Attualità

Coronavirus ultime notizie. Variante brasiliana a Varese, se confermata è primo caso. Ue, da AstraZeneca risposte insufficienti, pronti ad agire

● Da domenica 14 regioni in zona arancione
● Usa bloccano quasi tutti i voli con Europa
● Von der Leyen chiama AstraZeneca, rispettare i tempi consegna
● I casi di coronavirus nel mondo si avvicinano a quota 100 milioni
● Casa Bianca: stop quasi tutti i voli Europa-Usa
● Francia verso un terzo lockdown per il diffondersi delle nuove varianti
● Scatta negli Usa lo stop all’ingresso di cittadini da Gb e altri Paesi europei
● Von der Leyen chiama AstraZeneca,rispettare tempi consegna
● Vaccini: Ue, obiettivi copertura non cambiano
● La Newsletter che fa il punto sul contagio



  • Brasile: 26.816 nuovi contagi, 627 vittime

    In Brasile sono stati registrati nelle ultime 24 ore 26.816 nuovi contagi, mentre le vittime sono state 627, secondo il report diramato dal ministero della Salute.

  • Ue: AstraZeneca non ha chiarito, rispetti impegni

    «Le discussioni con AstraZeneca oggi ci hanno lasciato insoddisfatti per la mancanza di chiarezza e spiegazioni insufficienti. Gli Stati membri sono uniti: gli sviluppatori di vaccini hanno responsabilità contrattuali da rispettare»: lo scrive su Twitter la commissaria alla salute Stella Kyriakides, al termine dei due confronti con la società avuti oggi. «Abbiamo chiesto un piano dettagliato di spedizioni dei vaccini e quando verranno distribuiti agli Stati», aggiunge la commissaria, annunciando un nuovo incontro con l'azienda mercoledì.

  • Telefonata Merkel-Biden, insieme contro pandemia

    La cancelliera Angela Merkel si è congratulata al telefono con il presidente degli Stati Uniti Joe Biden per il suo insediamento. Lo riferisce il portavoce del governo Steffen Seibert in una nota. La cancelliera ha espresso al nuovo presidente Usa la volontà della Germania di assumersi la responsabilità insieme ai suoi partner europei e della Nato nell'affrontare i compiti internazionali. Biden e Merkel hanno concordato sulla necessità di rafforzare gli sforzi internazionali per contrastare la pandemia del coronavirus. La cancelliera infine ha accolto con favore il rientro degli Usa nell'organizzazione mondiale della Sanità.

    Il presidente Usa Joe Biden. (REUTERS/Kevin Lamarque)
  • Mozambico, arrivati in aiuto operatori sanitari cubani

    Cinque medici e nove infermieri cubani sono arrivati in Mozambico per aiutare il Paese a combattere la pandemia da Covid-19. Lo riporta la Bbc, specificando che saranno di stanza negli ospedali della capitale, Maputo, epicentro della pandemia nel Paese, come ha detto il funzionario del ministero della Salute, Ussene Isse. In totale, si prevede che in Mozambico arriveranno 45 operatori sanitari cubani, ha aggiunto. Un secondo gruppo di 25 medici e sei infermieri dovrebbe arrivare a Maputo il 2 febbraio. Il Mozambico segnala a oggi 32.418 contagi e 305 morti.

  • Lazio è prima regione per vaccinati con entrambe dosi

    Il Lazio è la prima regione italiana per percentuale di popolazione vaccinata con entrambe le dosi necessarie. È quanto emerge, secondo quanto si apprende, dai dati elaborati dalla Fondazione Gimbe.

  • Il Cile supera i 700 mila contagi

    Il Cile ha superato oggi i 700 mila casi (703.178) di Covid-19, sorpassando per il quinto giorno consecutivo i quattromila contagi rilevati in 24 ore (4.068 riportati oggi), mentre il governo sta rivalutando il permesso per le ferie estive concesso nel Paese, che ha provocato assembramenti sulle spiagge e in altre località di vacanza. Il bilancio giornaliero pubblicato oggi riferisce inoltre di 66 nuovi decessi per coronavirus nelle ultime 24 ore, per un totale di 17.999 morti dall'inizio della pandemia nel Paese.
    Il presidente Sebastian Piñera ha chiesto a due sottosegretari di rivedere nel dettaglio il permesso per le ferie che quest'estate ha autorizzato più di un milione di persone a spostarsi dal proprio luogo di origine. Dall'emissione del provvedimento, la località lacustre di Pucón (700 chilometri a sud di Santiago) è entrata in quarantena, mentre nella città di Algarrobo, a 105 chilometri dalla capitale, è in vigore l'isolamento obbligatorio nei giorni festivi e nel weekend. Da sabato 23 gennaio, 1.028.181 permessi ferie sono stati richiesti in tutto il Paese, con alcuni comuni costieri della regione di Valparaíso come principali destinazioni di vacanza. «Forse dovremo disciplinare il permesso di vacanza verso regioni più colpite», ha dichiarato oggi il ministro della Salute, Enrique Paris, difendendo tuttavia la politica del governo, perché anche durante la pandemia «è necessario avere qualche giorno di ferie».

  • Record di contagi nel week-end in Spagna, 93.822 casi

    Nuovo record di contagi in Spagna nel fine settimana, il peggiore dall'inizio della pandemia. I casi sono 93.822 e i morti 767. Lo riporta El Pais citando il ministero della Salute. Il numero di casi di infezioni per 100 mila abitanti è passato nelle ultime due settimane dalle 829 di venerdì alle 885 di lunedì. Secondo Fernando Simón, capo delle emergenze sanitarie in Spagna, le unità di terapia intensiva del paese sono al limite, ed è probabile, ha aggiunto che «abbiamo raggiunto il picco e siamo in una fase discendente».

  • Media tedeschi, AstraZeneca efficace solo all’8% su over 65. La società: cifre del tutto scorrette

    Il vaccino di Astrazeneca avrebbe un impatto estremamente ridotto, e cioè solo dell'8%, sugli ultra 65enni. Lo scrive Handelsblatt, citando le stime del governo tedesco. Il giornale deduce dai dati che la strategia della Germania sul vaccino potrebbe rivelarsi un fiasco. In seguito, la società ha dichiarato in un comunicato che la percentuale indicata è del tutto scorretta.

  • Iss, variante brasiliana a Varese, se confermata è primo caso

    Il Dipartimento di Malattie infettive dell'Istituto Superiore di Sanità (Iss) è in attesa del campione proveniente da Varese per poter completare la sequenza dell'intero genoma e confermare che il caso individuato presso il Laboratorio di Microbiologia, ospedale di circolo e fondazione Macchi di Varese e l'Ats Insumbria, sia della cosiddetta «variante brasiliana», come è emerso dalle prime analisi. Lo spiega l'Iss in una nota. All'Istituto verrà eseguita la coltivazione del ceppo virale.«In caso di conferma sarebbe il primo ritrovamento in Italia che Iss provvederà a depositare nella piattaforma genomica dedicata a SARS-CoV-2».

  • Gb, illegali i viaggi all’estero senza giustificazione

    I viaggi dal Regno Unito verso l'estero, in assenza di «giustificazioni» specifiche come ipotetiche esigenze mediche, sono al momento «illegali» in base al lockdown. Lo ha detto Matt Hancock, ministro della Sanità del governo di Boris Johnson, nel briefing odierno sull'emergenza Covid. Interpellato sull'ipotesi che il governo Tory sta valutando d'imporre a chi entra nel Paese, oltre a un test negativo, una quarantena sorvegliata in hotel, Hancock ha poi preso tempo; ma ha ammonito che «le cautele ai confini sono incredibilmente importanti» in questa fase, per evitare la trasmissione dall'estero delle nuove varianti del virus.

  • Fonti governo, per ora nessun inasprimento misure

    Non c'è al momento alcuna ipotesi di inasprimento delle misure restrittive in Italia. È quanto si apprende da fonti di governo dopo che l'Unione Europea ha inserito l'Italia tra i paesi Ue con alcune zone che diventano 'rosso scuro' perché ad alto rischio Covid. Le attuali misure e il sistema delle fasce, viene sottolineato, hanno permesso all'Italia di contenere la diffusione del virus, che invece è esploso in altri paesi europei. I dati, inoltre, dimostrano che gli interventi hanno rallentato la curva e, dunque, la linea cambierà solo in caso si presentino nuovi elementi.

  • Francia, discoteche pronte a diventare centri vaccino

    Il sindacato nazionale che rappresenta 1.600 discoteche e luoghi di svago (Sndll) della Francia propone di mettere a disposizione i suddetti locali per «trasformarli in centri di vaccinazione d'urgenza per l'insieme della popolazione». «Chiuse dal 13 marzo 2020, le discoteche rappresentano oggi il settore commerciale più colpito dalle conseguenze economiche del Covid-19», dichiara il presidente del sindacato, Patrick Malvaesm invitando il governo e i comuni che lo desiderano a contattare gli esercenti che sono «ovviamente felici di contribuire all'accelerazione del dispositivo di vaccinazione. Una tappa forndamentale verso la normale ripresa dell'attività del Paese e la riapertura dei nostri locali», di cui moltissimi ormai sull'orlo del fallimento, aggiunge il rappresentante di categoria.

  • Spagna, pernottamenti negli hotel crollati del 73% nel 2020

    I pernottamenti negli hotel spagnoli sono crollati del 73% nel 2020 rispetto all'anno precedente e ancora metà degli hotel del Paese non sono riusciti a riaprire i battenti. È quanto emerge dai dati dell'ufficio nazionale di statistica Ine. La Spagna, il secondo Paese più visitato al mondo dopo la Francia prima della pandemia, ha registrato 91,6 milioni di pernottamenti in hotel. Circa il 55% di questi soggiorni sono stati effettuati da spagnoli. La Spagna ha imposto un rigoroso lockdown nazionale a marzo per contenere la diffusione del coronavirus che ha colpito duramente il settore chiave del turismo. Anche dopo che il blocco è stato completamente revocato alla fine di giugno, il turismo è rimasto debole a causa delle restrizioni di viaggio imposte da molti altri Paesi. Alla fine di dicembre meno della metà di tutti gli hotel in Spagna, il 48,2%, erano ancora aperti, secondo Ine. Nel frattempo, il costo medio delle camere d'albergo è diminuito del 6%. Il turismo rappresenta circa il 12% del prodotto interno lordo (Pil) e il 13% dell'occupazione in Spagna e il crollo degli arrivi ha martellato l'economia, la quarta più grande della zona euro. Secondo il sindacato spagnolo Ccoo, circa il 14% dei posti di lavoro negli hotel spagnoli, o 190.000 posti, sono stati tagliati nel 2020.

  • Ue: Zaia, dati non realistici, più tamponi portano più casi

    Il governatore del Veneto Luca Zaia contesta la validità dei dati dell'Ecdc sulle regioni 'rosso scuro' che ritiene «non realistici». «Immagino che l'Ecdc - dice - parta dalla considerazione che i dati italiani siano uniformi. È un errore di fondo che porta a dati fuorvianti. Bisogna ribadire per l'ennesima volta che il numero di positivi a settimana su centomila abitanti dipende dalle positività che si trovano facendo tamponi. Basta applicare la proprietà transitiva, ma anche stavolta non è stato fatto, secondo la quale chi fa tanti tamponi trova tanti positivi, chi ne fa meno, ne trova meno».

  • Francia, altre 445 vittime e 4.240 casi

    In Francia nelle ultime 24 ore ci sono state 445 vittime, per un totale dall’inizio della pandemia di 73.494. I casi sono aumentati di 4.240, a fronte di 18.436 ieri e di 3.736 lunedì scorso.

  • Coldiretti, 9,6 miliardi di cibi e vini invenduti

    Il crollo delle attività di bar, trattorie, ristoranti, pizzerie e agriturismi travolge a valanga interi settori dell'agroalimentare Made in Italy, con vino e cibi invenduti per un valore stimato in 9,6 miliardi nel 2020. È quanto ha affermato il presidente della Coldiretti Ettore Prandini in occasione del webinar organizzato dall'Università Lum Giuseppe Degennaro per favorire un credito più a misura dell'impresa nell'emergenza Covid-19. «La drastica riduzione dell'attività - sottolinea Prandini - pesa sulla vendita di molti prodotti agroalimentari, dal vino alla birra, dalla carne al pesce, dalla frutta alla verdura che trovano nel consumo fuori casa un importante mercato di sbocco. Una situazione che - precisa Prandini - pesa sulla liquidità delle imprese e sul ricorso al credito che assume un ruolo strategico per accompagnare il sistema economico fuori dalla crisi». «Condizioni più vantaggiose e allungamento dei tempi di rimborso - continua - rappresentano una chiave per dare sostenibilità ai finanziamenti. Una necessità anche per evitare che le attività del Made in Italy agroalimentare diventino terra di conquista da parte di realtà di altri Paesi o di operatori che in questo momento cercano di speculare sulla situazione di criticità in cui si trovano le imprese, - conclude - per fare shopping a condizioni vantaggiose di un patrimonio importante del Paese».

  • Ue, da AstraZeneca risposte insufficienti, pronti ad agire

    «Il nuovo calendario di consegne dei vaccini» di AstraZeneca «non è accettabile», perciò la Commissione Ue ha scritto all'azienda e ha avuto una riunione con i suoi rappresentanti oggi, ma «le risposte non sono soddisfacenti»: lo ha detto la commissaria alla Salute Stella Kyriakides al termine della riunione, che è stata quindi aggiornata a questa sera. «Vogliamo sapere quante dosi sono state prodotte, dove e a chi sono state consegnate», ha aggiunto. «L'Ue è pronta a compiere ogni azione per proteggere i cittadini», ha concluso.

  • Lazio,148 mila dosi somministrate, richiamo a 30mila

    «Oggi superata la quota delle 148 mila dosi somministrate nel Lazio (sono già oltre 10 mila quelle per gli over 80 anni) e oltre 30 mila le persone che già hanno ricevuto i richiami. I ritardi nelle forniture di Pfizer impongono la priorità della somministrazione dei richiami». Così l'assessore regionale alla Sanità Alessio D'Amato. «Vaccino over 80 anni: le prenotazioni partiranno dal 1° febbraio con modalità online sul sito salutelazio.it e le somministrazioni dei vaccini partiranno da lunedì 8 febbraio», viene ricordato nel bollettino di oggi.

  • Musumeci (Sicilia), dati in calo, potremmo revocare zona rossa

    «La zona rossa non è stata un capriccio, ma una necessità: eravamo arrivati a 1.970 contagiati e a oltre 40 morti al giorno. Siamo all'ultima settimana di zona rossa e per fortuna i dati cominciano ad essere incoraggianti, anche se il numero delle vittime rimane ancora alto. Sono fiducioso: se il calo dovesse essere costante potremmo anche revocare la zona rossa e tornare a respirare nella zona arancione». Così il presidente della Regione Siciliana Nello Musumeci, a 'Oggi è un altro giorno' su Rai1.

  • Kompatscher (Alto Adige), rischio rosso scuro perché facciamo tanti test

    «Purtroppo, le valutazioni si basano soprattutto sull'incidenza settimanale (sui positivi ogni 100mila abitanti), senza mettere questo dato in correlazione ai numeri di test effettuati, ovvero il numero test ogni 100mila abitanti. Seguendo questa logica una regione che non effettua test non avrebbe problemi, perché avrebbe un'incidenza di zero». Commenta così il governatore altoatesino Arno Kompatscher le affermazioni del commissario Ue Didier Reynders che pone la Provincia di Bolzano tra le regioni a rischio “rosso scuro”. La giunta provinciale domani valuterà possibili misure e un eventuale invito a usare mascherine Ffp2.

  • Regno Unito, oltre 22mila nuovi casi, 592 vittime

    Nel Regno Unito sono stati riscontrati nelle ultime 24 ore 22.195 nuovi casi (in diminuzione rispetto ai 30.004 delle 24 ore precedenti) con 592 vittime (610 ieri). Le presone che hanno ricevuto la prima dose del vaccino sono 6,6 milioni.

  • Tar conferma, no sospensione Dpcm su chiusura piscine

    Con una nuova pronuncia cautelare urgente, il Tar del Lazio ha confermato anche la misura con la quale il Dpcm del 14 gennaio scorso ha ribadito la chiusura di piscine e impianti similari a causa dell'emergenza da Covid-19. A ricorrere nuovamente ai giudici amministrativi è stata la società sportiva 'Nuoto Vigonza', la quale con lo stesso ricorso ha sollecitato la sospensione - nella parte d'interesse dei Dpcm del 24 ottobre e del 3 novembre, e adesso, con motivi aggiunti, anche il Dpcm del 14 gennaio scorso. Con il decreto monocratico, il presidente del Tar del Lazio, ha considerato che “nella specie, non sussistono le condizioni per disporre l'accoglimento dell'istanza anzidetta nelle more della celebrazione della camera di consiglio”, già fissata il prossimo 24 febbraio.

  • A Varese primo caso di variante brasiliana

    “È in corso di valutazione presso l'Ospedale di Varese il primo caso di variante brasiliana ad oggi osservato in Italia” lo spiega in una nota Ats Insubria. Si tratta di un uomo, rientrato nei giorni scorsi dal Brasile all'aeroporto di Malpensa via Madrid, è risultato positivo al tampone. “Il soggetto è in buone condizioni di salute, ma precauzionalmente è stato ricoverato per accertamenti”.

  • De Micheli: Avvocatura fa oggi esposto contro Pfizer

    “Gli uffici del commisario ci hanno confermato e comunicato che nella giornata odierna l'Avvocatura dello Stato farà un esposto contro Pfizer, perché è del tutto evidente che il piano vaccinale che avevamo programmato insieme all'Ue va rispettato”. Lo ha detto la ministra delle infrastrutture e trasporti Paola De Micheli a 'Oggi è un altro giorno' su Rai 1.

  • Fauci a Davos: pericoloso rinviare seconda dose del vaccino

    L'ipotesi di ritardare l'iniezione della seconda dose dei vaccini contro il Covid-19, considerata da alcuni per allargare la platea dei vaccinati, “desta preoccupazione. Non c'è piena efficacia finché non si è iniettata la seconda dose, e se si permette un'efficacia meno che ottimale, si rischia di selezionare nuove mutazioni. Potrebbe non accadere, ma è rischioso”. Lo ha detto Anthony Fauci, direttore dell'US National Institute of Allergy and Infectious Diseases, nel corso della Davos Agenda 2021.

    Anthony Fauci, direttore of the National Institute of Allergy and Infectious Diseases, alla Casa Bianca

    I due vaccini contro il Covid-19, al momento, “sono efficaci contro le mutazioni sia della variante sudafricana che contro al variante inglese” del Covid-19. Ma “dobbiamo fare attenzione perché la situazione sta evolvendo. La variante sudafricana è più problematica”. ha confermato Fauci. “E' una situazione in evoluzione - ha detto Fauci - stiamo già studiando una versione aggiornata dei vaccini che potrebbe fronteggiare sia la variante sudafricana che quella inglese”.

  • Inps: pagati 15 mln cittadini per prestazioni Covid per oltre 33,5 miliardi

    Complessivamente, durante la pandemia, Inps ha pagato 15 milioni di cittadini, per tutte le prestazioni Covid, per oltre 33,5 miliardi di euro. Lo evidenzia l'Inps comunicando i dati della cig Covid. Per quanto riguarda i conti, Inps precisa che si sono registrate minori entrate contributive per effetto della contrazione delle attività produttive e del rinvio dei termini di pagamento dei contributi introdotto allo scopo di venire incontro alle esigenze finanziarie delle aziende e dei lavoratori autonomi. La stima di questi effetti è ampiamente riportata nell'assestamento del bilancio preventivo 2020 e nel bilancio preventivo 2021, approvati dal Consiglio di Indirizzo e Vigilanza dell'Istituto rispettivamente l'1 ottobre e il 29 dicembre 2020. Inoltre, è da notare che l'andamento del 2020, sia in termini di pagamenti che di incassi, risulta sensibilmente migliore rispetto alle previsioni contenute in tali documenti di bilancio.

  • Ue verificherà che vaccini per i 27 Paesi non siano andati ad altri

    La Commissione europea chiedera' alle società farmaceutiche coinvolte nella produzione e nella distribuzione dei vaccini anti Covid-19 di dare conto della distribuzione delle dosi del vaccino. Ciò per assicurare la trasparenza dell'operazione in corso che coinvolge primarie case farmaceutiche e, in particolare, per verificare che le partite destinate a Stati Ue non siano state destinate a Stati non Ue. La settimana scorsa AstraZeneca ha annunciato un taglio del 60% delle consegne e di non poter essere in grado di rispettare gli impegni assunti. AstraZeneca, però, è una multinazionale britannico-svedese stabilita in Inghilterra.

    La presidente della Commissione Ue Ursula von der Leyen ha chiaato AstraZeneca
  • In Lombardia, accordo per somministrazioni vaccini in farmacia

    La giunta regionale della Lombardia ha approvato un accordo con Federfarma Lombardia, Assofarm/Conservizi Lombardia e Federazione Regionale Ordini dei Farmacisti che disciplina le modalità di partecipazione delle farmacie lombarde alla campagna di somministrazione per l'anno 2021 dei vaccini anti-Covid, e prevede l'impegno, da parte delle farmacie, a partecipare in via sperimentale alla chiusura della campagna antinfluenzale 2020-21. “Sappiamo quanto è importante oggi il ruolo che le farmacie svolgono nella nostra regione e anche nel nostro Paese. Si tratta di realtà sempre più aggiornate e performanti. Per questo motivo Regione ha ritenuto che possano svolgere un efficace ruolo in prima linea come altre realtà sanitarie, somministrando nelle loro sedi i vaccini anti-Covid”, ha spiegato in una nota il vicepresidente della Regione e assessore al Welfare Letizia Moratti. L'accordo prevede la fornitura di dosi vaccinali alle farmacie da parte delle Ats/Asst e la successiva somministrazione nelle farmacie aperte al pubblico sotto la supervisione di medici, assistiti se necessario, da infermieri o da personale sanitario opportunamente formato. Le farmacie, inoltre, si impegnano a partecipare in via sperimentale alla chiusura della campagna antinfluenzale 2020-21, previa autorizzazione Aifa per la somministrazione dei vaccini anti-influenzali. Ogni farmacia riconosce il centro vaccinale della Asst del distretto come riferimento per la gestione delle casistiche complesse ovvero della necessità di vaccinazione in ambiente protetto. La Regione riconoscerà alle farmacie 6 euro per ogni dose somministrata.

  • Moderna, vaccino efficace contro variante inglese, un nuovo vaccino contro quella sudafricana

    Il vaccino anti-Covid di Moderna è efficace contro la variante inglese. Lo riferisce l'azienda in un comunicato in cui all’interno spiega come lo stesso vaccino non sia invece così efficace contro la variante sudafricana per cui si avvieranno nuovi trial. Nello stesso comunicato, Moderna spiega che il vaccino Covid-19 “sembra essere protettivo contro le varianti del coronavirus nei test di laboratorio, ma a scopo precauzionale sarà valutato se un altro richiamo possa migliorare le risposte immunitarie”. L'azienda statunitense, inoltre, sperimenterà “un nuovo vaccino mirato al ceppo identificato in Sud Africa”.

    Fiale di Moderna

    Moderna ha specificato che il suo vaccino “ha indotto la produzione di anticorpi contro il ceppo identificato per la prima volta nel Regno Unito a livelli paragonabili alle varianti precedenti”. Tuttavia gli anticorpi “sono diminuiti di sei volte contro il ceppo sudafricano ma la risposta anticorpale indotta dal vaccino è rimasta al di sopra dei livelli che dovrebbero essere protettivi”. Dunque, la società auspica “che il suo vaccino standard a due dosi protegga contro i ceppi emergenti”.

    Tuttavia, Moderna testerà una dose aggiuntiva di richiamo del suo COVID-19 Vaccine (mRNA-1273) per studiare la capacità di aumentare ulteriormente la risposta immunitaria contro le varianti. In totale quindi le dosi da utilizzare, una volta conclusa questa sperimentazione, diventerebbero 3, rende noto l'azienda. “Mentre cerchiamo di sconfiggere il virus COVID-19, che ha causato la pandemia, crediamo che sia fondamentale essere proattivi mentre il virus si evolve” ha dichiarato Stéphane Bancel, Chief Executive Officer di Moderna.

  • In Brasile si sono superate le 217 mila vittime

    Il Brasile ha superato la barriera dei 217 mila morti per il coronavirus e questa settimana potrebbe arrivare a 220 mila, considerato che la media mobile supera le mille vittime giornaliere, secondo le informazioni delle segreterie sanitarie dei governi statali. Il numero totale di persone che nel Paese sudamericano hanno perso la vita dall'inizio della pandemia, nel febbraio 2020, ha raggiunto 217.081, inclusi i 606 registrati nelle ultime 24 ore. La media mobile, che indica la media degli ultimi sette giorni, è stata di 1.030 morti giornaliere, che indica un aumento del 3% rispetto alla media registrata 14 giorni fa. Allo stesso tempo, tra sabato e domenica sono stati segnalati 28.487 nuovi contagi, che hanno fatto salire il totale a 8.844.600, con una media giornaliera di 51.642 casi, inferiore del 5% rispetto alla media pubblicata due settimane fa.

  • Usa, ieri oltre 130.000 nuovi casi e 1.700 morti

    Ieri, gli Stati Uniti hanno registrato oltre 130.000 nuovi casi di coronavirus; per l'ottavo giorno consecutivo, quindi, il numero dei nuovi contagiati è rimasto sotto le 200.000 unità, secondo i dati della Johns Hopkins University; in tutto, gli Stati Uniti hanno registrato oltre 25,1 milioni di casi. Ieri, i morti sono stati oltre 1.700, con un totale superiore ai 419.000. Il numero dei ricoverati è sceso a poco più di 110.000, il minimo dal 15 dicembre, secondo il Covid Tracking Project, con oltre 21.000 persone in terapia intensiva. Ieri, Anthony Fauci, principale consigliere del presidente Joe Biden sul Covid-19, ha confermato che la variante del virus identificata per la prima volta in Gran Bretagna potrebbe essere più letale. Oggi, il presidente Biden intende imporre nuove restrizioni ai viaggiatori non statunitensi che di recente sono stati in Sudafrica, dove una nuova variante del virus ha provocato una seconda ondata di infezioni; inoltre, imporrà nuovamente delle restrizioni ai viaggiatori provenienti da Unione Europea, Regno Unito e Brasile, revocando la proclamazione presidenziale firmata dal predecessore Donald Trump per ripristinare i viaggi.

  • A Dubai sconti nei ristoranti ai vaccinati

    In tempo di pandemia, i ristoranti di Dubai hanno iniziato a offrire sconti ai clienti che sono stati vaccinati contro il coronavirus. Gli Emirati Arabi Uniti affermano di aver già vaccinato circa 2,5 milioni di persone della sua popolazione di circa 10 milioni, il secondo tasso più alto a livello mondiale dopo Israele. “Diffondi l'amore, non il corona”, dicono i volantini dei social media di tre ristoranti gestiti da Gates Hospitality, offrendo uno sconto del 10% ai residenti che hanno avuto la prima dose di vaccino e del 20% per coloro che ne hanno avute due. I clienti devono mostrare la prova dell'inoculazione, come un certificato medico, per ottenere lo sconto. Alcune persone hanno accolto con favore la mossa, che però ha anche suscitato perplessità nei social media. “Ci sono due modi per vederla: o è un'altra trovata di marketing, o è una vera motivazione per far vaccinare più persone”, si legge ad esempio in un tweet.

  • Zone “rosso scuro” in Italia, Francia, Germania, Portogallo e Spagna

    L'Italia è tra i Paesi Ue con alcune zone che saranno indicate nella categoria “rosso scuro”, che nella nuova “mappatura” europee costituisce un'area alto rischio Covid. Lo ha detto il commissario Ue alla giustizia Didier Reynders illustrando i risultati di una simulazione della nuova mappa del contagio elaborata dal Centro europeo per la prevenzione e il controllo delle malattia. Zone ad alto rischio sono rilevate in dieci-venti Stati e si trovano in Italia, Francia, Germania, Portogallo e Spagna.

    Fabbrica tedesca in cui si confezionano mascherine FFp2
  • Merck sospende attività ricerca e sviluppo su vaccini

    L'azienda farmaceutica americana Merck ha annunciato l'abbandono nella ricerca e nello sviluppo di due suoi candidati vaccini anti-Covid. La decisione, ha comunicato la società, segue la sperimentazione che ha evidenziato che i due vaccini sperimentali hanno fallito nel generare una risposta immunitaria sufficiente a contrastare il virus Sars-Cov-2. Merck ha annunciato, contestualmente, che concentrerà i suoi sforzi di ricerca sui trattamenti farmacologici come l'antivirale orale attualmente in fase di sperimentazione.

  • Bruxelles propone stretta su viaggi non essenziali senza chiusura frontiere

    La Commissione Ue ha proposto al Consiglio di decidere che i viaggi non essenziali tra gli Stati vanno “fortemente scoraggiati” in questa fase ma vanno evitate chiusure delle frontiere o proibizioni generali per assicurare il funzionamento del mercato interno. In aggiunta agli attuali colori in cui sono divise le aree della Ue (verde, arancione, rosso e grigio) Bruxelles propone di inserire l'area “rosso scuro” per indicare le aree in cui il virus circola ad alti livelli nelle quali i tassi di notifica di nuovi casi negli ultimi 14 giorni riguarda più di 500 persone su centomila. Bruxelles propone che tutti i viaggi non essenziali siano «fortemente scoraggiati fino a quando la situazione epidemiologica non risulti migliorata in misura considerevole” e ciò riguarda in particolare i viaggi per e da aree “rosso scuro”. Per i viaggiatori che provengono da queste ultime gli Stati dovrebbero richiedere un test prima dell'arrivo e imporre una quarantena come praticato attualmente da diversi Stati Ue. Chi vive nelle aree di frontiera dovrebbe essere esentato dalle restrizioni sui viaggi. Le persone che viaggiano “per motivi imperativi familiari o di lavoro”, lavoratori del settore sanitario, che provengono da aree “rosso scuro” dovrebbero essere sottoposti a test e a quarantena “a patto che ciò non abbia un impatto sproporzionato sull'esercizio delle loro funzioni essenziali o necessità”.

  • Vaccino: Ue, sta ad aziende decidere uso altri impianti

    L'Ue si aspetta che AstraZeneca «esplori tutte le flessibilità in termini di capacità produttiva, per onorare gli impegni e consegnare le dosi di vaccino richieste il prima possibile». Lo ha specificato il portavoce Eric Mamer a proposito della telefonata intercorsa stamattina tra la presidente dell'Esecutivo Ue Ursula von der Leyen e l'Ad di AstraZeneca Pascal Claude Roland Soriot. Sulla possibilità che, per superare i problemi di capacità produttiva, i vaccini possano essere prodotti in impianti di altre aziende, «si tratta di politica delle compagnie - ha risposto Mamer - nel senso che sta a loro decidere se farlo o meno».

    Geoff Holland, 90 anni, e Jenny Holland, 86, ricevono le iniezioni del vaccino AstraZeneca
  • Arcuri, spero immunità di gregge a fine autunno

    «Non perderei la speranza di raggiungere alla fine dell'autunno l'immunità di gregge». Lo ha detto a Rai Radio2 il commissario per l'emergenza Domenico Arcuri confidando sull'arrivo di ulteriori vaccini, a partire da quelli di Johnson & Johnson, che potrebbero essere approvati a breve. «I ritardi sono insopportabili, imprevisti, inaccettabili e rispetto ai quali noi faremo ogni cosa per perseguire la responsabilità di chi li ha prodotti. Ma - ha concluso - abbiamo la speranza di recuperare».

  • Vaccini: Ue, obiettivi copertura non cambiano

    «Non cambieremo gli obiettivi» di copertura vaccinale dell'80% della popolazione vulnerabile e del personale medico entro marzo e del 70% della popolazione entro l'estate. Lo ha detto il portavoce della Commissione Ue, Eric Mamer, rispondendo alle domande dei giornalisti sui ritardi annunciati da Pfizer e AstraZeneca. «Se ogni volta che emerge un problema cambiamo il nostro obiettivo, perdiamo la prevedibilità e la chiarezza per tutte le parti coinvolte in questo processo», ha sottolineato Mamer, aggiungendo che «gli obiettivi» stabiliti dall'Ue «sono ambiziosi» e Bruxelles intende «trovare soluzioni ai problemi» emersi.

  • Von der Leyen chiama AstraZeneca,rispettare tempi consegna

    La presidente della Commissione europea Ursula von der Leyen ha parlato al telefono stamattina con l'Ad di AstraZeneca Pascal Claude Roland Soriot ricordando che l'Ue si attende “una consegna nei tempi previsti” dei vaccini contro il Covid. Anche la commissaria alla salute Stella Kyriakides ha scritto all'azienda ieri, ed è attesa oggi una teleconferenza tra la commissaria, gli Stati membri e rappresentanti dell'azienda.

  • Bce: Panetta, Covid aumenta rischi di divario ricchi-poveri

    «Lo shock provocato dal COVID-19 ha fatto riemergere, accentuandole, fragilità economiche, sociali e ambientali a livello globale, acuendo i rischi di un incremento delle iniquità e dei divari tra ricchi e poveri». Lo afferma il componente del board della Bce Fabio Panetta intervenendo all'anniversario dell'Aiaf. «È divenuta evidente l'urgenza di affrontare i problemi in grado di condizionare il benessere dell'umanità. L'attività economica è al tempo stesso causa e vittima dei cambiamenti climatici».

    Vaccinazione in ospedale di Dharamsala, India
  • Governo tedesco, mutazione Gran Bretagna prenderà sopravvento

    La variante britannica del Coronavirus è già diffusa in diversi ospedali, e il governo tedesco ritiene che proprio questa diventerà dominante in Germania. Lo ha affermato il capo della cancelleria Elge Braun, in un talkshow del canale televisivo ARD, sottolineando che proprio per questo motivo la strategia tedesca sarà quella di tenere più basso possibile il numero dei contagi. “Vediamo che al momento diverse strutture sanitarie hanno a che fare con questa mutazione. Questo significa che è arrivata nel paese, e a un certo punto prenderà il sopravvento e creerà problemi, qui come in altri paesi”, ha affermato. “Di questo sono sicuro”. È dunque ancor più importante ridurre fortemente i casi di contagio, ha aggiunto. Nel weekend un ospedale di Berlino, il Vivantes Huboldt Klinikum, ha annunciato di aver messo tutto il personale sanitario in quarantena, e di non accettare più pazienti, a causa dei molti casi di infezione provocati dalla variante B.1.1.7. La Germania ha prolungato dal 21 gennaio il lockdown, che sarà in vigore fino al 15 febbraio.

    Vivantes Humboldt hospital di Berlino: 2000 ta pazienti e impiegati in quarantena dopo la scoperta di 14 positivi
  • Sileri, vaccini ai parenti sarebbe estremamente grave, procure intervengano

    Sul caso dei vaccini somministrati a parenti da operatori sanitari fatto emergere dal presidente della Federazione degli ordini dei medici Filippo Anelli interviene il viceministro alla Salute Pierpaolo Sileri, intervistato a 24Mattino di Simone Spetia su Radio 24. «Voglio sperare - ha detto Sileri - che questi 400.000 siano in gran parte personale che lavora nelle strutture sanitarie e Rsa, spero che non siano “imbucati”. Sarebbe estremamente grave: laddove sia accaduto devono intervenire le autorità giudiziarie. Ma questi sono flussi di dati che hanno le Regioni e vanno verificati».

  • Austria, da oggi scatta obbligo Ffp2 per negozi e bus

    In Austria la pandemia non rallenta in modo significativo, nonostante il paese sia in lockdown da Natale. Per questo motivo oggi scatta l'obbligo di indossare mascherine Ffp2 nei negozi e sui mezzi pubblici. Il distanziamento minimo sale da un metro a 2 metri. L'obbligo Ffp2 vale anche per chi va in macchina con persone con le quali non convive, per le visite negli ospedali e nella case di riposo e per i passeggeri delle Austrian Airlines. A Vienna le Ffp2 vanno indossate anche negli uffici pubblici. La multa è di 25 euro, sui treni Oebb di 40 e sui mezzi pubblici a Vienna di 50 euro. Alcuni supermercati, in una prima fase, distribuiscono le mascherine Ffp2 gratis, altri le vendono a 59 centesimi.

  • Gran Bretagna, il leader del Labour Keir Starmer in autoisolamento

    In Gran Bretagna, il leader del Labour Keir Starmer è in autoisolamento ma attualmente non ha sintomi Covid.

  • Marche, 200 positivi 'molecolare' e 50 'antigenico'

    Nelle ultime 24ore nelle Marche 200 positivi al coronavirus rilevati nel percorso nuove diagnosi: 90 in provincia di Ancona, 49 in provincia di Macerata, 28 in provincia di Pesaro-Urbino, 26 nel Fermano e 7 in provincia di Ascoli Piceno. Il Servizio Sanità della Regione comunica che nell'ultima giornata sono stati testati 2.976 tamponi: 1.862 nel percorso nuove diagnosi (di cui 1.115 nello screening con percorso Antigenico) e 1.114 nel percorso guariti (rapporto positivi/testati pari al 10,7%)”. Nel Percorso Screening Antigenico in base ai “1.115 test, riscontrati 50 positivi (da sottoporre al tampone molecolare). Il rapporto positivi/testati è pari al 4%”. Tra i positivi al molecolare 31 soggetti con sintomi. I casi comprendono anche contatti in setting domestico (33), contatti stretti di positivi (57), in setting lavorativo (10), in ambienti di vita/socialità (12), in setting assistenziale (3), contatti con coinvolgimento di studenti di ogni grado di formazione (5), screening percorso sanitario (4). Per altri 45 casi si stanno ancora effettuando le indagini epidemiologiche.

  • Protesta anti-lockdown in Olanda, centinaia arresti

    Centinaia di persone sono state arrestate in Olanda dopo le proteste contro il lockdown ieri che sono sfociate in forti scontri con la polizia. Lo riporta il Guardian. “Questa è violenza criminale, non una protesta. E la tratteremo come tale”, ha detto il premier Mark Rutte parlando con la stampa. Ad Eindhoven, dove sono state arrestate 30 persone, i manifestanti hanno dato fuoco ad auto e cassonetti e lanciato pietre contro la polizia che ha usato cannoni ad acqua per disperderli. Anche ad Amsterdam gli agenti hanno sparato acqua contro la folla. Quella di ieri è stata la manifestazione più violente in Olanda dall'inizio della pandemia. Il giorno prima, un gruppo di violenti avevano dato fuoco a un laboratorio di test per il Covid nel paesino di Urk.

  • Lettera150, errore in Lombardia per poca trasparenza dati

    L'errore nell'utilizzo dei dati epidemici relativi alla regione Lombardia ha causato danni per centinaia di milioni al tessuto produttivo lombardo. Un errore “possibile perché non c'è trasparenza sui dati”. Per questo Lettera 150, il think tank che riunisce circa 250 accademici di diverse discipline, ha inoltrato al ministero della Salute una istanza di accesso agli atti per rendere i dati conoscibili. I dati sono riferiti a 21 parametri, gli stessi sui quali si decidono i 'colori' delle regioni e le misure restrittive da far scattare per contrastare l'epidemia. “Renderli disponibili - spiega Giuseppe Valditara, coordinatore di Lettera150 - significa non solo consentire alla comunità scientifica di valutare e studiare l'andamento del contagio, e dunque l'efficacia di talune misure piuttosto che di altre sul territorio, ma anche di evitare zone di opacità e scarsa trasparenza”. Ad oggi, rileva Lettera 150, alla richiesta di accesso agli atti non è stata data alcuna risposta.

    Coronavirus, i vaccinati alla data del 25 gennaio 2021
  • «Sintomi gravi» per il ministro degli Esteri della Tunisia

    Il ministro tunisino degli Esteri, Othman Jerandi, è risultato positivo al Covid-19. Lo annuncia lo stesso capo della diplomazia di Tunisi su Twitter, precisando che i “sintomi gravi” che sta riscontrando sulla sua persona lo hanno reso cosciente della necessità di assicurare la vaccinazione a tutti i tunisini. Jerandi ha affermato di aver contratto il virus “nonostante le necessarie precauzioni e di aver rispettato i protocolli sanitari. La Tunisia ha registrato finora 197.373 casi confermati di contagi da coronavirus e 6234 decessi. In difficoltà il sistema sanitario con 2165 pazienti ricoverati, 418 dei quali in rianimazione e 151 in respirazione assistita.

  • Alla Turchia 6,5 milioni di dosi del vaccino cinese Sinovac

    La Turchia ha ricevuto oggi dalla Cina altre 6,5 milioni di dosi di vaccini contro la Covid-19 prodotti dalla società bio-farmaceutica cinese Sinovac. Un velivolo cargo della Turkish Airlines con a bordo il carico di vaccini, partito dalla capitale cinese Pechino, è atterrato alle prime ore di questa mattina all'aeroporto di Istanbul. Secondo il ministro turco della Sanità, Fahrettin Koca, quest'ultima consegna fa parte di una seconda spedizione di 10 milioni di dosi di vaccini. Il ministro turco aveva annunciato ieri su Twitter che il resto dei vaccini sarà consegnato nel rispetto del piano di approvvigionamento e che il programma di vaccinazione di massa proseguirà senza interruzioni nel Paese. Dopo aver ricevuto il primo lotto di 3 milioni di dosi di vaccini dalla Cina alla fine di dicembre, il 14 gennaio Ankara ha avviato un programma di vaccinazioni di massa. Fino ad oggi, secondo i dati divulgati dal ministero turco della Sanità, sono state vaccinate più di 1,24 milioni di persone in Turchia.

  • In Italia 100.863 vaccinazioni completate su 1.379.124 dosi somministrate

    Sono 100.863 le persone che a oggi in Italia hanno completato il ciclo della vaccinazione anti Covid, ricevendo le due dosi previste, a fronte del totale di 1.379.124 dosi somministrate, pari al 74,4% del totale di 1.853.475 dosi consegnate alle Regioni. Nel complesso hanno ricevuto il vaccino 901.468 operatori sanitari e sociosanitari, 327.103 appartenenti al personale non sanitario, 137.469 ospiti delle strutture semiresidenziali (Rsa) e 13.084 ultra ottantenni. Sono 1.806.675 le dosi di prodotto Pfizer-BioNTech erogate nei 293 punti di somministrazione e 46.800 quelle di Moderna.

  • Governatori Lega, cambi il sistema di valutazione

    I governatori della Lega rinnovano “la richiesta di una revisione immediata delle procedure” per determinare il colore delle Regione in modo da “affrontare con serenità maggiore una grave situazione”. “Il governo non può ad ogni problema esimersi da responsabilità e incolpare le regioni” sottolineano Massimiliano Fedriga (Friuli Venezia Giulia), Attilio Fontana (Lombardia), Christian Solinas (Sardegna), Nino Spirli (Calabria), Donatella Tesei (Umbria) e Luca Zaia (Veneto).

  • Olanda, Rutte: coprifuoco ancora necessario

    In Olanda il premier dimissionario Mark Rutte ripete che il coprifuoco notturno è necessario per ridurre il propagarsi del coronavirus.

  • Francia, capo Cts lancia allarme, 'verso lockdown'

    Si moltiplicano negli ultimi giorni le interviste a virologi ed esperti in Francia che aprono la strada a quello che sembra “il terzo inevitabile lockdown” per il timore del dilagare delle varianti del Covid-19. Ieri sera è toccato a Jean-François Delfraissy, presidente del Cts francese che affianca il governo nelle decisioni: “bisognerà probabilmente andare verso un lockdown - ha detto - le varianti hanno completamente cambiato i dati di partenza”. Se dai medici arrivano annunci ultimativi, l'Eliseo - interpellato ieri sul grande titolo in prima pagina del Journal du Dimanche che dava per certo un annuncio del lockdown in diretta tv da parte del presidente Emmanuel Macron mercoledì sera - ha ribadito che “nessuna decisione sarà adottata fino a mercoledì”. Delfraissy ha anche, per la prima volta, affermato che, diversamente da quanto ripetuto finora secondo cui la variante britannica rappresenta il 2% dei contagi nel paese, “ci sono dati meno importanti che mostrano come il virus inglese sia invece al 7, all'8, anche al 9% in certe regioni, fra cui quella di Parigi”. Per il capo del Cts, la variante sudafricana potrebbe poi “diminuire del 40% l'efficacia del vaccino”. Nel caso di lockdown, le scuole - come ha annunciato il ministro dell'Educazione, Jean-Michel Blanquer - rimarranno comunque aperte. Questa mattina, il presidente del Medef - la Confindustria francese - Geoffroy Roux de Bézieux, ha lanciato un appello al governo “a lasciare tutti i negozi aperti”.

  • Emirates riprende i voli per Australia

    La linea aerea Emirates riprende i collegamenti da Dubai a Sydney, Melbourne e Brisbane, a una settimana dall'interruzione dei voli su quelle tratte. Lo ha annunciato un portavoce della compagnia, che ha presentato le sue scuse gli utenti per i disagi causati dalla sospensione. Da oggi sono ripresi i voli verso Sydney, mentre i collegamenti con Melbourne ripartono da domani e quelli con Brisbane da giovedì. A causa della pandemia di coronavirus il numero dei passeggeri internazionali è molto basso e il passo indietro di Emirates aveva ulteriormente ridotto il numero di voli disponibili per l'Australia. “La pandemia ha reso particolarmente complessi i collegamenti aerei internazionali, e le restrizioni e i requisiti imposti dalle varie autorità federali e statali hanno reso ancora più complesse e gravose le operazioni. Ciò ci ha persuaso a sospendere temporaneamente i servizi per i passeggeri mentre erano messi a punto nuovi protocolli per gli equipaggi e altri dettagli operativi con le autorità pertinenti”. La decisione di sospendere i collegamenti per l'Australia, ha aggiunto, era stata dettata dalle difficoltà a osservare i requisiti imposti dalle autorità australiane sull'isolamento dei membri degli equipaggi dopo essersi sottoposti ai test del coronavirus.

  • Russia,'meno di 20.000 casi, prima volta da novembre'

    In Russia si registrano meno di 20.000 casi di Covid-19 in un giorno per la prima volta dall'11 novembre dell'anno scorso. Stando ai dati pubblicati dal centro operativo nazionale anticoronavirus, nelle ultime 24 ore in Russia sono stati accertati 19.290 contagi da Covid-19 e 456 decessi provocati dal morbo. In totale, secondo i dati ufficiali, dall'inizio dell'epidemia in Russia sono stati riscontrati 3.738.690 casi di Covid e 69.918 persone sono morte a causa della malattia. A Mosca si registrano 2.382 casi nelle ultime 24 ore, secondo la Tass si tratta del numero minimo dal 30 settembre.

  • Farmaci letali a due pazienti: arrestato medico nel Bresciano

    Un medico in servizio in un pronto soccorso di un ospedale pubblico della provincia di Brescia è stato arrestato e posto ai domiciliari dai Carabinieri del Nas: è sospettato di omicidio per aver intenzionalmente somministrato a pazienti affetti dal Covid-19 farmaci ad effetto anestetico e bloccante neuromuscolare, causando la morte di due di loro durante la cosiddetta prima ondata pandemica. I militari hanno dato esecuzione ad un'ordinanza di custodia cautelare emessa dal gip di Brescia.

    Avevano 51 e 80 anni i due pazienti morti all'ospedale di Montichiari, nel Bresciano, nella prima ondata del covid a marzo e che secondo la Procura di Brescia sono decedute a causa del farmaco somministrato dal dottor Carlo Mosca, primario facente funzione del pronto soccorso dell'ospedale all'epoca dei fatti e ai domiciliari con l'accusa di omicidio volontario.

  • Borsa di Tokyo chiude in rialzo

    Chiusura in rialzo per la Borsa di Tokyo, che ha beneficiato delle attese per l'approvazione in tempi rapidi un nuovo piano di stimoli all'economia Usa dopo l'insediamento del nuovo presidente Joe Biden. A fine seduta l'indice Nikkei, trainato dalla performance delle aziende farmaceutiche e tecnologiche, ha registrato un rialzo dello 0,7% attestandosi a quota 28.826,29, in prossimità dei massimi degli ultimi 30 anni. Bene anche il più ampio Indice Topix, che ha archiviato la seduta con un guadagno dello 0,29%, attestandosi a 1.862 punti. (Qui l’aggiornamento dei mercati oggi).

  • Quasi 100 milioni di casi di Covid nel mondo

    I casi di coronavirus nel mondo si avvicinano a quota 100 milioni, secondi i dati della Johns Hopkins University. Per la precisione sono 99.192.353 le persone contagiate dal Covid-19 nei cinque continenti, mentre le vittime sono 2.129.403. Il Paese con il numero più alti di casi restano gli Stati Uniti, oltre 25 milioni, seguiti da India, Brasile, Russia e Regno Unito. Il primo Paese Ue per numero di contagi è la Francia con 3.112.055

  • Positivo il presidente del Messico Lopez Obrador

    Il presidente messicano Andrés Manuel López Obrador ha reso noto di aver contratto il Covid-19, manifestando “sintomi lievi” della malattia. Via Twitter, il capo dello Stato messicano ha aggiunto di essersi già sottoposto a trattamento medico. “Come sempre - ha sottolineato - sono ottimista e andremo tutti avanti”. López Obrador, che ha 67 anni e aveva d poco partecipato a una cerimonia di inaugurazione di istallazioni della Guardia nazionale a San Luis Potosí, ha voluto precisare che per i giorni a venire la sua conferenza stampa quotidiana presidenziale sarà tenuta dalla ministra dell'Interno, Olga Sánchez Cordero. Il presidente messicano ha poi reso noto che nonostante la situazione e la quarantena a cui è sottoposto continuerà a seguire gli affari pubblici dal Palazzo presidenziale. Ed ha confermato anche la telefonata in agenda domani (oggi in Italia) con il collega russo Vladimir Putin riguardante la possibilità di ricevere un quantitativo di vaccino Sputnik V. Secondo la tv Milenio, López Obrador fa parte della popolazione messicana vulnerabile, per la sua età, perché soffre di ipertensione e perché nel 2013 fu vittima di infarto.

  • Da oggi stop a gran parte dei viaggi Europa-Usa

    La Casa Bianca ha confermato che il presidente americano Joe Biden imporrà nuovamente da domani (oggi in Italia) il divieto di entrare negli Stati Uniti alla maggior parte dei cittadini non statunitensi provenienti da Regno Unito, Brasile, Irlanda e gran parte dell'Europa. Ed estenderà questo divieto anche a chi arriva dal Sudafrica, dopo le segnalazioni delle nuove varianti negli Usa. Tale decisione si inserisce nel piano della nuova amministrazione democratica Usa per combattere l'epidemia che sta dilagando nel Paese più colpito al mondo dal Covid-19, sia in termini di contagi (25,14 milioni) che di morti (oltre 419 mila).

    Coronavirus: bollettino del 24 gennaio - I dati di oggi

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti