ServizioContenuto basato su fatti, osservati e verificati dal reporter in modo diretto o riportati da fonti verificate e attendibili.Scopri di piùIl bollettino della pandemia

Coronavirus ultime notizie. Oggi altri 15.543 casi (-18,9% sulla settimana) e 59 vittime

I dati del ministero della Sanità elaborati sulla base di 137.133 tamponi. Tasso di positività all'11,3%. Al via da lunedì 12 settembre le somministrazioni con vaccini modificati contro Omicron

Una vaccinazione contro il Covid-19 somministrata presso l’Hub vaccinale la Vela di Roma (foto Ansa/Carconi)

4' di lettura

I DATI DEL CONTAGIO
Loading...

Alle 15.40 di oggi, venerdì 9 settembre, si sono registrati 15.543 nuovi positivi al Coronavirus (-2.007 giorno su giorno: ieri erano 17.550) rilevati dal bollettino quotidiano diffuso dal ministero della Sanità e dalla Protezione civile.

Lo stesso giorno di una settimana fa i nuovi contagi erano stati 19.160: si conferma dunque il calo dell'epidemia, che su base settimanale in percentuale è di -18,9%.

Loading...

Il totale degli attualmente contagiati arriva così a 502.811 unità. Il “tasso di positività”, cioè il rapporto tra il numero totale dei tamponi effettuati e quelli che risultano postivi è sceso all'11,3% (ieri era al 14,9%). Il dato è stato elaborato in base ai risultati di 137.133 tamponi effettuati nelle ultime 24 ore, contro i 149.497 dell'8 settembre. Sono considerati nel conteggio sia i test rapidi antigenici che i tamponi molecolari.

I decessi, nelle ultime 24 ore, sono stati 59 (30 vittime in più rispetto alle 89 contate ieri), per un totale di 176.157 morti dall'inizio della pandemia.Degli italiani attualmente positivi, 4.017 sono ricoverati con sintomi nei reparti ospedalieri ordinari (-133, ieri erano 4.150) e 172 nei reparti di terapia intensiva (meno 13, erano 185; 13 gli ingressi giornalieri).

I soggetti tenuti sotto osservazione medica in isolamento domiciliare sono invece 498.622 (-12.474, erano 511.096). Il totale dei dimessi e dei guariti ha superato i 21.341.186 milioni.

In Friuli Venezia Giulia 407 nuovi casi, cinque decessi

Oggi in Friuli Venezia Giulia su 1.459 tamponi molecolari sono stati rilevati 81 nuovi contagi. Sono inoltre 1.749 i test rapidi antigenici realizzati, dai quali sono stati rilevati 326 casi. Le persone ricoverate in terapia intensiva sono 3 mentre i pazienti ospedalizzati in altri reparti sono 128. Lo rende noto la Direzione centrale salute della Regione Fvg nel bollettino quotidiano. Oggi si registrano 5 decessi: 3 a Trieste e 2 a Udine. Il numero complessivo delle persone decedute dall’inizio della pandemia è 5.391, con la seguente suddivisione territoriale: 1.349 a Trieste, 2.509 a Udine, 1.036 a Pordenone e 497 a Gorizia. Dall’inizio della pandemia in Friuli Venezia Giulia sono risultate positive complessivamente 479.703 persone.

753 nuovi casi in Toscana, quattro i decessi

In Toscana sono 1.383.576 i casi di positività al coronavirus, 753 in più rispetto a ieri (120 confermati con tampone molecolare e 633 da test rapido antigenico). Lo comunica la Regione Toscana sui dati accertati, alle ore 12 di oggi, sulla base delle richieste della protezione civile nazionale relativi all’andamento dell’epidemia in regione. I nuovi casi sono lo 0,1% in più rispetto al totale del giorno precedente. I guariti crescono dello 0,1% e raggiungono quota 1.293.477 (93,5% dei casi totali). Oggi sono stati eseguiti 715 tamponi molecolari e 6.010 tamponi antigenici rapidi, di questi l’11,2% è risultato positivo. Sono invece 1.224 i soggetti testati oggi (con tampone antigenico e/o molecolare, escludendo i tamponi di controllo), di cui il 61,5% è risultato positivo. Gli attualmente positivi sono oggi 79.407, -0,4% rispetto a ieri. I ricoverati sono 197 (6 in meno rispetto a ieri), di cui 4 in terapia intensiva (1 in meno). Purtroppo, oggi si registrano anche quattro nuovi decessi.

CRESCITA NUOVI CASI SU BASE SETTIMANALE

I puntini sono: casi giornalieri del giorno/casi giornalieri dello stesso giorno della settimana precedente. La curva rappresenta la media mobile a 7 giorni. Se il dato è superiore a 1 vuol dire che i contagi sono in crescita

Loading...

Contagi e decessi in calo in Sardegna, due le vittime

Rallenta ancora la corsa del Covid in Sardegna, dove nelle ultime 24 ore si registra anche un calo dei decessi, da 6 a 2: un uomo di 88 anni residente nella provincia di Sassari e un uomo di 91 residente nella provincia di Oristano. I nuovi casi accertati sono 297 (- 31), di cui 263 diagnosticati da antigenico. Sono stati processati in totale, fra molecolari e antigenici, 2.979 tamponi. Il tasso di positività scende dall’11,2 al 9,9 per cento. I pazienti ricoverati nei reparti di terapia intensiva sono 5 (+ 1), quelli in area medica 77 (- 4). In frenata i casi di isolamento domiciliare, in tutto 6.848 (- 417).

Un morto e 209 nuovi casi in Alto Adige

Dopo una settimana di tregua l’Alto Adige registra un'altra vittima di covid, portando complessivo dei decessi a 1531. Sono invece 209 i nuovi casi (2 pcr e 207 test antigenici). Sono attualmente in quarantena 1731 altoatesini, mentre 214 sono stati dichiarati guariti. Nei normali reparti ospedalieri si trovano 25 pazienti covid , 4 nelle cliniche private e uno in terapia intensiva.

IL TREND GIORNO PER GIORNO

Casi attualmente positivi, guariti, morti e casi totali dal primo rilevamento a oggi. Casi nuovi giorno per giorno

Loading...

Leggero calo dei ricoverati in Umbria, anche nelle intensive

Leggero calo dei ricoverati Covid in Umbria, 117, due in meno di giovedì, e scendono a uno, da tre, i posti occupati nelle terapie intensive e si registra un nuovo morto legato al virus. È il quadro sul sito della Regione. Nell'ultimo giorno sono emersi 267 nuovi casi e 268 guariti. Stabili gli attualmente positivi, 2.805, due in meno. Sono stati analizzati 1.586 tra tamponi e test antigenici, con un tasso di positività del 16,8 per cento, era 14,7 giovedì e 12,1 lo stesso giorno della scorsa settimana.

A via dal 12 settembre le somministrazioni con vaccini modificati contro Omicron

Al via da lunedì le somministrazioni in Italia dei nuovi vaccini Pfizer-BioNtech e Moderna modificati per combattere la variante Omicron autorizzati prima da Ema e poi da Aifa nei giorni scorsi. Lo hanno detto il presidente del Consiglio superiore di sanità, Franco Locatelli, il direttore generale dell'Agenzia italiana del farmaco, Nicola Magrini, e il direttore generale della Prevenzione del ministero della Salute, Gianni Rezza in una conferenza stampa sulla prosecuzione della campagna vaccinale. “I nuovi vaccini - ha detto Locatelli - sono efficaci sia contro la variante Omicron 1 ma anche contro Omicron 4 e 5 largamente prevalenti nel nostro Paese”. Locatelli ha aggiunto che nei prossimi giorni “sono attese 19 milioni di dosi di questi vaccini modificati”.

Rezza, con bivalenti ora priorità categorie a rischio

La circolare del ministero prevede che il richiamo con il vaccino bivalente anti Covid “venga somministrato in modo prioritario alle categorie per cui è raccomandato”, ovvero over60 e soggetti fragili. “Ma dal momento che Ema lo autorizza dai 12 anni in su, ritengo non si possano escludere altre categorie di persone per cui è autorizzato. Dal punto di vista di sanità pubblica, però, l’indicazione ora è vaccinare prioritariamente le persone a rischio che hanno più bisogno di protezione da malattia grave”. Così il direttore generale della Prevenzione del ministero della Salute, Gianni Rezza, durante la conferenza stampa sulla prosecuzione della campagna vaccinale contro il Covid-19.

Riproduzione riservata ©

loading...

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti