Europa

Coronavirus, ultime notizie dal mondo: Corea Sud pensa a reintrodurre distanziamento. Johnson invita Putin al summit sul vaccino. Bce: Lagarde stima Pil Eurozona 2020 tra -8% e -12%

Lagarde (Bce), non ci sarà un’altra crisi dell’euro
Contagi Usa rallentano ai livelli di marzo
I casi del virus nel mondo del 26 maggio



  • <br>In Turchia 1.035 casi e 34 vittime in 24 ore

    Salgono a 159.797 i casi di Covid-19 in Turchia, con 1.035 contagi registrati nelle ultime 24 ore su 21.043 test effettuati. Le nuove vittime sono 34, per un totale di 4.431 decessi confermati dall'inizio della pandemia. I ricoverati in terapia intensiva scendono a 723, con 331 intubati, mentre i pazienti guariti aumentano a 122.793. Lo ha riferito nel suo bollettino quotidiano il ministro della Salute turco Fahrettin Koca.

  • <br>Farnesina: rimpatriati oltre 88mila italiani

    Continua senza sosta il lavoro della Farnesina per il rientro in sicurezza dei cittadini italiani bloccati all'estero: negli ultimi due giorni sono tornate nel nostro Paese circa 550 persone da Regno Unito, Spagna e Polonia, per via aerea e marittima. Nella notte italiana - sottolinea una nota del Ministero degli Esteri - sono previsti ulteriori voli di rientro dalla Colombia, dal Perù e dal Kosovo. Grazie alla Farnesina il numero dei rimpatriati supera così quota di 88mila, attraverso 920 operazioni da 119 Paesi. L'Unità di Crisi del Ministero degli Esteri è al lavoro giorno e notte, insieme alle Ambasciate e i Consolati all'estero, per consentire a tutti i connazionali bloccati nel mondo - conclude la nota - di rimpatriare in piena sicurezza.

  • Premier League, altri tre calciatori positivi

    Ci sono altri quattro positivi al coronavirus in Premier League dopo il terzo giro di tamponi a cui sono stati sottoposti 1008 persone. Lo rende noto la Bbc. I nomi dei tesserati non sono stai resi noti, e si sa soltanto che appartengono a tre diversi club. Sale quindi a 12 il totale dei tesserati o dipendenti delle squadre di Premier League risultati positivi dopo 2.572 test effettuati.

  • Positivo ministro Sanità dello Zambia

    Il ministro della Sanità dello Zambia, Chitalu Chilufya, è risultato positivo al coronavirus. Questa notizia è stata data nel corso di una conferenza stampa con cui si è aggiornata la nazione sugli ultimi dati della pandemia nel Paese. Si tratta del secondo ministro dello Zambia affetto da Covid-19 dopo Dora Siliya, ministra dell'Informazione. Il Paese negli ultimi cinque giorni ha fatto registrare 137 nuovi casi, portando il totale a 1.057 contagi, mentre i decessi da Covid-19 sono pari a sette.

  • Kenya registra “sconcertante” aumento dei casi

    Il Kenya ha registrato un numero “sconcertante” di nuovi casi di coronavirus, come ha affermato il ministro della Salute Mutahi Kagwe. Annunciando gli ultimi dati, Kagwe ha dichiarato che il numero di contagi è salito da 123 a 1.471, il più grande salto dall'arrivo della pandemia nel Paese, in parte attribuito all'aumento della capacità di test. Il ministro ha osservato che alcuni dei nuovi casi provengono dalle baraccopoli della capitale, Nairobi. “C'è un numero crescente di infezioni in queste aree”, ha detto. In Kenya è in vigore un coprifuoco notturno e gli spostamenti sono limitati in alcune sue zone per arginare la diffusione del virus.

  • Oltre 1,68 mln di casi negli Usa, più di 99mila morti

    Sono 1.685.955 i casi confermati di persone contagiate dal nuovo coronavirus negli Stati Uniti, mentre i decessi legati alla malattia sono almeno 99.264. È quanto emerge dagli ultimi dati forniti dalla Johns Hopkins University. Nel mondo, i casi sono oltre 5,635 milioni e le morti almeno 352mila.

  • In Francia meno di 100 vittime per il quarto giorno consecutivo

    Il bilancio delle vittime francesi del coronavirus aumentato meno di 100 unità per il settimo giorno consecutivo, rafforzando le speranze che il peggio della pandemia sia finito. Secondo il ministero della Salute l’incremento delle vittime è di 66 (+0,2%), per un totale di 28.596, che pone la Francia al quarto posto nel mondo.

  • Johnson: in Gb al via da domani “test and tracing”

    Entrerà in vigore a partire da domani il sistema nazionale di “test and tracing” per sorvegliare i contagi da coronavirus nel Regno Unito in vista delle prime tappe della Fase 2 e delle riaperture graduali previste da giugno. Lo ha annunciato Boris Johnson durante un'audizione video con il Liaison Committee, che riunisce i 37 presidenti di commissioni della Camera dei Comuni. Johnson ha definito il meccanismo “uno strumento molto importante”, difendendo il lavoro fatto per testarlo e per addestrare 25.000 “tracciatori”, ma ammettendo ci vorranno alcuni giorni affinché sia regime come al livello dei “migliori standard mondiali”. Incalzato dall'ex ministro Tory Jeremy Hunt sui ritardi del Paese sul fronte dei test, il premier ha poi ammesso che vi sono state lacune strutturali. “La brutale realtà”, ha detto, è che il Regno “non aveva imparato” dalle precedenti pandemie e infezioni di dotarsi di un sistema efficiente per poter testare la gente su vasta scala. Ha poi indicato l'obiettivo di garantire i risultati dei tamponi entro 24 ore.

  • Fauci: “buona possibilità” di avere un vaccino entro dicembre

    Secondo Anthony Fauci, il principale esperto di malattie infettive del governo degli Stati Uniti, esiste una “buona possibilità” che un vaccino possa essere schierato entro novembre o dicembre.

  • In Francia sui bus obbligo di mascherina fino alla cura

    L'uso della mascherina resterà obbligatorio nei trasporti pubblici “fino a quando non ci sarà una cura” contro il coronavirus: lo ha detto la ministra francese per la Transizione Ecologica, Elisabeth Borne, intervistata oggi da Bfm-Tv. “E' indubbio che bisognerà mantenere l'uso della mascherina obbligatoria nei trasporti pubblici fino a quando non ci sarà un trattamento o un vaccino”, ha avvertito.

  • Svezia: stupiti da Ue, servono prestiti non sovvenzioni

    “Un Recovery fund che aiuti a rimettere in piedi le economie dei Paesi è necessario, tuttavia è sorprendente che la Commissione europea raccomandi di versare 500 miliardi di euro come sovvenzioni, senza alcuna richiesta di rimborso”. E' quanto scrive il premier svedese Stefan Lofven in un comunicato inviato all'Afp. “La Svezia ha da sempre spinto affinché il fondo si concentrasse sui prestiti, che forniscono un incentivo più forte affinché il denaro venga utilizzato in modo efficiente”, aggiunge.

  • Recovery Fund, Gentiloni: Italia maggior beneficiario perchè ha più bisogno

    “Non deve sorprendere” che l'Italia “beneficerà più degli altri del Recovery fund”, visto che “è uno dei Paesi che maggiormente ha bisogno per evitare di rimanere indietro, di perdere competitività, perché non ha le stesse capacità di bilancio di altri Paesi perché ha un debito più ragguardevole”: lo ha detto il commissario all'economia Paolo Gentiloni. “Credo che la consapevolezza del sostegno ai Paesi più colpiti sia un fatto caratteristico di questa operazione” del Recovery fund. “C'è la consapevolezza che bisogna uscire insieme dalla crisi, non ci sono vincitori e vinti”, ha concluso.

  • Appello Oms a G20 per ripresa ”verde e sana” da pandemia

    “La lettera inviata ieri ai leader del G20 da 40 milioni di lavoratori della sanità per una ripresa verde e sana dal Covid-19 ha il mio totale supporto”. Lo ha detto il direttore generale dell'Oms, Tedros Adhanom Ghebreyesus, nel consueto briefing sul coronavirus. “Il costo umano del coronavirus è stato devastante e le misure di lockdown hanno rivoluzionato le nostre vite ma la pandemia ci ha dato un assaggio di cosa il nostro mondo potrebbe essere se riuscissimo ad affrontare il tema del cambiamento climatico e dell'inquinamento”, ha aggiunto.

  • Nel Regno Unito 37.460 vittime, +412

    S'impenna di nuovo a 412 morti - contro i 134 censiti ieri e con il recupero di alcuni dati non raccolti nei giorni scorsi - il bilancio ufficiale delle vittime da coronavirus nel Regno Unito secondo l'aggiornamento quotidiano sulle ultime 24 ore censite reso noto oggi dal ministero della Sanità. Il totale dei decessi accertato con i tamponi sale così a 37.460, anche se le ultime stime basate sulle elaborazioni statistiche dell'Ons, l'Istat britannico (e allargate ai casi di morte sospetta da Covid-19) indicano più di 47.000 vittime. I contagi complessivi diagnosticati dall'inizio della pandemia toccano invece - guarigioni incluse - 267.240, con una curva confermata ormai stabilmente in flessione. Mentre i test giornalieri eseguiti a livello nazionale restano oltre quota 100.000 (117.000 circa). .

  • A New York installati distributori di mascherine

    Merendine, bibite e ora anche mascherine. È la nuova frontiera dei distributori automatici in epoca della pandemia. I primi esempi a New York sono comparsi a Manhattan, nel Lower East Side, e a Brooklyn, a Coney Island. Al prezzo di tre dollari si può avere una mascherina KN95. I distributori sono un'idea del rivenditore online 'RapidMask2Go', il quale oltre ad installarli in altri punti della città ha in programma anche di aprire un negozio vero e proprio una volta che saranno finite le misure restrittive. In realtà i distributori di mascherine sono già comparsi in altri paese, come la Germania, la Repubblica Ceca e città come Hong Kong. Era solo una questione di tempo prima che approdassero anche nella Grande Mela.

  • Merkel: negoziato non si chiuderà a Consiglio Ue di giugno

    “È chiaro che le trattative saranno difficili e non saranno chiuse già al prossimo Consiglio europeo” di giugno. Lo ha detto Angela Merkel, rispondendo a una domanda sulla proposta della Commissione europea sul Recovery fund e sulle previsioni per il bilancio pluriennale. “Il nostro obiettivo è che in autunno si riesca a trovare abbastanza tempo per le consultazioni nel Parlamento europeo e nei parlamenti nazionali, in modo che possa entrare in vigore entro il primo gennaio 2021”, ha aggiunto.

  • <br>Ilo: un giovane su 6 ha perso il lavoro a causa del Covid

    La pandemia ha un effetto “devastante e sproporzionato” sui giovani lavoratori. Più di un ragazzo su sei ha smesso di lavorare a causa del Covid, secondo un'analisi dell'Ilo (l'Organizzazione mondiale del lavoro). E quelli che sono ancora occupati hanno visto una riduzione del loro orario di lavoro del 23 per cento. Complessivamente, l'emergenza sanitaria sta portando a una perdita stimata nel 10,7% delle ore lavorate nel mondo, nel secondo trimestre 2020, rispetto all'ultimo trimestre del 2019, pari a 305 milioni di posti a tempo pieno.

  • Corea del Sud pensa a reintrodurre distanziamento

    La Corea del Sud potrebbe reintrodurre misure di distanziamento sociale, dopo averle alleggerite lo scorso aprile, in risposta ad una ripresa di contagi da coronavirus nell'area metropolitana di Seul. Lo spiegano gli esperti sudcoreani, scrive il Guardian. Jeong Eun-kyeong, direttore del centro sudcoreano per il controllo e la prevenzione, ha affermato che sta diventando più difficile per gli operatori sanitari tenere sotto controllo la diffusione del Covid-19. Oggi nel Paese si registrano 40 nuovi casi positivi, l'aumento più significativo da quasi 50 giorni.

  • Von der Leyen: su modello di fondo c'è accordo

    “Siamo stati incaricati dal Consiglio Ue di lavorare su questo modello”, su cui “c'è un accordo di fondo”, ora “la discussione è tra la dimensione dei prestiti e dei finanziamenti a fondo perduto, e su quanto dovremo raccogliere sul mercato. È positivo iniziare a lavorare ad una soluzione, che subirà parziali modifiche come accade nei negoziati, ma sono convinta che questa sia la risposta che dobbiamo dare per risolvere questa crisi acuta”. Così la presidente della Commissione Ue, Ursula von der Leyen.

  • Mosca pronta ridurre restrizioni dall'1 giugno

    Il sindaco di Mosca, Serghiei Sobyanin, ha proposto nella capitale russa un alleggerimento a partire dall'1 giugno delle restrizioni per frenare l'epidemia di Covid-19. In un incontro in teleconferenza con Vladimir Putin, Sobyanin ha suggerito la riapertura dei negozi di prodotti non alimentari e la ripresa delle attività delle imprese dei servizi dove non è necessario un contatto prolungato con i visitatori. Il sindaco propone inoltre di “permettere passeggiate ai cittadini in modo sperimentale” con alcune limitazioni.
    “Proponiamo di far riaprire dal primo giugno non solo tutto il settore del commercio dei prodotti alimentari ma anche quello dei prodotti non alimentari”, ha detto Sobyanin a Putin suggerendo anche di “far aprire una parte dei servizi che non richiedono un contatto prolungato con una persona: lavanderie, lavaggi a secco, officine di riparazione e così via”. Per quanto riguarda le passeggiate, il sindaco di Mosca prevede “una modalità di prova” con “un programma di quando i cittadini che vivono in alcuni condomini” possono uscire. “Comunque, non tutti in una volta”, ha precisato Sobyanin, secondo cui si può adottare lo schema per “una settimana o due per vedere come la situazione si svilupperà”.

  • Michel (Consiglio Ue): ora serve un accordo prima dell’estate

    La proposta della Commissione europea per il Recovery Fund è un “importante passo” in avanti e “sarà al centro del vertice Ue del 19 giugno. Bisogna fare di tutto per arrivare a un accordo prima della pausa estiva”. Lo ha scritto in un tweet il presidente del Consiglio Europeo Charles Michel.

  • Sanchez: proposta Ue include molte nostre richieste

    “La proposta della Commissione Ue include molte delle nostre richieste. La creazione di un Recovery Fund da 750 milioni di euro è un punto di partenza per i negoziati. Dovremmo presto raggiungere un accordo per avere accesso alle risorse che ci consentiranno di far ripartire l'economia e superare la crisi”. Lo scrive su Twitter il premier spagnolo Pedro Sanchez. Nella proposta della Commissione alla Spagna spetterebbero 140,4 miliardi, divisi tra 77,3 miliardi di aiuti e 63,1 miliardi di prestiti. E' la seconda quota più alta dopo quella per l'Italia.

  • Il Giappone stanzia buoni per i turisti stranieri

    Il governo del Giappone ha deciso di stanziare dei fondi destinati ai turisti che nei prossimi due mesi decideranno di viaggiare nel Paese, uno dei primi ad essere colpiti dall'emergenza coronavirus. L'iniziativa, riporta l'agenzia di stampa giapponese Kyodo, prevede sussidi fino a 20.000 yen al giorno (circa 168 euro) che potranno essere spesi in negozi e ristoranti delle località turistiche. Il piano di fondo non comprende le spese di viaggio per chi arriva dall'estero. Secondo gli ultimi dati sul turismo in Giappone, il numero di stranieri è diminuito del 99% a causa della pandemia di Covid-19, con poco meno di 3.000 presenze nel Paese il mese scorso. Prima dell'emergenza, il turismo rappresentava uno dei settori chiave dell'economia nipponica. Il premier Shinzo Abe si era posto come obiettivo l'arrivo di 40 milioni di turisti stranieri entro l'anno, fino ad arrivare a 60 milioni per il 2030.

  • Gualtieri (Mef): proposta Ue ambiziosa, priorità investimenti

    “Siamo impegnati nel predisporre un vero e proprio piano strategico per la ripresa, nell'orizzonte che vede oggi molto positivamente la commissione Ue presentare la proposta ambiziosa di un grande strumento, che si finanzierà anche con titoli comuni, per sostenere l'Unione e gli Stati membri”. Lo ha detto il ministro dell'Economia Roberto Gualtieri commentando, durante il question time alla Camera, la proposta della Commissione Ue sul recovery fund. Gualtieri ha detto che il 'recovery plan' dell'Italia andrà “nella direzione di rilanciare la crescita, l'occupazione e la coesione affrontando non solo le conseguenze di questa crisi ma anche le grandi sfide davanti a noi, anzitutto innovazione e sostenibilità”.

  • <br>Aiuti alle imprese, garanzia Ue per 75 miliardi alla Bei per interventi privati

    Se dovesse realizzarsi lo scenario economico peggiore, la Commissione prevede che fra il 35 e il 50% delle imprese con più di 20 dipendenti potrebbe riscontrare carenze finanziarie entro la fine dell'anno. Il solo fabbisogno di riparazione del capitale proprio per quest'anno potrebbe essere compreso tra 720 miliardi e 1.200 miliardi. Di fronte a una crisi di questa portata, il sostegno attualmente fornito dagli Stati membri non sarà sufficiente. Inoltre, la capacità degli Stati membri di sostenere le proprie società differisce ampiamente. Di qui la necessità di aiutare queste aziende a superare la crisi, evitando un circolo vizioso danni economici- fallimenti delle imprese. Questa la ragione della proposta di creare uno strumento di sostegno alla solvibilità delle imprese per fornire sostegno urgente alle imprese sane, già da quest'anno. Si tratta di uno strumento temporaneo e strettamente rivolto a fronteggiare l'impatto economico della pandemia. Fornirà garanzie parziali contro perdite future: con 5 miliardi del bilancio Ue attuale e 26 miliardi del prossimo, la Ue fornirebbe una garanzia di circa 75 miliardi alla Bei. L'obiettivo è un livello di investimenti complessivo (attraendo capitali privati) di 300 miliardi. La garanzia sarà calibrata per assicurare che gli investimenti (nel capitale delle imprese) siano mirati a società in particolare nei Paesi che hanno meno possibilità di intervenire con aiuti di Stato nazionali (l'Italia tra questi) e maggiormente colpiti dalla crisi sanitaria.
    Come misura complementare, il capitale del Fondo europeo per gli investimenti sarà aumentato per fornire sostegno a una vasta gamma di piccole e medie imprese, anche attraverso l'attuazione dello strumento di sostegno alla solvibilità. Ciò contribuirebbe ulteriormente alla creazione di un pacchetto globale per la ripresa europea, anche in combinato disposto con le misure concordate dal Consiglio europeo di aprile. Questo aumento di capitale fino a 1,5 miliardi sarà finanziato sia nell'ambito attuale che nel prossimo quadro finanziario pluriennale.
    Il gruppo Banca europea per gli investimenti utilizzerà la garanzia dell'Unione per ridurre il rischio per gli investitori privati di investire nelle società fornendo garanzie o finanziamenti a veicoli di investimento (fondi gestiti privatamente o veicoli a fini speciali) gestiti a condizioni commerciali, mobilitando in tal modo risorse private a supporto di tali società. Ciò, spiega la Commissione, consentirà alle società di cercare nuovo capitale da investitori privati, rafforzando così il patrimonio e affrontando i rischi per la loro solvibilità. Tale sistema intermedio, indica Bruxelles, “garantisce che solo i gestori indipendenti dei veicoli di investimento decideranno su quali aziende saranno sostenute». Il coinvolgimento del settore privato « in quanto potenziali investitori consentirà una fornitura più mirata di capitale a società realmente sostenibili».
    Il nuovo strumento integrerebbe le politiche nazionali messe in atto da un numero limitato di Stati membri, garantendo il sostegno alla solvibilità disponibile in tutta l'Unione. Le condizioni degli strumenti dovrebbero essere coerenti con le norme sugli aiuti di Stato al fine di garantire parità di condizioni e facilitare possibili combinazioni con il sostegno fornito direttamente dagli Stati membri, tenendo conto della natura europea dello strumento e della gestione commerciale dei fondi.

  • Non è confermata la presenza fisica di Merkel al G7

    Non è sicuro che Angela Merkel parteciperà di persona al G7 in programma a giugno a cui sta lavorando il presidente americano Trump. Trump tiene molto a un summit in presenza che sta organizzando a Camp David anche per dare l’impressione che il virus è stato domato ma un portavoce della cancelliera ha detto che non può confermare la presenza di Merkel.

  • Von der Leyen, “un passo coraggioso, viva l'Europa”

    Occorre “fare un ulteriore passo coraggioso verso l'Europa della sostenibilità. Lo dobbiamo alle prossime generazioni. Viva l'Europa”. Così la presidente della Commissione Ue Ursula von der Leyen ha concluso il suo discorso davanti all'europarlamento.

  • Africa, i casi salgono a 118.000

    I casi di coronavirus in Africa sono saliti a 118.000. Lo ha dichiarato l'ufficio dell'Oms nel continente. Sono 48.000 le persone guarite e 3.500 quelle morte a causa del Covid-19. Per quanto il virus nel continente non abbia avuto almeno fino a oggi l'impatto disastroso che si temeva, le sue conseguenze sull'economia e le risorse dell'Africa potrebbero essere devastanti. L'Onu ha messo in guardia in particolare sul rischio di carestie nella parte occidentale del continente dove le persone che vivono nell'insicurezza alimentare potrebbero raddoppiare e arrivare a 43 milioni nei prossimi sei mesi.

  • Johnson invita Putin al summit sul vaccino

    Il presidente russo Putin ha ricevuto l’invito da parte del premier britannico Boris Johnson a partecipare al summit sul vaccino per il coronavirus, ma il Cremlino fa sapere che ancora nessuna decisione è stata presa. L’invito è particolarmente significativo non solo perché i due paesi hanno vissuti diversi momenti di tensioni dopo l’avvelenamento di un ex agente del Kgb in Gran Bretagna ma anche perché ultimamente si sta assistendo a episodi di tensione tra superpotenze, in particolare Stati Uniti e Cina sui lavori attorno al vaccino con gli americani che accusano i cinesi di voler rubare segreti dai loro laboratori governativi.

  • In Ucraina 321 nuovi casi e 14 morti

    In Ucraina nelle ultime 24 ore sono stati accertati 321 nuovi casi di Covid-19 e 14 persone sono morte a causa del nuovo coronavirus, 420 pazienti sono invece guariti: lo fa sapere il ministro della Salute Maksim Stepanov, ripreso dal Kyiv Post. Per il secondo giorno di fila i guariti superano i nuovi contagi. In totale, stando ai dati ufficiali, in Ucraina si sono registrati finora 21.905 casi di Covid-19, 658 persone sono morte e 7.995 sono guarite.

  • Svizzera, test per app basata su Google

    In Svizzera alcune migliaia di persone possono testare la prima applicazione basata sul sistema Apple-Google per tracciare i contatti e prevenire la diffusione del Covid-19. L'app si chiama SwissCovid ed è a disposizione di militari, del personale di ospedali selezionati e di alcuni funzionari pubblici, prima di essere estesa a tutta la popolazione a metà giugno. «Questa è la prima volta che gli aggiornamenti del sistema operativo di Google e Apple consentono l'implementazione e il test su così vasta scala», ha detto Edouard Bugnion, vicepresidente dei sistemi informatici alla Scuola politecnica federale di Losanna.

    L'applicazione funziona in modo decentralizzato, cioè conserva i dati degli utenti sui loro dispositivi e non in un server esterno. Si basa sul protocollo open source Dp3t - tracciamento decentralizzato di prossimità a tutela della privacy - al cui sviluppo hanno contribuito i politecnici di Losanna e Zurigo.

  • Recovery fund: fonti, a Italia 172,7 miliardi di euro

    Il pacchetto del Recovery Fund proposto dalla Commissione europea per l'Italia ammonta a 172,7 miliardi di euro. Lo apprende l'ANSA da fonti ben informate. 81,807 miliardi sarebbero versati come aiuti e 90,938 miliardi come prestiti.

  • Giappone, approvato piano da 1.100 miliardi di stimoli contro la pandemia

    Il governo giapponese ha approvato mercoledì un nuovo pacchetto di stimoli pari all’equivalentre di 1.100 miliardi di dollari per contrastare la pandemia di Covid-19. Le nuove misure portano il totale di spesa pubblica contro il virus a oltre 2mila miliardi di dollari.

  • Gentiloni: Recovery fund da 750 mld, svolta senza precedenti

    «La Commissione propone un Recovery Fund da 750 miliardi che si aggiunge agli strumenti comuni già varati. Una svolta europea per fronteggiare una crisi senza precedenti»: così il commissario all'economia Paolo Gentiloni.

  • “Il Recovery Fund sarà da 750 miliardi”, anticipazioni sulla proposta della Commissione Ue

    Il pacchetto del Recovery Fund proposto dalla Commissione europea ammonterebbe a 750 miliardi di euro. Lo scrive la Dpa in un'anticipazione citando fonti ben informate. Stando all'agenzia tedesca, 500 miliardi sarebbero versati come aiuti, 250 miliardi come prestiti.

  • Russia, 8.338 nuovi casi e 161 morti in 24 ore

    Sono 8.338 i nuovi casi di coronavirus accertati in Russia nelle ultime 24 ore, in calo rispetto agli 8.915 di ieri e agli 8.946 di lunedì. Il totale dei contagi sale così ufficialmente a 370.680, che fa della Russia il terzo Paese al mondo dopo Stati Uniti e Brasile. I morti nelle ultime 24 ore sono stati 161, cifra leggermente inferiore ai 174 del giorno procedente, che era il record, e la cifra ufficiale dei decessi sale a 3.968. I guariti nelle ultime 24 ore sono invece 11.079. Lo riporta il centro operativo russo anticoronavirus. Secondo l'agenzia di stampa russa Interfax, l'indice di trasmissibilità Rt è sotto il valore 1, e per la precisione a 0,97, mentre a Mosca è sceso a 0,85.

  • Bce: Lagarde, probabile Pil eurozona 2020 tra -8% e -12%

    Data la difficoltà di fare previsioni sull'impatto economico della pandemia di coronavirus, la Bce «ha lavorato in base a scenari, ipotesi. Siamo arrivati a 3 diverse direzioni, quella “leggera”, che secondo me è già superata e che prevedeva un calo del Pil dell'eurozona del 5% nel 2020, quella media (-8%) e quella severa (-12%)». Lo ha ricordato la presidente della Bce, Christine Lagarde, intervenendo agli “Youth Dialogue” online dell'European Youth Event 2020. «E' molto probabile che lo scenario leggero sia superato ed è possibile, anche se non lo sappiamo ancora per certo, ma è probabile che saremo tra lo scenario medio e quello severo». In risposta alla domanda se la pandemia, provocando un forte indebitamento di alcuni Stati, provocherà una nuova crisi finanziaria dell'Eurozona, la Lagarde ha detto: “No, la risposta è no”. «Tutti i Paesi nel mondo hanno dovuto rispondere aumentando il proprio debito, non è un fenomeno europeo»; ha detto Lagarde. «era la cosa giusta da fare. Misure fiscali dovevano essere prese e l'uso del debito non solo è raccomandato ma è la cosa da fare». Tanto più che «a causa delle attuali circostanze e del basso livello di inflazione, i tassi di interessi sono molto bassi» e quindi il costo del debito «è molto basso» e «alcuni paesi possono prendere in prestito a tassi negativi». La cosa importante, quindi, è come il nuovo debito viene speso: «Se viene speso per trasformare le nostre economie, per investire in tecnologia, per renderle più efficienti, più produttive, più in linea con i bisogni della gente e per rendere la crescita sostenibile e le nostre economie responsabili allora è un uso particolarmente positivo», ha notato Lagarde. «Non sono molto preoccupata» per l'aumento del debito, ha concluso. «E' qualcosa che terremo sotto osservazione, ma in questo momento la mia risposta» alla domanda iniziale «è sicuramente no».

  • Presentato primo piano Renault-Nissan del dopo Ghosn

    Renault SA, Nissan Motor Co e Mitsubishi Motors Corp hanno annunciato oggi un piano strategico che richiede una più stretta cooperazione tra le case del gruppo per sviluppare e produrre macchine che permettano al gruppo di sopravvivere in questa difficile situazione di mercato aggravata dalla pandemia. Questo piano era particolarmente atteso perchéè il primo dell’era post Carlos Ghosn, ex presidente e stratega del gruppo arrestato due anni fa e al centro di una caccia all’uomo internazionale in cui sono coinvolti anche servizi segreti e governi.

  • Cina, -27,4% profitti industriali primi 4 mesi

    I profitti delle grandi compagnie industriali cinesi sono scesi del 27,4% annuo, a 1.260 miliardi di yuan (quasi 180 miliardi di dollari), nei primi quattro mesi dell'anno, scontando gli effetti del blocco produttivo deciso per contrstare la diffusione della pandemia del Covid-19. Secondo i dati dell'Ufficio nazionale di statistica sviluppati sulle società con circa 2,8 milioni di dollari di ricavi, la contrazione di gennaio-aprile è in miglioramento sul -36,7% dei primi tre mesi dell'anno. Soltanto nel mese di aprile, il calo è stato del 4,3%, a 478,1 miliardi di yuan. I profitti delle imprese pubbliche hanno accusato una frenata del 46% nel primo quadrimestre, quelle private del 17,2%. Tra i 41 settori monitorati, 36 hanno visto conti in rosso: su tutti il comparto petrolio e carbone, in picchiata del -213,3%.

  • Francia: la fiducia delle imprese migliora a maggio a 59 punti

    Migliora leggermente il clima di fiducia delle imprese in Francia nel mese di maggio rispetto al precedente mese di aprile quando si era toccato il livello più basso (53 punti) dall'inizio della serie, nel 1980. Nel mese in corso l'indice è leggermene risalito a 59 punti, ma, precisa l'istituto di statistica francese Insee, si tratta sempre di un livello “particolarmente basso”. Il miglioramento è legato alle misure di apertura delle attività dopo il confinamento per il Covid-19.

  • I contagi negli Stati Uniti rallentano ai livelli di marzo

    Con circa 100.000 level morti accertati, gli Stati Uniti si confermano il paese più colpito al mondo dalla pandemia ma i nuovi casi aumentano lentamente e si attestano ai livelli di marzo, quel momento in cui il presidenteDonald Trump ha lanciato il piano per aumentare i test e scoprire quindi la vera incidenza ella pandemia nel paese.

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti