Attualità

Coronavirus ultime notizie. Federmeccanica: green pass sia per ogni ambiente di lavoro

News in breve dall’Italia e dal mondo

Covid, ancora immuni a un anno dalla malattia: lo studio su Ariano Irpino
  • Fed, Verbali: Da Covid e variante Delta ancora rischi per economia

    In merito all'”incertezza e rischi associati ale prospettive economiche, l'incertezza è piuttosto alta, con un rallentamento in corso delle vaccinazioni e sviluppi della variante Delta del Covid,variante che pone rischi al ribasso per le prospettive economiche. E' quanto emerge dai verbali del Fomc (Federal Reserve) relativi alla riunione di luglio.

  • New York punirà agenti no vax senza mascherina in servizio

    Linea dura della polizia di New York che d'ora in avanti punirà gli agenti ancora non vaccinati che non indosseranno la mascherina in servizio, sia all'esterno che in luoghi chiusi. Lo riporta il New York Post citando delle nuove linee guida diramate nelle ultime ore a tutti i commissariati della Grande Mela. La mossa alla luce dell'allarme per il diffondersi della variante Delta e degli ultimi dati che indicano come solo il 43% del personale della polizia newyorchese, in uniforme e civile, sia vaccinato.

    Yankee Stadium, New York. (AP Photo/Mary Altaffer)

  • Ministero Istruzione invia Protocollo sicurezza a scuole

    Il Ministero dell'Istruzione ha inviato alle istituzioni scolastiche il Protocollo di sicurezza siglato il 14 agosto scorso con le Organizzazioni sindacali accompagnato da una nota esplicativa che contiene anche indicazioni sul tema dei tamponi diagnostici. La nota allegata al Protocollo ricorda che il Ministero sta assegnando alle scuole “specifiche risorse per affrontare l'emergenza sanitaria” e garantendo “il costante supporto amministrativo – contabile”.

    PER APPROFONDIRE: Scuola, ecco le 10 regole per tornare in presenza

  • Vaccini: Spagna, ciclo completo per oltre 30 milioni di persone

    Sono ora 30,2 milioni le persone che hanno completato il ciclo di vaccinazione contro il covid in Spagna: si tratta del 63,8% della popolazione complessiva del Paese e del 71,8% di quella a cui è somministrabile il vaccino (persone dai 12 anni in su). Lo si apprende dall'ultimo aggiornamento del Ministero della Sanità. Le persone con almeno una dose sono invece 35 milioni (il 73,9% della popolazione). A riguardo della campagna di vaccinazione, che in Spagna ha raggiunto indici di copertura tra i più alti al mondo, oggi la ministra della Sanità, Carolina Darias, ha affermato in un video diffuso sui social che i risultati raggiunti sinora rappresentano “un successo collettivo come Paese”. “Dobbiamo continuare a somministrare dosi per ottenere un'amplissima copertura vaccinale” e “incentivare nuovi spot di vaccinazione senza prenotazione”, ha aggiunto.

    Vaccinazioni anti Covid per ragazzi e ragazze over 12 a Madrid. (EPA/CHEMA MOYA)

    Alcune regioni hanno già attivato strategie di questo tipo per contrastare il rallentamento delle vaccinazioni registrato ad agosto, periodo in cui molti spagnoli vanno in ferie. Intanto, restano in calo gli indicatori sull'andamento della pandemia. Secondo gli ultimi dati ufficiali, l'incidenza su 14 giorni è scesa rispetto ieri da 399 a 378 casi ogni 100.000 abitanti, mentre i tassi di occupazione da parte di pazienti Covid in reparti ordinari e nelle terapie intensive sono, rispettivamente, del 7,53% e del 20,28% (ieri erano del 7,83% e del 20,71%). Oggi sono state notificate 144 morti, stesso numero di quelle comunicate ieri. In base alle date di decesso, non tutte sono tuttavia attribuibili a una sola giornata.

  • Pregliasco (Statale Milano): Vaccini tossici? Fake news terrificante

    “È fondamentale smentire la bufala sulla tossicità dei vaccini e ribadire che” questi non nascono “come un coniglio dal cappello ma sono frutto di una tecnologia di ricerca ultra-decennale”. Lo afferma il virologo Fabrizio Pregliasco, docente dell’Università Statale di Milano commentando la fake news diffusa nei giorni scorsi sui social e costruita su una falsa carta intestata dell’ospedale Cardarelli di Napoli, in cui si documentava la tossicità dei vaccini anti- Covid . “Queste fake news sono terrificanti - dice il virologo - perché sono elementi che, in un contesto di creduloni o comunque di dubbiosi, riconfermano che c’è una base di sfiducia verso le istituzioni e verso la trasparenza. Una trasparenza che talvolta - rileva amaro Pregliasco - ha giocato male perché quello che si è detto sul vaccino AstraZeneca e sugli effetti collaterali doveva essere visto come un segno di attenzione spasmodica verso la trasparenza e invece ci si è rivoltata contro”.

  • Slitta per la terza volta vertice Onu su biodiversità

    Slitta per la terza volta a causa della pandemia di coronavirus la 15/a Conferenza delle Nazioni Unite sulla biodiversità, il più grande vertice sul tema degli ultimi 10 anni e che dovrà indicare gli obiettivi per il prossimo decennio, in programma il prossimo ottobre a Kunming, in Cina. Lo ha annunciato il ministro dell’Ecologia e dell’ambiente cinese, secondo quanto riportano vari media. L’evento, inizialmente in agenda ad ottobre 2020, è stato posticipato a maggio 2021 e poi ancora in ottobre 2021. Ora, i negoziati saranno avviati in modo virtuale fra l’11 e il 15 ottobre prossimo per concludersi in una seconda fase “in presenza”, vista l’importanza di adottare misure fondamentali per il futuro delle specie animali e vegetali, sempre a Kunming, nella prima metà del 2022, dal 25 aprile all’8 maggio. Fra gli obiettivi, ci sarebbero tra l’altro il taglio di due terzi dei pesticidi, l’eliminazione dell’inquinamento da plastica e proteggere il 30% della terra e dei mari del Pianeta.

  • Superata quota 81 milioni di vaccini dati alle Regioni

    Sono 81.310.918 le dosi di vaccino anti Covid distribuite alle Regioni. È quanto si evince dal report ufficiale del Governo e delle Commissario Straordinario. Fino alle 17 del 18 agosto ne sono state somministrate 74.410.111 pari al 91,5% del totale. L’incremento nelle ultime ore è stato di circa 4 milioni di dosi arrivate in più. Complessivamente sono stati distribuiti 57.245.277 vaccini di Pfizer/BioNTech, 10.083.667 di Moderna, 12.023.280 di Vaxzevria (AstraZeneca) e 1.958.694 di Janssen.

  • In Sicilia sempre record negativi: 997 contagiati e 25 morti

    Non si ferma l’onda lunga dei nuovi contagi in Sicilia: anche il 17 agosto si sono registrati 997 nuovi casi di Covid su 15.038 tamponi processati in Sicilia. Cresce l’incidenza al 6,6%, due punti in più rispetto al giorno precedente. Gli attuali positivi sono 19.717 con un decremento di altri 232 casi. I guariti sono 1.204. I morti sono 25 fra quelli di ieri (1) e quelli dei giorni precedenti (24). Aumentano ancora i ricoveri arrivati a quota 701 i ricoverati, con 17 accessi in più in un giorno. Tre pazienti sono finiti in terapia intensiva che raggiunge gli 80 i ricoverati. A livello provinciale Palermo ha 148 nuovi contagiati, Catania 161, Messina 18, Siracusa 114, Ragusa 174, Trapani 85, Caltanissetta 139, Agrigento 85, Enna 73.

  • In Liguria da lunedì vaccini senza prenotazione per ragazzi 12-18 anni

    “Da lunedì i ragazzi tra i 12 e i 18 anni si potranno vaccinare senza prenotazione in tutte le Asl della Liguria. Questo ci garantirà una nuova accelerata in questa fascia d'età, che sta comunque procedendo a ritmo spedito. Più del 50% dei giovani (49.371) nella fascia 12-19 anni ha infatti già ricevuto almeno una dose di vaccino anti Covid-19. Un risultato che testimonia quanto i ragazzi abbiano capito l'importanza di ripartire in sicurezza. Un grazie va anche ai genitori che hanno permesso ai loro figli di vaccinarsi, garantendogli un futuro più spensierato e libero. Ci auguriamo che siano d'esempio per gli over 50 che ancora non hanno aderito alla campagna, mettendo a rischio la loro vita e quella degli altri”. Così il presidente della Regione Liguria e assessore alla Sanità Giovanni Toti in merito all'andamento delle vaccinazioni tra i più giovani.

    Il presidente della regione Liguria, Giovanni Toti. ANSA/LUCA ZENNARO


  • Federmeccanica: green pass sia per ogni ambiente di lavoro

    Il dibattito sul green pass per le mense “crea confusione”, porta fuori strada. Per il presidente di Federmeccanica, Federico Visentin, la soluzione è in 3 punti: obbligo di green pass in tutti gli ambienti di lavoro. Nessun obbligo di vaccino ma costi dei tamponi a carico dei lavoratori. E chi non accetta resta a casa senza stipendio”. La strada può essere quella di un aggiornamento del protocollo sulla sicurezza ma “non possiamo permetterci di perdere tempo. Se c’è la volontà va fatto subito”; o serve una posizione del Governo che “non lasci dubbi. Posizioni deboli fanno male”.

  • In Israele dosi nelle scuole a personale e alunni dai 12 anni

    Il direttore generale del ministero della Salute israeliano, Nachman Ash, ha firmato una direttiva per effettuare le vaccinazioni nelle scuole durante i giorni di lezione. Lo riporta il Times of Israel specificando che la direttiva prevede di consentire l’accesso negli istituti durante l’orario scolastico alle squadre del ministero della Salute le quali somministreranno i vaccini al personale disponibile e agli studenti di età superiore ai 12 anni, che hanno il permesso scritto dei loro genitori per essere immunizzati.

  • Assessorato Sicilia: Nessuna circolare svuota ospedali

    La Regione Siciliana agisce con estremo scrupolo nell’esclusivo obiettivo di fronteggiare la crescita dei contagi da Covid-19 e consentire a chi lo necessita di essere curato in maniera appropriata. Non c’è nessuna circolare ’svuota ospedali’, come sostenuto da qualcuno, poiché le dimissioni dei pazienti dai reparti per essere curati a domicilio vengono effettuate secondo criteri definiti dall’Agenas, l’Agenzia nazionale per i servizi regionali e riportati nel parere del Comitato Tecnico Scientifico regionale”. Lo afferma l’assessorato regionale alla Salute sottolineando che “la Regione sta adottando un criterio di precauzione nel riportare le disponibilità di posti letto ai parametri di marzo, non per sfuggire alle restrizioni imposte dai ’colori’, ma per fronteggiare le richieste di ricoveri, visti i comportamenti sociali poco attenti al rispetto delle regole di prevenzione e l’alto numero di turisti che affollano l’Isola”.

  • Mirabaud: Sondaggi segnalano aumento preoccupazioni su ripresa economica

    “Gli ultimi sondaggi relativi all’attività economica di agosto indicano un rallentamento. Se guardiamo il sentiment dei consumatori, l’ottimismo è precipitato, almeno stando alla rilevazione mensile dell’Università del Michigan, con l’indice aggregato sceso al minimo decennale. La causa principale di questo brusco calo è la recrudescenza dei casi di Covid-19 e la diffusione della variante Delta. Il calo dell’indice ha una base ampia, con diminuzioni registrate in tutti i gruppi demografici e in varie aree geografiche”. Ad evidenziarlo, in un report, è Gero Jung, Chief Economist, Mirabaud Am. I dati sull’inflazione, osserva, “sono entrati in una fase di moderazione, almeno secondo i dati Cpi pubblicati la scorsa settimana. In effetti le pressioni sui prezzi nei settori più sensibili alla pandemia - che hanno avuto il peso maggiore nella recente impennata dell’inflazione - hanno iniziato a diminuire. Lo dimostrano i dati sui prezzi del noleggio di auto (- 4,6% su base mensile), su quelli dei biglietti aerei (-0,1%), così come il calo dei prezzi delle auto usate, in discesa dello 0,2% sul mese, rispetto a un precedente aumento mensile dell’11%”. Per quanto riguarda i sondaggi sulle imprese di agosto, rileva Jung, “la rilevazione Empire State manufacturing della Fed di New York - pur segnalando ancora una crescita - suggerisce un significativo rallentamento. Le prospettive di crescita a 6 mesi sono effettivamente aumentate, mentre gli indicatori dei prezzi rimangono alti, con i prezzi di vendita che hanno segnato un nuovo record”.

  • Usa, obbligo mascherine su aerei e treni sino a gennaio

    I funzionari federali americani hanno deciso di estendere l'obbligo di indossare le mascherine sugli aerei, cosi' come su treni e autobus, sino al 18 gennaio 2022. La misura, decisa a causa dei timori per la diffusione della variante Delta, e' stata annunciata dalla Tsa, l'autorita' incaricata della verifica della sicurezza dei passeggeri. “Lo scopo della direttiva è ridurre al minimo la diffusione del covid sui trasporti pubblici”, ha affermato l'agenzia in una nota, secondo quanto riportato dai media Usa. La misura era in scadenza il 13 settembre, ma diverse compagnie aeree, tra cui Southwest e Spirit, hanno avvertito di un calo delle prenotazioni e di un aumento delle cancellazioni, tendenze che hanno attribuito ai timori degli americani per la variante Delta.

    Sacramento, California.(AP Photo/Rich Pedroncelli)

  • Israele, terza dose protegge all'86% over 60

    La terza dose del vaccino Pfizer, ad una settimana o oltre dell'inoculazione, mostra una efficacia contro il virus dell'86% tra gli over 60. Lo indicano i primi risultati di uno studio condotto dal Maccabi, la maggior cassa mutua di Israele dove oltre 1 milione di persone ha avuto il booster dopo la doppia immunizzazione. Lo studio ha comparato quasi 150mila persone al settimo giorno dalla terza dose, con oltre 675mila individui -distinti per età, genere, stato sociale e gruppo di popolazione - con solo 2 dosi tra gennaio e febbraio 2021, 5 mesi prima. Nel primo gruppo a diventare positivi sono stati in 37, mentre nel secondo 1.064.

    Somministrazione della terza dose di vaccino Pfizer-BioNtech a Gerusalemme, Israele, 15 agosto 2021. (Photo by Menahem KAHANA / AFP)

  • Nel Lazio 703 nuovi casi e sei decessi. Roma a quota 425

    “Oggi nel Lazio si registrano 703 nuovi casi positivi compresi i recuperi (+152), i nuovi casi positivi sono 58 in meno rispetto a mercoledì 11 agosto. 6 decessi (-2) compresi i recuperi. I ricoverati sono 524 (+19), le terapie intensive sono 64 (-2), i guariti sono 792. I casi a Roma città sono a quota 425”. Lo rende noto l’assessore alla Sanità della Regione Lazio, Alessio D’Amato.

  • Comune calabrese vieta ingresso ai no Green Pass: esposto a Garante

    Un esposto contro l’ordinanza del sindaco di Marcellinara (Catanzaro) che vieta l’ingresso in Comune ai cittadini sprovvisti di Green Pass. Lo hanno presentato all’Ufficio del Garante per la protezione dei dati personali la senatrice Bianca Laura Granato (L’alternativa c’è) ed il vicepresidente nazionale del Codacons Francesco Di Lieto. Nel documento inoltrato a Roma il coordinamento per i diritti dei consumatori e la parlamentare chiedono un immediato intervento nei confronti del sindaco Vittorio Scerbo.

    “Le misure di sanità pubblica che implichino il trattamento di dati personali - dichiarano Granato e Di Lieto - costituiscono materia di competenza esclusiva dello Stato e previo parere dell’Ufficio del Garante sono sottratte alle competenze degli Enti Locali. A ciò si aggiunge come la normativa nazionale - di rango primario - non abbia previsto l’esibizione della certificazione verde Covid19 (Green Pass) quale condizione per l’accesso dell’utenza agli uffici pubblici”.

  • Studio: copertura totale frena mutazioni variante Delta

    La copertura globale della popolazione con il vaccino anti Covid-19 è decisiva per impedire che la variante Delta, dominante in Italia come nella maggior parte del mondo, possa accumulare mutazioni che la rendano più pericolosa. Lo indicano i primi dati su questo tema, relativi a 16 Paesi compresa l’Italia e raccolti da Ting-Yu Yeh e Gregory Contreras, dell’Università del Maryland. I dati sono disponibili online sulla piattaforma medRxiv, che accoglie gli articoli in attesa di revisione da parte della comunità scientifica. “Presentiamo la prima prova che il tasso di copertura della vaccinazione è inversamente correlato alla frequenza di mutazione della variante Delta del virus SarsCoV2 in 16 Paesi”, scrivono i ricercatori, e i dati “indicano con forza che la vaccinazione piena anti Covid-19 è cruciale per sopprimere le mutazioni emergenti”. Alla luce di questi dati, osservano, la vaccinazione globale, ossia della popolazione mondiale, è decisiva per prevenire la trasmissione del virus, ed è necessario continuare ad adottare le strategie di mitigazione e la sorveglianza genomica.

    Per approfondire: Covid, variante delta al 91% in Italia. Ma preoccupa la lambda

  • Superate le 570mila vittime in Brasile

    Il Brasile ha superato la soglia dei 570 mila decessi legati al coronavirus, mentre si stima che questa settimana raggiungerà i 20,5 milioni di contagiati dall’inizio della pandemia, nel febbraio 2020. Con 1.137 decessi registrati fnelle ultime 24 ore, il colosso latinoamericano, secondo Paese al mondo nella classifica dei decessi, ha raggiunto 570.718 vittime. La media mobile è stata di 833 decessi al giorno durante l’ultima settimana, il che indica una diminuzione del 10% rispetto alla media riportata 14 giorni fa. Contestualmente sono stati registrati 38.218 nuovi contagiati, portando il totale a 20.417.204. Nel frattempo, la media mobile dei casi è stata di 29.117 al giorno negli ultimi sette giorni, il che indica un calo dell’11% rispetto al dato registrato due settimane fa.

    A Brasilia gli studenti tornano a scuola in presenza dopo un anno di didattica a distanza, 5 agosto 2021 (AP Photo/Eraldo Peres)

  • La Tunisia allenta le misure anti-Covid

    Niente più quarantena all’ingresso per chi ha completato il ciclo vaccinale e coprifuoco notturno che slitta dalle 22:00 alle 24:00 (fino alle 5 del mattino): queste le principali novità annunciate dal presidente tunisino, Kais Saied, nell’ambito di una serie di misure anti Covid che andranno in vigore a partire dal 19 agosto. Misure decise dopo aver consultato il Comitato per la lotta al Coronavirus, che riflettono una situazione sanitaria legata al covid in miglioramento e con una campagna vaccinale che ha raggiunto ritmi considerevoli nelle ultime settimane, anche grazie agli aiuti ricevuti da diversi Paesi. Mentre saranno autorizzati gli assembramenti per le persone completamente vaccinate in spazi aperti, pur nel rispetto dei protocolli sanitari, rimarranno vietati manifestazioni e assembramenti pubblici, privati e familiari negli spazi chiusi, ha annunciato ancora la presidenza. Restano tuttavia in vigore le misure applicate a chi entra in Tunisia, con la presentazione di un test Pcr negativo effettuato non più di 72 ore prima dell’entrata sul territorio e l’obbligo di una quarantena di dieci giorni.

  • Dosi giornaliere di vaccini somministrati passano da 550mila 270mila

    Forte calo della media settimanale del numero di dosi somministrate al giorno, che, “dopo essere stata per sei settimane compreso tra 530.000 e 550.000, nelle ultime 3 settimane è scesa a 485.000, 400.000 e 270.000 della scorsa settimana”. Ad evidenziarlo, nell’analisi dei dati dell’andamento epidemiologico del Covid-19 in Italia, il matematico Giovanni Sebastiani, dell’Istituto per le Applicazioni del Calcolo “Mauro Picone” del Consiglio Nazionale delle Ricerche (Cnr) sottolineando che al momento sono “2,8 milioni le persone in attesa della seconda dose Pfizer a fronte di una disponibilità di 2 milioni di dosi”.

    PER APPROFONDIRE: Vaccini in tempo reale

  • Club Serie A contraria a riapertura impianti al 35%: Volley muore

    Allianz Powervolley Milano esprime totale disaccordo e contrarietà di fronte alla prospettata riapertura degli impianti limitata al 35% della capienza. Come club, sin dalle prime avvisaglie della pandemia , abbiamo messo al primo posto la tutela della salute. Dei nostri atleti. Del nostro staff. Del nostro pubblico, talmente ben educato e corretto da farlo sembrare un pubblico teatrale”. Così l’Allianz Powervolley Milano in una nota diffusa in contemporanea da tutte le società di Superlega e Serie A maschile e femminile si esprime in merito al limite del 35% di pubblico negli spalti durante le partite della prossima stagione per le norme contro il Covid. “Oggi, con il procedere della campagna vaccinale e con l'introduzione del green pass , non si comprende perché non si possa tornare ad una partecipazione “normale”, in assoluta sicurezza, all'interno dei Palazzetti -prosegue il comunicato-. Se il vaccino protegge in misura inferiore al 100% si aggiunga l'obbligo di indossare la mascherina per aumentare ulteriormente la sicurezza. Il rischio zero non esiste e non esisterà mai: il Sars Cov-2 è ormai endemico. Io cittadino/a vorrei fare una domanda al Cts ed al Ministro Speranza: “Se ho il vaccino e uso la mascherina, perché non dovrei sentirmi sicuro in un palasport insieme a tutti gli altri tifosi?. È bene si sappia che un taglio degli incassi (tra biglietteria ed abbonamenti) pari al 65% implica, di fatto, la fine della pallavolo a Milano e altrove, così come l'abbiamo conosciuta”.

  • In Usa 1.000 morti in un giorno, non succedeva da marzo

    Gli Stati Uniti hanno registrato in un giorno oltre 1.000 morti per il Covid-19 . È la prima volta da marzo, a dimostrazione del pericolo portato dalla variante Delta del coronavirus nelle zone con meno vaccinati. Il numero di morti è sensibilmente aumentato nell’ultimo mese, con la media che ha raggiunto i 769 al giorno, la più alta dalla metà di aprile. Il 17 agosto, l’amministrazione Biden ha confermato l’intenzione di estendere l’obbligo di indossare la mascherina a bordo di aerei, treni, autobus e negli aeroporti e nelle stazioni ferroviarie fino alla metà di gennaio. Il 17 agosto, i morti registrati negli Stati Uniti sono stati 1.017, per un totale appena inferiore ai 623.000. Negli ultimi 12 giorni, i nuovi casi sono sempre stati più di 100.000 al giorno. Il numero di ricoveri è aumentato di circa il 70% nelle ultime 2 settimane. Aumentato anche il numero di bambini ricoverati: 1.834. L’epicentro di questa ondata di contagi resta nel Sud del Paese.

  • Cardarelli Napoli: falso studio su tossicità, presentata denuncia

    In questi giorni circola sui social network una falsa documentazione su carta intestata apparentemente riconducibile all'Azienda Ospedaliera Antonio Cardarelli di Napoli. Una documentazione, come informa una nota della Direzione, “creata ad arte per generare allarme nella popolazione e indurre a vestire di rilevanza scientifica la fake news della tossicità dei vaccini ”. La Direzione Strategica del Cardarelli prende le distanze da questo tipo di messaggio e sottolinea di non aver mai prodotto alcuno studio in merito. Viene anzi ribadito il “ruolo centrale dei vaccini nella lotta al Covid quali unica arma oggi disponibile per ridurre sensibilmente il rischio di un contagio e comunque di sviluppare forme gravi della malattia”. “I vaccini - ribadisce il direttore sanitario Giuseppe Russo - hanno dimostrato di essere efficaci e sicuri. Chi ha prodotto questo falso documento ha voluto usare la nostra credibilità per osteggiare la campagna vaccinale e insinuare dubbi e timori nella popolazione. Un comportamento irresponsabile che potrebbe costare delle vite”.
    La direzione sanitaria del Cardarelli rende noto di aver presentato sulla vicenda un esposto contro ignoti alle autorità competenti.

  • Abu Dhabi rimuove Italia, Usa e Israele da lista “verde”

    Abu Dhabi ha rimosso Italia, Israele e Stati Uniti oltre a Armenia, Austria e Maldive, dalla lista ’verde’, di cui fanno parte ora 28 Paesi considerati dalle autorità emiratine a basso rischio Covid . Lo hanno riferito i media emiratini, precisando che tra i Paesi ancora ’verdi’ figurano Australia, Canada, Cina e Arabia Saudita. I passeggeri in arrivo ad Abu Dhabi dai Paesi della lista ’verde’ non devono osservare la quarantena, mentre i viaggiatori (vaccinati) provenienti dagli altri Paesi, oltre al test all’arrivo, dovranno sottoporsi ad un periodo di quarantena di 7 giorni monitorato con braccialetto elettronico, che sale a 10 giorni per i non vaccinati. Negli Emirati sono riconosciuti i vaccini anti-Covid Sinopharm, Sinovac, Johnson, Pfizer, Sputnik V, Oxford-AstraZeneca e Moderna.

  • A Brescia chiusa discoteca Paradiso per 15 giorni

    Il questore della Provincia di Brescia ha disposto la chiusura per 15 giorni della discoteca ’Paradiso’. Il provvedimento arriva dopo l’escalation di episodi violenti che sono accaduti nel locale, coinvolgendo soggetti pregiudicati in evidente stato di ebbrezza alcolica e che sono culminati in diversi interventi avvenuti in quest'ultimo periodo. In particolare, la notte del 15 agosto, la volante è intervenuta unitamente al 118 per una violenta aggressione ai danni di un avventore, che ha seguito di un diverbio è stato colpito da un pugno al volto, riportando la frattura della mandibola. Mentre l'8 agosto i poliziotti della Squadra Volante erano intervenuti all'esterno del locale per una rissa; l'episodio aveva avuto origine all'interno della discoteca in seguito a un alterco per futili motivi tra 2 gruppi di ragazzi. Episodio molto simile a questo, è avvenuto anche lo scorso 4 luglio, nel quale sono rimasti feriti 2 ragazzi per i quali si è reso necessario l'intervento del 118.

  • La Tunisia allenta le misure restrittive per chi ha fatto il vaccino

    Niente più quarantena all’ingresso per chi ha completato il ciclo vaccinale e coprifuoco notturno che slitta dalle 22:00 alle 24:00 (fino alle 5 del mattino): queste le principali novità annunciate dal presidente tunisino, Kais Saied, nell’ambito di una serie di misure anti Covid che andranno in vigore dal 19 agosto. Misure decise dopo aver consultato il Comitato per la lotta al coronavirus, che riflettono una situazione sanitaria legata al covid in miglioramento e con una campagna vaccinale che ha raggiunto ritmi considerevoli nelle ultime settimane, anche grazie agli aiuti ricevuti da diversi Paesi. Mentre saranno autorizzati gli assembramenti per le persone completamente vaccinate in spazi aperti, pur nel rispetto dei protocolli sanitari, rimarranno vietati manifestazioni e assembramenti pubblici, privati e familiari negli spazi chiusi, ha annunciato ancora la presidenza. Restano tuttavia in vigore le misure applicate a chi entra in Tunisia, con la presentazione di un test Pcr negativo effettuato non più di 72 ore prima dell’entrata sul territorio e l’obbligo di una quarantena di 10 giorni. La Tunisia ha registrato il 16 agosto 2.952 nuovi casi di covid su 13.576 test eseguiti, con un tasso di positività del 21,74% e 30 decessi. Dall’inizio della pandemia, il numero di morti in Tunisia è stato di 22.148, mentre i contagi sono stati 629.702. I vaccinati con una dose sono 3.427.863, mentre 1.309.419 sono coloro che hanno ricevuto entrambe le dosi, su una popolazione di circa 12 milioni di persone.

  • In Veneto interventi per 77 milioni per aziende sanitarie e ospedaliere

    La Giunta Regionale del Veneto, su proposta dell'assessore alla Sanità ed ai Servizi Sociali, Manuela Lanzarin, ha approvato una delibera che apre la via ad una vasta operazione di investimenti in alcune aziende sanitarie della Regione. L'operazione, del valore di oltre 77.500.000 euro, è mirata all'acquisto o al rinnovo di dotazioni tecnologiche, all'acquisizione di servizi e alla ristrutturazione o realizzazione di immobili. Il documento prende atto dei pareri favorevoli alla congruità delle spese espressi, nell'ultima seduta, dalla Crite (Commissione regionale per gli investimenti tecnologici e in edilizia sociosanitaria), valutando ed approvando una serie di progetti presentati dalle aziende Ulss e ospedaliere che ricorreranno a varie forme di finanziamento. Con lo stesso provvedimento, la Giunta Regionale ha deliberato finanziamenti per 18.196.395,30 euro complessivi, a sostegno diretto di parte dei progetti. “Nonostante da 18 mesi le nostre aziende sanitarie si stiano misurando con l'emergenza legata al contagio del Coronavirus - sottolinea l'assessore Lanzarin - hanno dimostrato di non aver perso di vista le necessità della nostra sanità e che hanno saputo essere in grado di pensare a nuovi investimenti. Ciò dimostra il senso di responsabilità ed efficienza che, a fronte di eccezionali e oggettive difficoltà negli ultimi tempi, ha consentito di mantenere l'attenzione su quanto è necessario per continuare a garantire l'elevato livello qualitativo dei servizi che vengono erogati a beneficio dei cittadini. Gli investimenti approvati su proposte delle aziende vanno dall'acquisizione di strumentazione diagnostica di ultima generazione alla ristrutturazione di spazi per la creazione di nuovi ambienti più consoni. È il segno di una attenta e responsabile valutazione delle esigenze ai fini di una coerente programmazione”.

  • Via libera della Ue ad aiuti da 43 milioni per società sportive italiane

    La Commissione europea ha approvato lo schema italiano da 43 milioni di euro a sostegno delle aziende attive nel settore sportivo colpite dall’epidemia di coronavirus . Il regime è stato approvato nell’ambito del quadro temporaneo sugli aiuti di Stato. Il programma, che sarà gestito dall’Istituto per il credito sportivo (Ics), sarà aperto alle associazioni sportive e agli enti sportivi dilettantistici, nonché alle società sportive professionistiche impegnate nei campionati a squadre nazionali delle discipline olimpiche e paraolimpiche, registrate in Italia. Il sostegno pubblico assumerà la forma di garanzie statali a titolo gratuito a copertura del 90% dei prestiti con importo nominale fino a 30.000 euro; garanzie statali fino a 5 milioni di euro a copertura dell’80% dell’importo del prestito sottostante; tassi di interesse agevolati su tutti i finanziamenti. L’obiettivo del regime, che si applica solo ai nuovi prestiti (ossia quelli concessi dopo l’adozione della decisione della Commissione), è aiutare i beneficiari a far fronte alle carenze di liquidità, consentendo loro di proseguire l’attività durante e dopo l’epidemia.

  • Dall’Entella un biglietto per la partita di Serie C ai giovani che si vaccinano

    Un biglietto per assistere a una delle prime gare casalinghe della Virtus Entella, club della Lega Pro di calcio, ai ragazzi che dal 19 agosto si vaccineranno all’ambulatorio mobile sul litorale del levante genovese. L’iniziativa dell’Entella, in collaborazione con Regione Liguria e l’Asl 4 di Chiavari (Genova), prevede la consegna di un tagliando (arriverà via mail a chi si è vaccinato ) per assistere alla prima gara di campionato con il Teramo ai ragazzi della fascia 12-17 anni che da domani effettueranno la seconda dose o a una delle prime gare interne dei biancocelesti per chi invece farà la prima dose. L’ambulatorio mobile Gulliver 4 Teens transiterà giovedì 19 agosto a Moneglia, venerdì 20 luglio a Riva Trigoso, sabato 21 agosto a Chiavari, giovedì 26 agosto a Lavagna, venerdì 27 agosto a Sestri Levante e sabato 28 agosto a Zoagli: “Abbiamo accolto con favore l’iniziativa dell’Entella, con un connubio sport-giovani-vaccini che sarà certamente vincente”, spiega il direttore generale di Asl 4 Paolo Petralia. Chi si vaccinerà con seconda dose a inizio settembre potrà accedere gratuitamente al Comunale il 12 settembre in occasione di Entella-Lucchese. “Siamo orgogliosi di poter incentivare la vaccinazione tra i giovani - ha aggiunto il presidente del club chiavarese Antonio Gozzi -. Si tratta di un piccolo contributo che ci consente anche di rendere ancora più forte la collaborazione con la Asl 4 che ci ha permesso di vaccinare l’intero gruppo della prima squadra”.

  • Oms: 4,4 milioni di casi in 7 giorni nel mondo (+2%) e 66mila morti

    Dopo gli ultimi 2 mesi di crescita costante, il numero di casi Covid segnalati nel mondo nella settimana dal 9 al 15 agosto è arrivato a oltre 4,4 milioni (+2% rispetto ai 7 giorni precedenti), dato che porta il totale dei contagi da inizio pandemia a oltre 206 milioni. Stabili le morti, oltre 66mila questa settimana, per un totale da inizio pandemia di quasi 4,4 mln. È il quadro che emerge dal bollettino settimanale dell’Organizzazione mondiale della sanità (Oms). A sostenere il trend in salita dei contagi è in gran parte la regione del Pacifico occidentale e quella delle Americhe che hanno registrato aumenti rispettivamente del 14% e dell’8% rispetto alla settimana precedente. Mentre la regione africana ha riportato la più grande diminuzione percentuale dell’incidenza dei casi e dei decessi, rispettivamente -23% e -18% (sebbene i dati del fine settimana siano incompleti e ciò potrebbe determinare una sopravvalutazione della variazione percentuale. L’Europa cresce meno in termini di nuovi casi settimanali rispetto alla media mondiale (1%), con 1.134.516 contagi registrati negli ultimi 7 giorni (pari al 26% del totale, una delle quote più alte dopo le Americhe che pesano per il 34%); mentre sono in calo del 3% le morti, 10.495 questa settimana, dopo 6 settimane di crescita.

  • In Grecia esteso il coprifuoco a Creta dopo aumento contagi

    In seguito all’aumento dei contagi di Covid a Creta, il governo greco ha imposto un coprifuoco la notte, dall’una alle sei del mattino, anche nella regione di Rethymo ed esteso di altri 7 giorni l’analogo provvedimento già in vigore a Chania e Iraklio. Rimane esclusa solo la zona di Lasithi. Nei bar e nei ristoranti in tutta l’isola non potrà più essere diffusa musica.

  • Confcommercio: Spese obbligate mangiano il 43% dei consumi delle famiglie

    Affitti, bollette, smaltimento rifiuti o manutenzione: le spese obbligate si ’mangiano’ il 43% dei consumi delle famiglie. È una conseguenza della crisi Covid , che ha inciso pesantemente sui bilanci familiari e compresso le spese libere delle famiglie nel 2020. Un effetto che continua anche nel 2021. Secondo un'analisi dell’ufficio studi di Confcommercio sulle spese obbligate delle famiglie tra il 1995 e il 2020, le spese obbligate sono arrivate a 7.168 euro annue pro capite lo scorso anno.
    Nel 2021 - nonostante il parziale recupero dei consumi in alcuni segmenti nei primi mesi - le spese obbligate si confermano la principale voce di spesa assorbendo il 42,8% dei consumi totali che, in termini monetari, significano 7.291 euro pro capite. Tra queste spese sono quelle legate all'abitazione ad incidere di più, mangiandosi mangiarsi 4.074 euro, la cifra più alta mai raggiunta dal 1995. Gran parte dei consumi che le famiglie sono state costrette a rinunciare rientrano nei servizi commercializzabili. Servizi che dopo aver conosciuto una progressiva e significativa crescita, in termini di volumi e di incidenza, hanno rappresentato nel 2020 solo il 15,6% della spesa delle famiglie, valore nettamente inferiore anche a quanto registrato nel 1995. Per contro le esigenze, anche lavorative, hanno portato ad un aumento della quota di spese destinata all'abitazione, elemento che ha contribuito ad un innalzamento significativo dell'incidenza delle spese obbligate.
    In questa prima parte del 2021 si è già assistito al tentativo di cercare di riequilibrare le spese tra obbligati e commercializzabili e tra beni e servizi. Riequilibrio che non potrà avvenire nel 2021, anno nel quale si cercherà solo di recuperare tutti gli spazi possibili per alcuni segmenti di domanda, soprattutto tra i servizi commercializzabili. Servizi che sono stimati rappresentare, nel 2021, in termini di valore il 16,9% della domanda. “L’economia è in ripresa ma i danni provocati dalla pandemia sono ingenti, soprattutto i consumi crollati ai livelli più bassi degli ultimi 15 anni”, commenta il presidente di Confcommercio, Carlo Sangalli. “Occorre superare al più presto l’emergenza sanitaria con i vaccini per consolidare il clima di fiducia, precondizione necessaria per rafforzare la crescita economica e sostenere i consumi”, aggiunge Sangalli.

  • In Russia 799 morti in 24 ore, tendenza in calo

    La Russia ha registrato 20.914 nuovi casi di Covid - 19 e 799 decessi correlati nelle ultime 24 ore, lo ha fatto sapere la task force federale contro il virus. “Nell’ultimo giorno 20.914 casi di Covid-19 sono stati confermati in 85 regioni della Russia”, ha detto la sede centrale. Nelle ultime 24 ore 799 persone sono morte a causa del Covid-19 in tutto il paese, rispetto alle 805 del giorno prima. Il maggior numero di morti è stato registrato a Mosca (59), San Pietroburgo (40) e nel Territorio di Krasnodar (34).

  • Italo: via libera a piano (triennale) sostenibilità 2020

    Nel 2020 Italo ha definito il suo piano di sostenibilità triennale, ha effettuato un monitoraggio continuo delle normative anti- covid e l’adozione di tutte le misure necessarie volte al contenimento del contagio e ha portato avanti per i suoi dipendenti percorsi di formazione professionale. Sono questi, si legge in una nota, i maggiori conseguimenti di Italo nel settore della sostenibilità nel 2020 e presentati nel Bilancio di Sostenibilità 2020, redatto secondo gli standard internazionali Gri. Italo, inoltre, ha aggiornato la propria strategia, che fonda su 6 pilastri chiave: ambiente, clienti, persone, sicurezza, società, coinvolgimento. “Tale strategia prevede, per i prossimi 3 anni, azioni concrete e indicatori di performance in sinergia con gli obiettivi di sviluppo sostenibile delle Nazioni Unite”.

  • Sbarra (Cisl), Green Pass a mensa? Pronti a nuovo accordo, ma no fughe in avanti

    C’è disponibilità a «tornare al tavolo per rafforzare il Protocollo sulla sicurezza e anche a discutere di Green Pass per accedere a mense e spazi comuni» ma «diciamo no a fughe in avanti senza confronto, ad azioni unilaterali calate dall’alto tramite Faq che dividono i lavoratori e creano solo caos». Lo dice in un’intervista a La Repubblica Luigi Sbarra, segretario generale della Cisl. «Le mense hanno sempre rispettato il Protocollo sulla sicurezza sottoscritto dalle parti sociali. E il Protocollo ha funzionato: nessun focolaio e lavoratori tutelati. Ecco perché il governo deve fare chiarezza al più presto. Il sindacato ha sin qui mostrato responsabilità - spiega -. Accusarci di strizzare l’occhio ai no vax è surreale». Il Green Pass «è uno strumento utile, positivo e importante per allargare la campagna vaccinale. Ma non può diventare la chiave per aprire a un obbligo surrettizio al vaccino che spetta solo a una legge. Se il governo ritiene necessario quest’ obbligo, il sindacato e la Cisl non si opporranno». In questa fase «dobbiamo assolutamente scongiurare arbitrii che rischiano di alzare in modo allarmante il conflitto nelle fabbriche» in un momento in cui al Paese «serve pace sociale e coesione. Bisogna trovare un accordo serio che tuteli i lavoratori vaccinati, che per fortuna sono la maggioranza, nel rispetto delle prerogative degli altri ai quali la legge - e non il sindacato o le imprese - riconosce la scelta di non vaccinarsi». Le mense «devono continuare a fornire questo servizio nel rispetto dei protocolli che abbiamo firmato e riaggiornato alcuni mesi fa sulla sicurezza». Ciò detto, «i protocolli possono essere migliorati e adattati alla nuova situazione. Chiediamo per questo di essere convocati al più presto dall’esecutivo per rifare un accordo a tre, tra sindacati, imprese e governo. E ritrovare il metodo del dialogo che ci ha condotti sin qui in sicurezza».

  • Cancellato il Gp del Giappone

    Il Gran premio del Giappone di Formula 1, in programma il 10 ottobre, è stato cancellato. L’annuncio da parte di Liberty Media su Twitter. Dopo la cancellazione degli appuntamenti di Singapore e di Melbourne, a saltare è così anche il Gran Premio di Giappone, inizialmente programmato per il weekend del 10 ottobre sul circuito di Suzuka. «La Formula 1 sta ora lavorando sui dettagli del calendario rivisto e - spiega Liberty media in un comunicato - annuncerà i dettagli finali nelle prossime settimane. La Formula 1 ha dimostrato quest’anno e nel 2020 che possiamo adattarci e trovare soluzioni alle incertezze in corso ed è entusiasta del livello di interesse nei luoghi che ospiteranno gli eventi di Formula 1 quest’anno e oltre».

  • Condizioni cardinale Usa Burke gravi ma stabili

    Il cardinale e arcivescovo statunitense Raymond Leo Burke, ricoverato alcuni giorni fa a causa del Covid, «rimane in condizioni gravi, ma stabili» Lo afferma lo staff del porporato americano in un aggiornamento sulle sue condizioni diffuso nelle ultime ore via Twitter. “La sua famiglia, che con un team di medici è responsabile di tutte le decisioni mediche mentre il cardinale rimane sedato e su un ventilatore medico, ha grande fiducia nelle cure che sta ricevendo”, viene sottolineato, aggiungendo che “il Cardinale ha ricevuto i Sacramenti da sacerdoti a lui vicini”. Il card. Burke, 73 anni, ex presidente del Supremo Tribunale della Segnatura apostolica e dal novembre 2014 patrono del Sovrano Militare Ordine di Malta, è ritenuto uno degli esponenti più conservatori e tradizionalisti del Collegio Cardinalizio e della Chiesa in generale, tra i capofila dei cardinali in dissenso con le linee del pontificato di Papa Francesco. Più volte ha manifestato anche le sue posizioni scettiche sui vaccini anti-Covid.

  • Sicilia tocca tetto 10% intensive e 17% reparti

    Sicilia in ’area critica’ per il tasso di occupazione delle terapie intensive e dei reparti. In base ai monitoraggi Agenas, infatti, ha toccato il 10% (+1 punto percentuale), soglia massima prevista dai nuovi parametri. Aumento dell di un punto percentuale anche per le aree mediche non critiche dove l’isola raggiunge il 17% (ben oltre il limite del 15%). Meglio la Sardegna che ’decongestiona’ i posti letto in terapia intensiva con un -2% a 9% ma cresce di un punto nei reparti toccando il 10%. In crescita le intensive di altre 8 regioni con il balzo della Calabria che tocca il 7% (+3) e si attesta al 14% per le aree mediche. Al 7% (+1) la Toscana per le rianimazioni.

  • Israele, da oggi Green Pass obbligatorio per qualsiasi attività pubblica

    Da oggi in Israele il Green Pass è obbligatorio per partecipare a qualsiasi attività pubblica. Il provvedimento, che riguarda tutti coloro che hanno più di tre anni di età, è stato introdotto per fare fronte all’aumento dei casi di covid. Ieri sono stati registrati 8.726 nuovi contagi mentre più del 58 per cento dei 9,4 milioni di abitanti del Paese sono completamente vaccinati e più di un milione ha ricevuto la terza dose di vaccino. Fra le poche eccezioni all’obbligo di Green Pass, i luoghi di culto, dove si continua a poter accedere liberamente con non più di 50 persone presenti. I bambini fino a 12 anni di età potranno effettuare i test gratuitamente.

  • Confindustria Servizi Hcfs, ok a green pass ma serve chiarezza su controlli

    «I settori ad alta intensità di manodopera sono a favore del green pass. Abbiamo sempre sostenuto l'importanza della vaccinazione e della protezione individuale sin dall'inizio della pandemia e pensiamo che il green pass, oggi, debba essere visto come un elemento di garanzia per tutti e che i controlli non vanno scambiati per una limitazione della libertà. Le imprese dei servizi conoscono bene i rischi cui i propri collaboratori sono esposti, per questo andrebbero ascoltate dal governo nel tentativo di fare chiarezza su chi spetta il ruolo di controllare chi sia munito di green pass, e come effettuare le verifiche nel rispetto di tutti». Lo dichiara Lorenzo Mattioli, presidente di Confindustria Servizi Hcfs, federazione confindustriale che raccoglie imprese del facility, pulizie e sanificazione, lavanderie industriali e dispositivi di protezione individuale e ristorazione collettiva.

  • Coldiretti/Ixè: con il Covid in vacanza torna pranzo al sacco

    Torna il pranzo al sacco in spiaggia, in montagna o in riva al lago con il desiderio di mantenere il distanziamento per l'avanzare estivo dei contagi anche se cambiano le preferenze con una maggioranza del 29% degli italiani che porta insalata di riso, di pollo o di mare e appena il 6% le classiche lasagne. È quanto emerge dall'indagine Coldiretti/Ixè che ha tracciato la classifica dei menù al sacco degli italiani ai tempi del Covid con il bisogno di sicurezza ma anche l'impossibilità di sedersi al tavolo al chiuso per chi non ha il green pass. In testa alle preferenze per l'ora di pranzo sotto l'ombrellone c'è - sottolinea la Coldiretti - l'insalata di riso o di pollo o di mare, seguita dalla semplice macedonia con il 18% e dalla caprese a base di mozzarella e pomodoro che è un must per il 16% dei cosiddetti ’fagottari’. Ma tra i piatti preferiti - continua la Coldiretti - si classificano anche le ricette più radicate della tradizione popolare dalla frittata di verdure o pasta (9%), alla parmigiana (7%) fino alle polpette (4%).

  • Il ministro Speranza ringrazia Papa Francesco

    «Grazie Papa Francesco». È il tweet del ministro della Salute, Roberto Speranza, dopo il messaggio del pontefice sui vaccini. «Vaccinarci è un modo semplice di promuovere il bene comune e di prenderci cura gli uni degli altri, specialmente dei più vulnerabili», ha detto Papa Francesco in un videomessaggio sulla campagna di vaccinazione contro il Covid-19 (leggi sotto, ndr).


  • Confcommercio: effetto Covid anche in 2021, spese obbligate mangiano 43% consumi

    Nel 2020 la crisi da Covid ha inciso pesantemente sui bilanci familiari comprimendo le spese libere, con i servizi scesi nel 2020 al 15,6% del totale consumi (il minimo dal 1995), e aumentando le spese obbligate (quasi il 44%, il livello più alto dal 1995) arrivate a 7.168 euro annue pro capite. Nel 2021, nonostante il parziale recupero dei consumi in alcuni segmenti nei primi mesi, le spese obbligate si confermano la principale voce di spesa assorbendo il 42,8% dei consumi totali che, in termini monetari, significano 7.291 euro pro capite. Questi, in sintesi, i principali risultati che emergono da un'analisi dell'ufficio studi di Confcommercio sulle spese obbligate delle famiglie tra il 1995 e il 2020.

  • Boeri: «Con lotta a green pass in mensa sindacati abdicano a proprio ruolo»

    «Sono convinto che molti sindacalisti si sentano avviliti da questa scelta che rende il sindacato estraneo ai luoghi di lavoro. È come dire ’noi non ci occupiamo della sicurezza dei lavoratori’». Lo dice, alla Stampa l’economista ed ex presidente dell’Inps Tito Boeri riguardo la battaglia che Cgil, Cisl e Uil stanno portando avanti contro il Green pass nelle mense aziendali. Una battaglia, aggiunge, che «vuol dire abdicare al proprio ruolo. È una materia che va lasciata alla contrattazione collettiva. Secondo alcuni studi, in Italia il 50 per cento dei lavori può essere svolto a distanza o comunque con interazioni molto limitate tra colleghi e utenti. Il restante 50 per cento, invece, è a rischio e può essere messo in condizioni di relativa sicurezza, aumentando il distanziamento sul posto di lavoro, organizzandosi in turni e trovando modi per svolgere alcune funzioni in remoto. Ma una legge - continua - non può normare tutti questi casi, e poi ci vuole qualcuno che la faccia applicare. È compito dei datori di lavoro e dei rappresentanti dei lavoratori stabilire che, laddove non sia obiettivamente possibile lavorare in sicurezza, bisogna imporre l’obbligo di vaccinazione. È quanto peraltro avviene in molti altri Paesi», dice ancora Boeri.

  • Qantas dispone obbligo vaccinazione per dipendenti

    La vaccinazione contro il Covid-19 diventerà obbligatoria per tutti i dipendenti della Qantas, secondo quanto annunciato dalla compagnia aerea australiana. La Qantas, che è una delle prime grandi aziende australiane a rendere obbligatoria la vaccinazione per i propri dipendenti, ha aggiunto che la misura si applicherà anche alla sua controllata a basso costo Jetstar. I piloti e il personale di terra dovranno essere completamente vaccinati entro il 15 novembre. Gli altri dipendenti avranno tempo fino al 31 marzo per fare lo stesso. «Avere personale completamente vaccinato proteggerà i nostri dipendenti dal virus, ma anche i nostri clienti e le aree che serviamo», ha affermato il ceo Alan Joyce in una nota. L’obbligo di vaccinazione per i dipendenti è stato introdotto dalla Qantas dopo che il governo conservatore australiano ha dichiarato di essere contrario ad introdurre la misura in modo generalizzato, preferendo lasciare alle aziende la scelta di decidere in merito. Secondo la compagnia aerea, l’89% dei dipendenti vuole essere vaccinato o lo è già, mentre il 4% non vuole. «La vaccinazione è l’unico modo per porre fine ai lockdown e alla chiusura delle frontiere, e consentirà il ritorno al lavoro per molti dipendenti di Qantas e Jetstar», ha affermato Joyce. Le due compagnie hanno messo migliaia di assistenti di volo australiani e non in congedo non retribuito dall’inizio del 2020, dato che i confini australiani rimangono chiusi alla maggior parte dei viaggiatori stranieri. La compagnia aerea ha già annunciato di voler introdurre la vaccinazione obbligatoria per i passeggeri internazionali e che intende organizzare lotterie per incoraggiare gli australiani a farsi vaccinare.

  • India, 440 decessi nelle 24 ore

    GLi ultimi casi riscontrati in India nelle passate 24 ore sono stati 35.178, con 440 decessi.

  • Germania, nelle 24 ore 8.324 nuovi casi e 22 vittime

    In Germania nelle ultime 24 ore i casi di coronavirus sono aumentati di 8.324 unità, con 22 vittime. Il bilancio dall’inizio della pandemia sale perciò a 3.835.375 contagi con 91.921 decessi.

  • Papa: vaccinarsi è un atto di amore

    «Grazie a Dio e al lavoro di molti oggi abbiamo vaccini per proteggerci dal Covid-19. Questi danno la speranza di porre fine alla pandemia ma solo se sono disponibili per tutti e se collaboriamo gli uni con gli altri». Così il Papa nel videomessaggio ai popoli sulla campagna di vaccinazione contro il Covid-19. «Vaccinarsi, con vaccini autorizzati dalle autorità competenti, è un atto di amore - dice -. E contribuire a far sì che la maggior parte della gente si vaccini è un atto di amore». «Vaccinarci è un modo semplice ma profondo di promuovere il bene comune e di prenderci cura gli uni degli altri, specialmente dei più vulnerabili».

    Papa Francesco. ( ANSA/GIUSEPPE LAMI)

  • Nuova Zelanda, sette infezioni nell’ultimo focolaio

    La Nuova Zelanda ha registrato due nuovi casi di coronavirus, portando il numero totale di infezioni nell’ultimo focolaio a sette. I test di sequenziamento del genoma sul primo caso positivo registrato ad Auckland martedì sono stati collegati all’epidemia nel Nuovo Galles del Sud, in Australia, ha detto il primo ministro Jacinda Ardern in una conferenza stampa.

  • Governatore Texas vaccinato, ma positivo al covid

    Il governatore del Texas Greg Abbott è risultato positivo al Covid-19 martedì, secondo il suo ufficio, che ha affermato che il repubblicano è in buona salute e non ha sintomi. Abbott, che è stato vaccinato nel 2020, si stava isolando nella residenza del governatore ad Austin e stava ricevendo un trattamento con anticorpi monoclonali, ha detto il portavoce Mark Miner in una nota.

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti