle che sono le attività extrascolastiche, e prestare attenzione anche a quelle all'interno delle mura domestiche”. Infine ribadisce la necessità di “continuare a prendere tutte le precauzioni a cominciare dal distanziamento fisico, tenere le mascherine sia in luogo pubblico che all'aperto e curare l'igiene delle mani”.

  • Appello a popolazione, rispetto misure

    “Si fa appello alla popolazione di rispettare con coscienza e precisione tutte le norme di precauzione previste”, si legge nel monitoraggio settimanale di ministero della Salute e Iss. Si raccomanda in particolare di rispettare il distanziamento fisico e l'uso corretto e appropriato delle mascherine e inoltre “di evitare quanto più possibile situazioni che possano favorire la trasmissione, quali aggregazioni spontanee e programmate per evitare un ulteriore peggioramento che potrebbe richiedere restrizioni territorialmente diffuse”.

  • Iss: epidemia entrata in una fase acuta

    “Si assiste a un'accelerazione nell'evoluzione dell'epidemia, ormai entrata in una fase acuta con aumento progressivo nel numero dei casi” e con “evidenze di criticità nei servizi territoriali ed aumenti nel tasso di occupazione dei posti letto in terapia intensiva e area medica che rischiano, in alcune Regioni/PA, di raggiungere i valori critici nel prossimo mese”. Lo rileva il monitoraggio settimanale ministero della Salute-Iss.

  • Di Maio: azione di governo per evitare situazione estrema

    “Il governo sta intervenendo per evitare di arrivare a una situazione estrema” come quella dei “mesi più bui”, perché “la nostra economia non se lo può permettere. Le imprese, i nostri commercianti, gli autonomi e tutto il mondo industriale non possono fermarsi un'altra volta”.” Lo scrive su facebook il ministro degli Esteri Luigi Di Maio, sottolineando che la pandemia da Covid non è finita.

  • Azzolina: orari diversi? Se c'è riflessione si faccia

    “Gli scaglionamenti che si portevano fare li abbiamio già fatti. Da Roma ci dicano dove sono la maggiori criticità. Se c'è da fare ulteriori rilfessioni si facciano”. Lo ha detto il ministro dell'Istruzione, Lucia Azzolina, a Zapping su Rai Radio1 in merito alla differenziazione degli orari a scuola per evitare la calca sui mezzi di trasporto locale.

  • Misiani: chi userà Cig Covid non potrà licenziare

    “Stanzieremo ulteriori risorse per gli ammortizzatori sociali, direzionandoli ai settori più colpiti e che più fanno fatica a recuperare i livelli del 2019. L'ammontare di risorse sarà significativo. Licenziamenti? Credo che dobbiamo guardare ad altri strumenti, a partire dalle politiche attive del lavoro per aiutare i lavoratori che perderanno il loro posto nei prossimi mesi. E naturalmente chi utilizzerà la cig non potrà licenziare, come già previsto ordinariamente”: così il viceministro dell'Economia Antonio Misiani in un'intervista a Radio Capital. Il blocco dei licenziamenti quindi finirà il 31 dicembre? “Il ministro dello sviluppo economico da questo punto di vista è stato piuttosto netto”, dice Misiani.

  • In Liguria ok test rapidi da medici di base

    La Regione Liguria ha siglato un'intesa con i medici di medicina generale per l'effettuazione dei tamponi rapidi molecolari per diagnosticare il covid. Lo hanno annunciato il presidente della Regione Liguria Giovanni Toti, il commissario di Alisa Walter Locatelli e il presidente dell'Ordine dei medici di Genova Alessandro Bonsignore. Gli esami saranno realizzati in spazi predisposti dalle Asl, negli studi dei medici di base quando adeguati o in alcuni casi direttamente a domicilio. Per i pazienti i test saranno gratuiti. “E' un'attività di sanità pubblica svolta in collaborazione con la medicina territoriale”, ha spiegato al riguardo Locatelli. Quanto ai medici, ha detto Bonsignore, “li faranno su base volontaria con un riconoscimento economico, la fornitura di personale e un supporto per la fase burocratica”. A breve è atteso anche “un accordo con la pediatria di famiglia - ha chiarito Locatelli di Alisa -. Non è stato possibile tecnicamente concluderlo oggi, ma già oggi sta dando un contributo formidabile in quella che è la gestione del percorso scuola”.

  • Francia, oltre 30.000 contagi in 24 ore

    Per la prima volta superano quota 30.000 i nuovi positivi in una sola giornata in Francia: Santé Publique ne ha annunciati stasera 30.621, con un tasso di positività che arriva al 12,6%. I decessi sono stati 88 da ieri (totale 33.125), in rianimazione sono occupati 1.750 letti.

  • In una Rsa di Roma contagiato 1/3 pazienti

    Focolaio in una Rsa di Roma, dove più di un terzo dei pazienti è positivo al Coronavirus assieme a quattro dipendenti della struttura . Il contagio ad “Anni Azzuri”, Rsa convenzionata con il Servizio sanitario nazionale, è partito 15 giorni fa. All' origine un operatore che aveva avuto un contatto stretto con una persona positiva al Covid. Attualmente sono 39 i pazienti contagiati della struttura che complessivamente ne ospita oltre un centinaio. Di questi, sei sono ricoverati in ospedale. Dieci giorni fa pazienti e personale sono stati sottoposti all' ultimo tampone e sono ancora in attesa del successivo.

  • Fontana proroga ordinanza: vietate visite nelle Rsa


    L'ordinanza della Regione Lombardia con le misure per fronteggiare l'emergenza Covid in scadenza oggi sarà prorogata fino a lunedì 19 ottobre. Lo annuncia in una nota il governatore Attilio Fontana. Nel testo viene anche specificato che “l'accesso alle strutture delle unità di offerta residenziali della rete territoriale da parte di familiari/caregiver e conoscenti degli utenti ivi presenti è vietata, salvo autorizzazione del responsabile medico, ovvero del Referente Covid 19 della struttura stessa (esempio: situazioni di fine vita) e, comunque, previa rilevazione della temperatura corporea all'entrata e l'adozione di tutte le misure necessarie ad impedire il contagio”. Il presidente Fontana comunica di aver convocato per la giornata di domani, venerdì 16 ottobre, i sindaci dei capoluoghi di provincia e i capigruppo dei partiti rappresentati in Consiglio regionale per fare il punto della situazione sull'evoluzione della diffusione del virus. Tema che sarà trattato domattina anche durante la Conferenza della Regioni.

  • Anche Federica Pellegrini è positiva

    Anche Federica Pellegrini è positiva al coronavirus. Lo ha annunciato la stessa nuotatrice veneta con una storia su Instagram. “Ho appena ricevuto la brutta notizia - dice in un video, l'azzurra, visibilmente provata - oggi pomeriggio ho fatto il tampone e l'esito è positivo. Sono positiva al covid”.

  • In Valle d’Aosta disposta chiusura tre comuni

    In ragione dell'incremento dei casi di contagio da Covid-19 e del numero di isolati, il Presidente della Regione Valle d'Aosta, Renzo Testolin, firmerà a breve un'ordinanza di chiusura dei Comuni di Verrayes, Saint-Denis e Chambave. La “zona rossa” sarà adottata a seguito delle indicazioni sanitarie ed epidemiologiche che riportano un indice Rt al di sopra della soglia di allerta. “L'ordinanza di chiusura - si legge in una nota - consentirà di evitare un'ulteriore espansione del contagio e l'esecuzione di tamponi a tutta la popolazione, a eccezione dei bambini in età pediatrica, in modo da definire i livelli di contagio e le prossime azioni da intraprendere”.

  • Berlino: Campania e Liguria zone a rischio

    L'istituto Robert Koch di Berlino inserisce le regioni italiane Liguria e Campania tra le zone a rischio Covid-19: è quanto si legge sulla pagina web dell'istituto. Si tratta di due regioni di solito molto amate dal turismo tedesco. Anche quasi tutta la Francia, l'Olanda e Malta sono inserite tra le zone ad alto rischio.

  • Pronto Soccorso Sacco accetta solo malati Covid (2)

    L'ospedale Sacco di Milano ha deciso da oggi di chiudere l'accettazione al 118 per i malati di pneumologia e dirottarli su altri ospedali milanesi. Da domani invece verrà temporaneamente sospesa l'accettazione di alcuni ambiti chirurgici per riorganizzare le degenze e verranno inviati ad altri ospedali i malati urgenti non Covid con altre patologie internistiche. A precisarlo all'Ansa è il direttore sanitario dell'ospedale, Lucia Castellani. “Sulla base di quanto richiesto dalle linee regionali, dobbiamo accogliere i pazienti Covid e per questo da oggi dobbiamo chiudere l'accettazione dei malati urgenti di pneumologia, e da domani quella per i pazienti gravi non Covid di altre specialità internistiche. Sono temporaneamente sospese anche le accettazioni in alcuni ambiti chirurgici per riorganizzare le degenze. Al Fatebenefratelli invece si continuano ad accettare tutti i malati”, continua. Tuttavia è indubbio che “negli ultimi 3 giorni la pressione sui due ospedali sia aumentata parecchio per la crescita dei malati. Attualmente abbiamo 100 pazienti Covid ricoverati più qualcun altro in attesa di avere un posto letto”, prosegue Castellani. Per quanto riguarda i pazienti positivi pauci-sintomatici, tra cui vi sono molti anziani ospiti delle Rsa che sono già iniziati ad arrivare nelle scorse settimane, “all'interno dell'ospedale Sacco c'è un reparto dedicato a questo tipo di pazienti - conclude - Da settimana scorsa abbiamo iniziato a riorganizzarci destinando più posti letto ai malati di Covid e ci stiamo adoperando per poter curare anche gli altri pazienti gravi non Covid”.

  • Vaccini, Guerra (Oms): superato rischio accaparramento

    Sugli attesi vaccini per la cura del Covid “stiamo andando nella giusta direzione in maniera collegiale. Credo sia superato il rischio politico di una concorrenza spietata sull'accaparramento di dosi di vaccino nel momento in cui saranno a disposizione le prime dosi”. Lo ha detto Ranieri Guerra, direttore aggiunto Oms a RaiNews24. La mia organizzazione, ha aggiunto, “sta lavorando sia con l'industria farmaceutica sia con gli Stati membri per procedere nella direzione indicata anche dal presidente Mattarella oggi verso una solidarietà e una collaborazione tale per cui, al di là dei diritti di proprietà intellettuale, non prevalga l'interesse economico”.

  • Si studia blocco licenziamenti legato a proroga di Cig Covid

    Prorogare il blocco dei licenziamenti per quelle aziende che useranno la cassa Covid o la decontribuzione alternativa alla Cig. E' questa, secondo quanto si apprende da fonti di governo, l'ipotesi cui si sta lavorando in vista della manovra. Le nuove settimane di cassa integrazione di emergenza, viene spiegato, saranno “retroattive”, per fare in modo che non ci sia nessuno che rimane senza ammortizzatori da metà novembre, quando chi l'ha utilizzata in modo continuativo avrà esaurito tutte le settimane attualmente a disposizione (18+18).

  • In Polonia lockdown parziale

    Il governo polacco ha annunciato un lockdown parziale nel Paese di fronte all'impennata di contagi da coronavirus.

  • Valentino Rossi positivo

    Valentino Rossi positivo al coronavirus, non parteciperà alla gara di Aragon domenica prossima: ne dà notizia lo stesso campione su Facebook. Scrive Rossi: «Purtroppo questa mattina mi sono svegliato e non mi sentivo bene. Mi sentivo particolarmente debole e avevo una leggera febbre, quindi ho chiamato subito il medico che mi ha fatto due test. Il risultato del test rapido PCR è stato negativo, proprio come il test che avevo già fatto martedì. Ma il secondo, di cui mi è stato inviato il risultato alle 16:00 di questo pomeriggio, è stato purtroppo positivo. Sono chiaramente molto deluso per il fatto che dovrò saltare la gara di Aragon. Mi piacerebbe essere ottimista e fiducioso, ma mi aspetto che il secondo round ad Aragon sia un 'no go' anche per me ... Sono triste e arrabbiato perché ho fatto del mio meglio per rispettare il protocollo e anche se il test che ho fatto martedì è stato negativo, mi sono isolato già dal mio arrivo da Le Mans. Comunque, è così, e non posso fare nulla per cambiare la situazione. Ora seguirò il consiglio medico, e spero solo di guarire al più presto».

  • Sala: preoccupa la situazione negli ospedali, bisogna agire in fretta, anche se non prevediamo interventi radicali

    “Questa tendenza a una crescita veloce ci deve far dire che bisogna agire in fretta. Domani può essere il giorno per fare qualcosa in più, non una intensificazione estrema” delle misure “ma credo che qualcosa si debba fare”. Lo ha detto il sindaco di Milano, Giuseppe Sala, al termine del vertice in Prefettura sull'aumento dei contagi. “Decisioni ristrette al di là del Dpcm non le prevediamo. Non prevediamo ad oggi interventi radicali”, ha aggiunto.

    “Da due giorni l'indice Rt nella zona della Città metropolitana di Milano ha superato 2 e preoccupa la tendenza”, ha continuato il sindaco. “Dal mio punto di vista per capire dove intervenire bisognerebbe sapere dove nascono i contagi”, ha aggiunto,

    “La situazione preoccupa negli ospedali, è evidente che preoccupa la tendenza”, rispetto alle terapie intensive: “Oggi 72 persone sono in terapia intensiva e alcuni mesi fa erano 1500. Ma la tendenza, la crescita è veloce e bisogna agire in fretta”, ha concluso il sindaco

  • Campania: scuole chiuse fino al 30 ottobre

    Niente lezioni in presenza nelle scuole primarie e secondarie in Campania da domani fino al 30 ottobre: è una delle misure anticovid contenute nell'ordinanza che il governatore Vincenzo De Luca sta per firmare, e di cui la Regione anticipa una sintesi. Sono anche sospese le attività didattiche e di verifica in presenza nelle Università, fatta eccezione per quelle relative agli studenti del primo anno.

    Nella nuova ordinanza della Regione Campania che verrà pubblicata in serata si vietano le feste, anche conseguenti a cerimonie, civili o religiose, in luoghi pubblici, aperti pubblico e privati, al chiuso o all'aperto, con invitati estranei al nucleo familiare convivente. Sono sospese le attività di circoli ludici e ricreativi. È fatta raccomandazione agli Enti e Uffici competenti di differenziare gli orari di servizio giornaliero del personale in presenza. A tutti gli esercizi di ristorazione è fatto divieto di vendita con asporto dalle ore 21. Resta consentito il delivery senza limiti di orario. Queste misure si aggiungono a quelle già disposte nelle recenti precedenti ordinanze, a cominciare dall'obbligo di indossare la mascherina deciso due settimane fa.

  • Sala: per ora nessun intervento su trasporti

    Gli esperti “non ci hanno dato un allarme specifico su mezzi di trasporto” e quindi al momento “non sono previsti interventi” in quel settore: è quanto ha detto il sindaco di Milano Giuseppe Sala al termine della riunione con il prefetto Renato Saccone e alcuni medici. “Siamo molto lontani dalla capienza dell'80%, se questa va ripensata siamo disponibili ma non possiamo aumentare le corse, questo lo posso escludere”, ha aggiunto Sala, spiegando che “il vero imbarazzo è che non riusciamo a essere supportati dalla scienza rispetto al fatto se in metro con il rispetto delle regole si diffonda facilmente il contagio o no”.

  • Londra impone quarantena per arrivi dall'Italia

    La Gran Bretagna ha rimosso l'Italia dalla lista dei Paesi sicuri sul fronte Covid, il che significa che chiunque arrivi nel Regno Unito dall'Italia a partire da domenica deve osservare un periodo di 14 giorni di auto-isolamento. Lo annuncia il ministero dei Trasporti britannico citato dalla Press Association.

  • Sala: Rt città metropolitana Milano sopra 2

    “Da due giorni l'indice Rt nella zona della Città metropolitana di Milano ha superato 2 e preoccupa la tendenza”. Lo ha detto il sindaco di Milano, Giuseppe Sala, al termine del vertice in Prefettura sull'aumento dei contagi. “Dal mio punto di vista per capire dove intervenire bisognerebbe sapere dove nascono i contagi”, ha aggiunto.

  • Lockdown parziale in Polonia


    Il governo polacco ha annunciato un lockdown parziale nel Paese di fronte all'impennata di contagi da coronavirus.

  • In Gran Bretagna 19 mila casi e 138 morti in un giorno

    Il Regno Unito registra oggi 18.980 contagi giornalieri di coronavirus e 138 vittime. Lo riporta Sky News.

  • Pronto Soccorso Sacco e Fatebenefratelli di Milano accetta solo malati Covid

    I reparti di pronto soccorso degli ospedali Sacco e Fatebenefratelli di Milano hanno deciso di accettare solo malati con Covid-19 e dirottare su altri ospedali milanesi i pazienti con altre patologie. A confermarlo è lo stesso ospedale Sacco. La decisione è stata presa per tutelare i malati non Covid con patologie urgenti indifferibili e riorganizzare così i reparti.

  • 150 mln da governo a Comuni per bus scolastici

    Sono 150 i milioni di euro stanziati dal governo per i Comuni sul fronte del trasporto scolastico. L'intesa è stata raggiunta in Conferenza Stato-città - presieduta del ministro dell'Interno, Luciana Lamorgese - che si è svolta oggi riguardo al decreto di riparto del fondo di 40 milioni di euro per l'anno 2020, finalizzato al finanziamento di interventi di sostegno di carattere economico e sociale in favore dei comuni 'zona rossa' e per quelli di cui si è registrata la maggiore incidenza di contagi Covid e decessi.

  • Agnelli: “CR7? Juve applica protocollo federale”

    “Io applico il protocollo federale. Se poi uno viene preso a 150 chilometri all'ora dall'autovelox, io non so spiegarle perché l'autovelox era lì e perché funzionava. Bisogna chiederlo alle autorità competenti”. Il presidente della Juventus, Andrea Agnelli, replica così ai giornalisti che, al termine della assemblea dei soci del club, gli chiedono di commentare le parole del ministro Spadafora sul rientro dal Portogallo di Cristiano Ronaldo.

  • S&P, Pil Italia -8,9% nel 2020: aiuta contenimento virus

    Il Pil italiano va verso un -8,9% quest'anno, una previsione lievemente migliore di quella del Governo (-9%), con un recupero del 6,4% nel 2021. Lo scrive Standard & Poor's in un report sull'economia per l'Eurozona in cui conferma la stima di crescita per l'Italia formulata già a fine settembre, aspettandosi una ripresa più lenta ma comunque in atto. “Anche se la ripresa dal lockdown è stata più lenta che nei Paesi vicini, il rialzo dei casi di Covid-19 finora più contenuto suggerisce che la spinta a consumi e al terziario potrebbe essere più sostenuta nel quarto trimestre”, scrive l'agenzia di rating puntando anche sull'aiuto dall'inflazione debole e dalle misure del governo, come il blocco dei licenziamenti. Fattore positivo anche la tenuta del manifatturiero e gli aiuti del Recovery Fund europeo, anche se “in assenza di riforme per affiancare lo stimolo di bilancio, la riallocazione delle risorse richiederà tempo”. Per contro, nel report S&P nota come l'economia dell'Eurozona si sia ripresa più velocemente del previsto, ma ora “nuove restrizioni in alcuni Pesi dopo il rialzo dei casi di COvid-19 probabilmente appesantiranno la ripresa”: aiutano le misure di sostegno monetario e di bilancio, con la Bce e il Next Generation Fund europeo ce dovrebbero consentire una ripresa più sostenuta nel 2021, “che è anche la data in cui potrebbe essere disponibile un vaccino”.

  • Lombardia: ok commissione a proroga scadenze Piano Fontana

    La commissione Bilancio di Palazzo Pirelli ha approvato a maggioranza alcune modifiche e proroghe alla legge regionale numero 9, nota come “Piano Lombardia” o “Piano Fontana”, che stanzia 3 miliardi di euro di investimenti per favorire la ripresa economica post Covid. In particolare viene prorogato di un mese, dal 31 ottobre al 30 novembre 2020, il termine stabilito per l'inizio dell'esecuzione dei lavori da parte del Comune beneficiario del contributo regionale e viene derogato il limite percentuale pari al 50% della spesa ritenuta ammissibile, con possibilità di raggiungere il 100%. Un nuovo comma include anche le Comunità montane tra i soggetti beneficiari diretti dei contributi erogati. Il provvedimento approderà in Aula il 20 ottobre per il voto finale.

  • Von der Leyen lascia vertice Ue, va in quarantena

    «Sono appena stata informata che stamattina un membro del mio ufficio è risultato positivo al Covid-19. Io sono risultata negativa. Tuttavia, come precauzione, lascio immediatamente Palazzo Europa per andare in auto-isolamento». Così la presidente della Commissione europea, Ursula von der Leyen, su Twitter, lasciando il vertice Ue.

  • Trump: non faremo nessun altro lockdown

    “Non faremo nessun altro lockdown”: così Donald Trump in una intervista a Fox Business sulla seconda ondata di contagi negli Usa. “Bisogna aprire gli stati”, ha aggiunto il presidente americano.

  • Agnelli: per la prima volta il fatturato del calcio è in diminuzione

    “Dopo vent'anni di continua crescita del sistema, per la prima volta il fatturato del calcio europeo è in forte diminuzione. Le stime portano a ipotizzare che 360 club a livello europeo delle prime divisioni avranno bisogno di aumenti di capitale per un totale di circa 6 miliardi”. Il presidente della Juventus e dell'Eca, Andrea Agnelli, parla così degli impatti economici del coronavirus sul mondo del calcio incontrando i giornalisti al termine dell'assemblea degli azionisti bianconeri.

    Il calcio ha dato prova di “grande unità, sia a livello di Fifa, di Europa, come a livello nazionale. Abbiamo fatto tutto il possibile per rimettere in moto l'industria calcio. Se questa stessa convergenza verrà riprodotta nei prossimi mesi sono sicuro che ne usciremo rafforzati e con uno spettacolo ancora più appetibile per i tifosi”, ha aggiunto Agnelli.

  • 8 milioni americani caduti in povertà da maggio a causa del Covid

    Negli Stati Uniti 8 milioni di persone sono scivolate in povertà da maggio con la fine degli stimoli all'economia varati dal Congresso. Lo riporta il New York Times citando uno studio della Columbia University, che arriva mentre i democratici e i repubblicani cercano un nuovo accordo per lo stanziamento di nuovi aiuti. Un'intesa al momento appare lontana anche se il segretario, Steven Mnuchin, e la Speaker della camera, Nancy Pelosi, continuano a trattare.

  • Positivi due memebri dello staff di Kamala Harris

    La candidata democratica alla vicepresidenza Kamala Harris ha deciso di sospendere fino a domenica la partecipazione agli eventi in persona della sua campagna elettorale dopo che due membri del suo staff sono risultati positivi al Covid. La senatrice non sarebbe stata a stretto contatto con queste persone ed è risultata negativa al test di ieri.

  • Gdf: in nove mesi sequestrati 57 milioni di mascherine

    Nei primi nove mesi del 2020, cioè nei mesi di pandemia, “sono stati denunciati 1.172 soggetti per i reati di frode in commercio, vendita di prodotti con segni mendaci, truffa, falso e ricettazione e sono stati sottoposti a sequestro, anche grazie all'intensificazione dei controlli doganali, circa 57 milioni di mascherine e dispositivi di protezione individuale, nonché 765 mila confezioni e 158 mila litri di igienizzanti venduti, fraudolentemente, come disinfettanti”. Sono i dati resi noti dal Generale di Corpo d'Armata della Guardia di Finanza, Giuseppe Zafarana, in audizione presso la Commissione Finanze del Senato.

  • Orari flessibili a scuola: confronto tra Governo e Regioni

    C'è un margine aperto di trattativa tra Governo e Regioni in merito alla possibilità di differenziazione degli orari scolastici allo scopo di diminuire i picchi di utenza sui mezzi del Trasporto Pubblico Locale nelle grandi aree urbane. In merito alla questione, tra le ipotesi prese in esame c'è anche quella di aumentare la percentuale di lavoratori in smart-working, in particolare nell'ambito della Pubblica Amministrazione. Una delle proposte avanzate dagli enti locali sul fronte scuola, è invece quella di differenziare gli orari delle scuole 'per blocchi' - mattina o pomeriggio - soprattutto nelle grandi città- in modo da garantire le stesse ore di lavoro per il personale docente e non.

  • Spadafora: Ronaldo ha violato protocollo

    Andando e tornando dal Portogallo, Ronaldo ha violato il protocollo anti Covid. È quanto ha detto il ministro dello sport Vincenzo Spadafora rispondendo alle domande di Gianni Minoli nel corso di un'intervista per il programma “Il Mix delle cinque” in onda su Radio Uno, di cui è stata anticipata una sintesi. Alla richiesta di Minoli se il campione juventino abbia violato il protocollo andando e tornando dal Portogallo, il ministro ha risposto: “Sì, penso proprio di sì, se non ci sono state autorizzazioni specifiche dell'autorità sanitaria”.

    (EPA/MARIO CRUZ)
  • Entrate tributarie e contributive, Mef: in 8 mesi -7,1%, pesa Covid

    Le entrate tributarie e contributive in otto mesi evidenziano nel complesso una diminuzione del 7,1% (-32.205 milioni) rispetto all'analogo periodo del 2019. Il dato tiene conto della variazione negativa del 6,3% (-18.832 milioni) delle entrate tributarie e della diminuzione delle entrate contributive dell'8,5% (-13.373 milioni). Lo comunica il ministero dell'Economia. La variazione negativa del periodo è conseguenza sia del peggioramento congiunturale, sia dell'impatto delle misure adottate per fronteggiare l'emergenza sanitaria. L'importo delle entrate tributarie comprende anche i principali tributi degli enti territoriali e le poste correttive, quindi integra il dato già diffuso con la nota del 5 settembre scorso.

  • Papa,c’è il rischio di una catastrofe educativa

    Il Covid potrebbe creare “una catastrofe educativa”. Lo afferma Papa Francesco nel videomessaggio ai partecipanti al Global Compact on Education. “Secondo alcuni recenti dati di agenzie internazionali, si parla di “catastrofe educativa” - è un po' forte, ma si parla di “catastrofe educativa” -, di fronte ai circa dieci milioni di bambini che potrebbero essere costretti a lasciare la scuola a causa della crisi economica generata dal coronavirus, aumentando un divario educativo già allarmante, con oltre 250 milioni di bambini in età scolare esclusi da ogni attività formativa”. La didattica a distanza, adottata in emergenza a causa della pandemia, ha evidenziato le disparità di accesso all'istruzione, ha affermato inoltre il Papa: “Ovunque si è cercato di attivare una rapida risposta attraverso le piattaforme educative informatiche, le quali hanno mostrato non solo una marcata disparità delle opportunità educative e tecnologiche, ma anche che, a causa del confinamento e di tante altre carenze già esistenti, molti bambini e adolescenti sono rimasti indietro nel naturale processo di sviluppo pedagogico”.

  • Covid neonatale, 30% contagi prima o durante il parto

    Il 30% delle infezioni da Covid-19 rilevate nei neonati è passato direttamente dal pancione, prima o durante il parto, la cosiddetta “trasmissione verticale”, mentre il 70% contrae la malattia per via comune, per semplice esposizione ambientale nei primi giorni di vita, magari nella stanza d'ospedale accanto alla mamma affetta dal coronavirus: è quanto emerge da uno studio realizzato su un campione di 176 casi di neonati dall'equipe del professor Daniele De Luca, primario al reparto di rianimazione neonatale dell'ospedale Antoine-Béclère di Clamart, alle porte di Parigi, nonché consulente OMS per il coronavirus, sulle diverse sfaccettature del Covid-19 neonatale, un fenomeno comunque piuttoso raro. Fu la stessa equipe di De Luca a dimostrare, in uno studio pubblicato su Nature ad aprile, la possibilità della trasmissione transplacentare del virus.

  • Francia: 12.000 agenti per coprifuoco, carcere per i recidivi

    “Dodicimila poliziotti e gendarmi saranno, ogni notte, incaricati di verificare i divieti” di circolazione imposti dal coprifuoco nelle città francesi per il Covid: lo ha annunciato, nella conferenza stampa al fianco del premier Jean Castex, il ministro dell'Interno francese Gérald Darmanin. Il ministro ha precisato le sanzioni previste per chi viola il coprifuoco: “135 euro con aumenti per le recidive che arriveranno a 6 mesi di carcere e 3.750 euro di multa per la terza violazione”.

    (Photo by LOIC VENANCE / AFP)
  • Ausl Toscana Centro, medici di famiglia fanno i tamponi

    Raggiunto l'accordo tra l'Ausl Toscana Centro e i rappresentanti delle organizzazioni sindacali Fimmg per l'esecuzione del tampone nasofaringeo per infezione da Covid- 19 da parte dei medici di famiglia attivi nei territori della stessa Ausl. L'accordo riguarda l'esecuzione del tampone tradizionale e non di quello rapido, che sarà invece a disposizione secondo definizioni future. Ciò, spiega la stessa Ausl, “permette una diagnosi differenziale dei casi sospetti da quelli con sindrome influenzale ed ha lo scopo di ridurre i tempi di attesa della diagnosi e la riduzione delle liste di attesa ai servizi territoriali.

  • Conte vede Fipe: misure mirate, attenzione dal governo

    “C'è piena consapevolezza delle difficoltà che gli operatori di questo comparto stanno attraversando a causa dell'emergenza Covid, ci rendiamo conto del grande sforzo che state facendo in questo periodo. Da parte del Governo c'è massima attenzione: i prossimi interventi per il settore terranno conto delle specifiche difficoltà. Stiamo studiando misure mirate che saranno calibrate sulla base delle concrete esigenze”. Lo ha detto il premier Giuseppe Conte incontrando questa mattina una delegazione di Fipe-Confcommercio, guidata dal presidente Lino Enrico Stoppani

  • Tre comuni valdostani verso “zona rossa”

    Nelle prossime ore il Presidente della Regione Valle d'Aosta, Renzo Testolin, dichiarerà la “zona rossa” in alcuni comuni della media valle. Secondo quanto appreso dall'Ansa, il provvedimento riguarderà i comuni di Saint-Denis, Chambave e Verrayes. In queste zone l'indice di contagio Rt risulta superiore ai limiti stabiliti dalla normativa.

  • Mattarella: «Virus individualismo pericoloso come covid»

    La presenza nel mondo del “virus dell'individualismo, dell'emergere dell'ego dei singoli e degli Stati” è stata sottolineata a Macerata dal presidente della Repubblica Sergio Mattarella che si è rifatto alla prolusione del prof. Luigi Alici. Il docente aveva parlato della “Fragilità globale - la via dell'umanesimo fra natura e tecnologia” all'inaugurazione dell'anno accademico dell'Universita degli Studi di Macerata. E per Mattarella questo virus ha la stessa pericolosità del coronavirus.

    Il Presidente Sergio Mattarella (Ansa)
  • Assolombarda: incerte prospettive su ripresa economica

    Sebbene a metà settembre si sia registrata una quasi totale riapertura delle aziende di Milano, Lodi, Monza e Brianza e Pavia pari al 90%, le “prospettive autunnali sulla ripresa economica della Lombardia rimangono incerte, soprattutto se si dà uno sguardo al mercato del lavoro”. È quanto emerso dal Booklet Economia di Assolombarda, pubblicato su “Genio & Impresa”, il web magazine dell'associazione delle imprese che operano nelle province di Milano, Lodi, Monza e Brianza e Pavia. Tra i mesi di aprile e giugno, in Lombardia si contano oltre 210 mila assunzioni in meno rispetto al 2019. Resta inoltre molto diffuso il ricorso alla cassa Integrazione. Da aprile ad agosto, le ore di cig autorizzate in Lombardia ammontano a 490 milioni, di cui 221,7 milioni solo fra i territori di Milano, Monza e Brianza, Lodi e Pavia. L'88% dei lavoratori è tornato in azienda. Di questi, il 42% lavora in sede, mentre l'altro 46% integra al lavoro in presenza quello da remoto.

  • Pregliasco: non ci sono condizioni lockdown a Milano

    “In questo momento non ci sono le condizioni per un lockdown di Milano. Quando ho fatto questa ipotesi ho voluto immaginare degli scenari che possono essere anche pesanti”. Lo ha detto a Sky Tg24 il virologo Fabrizio Pregliasco. “La città - ha continuato - ha una densità di popolazione elevatissima, contesti abitativi molto di vicinanza, tantissime attività lavorative e una metropolitana che purtroppo è sotto il livello necessario e dovrebbe essere incrementata. C'è una situazione a rischio ma ad oggi sotto controllo. Rimango ottimista, ma prepariamoci comunque a scenari che potrebbero essere negativi”.

    Fabrizio Pregliasco ,virologo
  • Fisco, Confcommercio: necessaria ulteriore proroga cartelle

    Prorogare ulteriormente la riscossione delle cartelle esattoriali. A chiederlo è Confcommercio che, in una nota, sottolinea “la grave crisi di liquidità in cui versano imprese e lavoratori autonomi a causa dell'emergenza economica e sociale dovuta alla pandemia da COVID-19”. “In assenza di una proroga della sospensione dei termini di versamento delle somme iscritte a ruolo, l'Agenzia delle Entrate-Riscossione invierà ai contribuenti italiani, a partire dal prossimo 16 ottobre, circa 9 milioni di cartelle esattoriali”, ricorda l'associazione. La Confederazione ha chiesto, pertanto, al Governo che si intervenga con un apposito provvedimento affinché la sospensione dell'azione di riscossione venga prorogata almeno fino al 31 dicembre 2020.

  • Sassari, al limite i posti letto in ospedale

    L'impennata di contagi da Covid-19 rischia di mandare in tilt il reparto di Malattie infettive dell'Aou di Sassari e l'ospedale Santissima Annunziata. Un allarme di emergenza logistica arrivato dal Pronto soccorso, che ieri notte ha dovuto gestire contemporaneamente nove pazienti positivi, con l'impossibilità di ricoverarli in reparto per la mancanza di posto letto. In Malattie infettive sono stati aggiunti 5 letti-barella, al momento ancora vuoti, privi di postazione ossigeno. Altri 8 posti letto sono stati allestiti nella clinica medica dell'Aou, dove già ieri mattina erano iniziata la trasformazione in reparto Covid. Da Pneumologia, al completo per i posti Covid, un paziente è stato trasferito a Nuoro. Due pazienti positivi anche in Geriatria, dove sono stati eseguiti i tamponi su tutti i degenti.

  • Nardella, inasprimento misure se non rispettiamo Dpcm

    “Se non rispettiamo queste regole che sono state introdotte” con il nuovo Dpcm “dovremo affrontare un inasprimento ulteriore” delle misure anticontagio: lo ha affermato Dario Nardella, sindaco di Firenze, a margine della cerimonia di giuramento e conferimento degli alamari agli allievi del 9/o corso triennale della Scuola Marescialli e Brigadieri di Firenze. “Abbiamo visto - ha proseguito - quello che sta succedendo in Francia e in Germania dove c'è un vero e proprio coprifuoco. Io continuo a pensare che in Italia lo possiamo evitare, ma dobbiamo davvero applicare queste poche ma chiare regole che ci sono state date: evitare in qualunque caso assembramenti e ridurre al massimo anche le occasioni di ritrovo anche nelle nostre abitazioni”.

  • Bonaccini: Lockdown? Solo parziali, molto parziali

    In caso di impennate della curva epidemiologica “bisogna essere pronti a lockdown parziali, molto parziali. Un lockdown generalizzato” porterebbe “da una pandemia sanitaria a una pandemia economica”. Quindi, misure ma solo “molto mirate se la curva dovesse aumentare”. Così il presidente dell'Emilia-Romagna e della Conferenza delle Regioni, Stefano Bonaccini, ha replicato a chi gli chiedeva se vi fosse la possibilità di un nuovo lockdown generalizzato o di lockdown mirati in caso di crescita dell'emergenza Coronavirus.

  • In Romania 4.013 casi e 73 morti nelle 24 ore

    La Romania ha registrato nelle ultime 24 ore 4.013 nuovi contagi da coronavirus e 73 nuovi decessi, confermandosi tra i Paesi della regione balcanica quello di gran lunga più colpito dalla pandemia. I totali, come riferito dai media regionali, salgono a 168.490 casi e 5.674 vittime. I pazienti in ospedale sono 9.611, dei quali 721 in terapia intensiva.

  • Francia, treni continueranno a circolare normalmente

    L'insieme dei collegamenti ferroviari francesi circolerà, come previsto, questo fine settimana e durante le vacanze scolastiche di Ognissanti, nonostante l'instaurazione dle coprifuoco la sera nell'Ile-de-France, la regione di Parigi, e in altre otto metropoli francesi a partire da dopodomani: è quanto annunciato dalla SNCF, la compagnia dei treni d'Oltralpe. “SNCF Voyageurs conferma che i TGV Inoui, Ouigo, Intercités, treni internazionali e treni regionali circoleranno come previsto durante il week-end del 16,17 e 18 ottobre, come anche durante tutte le vacanze di Ognissanti”.

  • Senato boccia pregiudiziale su proroga stato emergenza

    L'aula del Senato ha respinto la questione pregiudiziale, presentata dal centrodestra, riguardo al decreto legge che proroga lo stato di emergenza al 31 gennaio 2021. Con la pregiudiziale, le opposizioni denunciavano “l'uso smodato e illegittimo dei decreti del presidente del Consiglio con cui si limitano i diritti e le libertà dei cittadini”, come ha spiegato in Aula il senatore di Forza Italia Luigi Vitali. La richiesta è stata bocciata ai voti. L'aula ha poi avviato la discussione generale sulla legge di delegazione europea e poi la seduta è stata sospesa. Riprenderà alle 15 con il question time con i ministri Luigi Di Maio, responsabile degli Affari esteri e Vincenzo Spadafora, titolare dello Sport.

  • Olanda: leader estrema destra Wilders in quarantena, contatto con positivo

    Geert Wilders, leader del partito olandese di estrema destra “Partito per la libertà, è in quarantena dopo che uno dei suoi agenti di sicurezza è risultato positivo al coronavirus. Rimarrà in quarantena fino a sabato sera. L'agente non ha sintomi”, ha scritto Wilders su Twitter.

    (Photo by Bart Maat / ANP / AFP)
  • Belgio, record contagi il 9/10, quasi 7.500

    Un record di 7.481 nuovi casi di Covid-19 è stato registrato venerdì 9 ottobre in Belgio, secondo il rapporto dell'Istituto di sanità pubblica di Sciensano pubblicato oggi. Lo scrive l'agenzia di stampa Belga. In media, sono stati confermati 5.421 nuovi contagi ogni giorno tra il 5 e l'11 ottobre, il doppio della settimana precedente.

  • Un solo tampone Covid e influenza,via a sorveglianza Iss

    Parte la sorveglianza epidemiologica Influnet, che quest'anno per via della pandemia dovrà monitorare, oltre a influenza e sindromi simil-influenzali, anche la Covid-19. I medici sentinella che aderiscono alla sorveglianza, dopo triage telefonico, segnaleranno alle asl i loro pazienti che riferiranno sintomi assimilabili a influenza stagionale o/e SarsCov2. A questo punto la asl di riferimento effettuerà il tampone sul campione di pazienti segnalati al fine di rilevare contemporaneamente l'infezione da virus influenzale o da SarsCov2. Saranno inoltre arruolati più medici sentinella, per raggiungere una copertura di almeno il 4% della popolazione regionale. Lo prevede il protocollo operativo pubblicato da ministero della Salute e Istituto superiore di sanità (Iss).

    «Il tampone sarà unico, ed è quello che si faceva normalmente gli anni scorsi all'interno della sorveglianza Influnet. Poichè i sintomi di influenza e Covid-19 sono simili, si farà un doppio uso del tampone per rilevare la presenza dei virus di entrambe le malattie”, precisa Antonino Di Bella, del Dipartimento Malattie Infettive dell'Iss e curatore del bollettino Influnet. Il tampone però non sarà più eseguito dal medico sentinella (medici di medicina generale e pediatri di libera scelta) ma dalla Asl competente a cui il medico appartiene. A fare l'analisi saranno i laboratori di riferimento regionale per la rete Influnet. Un'altra novità del protocollo sarà il rafforzamento della sorveglianza con l'arruolamento di più medici sentinella, in modo da garantire il monitoraggio delle sindromi su almeno il 4% della popolazione regionale. Fino agli anni scorsi i medici sentinella erano circa 1500 e la popolazione da monitorare il il 2%. Quest'anno dunque servirà uno sforzo doppio. La sorveglianza è partita il 12 ottobre e durerà fino al 25 aprile 2021.

  • Speranza: nessuna provincia può dirsi fuori pericolo

    «Nella fase precedente il virus era un problema geograficamente limitato. Oggi la sfida è generale, tutti i territori affrontano la crescita, nessuno può ritenersi fuori pericolo. Non c'è provincia o regione che possa sentirsi non a rischio. Questa è la grande differenza tra la stagione vissuta a febbraio marzo e aprile e quella attuale». Lo ha detto il ministro della Salute Roberto Speranza, durante la visita presso il sito produttivo di Jannsen a Latina, la divisione farmaceutica di Johnson&Johnson, commentando i numeri della pandemia Covid in Italia. Numeri in crescita che hanno portato, ha aggiunto, «a un dpcm che segna un cambio di marcia. Dal 4 maggio in poi avevamo allentato le maglie, ora invece per la prima volta dopo molti mesi, le stringiamo».

    Contemporaneamente alle misure del governo nazionale, però, ha ricordato, «le regioni sono a lavoro costantemente sui loro territori». «Ad esempio ieri c'è stata un'ordinanza della Regione Liguria relativa a Genova, la Campania ha fatto misure territoriali, a Latina sono state fatte misure. Dobbiamo controllare quello che avviene giorno per giorno sui territori: il Governo nazionale mette una base di partenza in termini di misure - ha concluso - ma sul territorio se ne possono fare di altre, se necessarie, e da parte del governo c'è la massima disponibilità».

  • Sicilia, Musumeci: limite invitati a matrimoni assurdo per nostra Regione

    «Abbiamo bisogno di maggiore fiducia da parte di Roma. Non è possibile che le linee immaginate dal governo centrale siano adatte a tutte le regioni. É giusto che, all'interno di una cornice nazionale, noi governatori possiamo adattare le regole alle circostanze e ai diversi contesti». Lo ha detto il Presidente della Regione Sicilia, Nello Musumeci, intervistato nel corso del roadshow digitale del Sole 24 Ore “Innovation Days – L'Italia che riparte”, a proposito delle nuove regole anti-Covid varate dal governo. «Il limite dei 30 invitati ai matrimoni è assurdo e irragionevole per la nostra realtà regionale. Getta sul lastrico tutta la filiera imprenditoriale collegata e consolidata, dai catering alle dimore storiche. Ho chiesto quindi al governo di comparare il numero degli invitati alle dimensioni degli spazi che ospitano l'evento in modo che prevalga il principio del distanziamento interpersonale», ha dichiarato Musumeci.

  • Stranieri, per entrare a Pechino necessari tre tamponi

    Le autorità di Pechino richiedono ai viaggiatori in arrivo nella capitale cinese dall'estero di effettuare tre tamponi molecolari per la Covid-19, dopo la recente ripresa dei voli internazionali diretti per la città. Lo ha reso noto ieri in conferenza stampa il funzionario Tian Tao, membro del gruppo di lavoro istituito dalla capitale per la prevenzione e il contenimento dell'epidemia di coronavirus. I viaggiatori provenienti dall'estero in arrivo a Pechino, ha spiegato Tian, dovranno sottoporsi a un primo test e presentare il certificato con esito negativo nei cinque giorni precedenti l'imbarco sul volo, in seguito dovranno sottoscrivere una dichiarazione sul proprio stato di salute ed effettuare un secondo tampone molecolare alla dogana e infine fare un terzo test dopo aver completato un periodo di quarantena in Cina.

  • Commissione Ue: tutti gli Stati avranno accesso ai vaccini contemporaneamente

    La Commissione europea e gli Stati membri stanno assicurando la produzione di vaccini contro il Covid-19 attraverso accordi di acquisto anticipato con i produttori di vaccini in Europa e qualsiasi vaccino dovrà essere autorizzato dall'Agenzia europea dei medicinali secondo i normali standard di sicurezza ed efficacia. Lo indica l'esecutivo Ue che ha presentato la strategia che gli Stati Ue dovrebbero mettere in atto per la vaccinazione comune. “Tutti gli Stati membri avranno accesso ai vaccini contemporaneamente sulla base delle dimensioni della popolazione. Il numero complessivo di dosi di vaccino sarà limitato durante le fasi iniziali della distribuzione e prima che la produzione possa essere aumentata”, indica Bruxelles. La Commissione europea sta firmando o ha già firmato vari contratti per la fornitura di vaccini.

  • Commissaria Ue Salute Kyriakides: evitare esiti devastanti lockdown

    “È con grande preoccupazione che sto assistendo all'aumento sempre più rapido dei tassi di infezione in tutta l'Ue. Il tempo corre e la prima priorità di tutti dovrebbe essere quella di fare ciò che serve per evitare le conseguenze devastanti, sociali ed economiche, dei lockdown generalizzati”. Lo afferma la commissaria europea per la salute Stella Kyriakides in merito alla strategia sui vaccini presentata da Bruxelles. “E dobbiamo tutti prepararci per i prossimi passi - ha aggiunto -. Il vaccino non sarà” la bacchetta magica ('silver bullett'), “ma giocherà un ruolo centrale per salvare vite umane e contenere la pandemia. E quando sarà trovato un vaccino sicuro ed efficiente, dobbiamo essere pronti a lanciarlo il più rapidamente possibile e costruire la fiducia dei cittadini nella sua sicurezza ed efficacia. I vaccini non salveranno vite umane, le vaccinazioni lo faranno”.

  • Scendono ancora contagi in Israele, sotto 2mila

    Sono scesi sotto i 2.000 (1.994) i nuovi contagi da Covid nelle ultime 24 ore in Israele dove è ancora in corso il lockdown fino alla mezzanotte di domenica. Un dato preso in considerazione dalle autorità sanitarie come soglia per cominciare ad allentare le restrizioni. Tuttavia il Commissario per la lotta al virus Ronni Gamzu ha spiegato che il numero dei 2.000 casi al giorno, insieme ad un tasso di morbilità attorno all'8%, deve ripetersi per una intera settimana prima di prendere provvedimenti per un allentamento delle misure. Le 1.994 infezioni registrate ieri sono state contate in rapporto a oltre 37mila tamponi (5.4% tasso morbilità). I casi attivi ad oggi sono 43.939, di cui 734 gravi (in discesa) con 253 in ventilazione. In aumento i morti arrivati, da inizio pandemia, a 2.099.

  • Sileri (Salute): con protocolli rischi in scuole e atenei bassissimi

    “È molto prematuro parlare” didattica a distanza “perché la scuola è un luogo molto sicuro. Laddove c'è il protocollo e la rigidità c'è un basso rischio, laddove invece non c'è il protocollo, come la sera ad una cena con gli amici, il rischio si alza. Nella scuola c'è questa rigidità, i protocolli consentono a scuola e università di andare avanti con un bassissimo rischio, che ovviamente deve essere anche monitorato”. Lo ha sottolineato a Radio Cusano Campus il viceministro alla Salute Pierpaolo Sileri.

  • Londra alza l'allerta da sabato prossimo

    Londra passerà al livello di “allerta alta” a partire da sabato a mezzanotte, il secondo nella scala delle restrizioni imposte dal premier britannico Boris Johnson. Lo riferiscono i media britannici. La misura prevede il divieto di riunioni in casa con amici.

  • Contagiati 5.793 studenti, 1.020 docenti

    Il ministero dell'Istruzione comunica che, alla data del 10 ottobre, gli studenti contagiati sono pari allo 0,080% (5.793 casi di positività), per il personale docente la percentuale è dello 0,133% del totale (1.020 casi), per il personale non docente si parla dello 0,139% (283 casi). I dati del monitoraggio, condotto dal ministero dell'Istruzione con la collaborazione dei dirigenti scolastici, sono stati condivisi con l'Istituto Superiore di Sanità.

  • Lancet, 80 esperti bocciano l’immunità di gregge: non ferma virus

    L'idea di arrestare il virus raggiungendo l'immunità di gregge è un errore pericoloso, non supportato da alcuna evidenza scientifica. Tenere sotto controllo la diffusione del virus - mettendo in atto delle regole da rispettare - è il modo migliore di proteggere società ed economia fino all'arrivo di terapie e vaccini efficaci ed evitare nuovi lockdown. È la voce unanime di 80 scienziati di tutto il mondo e di varie competenze scientifiche tra cui epidemiologi, pediatri, virologi, psicologi, che hanno stilato la lettera aperta 'John Snow Memorandum', pubblicata oggi su The Lancet; la lettera sarà anche presentata al 16imo World Congress on Public Health programme 2020.

  • Rilevati undici nuovi casi in Cina

    Altri 11 casi confermati di Covid-19 sono stati segnalati ieri in Cina continentale, compresa un'infezione trasmessa a livello locale e 10 importate dall'estero, oltre a 23 nuovi asintomatici. Lo rende noto il bollettino odierno della Commissione Sanitaria Nazionale cinese. L'unico nuovo contagio segnalato a livello locale riguarda un caso asintomatico proveniente dalla provincia dello Shandong, riclassificato come confermato. Altri due casi sospetti di Covid-19, entrambi provenienti dall'estero, sono stati riportati ieri a Shanghai. Non si segnalano ulteriori decessi correlati al nuovo coronavirus in Cina continentale. Tra i 10 nuovi casi importati dall'estero, 4 sono stati segnalati in Guangdong, 3 a Shanghai, 2 in Shaanxi e uno in Hebei. Altri 12 pazienti Covid-19 positivi sono stati dimessi ieri da vari ospedali cinesi dopo essersi ripresi.

  • Cancelliere Kurz: in Austria dati molto preoccupanti

    Secondo il cancelliere Sebastian Kurz, in Austria l'andamento della pandemia ha assunto dimensioni “molto preoccupanti”. Il capo del governo Oevp-Verdi chiede un giro di vite dei laender nella lotta contro il Covid. “Alla luce della massiccia diffusione del virus in Europa servono misure drastiche. A tutti deve essere chiaro che la situazione è seria”, afferma Kurz in un appello ai governatori dei laender. Nella lettera, pubblicata dall'Apa, il cancelliere chiedere interventi a livello regionale, “perché da un certo momento test tempestivi e contact tracing non saranno più possibili”. Kurz rivolge anche un appello agli austriaci a prendere sul serio la situazione, sostenendo le misure di contenimento”.

  • Centinaia di manifestanti sfidano divieto di assembramento a Bangkok

    Centinaia di persone sono scese per le strade di Bangkok sfidando il divieto di assembramenti con persone imposto dal governo. Centinaia di giovani manifestanti anti-governativi sono affluiti attorno alla Ratchaprasong Intersection a Bangkok, sfidando lo stato di emergenza proclamato nella notte che vieta assembramenti di più di cinque persone. Nell'area, per contenere una protesta annunciata già questa mattina, è presente un massiccio contingente di forze di polizia. La tensione è alta, con i manifestanti che chiedono il rilascio dei venti attivisti - tra cui alcuni tra i maggiori leader - arrestati nella notte per il loro ruolo nelle proteste di ieri, che hanno portato all'assedio della sede del governo e a un incontro ravvicinato con la limousine che trasportava il re Vajiralongkorn e la regina Suthida. La Ratchaprasong Intersection, nel pieno centro di Bangkok, era il cuore della cittadella delle “camicie rosse” occupata per un mese e mezzo dagli allora manifestanti anti-governativi nel 2010. Quelle proteste furono represse con almeno 92 morti e 2.000 feriti.

  • Gimbe: con raddoppio contagi e peso dei ricoveri prevedere mini-lockdown

    Incremento esponenziale dei nuovi casi (35.204 vs 17.252) a fronte di un moderato aumento dei casi testati (505.940 vs 429.984) e di un netto incremento del rapporto positivi/casi testati (7% vs 4%): questo il bilancio del monitoraggio indipendente della Fondazione Gimbe nella settimana 7-13 ottobre rispetto alla precedente. Crescono gli attualmente positivi (87.193 vs 60.134) e s'impenna la curva sia dei ricoveri sia delle terapie intensive, aumentati rispettivamente di 1.451 (+40%) e di 195 unità (+61,1%). Gli ospedalizzati sugli attualmente positivi, rispetto a una media del 6,4%, oscillano dal 2,6% del Friuli-Venezia Giulia al 10,2% della Liguria. In crescita anche i decessi (216 vs 155).

    Da qui l'appello del presidente Gimbe Nino Cartabellotta: «Gli effetti delle misure del nuovo Dpcm – spiega – oltre a non poter essere valutati prima di 3 settimane, saranno in parte neutralizzati dall'incremento esponenziale dei contagi e dall'ulteriore sovraccarico dovuto all'influenza. Ci appelliamo a Regioni e sindaci: intervenire tempestivamente con misure restrittive locali, compresi lockdown mirati, per spegnere i focolai, arginare il contagio diffuso e prevenire il sovraccarico degli ospedali. Altrimenti il rischio di restrizioni più ampie (lockdown incluso) è dietro l'angolo».

  • Francia, perquisizione a casa ministro Salute per inchiesta su gestione emergenza Covid

    Perquisizioni sono state condotte questa mattina presso le residenze e negli uffici rispettivi del ministro della Salute, Olivier Véran e del Direttore Generale della Salute, Jerome Salomon: è quanto emerge da informazioni di BFM-TV, secondo cui questa procedura si “iscrive nel quadro di un fascicolo giudiziario sulla gestione della crisi legata al coronavirus” da parte del governo francese. Sempre secondo BFM, perquisizioni sono state effettuate anche dall'ex premier Edouard Philippe, dell'ex ministra della Salute Agnès Buzyn e dall'ex portavoce del governo, Sibeth Ndiaye.

    Altre perquisizioni sono state realizzate in casa della Direttrice generale di Santé Publique France, Geneviève Chêne. Ordinate dalla Corte di Giustizia della Repubblica - che in Francia è competente per processare ministri e membri del governo - le operazioni si sono svolte “senza difficoltà”, ha fatto sapere il ministero della Salute guidato da Véran. Quanto all'ex premier, Edouard Philippe, attualmente sindaco di Le Havre, “ha sempre detto che sarebbe rimasto a disposizione della giustizia”, sottolineano fonti a lui vicine, aggiungendo che tutto si è svolto in modo “molto cortese, con la piena cooperazione del sindaco”. Le perquisizioni sono state realizzate dai gendarmi dell'OCLAESP, l'Ufficio centrale responsabile per l'ambiente e la salute pubblica e dell'OCLCIFF, l'Ufficio centrale di lotta alla corruzione e per le infrazioni finanziarie e fiscali. Alcune perquisizioni erano ancor in corso a fine giornata mentre alcuni si interrogano sui tempi di un'operazione realizzata all'indomani degli annunci del presidente Emmanuel Macron sui coprifuoco notturni a Parigi e in altre otto città.

  • Governatore Cirio: in Piemonte test rapidi a valichi confine Francia

    Per garantire il presidio “massimo e assoluto” del territorio, la Regione Piemonte con la Protezione civile allestirà punti di accesso e controlli rapidi “a tutti i valichi di confine con la Francia, dove i contagi sono altissimi”. Lo afferma il governatore Alberto Cirio, ricordando ai microfoni di Radio Capital che gli aeroporti “di Torino e di Roma sono stati i primi in Italia ad allestire la possibilità di fare controlli” con i Covid test point.

  • Nel Napoletano blocco stradale contro minilockdown

    Alcune decine di commercianti stanno bloccando la rotonda di Arzano, strada nevralgica per l'accesso al centro a nord di Napoli, per protesta contro il mini lockdown scattato da oggi. Fino al 23 ottobre, prossimo infatti, su decisione della commissione straordinaria che amministra il Comune, resteranno chiusi scuole, cimitero e negozi ad eccezione di quelli di generi di prima necessità. Un provvedimento adottato alla luce dell'impennata di contagi da Covid. Sospese tutte le manifestazioni ed eventi pubblici, il mercato settimanale, tutte le attività sportive e dei centri anziani.

  • Governatore Fontana: ministra Scuola d’accordo a discutere orari scolastici

    “Abbiamo parlato con il ministro Azzolina della didattica a distanza e ha dichiarato di essere contraria - ha detto il presidente della Regione Lombardia Attilio Fontana a Buongiorno su Sky TG24 - ma invece è disponibile a prevedere una differenziazione degli orari di ingresso e di inizio delle singole lezioni, per fare in modo che non ci siano dei picchi”. “Non abbiamo chiesto formalmente la didattica a distanza - ha aggiunto -, l'avevamo chiesta come Regioni. Però ora siamo più interessati ad ascoltare questo discorso sulla differenziazione degli orari”.

  • Record di morti in Russia, 286 in 24 ore

    Il numero di vittime di Covid-19 in Russia è aumentato di 286 unità nelle ultime 24 ore, il più alto dall'inizio della pandemia. Lo riporta il centro di crisi anti-coronavirus. Il precedente record di 244 morti è stato registrato il 13 ottobre. In tutto, secondo il centro di crisi, nel Paese sono morte 23.491 persona. I contagi sono stati poi 13.754 per un totale di 1.354.163.

  • Francia verso sanzioni più dure per feste clandestine

    Il varo del provvedimento di coprifuoco sanitario in Francia nelle grandi città ha nel mirino “i raduni privati per fare festa” e il governo annuncerà “sanzioni dissuasive per coloro che organizzano serate clandestine”: lo ha detto il portavoce del governo, Gabriel Attal, ai microfoni di France Info. “Quello che abbiamo nel mirino con questo coprifuoco - ha spiegato - sono i raduni privati, talvolta per fare festa, che sono oggi una fonte importante, se non la principale, di contaminazione”. “Bisogna inasprire le sanzioni - ha aggiunto - per quelli che organizzano serate clandestine, sia in locali che gestiscono, sia in case private”. Attualmente l'ammenda prevista è di 135 euro ma “se vogliamo che sia dissuasiva, possiamo essere più severi” ha detto Attal, ricordando che in Gran Bretagna la multa può arrivare a 10mila euro.

  • Weber (Ppe) in quarantena dopo contatto con positivo

    “Cari amici, sono stato informato che sono stato in contatto con una persona che è risultata positiva al Covid. Seguendo le regole stabilite mi sono messo autoisolamento in attesa del primo risultato del test”. Così su Twitter il presidente del gruppo del Ppe al Parlamento europeo Manfred Weber.

  • Capo polizia, incostituzionali controlli a casa

    “L'articolo 14 della Costituzione riconosce l'inviolabilità del privato domicilio”. E' quanto si legge in un appunto, di una pagina e mezzo, del capo della Polizia, Franco Gabrielli nel quale si dimostra come sia impossibile impedire i party privati. Il parere è stato chiesto dalla ministra dell'Interno, Luciana Lamorgese, a cui si è rivolto il premier Conte dopo che gli era giunta notizia, nei giorni scorsi, che i ministri Speranza e Franceschini volevano inserire una forma di controllo dei party privati in casa e fuori nell'ultimo Dpcm. La ricostruzione di quanto sarebbe avvenuto la fornisce Claudia Fusani nel Riformista oggi in edicola. Gabrielli avrebbe aggiunto che per autorizzare i controlli “Il Parlamento dovrebbe dichiarare lo stato di guerra”. Una provocazione ovviamente, scrive il giornale; il documento di Gabrielli è servito tuttavia a stoppare le richieste dei ministri della Salute e dei Beni culturali.

  • Stretta Carabinieri nel Casertano, controlli e multe

    Diciassette persone sanzionate per il mancato utilizzo della mascherina e cinque bar multati per la mancanza di igienizzanti, di distanziamento, di uso delle protezioni individuali. È il bilancio dei controlli effettuati dai carabinieri nei comuni della provincia di Caserta di Casal di Principe, San Cipriano d'Aversa, Casapesenna e Villa Literno. Sedici le pattuglie impiegate e guidate dal capitano Luca Gino Iannotti. In totale sono state controllate 150 persone in strada, 17 delle quali trovate senza mascherina. I carabinieri hanno poi controllato 34 esercizi commerciali, tra bar, sale scommesse e mini market, accertando che solo alcuni bar non osservavano le norme anti-Covid.

  • Covid: Argentina al quinto posto al mondo per contagi

    L'Argentina è salita al 5/o posto al mondo per contagi di coronavirus avendo nelle ultime 24 ore superato la Colombia, raggiungendo quota 931.967 casi. Lo riferisce oggi l'agenzia di stampa Telam. Nelle ultime 24 ore le autorità sanitarie argentine hanno infatti confermato 14.932 nuovi contagi e 350 morti, che hanno fatto salire il bilancio di questi ultimi a 24.921. Attualmente 4.316 persone sono ricoverate in rianimazione in tutto il Paese, con una percentuale di occupazione dei letti di questo settore del 64,1% a livello nazionale e del 63,5% a Buenos Aires e provincia. Di fronte al dilemma di una situazione che da una parte richiede misure di più stretto controllo della circolazione delle persone, e dall'altra uno stimolo delle vitali attività economiche, il presidente Alberto Fernández ha sostenuto che la pandemia “obbliga a ripensare il mondo che difficilmente tornerà ad essere quello che è stato”. Intervenendo in apertura di un convegno organizzato dagli imprenditori argentini (Idea), il capo dello Stato ha aggiunto che “dovremo riflettere sui vantaggi e gli svantaggi del modello di vita che avevamo fino all'apparizione del virus”. Nella classifica mondiale, con i suoi 931.967 casi l'Argentina ha superato la Colombia e al 5/o posto segue Stati Uniti (7.916.100), India (7.307.097), Brasile (5.140.863) e Russia (1.332.824).

  • Oltre 1.700 nuovi casi, Londra verso 'allerta alta'

    Londra è in procinto di dichiarare “l'allerta alta” rispetto al coronavirus, il secondo livello nella scala delle misure imposte dal governo di Boris Johnson per contenere la diffusione del Covid nel Regno Unito. Lo ha annunciato il sindaco della capitale britannica Sadiq Khan, secondo quanto riportato dalla Bbc. La decisione, ha precisato il primo cittadino, sarà presa “molto presto, forse quesa settimana”. Londra ha registrato ieri 1.722 nuovi casi di coronavirus con un tasso di infezione di oltre 730 ogni 100.000 abitanti

  • Ryanair: riduce al 40% capacità di voli per l'inverno per restrizioni da Covid

    Ryanair Holdings riduce la sua capacità di voli per la stagione invernale al 40% rispetto ai livelli dello scorso anno a causa delle crescenti restrizioni per il coronavirus in tutta Europa. “Ciò ha causato un leggero indebolimento delle prenotazioni anticipate a ottobre, ma materialmente a novembre e dicembre” ha affermato la compagnia aerea.
    L'azienda ha affermato che sta riducendo il suo programma al 40% dei livelli dell'anno precedente rispetto alla precedente indicazione del 60% e sta mantenendo il 65% della rete di rotte invernali, ma riducendo la frequenza dei voli. Ryanair ha affermato che ora si aspetta che il traffico per l'intero anno scenda a circa 38 milioni di passeggeri, aggiungendo che questa cifra potrebbe ridursi ulteriormente in caso di nuovi lockdown.

    (Reruters)
  • Record casi in Repubblica Ceca, 9.500 in un giorno

    Record di casi di coronavirus in Repubblica Ceca che ha registrato 9.544 nuovi contagiati nelle ultime 24 ore. Lo ha annunciato il ministero della Salute secondo quanto riportato dal Guardian. si tratta del numero più alto di casi in un giorno dall'inizio della pandemia. Ottobre per la Repubblica Ceca è stato un mese nero, con i contagiati quasi raddoppiati per un totale di 139.290, su una popolazione di 10,7 milioni.

  • Oms, vaccino? Giovani potrebbero aspettare fino al 2022

    Una persona giovane e in salute potrebbe non essere vaccinata contro il coronavirus fino al 2022. Lo ha detto la ricercatrice capo dell'Oms, Soumya Swaminathan, avvertendo che non sarà possibile una vaccinazione di massa rapida contro il Covid-19. “La priorità l'avranno gli operatori sanitari e quelli in prima linea, su questo siamo tutti d'accordo. Ma anche in quei casi bisognerà stabilire chi corre i rischi più alti. Poi ci saranno gli anziani”, ha spiegato la dottoressa durante un evento su Twitter precisando “un giovane in salute potrebbe dover aspettare fino al 2022”.

  • Focolaio in Rsa Monza, 33 positivi e sei decessi

    Sei morti per coronavirus, mentre dei 37 presenti 33 sono positivi nella Rsa Villa Terruzzi di Concorezzo, alle porte di Monza, dove è stato riscontrato un nuovo focolaio. La direzione - come scrivono Il Corriere della sera e Il Giorno - aveva già disposto degli accertamenti qualche tempo fa e i risultati erano stati venti positivi su 23, quasi tutti asintomatici. Nei giorni scorsi, però, la situazione si è aggravata e, a ieri, nella struttura sono stati rilevati 33 positivi su 37 ospiti e sei decessi. Le visita dei parenti sono state sospese e i contatti con i famigliari avvengono solo con videochiamata.

  • Pakistan, 756 nuovi casi e 13 morti

    Il Pakistan ha registrato 756 casi di coronavirus nelle ultime 24 ore e 13 morti. Lo ha annunciato il ministero della Sanità. In totale salgono a 321.218 i contagi e 614 le vittime nel Paese, mentre 305.395 persone sono guarite dalla malattia.

    Lavoratrice in una piantagione di cotone in Pakistan (Epa)
  • Record di contagi, lo spettro del lockdown di Natale. Conte: sono possibili misure restrittive delle regioni

    Record di contagi in un solo giorno dall'inizio dell'epidemia. Ieri i positivi hanno fatto registrare un balzo in avanti di 7.332 pazienti. Senza precedenti anche il numero di tamponi, 152.196. Il rapporto contagi/tamponi è di circa il 4,8% contro il 30,8% del giorno peggiore del Covid in Italia (19 marzo). Le vittime sono state 43 in 24 ore, 394 i ricoveri. Nelle terapie intensive 25 malati in più, il totale sale a 539. Il virologo Crisanti parla già di un lockdown a Natale per 'resettare il sistema'. Il premier Conte smorza i toni ma ricorda che 'misure restrittive' sono 'già possibili da parte delle Regioni'

    Per approfondire / Covid-19, Conte: lockdown a Natale? Non faccio previsioni

  • Germania, record di casi: 6.638

    La Germania registra 6.638 nuovi casi di coronavirus nelle ultime 24 ore, che segnano anche un nuovo record di contagi da inizio pandemia. Lo riportano i dati ufficiali. Il precedente primato di casi in 24 ore risaliva al 28 marzo quando ne erano stati registrati 6.294.La Cancelliera, Angela Merkel, ha annunciato l'introduzione di “limitazioni nei contatti nelle zone dove le nuove infezioni superano i 50 nuovi contagi per 1000 abitanti sia in pubblico che in privato”.

    La cancelliera tedesca Angela Merkel (Reuters)

    LEGGI ANCHE:
    La nuova mappa dei contagi
    Tutto quello che devi sapere sul virus
    Tutto quello che la scienza ha scoperto

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti