Asia e Oceania

Coronavirus, Merkel: è una sfida storica. Il Regno Unito chiude le scuole. Arrivati negli Usa 500mila tamponi dall’Italia

In Francia 1.404 nuovi casi e 89 decessi
In Gran Bretagna oltre 100 decessi: il governo chiude le scuole
Facebook lancia un portale contro le fake news sol coronavirus
Trump chiede 1.000 miliardi di dollari al Congresso
L’epidemia si è diffusa finora in 164 paesi, oltre la Cina, per un totale di 8.400 vittime
Bce: pronti a rivedere le misure per salvare liquidità
In Spagna oltre 13mila casi e 558 vittime
La Cina dà il via libera ai test di sperimentazione di un vaccino contro il coronavirus



  • Fca sospende la produzione in Nord America

    Fca sospende la produzione in Nord America a causa del coronavirus. Anche Generale Motors e Ford, le altre due case automobilistiche americane, hanno deciso di fermare la produzione nord americana.

  • La Borsa di New York chiude il “floor” scambi temporaneamente solo elettronici

    Il New York Stock Exchange chiude temporaneamente il floor e opta temporaneamente per contrattazioni tutte elettroniche a partire dal 23 marzo a causa del coronavirus.

  • Spagna, discorso di Felipe VI alla nazione

    Se in Germania oggi èstato il giorno del discorso di Angela Merkel alla nazione, in Spagna è stato il re Felipe VI a parlare ai cittadini: “Questo virus non vincerà. Siamo più forti come società...siamo una società in piedi di fronte a qualsiasi avversità”, ha detto Felipe VI. La Spagna conta 14.535 contagi e 630 morti: “Non vi ringrazieremo mai abbastanza per quello che state facendo per il vostro Paese”, ha aggiunto il re spagnolo rivolgendosi a medici e infermieri. Felipe ha lanciato un appello all'unità nazionale contro la minaccia del coronavirus chiedendo di “lasciare da parte le differenze” e stare insieme per superare la crisi “con serenità e fiducia, ma anche con decisione ed energia”. Il discorso agli spagnoli di questa sera è stato il primo, a parte il tradizionale messaggio natalizio, dal 3 ottobre 2017, quando parlò al Paese dopo il referendum separatista della Catalogna.

  • Dal Senato Usa ok ad aiuti sociali per 100 miliardi

    Via libera del Senato americano a un piano di aiuti sociali da 100 miliardi di dollari per far fronte al coronavirus. La misura è stata approvata con 90 voti a favore e 8 contrari ed è considerata solo il primo passo nella
    risposta americana all'emergenza coronavirus.

  • Oltre 500mila test dall’Italia verso gli Usa

    Oltre 500 mila tamponi per effettuare i test del coronavirus sono stati trasportati dall'Italia negli Stati Uniti su un aereo dell'aeronautica militare statunitense partito da Aviano. Lo hanno reso noto i vertici del Pentagono. Il velivolo con a bordo il mezzo milione di kit - ha spiegato ai giornalisti il generale David Goldfein, numero uno della Us Air Force, citato tra gli altri da Fox News - è atterrato lunedì a Memphis, in Tennessee. I test, ha aggiunto, saranno ora distribuiti in varie parti degli
    Usa. Il carico, a bordo di un C-17, è arrivato all'aeroporto di Memphis che è uno degli hub da dove partono per tutti gli Stati Uniti le spedizioni del corriere internazionale Fedex. Secondo l'agenzia Bloomberg i kit con i tamponi per il test del coronavirus sarebbero stati forniti da un produttore italiano.

  • Ragazzi italiani positivi fermati a Dublino

    Un gruppo di ragazzi italiani che avevano seguito un corso per assistenti di volo Ryanair a Bergamo si trova bloccato a Dublino dopo che 15 di loro su 17 sono risultati positivi al coronavirus. Ora si trovano in isolamento in una struttura messa a disposizione dalle autorità irlandesi, in quarantena fino al 26 marzo. I giovani erano partiti il 2 marzo da Bergamo, diretti a Bari, e da lì si erano imbarcati il sabato successivo per Dublino. Una ragazza si è sentita male in albergo ed è stata portata in ospedale: i test sugli altri colleghi hanno evidenziato la positività.

  • Olanda, ministro della Salute sviene in diretta: stanchezza da coronavirus

    Il ministro della salute olandese Bruno Bruins non ha retto alla fatica di queste giornate concitate, a causa del coronavirus, ed è svenuto durante una seduta in parlamento. Bruins era in aula per rispondere delle misure per fronteggiare l'epidemia, che finora ha ucciso quasi 60 persone. Il suo governo è stato criticato dalle opposizioni per aver chiuso le scuole solo lunedì e non aver ancora chiuso i confini. Così, mentre era incalzato dal leader di estrema destra Geert Wilders, il ministro Bruins, che era in piedi, ha iniziato a barcollare e poi è caduto a terra, immortalato dalle telecamere. I colleghi poi lo hanno aiutato ad alzarsi e gli hanno fatto bere dell'acqua. Bruins ha poi chiarito l'episodio su Twitter: «Sono svenuto a perché esausto dopo queste settimane. Ora le cose vanno meglio. Adesso vado a casa a riposare per poter tornare a lavoro domani e combattere la crisi del coronavirus nel miglior modo possibile». La caduta di Bruins ha fatto venire in mente l'episodio analogo del viceministro della Sanità iraniano Iraj Harirchi che si era asciugato la fronte sudata in diretta televisiva e che poi sarebbe risultato positivo al Covid-19. Ma il ministro olandese ha assicurato, per sua conoscenza, di non essere malato.

  • Imam e ulema Senegal: stop a preghiere in moschee

    L'associazione degli imam e degli ulema del Senegal ha lanciato un appello per l'interruzione delle preghiere nelle moschee per limitare la diffusione del contagio da coronavirus. «Abbiamo deciso di fermare le preghiere nelle moschee fino a nuovo ordine», ha dichiarato in un messaggio diffuso dai media locali Ousmane Sarr, portavoce dell'associazione. «Chiediamo agli imam e agli ulema di fermare le preghiere. Dio non chiede a nessuno di farsi del male», ha detto ancora Sarr.

  • Facebook lancia il portale per «scacciare» la fake news sul coronavirus

    Il dramma coronavirus sta spingendo molte big company a intraprendere iniziative importanti. L'ultima, in ordine di tempo, è Facebook che ha deciso di lanciare un portale per accedere a tutte le informazioni sul coronavirus. A presentarlo, in una conference call alla quale Il Sole 24 Ore ha partecipato, è stato Mark Zuckerberg in persona. Il Ceo di Facebook ha sottolineato più volte l'importanza di una informazione corretta e veritiera in giorni come questi. E Facebook, ormai mezzo di informazione a tutti gli effetti, mette in campo tutti i suoi muscoli per provare a bloccare la valanga di fake news che quotidianamente vengono prodotte.
    E allora ecco “Informazioni sul coronavirus (COVID-19) su Facebook, uno spazio dove poter trovare le fonti più autorevoli e le notizie più autentiche, ma anche consigli su come affrontare il virus. La funzione sarà attiva per tutti gli utenti negli Stati Uniti, in Italia, Francia, Spagna, Germania e Regno Unito (il reboot del sito la rilascerà entro 24 ore). E comparirà nella parte alta del newsfeed. «La nostra priorità è stata quello di assicurarci che le persone possano avere accesso a informazioni autorevoli da fonti sanitarie affidabili», ha detto Zuckerberg durante la call, aggiungendo dettagli interessanti anche sull'Italia, paese oramai prima linea di questa emergenza: «Molti dottori, in Italia, stanno utilizzando WhatApp per comunicare coi loro pazienti ma anche per raggiungere altri colleghi. I nostri servizi sono molto utilizzati in questi giorni, e stiamo assistendo a un aumento incredibile dell'utilizzo dei nostri servizi. In un momento così disastroso, con le persone che non possono stare insieme agli amici e ai familiari, i nostri servizi sono diventati di primaria importanza. E noi siamo pronti a dare il nostro contributo». (B.Sim.)

  • Mit: strategia unitaria per i trasporti nella Ue

    L'adozione di un'azione collettiva, coordinata e flessibile a livello comunitario per garantire la libera circolazione e la regolarità dei flussi di trasporto, il riconoscimento del principio della solidarietà e la necessità di un approccio coeso all'interno dell'Unione Europea. Solo un fronte comune e compatto può superare questa emergenza: queste le priorità condivise oggi - spiega il Ministero delle infrastrutture e trasporti in una nota - nel corso del Consiglio europeo straordinario dei Trasporti a cui hanno preso parte tutti gli Stati membri. A rappresentare il Governo Italiano, in videoconferenza, il ministro Paola De Micheli. “Il mercato unico deve funzionare, è fondamentale che le merci circolino, in primis quelle essenziali, quali gli equipaggiamenti medici e le forniture agroalimentari. Non devono esservi discriminazioni per i camion e gli autisti che voglio ringraziare ancora per l'apporto fondamentale e il lavoro determinante per la tenuta economica e sociale del Paese”, afferma la ministra.

  • In Brasile quattro vittime

    Sono saliti a quattro i morti per coronavirus in Brasile, dopo che le autorità sanitarie di San Paolo hanno reso noto il decesso di due pazienti - uno di 65 anni, l'altro di 80- che soffrivano di problemi di salute precedenti al loro contagio. È a San Paolo, dove si concentra più del 50% del totale dei malati di coronavirus in Brasile, che ieri è stato annunciato il primo decesso dovuto all'epidemia partita dalla Cina nel paese latinoamericano - un 62enne con problemi di diabete e ipertensione, che non era stato all'estero di recente- al quale di è aggiunto successivamente l'unica vittima registrata finora nello Stato di Rio de Janeiro, un 69enne con pregresse condizioni di salute che lo collocavano nel gruppo più a rischio.

  • La Gran Bretagna chiude tutte le scuole

    Il Regno Unito chiude le scuole, gli asili e le università per cercare di contenere la diffusione del coronavirus che ha già causato 104 vittime nel Paese. Lo ha annunciato il premier Boris Johnson specificando che gli istituti resteranno chiusi da venerdì pomeriggio fino a nuova comunicazione. La maggior parte delle scuole, ha precisato il ministro dell'Istruzione Gavin Williamson, chiuderà da venerdì anche se verrà chiesto ad alcuni istituti di restare aperti al servizio dei figli di coloro che lavorano in settori considerati fondamentali in questa fase come gli operatori del settore sanitario. “Il picco del virus sta aumentando a un passo superiore a quanto previsto” ha detto Williamson:

  • In Francia 1.404 nuovi casi e 89 decessi

    Sono 1.404 i nuovi casi di coronavirus in Francia nelle ultime 24 ore, con un totale di contagiati che stasera è di 9.134. Lo ha annunciato il direttore generale della Sanità, Jerome Salomon. Il numero dei decessi è aumentato da ieri di 89, e il totale dei morti sale a 264. Salomon ha aggiunto che i ricoverati per Coronavirus sono in tutto 3.626, di cui 921 in rianimazione. Sono aumentati anche i guariti o rientrati a casa, che hanno superato il numero di 5mila.

  • Bce: serve risposta da tutta l’Europa e uso del Mes

    Per contrastare l'impatto sull'economia del coronavirus sarebbe importante “una risposta congiunta paneuropea” con un possibile coinvolgimento del Mes. Lo detto il vicepresidente della Bce Luis de Guindos in un'intervista a Radio Nacional pubblicata sul sito della banca centrale europea. “Ad esempio credo che avere un unico strumento fiscale per l'eurozona sarebbe stato di importanza cruciale - spiega de Guindos nell'intervista - ma non è il momento di pensare a quello che è stato. Ci sono ancora possibilità. Lunedì ad esempio l'eurogruppo ha considerato la possibilità che il Meccanismo Europeo di Stabilità (Mes) possa agire in maniera congiunta per tutti i paesi europei. E poi ovviamente c'è la Bce”. Secondo de Guindos l'utilizzo del Mes potrebbe rappresentare una svolta importante perché ha una potenza di fuoco di 410 miliardi di euro. “Le circostanze sono del tutto diverse da quelle della crisi del debito - ha detto - ma chiaramente uno strumento con una dote di 410 miliardi è qualcosa che ci interessa”.

  • Schengen: in metà Paesi tornano le frontiere

    Con la comunicazione ufficiale della Finlandia, sale a 13 su 26 il numero dei Paesi dell'area Schengen ad aver notificato a Bruxelles la decisione di reintrodurre i controlli alle frontiere interne, per far fronte all'epidemia di coronavirus. La Finlandia si aggiunge alla lista in cui figurano già Austria, Ungheria, Cechia, Danimarca, Polonia, Lituania, Germania, Estonia, Norvegia, Svizzera, Spagna e Portogallo.

    Finlandia. L’aeroporto di Helsinki (Epa)
  • La Polonia annuncia 50 miliardi per l’economia

    Il governo polacco ha promesso oggi un pacchetto delle leggi di “scudo anti-crisi” del valore 212 miliardi di zloty (50 mld di euro) per sostenere l'economia polacca che sente già l'impatto negativo dovuto all'epidemia di coronavirus. Lo hanno annunciato il presidente Andrzej Duda e il premier Mateusz Morawiecki dopo la riunione del Consiglio dei ministri insieme con il capo di Stato. Secondo Duda la crisi potrebbe incidere sulla legge finanziaria aumentando il deficit, ma per Morawiecki per ora “non vi e' il bisogno immediato di aggiornare il budget; lo sara' fatto forse nella seconda parte dell'anno”. Per gli esperti la crescita programmata per l'anno in corso del 3,7% potrebbe scendere in Polonia anche al 2%.

  • Germania: secondo i media oltre 11mila casi

    Sarebbero oltre 11 mila i pazienti risultati positivi al Coronavirus in Germania. Lo scrive il quotidiano Sieddeutsche Zeitung, citando le cifre fornite dai Laender. L'istituto Robert Koch era fermo stamani a 8198 casi. Il Land più colpito resta il Nordreno-Vestfalia con 3838 casi, mentre la Baviera me registra 1798.

  • Merkel: il coronavirus è una sfida storica

    La battaglia contro il coronavirus «è un compito storico, e si può affrontare soltanto insieme»: sono le parole che Angela Merkel pronuncerà in un discorso alla nazione e che sarà trasmesso questa sera in televisione. «La situazione è seria e fluida, il che vuol dire che non dipende solo ma anche da quanto ciascuno seguirà con disciplina le regole». «Tutto ciò che può mettere a rischio la gente, ciò che può esser dannoso per i singoli, ma anche per la comunità, deve essere ridotto», aggiunge la cancelliera, definendo le limitazioni in vigore in Germania per il coronavirus «drammatiche ma necessarie per salvare vite. Dobbiamo limitare il più possibile il rischio che l'uno contagi l'altro. So quanto drammatiche siano queste limitazioni. Non c'è mai stato nulla del genere nella Repubblica federale prima d'ora». La Germania ha un eccellente sistema sanitario, ha sottolineato la Merkel, tuttavia, «Anche i nostri ospedali potrebbero essere completamente sopraffatti se in un tempo molto breve venissero portati troppi pazienti che soffrono di un decorso grave dell'infezione da coronavirus».

    Angela Merkel (Afp)
  • Putin: presto dalla Russia il medicinale

    Lo sviluppo di un farmaco russo che previene e cura il coronavirus potrebbe essere completato a breve. Lo ha detto il presidente Vladimir Putin nel corso della sua visita in Crimea. “Ci sono tutte le possibilità che in questo caso particolare i nostri colleghi lavorino con grande efficienza. Più veloce è, meglio è. Questo riguarda i farmaci che prevengono la malattia e quelli che la combattono dopo l'inizio”, ha detto Putin. “Non dirò quando il farmaco sarà pronto. Mi è stato detto quando. E spero che tutto questo venga fatto nei tempi previsti”, ha aggiunto. Gli specialisti delle istituzioni scientifiche russe sono altamente qualificati, ha detto. “Basta ricordare l'esempio dell'Ebola, quando il nostro vaccino si è dimostrato il più efficace al mondo. Ha davvero dato un contributo sostanziale alla lotta contro l'Ebola in Africa ed è stato confermato da tutti gli specialisti, compresa l'Organizzazione Mondiale della Sanità”, ha detto Putin. Lo riporta Interfax.

  • Dall’Austria 38 miliardi per le imprese

    Il governo austriaco ha annunciato un pacchetto “salva imprese” da complessivamente 38 miliardi di euro. 15 miliardi saranno stanziati direttamente alla imprese più colpite, nove miliardi saranno invece distribuiti in forma di garanzie e dieci miliardi derivanti la “rottamazione” oppure riduzione di debiti fiscali. L'annuncio è stato fatto dal ministro alle finanze Gernot Bluemel. “Dobbiamo salvare a ogni costo i posti di lavoro e le imprese”, ha sottolineato il vice cancelliere Werner Kogler. L'Austria registra finora cinque vittime di covid-19 e 1.646 casi.

  • Francia decreta lo stato d’urgenza sanitario

    La Francia ha decretato oggi in consiglio dei ministri lo “Stato d'urgenza sanitario” che consente, tra l'altro, di “requisire tutti i beni e servizi necessari” per contrastare il coronavirus: è quanto annunciato dal premier, Edouard Philippe. In caso di mancato rispetto delle requisizioni si rischiano condanne fino a 6 mesi di carcere e una multa di 10mila euro.

  • Oms: l’Africa si prepari al peggio

    L’Oms mette in allerta il continente africano. «Il nostro migliore consiglio all'Africa è prepararsi per il peggio», ha detto il direttore generale dell'Oms, Tedros Adhanom Ghebreyesus, nel suo briefing sul Covid-19. “Il mio continente deve svegliarsi, abbiamo visto cosa è successo negli altri Paesi e continenti”, ha detto, invitando tutti i Paesi africani a cancellare immediatamente assembramenti di massa.

    Nairobi, Kenya (Afp)
  • Oms: tutti si preparino al contagio

    «Non date per scontato che la vostra comunità non sarà colpita, preparatevi come se lo dovesse essere. Non date per scontato che non sarete contagiati, preparatevi come se lo doveste essere». Lo ha dichiarato Tedros Adhanom Ghebreyesus, direttore generale dell'Oms, durante la conferenza stampa di aggiornamento sull'epidemia di coronavirus Covid-19. In ogni caso, ha aggiunto, «ci sono molte cose che i paesi possono fare», ad esempio mantenere le distanze tra le persone o annullare gli eventi «possono aiutare a rallentare il virus e a diminuire il peso sui sistemi sanitari». L'Oms, ha proseguito, «continua a chiedere a tutti i paesi di mettere in campo un approccio complessivo per rallentare la trasmissione e appiattire la curva. Questo approccio - ha sottolineato - sta salvando vite e facendoci guadagnare tempo in attesa del vaccino e di cure efficaci».

  • Una nave-ospedale pronta ad andare a New York

    Una nave ospedale è pronta ad andare a New York: lo ha detto Donald Trump in una conferenza stampa alla Casa Bianca della task force Usa contro il coronavirus. Una seconda nave andrà sulla costa pacifica.

    (Afp)
  • In Gran Bretagna oltre cento decessi

    Sfonda quota 100 il totale dei morti accertati a causa del coronavirus nel Regno Unito. Lo rendono noto le autorità sanitarie locale, indicando un numero aggiornato a oggi di 104 decessi, con un picco di 32 in più rispetto a ieri.

  • La Turchia chiude in confini con la Ue

    La Turchia ha deciso di chiudere dalla mezzanotte di oggi i confini con Grecia e Bulgaria per contrastare la diffusione del coronavirus. Lo riferiscono le tv locali, citando una circolare inviata dal ministero dell'Interno di Ankara.

    Istanbul, Turchia (Reuters)
  • Trump chiede 500 miliardi per gli americani

    La Casa Bianca chiede al Congresso di stanziare 500 miliardi per due tranche separate di pagamenti agli americani nelle prossime settimane e altre risorse per aiutare le Pmi a pagare gli stipendi nell'emergenza coronavirus: è la proposta del tesoro Usa, come scrive il New York Times citando documenti circolanti a Capitol Hill. La proposta prevede pagamenti diretti ai contribuenti americani per 250 miliardi di dollari dal 6 aprile e per altri 250 miliardi il 6 maggio. Il pacchetto prevede anche 200 miliardi di dollari di aiuti per l'industria aerea, di cui 50 per come prestiti agevolati per le compagnie aeree. La proposta rientra nel pacchetto da 1.000 miliardi in discussione a Capitol Hill e che potrebbe essere votata oggi al Senato.

  • La Spagna chiude tutti gli alberghi

    Le autorità spagnole hanno disposto la chiusura di tutti gli hotel nel Paese entro il prossimo martedì 24 marzo in seguito all’emergenza coronavirus, invitando i turisti a lasciare il Paese. Lo scrive la edizione britannica di Metro. Si sta inoltre considerando la conversione di alcuni alberghi in ospedali temporanei

    Lanzarote, Isole Canarie (Epa)

    .

  • Nello stato di new York quasi 2.400 contagi

    I casi di coronavirus nello stato di New York sono 2.382, di cui oltre 1.200 nella città di New York. Lo afferma il governatore dello stato di New York, Andrew Cuomo, sottolineando che il balzo dei casi è legato al fatto che “stiamo facendo test”. Dei 2.382 casi circa 549 sono ricoverati in ospedale. “Lo stato di New York è quello con il maggior numero di casi negli Stati Uniti. I morti sono 20”, aggiunge Cuomo.

  • Sudafrica chiude i porti alle navi da crociera

    Il Sudafrica ha annunciato la chiusura di tutti i suoi porti alle navi da crociera per contenere la diffusione dei contagi da coronavirus. «A partire da oggi nessuna nave da crociera sarà autorizzata ad attraccare ai porti sudafricani», ha dichiarato il ministro dei Trasporti Fikile Mbalula nel corso di una conferenza stampa a Città del Capo. Proseguono regolarmente invece, ha aggiunto il ministro, le operazioni cargo via mare “per minimizzare gli effetti negativi del virus” sull'economia sudafricana, attualmente in recessione.s

  • Possibile attivazione del Mes per contenere la crisi

    Una possibile attivazione del fondo salva-stati europei, il Mes, per contenere l'impatto della crisi del coronavirus sui mercati finanziari e in particolare sul mercato del debito sovrano. È l'ipotesi a cui, secondo quanto riporta l'agenzia Bloomberg, stanno lavorando alti funzionari europei alla luce delle forti tensioni registrate su alcuni mercati e in particolare per ciò che riguarda lo spread fra Btp e Bund tedeschi. Il Mes, secondo il piano in considerazione, aprirebbe delle linee di credito multiple a favore dei governi europei. In aggiunta a mettere sul tavolo 410 miliardi di euro di finanziamenti del Mes per abbassare i costi di finanziamento, il piano aprirebbe la porta alla Bce per comprare ampie quantità di bond sovrani attraverso il suo programma Omt qualora la stabilità dell'eurozona fosse in pericolo. Secondo l'agenzia americana le discussioni hanno conosciuto un'accelerazione nel corso delle ultime ore a fronte del drastico peggioramento del mercato del debito sovrano ma al momento non è ancora stata presa alcuna decisione. Il Mes è sostanzialmente inattivo dal 2018 quando la Grecia è uscita dal programma di aiuti mentre l'Omt, annunciato da Mario Draghi nel 2012 quando pronunciò il celebre “whatever it takes”, non è mai stato utilizzato.

  • Dalla Cina 20mila mascherine per Venezia

    La città di Suzhou ha donato 20.000 mascherine modello N95/FFP3 a Venezia, con cui è gemellata dal 1980, per sostenere la lotta contro l'epidemia di nuovo coronavirus. Lo ha reso noto il governo municipale della città dell'est della Cina. Oggi, 50 scatole di mascherine sono state inviate in Italia tramite un volo provvisorio tra Shanghai e Milano operato dalla compagnia China Eastern Airlines. Secondo le autorità municipali di Suzhou, il carico fa parte degli aiuti umanitari donati a Venezia dalla città cinese durante l'epidemia e ne dimostra il sostegno alla popolazione locale.

  • Chiuso confine Usa-Canada, passano solo le merci

    Il confine con il Canada verrà chiuso temporaneamente ma il commercio non verrà penalizzato. Lo ha annunciato il presidente statunitense, Donald Trump, su Twitter. “Di comune accordo, chiuderemo temporaneamente il nostro confine settentrionale con il Canada al traffico non essenziale. Il commercio non sarà interessato. Dettagli a seguire!”, ha scritto il presidente.

  • La sterlina crolla a 1,182 dollari, minimo dal 1985

    Sterlina in caduta libera, penalizzata come le altre principali valute dal rialzo del dollaro. La valuta britannica è scesa fino a 1,182 dollari, un livello che non si vedeva dal 1985, peggio quindi del minimo di 1,1892 dollari toccato a ottobre 2016 dopo il referendum sulla Brexit. La sterlina cede più del 9% nei confronti del biglietto verde da inizio anno, trascinata al ribasso anche dalla paura per le ricadute della pandemia di coronavirus sull'economia britannica e globale. Nel frattempo, il cambio euro/sterlina è a 0,922. Il timore degli investitori è che, alla luce della rapida diffusione del coronavirus, il premier britannico Boris Johnson stia tenendo un atteggiamento troppo blando rispetto a quello adottato dagli altri capi di governo europei. «La sterlina è penalizzata da una combinazione di scommesse sul dollaro, considerato un investimento sicuro, di vendite generalizzate sugli asset a livello globale e di liquidazioni di posizioni lunghe, hanno detto gli analisti di Mizuho Bank.

  • Trump: importanti novità dalla Fda

    Il presidente degli Stati Uniti Donald Trump terrà una conferenza stampa il 18 marzo per discutere «novità molto importanti» dalla Food and drugs administration americana. La Casa Bianca sta progettando un piano di stimoli all’economia fino a 1.200 miliardi di dollari.

  • Lagarde, con 3 mesi isolamento rischio calo del 5%

    Se le misure di isolamento decise dai governi europei dureranno tre mesi, l'economia dell'eurozona potrebbe accusato un calo del 5%. È quanto ha detto la presidente della Bce, Christine Lagarde, ai capi di Stato europei, secondo quanto riporta la Frankfurter Allgemeine (Faz). Il quotidiano tedesco cita alcuni alti funzionario europei secondo cui le stime della Lagarde sull'impatto economico delle misure in atto varia dal 2 al 10 per cento della crescita totale mentre il periodo di 3 mesi è considerato ragionevole per la durata delle misure.

  • Porsche interrompe la produzione per due settimane

    Porsche ferma la produzione per due settimane per l'emergenza coronavirus. A partire dalla prossima settimana, la casa automobilistica del gruppo Volkswagen, sospenderà inizialmente la produzione per due settimane. «Con queste misure, la nostra azienda sta facendo la sua parte per proteggere la forza lavoro e frenare la diffusione del coronavirus. Le conseguenze effettive non sono ancora prevedibili. È quindi troppo presto per fare previsioni. È chiaro che il 2020 sarà un anno molto impegnativo» afferma il presidente di Porsche, Oliver Blume.

  • Cancellato il festival di Glastonbury

    Gli organizzatori hanno deciso di cancellare la 50esima edizione del festival musicale di Glastonbury, uno dei più grandi eventi live al mondo. Fra gli ospiti previsti erano attesi Paul McCartney, Taylor Swift e Diana Ross.

  • In Sudafrica sale a 116 il numero dei contagiati


    Balzo di casi positivi di coronavirus in Sudafrica, con 116 contagiati e numeri in forte incremento dal primo affetto da Covid-19 di due settimane fa, secondo Bbc Africa. Il Paese ha chiuso le scuole da oggi e vieta l'ingresso agli stranieri che provengono dalle nazioni più colpite.
    La maggior parte dei contagiati viene dall'estero, in particolare dalla Gran Bretagna, ma oggi sono stati confermati 14 casi di trasmissione locale. A Città del Capo in 1.700 aspettano di sapere quando sarà loro permesso di lasciare una nave da crociera dopo che sei persone con sintomi di Covid-19 sono state fatte sbarcare per i test. La preoccupazione è che il virus possa diffondersi rapidamente in quartieri poveri e affollati.

  • Banca Mondiale: ad Air Worldwide ultima parola su scatto clausole pandemic bond

    Toccherà alla Air Worldwide Corporation, una compagnia americana di analisi dei dati e valutazione del rischio con sede a Boston dare il verdetto finale per far scattare le clausole sui 320 milioni di dollari di pandemic bond emessi dalla Banca Mondiale nel 2017.
    È quanto apprende Radiocor dalla Banca Mondiale che in uno statement conferma come alcune delle condizioni per arrivare il pagamento dei bond siano “già state soddisfatte come l'ampiezza della diffusione per paesi e forza dell'outbreak” di coronavirus. Le altre due condizioni rimanenti sono il periodo di 12 settimane (84 giorni) dall'inizio dell'epidemia. “Sulla base della data stabilità dall'Organizzazione mondiale per la Sanità (il 31 dicembre 2019), questo periodo giungerà a scadenza il 23 marzo 2020”. “La seconda condizione - spiega la Banca Mondiale - è che un'agenzia indipendente di calcolo (la Air Worldwide appunto) alla fine del periodo di 12 settimane deve indicare un trend positivo di crescita della diffusione del virus nei paesi membri dell'Ida e della Ibrd”, ovvero rispettivamente l'Associazione internazionale per lo sviluppo e la Banca Internazionale per la Ricostruzione e lo Sviluppo. Secondo quanto risulta a Radiocor, la Air Worldwide dovrebbe fornire la sua valutazione sul trend nell'arco delle due settimane successive alla scadenza del 23 marzo, dunque agli inizi della seconda settimana di aprile.

  • Uk: Johnson promette aiuti a tutti lavoratori

    Boris Johnson si è impegnato nel Question Time alla Camera dei Comuni a garantire “ulteriori misure” a tutela dei lavoratori britannici “di ogni tipo” costretti a restare a casa dal coronavirus, e ha ribadito che il governo Tory intende stanziare “tutto ciò che serve” (whatever it takes) per i lavoratori e il sistema sanitario, a fronte di un'emergenza che costringe a restrizioni “senza precedenti in tempo di pace”. Il laburista Jeremy Corbyn lo ha incalzato a entrare nel dettaglio e anche a calmierare gli affitti.

  • Tokyo 2020: comitati europei «sì a linee guida Cio»


    I presidenti dei comitati olimpici europei hanno appena votato all'unanimità un mozione di approvazione delle linee guida espresse dal Cio ieri sull'emergenza del coronavirus e l'impatto sul futuro, a cominciare dall'Olimpiade di Tokyo. Lo apprende l'ANSA da una qualificata fonte del Cio.

  • Uk: i supermercati mettono limiti all’acquisto di pasta e latte

    I più grandi supermercati britannici, Tesco, Sainsbury's e Asda, hanno imposto dei limiti agli acquisti di pasta, rotoli di carta igienica e latte a lunga conservazione dopo che gli acquirenti allarmati hanno spogliato gli scaffali per accumulare un possibile isolamento nell'epidemia di coronavirus.

  • Cio ad atleti: «Non esiste soluzione ideale»

    «Questa è una situazione eccezionale, che richiede soluzioni eccezionali. Non esiste una soluzione ideale»: così il Cio ha risposto, tramite un suo portavoce, alle proteste di diversi atleti olimpici internazionali dopo l'invito rivolto da Losanna ad andare avanti nella preparazione in vista di Tokyo 2020. «Il Cio - sottolinea il comitato olimpico si impegna a trovare una soluzione con il minor impatto negativo per gli atleti, proteggendo nel contempo l'integrità della competizione e la salute degli atleti».

  • I morti in Europa superano quelli in Asia


    I decessi per coronavirus in Europa superano per la prima volta quelli in Asia, secondo un conteggio della AFP. In Europa si registrano infatti almeno 3.421 vittime, mentre in Asia, dove la Cina è stata il focolaio iniziale di quella che è diventata in seguito una pandemia globale, i morti sono 3.384.

  • Unesco, metà degli studenti del mondo senza scuola


    La metà degli studenti di tutto il mondo in questo momento non ha una scuola in cui andare per via dell'emergenza scatenata dall'epidemia da coronavirus. E' l'allarme lanciato dall'Unesco.

  • Brasile; 1.375 reclusi evasi, 611 ricatturati


    Almeno 1.375 detenuti sono evasi da quattro unità carcerarie nello Stato di San Paolo durante le rivolte di lunedì scorso contro una decisione giudiziaria di sospendere l'uscita temporanea di oltre 34.000 di loro per evitare il rischio di contagio con il coronavirus: lo rende noto Gnews, precisando che oltre 600 reclusi sono nel frattempo stati
    ricatturati dalla polizia militare. Una quinta prigione ha avuto un inizio di ribellione, ma nessuna evasione. Secondo la Segreteria di amministrazione penitenziaria (Sap), tutti i prigionieri che hanno partecipato alle evasioni e alle rivolte provengono dal regime semi-aperto. Ieri sarebbero dovuti uscire temporaneamente per stare con le loro famiglie.
    I fuggitivi, che lavorano già durante il giorno e perrientrare di notte nelle carceri, sarebbero tornati alle loro unità dopo sette giorni

  • La Bce lima al ribasso le stime sull’Eurozona

    La Bce limerà le previsioni di crescita per l'eurozona decisamente verso il basso. Lo ha annunciato Isabel Schnabel, membro tedesco del comitato
    esecutivo della Bce alla Zeit, in un'intervista in uscita domani anticipata dal settimanale. «Viviamo uno shock economico molto forte», ha affermato.

    Le possibilità di una recessione sono sensibilmente salite. Le ultime stime per questo anno erano dello 0,8%. «Questo è superato». «Dovremo certamente correggere le previsioni decisamente verso il basso», ha detto.

  • Volvo, spot allo stabilimento di Gand

    Il gruppo svedese dell’auto Volvo ha annunciato la sospensione delle attività nel suo stabilimento di Gand, nel Belgio, motivando la scelta con la «carenza di lavoratori» e le raccomandazioni delle autorità sulle misure cautelative per l’epidemia di Covid-19.

  • Spagna, 13.700 contagi e 558 vittime

    Sono 13.700 le persone contagiate dal coronavirus in Spagna e 558 quelle decedute, secondo l'ultimo bilancio fornito dalle autorità
    spagnole.

  • Bank of England, prestito da 15 miliardi alle banche

    Le Bank of England ha emesso 15 miliardi di dollari in prestiti alle banche per far fronte all’impatto dell’epidemia di coronavirus. È la più grossa somma stanziata dai tempi della crisi finanzaria del 2008-2009.

  • Morto in Burkina Faso, il primo in Africa sub-sahariana

    Un morto in Burkina Faso per coronavirus, si tratta del primo registrato nell'Africa sub-sahariana. Lo Zambia ha confermato i primi due casi di coronavirus nel paese. Si tratta di due cittadini che avevano trascorso le proprie vacanze in Francia.

  • Il Brasile chiude la frontiera con il Venezuela

    Il presidente brasiliano, Jair Bolsonaro, ha annunciato la chiusura parziale del confine con il Venezuela, nello Stato di Roraima, come misura per contenere l'espansione del nuovo coronavirus. L'ordinanza è stata pubblicata oggi nella Gazzetta ufficiale federale. In Brasile, secondo il ministero della Sanità, ci sono finora 290 casi confermati e 8.819 casi sospetti.

  • Gli Emirati Arabi Uniti sospendono i visti in ingresso

    Gli Emirati Arabi Uniti sospenderanno, dal 19 marzo, tutti i visti di ingresso a eccezione del personale diplomatico. Lo hanno comunicato le autorità. La misura è stata presa in risposta alla proliferazione dell’epidemia di coronavirus e al timore che i visitatori possano diffondere il virus nel Paese.

  • Cina, il porto di Fuzhou chiude per 14 giorni alle navi da paesi “infetti”

    Il porto di Fuzhou, nella Cina orientale, ha bloccato per 14 giorni l’arrivo di imbarcazioni provenienti da nove paesi colpiti da casi di coronavirus. Nell’elenco rientrano anche gli Stati Uniti e Singapore.

  • Il Pe vota d’urgenza per sbloccare fondo da 37 mld

    La commissione per lo Sviluppo regionale (Regi) dell'Europarlamento ha avviato la procedura d'urgenza per adottare il prima possibile le misure d'emergenza presentate dall'esecutivo comunitario, che permetteranno di sbloccare 37 miliardi di euro per far fronte all'impatto del
    Coronavirus.

    La modifica delle norme di finanziamento dell'Ue - in questo
    caso, dell'uso dei fondi di coesione - rientra nella procedura di co-decisione, quindi insieme all'approvazione dell'Europarlamento servirà il via libera del Consiglio dell'Ue.

  • Brasile, Bolsonaro negativo anche al secondo test

    Il presidente del Brasile Jair Bolsonaro è risultato negativo anche al secondo test per il coronavirus: lo ha comunicato lui stesso sui social.
    Il capo di Stato era risultato negativo a un primo test realizzato venerdì scorso al suo rientro da un viaggio in Florida, dove aveva incontrato il suo omologo americano, Donald Trump.

  • Istituto Koch: se piano fallisce, 10 milioni di contagiati in Germania

    «Se non riusciamo a realizzare il piano messo a punto e minimizzare i contatti sociali, è possibile che nei prossimi mesi saranno contagiate fino a 10 milioni di persone in Germania, con un forte sovraccarico del
    sistema sanitario». Lo ha detto il presidente del Koch Institut Lothar Wieler, a Berlino in conferenza stampa. Wieler ha quindi rivolto un appello a «ridurre al minimo i contatti sociali e rispettare le distanze».

  • Portogallo, pacchetto da 9,2 miliardi per l’economia

    Il governo portoghese ha annunciato un pacchetto da 9,2 miliardi di euro per sostenere lavoratori e imprese penalizzati dal coronavirus.

  • Bmw: con coronavirus profitti molto più bassi del 2019

    Bmw rivede le guidance per il 2020 per effetto del coronavirus. La casa automobilistica stima profitti ante imposte «significativamente più bassi» rispetto al 2019. I volumi di consegna in tutti i principali mercati saranno inferiori nel 2020, in particolare per il segmento automobilistico.

  • Bce: pronti a rivedere le misure per salvare liquidità

    La Banca centrale europea è pronta a rivedere le misure di risposta alla pandemia di coronavirus. «Il Consiglio direttivo ritiene, all'unanimità, che oltre alle misure varate il 12 marzo 2020, la Bce continuerà a monitorare da vicino le ricadute sull'economia della diffusione del coronavirus ed è pronta ad aggiustare tutte le proprie misure, nel modo appropriato, se questo dovesse essere necessario per salvaguardare le condizioni di liquidità nel sistema bancario e per assicurare una trasmissione fluida della politica monetaria in tutte le giurisdizioni».

    È quanto si legge in una nota della Bce, a commento delle parole del governatore della Banca centrale austriaca Robert Holzmann che, in un'intervista a Der Standard, ha detto che la politica monetaria potrebbe avere raggiunto il proprio limite.

    (Photo by Daniel ROLAND / AFP)
  • Malesia: coronavirus «peggio di uno tsunami»

    Una nuova ondata di infezioni da coronavirus in Malesia potrebbe avere effetti «più grandi di quelli di uno tsunami». Lo hanno dichiarato le autorità della Malesia, il paese del Sud-est asiatico colpito con più violenza dall’epidemia. Finora si sono registrati 673 casi.

    Passeggeri su un autobus a Kuala Lumpur, Malesia
  • Moldavia, prima vittima per coronavirus

    La Moldavia ha registrato la prima vittima da coronavirus nel paese. Lo scrivono i media internazionali citando fonti del ministero della Salute.

  • Israele, altri 90 contagiati

    Il numero dei casi positivi al coronavirus in Israele ha subito la scorsa notte una repentina accelerazione con la registrazione di 90 nuovi contagiati.

    Il bilancio complessivo dall'inizio dell'epidemia ha raggiunto così il totale provvisorio di 427. Lo ha riferito il ministero della Sanità israeliana.

    Intanto, due ministri - Arye Deri (Interni) e Zahi Hanegbi (Cooperazione regionale) - sono dalla scorsa notte in quarantena per aver incontrato nei giorni scorsi una persona risultata poi positiva al virus.

  • Giappone: dimezzato l’import dalla Cina, Tokyo chiude in ribasso

    Si dimezzano in Giappone le importazioni dalla Cina, assestandosi ai minimi in 11 anni, dopo lo stallo dell'attività economica provocato dalla diffusione del coronavirus.

    Secondo i dati del ministero delle Finanze il calo delle importazioni in febbraio supera di poco il 47% a 673 miliardi di yen (l'equivalente di 5,7 miliardi di euro): un livello mai così basso dall'inizio del 2009.

    Nel frattempo la Borsa di Tokyo ha chiuso in ribasso, fra i timori degli investitori sulle manovre di contrasto al coronavirus approntate dal governo. Il Nikkei cede l'1,68% assestandosi ai minimi in tre anni, a
    quota 16.726,55, e con una perdita di 284 punti. Sul mercato valutario lo yen tratta a 106,90 sul dollaro, e sull'euro a 117,80.

  • Fmi respinge la richiesta di aiuto di Maduro

    Il Fondo Monetario Internazionale (Fmi) ha respinto la richiesta del presidente venezuelano Nicolas Maduro di cinque miliardi di dollari per far fronte all'emergenza coronavirus nel Paese. «Sfortunatamente il Fondo non è nella posizione di prendere in esame questa richiesta» perché «non c'è chiarezza» sul riconoscimento a livello internazionale del governo venezuelano, ha spiegato l'Fmi in un comunicato.

    Nicolas Maduro
  • Volkswagen ferma altri tre stabilimenti in Polonia

    Il gruppo dell’auto Volkswagen ha annunciato che sospenderà la produzione in tre stabilimenti in Polonia (Poznan, Swarzedz and Września) in risposta all’esplosione dell’epidemia di coronavirus. Lo stop durerà due settimane e fa seguito a una serie di misure simili nel resto d’Europa.

  • Coronavirus, 8.400 morti e 164 paesi colpiti

    Il bilancio dell’epidemia di coronavirus è arrivato a contare 8.400 vittime, mentre l’epidemia è dilagata in 164 paesi su scala mondiale. Lo scrive l’agenzia Reuters

  • Cina, test a vaccino su sicurezza per l’uomo


    La Cina ha dato il via libera ai test di sperimentazione sulla sicurezza per l'uomo di un vaccino contro il coronavirus, irrompendo nella corsa per debellare la pandemia del Covid-19 che ha causato oltre 7mia morti nel
    mondo. I ricercatori dell'Accademia cinese delle scienze mediche
    militari, istituto affiliato all'Esercito popolare di Liberazione, hanno ricevuto l'approvazione per lanciare gli studi clinici in fase iniziale del potenziale vaccino a partire da questa settimana, secondo quanto ha riportato il Quotidiano del Popolo, la voce del Partito comunista cinese.

    Lunedì, un gruppo di scienziati negli Usa ha annunciato che sono iniziati
    gli studi clinici su di un vaccino sviluppato dall'Istituto nazionale di allergie e malattie infettive e dalla società di biotecnologie statunitense Moderna. I dettagli nel database di registrazione clinica sperimentale cinese mostrano che un test di 'Fase 1', dedicato alla sicurezza per l'uomo, mira a coinvolgere 108 persone sane per prendere parte al processo tra
    il 16 marzo e il 31 dicembre.

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti
Loading...