Europa

Coronavirus ultime notizie: negli Usa record di contagi, più di Italia e Cina. Superati i 500mila casi nel mondo, 23mila vittime. Bce, Lagarde in autoisolamento

Bce, Christine Lagarde in autoisolamento
Le notizie dal mondo del 25 marzo
Usa, Senato approva maxi piano aiuti. Bilancio: oltre 1.000 morti e quasi 70mila contagi
L’Oms: segnali incoraggianti in Europa
Russia: stop a tutti i voli internazionali
Corea del Sud, 104 nuovi casi e 57 importati
Sanità Uk: «Il principe Carlo non ha saltato la coda per il test»
Polonia: senza aiuti di Stato, il 69% delle imprese potrebbe dover licenziare



  • Negli Usa record mondiale di contagi: oltre 80mila

    Gli Stati Uniti sono ora diventati il primo Paese al mondo per casi di coronavirus: secondo i dati del New York Times sono 81.488, più di Cina e
    Italia, con 1.178 morti in tutto il Paese.

  • Bce, Lagarde in autoisolamento

    La pfesidente della Banca centrale europea si è messa in autoisolamento la scorsa settimana dopo essere stata in contatto con una persona risultata positiva al coronavirus. A riportare la notizia è l’agenzia Bloomberg.Il portavoce della Bce non ha commentato la notizia, ma ha confermato che la presidente ha lavorato nel suo ufficio questa settimana. Lagarde non è sola: è infatti una dei numerosi leader che hanno preso la decisione di autoisolarsi negli ultimi giorni dopo essere stati in contatto con persone positive.

  • Hillary e Bill Clinton donano 400 pizze a medici e infermieri ospedale di New York

    Oltre 400 pizze all’ospedale di Westchester, alle porte di New York, dove giorno e notte medici e infermieri lottano per salvare vite umane dal coronavirus: a inviarle Bill ed Hillary Clinton, per ringraziare il lavoro e il sacrificio di quelli che vengono definiti “eroi” e che in questi giorni non hanno nemmeno il tempo di fermarsi per procurarsi del cibo. «Grazie per proteggere la nostra comunità», il messaggio dell'ex coppia presidenziale.

  • Trump vuole militari a frontiera con Canada. No di Trudeau

    Donald Trump, tra le misure per frenare la diffusione del coronavirus, vuole blindare la frontiera col Canada schierando i militari a 40 chilometri dal confine, così da impedire ingressi irregolari. Lo ha denunciato Justine Trudeau, affermando di essere totalmente contrario alla militarizzazione del confine americano-canadese. Il Canada confina con 13 stati Usa.

  • Brasile, Maracanà adibito a ospedale temporaneo

    In Brasile la situazione sta diventando via via più seria, tanto da indurre le autorità a utilizzare il complesso sportivo del Maracanà, di cui fa parte anche il mitico stadio di calcio, di Rio de Janeiro, come ospedale temporaneo. I casi di coronavirus sono balzati a 2.900 nella giornata di giovedì inducendo le autorità a prendere decisioni più drastiche per l’emergenza.

  • Malta, un quarto della popolazione in casa

    Tutti gli “over 65”, le persone affette da certe patologie croniche e le donne incinte da sabato prossimo a Malta dovranno stare a casa. È l'effetto delle nuove misure prese dal governo della Valletta. Circa 118mila persone, un quarto dell'intera popolazione di Malta, da sabato prossimo dovrà restare chiusa in casa fino a nuovo ordine.

  • In Turchia 1.196 nuovi contagi in un giorno

    Salgono a 3.629 i casi di coronavirus in Turchia, con 1.196 nuovi contagi registrati nelle ultime 24 ore. Altre 16 persone sono decedute, portando a 75 il totale delle vittime. Lo ha annunciato stasera il ministro della Salute turco Fahrettin Koca.

  • Cina, Wuhan torna lentamente alla vita

    Dall'8 aprile riprenderanno in parte i voli commerciali a Wuhan, capoluogo della provincia dello Hubei in Cina centrale, che è stata l'epicentro dell'epidemia di nuovo coronavirus, ma non includeranno i voli internazionali e la tratta Wuhan-Pechino: lo ha comunicato Wang Benju, del dipartimento provinciale dei trasporti.

    Coronavirus, a Wuhan torna a circolare qualche auto
  • Indonesia, polizia fa irruzione per fermare matrimoni

    Le forze dell'ordine fanno irruzione nel bel mezzo dei festeggiamenti per un matrimonio. Si scusano ma spiegano : «È per la sicurezza dei nostri cittadini». Un filmato ritrae l’interruzione di matrimoni da parte delle autorità in Indonesia, a quanto pare cosa frequente nell'ambito dell'emergenza coronavirus, segnala la Bbc. Anche in Indonesia sono scattate in questi giorni misure restrittive nel tentativo di contenere la diffusione del coronavirus e in base ai provvedimenti approvati lo scorso 19 marzo sono bandite tutte le aggregazioni di molte persone. Il presidente indonesiano, Joko Widodo, ha respinto gli appelli ad un lockdown totale come invece deciso per Thailandia, Filippine e Malaysia, ma resta l'indicazione di rimanere in casa con la promessa di un sistema rapido di test. Intanto il governatore di Giakarta ha dichiarato lo stato di emergenza, disponendo la chiusura delle scuole così come tutti i luoghi di divertimento e di turismo.

  • Grattacielo Bogotà illuminato con il tricolore

    L'emblematico grattacielo Colpatria, il secondo edificio più alto di Bogotà, è stato illuminato la notte scorsa dai colori della bandiera italiana in un omaggio che ha voluto tributare la Colombia all'Italia in grave emergenza per la pandemia di coronavirus.

  • Superati i 500mila contagi nel mondo

    I contagi da coronavirus in tutto il mondo hanno superato la soglia dei 500.000. Lo rileva l'istituto americano Johns Hopkins, secondo cui i casi accertati sono oltre 510.000. Il numero delle vittime è vicino a 23.000.

  • Gran Bretagna, maxi sostegno del governo anche ai lavoratori autonomi

    Il governo di Boris Johnson allarga al lavoro degli autonomi i sussidi di Stato già annunciati per i dipendenti rimasti senza reddito a causa dell'emergenza coronavirus. Lo ha annunciato il cancelliere dello Scacchiere, Rishi Sunak, nella conferenza di giornata di Downing Street, precisando che le casse pubbliche copriranno l'80% delle entrate perdute a causa delle chiusure temporanee di attività autonome e licenziamenti connessi della media dei redditi degli ultimi tre anni fino a un massimo di 2500 sterline al mese.

  • Superati i 1.300 casi in Cile

    Il ministro della Salute del Cile, Jaime Manalich, ha riferito che sono quattro le vittime di coronavirus registrate finora nel paese. Le infezioni da coronavirus sono aumentate a 1.306 a livello nazionale, dopo che sono stati confermati 164 nuovi casi tra le 9 e le 21 di mercoledì.

  • A New York 100 morti in meno di 24 ore

    New York galoppa verso i 40 mila casi di coronavirus accertati. Secondo gli ultimi dati diffusi dal governatore Andrew Cuomo, sono 37.258, oltre 7.000 in più in meno di 24 ore. Il bilancio delle vittime è salito a 385, circa 100 più in poche ore.

  • Il Pakistan rilascia 900 detenuti


    Le autorità pachistane hanno disposto la liberazione di oltre 900 detenuti dalle carceri del paese in seguito alla emergenza coronavirus. Almeno 829 detenuti sono stati liberati dalle prigioni nella provincia meridionale
    di Sindh, 78 in Baluchistan e 25 nella capitale Islamabad. L'Alta Corte di Islamabad ha inoltre ordinato la liberazione di 400 detenuti che saranno rilasciati dopo l'espletamento delle incombenze burocratiche. Ad oggi in Pakistan si sono registrati 1.130 casi positivi al coronavirus e nove morti. L’indicazione di rilasciare detenuti viene dall’Oms: le carceri sono una possibile fonte di focolaio.

  • Cina chiude frontiere a stranieri con visto


    La Cina chiude le frontiere agli stranieri sottoposti a visto, che rappresentano la stragrande maggioranza. Lo riportano i media di
    stato. La ragione e’ semplice, nelle ultime settimane la maggior parte dei contagiati proveniva dall’estero mentre i casi locali si sono progressivamente ridotti fin oa quasi sparire.

  • Il G-20 inietta 5mila miliardi nell’economia mondiale

    Il G20 inietta 5.000 miliardi di dollari nell'economia mondiale per superrare l'impatto “sociale, economico e finanziario” del coronavirus. E' quanto si legge in una nota del G20 al termine del vertice in
    videoconferenza.

  • 1,5 miliardi di studenti a casa, Unesco lancia azione per aiutarli

    L'Unesco ha annunciato la costituzione di una grande coalizione mondiale formata da organizzazioni internazionali, ong e imprese private per aiutare un miliardo e mezzo di bambini e studenti rimasti senza scuola a causa della pandemia di coronavirus. La coalizione ha l'obiettivo di «aiutare gli Stati a sviluppare le migliori soluzioni d'insegnamento a distanza per raggiungere i bambini e i giovani più a rischio», ha indicato in un comunicato l'organizzazione dell'Onu. Secondo l'Unesco, l'87 per cento della popolazione scolastica mondiale è toccata dalla chiusura delle scuole a causa del coronavirus, pari a 1,5 miliardi di scolari e studenti in 165 Paesi.

  • Mnuchin: piano di aiuti ai cittadini entro 3 settimane

    «Entro 3 settimane» il governo Usa attiverà il piano di aiuto previsto per i cittadini distribuendo assegni che saranno prevalentemente costituiti da versamenti diretti. Lo ha detto il segretario al Tesoro, Steven Mnuchin, durante un'intervista alla Cnbc. «I lavoratori non hanno fatto nulla di sbagliato», ha detto il segretario aggiungendo che l'economia americana tornerà a essere «in salute».

    Il segretario al Tesoro statunitense Steven Mnuchin. (EPA/SARAH SILBIGER / POOL)
  • Coprifuoco a Miami

    La città di Miami vara il coprifuoco per tentare di fermare la corsa dei contagi da coronavirus. Sarà in vigore dalle 22 alle 5 del mattino. Le uniche eccezioni per chi va o torna dal lavoro, per le emergenze mediche e per portare a spasso il cane entro cento metri da casa.

    Il Jackson Memorial Hospital di Miami (REUTERS/Carlos Barria)
  • Morgan Stanley, piano stimoli Italia vale 3% pil

    I 25 miliardi di euro di nuovi stimoli annunciati ieri dal premier Giuseppe Conte suggeriscono «che l'Italia metterà a punto un piano che varrà circa il 3% del Pil, in linea di massima si tratterà di un pacchetto di stimoli simile a quello della Germania». È quanto rilevano gli economisti di Morgan Stanley che si aspettano «una spinta fiscale pari al 2,3% del Pil nell'area euro» e non escludono che altri «Paesi scelgano di seguire l'esempio dell'Italia e della Germania, in una fase in cui i governi stanno intensificando i loro sforzi per attenuare l'impatto economico della lotta contro il Covid-19».

  • Polonia: senza aiuti di Stato, il 69% delle imprese potrebbe dover licenziare

    Secondo un’indagine realizzata dalla Lewiatan Confederation, potrebbero essere necessari tagli di posti di lavoro nel 69% delle imprese polacche a causa del coronavirus. In Polonia, dove il prossimo 10 maggio dovrebbero tenersi le elezioni presidenziali, le autorità hanno annunciato misure per oltre 200 miliardi di zloty (47,9 miliardi di dollari) a sostegno dell'economia, mentre la banca centrale ha tagliato i tassi per la prima volta in cinque anni. «L’indagine mostra che la situazione delle aziende è molto difficile», ha dichiarato Jacek Mecina della Lewiatan Confederation. Il 47% di coloro che hanno risposto all’indagine ha affermato di poter attendere un massimo di tre settimane per ricevere aiuti di Stato prima di iniziare a licenziare il personale. A febbraio la disoccupazione polacca era stabile al 5,5%.

  • Usa: aumentate di 11 volte in una settimana le domande di sussidi di disoccupazione

    Il numero di statunitensi che hanno presentato domanda di sussidio di disoccupazione è salito a un record di 3,28 milioni la scorsa settimana. La setttimana precedente erano stati 282.000. Le aziende hanno chiuso e licenziato i lavoratori come parte degli sforzi per rallentare la diffusione del coronavirus. La cifra attuale è più del quadruplo del precedente record di 695.000 risalente al 1982, secondo i dati del Dipartimento del Lavoro Usa.

  • La Cina riduce il traffico aereo verso l’estero

    L’Amministrazione dell’aviazione civile cinese (Caac) ha chiesto alle compagnie aeree nazionali di ridurre le proprie rotte internazionali a una sola per nazione, limitando il numero di voli a non più di uno alla settimana. Le compagnie aeree straniere sono inoltre invitate a limitare il numero di voli per la Cina a non più di uno alla settimana. Le compagnie aeree sono inoltre tenute a limitare la percentuale di carico dei passeggeri sui voli in entrata e in uscita al 75% per contenere i rischi di contagio, ha affermato ancora il Caac, aggiungendo che le compagnie aeree sono autorizzate a utilizzare aerei passeggeri per il carico merci.

  • Bank of England prevede «forte contrazione» del Pil mondiale

    Una «forte contrazione» del Pil mondiale nel primo semestre è «probabile» ed «esiste il rischio di un pericolo a lungo termine per l'economia». Lo affermato la Banca d'Inghilterra.

  • Oms: segnali incoraggianti in Europa

    Ci sono «segnali incoraggianti» di un rallentamento del coronavirus nel continente europeo, nonostante la situazione ancora grave. Lo ha detto il direttore della sezione europea dell'Organizzazione mondiale della sanità (Oms). «Sebbene la situazione rimanga molto preoccupante, stiamo iniziando a vedere segnali incoraggianti», ha affermato Hans Kluge in una conferenza stampa trasmessa online da Copenaghen. L'Italia, ha osservato, «ha appena registrato un tasso di aumento leggermente inferiore, anche se è ancora troppo presto per dire che la pandemia ha raggiunto il suo apice»,

  • Spagna, oltre 600 morti in 24 ore. 4mila vittime in totale

    La Spagna ha registrato 655 morti per coronavirus nelle ultime 24 ore - in calo rispetto alle oltre 700 di mercoledì, secondo quanto riferito dal ministero della salute. Il bilancio totale delle vittime dell'epidemia nel paese è salito a oltre 4.000. Il numero complessivo di casi di coronavirus è salito a 56.188 da 47.610 di mercoledì. Il numero di decessi a causa del virus è salito a 4.089 da 3.434 di mercoledì, ha detto il ministero.

  • Germania, accelera il contagio: quasi +5mila in un giorno, 198 vittime

    Sono saliti a 36.508 i casi positivi da coronavirus in Germania, stando al Robert Koch Institut, e cioè 4954 più del giorno precedente. I dati sono aggiornati alla mezzanotte di oggi. Le vittime sono 198. Per l'Università John Hopkins, i contagi sono invece 37.323 e le vittime e i morti 206.
    Da registrare anche il videomessaggio inviato ai cittadini tedeschi dal presidente della Repubblica Frank-Walter Steinmeier: «Dilaniano il cuore le immagini che vediamo dall'Italia. È un bene che gli ospedali tedeschi accolgano pazienti italiani. Io auspico più solidarietà concreta nello spirito europeo».

  • Bolivia, stato di emergenza sanitaria in Bolivia: si esce una volta a settimana


    La presidente ad interim della Bolivia, Jeanine Anez, ha dichiarato ieri sera uno stato di emergenza sanitaria che entra in vigore oggi su tutto il territorio nazionale. Lo riferisce il portale di notizie Erbol. La misura, ha indicato Anez, motivata dal poco rispetto da parte della popolazione della quarantena disposta dalle autorità sanitarie, rimarrà in vigore fino al prossimo 15 aprile. Ieri sera erano stati ufficializzati sette nuovi contagi, con un totale generale salito a quota 39. La più severa delle misure: i boliviani, fra i 18 ed i 65 anni, potranno uscire di casa una volta la settimana, da lunedì a venerdì e fra le 8 e le 12, per provvedere agli acquisti dei generi di prima necessità, alimentari e medicine, in una rotazione regolata dall'ultimo numero del documento di identità. Sabato e domenica proibita ogni uscita da casa. Stop alla circolazione dei veicoli pubblici e privati, con l'eccezione di quelli delle forze di sicurezza e della sanità, ed un inasprimento delle multe per i trasgressori.

  • Finlandia, isolata la regione attorno a Helsinki

    Il governo finlandese ha deciso di isolare tutta la regione attorno alla capitale Helsinki per contenere la diffusione del coronavirus. Lo scrive il Guardian. Oltre la metà degli 880 casi di Covid-19 in Finlandia si trovano in questa zona. La decisione è stata presa dopo che il direttore generale dell'Istituto della Sanità, Markku Tervahauta, ha ammesso che il numero di contagi potrebbe aumentare di 30 volte.

  • Il Vietnam organizza campi di quarantena per chi torna in patria

    Il Vietnam ha mandato decine di migliaia di persone in campi di quarantena. Come scrive Reuters, la minaccia viene dall’estero: i vietnamiti in quarantena sono tutti coloro che fuggono dal virus che si propaga in Europa e Stati Uniti e per questo tornano in patria.

  • Olanda verso la recessione per la prima volta dal 2013

    L'economia olandese entrerà nella sua prima recessione dal 2013 quest'anno, poiché l'epidemia di coronavirus sta paralizzando la produzione e la domanda, fa aumentare la disoccupazione e peggiora le finanze pubbliche. Lo ha detto il principale consulente economico del governo dei Paesi bassi, il CPB, Netherlands Bureau for Economic Policy Analysis. Il premier Rutte ha propugnato finora il “lockdown intelligente”, scuole chiuse, esami di fine anno annullati, distanza tra persone ma non chiusure, un sistema che sta implementando e vuole continuare a lasciare in vigore fino al primo giugno.

  • Mosca, chiusi ristoranti, bar e tutti i negozi tranne farmacie e alimentari

    Mosca chiuderà tutti i negozi ad eccezione di farmacie e negozi di alimentari. Lo ha annunciato il sindaco della città Sergei Sobyanin. Questa misura, che comprende anche la chiusura di ristoranti, caffè e bar, durerà dal 28 marzo al 5 aprile, ha affermato Sobyanin in una nota.

  • Cina: le importazioni soffrono a causa della pandemia globale

    Le importazioni cinesi di prodotti come macchinari elettrici, mezzi di trasporto, energia e prodotti chimici sono state influenzate negativamente dalla diffusione globale dell'epidemia di coronavirus, secondo quanto riferito dal ministero del commercio cinese. Durante un briefing settimanale online, i funzionari del ministero hanno anche affermato che la Cina incoraggerà i governi locali a implementare misure a sostegno delle vendite di auto e di altri veicoli che utilizzano energie alternative. Inoltre, hanno sottolineato, la Cina cercherà di ampliare le importazioni in settori quali energia e agricoltura.

  • Sanità Uk: «Il principe Carlo non ha saltato la coda per il test»

    Il principe Carlo, che ha il coronavirus, non ha saltato la fila per un test: lo ha fatto semplicemente perché i suoi sintomi e le sue condizioni soddisfacevano i criteri. Charles è risultato positivo per il coronavirus all'inizio di questa settimana ma è in buona salute e ora si è auto-isolato in Scozia con sintomi lievi. Quando è stato chiesto perché l'erede al trono britannico ha avuto un test mentre milioni di operatori sanitari in prima linea non lo hanno fatto, il ministro aggiunto della Sanità britannico, Edward Argar, ha dichiarato: «I suoi sintomi, le sue condizioni, soddisfacevano quei criteri. Il Principe di Galles non ha saltato la coda», ha detto Argar.

    Il principe Carlo, erede al trono inglese. (EPA/NEIL HALL)
  • Tokyo, oltre 45 infezioni in più nelle ultime 24 ore

    Tokyo ha riferito di oltre 40 nuovi casi di infezioni -oggi oltre 45- da coronavirus per il secondo giorno consecutivo, secondo quanto riferito da Jiji News. Nella giornata di ieri il governatore di Tokyo Yuriko Koike ha tenuto una conferenza stampa di emergenza per avvertire del rischio di un aumento esplosivo delle infezioni, chiedendo ai residenti di evitare uscite non essenziali fino al 12 aprile. La città è diventata il centro dell'epidemia di coronavirus in Giappone, con oltre 250 casi.

  • Germania: fiducia consumatori ad aprile crolla da 8,3 a 2,7, dato più basso dal 2009

    La fiducia dei consumatori in Germania crolla a 2,7 ad aprile dall'8,3 di marzo, a causa dei timori legati al coronavirus e le restrizioni associate. Lo stima GfK, rilevando il dato più basso dalla crisi finanziaria del 2009, 5,6 punti in meno rispetto a marzo. L'istituto ritiene che ci si debba attendere una recessione anche in Germania. Le aspettative dei consumatori sulla situazione economica sono scese di 20 punti a -19,2, il minimo dal 2012, nel pieno della crisi. L'indicatore che misura le aspettative di reddito scende al livello più basso in sette anni a 27,8 punti. L'indagine GfK è stata condotta nella prima metà di marzo, quando ancora molte restrizioni non erano state decise, ma anche prima del maxi-piano economico adottato da Berlino per combattere l'epidemia.

  • Australia, due navi da crociera allontanate dalle acque territoriali

    In Australia a due navi da crociera è stato ordinato di lasciare le acque territoriali, dopo che una nave di linea attraccata nel porto di Sydney la scorsa settimana era diventata la principale fonte di infezione per l'epidemia di coronavirus nel paese. Infatti, pur rimanendo ben al di sotto dei livelli osservati in altre parti del mondo, il numero di casi in Australia sta iniziando a salire, arrivando a quasi 2.800 infezioni e 12 decessi a livello nazionale. Le navi da crociera sono diventate un punto di contagio dopo che 147 dei 2.700 passeggeri a cui era stato permesso di sbarcare dalla nave da crociera Ruby Princess di Carnival sono stati trovati positivi al Covid-19.

    La famosa Sydney Opera House, pressoché deserta dopo le misure di contenimento adottate anche in Austalia. ( REUTERS/Loren Elliott)
  • L’economia francese viaggia al 65% rispetto al normale

    L'attività economica francese e la spesa delle famiglie si attestano a circa il 65% dei livelli normali a causa dell'epidemia di coronavirus, ha riferito l'agenzia statistica Insee. L’agenzia ha dato il primo quadro dell'impatto del blocco a livello nazionale quando ha pubblicato il suo indice mensile di fiducia delle imprese, che ha visto la caduta più ripida fin dal 1980, scendendo a 95 punti da 105 punti a febbraio.

  • Usa, Senato approva maxi piano aiuti

    Il Senato degli Stati Uniti ha approvato all'unanimità lo “storico” piano da 2.000 miliardi di dollari per sostenere la più grande economia del mondo, asfissiata dalla pandemia di coronavirus che ha già causato oltre 1.000 vittime negli Usa. Il testo passa ora alla Camera.

  • Bilancio Usa: oltre 1.000 morti e quasi 70mila contagi

    Negli Usa sale a oltre 1.000 morti e quasi 70mila contagi il bilancio dell'epidemia di coronavirus. La metà dei casi è stata registrata nello stato di New York.

  • Russia: stop a tutti i voli internazionali

    La Russia ha deciso di fermare tutti i voli internazionali per contenere la diffusione del coronavirus. Lo ha annunciato il governo di Mosca. Il decreto si applica a tutti i voli in entrata e in uscita dal territorio russo, ad eccezione degli aerei speciali per rimpatriare i cittadini russi bloccati all'estero. La Russia aveva già ridotto i collegamenti internazionali, limitandoli a quelli della compagnia aerea nazionale Aeroflot.
    In Russia sono 658 i casi di contagio. Il decreto rende operativa la chiusura di numerosi luoghi pubblici. Il presidente Vladimir Putin ha deciso ieri una settimana di fermo e ha rinviato il voto sulla sua riforma costituzionale per rallentare l'epidemia.

  • Corea del Sud, 104 nuovi casi e 57 importati

    I nuovi casi registrati ieri di Covid-19 in Corea del Sud sono saliti a 104, di cui 57 importati tra i 30 rilevati negli aeroporti e i 27 segnalati dai governi locali. Il totale dei contagi è di 9.241, secondo il Korea Centers for Disease Control and Prevention, mentre i morti sono saliti a 132. Seul ha incassato apprezzamenti per la risposta alla pandemia e la rapidità dei test di massa: contro il contagio di ritorno, le autorità negheranno l'ingresso senza l'app sulla quarantena che controlla gli spostamenti.

  • Le notizie dal mondo del 25 marzo

    Oms: medici italiani eroici. Nel mondo 450mila contagi. Berlino, piano da 1.100 miliardi. Portavoce Merkel: eurobond? Già in atto misure considerevoli. Putin rinvia il voto sulla riforma che gli avrebbe consentito di restare al potere

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti
Loading...