Europa

Coronavirus, ultime notizie dal mondo: i profit warning e le minacce di Trump alla Cina mandano Wall Street in rosso

Ultime notizie del 30 aprile
Ryanair, in vista 3mila esuberi. Boeing lancia bond da 25 miliardi
Usa, altri 2.503 morti

Ryanair (Reuters)
  • Oms: coronavirus è di origine naturale

    L'Oms ha ribadito le origini naturali del coronavirus dopo che il presidente degli Stati Uniti Donald Trump ha rilanciato la tesi che il Covid-19 sia stato originato nel laboratorio di virologia di Wuhan. Alla domanda di un giornalista durante una conferenza stampa a Ginevra, il direttore per le emergenze dell'Organizzazione mondiale della Sanità Michael Ryan ha ripetuto che “per quanto riguarda l'origine del virus a Wuhan, abbiamo ascoltato molti scienziati che hanno studiato questo virus e siamo certi che sia di origine naturale”. “Il nostro obiettivo principale - ha proseguito - è comprendere come sia stata possibile la trasmissione da animale a uomo, ovvero come sia stata attraversata la barriera tra specie animale e specie umana”.

  • In Europa oltre 140mila vittime

    In Europa il coronavirus ha ucciso oltre 140.000 persone. È quanto risulta da un conteggio effettuato dalla France Presse.

  • In Francia 218 vittime nelle ultime 24 ore

    Il bilancio dei morti in ospedale per coronavirus in Francia arriva a 15.244 dai 15.369 di ieri, mentre decessi nelle case di riposo salgono a 9.225. Sono quindi 218 le vittime nelle ultime 24 ore. Sono invece 25.887 i ricoverati in ospedale per Covid-19, un numero di calo dai 26.283 di ieri.

  • La Spagna prevede Pil in caduta del 9.2%

    La Spagna prevede un Pil in picchiata del 9,2% nel 2020 con due milioni di posti di lavoro persi, una disoccupazione al 19% e un deficit ad oltre il 10%. Sono le stime del governo di Madrid inviate a Bruxelles, secondo quanto riferisce la Efe. La contrazione economica sarà dovuta al crollo dei consumi delle famiglie (-8,8%), degli investimenti (-25,5%) e delle esportazioni (-27,1%). Madrid prevede poi un rimbalzo del Pil del 6,8% nel 2021, quando solo la metà dei posti di lavoro persi dovrebbe essere recuperata.

  • I profit warning e le minacce di Trump alla Cina mandano Wall Street in rosso

    Le nuove minacce di Donald Trump alla Cina e i profit warning lanciati da alcuni colossi Usa a causa dell’impatto della pandemia di coronavirus zavorrano i listini azionari newyorchesi. Il Dow Jones cede il 2,48%, mentre l’S&P500 perde il 2%, annullando i guadagni dell’intera settimana. I commenti del presidente americano, che ha aperto la porta a un incremento dei dazi nei confronti della Repubblica Popolare come ritorsione per il modo in cui Pechino ha gestito le prime fasi dell’emergenza Covid, sono tornati ad alimentare i timori di escalation nella guerra commerciale tra le due superpotenze. Sul fronte interno, intanto, gli Stati Uniti continuano a fare i conti con la recessione provocata dalla pandemia. Le ultime indicazioni allarmanti sono arrivate da big come Amazon, che ha messo in guardia il mercato sulla possibilità di chiudere il secondo trimestre in perdita, e Apple, che non ha presentato una guidance sul bilancio per la prima volta da oltre dieci anni.

  • L’India prorogherà di due settimane il lockdown

    Il governo indiano ha deciso che prorogherà per due settimane le misure lockdown, oltre alla scadenza prevista per il 4 maggio. Nel frattempo, però, saranno allentate alcune restrizioni per favorire una prima ripartenza economica.

  • Exxon Mobil, primo trimestre in rosso da 32 anni

    Exxon Mobil ha registrato il primo trimestre in rosso da 32 anni, con una perdita di 610 milioni di dollari. Il risultato viene considerato dagli analisti solo un primo indizio del calo di utili e ricavi che si regisrerà sul bilancio annuale.

  • Der Spiegel: la Germania prenderà quota del 25,1% in Lufthansa

    Lufhtansa sta negoziando un bail-out da 10 miliardi di euro con il governo tedesco, in un’operazione che porterebbe lo Stato ad acquisire una quota del 25,1% nel vettore. Lo scrive il Der Spiegel.

  • Il Giappone prolunga lo stato di emergenza per un mese

    Il premier giapponese Shinzo Abe intende prolungare di un mese lo stato di emergenza dopo aver ascoltato l'opinione della commissione di esperti nominata dal governo in merito alla gestione della pandemia del coronavirus. Lo ha detto lo stesso Abe, parlando alla stampa, spiegando che una decisione finale sarà annunciata lunedì nel corso di una
    conferenza stampa. Il premier ha inoltre aggiunto di aver dato istruzioni al ministro per lo Sviluppo economico, Yasutoshi Nishimura, con lo
    scopo di coordinare le necessarie misure per l'estensione dello
    stato di emergenza di un periodo di circa 30 giorni a partire
    dalla prima scadenza del 6 maggio.

  • Bulgaria, 1.541 casi e 66 vittime

    In Bulgaria nelle ultime 24 ore sono stati registrati 53 nuovi casi di coronavirus (11 nella capitale Sofia): il bilancio complessivo dei contagi sale così a quota 1.541. Negli ospedali sono ricoverati in tutto 317 pazienti, 40 dei quali in terapia intensiva. Si registra un nuovo decesso, per un
    totale di 66 vittime. Sei sono i nuovi casi di contagio fra il personale medico, con il bilancio che sale a 170.

  • Iran, 6.091 vittime e 95.646 casi

    In Iran si sono registrate altre 63 vittime del coronavirus, per un totale di 6.091. Il bilancio complessivo dei casi ha raggiunto le 95.646 unità.

  • Spagna, il bilancio delle vittime sale a 24.824

    Il bilancio delle vittime in Spagna è salito a 24.824. Lo hanno comunicato le autorità sanitarie nazionali.

  • Indonesia, 433 nuovi casi e 8 vittime

    L’Indonesia ha confermato altri 433 casi e 8 vittime, secondo quanto riportano le autorità locali. Il bilancio complessivo è di 10.551 casi.

  • Spagna, debito al 115% e deficit al 10,34% nel 2020

    Il governo spagnolo prevede un incremento del debito pubblico al 115% e del deficit al 10,34% nel 2020, come conseguenze delle misure approntate per la crisi del coronavirus.

  • Russia, incremento record dei casi

    La Russia ha registrato venerdì 7.933 nuovi casi di coronavirus, una crescita record su scala giornaliera, per un totale di 114.431 casi confermati complessivi. Il bilancio delle vittime è salito nel frattempo a 1.169 dopo che altre 96 persone sono morte nelle ultime 24 ore.

  • Israele, 16mila casi e 223 decessi

    Il numero dei casi positivi di coronavirus in Israele ha toccato oggi quota 16.004, 134 in più rispetto a ieri. I decessi sono 223, quattro in più di ieri. Lo ha reso noto il ministero della Sanità. Fra i ricoverati 105 versano in condizioni gravi, e 83 di loro sono in rianimazione. I malati sono attualmente circa 7.000, mentre le persone guarite sono circa 9mila.

  • Austria, stop a treni e voli dall’Italia fino al 22 maggio

    L'Austria ha prolungato fino al 22 maggio lo stop ai treni e ai voli da e per l’Italia. Lo prevede un'ordinanza del ministro della Salute Rudolf Anschober (Verdi). I collegamenti ferroviari restano interrotti anche per la Svizzera e il Liechtenstein, mentre quelli aerei - oltre che per l'Italia - anche per Cina, Iran, Svizzera, Francia, Spagna, Regno Unito, Paesi Bassi, Russia e Ucraina. Da subito possono invece nuovamente atterrare aerei provenienti dalla Corea del Sud.

  • Usa, altri 2.503 morti in un giorno

    Gli Stati Uniti hanno registrato in 24 ore altri 2.053 decessi legati al nuovo coronavirus, secondo il conteggio aggiornato ieri sera dalla Johns Hopkins University.

  • Ryanair, in vista 3mila esuberi. Boeing lancia bond da 25 mld

    La compagnia aerea a basso costo irlandese Ryanair prevede di tagliare 3mila posti di lavoro a causa della crisi del settore provocata dalla pandemia di coronavirus. Lo ha annunciato oggi la stessa società.

    Il costruttore di aeromobili americano Boeing, gravemente colpito dalla pandemia di coronavirus, ha lanciato un prestito obbligazionario da 25
    miliardi di dollari rinunciando per il momento agli aiuti federali. Lo rende noto un comunicato stampa.

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti