USA

Coronavirus, ultime notizie. Il Tar dice no alla riapertura delle discoteche, respinte le richieste dei gestori. In Spagna + 3.715 nuovi casi in 24 ore, in Germania +1.510. Francia, 3.776 nuovi casi e 17 morti

● Scuola, in Toscana al via le prenotazioni per i test sierologici dei prof
● In Germania i contagi salgano a +1.510 in un giorno
● Il Tar dice no alla riapertura delle discoteche in Italia
● Papa:Covid spinge disparità, curare ingiustizia sociale
● Russia, in 24 ore 4.828 casi e 117 morti
● Confcommercio, Sangalli: consumi in Italia ai livelli di 25 anni fa
● Superati i 22 milioni di contagi nel mondo
● Corea del Sud, 297 casi ai massimi dall’8 marzo
● Libia, 489 casi in 24 ore
● Le notizie sul coronavirus del 18 agosto

default onloading pic
Un cartellone pubblicitario pubblicizza i test gratuiti di COVID-19 lungo una carreggiata e i binari della ferrovia in mezzo alla pandemia del coronavirus a Mojave, California. Mojave si trova nella regione occidentale del deserto del Mojave nella contea di Kern, che attualmente ha uno dei più alti tassi di infezione da COVID-19 per contea in California (Afp)
  • Tunisia, dal 26 agosto obbligo test in ingresso

    Dal prossimo 26 agosto per entrare in Tunisia sarà necessario mostrare un test Covid-19 negativo, a prescindere dal Paese di provenienza. Lo ha annunciato il ministro della Sanità ad interim di Tunisi, Habib Kchaou, precisando che la decisione è stata presa per cercare di limitare l'ascesa dei casi di coronavirus di questi ultimi giorni. La Tunisia ha registrato nelle ultime 24 ore altri 113 nuovi contagi da coronavirus che portano a 2.427 il totale dei casi confermati nel Paese nordafricano dall'inizio del diffondersi dell'epidemia. Il ministero precisa che i decessi salgono da 57 a 60, i guariti a 1.395, con 972 persone attualmente positive sull'intero territorio e 8 pazienti in rianimazione.

  • Usa: Wuhan ha nascosto informazioni a Pechino

    I funzionari di Wuhan e di Hubei hanno tenuto all'oscuro per settimane Pechino sul coronavirus per timore di rappresaglie. Lo riporta il New York Times citando un rapporto riservato dell'intelligence americana. Un rapporto che «non contraddice le critiche dell'amministrazione Trump alla Cina, ma che comunque contestualizza le azioni - o le mancate azioni - che hanno creato la crisi globale».

  • Inghilterra, party con 200 persone sventato dalla polizia

    Stavano facendo un party di ferragosto a dispetto del parziale lockdown in vigore a Manchester che impedisce proprio feste e raduni. A bloccarlo ci ha pensato la polizia, avvertita dai vicini, che ha trovato oltre 200 persone nel giardino di una villetta senza alcun rispetto delle norme sul distanziamento anticovid. Lo riporta la Bbc. Nelle immagini riprese con telecamere termiche diffuse dalla polizia si vedono i ragazzi radunati in giardino che chiacchierano senza distanziamento né, all’apparenza, mascherine. E poi l’arrivo della polizia con le tute bianche anti coronavirus.

  • In Francia 3.776 nuovi casi e 17 morti

    La Francia registra 3.776 nuovi casi di coronavirus nelle ultime 24 ore, segnando il record di contagi dalla fine del lockdown. Lo riferisce il comunicato della Direzione generale della Salute, citato dai media francesi. Si contano inoltre 17 nuovi decessi che portano il totale della vittime a 30.468.

  • Svizzera, oltre 300 casi in un solo giorno

    Salgono rapidamente i nuovi casi di coronavirus in Svizzera. Nelle ultime 24 sono stati infatti segnalati 310 nuovi contagi, contro i 196 di ieri, ha riferito l'Ufficio federale della sanità pubblica. Si tratta di una cifra senza precedenti da 4 mesi, sottolinea la radio elvetica. ll numero complessivo delle infezioni in Svizzera dall'inizio della pandemia sale così a 38.662 (452.5 per 100.00 abitanti). I dati odierni indicano inoltre due nuovi decessi, che portano il bilancio delle vittime a 1.718.

    Dal 6 luglio scorso è entrato in vigore in tutto il Paese l'obbligo della mascherina su tutti i mezzi pubblici. I viaggiatori in provenienza da determinati Paesi devono inoltre mettere in quarantena. Le manifestazioni con più di 1.000 persone restano vietate fino alla fine di settembre

  • Casi nel Cagliari calcio, ritiro in forse

    Diversi casi di positività al Covid tra i giocatori del Cagliari calcio. Al momento non si sa né chi siano né quanti siano: secondo indiscrezioni da 3 a 5. «Daremo i dati ufficiali solo quando arriveranno i risultati di tutti i tamponi», dice il presidente Tommaso Giulini. La squadra - 27 atleti - era stata convocata questo pomeriggio per la prima seduta ad Asseminello. Tutto rinviato. Ed è in forse anche la partenza per il ritiro di Aritzo prevista per domani.

  • Austria, Tirolo chiede 120 soldati per test

    In Austria per coadiuvare i controlli anti contagio da covid-19 sono stati messi a disposizione 800 soldati. Ora il governatore del Tirolo Günther Platter (Övp) ha chiesto l'intervento di 120 unità per i controlli ai confini a sud del Paese. Platter ha anche chiesto di poter far effettuare i tamponi ai confini e di fare chiarezza su come concretamente adoperarsi per effettuare i controlli sanitari, fa sapere l'agenzia Apa. I controlli saranno effettuati al Brennero, ma anche a Sillian nel Tirolo dell'est e a Passo Resia, si legge in una nota del governatore Platter.

    I controlli sanitari dovranno essere puntuali per individuare persone che hanno la febbre già al loro ingresso in Austria, per poter provvedere all'isolamento degli infetti. Per fare ciò, ci sarebbe bisogno di poter effettuare i test direttamente al confine, ha spiegato il governatore. Platter ha fatto appello al ministero alla salute, affinchè si faccia chiarezza su come procedere con i controlli.

  • In Spagna 3.715 nuovi casi in 24 ore, record da fine lockdown

    Il ministero spagnolo della Sanità indica 3.715 nuovi casi di coronavirus diagnosticati nelle ultime 24 ore. Un numero così alto di nuovi contagi non lo si registrava dalla fine di maggio. Lo riferisce l'agenzia Efe.

  • Malpensa, prova generale per i tamponi

    L’attività di testing con i tamponi per il coronavirus comincerà giovedì mattina all’aeroporto di Malpensa per chi proviene da Spagna, Grecia, Croazia e Malta. Lo comunica in una nota l’Ats Insubria. Mercoledì 19 agosto, secondo quanto confermano fonti dell’Usmaf, viene effettuata una prova generale tra le uscite 9 e 10 del Terminal 1 per i passeggeri provenienti da Corfù. Da giovedì saranno quattro le aree allestite, ognuna con due postazioni, per effettuare 200 tamponi all’ora, per un massimo di 1.500 al giorno. L’attività di testing a Linate, dove il flusso di viaggiatori è molto ridotto, partirà invece venerdì.

  • In Toscana 33 focolai attivi

    Sono 33 i focolai di coronavirus attualmente attivi in Toscana, scoperti dai primi di luglio a oggi, per un riscontro sanitario totale di 151 casi positivi di Covid. Lo fa sapere la Regione. Del totale dei focolai attivi, 17 sono maturati nel corso della settimana scorsa. I cluster, specifica la Regione, sono composti da un minimo di due casi, spesso in ambito familiare, fino ad un massimo di 25 casi collegati tra loro.

  • Aumenta la carica virale nei tamponi

    Sta aumentando la carica virale, ossia il numero delle copie di materiale genetico del nuovo coronavirus presenti in un millilitro di materiale biologico prelevato con il tampone: un fenomeno che secondo gli esperti potrebbe essere la spia dell’emergere di nuove infezioni. Se tra fine luglio e i primi di agosto la carica virale era inferiore a 10mila, attualmente si rilevano casi di oltre un milione. Lo rende noto il virologo Francesco Broccolo, dell’Università Milano Bicocca e direttore del laboratorio Cerba di Milano. Anche per l’infettivologo Massimo Galli, dell'Ospedale Sacco e dell’Università Statale di Milano, la presenza di una forte carica virale rilevata nei tamponi «è purtroppo un fenomeno che nell’ultimo periodo si è verificato più volte e che è il segnale di molte nuove infezioni». Broccolo ha aggiunto che «circa la metà dei tamponi rilevati nell’ultima settimana supera il milione di copie di materiale genetico del virus, l’Rna, presenti nelle particelle virali infettive in un millilitro di tampone». Si rilevano inoltre casi nei quali il numero di copie è di un miliardo: «!uesto può voler dire - ha osservato il virologo - che il virus si replica bene in alcuni organismi e che questi soggetti potrebbero essere dei super diffusori. Vale a dire che le goccioline di saliva emesse con un colpo di tosse o con uno starnuto potrebbero contenere un numero elevato di particelle virali».

  • Israele, spuntano 53 morti non conteggiate: i decessi salgono a 772

    Nel bilancio complessivo delle vittime legate al coronavirus Israele ha aggiunto 53 morti che non erano state conteggiate nei mesi di luglio ed agosto: il totale passa dunque da 719 a 772. Lo ha detto il ministero della Sanità specificando che si tratta di persone decedute in centri di ricovero per anziani. Il responsabile del dicastero Yuli Edelstein ha ordinato «una estesa verifica» su come sia potuto accadere il mancato conteggio. Il direttore generale della sanità Chezy Levy ha imposto che tutte le notifiche di morte siano segnalate da adesso in poi «a un’unica fonte» e sta indagando se ci siano altre decessi con calcolati. Con altre 1.644 infezioni nelle ultime 24 ore, il totale assomma a quasi 97mila casi (96.996) da inizio malattia. Le persone in gravi condizioni sono 401.

  • Lufthansa, accordo con i piloti su taglio di costi e indennità

    Lufthansa e il Vereinigung Cockpit, il sindacato che rappresenta i piloti, hanno raggiunto un accordo su un pacchetto di misure di breve termine, valido fino a fine anno, in risposta alla crisi causata dalla pandemia di coronavirus. L’intesa, effettiva da subito, si applica ai piloti di Lufthansa, Lufthansa Cargo, Lufthansa Aviation Training e a una parte di quelli della controllata Germanwings. Come si legge in una nota della compagnia tedesca, l’accordo prevede un piano di riduzione dei costi per tutto il 2020, nell’ambito del quale saranno, tra le altre cose, ridotte indennità e contributi pensionistici a partire da settembre. Gli aumenti salariali collettivi concordati per il 2020 saranno rinviati a gennaio 2021. In cambio, i licenziamenti per motivi operativi sono bloccati fino al 31 marzo 2021. Tuttavia, la società ha segnalato che «la ridondanza delle attività resterà anche oltre il primo trimestre 2021», motivo per cui non sono previste assunzioni per un certo periodo e ci saranno ulteriori trattative per accordi di più lungo termine.

  • Scuola, in Toscana al via le prenotazioni per i test sierologici dei prof

    Al via in Toscana, le prenotazioni per il test sierologico preventivo del personale docente e non docente, in previsione dell’apertura del prossimo anno scolastico. Lo annuncia la Regione Toscana. Lo screening preventivo (gratuito e su base volontaria) è rivolto al personale docente e non docente. Le prenotazioni andranno avanti fino al 5 settembre e comunque, precisa la Regione, prima dell’avvio dell’attività scolastica. La prenotazione del test sierologico per individuare eventuali positivi al Covid può avvenire tramite il proprio medico oppure le aziende sanitarie. La Regione Toscana precisa che il personale scolastico dovrà rivolgersi in via prioritaria al proprio medico di medicina generale o, qualora ciò non fosse possibile, presso gli specifici ambulatori delle aziende sanitarie. Nel caso in cui ci si rivolga al proprio medico di famiglia, sarà quest’ultimo, dotato di un’apposita app (#ascuolainsalute) sviluppata da Regione Toscana, che registrerà in tempo reale l’effettuazione e l’esito del test sierologico. Diversamente, nel caso in cui il personale scolastico decida di rivolgersi alle strutture ambulatoriali delle Asl, potrà prenotare autonomamente il test sierologico attraverso il sito, scegliendo il giorno e l’ora per effettuare il test, che sarà possibile a partire dal giorno 24 agosto. Al termine della procedura online riceverà via sms la conferma della prenotazione e potrà stampare il promemoria. Concluso questo percorso, dovrà recarsi al punto prelievi selezionato 10 minuti prima dell’ora prescelta. Qualora l’esito del test sierologico risultasse positivo, la persona interessata dovrà contattare il numero verde regionale 800 55 60 60 per fissare l’esecuzione del tampone.

  • Veneto, moduli prefabbricati per il rientro a scuola

    Il Veneto attrezzerà le scuole per la ripresa delle lezioni a settembre anche con «moduli» prefabbricati, così da ampliare il numero di aule e ridurre la possibilità di contatto tra studenti. La Direzione scolastica regionale ha richiesto sei unità, più una eventuale settima, che saranno messe a disposizione dalla Protezione civile nazionale o, in subordine, dagli Enti locali titolari degli istituti grazie ai fondi del Dl Agosto. Un caso particolare, a Venezia, sarà realizzando al Liceo Foscarini dove la chiesa sconsacrata al suo interno verrà temporaneamente «frazionata» e riscaldata. «Si tratta - spiega la direttrice dell’Ufficio regionale scolastico, Carmela Palumbo - di quelle “casette” già utilizzate durante i recenti terremoti in Centro Italia in sostituzione delle scuole all’epoca inagibili. Ma altre soluzioni - aggiunge - le stanno trovando gli stessi istituti, con gazebo, per disciplinare l’afflusso a scuola o a uso della ricreazione». Tra gli altri interventi - riferiscono i quotidiani locali - si prevede la misurazione della temperatura agli alunni di tutte le scuole dell’infanzia, mentre per elementari, medie e superiori, il controllo sui ragazzi sarà affidato alle famiglie. Tamponi, su base volontaria, saranno previsti per insegnanti e personale Ata dal 24 agosto, su prenotazione e misura, mentre la misurazione delle temperatura sarà presa ogni giorno all’arrivo negli istituti. Modalità questa che sarà utilizzata anche per gli studenti delle scuole serali.

  • Malta, i bar restano aperti: medici contro il governo

    Continua il braccio di ferro tra le associazione delle professioni mediche maltesi e il governo della Valletta, sotto tiro per le scelte che hanno acceso una quantità di focolai di infezione da coronavirus. Lunedì l’esecutivo aveva annunciato la chiusura di bar e locali notturni, ma la compilazione della norma (che consente di restare aperti se i clienti vengono serviti al tavolo) ha di fatto permesso che tutti i bar restassero aperti. Così, mentre la sovrintendente per la salute pubblica Charmaine Gauci annunciava l’individuazione di ulteriori 47 positivi su 2.261 test (che portano il totale dei casi attivi a 677, su una popolazione che è di 120 volte più piccola di quella italiana), l’associazione dei medici maltesi (Mam) è tornata a minacciare azioni legali. «L’autorità per il turismo maltese è in modalità autodistruttiva e alimenta l’epidemia privilegiando ancora il profitto più che la salute pubblica» è scritto nella nota in cui si sottolinea che il testo del provvedimento è «molto diverso» dall’annunciato ed è «un insulto all’intelligenza».

  • De Luca: a breve tamponi a Capodichino per chi rientra dall’estero

    Stop a comportamenti irresponsabili e annuncio che a breve partirà “l'effettuazione dei tamponi per chi rientra dall'estero anche all'aeroporto di Capodichino” a Napoli. Sono le indicazioni che fornisce il governatore campano, Vincenzo De Luca. “Non ci sono parole per censurare comportamenti di incredibile superficialità che sono alla base dei nuovi contagi causati dai rientri da vacanze all'estero, in particolare da Malta, Grecia, Ucraina, Croazia, Spagna - dice De Luca -. La convivenza civile comporta doveri di responsabilità ineludibili, per se stessi, per le proprie famiglie e per la comunità. È intollerabile la totale indifferenza a questi doveri. Tanto più nel momento in cui vengono colpiti centinaia di concittadini al di sotto dei 35 anni e alla vigilia dell'apertura dell'anno scolastico”.

  • Scuola, comincerà il 7 o 8 settembre la distribuzione dei nuovi banchi

    Comincerà il 7 o l'8 settembre la distribuzione dei primi banchi monoposto agli istituti che ne hanno fatto richiesta nelle varie regioni, per esigenze di spazi, in vista dell'inizio dell'anno scolastico. La distribuzione dei nuovi banchi, prodotti dalle imprese che hanno vinto il bando indetto dal Commissario per l'Emergenza, è prevista fino a tutto il mese di ottobre, secondo quanto appreso dall’Ansa.

  • In Grecia misure restrittive estese a Mykonos e Calcidica

    La Grecia estenderà le restrizioni per il contenimento del Covid – che includono il divieto totale di feste e celebrazioni dal vivo, un limite di nove persone in tutte le riunioni pubbliche e private e l'uso obbligatorio della maschera in spazi chiusi e aperti – nella popolare isola turistica di Mykonos e nella zona costiera della Calcidica nel Nord del Paese.

    Ai ristoranti non possono sedere più di quattro persone allo stesso tavolo a meno che non siano parenti molto stretti, nel qual caso il limite è aumentato a sei persone.Le restrizioni entreranno in vigore dal 21 al 31 agosto. Ieri la Grecia ha registrato 269 infezioni da Covid-19, il conteggio giornaliero più alto dal primo caso rilevato il 26 febbraio, per un totale di 7.472 infezioni e 232 decessi.

    Il governo ha introdotto restrizioni per combattere il recente picco di infezioni da coronavirus, limitando le riunioni pubbliche, chiudendo bar e ristoranti da mezzanotte e esortando i giovani a indossare maschere al ritorno dalle vacanze.

    Il viceministro della Protezione civile Nikos Hardalias ha detto ai giornalisti che, nonostante l'aumento dei contagi, la Grecia ha continuato ad essere in una “situazione migliore” rispetto ad altri Paesi europei: si è classificata al 180° posto in termini di morti per milione di abitanti.

  • Finlandia: quarantena per chi arriva da molti Paesi Ue, Italia esclusa

    Linea dura della Finlandia alle frontiere per proteggersi dalla seconda ondata di coronavirus. Per “preservare la situazione relativamente buona”, il governo ha annunciato di aver rimosso dalla lista verde la maggior parte dei viaggiatori provenienti dai Paesi Ue, che ora dovranno osservare una quarantena al loro arrivo: “È la politica più severa dell'Ue per i controlli ai confini”, si spiega. Il provvedimento, in vigore dal 24 agosto, non interessa le persone provenienti da Italia, Ungheria, Slovacchia, Estonia e Lituania, dove il tasso di contagio negli ultimi 14 giorni è stato basso. Escono dalla lista verde, invece, Paesi come Belgio e Francia.

  • Covid in resort, salgono a 21 i positivi su 300 tamponi

    Salgono a 21 i casi di positività al Covid-19 su 300 tamponi già processati tra i 470 effettuati nel resort di Santo Stefano, nell'arcipelago di La Maddalena, in seguito all'allerta scattata dopo il contagio di un lavoratore stagionale della struttura alberghiera. Turisti e personale sono costretti a non muoversi dal resort in attesa degli esiti definitivi dei test, previsti dopo le 14.

  • Confcommercio: effetto Covid sulle spese obbligate che incidono sul 44% dei consumi delle famiglie

    La crisi del 2020 e gli effetti dell'emergenza Covid si fanno sentire sui bilanci familiari con una compressione delle spese libere e un aumento di quelle obbligate che incidono per quasi il 44% sul totale dei consumi delle famiglie (il livello più alto dal 1995) arrivando a pesare per oltre 7.000 euro l'anno pro capite; tra le spese obbligate, la voce abitazione è quella che incide maggiormente arrivando a “mangiarsi” - tra affitti, manutenzioni, bollette, e smaltimento rifiuti – oltre 4.000 euro pro capite; all'interno dei consumi commercializzabili (9.095 euro pro capite nel 2020) la componente principale è rappresentata dai beni con una quota sul totale consumi in lieve aumento (dal 38,4% del 2019 al 40,6%), mentre i servizi interrompono la costante crescita dal 1995 con un brusco calo nell'ultimo anno dal 21% al 15,6%; per la prima volta dal 2007, si spende più per gli alimentari che per i servizi.

    Questi, in sintesi, i principali risultati che emergono da un'analisi dell'Ufficio Studi di Confcommercio sulle spese obbligate delle famiglie tra il 1995 e il 2020.

  • Cts chiede l’uso della mascherina a scuola sopra i sei anni

    L'orientamento del Comitato Tecnico Scientifico (Cts) è per un uso esteso delle mascherine a scuola. Lo ha affermato il coordinatore del Cts Agostino Miozzo a SkyTg24. “Questa malattia ha imposto tre pilastri: il distanziamento, l'uso della mascherina e l'igiene. Sono indiscutibili e saranno validi per il mondo scolastico”, ha detto Miozzo. “Sopra i sei anni - ha aggiunto - sarà richiesto, in Italia come in altri Paesi, che ci imponiamo l'uso della mascherina e il distanziamento. Poi ci saranno condizioni particolari, come l'uso se c'è un ragazzo non udente in classe, l'interrogazione, momenti del contesto locale che saranno valutati. L'indicazione però sarà: utilizziamo la mascherina perché è un importante strumento contro il virus”.

  • Berlino, settimana 4 giorni di lavoro opzione possibile

    Quattro giorni di lavoro alla settimana, e un adeguamento dello stipendio, per evitare di tagliare posti, a causa degli effetti del Covid sull'economia, in Germania. La proposta lanciata nei giorni scorsi dal sindacato IG Metall ha aperto un dibattito in Germania, e il ministro del Lavoro, il socialdemocratico Hubertus Heil, si è espresso a favore. “Non è una cattiva idea”, ha detto parlando ai giornali del Funke Mediengruppe, a patto che datori di lavoro e sindacati siano d'accordo. Stando a un sondaggio Yougov la settimana di quattro giorni viene approvata anche dalla maggioranza dei tedeschi: il 61% è favorevole.

  • Miozzo (Cts): dobbiamo riaprire le scuole. Se positivi si decide volta per volta

    “Dal nostro punto di vista dobbiamo aprire le scuole, è un dovere del nostro Paese, è in imperativo che dobbiamo avere nei confronti di insegnanti e studenti”: lo ha detto il coordinatore del Comitato Tecnico Scientifico Agostino Miozzo intervenendo a SkyTg24. “È evidente - ha proseguito - che questo dovere si deve confrontare con una situazione che conosciamo, ma che ha anche elementi positivi. Abbiamo raggiunto un buon livello di controllo della malattia nel nostro Paese e una capacità di intervento rapido in situazioni di emergenza”.

    “È sicuro che ci saranno dei casi nelle scuole - ha detto Miozzo -. Se si dovesse verificare un caso non vorrà dire chiudere le scuole, vorrà dire esaminare il contesto di volta in volta e, se necessario, mettere in quarantena una classe o l'intera scuola: questo sarà discusso di volta in volta con le autorità sanitarie locali. Oggi pomeriggio al Cts discuteremo di un documento preparato da Istituto Superiore di Sanità, Inail e ministeri che definisce proprio queste procedure».

    PER APPROFONDIRE / Banchi, aule, trasporti e tamponi: tutti i nodi ancora da sciogliere per il ritorno in classe a settembre

  • Iran, oltre 2.400 nuovi contagi e 153 morti

    L'Iran registra 2.444 nuovi casi di coronavirus in 24 ore, portando il totale a 350.279. Lo ha reso noto il ministero della sanità. Le nuove vittime sono 153, 20.125 nel complesso. Con l'approssimarsi delle cerimonie per l'anniversario del martirio del terzo imam sciita, Hussein, il procuratore dello stato Mohammad Jafar Montazeri ha avvertito la popolazione che se non osserveranno i protocolli sanitari fissati per le cerimonie saranno duramente perseguiti e i luoghi di incontro saranno chiusi

  • Covid in resort, 10 positivi dopo i primi 150 tamponi

    Sui primi 150 tamponi processati tra i turisti e il personale in quarantena in un resort di Santo Stefano ci sono 10 casi di positività al Covid-19. Lo rivela il sindaco di La Maddalena, Luca Montella, dopo i risultati dei primi test, arrivati questa mattina, su un totale di 470 effettuati ieri a seguito del contagio di un lavoratore stagionale della struttura alberghiera, attualmente ricoverato all'ospedale di Sassari. In giornata, al più tardi domani, si conosceranno gli esiti degli altri esami. I controlli molecolari hanno permesso di accelerare le operazioni di screening, processando i tamponi a grandi blocchi. “L'Unità di crisi, che sta gestendo la situazione, ci ha riferito che il dato complessivo potrebbe essere disponibile intorno alle 14”, annuncia Montella.

  • In Basilicata 240 tamponi, uno è positivo

    E' positivo solo uno dei 240 tamponi esaminati in Basilicata nelle ultime 24 ore: lo ha reso noto la task force regionale, spiegando che la persona trovata positiva “effettuerà un secondo tampone di conferma”. Attualmente, i lucani positivi al coronavirus sono 12 “e si trovano tutti in isolamento domiciliare”, così come è ancora ricoverata nell'ospedale di Potenza una donna di nazionalità straniera guarita ma ancora non dimessa. Sono 34 i migranti positivi in isolamento in una struttura di accoglienza. Dall'inizio dell'emergenza sanitaria (in Basilicata si sono registrati 28 morti e 374 guariti), sono stati analizzati 51.628 tamponi, 51.015 dei quali sono risultati negativi.

  • In Slovenia 37 nuovi contagi nelle 24 ore

    In Slovenia nelle ultime 24 ore si sono registrati 37 nuovi contagi da coronavirus, dieci in più rispetto a ieri. Come riferiscono i media regionali, dall'inizio dell'epidemia nel Paese ex jugoslavo i casi di infezione sono stati finora 2.493. Non vi sono stati da ieri altri decessi, il cui numero è ad oggi di 129. I pazienti in ospedale sono 17, tre dei quali in terapia intensiva. Le autorità di Lubiana ritengono che tanti dei contagi delle ultime settimane siano 'importati' da persone di ritorno dalle vacanze nella vicina Croazia, e non escludono misure restrittive per gli ingressi da tale Paese. In giugno la Slovenia era stata sul punto di dichiarare finita l'epidemia, ma da diverse settimane è interessata da una forte ripresa dei contagi, al pari degli altri Paesi della regione balcanica.

  • In aereo rischio basso anche se c'è un positivo

    Anche se c'è una persona infetta a bordo è molto improbabile essere contagiati dal Sars-Cov-2 quando si va in aereo. Lo suggerisce uno studio tedesco pubblicato da Jama Network Open, effettuato peraltro prima che venissero introdotte le norme di distanziamento sui voli. I ricercatori della Goethe University di Francoforte hanno analizzato i dati di un volo con 102 passeggeri partito da Tel Aviv e atterrato nella città tedesca lo scorso nove marzo. A bordo erano presenti 24 persone di un gruppo che aveva avuto contatti con un operatore turistico rivelatosi poi positivo, e da un tampone ricevuto all'arrivo da tutti i passeggeri è risultato che sette elementi del gruppo erano positivi. Per lo studio 71 dei rimanenti passeggeri sono stati intervistati nove settimane dopo il volo, e solo due avevano effettivamente sviluppato poi il Covid-19, probabilmente a seguito dell'esposizione. I due contagiati, spiegano gli autori, erano seduti entro due file da uno dei positivi del gruppo. “Il flusso d'aria nella cabina dal tetto al pavimento e dalla prua alla poppa potrebbe aver ridotto il tasso di trasmissione - commentano nelle conclusioni -. E' probabile che una ulteriore riduzione si sarebbe avuta se i passeggeri avessero indossato le mascherine”.

  • Napoli: al Cotugno pieno il reparto di terapia sub intensiva

    Cresce il numero di cittadini ricoverati negli ospedali attrezzati per fronteggiare l'epidemia da coronavirus a Napoli. È pieno e oltre la capienza il reparto di terapia sub intensiva dell'ospedale Cotugno: nella giornata di ieri i pazienti ricoverati erano 9 ed oggi sono passati a 10 su un totale di 8 posti letto, come previsto dal piano ospedaliero. Nel reparto di terapia intensiva resta un solo ricoverato estubato e in attesa che le condizioni consentano ai sanitari di trasferirlo in ricovero ordinario dove oggi i ricoverati sono 13 su una disponibilità di 16 letti. Per quanto riguarda il Covid Center dell'Ospedale del Mare i pazienti ricoverati per infezione da coronavirus sono 20: tutti in degenza. Tra i pazienti Covid anche un dializzato. Il Covid Center ha a disposizione 72 posti letto dislocati nei tre moduli ed ha aree specifiche per accogliere e curare pazienti Covid che siano cardiopatici, oncologici e dializzati. Nella struttura il numero dei ricoveri da inizio agosto a oggi è quasi raddoppiato.

  • Discoteche: oggi nuovo incontro Silb-Patuanelli

    Il Silb Filp, associazione italiana imprese di intrattenimento da ballo e di spettacolo, farà oggi un nuovo punto sugli aspetti economici legati alla chiusura delle discoteche con il ministro dello Sviluppo economico, Stefano Patuanelli. Lo anticipa all'ANSA Maurizio Pasca, presidente del Silb Filp dopo il no del Tar alla riapertura. “Non vero che il ministro abbia garantito 30mila euro per ogni discoteca, come comparso oggi sulla stampa locale - afferma Pasca - con lui ci riaggiorniamo oggi, visto che si era in attesa del pronunciamento del Tar”. Il no al ricorso comunque non è letto completamente in negativo dal presidente nazionale del Silb, anzi c'è pure parziale “soddisfazione”, perché - spiega Pasca - “è vero che la tutela della salute è stata ritenuta prevalente, ma è stato anche riconosciuto il danno subito. Motivo per cui il giudice monocratico ha rimandato la decisione finale a quello collegiale, per il 9 settembre”.

  • 17 casi importati in Cina continentale

    Ieri in Cina continentale non è stato riportato nessun nuovo caso di COVID-19 trasmesso localmente mentre sono stati registrati 17 casi confermati provenienti da fuori. Lo rende noto il rapporto odierno della Commissione Sanitaria Nazionale cinese. Ieri non sono emersi nuovi casi sospetti o decessi correlati alla malattia. Dei nuovi casi importati, otto sono stati segnalati a Shanghai, quattro nel Guangdong, due ciascuno nello Zhejiang e nello Shaanxi e uno nello Shandong. Ieri inoltre 43 pazienti colpiti da COVID-19 sono stati dimessi dagli ospedali dopo essersi ripresi. Fino a ieri, in Cina continentale erano stati segnalati un totale di 2.339 casi importati. Di questi, 2.127 erano stati dimessi dagli ospedali dopo essersi ripresi, e 212 erano ancora ricoverati, nessuno in gravi condizioni. Non erano stati segnalati decessi tra i casi importati. Ieri il numero totale di casi confermati di COVID-19 in Cina continentale aveva raggiunto quota 84.888, compresi 569 pazienti ancora in cura, 26 di loro in gravi condizioni. Complessivamente 79.685 persone erano state dimesse dopo essersi riprese ed erano 4.634 i morti per la malattia

  • In Germania i contagi salgano a +1.510 in un giorno

    In Germania salgono i contagi da coronavirus. Come ha reso noto il Robert Koch Institute per le malattie infettive, nelle ultime 24 ore i nuovi casi di Covid-19 sono 1.510 e portano il totale a 226.914 dall'inizio dell'epidemia. Si tratta del numero più alto di nuovi contagi su base giornaliera da inizio maggio. I decessi in 24 ore sono stati 7 e le vittime complessive sono 9.234. Ieri l'Rki aveva notificato 1.390 casi e alla fine della scorsa settimana i casi giornalieri avevano superato la soglia di 1.400. Solo lunedì i contagi aveva segnato un relativo rallentamento (+561). In base ai dati a ieri, il tasso di letalità è del 4,1%. L'Rki torna ad indicare che la situazione è preoccupante e sottolinea che nelle ultime settimane i contagi sono aumentati soprattutto tra i gruppi più giovani, con un'incidenza che è ora superiore a quella dei gruppi più anziani. Il 45% dei casi è stato diagnosticato tra 20-49enni contro il 29% tra i 50-69enni e il 14% tra over-70. Il 39% dei casi nell'ultima settimana è collegabile a un contagio dall'estero.

  • In Indonesia 1.902 nuovi casi e altri 69 morti

    Sono 1.902 i nuovi casi di coronavirus in Indonesia con 69 vittime registrate nelle ultime 24 ore. Lo riporta il bollettino del ministero della Salute.

    Un operaio spazza vicino a una finta bara e a un manichino vestito con una tuta protettiva personale per assomigliare a un operatore sanitario, in un'area pubblica per avvertire la gente dei pericoli del coronavirus a Giacarta, Indonesia (Reuters)

  • Tar, no riapertura discoteche, respinte richieste gestori

    Nessuna riapertura delle discoteche al momento. Il Tar dice no alla sospensione cautelare urgente dell'ordinanza con la quale il 16 agosto il Ministro della Salute, in tema di misure urgenti per il contenimento e la gestione dell'emergenza epidemiologica da Covid-19, ha chiuso le discoteche e introdotto l'obbligo di mascherina nei luoghi pubblici dove c'è il rischio assembramenti. Lo ha deciso il presidente della terza sezione quater del Tar del Lazio con un decreto monocratico con il quale ha respinto una richiesta di sospensione cautelare urgente proposta dal Silb-Fipe-Associazione Italiana Imprese di Intrattenimento da Ballo e di Spettacolo. Già fissata il 9 settembre l'udienza in camera di consiglio per la valutazione collegiale del ricorso.
    Per il Tar, “nel bilanciamento degli interessi proprio della presente fase del giudizio, la posizione di parte ricorrente risulta recessiva rispetto all'interesse pubblico alla tutela della salute nel contesto della grave epidemia in atto” e “tale interesse costituisce l'oggetto primario delle valutazioni dell'Amministrazione, caratterizzate dall'esercizio di un potere connotato da un elevato livello di discrezionalità tecnica e amministrativa in relazione alla pluralità di interessi pubblici e privati coinvolti e all'esigenza di una modulazione anche temporale delle misure di sanità pubblica nella prospettiva del massimo contenimento del rischio”.

  • Pakistan, 11 morti e 613 casi in 24 ore

    Il Pakistan ha registrato 11 morti per Covid-19 nelle ultime 24 ore, con il totale che sale così a 6.201. I nuovi contagi sono stati 613, che fanno salire il totale a 290.445. Lo rende noto il ministero della Sanità. I guariti dall'inizio della pandemia, lo scorso febbraio, sono 272.128. I pazienti in terapia intensiva sono attualmente 743.

  • Scuola: Boccia, il 14 settembre riapriremo in sicurezza

    “Capisco i ragazzi che vogliono divertirsi ma il nostro dovere oggi è riaprire le scuole. Abbiamo promesso che a settembre riapriremo le scuole con il massimo della sicurezza possibile. Questo oggi è il nostro dovere”. Lo ha detto il ministro per gli Affari Regionali Francesco Boccia ad Agorà su Rai3. “Escludo - ha poi aggiunto - un nuovo lockdown generalizzato. Il 14 settembre - ha concluso - riapriranno le scuole in tutta sicurezza”.

  • Veneto, 33 nuovi positivi

    Sono 33 i nuovi casi di contagio da Coronavirus in Veneto. Il totale dei positivi dall'inizio dell'epidemia sale a 21.375 di cui 1.661 attualmente positivi. Non ci sono nuovi decessi quindi è stabile il conteggio delle vittime che di 2.099 unità (tra ospedali e case di riposo).In terapia intensiva sono 7 i ricoverati.

  • Papa: triste se in vaccino Covid priorità a più ricchi

    “Sarebbe triste se nel vaccino per il Covid-19 si desse la priorità ai più ricchi. Sarebbe triste se questo vaccino diventasse proprietà di tale o quale nazione, non sia universale per tutti”. Così il Papa nell'udienza generale. “E che scandalo sarebbe se tutta l'assistenza economica che stiamo osservando - la maggior parte con denaro pubblico - si concentrasse a riscattare industrie che non contribuiscono all'inclusione degli esclusi, alla promozione degli ultimi, al bene comune o alla cura del creato”, ha aggiunto il Pontefice.

    il discorso di Papa Francesco durante un'udienza privata settimanale in diretta dalla biblioteca del palazzo apostolico durante la pandemia del coronavirus (Afp)

  • Argentina, 300.000 i casi e oltre 6.000 i morti

    I casi di contagio da coronavirus hanno superato nelle ultime 24 ore in Argentina quota 300.000, mentre i morti sono oltre 6.000. E' quanto risulta dall'ultimo rapporto diffuso dal ministero della Sanità a Buenos Aires. I contagiati del giorno, si precisa, sono stati 6.840, portando il totale generale a 305.966, e collocando l'Argentina al 13/o posto fra i Paesi più colpiti al mondo dal Covid-19. Due giorni fa decine di migliaia di persone hanno manifestato a Buenos Aires e in molte altre grandi città contro le misure restrittive imposte dal governo, fra cui in primo luogo la quarantena, più volte estesa da marzo. Comunque, nonostante la situazione epidemiologica sia in forte evoluzione, il ministero del Turismo ha confermato ieri che la stagione estiva australe si svolgerà come sempre, anche se con numerosi protocolli di prevenzione che dovranno essere applicati in ristoranti, bar, alberghi e agenzie di viaggio.

  • Australia vuole rendere il vaccino obbligatorio

    Il primo ministro australiano, Scott Morriison, ha detto di volere rendere obbligatorio il vaccino contro il Covid-19, dopo che il suo governo ha firmato un accordo con la società anglo-svedese AstraZeneca per acquisire il farmaco in fase di sviluppo presso i laboratori di ricerca dell'Univesità di Oxford. Lo riferisce la Bbc, sottolineando che i ricercatori sperano di avere i risultati della fase tre dei test di efficacia entro la fine dell'anno. Morrison ha descritto il vaccino come uno dei più promettenti ed avanzati nel mondo, esprimendo l'intenzione di renderlo obbligatorio per la popolazione, a meno di controindicazioni mediche individuali. Il vaccino, ha spiegato il premier, deve essere “il più possibile obbligatorio”. L'Australia, ha detto ancora Morrison, intende produrre e fornire gratuitamente il vaccino, ma è improbabile che ciò possa avvenire almeno fino al prossimo anno.

    Il Primo Ministro australiano Scott Morrison ha annunciato che gli australiani saranno tra i primi al mondo a ricevere il vaccino COVID-19, se avrà successo, grazie a un accordo tra il governo e la società farmaceutica britannica AstraZeneca (Epa)

  • Papa:Covid spinge disparità, curare ingiustizia sociale

    “La pandemia ha messo allo scoperto la difficile situazione dei poveri e la grande ineguaglianza che regna nel mondo. E il virus, mentre non fa eccezioni tra le persone, ha trovato, nel suo cammino devastante, grandi disuguaglianze e discriminazioni. E le ha aumentate!”, così il Papa all'udienza generale. “La risposta alla pandemia è quindi duplice - ha osservato -. Da un lato, è indispensabile trovare la cura per un virus piccolo ma tremendo, che mette in ginocchio il mondo intero”. Dall'altro, “dobbiamo curare un grande virus, quello dell'ingiustizia sociale, della disuguaglianza di opportunità, della emarginazione e della mancanza di protezione dei più deboli”.

  • Sardegna: un turista positivo a Santa Teresa Gallura

    Altro caso di un turista positivo al Covid nel nord Sardegna. Stavolta si tratta di un vacanziere arrivato a Santa Teresa Gallura (Sassari) il 15 agosto dopo essere stato sottoposto, il giorno precedente, al tampone nella sua città di provenienza. Lo annuncia il sindaco del comune Gallurese, Stefano Ilario Pisciottu su Facebook.
    “E' stato immediatamente sottoposto alla quarantena vigilata ed è in buone condizioni di salute - scrive il primo cittadno - L'origine del contagio, così come riferito dal personale sanitario sarebbe da imputarsi a una precedente vacanza del soggetto positivo all'estero. E' mio dovere informare la comunità che al non sussistono particolari criticità e la situazione, così come comunicata dagli organismi sanitari, risulta essere sotto controllo”. Infine il sindaco raccomanda di seguire le misure di prevenzione e le regole di comportamento anti Covid.
    E per agevolare i cittadini nell'uso delle mascherine dalle 18 alle 6 ha emesso un'ordinanza nella quale vengono indicati i luoghi, le piazze e le strade dove è possibile che si creino assembramenti anche spontanei.

  • In Russia 4.828 casi in 24 ore

    La Russia ha registrato 4.828 nuovi casi di coronavirus in 24 ore, per un totale di 937.321 casi dall’inizio della pandemia, il quarto più grande del mondo. La taskforce russa per il coronavirus ha detto che 117 persone sono morte nelle ultime 24 ore, portando il suo numero ufficiale di morti a 15.989.

  • Sangalli: consumi indietro di 25 anni, a rischio ripresa

    “L'emergenza Covid ha riportato i consumi ai livelli più bassi degli ultimi 25 anni. Inoltre, ci preoccupa l'aumento delle spese obbligate delle famiglie - come affitti, bollette, assicurazioni - che erodono quasi il 44% dei consumi totali”. Così il presidente di Confcommercio, Carlo Sangalli, sull''analisi dell'Ufficio Studi della Confederazione. “Se non si interviene con decisione tagliando le tasse perderemo definitivamente la possibilità di agganciare la ripresa economica”.

  • Confcommercio, sale spesa obbligata famiglie a causa del virus

    Affitti, bollette, cure mediche: nel 2020 si registra “una compressione delle spese libere e un aumento di quelle obbligate” che salgono al 44% complessivo. A dirlo è l'Ufficio Studi di Confcommercio che ha analizzato le spese delle famiglie italiane dal 1995 ad oggi. “Per la prima volta dal 2007 si spende più per i gli alimenti che per i servizi” perche' pesa l'effetto lockdown.

  • Roche: accordo con Regeneron su farmaco sperimentale anti Covid-19

    Regeneron e Roche stanno collaborando per realizzare un cocktail di anticorpi sperimentali contro il Covid-19. Se Il farmaco dovesse ottenere l'approvazione, in base all'accordo, la società statunitense lo venderebbe negli Stati Uniti e la casa farmaceutica svizzera potrebbe distribuirlo altrove.
    Regeneron ha detto di aspettarsi i dati iniziali dalle sperimentazioni in corso sul suo cocktail di anticorpi Covid-19, chiamato REGN-COV2, il mese prossimo.
    Il farmaco, tra i tanti in fase di sviluppo da parte di produttori di farmaci che cercano un trattamento per il nuovo coronavirus, ha prevenuto e curato la malattia nei macachi rhesus e nei criceti, ha spiegato Regeneron.
    Insieme a Roche, Regeneron mira ad aumentare la capacità di produzione complessiva di REGN-COV2 di almeno tre volte e mezzo nel tentativo di soddisfare eventuali esigenze statunitensi e globali. La mossa di Roche di unire le forze con Regeneron arriva dopo che il suo stesso farmaco, Actemra, è fallito in un test contro il Covid-19.
    “REGN-COV2 potrebbe fornire un'opzione di trattamento sia per le persone che già manifestano sintomi di Covid-19 sia per prevenire l'infezione nelle persone esposte al virus, rallentando così la diffusione della pandemia globale”, ha detto Roche in una nota.
    Le aziende finanzieranno e gestiranno congiuntamente la fase 3 e gli studi su volontari sani nella fase 1 nonché ulteriori studi globali per valutare ulteriormente REGN-COV2 nel trattamento o nella prevenzione del Covid-19, ha spiegato Roche.

  • 297 casi in Corea Sud, massimi da marzo

    La Corea del Sud segna altri 297 nuovi casi di coronavirus, saliti ai massimi dall'8 marzo quando i contagi furono 367: secondo i dati diffusi dal Korea Centers for Disease Control and Prevention, è da una settimana che le infezioni si attestano a tre cifre a causa del focolaio delle chiese di Seul, da oggi ufficialmente in lockdown. Con i nuovi casi odierni, di cui 283 di trasmissione domestica e 14 importati, il totale è salito a 16.058, mentre i decessi restano fermi a 306. Seul ha rafforzato le misure di distanziamento sociale, estese anche alla vicina Incheon.

    Un poliziotto si sottopone al test per il coronavirus in Corea del Sud (Epa)

  • Usa: fuga da Ny, boom appartamenti in affitto

    New York sta pagando a caro prezzo il coronavirus. Una fuga dalla città ha reso disponibile la cifra record di oltre 120.000 appartamenti in affitto nei mesi di giugno e luglio, il 26% in più rispetto allo stesso periodo dello scorso anno. Un balzo di disponibilità che mette sotto pressione i prezzi, perché i proprietari delle abitazioni a concedere generosi sconti. “L'economia di New York sta pagando duramente: c'è una migrazione da Manhattan”, afferma Jonathan Miller, il presidente di Miller Samuel Real EState Appraisers & Consultants. Per anni la gente emigrata da New York ma la città ha sempre trovato modo per attrarre i giovani: si è ripresa dopo l'11 settembre e dopo la Grande Recessione del 2008. La pandemia di coronavirus è però sostanzialmente diversa, con il tasso di disoccupazione in città al 20%, il doppio del 2008 e vicino a livelli non visti dalla Grande Depressione. Una cifra elevata per una delle città più costose al mondo. A questo si aggiungono i timori di una seconda ondata di coronavirus con le temperature più fredde. Un mix che preoccupa soprattutto le autorità per il buco di bilancio sempre più pesante nelle casse pubbliche, che già risentano dell'assenza dei turisti.

  • Superati i 22 milioni di contagi nel mondo

    I contagi da coronavirus nel mondo hanno superato la soglia dei 22 milioni, secondo il conteggio dell'università americana Johns Hopkins. I decessi totali legati al Covid-19 sono quasi 780mila

  • Libia, 489 casi in 24 ore

    Crescono ancora in maniera marcata i casi di coronavirus in Libia, che registra nelle ultime 24 ore altri 489 nuovi contagi portando a 9.068 il totale dei casi confermati nel Paese. Lo ha reso noto il Centro nazionale libico per il controllo delle malattie sulla propria pagina ufficiale Facebook, precisando che i morti salgono a 164, i guariti a 1.003 e le persone attualmente positive passano a 7.901, con una distribuzione dei casi ormai in tutte le regioni del Paese. La situazione è critica nella maggior parte delle strutture sanitarie libica, segnalano i media locali. L'amministrazione della città di Misurata ha proclamato il coprifuoco sanitario per due settimane nel tentativo di limitare la diffusione del virus.

    LE NOTIZIE SUL CORONAVIRUS DEL 18 AGOSTO

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti