Asia e Oceania

Coronavirus, ultime notizie, nel mondo un milione di casi: superati i 50mila morti. La Francia ripristina i controlli alle frontiere fino al 30 ottobre

Torna la paura nella Cina centrale in un’area con 640.000 persone
Spagna oltre i 10mila decessi, 950 in un giorno
British Arways verso sospensione di 32mila dipendenti
Cina contro Usa: immorale accusare i nostri dati
Le notizie sul coronavirus nel mondo del 1° aprile



  • Israele, città ortodossa diventa “zona rossa”

    L'affollata cittadina ortodossa di Bnei Brak, non lontano da Tel Aviv, è stata dichiarata zina rossa a causa della diffusione del coronavirus in cui gli ingressi e le uscite saranno consentite solo per bisogni essenziali e straordinarie circostanze, comprovate da un permesso. E' la prima volta che avviene in Israele dall'inizio della pandemia. Lo ha deciso il governo che questa sera ha approvato regolamenti che consentono la chiusura di zone a forte diffusione dell'infezione. Non è escluso - hanno sostenuto i
    media - che l'intervento possa essere applicato ad altre zone se questa si renderà necessario. Le ulteriori decisioni in questo senso saranno prese da un Comitato guidato dal premier Benyamin Netanyahu.

  • In Germania più casi che in Cina

    Con 84.600 casi di coronavirus, anche la Germania ha superato per numero di contagi la Cina, che attualmente ne conta 82.432, secondo il conteggio della Johns Hopkins University.

  • Afp: nel mondo un milione di casi

    Il numero di casi di coronavirus ne mondo ha raggiunto il milione, secondo il conteggio della Afp. La mappa della Johns Hopkins University dà invece poco più di 998.000 casi di contagio globale.

  • Jeff Bezos dona 100 milioni di dollari a Feeding America

    Jeff Bezos dona 100 milioni di dollari alla no profit Feeding America, la rete di banche del cibo che conta 200 filiali negli Stati Uniti e offre alimenti a più di 46 milioni di persone. Lo annuncia lo stesso Bezos su Instagram.

  • Banca mondiale pronta a stanziare 160 miliardi

    La Banca Mondiale è pronta a stanziare 160 miliardi di dollari nei prossimi 15 mesi per aiutare i Paesi in via di sviluppo alle prese con il coronavirus. La situazione per i mercati emergenti è infatti complicata, con gli investitori che oltre alla crisi del virus temono il dollaro forte e i suoi effetti sui conti pubblici.

  • Usa, chiuso il Grand Canyon

    Grand Canyon ha chiuso a tempo indeterminato dopo che un impiegato è risultato positivo. Il Grand Canyon, che ogni anno riceve in media sei milioni di visitatori, aveva deciso di rimanere aperto nonostante le pressioni per una chiusura a causa dei rischi per la diffusione dei contagi da coronavirus. Poi la marcia indietro dopo una lettera delle autorità locali che ne consigliava la chiusura immediata. Prima del Grand Canyon negli Stati Uniti avevano già chiuso il Joshua Tree National Park, Yosemite National Park in California, Arches and Canyonlands in Utah, Grand Teton in Wyoming e Yellowstone che si estende lungo tre stati Idaho, Montana e Wyoming.

  • Nel mondo superati i 50mila morti

    Il numero dei morti per coronavirus nel mondo ha superato la soglia di 50.000, secondo il conteggio della Johns Hopkins University.

  • Usa, convention democratica spostata in agosto

    La convention democratica è stata rinviata da metà luglio al 17 agosto a causa del coronavirus. Lo rende noto il partito. La nuova data corrisponde alla settimana che precede quella repubblicana (24-27 agosto). Il rinvio era stato sollecitato da Joe Biden, il frontrunner democratico nella corsa alla Casa Bianca.

  • La Francia chiude i confini

    La Francia ha notificato alla Commissione europea la decisione di ristabilire controlli temporanei alle proprie frontiere interne, fino al 30 ottobre, a causa del coronavirus e per ragioni di ordine pubblico. Si apprende dalla Commissione europea. Sale così a 15 (su 26) il numero di Paesi dell'area Schengen ad aver chiuso le proprie frontiere interne per la pandemia. La Francia si aggiunge infatti a Belgio, Finlandia, Austria, Ungheria, Repubblica Ceca, Danimarca, Polonia, Lituania, Germania, Estonia, Norvegia, Svizzera, Spagna e Portogallo. La Svezia aveva invece rinnovato i controlli alle frontiere interne, nel novembre scorso, motivando col rischio di una minaccia prevedibile. Quindi in totale gli Stati dell'area Schengen, con le frontiere chiuse sono 16.

  • Putin: sospese attività non essenziali fino a fine aprile

    Il presidente della Federazione russa, Vladimir Putin, ha prolungato le misure restrittive per far fronte al coronavirus fino 30 aprile, garantendo che i lavoratori continueranno a ricevere i loro stipendi. “Ho deciso di prolungare fino al 30 aprile incluso il regime attuale”, ha dichiarato Putin in un discorso tv, aggiungendo che queste misure, in vigore dal 28 marzo, “hanno permesso di guadagnare tempo”. Le regioni russe potranno decidere quali aziende saranno autorizzate a continuare l'attività e quali misure di isolamento imporre alla popolazione.

  • Fitch: economia globale in recessione dell’1,9%


    “La velocità con cui la pandemia di coronavirus si sta evolvendo ha reso necessario un altro round di drastici tagli alle previsioni di crescita del Pil globale. Ora ci aspettiamo che l'attività economica mondiale cali dell'1,9% nel 2020 con un pil degli Stati Uniti in flessione del 3,3%, quello dell'eurozona del 4,2% e quello del Regno Unito del 3,9%”. Sono le nuove stime pubblicate oggi da Fitch secondo cui la ripresa della Cina dopo il crollo del primo trimestre sarà fortemente ridotta a causa della recessione globale con una crescita annuale che rimarrà inferiore al 2%.

    “Questi numeri sono molto peggiori del nostro scenario (e della variante più pessimista) delle previsioni pubblicate il 19 marzo - si spiega in un comunicato - quando la crescita globale era prevista oltre l'1%. La riduzione delle previsioni per il Pil globale per l'intero anno sono in linea con quelle della crisi finanziaria ma l'impatto immediato sulle attività economiche e sui posti di lavoro nel primo semestre dell'anno sarà peggiore. La pandemia e le azioni intraprese per controllarlo significano che dobbiamo ora riflettere nelle nostre previsioni dello scenario di base situazioni di completo lockdown in Europa e negli Stati Uniti (e molti altri paesi) a differenza di quanto avvenuto con le proiezioni precedenti allorché solo l'Italia e la Spagna avevano adottato misure simili a quelle della Cina”.

    Secondo Fitch, il lockdown potrebbe tagliare la crescita negli Usa e in Europa del 7-8 per cento (ovvero dal 28% al 30% annualizzato) nel secondo trimestre 2020. “Questa è una caduta senza precedenti in tempi di pace e simile a quanto ora riteniamo sia avvenuto in Cina nel primo trimestre dell'anno”. Partendo dal presupposto che la crisi sanitaria sia stata in buona misura contenuta a partire dalla seconda metà dell'anno, riteniamo che si dovrebbe assistere a “una decente ripresa sequenziale” man mano che vengono rimosse le misure restrittive, vengono ricostituite le scorte, ripartono le spese differite dal primo semestre e cominciano ad avere effetto le misure di stimolo messe in atto.

    Tuttavia questo trend dovrà fare i conti con numerosi fattori di ostacolo, fra cui la perdita di posti di lavoro, i tagli al capex, lo shock dei prezzi delle commodities, e i crolli dei mercati finanziari. Secondo il nostro scenario di base, il pil non tornerà sui livelli pre-virus prima della fine del 2021 negli Stati Uniti e in Europa.

  • Metà della popolazione mondiale in isolamento

    La metà della popolazione mondiale è sottoposta a misure di isolamento a causa della pandemia da coronavirus. È quanto emerge dal conteggio dell'Afp. Sono oltre 3,9 miliardi infatti le persone costrette o invitate dai loro governi a restare a casa per contenere la diffusione del Covid-19. Queste misure - isolamento obbligatorio o consigliato, coprifuoco, quarantena - riguardano oltre 90 Paesi e territori. L'ultimo, a partire da domani, è la Thailandia che porta così il dato al 50% della popolazione mondiale

  • Regno Unito, 569 morti in un giorno, nuovo picco

    Nuovo balzo di 569 morti in più per coronavirus in 24 ore negli ospedali del Regno Unito (contro i più 563 sanciti ieri), secondo gli ultimi dati aggiornati del ministero della Sanità britannico diffusi oggi. I decessi totali registrati salgono a 2.921, mentre i contagi passano da 29.474 a 33.718: con un aumento giornaliero di oltre 3800, in lieve calo rispetto ai più 4.324 indicati ieri. I test eseguiti nel Paese sfiorano infine i 163.200, a un ritmo quotidiano incrementato leggermente a oltre quota 10.000.

  • Fonti Ue, ancora 250mila europei bloccati all'estero

    Ci sono ancora 250mila europei bloccati all'estero, a seguito della pandemia da coronavirus, che vogliono far rientro nell'Unione. Si apprende da fonti Ue. La questione dei rimpatri sarà al centro della videoconferenza dei ministri degli Esteri dei 27, di domani. Secondo gli ultimi dati diffusi, almeno 350mila sono gli europei che nelle ultime settimane sono riusciti a rientrare. Anche se siamo oltre la metà dei 600mila iniziali - evidenziano le fonti - ora restano i rimpatri più complessi da organizzare.

  • La Cina vieta menu di selvaggina


    Le vie dei ristoranti a Nanchino, capoluogo della Regione Autonoma del Guangxi Zhuang in Cina meridionale, si animano di clienti entusiasti la sera, da quando l'epidemia di nuovo coronavirus nel Paese ha iniziato ad
    attenuarsi. Huang Shixiong, uno dei titolari di un ristorante specializzato in carne di serpente in una di queste vie, ha chiuso il suo ristorante a fine gennaio e non ha ancora riaperto. Huang detiene quote di tre catene di ristoranti che propongono tutti la carne di serpente come piatto principale del menu. Adesso tuttavia Huang ha intenzione cambiare il suo piatto forte, dato che il consumo di animali selvatici è proibito a livello nazionale. Il 24 febbraio, il principale organo legislativo cinese ha
    vietato il commercio illegale di animali selvatici, nel tentativo di far cessare l'abitudine di mangiare selvaggina per salvaguardare la vita e la salute delle persone. “Non è ancora chiaro se i serpenti siano sulla lista delle specie proibite, quindi al momento siamo in attesa di un ulteriore avviso”, ha detto Huang, osservando che i serpenti usati nei suoi ristoranti sono allevati in cattività.
    “Abbiamo scoraggiato il settore della ristorazione a cucinare
    e a fornire piatti a base di animali selvatici e abbiamo
    ricevuto una risposta positiva non solo dai proprietari dei
    ristoranti, ma anche dagli chef”, ha detto Wu Dongdong,
    segretario dell'Associazione per la Ristorazione e il Catering
    del Guangxi. “In realtà, il consumo di selvaggina rappresenta una parte
    piccola del settore”, ha detto Wu, osservando che esiste un
    numero limitato di ristoranti in Cina specializzati in menù con
    animali selvatici.

  • <br> Iata,-14% domanda globale viaggi aerei, peggior performance da 11 settembre 2001


    In febbraio la domanda di viaggi aerei a livello globale è calata del 14,1% rispetto a un anno prima risentendo del collasso dei viaggi interni in Cina e delle misure di restrizioni agli spostamenti adottati nel mese dai paesi asiatici. Lo rileva la International Air Transport Association (Iata) sottolineando come si sia trattato della peggior performance dagli attacchi terroristici dell'11 settembre 2001. In febbraio la capacità è calata dell'8,7% e il fattore di riempimento degli aerei è sceso di 4,8 punti percentuali al 75,9%. “Le compagnie aeree sono state travolte da una cosa chiamata Covid-19 - ha dichiarato Alexandre de Juniac, ceo e direttore generale della Iata - I confini sono stati chiusi per contenere la diffusione del virus e alle compagnie è rimasto poco da fare se non tagliare costi e adottare misure di emergenza nel tentativo di sopravvivere a queste circostanze eccezionali. La flessione del 14,1% a livello globale è stata già severa ma per le compagnie dell'Asia pacifico il crollo della domanda è stato del 41%. E da allora le cose sono solo andate peggio. Senza ombra di dubbio questa è la peggiore crisi che questo comparto abbia mai affrontato”.

  • Usa: balzo sussidi disoccupazione di 3,34 milioni


    Negli Stati Uniti i sussidi disoccupazione son oaumentati di 3,34 milioni di dollari e sono arrivati a 6,65 milioni per effetto del coronavirus.

    Un ristorante chiuso per coronavirus a Detroit, Michigan
  • <br>Ue propone piena flessibilità uso fondi coesione


    Una flessibilità totale nell'uso dei fondi strutturali europei e un taglio netto alla burocrazia nell'anno contabile 2020-21 per affrontare l'emergenza coronavirus, permettendo ai Paesi di trasferire senza alcun
    limite risorse fra fondi diversi (sviluppo regionale e sociale), regioni e settori. Inoltre, su richiesta dei Paesi, la Commissione potrà sospendere l'obbligo di co-finanziamento nazionale per i progetti beneficiari dei fondi strutturali, consentendo ai governi di liberare risorse da indirizzare verso altre priorità. E' una proposta senza precedenti quella avanzata oggi dalla Commissione Ue, che completa le misure in vigore dal primo aprile che consentono di riprogrammare fino a 37 miliardi di risorse strutturali già stanziate.
    Per l'Italia questo significa avere la possibilità di
    spostare, se ritenuto necessario, risorse dei fondi strutturali
    Ue dal Sud verso le regioni del Nord più colpite dall'epidemia.
    Oppure, di trasferirne altre previste per il digitale, ad
    esempio, verso il sistema sanitario. Tuttavia, precisa la
    Commissione in una nota, “per assicurare che l'attenzione” della
    politica di coesione “resti sulle regioni meno sviluppate, i
    Paesi membri dovranno prima esaminare altre possibilità rispetto
    al trasferimento di risorse dai territori meno sviluppati” verso
    i più ricchi. Questa operazione non deve “ostacolare
    investimenti essenziali nelle regioni di origine o il
    completamento di operazioni già selezionate”.(ANSA).

  • Cina, altri 35 casi «importati»

    La Cina continentale ieri ha riportato 35 altri casi importati della malattia da nuovo coronavirus (COVID-19), portando il totale a 841. Lo ha dichiarato oggi la Commissione Sanitaria Nazionale. Nella sua relazione giornaliera, la commissione ha detto che in Cina continentale sono stati anche segnalati 20 nuovi casi sospetti, tutti importati.

  • Eritrea, blocco di 21 giorni. Primo morto in Zambia

    Il coronavirus continua a propagarsi anche in Africa. L’Eritrea ha annunciato un blocco di 21 giorni per arginare la diffusione del virus, mentre lo Zambia ha registrato la sua prima vittima.

  • Indonesia secondo paese dell’Asia con più vittime

    Con 170 vittime, l'Indonesia è diventata il Paese asiatico con il numero più alto di persone morte per il coronavirus dopo la Cina. Lo riporta il Guardian. Il totale dei contagiati è di 1.790 persone, ma diversi esperti
    in tutto il mondo temono che il numero possa essere molto più alto e che le misure messe in atto dal presidente Joko Widodo non siano sufficienti a proteggere un Paese con 240 milioni di abitanti. Secondo il Centro per i modelli matematici delle malattie infettive di Londra, infatti, il vero numero di casi in Indonesia sarebbe tra i 22.000 e i 37.000. Secondo l'università di Oxford arriverebbe a 80.000.

  • Bolsonaro, ok ai «coronavoucher»

    Il presidente del Brasile, Jair Bolsonaro, ha promulgato con alcuni veti il cosiddetto 'coronavoucher', che prevede il versamento di un minimo di 600 reais (circa 120 dollari) durante tre mesi per i lavoratori del settore informale a basso reddito, colpiti dal rallentamento dell'attività economica a causa dell'epidemia di coronavirus.

    Secondo il capo dello Stato, l'ausilio dovrebbe andare a beneficio di 54 milioni di persone, con un costo approssimativo di 98 miliardi reais. Il governo - sottolinea Globonews - non ha però ancora annunciato la data ufficiale del pagamento.

  • Norvegia, il fondo sovrano perde 114 miliardi di dollari

    Il fondo sovrano norvegese ha “bruciato” l’equivalente di 114 miliardi di dollari nel primo trimestre del 2020, in conseguenza al crollo delle azioni provocato dal coronavirus.

  • Lufhtansa in trattative per aiuti statali

    Il vettore tedesco Lufhtansa è in trattativa per ottenere «miliardi di euro» in aiuti statali, dopo che la crisi innescata dal coronavirus ha costretto l’azienda a tenere a terra il 90% della sua flotta.

  • Putin in semi-isolamento

    Il presidente russo Vladimir Putin è in regime di semi autoisolamento. Lo ha precisato il portavoce Dmitri Peskov. Putin ha incontrato settimana scorsa il primario dell'ospedale Kommunarka, risultato poi positivo al COVID-19.

  • Spagna oltre i 10mila decessi, 950 nelle ultime 24 ore

    La Spagna ha superato la soglia dei 10.000 decessi a causa dell'epidemia di coronavirus. In base ai dati del ministero della Sanità - riportati da El Pais - nelle ultime 24 ore sono morte 950 persone a causa del Covid-19, il nuovo massimo giornaliero per il Paese, che porta il totale delle vittime dall'inizio della crisi sanitaria a 10.003. I contagiati sono saliti a 110.238 dai 102.136 di ieri. I casi che hanno richiesto l'ospedalizzazione sono 54mila (da 51.400) e i pazienti guariti 27mila (da 22.600).

  • Coronavirus: von der Leyen, con piano difesa occupazione sale livello risposta Ue

    Un fondo di 100 miliardi euro per prestiti agli Stati coperti da 25 miliardi di garanzie volontarie da parte degli Stati verso il bilancio Ue per sfruttarne l'effetto leva. Servirà a finanziare le ‘casse integrazioni” nazionali o schemi simili di protezione dei posti di lavoro. Sarà reso flessibile l'uso dei fondi non impegnati nella coesione sociale (Fondo di sviluppo regionale, Fondo sociale e Fondo di coesione) per mobilitare le risorse per fronteggiare gli effetti della crisi sanitaria.

    Sono queste le decisioni più rilevanti adottate oggi dalla Commissione europea. La presidente Ursula von der Leyen ha indicato che si tratta di proposte che cambiano «il livello della risposta europea». «In questa crisi di coronavirus, faranno la differenza solo le risposte più forti. Dobbiamo usare ogni mezzo a nostra disposizione. Ogni euro disponibile nel bilancio Ue verrà reindirizzato per affrontare la crisi, ogni norma sarà facilitata per consentire ai finanziamenti di fluire rapidamente ed efficacemente».

  • <br>Bce estende fino a metà 2021 review strategia di politica monetaria


    La Bce ha annunciato di aver esteso di 6 mesi fino a metà 2020 la sua review della strategia di politica monetaria. “In questa fase - si legge in un comunicato - gli organi decisionali e lo staff della Bce e delle banche centrali nazionali stanno concentrando i loro sforzi sull'affrontare le sfide poste dalla pandemia di coronavirus. La conclusione della strategy verrà pertanto posposta dalla fine del 2020 alla metà del 2021”. Vengono posticipati di sei mesi, nella seconda metà del 2020, tutti gli eventi in cui la Bce avrebbe dovuto raccogliere opinioni su come modificare la sua strategia di politica monetaria. Viene anche posposto al 10-12 novembre il consueto forum annuale della Bce a Sintra in Portogallo.

  • In Iran superati i 50.000 casi


    Salgono a 50.468 i casi di coronavirus in Iran, con 2.875 contagi registrati nelle ultime 24 ore. Le nuove vittime sono 124. Il totale delle persone decedute aumenta così a 3.160. I guariti sono invece 16.711. Lo rende noto il ministero della Salute di Teheran.

  • Filippine, Duterte ordina di sparare a chi viola la quarantena


    Il presidente filippino, Rodrigo Duterte, ha ordinato alle forze di Sicurezza di sparare “a morte” a chiunque causi “problemi” nelle aree chiuse a causa della pandemia di coronavirus. Ma il capo della Polizia, Archie Gamboa, ha detto che gli agenti non lo faranno. Circa la metà dei 110 milioni di persone del Paese è attualmente in quarantena, compresi milioni in condizioni di povertà elevata, lasciati senza lavoro a causa di forti restrizioni alla circolazione.

  • Germania fino a una contrazione del 15% dell’economia nel secondo trimestre

    L’economia tedesca probabilmente crollerà del 10-15% nel secondo trimestre, calcola la banca dello sviluppo di stato KfW.

  • Cina contro Stati Uniti: immorali i dubbi sui nostri dati


    La Cina accusa gli Usa di voler spostare su altri le colpe della pandemia del coronavirus, dopo che l'intelligence americana ha riferito che Pechino ha nascosto estensione e tempistica dell'infezione. “Sono commenti senza vergogna” e sono “immorali” i dubbi sui dati cinesi, ha detto la portavoce del ministero degli Esteri, Hua Chunying. La Cina ha agito “in modo aperto” e comprende la pressione che gli Usa devono affrontare. Donald Trump, che non ha un buon rapporto con i servizi segreti, ha affermato ieri che i numeri cinesi sembrano “leggeri”, ma di non sapere se Pechino abbia fornito numeri sottostimati.

  • Spagna, oltre 300.000 in più di disoccupati a marzo


    Il numero di disoccupati in Spagna è salito di 302.365 persone pari al 9,31% a marzo, su base congiunturale, raggiungendo il totale di 3.548.312 a causa dell'impatto del coronavirus. Lo comunica il ministro del Lavoro spagnolo. Nei primi 12 giorni di marzo, ha segnalato, la disoccupazione era salita di sole 2.857 persone, ma la situazione è precipitata con l'emergenza sanitaria. Su base grezza la disoccupazione è salita di 311.037 nel mese, mentre su anno l'aumento è stato di 293.228 persone, cioè +9%.
    I dati del Welfare dicono anche che dal 12 marzo, giorno in cui ha inizio il lockdown in Spagna, quasi 900.000 persone (898.822 per la precisione) hanno perso il loro lavoro anche se piu di metà di questi erano lavoratori a tempo.

  • British Airways mette in pausa circa 32mila dipendenti

    British Airways pianifica di mettere in pausa circa 32mila dipendenti. Sono iniziate le trattative con i sindacati su un piano che prevede la messa in pausa di buona parte del personale che rimarrebbe senza paga, a causa dello stop del traffico aereo conseguente alla pandemia. La notizia anticipata da Reuters che cita una fonte anonima vicina al dossier.

  • Pentagono: 100.000 sacchi mortuari a uso civile

    Il Pentagono ha dato disponibilità per fornire fino a 100.000 sacchi mortuari a uso civile, notizia che dà la misura della tragedia che si sta consumando negli Stati Uniti dove il presidente Trump ha detto che ci sono davanti “settimane dolorose”.

  • UK, premier Johnson ora punta a potenziare i test

    Dall’immunità di gregge perseguita a costo della “perdita delle vite di molti cari” a fervido seguace del comandamento dell’Oms di fare quanti più test possibile. Quella del premier Boris Johnson, in isolamento a casa con il Covid19, e’ una totale inversione di marcia mentre il paese sta vivendo un lockdown rigido per la diffusione del coronavirus.

  • Cina, contea d Jia sottoposta a quarantena

    Confermato il ritorno di un focolaio in Cina, stavolta nella contea di Jia, 640mila abitanti nella Cina centrale. La quarantena dell’area dipende anche dalle difficolta riscontrate a contenere la diffusione della malattia per il grande numero di asintomatici nella regione.

  • Presidente Commissione Ue fa mea culpa sull’Italia


    Oggi l'Europa si mobilita al fianco dell'Italia, ma va riconosciuto che nei primi giorni della crisi, di fronte al bisogno di una risposta comune, in troppi hanno pensato solo ai problemi di casa propria. La riflessione è
    della presidente della commissione Ue Ursula Von der Leyen in una lettera su Repubblica in cui fa il punto sugli ultimi interventi, ricordando fra l'altro lo strumento anti-disoccupazione, SURE per la salvaguardia dell'occupazione nei Paesi più colpiti. Quello passato, osserva, è stato un comportamento dannoso e che poteva essere evitato, ma ora l'Europa ha cambiato passo.

    Un cane in una strada deserta di Pristina, Kosovo: il governo ha imposto il coprifuoco tra le 5 am e le 5 pm
  • Paesi col vaccino obbligatorio per tubercolosi hanno meno morti da Covid19


    I Paesi con indicazioni per il vaccino obbligatorio per tubercolosi registrano meno morti da infezione di coronavirus rispetto ai paesi che non adottano la stessa politica, rileva un nuovo studio preliminare pubblicato su medRxiv, un sito di ricerca di studi inediti. Lo studio mette in correlazione i paesi che chiedono ai cittadini di fare il vaccino BCG e quelli che mostrano meno morti da Covid19. In base a questa unica correlazione si stanno sottoponendo ai trial anziani e operatori sanitari iniettando questo vaccino che potrebbe proteggere contro il coronavirus. Gonzalo Otazu, assistant professor alla New York Institute of Technology e a capo della ricerca, dice di essere partito dai pochi casi in Giappone all’inizio dell’epidemia, soprattutto rispetto alla vicina Cina.

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti
Loading...