Europa

Coronavirus, le ultime notizie dal mondo. Francia: patto di stabilità sia sospeso anche nel 2021

38,6 milioni di americani disoccupati in 9 settimane
Brasile, numero morti sale del 120% in 14 giorni
Vaccino Oxford: 400mln di dosi a settembre, un mld entro 2021
Superata la soglia dei 5 milioni di casi nel mondo
Easyjet torna a volare dal 15 giugno
Malta primo Paese ad annunciare il ricorso al Mes ”light”
Spagna, parlamento proroga stato emergenza a 6 giugno
La Svezia bocciata da Standard Ethics perde la ‘EEE'



  • In California 1.200 pastori protestanti sfidano le regole del governatore: le chiese verranno riaperte

    Oltre 1200 pastori hanno annunciato che sfideranno le restrizioni del governatore della California Gavin Newsom riaprendo le chiese e riprendendo i servizi religiosi di persona a partire dal 31 maggio, nel rispetto delle linee guida sul distanziamento sociale. In base al piano di Newsom, gli edifici di culto potranno riaprire nella fase tre ma ora la California è all'inizio della fase 2.

  • Trump in una fabbrica Ford senza mascherina

    Donald Trump ha visitato una fabbrica della Ford vicino a Detroit (Michigan) senza indossare la mascherina contro il coronavirus, sfidando così l'attorney general dello Stato Dana Nessel (dem), che gli aveva chiesto di attenersi alle leggi dello Stato e alla politica dell'azienda per tutelare la salute dei lavoratori, ricordandogli la sua «responsabilità non solo legale ma anche sociale e morale di prendere ragionevoli precauzioni per prevenire la diffusione del virus». «Non è necessaria, sono stato testato oggi», ha spiegato ai giornalisti che lo incalzavano su questo tema. «Prima di entrare qui l'ho indossata nell'area riservata, ma non volevo dare alla stampa la soddisfazione di vedermi», ha aggiunto. Non ci sono tuttavia immagini che lo documentano. Tutte le persone che lo accompagnavano, compresi i vertici aziendali, avevano la mascherina addosso. L'impianto è stato riconvertito per produrre ventilatori polmonari per i malati di covid-19.

  • Ue, Kompatscher: riaperture dei confini siano bilaterali

    «Per una vera ripartenza dell'Italia e del sistema turismo nel suo complesso è necessario che le riaperture dei confini siano bilaterali». Lo ha affermato il governatore altoatesino Arno Kompatscher che ha partecipato alla Conferenza delle Regioni e delle Province Autonome, alla Conferenza Unificata e alla Conferenza Stato Regioni. L'esigenza espressa dal presidente è quella di un lavoro a livello europeo proprio per ottenere reciprocità in questo atteggiamento, «in uno spirito di solidarietà europea che dovrebbe superare ogni idea protezionista, come quelle che purtroppo si stanno palesando da parte di alcuni Paesi europei».

    Al contempo è necessario lavorare per garantire la massima sicurezza di viaggiatori e lavoratori. Eventuali restrizioni alla mobilità dovranno basarsi d'ora in poi, si sono detti d'accordo i presidenti della Conferenza, su valutazioni oggettive ed essere circoscritte alle sole regioni l'andamento epidemiologico mostra criticità

  • Francia: il patto di stabilità sia sospeso anche nel 2021

    La Francia auspica che le regole di disciplina di bilancio fra i membri dell'Unione europea, sospese nel 2020 per la crisi del coronavirus, restino non operative anche l'anno successivo, il 2021: lo ha detto il ministro dell'Economia, Bruno Le Maire, a Le Figaro in edicola domani. «Noi auspichiamo che le regole del patto di stabilità, sospese per il 2020, lo rimangano anche per il 2021» ha detto Le Maire nell'intervista, anticipata questa sera dal sito di Le Figaro.

  • Stati Uniti, parte primo studio su incidenza tra bimbi

    E' partito all' 'Henry Ford Health System' - una delle grandi catene di centri clinici Usa - il primo studio americano per verificare l'incidenza del SARS-Cov-2 nella popolazione pediatrica e le caratteristiche con cui si manifesta nei bambini. L'indagine seguira' 6.000 persone in 11 citta Usa e durera' 6 mesi. Tra gli obiettivi c'è anche quello di verificare la trasmissibilità del virus all'interno delle famiglie - in particolare dai bambini agli altri membri della famiglia - e i differenti sintomi e sviluppi della patologia. Verranno quindi esaminati anche genitori e altri conviventi dei piu' piccoli. In particolare lo studio intende anche osservare se vi siano differenze nel tasso di infezioni tra i bambini che soffrono di asma e allergie varie e quelli sani. I fondi vengono dal' National Institute of Allergy and Infectious Diseases' guidato da Anthony Fauci.

  • Powell: frenata senza precedenti, pagano i deboli, prospettive nella totale incertezza

    “Siamo nel mezzo di una rallentamento economico senza precedenti nella storia moderna”. Lo afferma il presidente della Fed, Jerome Powell, sottolineando che le difficoltà economiche causate da coronavirus si faranno sentire di più su coloro che sono meno in grado di sopportarle. Powell quindi mette in guardia sul fatto che le prospettive economiche sono oggetto di un “totale nuovo livello di incertezza”.

  • Regno Unito sperimenta nuovo tampone “fai da te”

    Il governo britannico ha annunciato stasera il via libera alla sperimentazione nel Regno di un nuovo tipo di tampone per la verifica dell'eventuale contagio da coronavirus che non richiede di essere esaminato in laboratorio e offre risultati entro 20 minuti. La sperimentazione è condotta su larga scala, ha detto il ministro della Sanità, Matt Hancock, nella conferenza stampa di giornata a Downing Street con i professori Chris Whitty, chied medical officer dell'Inghilterra, e John Newton, coordinatore del programma d'incremento dei test. Il governo ha poi ordinato altri “10 milioni di kit” di test sierologici sugli anticorpi, destinati a individuare chi abbia già avuto l'infezione: test che finora hanno già permesso di verificare come il 5% della popolazione britannica (il 17% a Londra) sia passata attraverso il contagio, con o senza sintomi. Hancock ha infine ribadito che la curva dell'infezione è ora stabilmente in calo e che il numero dei morti per tutte le cause del Paese è tornato a livelli da medie invernali pre pandemia, sebbene oltre la quota registrata normalmente in primavera.

  • Trump: importanti novità su terapie tra una o due settimane

    Tra una o due settimane ci saranno importanti novità sulle terapie da utilizzare contro il Covid-19. È quanto ha preannunciato oggi il presidente americano Donald Trump ai giornalisti presenti alla Casa Bianca. «Molte cose stanno accadendo sul fronte dei vaccini e delle terapie. Se lo guardi dal punto di vista terapeutico, stiamo andando alla grande», ha detto l'inquilino della Casa Bianca. «Ci saranno molti grossi annunci la prossima settimana» o quella successiva, ha aggiunto il presidente. Trump ha infine notato che gli rimane un giorno per finire il trattamento (a scopo precauzionale) a base di idrossiclorichina a cui si è sottoposto.

  • A Wuhan nuova struttura anti-epidemie con 800 posti letto

    La provincia cinese dell'Hubei, ex epicentro dell'epidemia di coronavirus, ha iniziato la costruzione di una struttura con 800 posti letto per la prevenzione, il controllo e il trattamento delle future malattie infettive presso l'ospedale Zhongnan dell'Università di Wuhan. L'edificio avrà 16 piani e una superficie di oltre 120.000 metri quadrati. La fine dei lavori è prevista in tre anni.

    Prelievo di un tampone a Wuhan, Cina. (Hector RETAMAL / AFP)
  • Media, Kadyrov è stato ricoverato a Mosca per coronavirus

    Il leader ceceno Ramzan Kadyrov è stato ricoverato a Mosca con una sospetta infezione da coronavirus. Lo ha riferito Interfax, citando una fonte anonima dei servizi medici di Mosca. Stando al canale Telegram di Baza, testata online con buone fonti nei servizi segreti, Kadyrov, 43 anni, sarebbe stato trasportato ieri in aereo nella capitale russa pochi giorni dopo aver mostrato sintomi simili all'influenza. I medici ceceni hanno raccomandato a Kadyrov di farsi curare a Mosca dopo che le sue “condizioni hanno cominciato a deteriorarsi rapidamente”. Kadyrov, che controlla la Cecenia con pugno di ferro dal 2007, ha ripetutamente minacciato i suoi concittadini di pene draconiane in caso di violazione della quarantena imposta.

  • <br>New York, presto decidere riapertura scuole in autunno

    “A New York è ancora troppo presto per decidere la riapertura delle scuole in autunno”: lo ha detto il governatore dello Stato, Andrew Cuomo, spiegando che nella giornata di mercoledì le vittime per il coronavirus sono state 105, ancora un numero “terribile”. In totale New York dall'inizio della pandemia conta circa 360 mila casi di contagio e 29 mila vittime.

  • Algeria, 7728 casi, 575 decessi

    L'Algeria registra nelle ultime 24 ore altri 185 nuovi casi di coronavirus che portano a 7728 il bilancio totale dei contagiati nel Paese. Lo ha reso noto il ministero della Sanità di Algeri attraverso le parole del portavoce della Commissione speciale per il monitoraggio della diffusione della malattia, Djamel Fourar, precisando che i decessi sono saliti a 575. In aumento anche i guariti, che passano da 3968 a 4062. Dal prossimo lunedì sarà obbligatorio indossare la mascherina per recarsi in negozi e uffici pubblici, ha annunciato l'ufficio del primo ministro algerino.

  • Mnuchin, possibile nuovo piano di stimoli economia

    C'è una forte probabilità che ci sia un nuovo piano di stimoli all'economia. Lo afferma il segretario al Tesoro americano, Steven Mnuchin, precisando che intende attendere un altro paio di settimane prima di decidere se ci sarà o meno. L'economia toccherà il suo punto più basso nel secondo trimestre: il terzo, spiega Mnuchin, sarà migliore e nel quarto ci sarà un “gigantesco” aumento del Pil. “Ci attendiamo che l'economia torni a essere di nuovo grande nel 2021”, mette in evidenza Mnuchin.

  • Cina, ritorsioni in caso di sanzioni Usa

    La Cina farà delle “ritorsioni” se il Congresso degli Stati Uniti adottasse sanzioni contro Pechino per la sua presunta responsabilità nella pandemia di coronavirus. “Siamo fermamente contrari a questi progetti e adotteremo una risposta ferma e misure di ritorsione” se fossero adottati, ha affermato il portavoce del Congresso nazionale del popolo (il Parlamento), Zhang Yesui, parlando con la stampa.

  • In Spagna 48 morti in 24 ore, ma manca Catalogna

    Il ministro della Salute spagnolo ha reso noto che nel Paese ci sono stati 48 decessi per coronavirus in 24 ore, ma i dati non includono la Catalogna. Si tratta del più grande calo registrato fino ad oggi. L'Efe riporta che le vittime totali sono quasi 28.000. Il numero degli infetti giornaliero è sceso a 344, facendo arrivare il totale a 233.037. Madrid ha notificato 188 nuovi casi, di cui 82 con nuove diagnosi, 19 vittime, solo una in più rispetto a ieri. Castilla-La Mancha segue con 50 positivi e sei vittime, mentre la Catalogna non è stata in grado di aggiornare i suoi dati a causa di “problemi di convalida degli stessi”, secondo il Ministero della Salute.

  • Sale a 49 il numero dei casi a Gaza

    Ci sono state 29 nuove infezioni da coronavirus nella Striscia di Gaza. Lo ha fatto sapere il ministero della sanità, citato da fonti locali, secondo cui il totale è ora salito a 49. I nuovi positivi - il numero maggiore finora riscontrato - sono stati diagnosticati in persone in arrivo dall'Egitto ma che sono stati subito ricoverati nei centri di quarantena senza ingresso nel territorio. Ora si sta procedendo ad ulteriori test. Secondo i media, Hamas ha annunciato la chiusura dei valichi di ingresso alla Striscia - che nelle settimane scorse sono stati invece aperti anche se non continuativamente - fino a fine luglio.

  • Giappone: si dimette capo della Procura di Tokyo

    Il capo della Procura di Tokyo, Hiromu Kurokawa, ha rassegnato le dimissioni dopo l'ammissione di non aver osservato le regole sul distanziamento sociale durante lo stato di emergenza provocato dal coronavirus, contravvenendo inoltre alle disposizioni che regolano il gioco d'azzardo. La vicenda era stata segnalata inizialmente dal giornale settimanale Shukan Bunshun, cogliendo di sorpresa lo stesso esecutivo, che già si era dovuto difendere nei giorni scorsi dalla critiche dell'opposizione su presunte irregolarità. Lo scorso gennaio, infatti, una legge definita anticostituzionale dagli oppositori era stata approvata per innalzare l'età della pensione per la categoria, con l'intento di promuovere Kurokawa - considerato vicino al premier Shinzo Abe - al posto di procuratore generale, un incarico vacante in luglio. L'emendamento legislativo era in procinto di essere varato dalla maggioranza in questi giorni malgrado la crisi sanitaria senza precedenti, sollevando ampie proteste sui social media. Abe ha detto alla stampa “di prendersi le responsabilità delle sue azioni e di accettare le critiche nei suoi confronti”.

  • <br>Democratici a Trump, bandiere mezz'asta a 100mila morti

    I leader democratici al Congresso, la speaker della Camera Nancy Pelosi ed il leader della minoranza al Senato Charles Schumer, hanno chiesto a Donald Trump di ordinare bandiere a mezz'asta in tutti gli edifici pubblici americani quando saranno raggiunte le 100 mila vittime americane nella pandemia di coronavirus in segno di lutto nazionale. “Siamo affranti per queste enormi perdite e le nostre preghiere sono per le famiglie delle vittime. In segno di rispetto nei loro confronti e del lutto per il nostro Paese, le scriviamo per chiederle di ordinare le bandiere a mezz'asta in tutti gli edifici pubblici nel triste giorno in cui raggiungeremo i 100mila decessi”, si legge nella lettera inviata al presidente. Ad oggi sono 93.471 i morti per Covid-19 negli Stati Uniti, secondo i dati della Johns Hopkins University.

  • Brasile, 174 morti nelle favelas di Rio de Janeiro

    Sono almeno 174 i morti di Covid-19 nelle favelas di Rio de Janeiro, secondo quanto scrive oggi il sito G1. Il numero delle vittime nelle baraccopoli della capitale carioca supera il totale ufficiale di 15 Stati del Brasile, secondo la fonte, che cita la ong Voce della Comunità. I malati sono stati trasferiti dalle baraccopoli negli ospedali da campo realizzati all'interno degli stadi da calcio. Delle 13 favelas di Rio, le più colpite sono Rochina, con 46 morti, e il Complexo do Mare', con 23. Il comune di Rio non conteggia i morti nelle favelas ma solo per quartiere. Lo Stato di Rio de Janeiro è il secondo più colpito dall'epidemia di coronavirus dopo quello di San Paolo, con 3.237 morti.

  • Ue: Conte, giorni cruciali, su Recovery Fund la Commissione può fare meglio

    “Sono giorni cruciali questi, mercoledì prossimo la presidente Ursula von der Leyen farà la proposta della Commissione” sul Recovery Fund, “la posizione dell'Italia e mia personale è che questo è un passaggio importante, con la proposta franco-tedesca: la Commissione può fare ancora meglio”. Così il presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, interpellato dai cronisti lasciando il Senato. “Nella prospettiva franco-tedesca stiamo parlando di 500 mld a fondo perduto”, rispetto ai prestiti “è tutta un'altra storia. Sono giorni cruciali questi”, sottolinea.

  • Usa: salgono a 39,8 punti Pmi manifatturiero e a 36,9 punti Pmi servizi flash a maggio, sopra le stime

    L'attività nel settore manifatturiero statunitense è riuscita a porre fine allo scivolone provocata dal coronavirus che l'aveva portata a toccare i minimi da 133 mesi ad aprile. La lettura flash dell'indice manifatturiero Pmi, redatto da Markit, è salita a 39,8 punti dai 36,1 punti della lettura definitiva di aprile. Il dato prosegue però a un livello associato a una contrazione della congiuntura, ovvero inferiore a 50 punti. Le attese erano per una lettura a 39,0 punti.

    L'attività nel settore servizi statunitense è rimbalzata a maggio recuperando un po' di terreno dai minimi di sempre toccati il mese precedente. La lettura flash dell'indice servizi Pmi, redatto da Markit, è salita a 36,9 punti, dai 26,7 punti della lettura definitiva di aprile. Il dato prosegue su un livello associato a una contrazione della congiuntura, ovvero inferiore ai 50 punti. Le attese erano per un dato a 30,0 punti.

  • Brasile, numero morti è salito del 120% in 2 settimane

    Il numero di morti per coronavirus in Brasile è cresciuto del 120% in due settimane, con un forte aumento dei casi soprattutto nello Stato di Rio de Janeiro e nelle province della regione amazzonica. A Rio il numero dei decessi per Covid-19 è passato da 1.205 registrati il 6 maggio a 3.237 di ieri, con un aumento del 270%, secondo un rapporto del portale di notizie Uol. San Paolo e Rio, entrambi nella regione sud-orientale, restano gli Stati più colpiti dalla malattia.

  • Usa: 38,6 milioni americani senza lavoro in 9 settimane

    Le richieste di sussidi alla disoccupazione negli Stati Uniti salgono, portando a 38,6 milioni gli americani senza lavoro nelle ultime nove settimane. Il nuovo balzo di 2,44 milioni della scorsa settimana arriva mentre gli Stati Uniti iniziano gradualmente a riemergere dai lockdown causati dal coronavirus.

  • Kurz: non apriremo a chi non ha controllo situazione

    “In nessun caso apriremo i nostri confini a Paesi che non hanno ancora la situazione” dei contagi da coronavirus “sotto controllo”. Lo afferma su Twitter il cancelliere austriaco Sebastian Kurz. “Il governo federale farà tutto il possibile per promuovere le vacanze in Austria e per dimostrare che le vacanze in Austria sono sicure”, aggiunge Kurz.

  • Brasile, assemblea respinge lockdown nello Stato di Rio

    L'Assemblea legislativa dello Stato di Rio de Janeiro (Alerj) ha votato contro il disegno di legge che autorizzava il governo statale a emanare il lockdown per prevenire la diffusione del nuovo coronavirus nello Stato. La maggioranza dei deputati, nel votare contro, ha ritenuto che esiste già una decisione della Corte suprema la quale autorizza già governatori e sindaci a mettere in atto misure di distanziamento più restrittive. Intanto il governatore di Rio, Wilson Witzel, ha annunciato la firma di un protocollo che flessibilizza l'isolamento sociale attraverso tre bandiere (rossa, gialla e verde). Le bandiere saranno determinate dalla curva endemica e dal tasso di occupazione dei posti letto nelle Unità di terapia intensiva. Attualmente, lo Stato si trova nella fase bandiera rossa, quando l'occupazione dei letti è superiore al 90%, o quando l'occupazione è del 70% ma la curva dei contagi è in aumento.

  • In Turchia quarantena in casa per chi arriva dall’estero

    Con la frenata dei contagi, tornati ieri sotto i mille in un giorno, si allentano in Turchia anche le misure di prevenzione contro il Covid-19. Il ministero della Salute ha stabilito che chi arriverà dall'estero non sarà più obbligato a trascorrere le due settimane di quarantena nei dormitori studenteschi gestiti dallo stato, ma potrà farlo nella propria abitazione, dopo un controllo medico ai valichi di frontiera. Inoltre, anche le 9.700 persone ancora ospitate in queste strutture per la quarantena potranno lasciarle anticipatamente, purché risultino negative al test del coronavirus. Finora, la Turchia aveva accolto nei dormitori i cittadini rimpatriati, dove hanno già trascorso il periodo di isolamento precauzionale 67.547 persone.

  • Malta primo Paese ad annunciare il ricorso al Mes ”light”

    Cipro è il primo paese dell'eurozona ad annunciare che utilizzerà la linea di credito del Mes per le spese sanitarie. Lo ha annunciato - secondo quanto riferisce il quotidiano cipriota Phileleftheros ripreso anche dal giornale greco Ekathimerini - il ministro delle Finanze cipriota Constantinos Petrides. “Ovviamente useremo il Mes per le spese sanitarie”, ha detto il ministro, spiegando che il governo sta calcolando le spese già sostenute e quelle future, come i fondi utilizzati per la nuova unità di terapia intensiva dell'ospedale di Nicosia, per compilare il modulo già disponibile.

  • Studio francese: Covid non sopravvive nell’acqua di mare

    Il coronavirus non sopravvive nell'acqua di mare: una buona notizia per chi sogna le spiagge quest'estate arriva dai ricercatori dell'Ifremer, l'Istituto francese di ricerca per l'utilizzazione del mare. Per arrivare alle loro conclusioni, i ricercatori francesi hanno studiato ostriche e cozze insieme a campioni di acqua di mare prelevati in diversi punti del litorale di Francia. Fra i 21 molluschi analizzati, neppure uno ha mostrato tracce di coronavirus. E in nessun campione di acqua di mare è stato possibile individuare la presenza del virus. “Anche se non si può parlare di certezza per tutti i molluschi e le acque marine di Francia - ha spiegato una delle ricercatrici all'origine dello studio - l'assenza di tracce di Covid-19 rivelata dal nostro studio è una buona notizia”.

  • Georgieva (Fmi) chiede alle banche di non pagare i dividendi nel 2020

    Kristalina Georgieva, direttrice operativa dell'Fondo monetario internazionale, ha invitato le banche a fermare il pagamento dei dividendi e i riacquisti per costruire riserve contro gli effetti negativi della pandemia di Covid-19. In un articolo di commento pubblicato sul Financial Times Georgieva ha ricordato che posizioni di capitale e liquidità forti saranno essenziali per sostenere un nuovo credito nella profonda recessione del 2020, in vista di una parziale ripresa nel 2021. “Uno dei passaggi necessari per rafforzare i respingenti bancari consiste nel trattenere gli utili delle operazioni in corso”, si legge nell’articolo.

  • Alla Conferenza del popolo cinese tutti i delegati con mascherina. Solo il leader Xi a volto scoperto

    Il presidente Xi Jinping ha preso parte con la leadership del Partito comunista e del governo all' apertura della Conferenza consultiva del popolo cinese (Cppcc), uno dei due rami del parlamento, senza indossare la mascherina a differenza dei 2.600 delegati in platea e alle sue spalle. Xi, malgrado le regole più stringenti contro il Covid-19, è apparso a volto scoperto insieme ai vertici di Partito e governo seduti sulle due file dei banchi della leadership

  • In Polonia 20mila contagiati, 965 morti

    Ormai quasi 20 mila persone sono state contagiate del coronavirus in Polonia. Lo rende noto oggi il ministero della sanità di Varsavia. Il numero preciso di contagi è ad oggi 19.983, di cui 965 decessi. Secondo il viceministro della sanità Janusz Cieszynski nel giro di una settimana il numero di malati del coronavirus in Polonia dovrebbe scendere rapidamente. Nella sola giornata di ieri i nuovi malati erano 471 fra i quali 275 casi nella sola regione di Silesia, in sud del paese. Attualmente negli ospedali ci sono 2.330 pazienti, i guariti sono complessivamente 8.452 persone, 77.461 persone sono in quarantena. Da tre giorni in Polonia sono stati riaperti bar e ristoranti, si può anche andare dal barbiere o parrucchiere.

  • In Iran i contagi tornano a salire: +2.393 in 24 ore

    Salgono a 129.341 i casi di Covid-19 in Iran, con 2.393 contagi confermati nelle ultime 24 ore, ai massimi da molte settimane. Le nuove vittime sono 66, per un totale di 7.249 decessi confermati. I ricoverati in terapia intensiva calano a 2.655, mentre i pazienti guariti superano la soglia dei centomila (100.564). I test effettuati finora ammontano a 746.045. Lo ha riferito nel suo bollettino quotidiano il portavoce del ministero della Salute iraniano Kianoush Jahanpour. Nelle scorse ore, dopo un aumento dei casi registrati a seguito delle riaperture, il ministro della Salute Saeed Namaki ha lanciato un nuovo allarme sui rischi di una seconda ondata in alcune province, invitando la popolazione a evitare di mettersi in viaggio per le festività che da domenica segneranno la fine del mese sacro islamico di Ramadan. “In particolare, nessuno deve entrare e uscire dalle province in allerta rossa”, ha avvisato il ministro.

  • In Iran contagiati circa 10mila operatori sanitari

    Circa 10mila operatori sanitari iraniani sono stati infettati dal nuovo coronavirus, secondo quanto riferito dall'agenzia di stampa semi-ufficiale Ilna citando il viceministro della Sanità. “Circa 10.000 operatori sanitari sono stati infettati dalla malattia mortale in Iran e alcuni di loro sono morti”, ha detto Qassem Janbabai, secondo Ilna.

  • In Belgio calano i pazienti in terapia intensiva

    Nelle ultime 24 ore in Belgio si sono registrati 71 nuovi ricoveri dovuti al coronavirus, mentre cala a 277 il numero dei pazienti in terapia intensiva. Lo ha reso noto il Centro di crisi e la Spf Santé publique nel corso della consueta conferenza stampa. Parallelamente si sono avuti 37 nuovi decessi che portano il totale a 9.186. Sono invece 252 i nuovi casi di infezione che complessivamente sono 56.235.

  • Gli Usa partecipano a vaccino Gb-Italia anti-Covid con un mld di dollari

    Gli Usa entrano nella squadra per lo sviluppo del vaccino anti-Covid in sperimentazione a Oxford e al quale collabora anche l'azienda italiana Irbm di Pomezia. Un finanziamento di oltre 1 miliardo di dollari è arrivato infatti dall'Autorità Usa per la ricerca biomedica avanzata (Barda) alla multinazionale Astrazeneca per lo sviluppo, la produzione e la fornitura del vaccino a partire dall'autunno. Il programma di sviluppo include una fase 3 di sperimentazione clinica con 30mila partecipanti ed anche una sperimentazione pediatrica.
    La compagnia si sta inoltre impegnando con organizzazioni internazionali come la Coalition for Epidemic Preparedness Innovations (CEPI), l'Alleanza per i vaccini Gavi e l'Organizzazione mondiale della sanità per una una “giusta allocazione e distribuzione del vaccino nel mondo”. Contatti sono in corso pure con il Serum Institute of India ed altri potenziali partner, al fine di aumentare la produzione e la distribuzione del vaccino. Infine Astrazeneca parteciperà alla nascita di un centro di ricerca congiunto per la risposta alle pandemie presso la Oxford University. Al momento è in corso la fase 1-2 di sperimentazione del vaccino - per provarne la sicurezza, immunogenicità ed efficacia - in oltre 1000 volontari sani tra 18 e 55 anni in vari centri in Inghilterra. Se i risultati saranno positivi, i test finali saranno condotti anche in altri Paesi. Astrazeneca riconosce che il vaccino “potrebbe non funzionare, ma è impegnata a portare avanti il programma e la sperimentazione clinica con velocità, e ad aumentare la produzione 'a rischio'”.

  • La Svezia bocciata da Standard Ethics perde la ‘EEE' per politica Covid

    Standard Ethics boccia l'approccio sanitario della Svezia al coronavirus, declassando il rating a “EEE-” dal precedente “EEE”, il voto massimo. Durante la prima fase della pandemia da Covid-19, “la politica sanitaria svedese non è stata conforme a quanto consigliato dall'Organizzazione Mondiale della Sanità”, sottolinea l'agenzia di valutazione etica. È opinione degli analisti di Standard Ethics che ciò abbia prodotto rischi aggiuntivi alla popolazione svedese ed europea. “Le attuali scelte di politica sanitaria sembrano rientrare nel quadro di una strategia generale non collaborativa con l'Unione Europea”, indica inoltre SE. Come è noto, la Svezia ha deciso di non ricorrere al lockdown contro la propagazione dei virus e ha preferito incoraggiare la responsabilità personale chiedendo ai cittadini di rimanere a casa quando sono malati e a mantenere le distanze sociali quando sono in pubblico. La maggior parte delle aziende, dei ristoranti, dei bar e delle scuole è rimasta aperte, anche se alla fine di marzo sono stati proibiti incontri di oltre 50 persone. L'obiettivo per le autorità svedesi è quello di arrivare all'immunità di gregge. Tuttavia, in questi giorni, la Svezia sta registrando un tasso di mortalità da Covid-19 tra i più alti del mondo, creando tra l'altro molte preoccupazioni anche nei Paesi confinanti.

  • Vaccino Oxford: 400mln di dosi a settembre, un mld entro 2021

    La multinazionale Astrazeneca ha concluso i primi accordi per la produzione di almeno 400 milioni di dosi del potenziale vaccino anti-Covid in sperimentazione a Oxford - con una capacità di produzione di 1 miliardo di dosi nel 2020 e 2021 - e avvierà le prime consegne a settembre. Dopo la prelazione di 30 milioni di dosi da parte del Governo inglese, la compagnia rende noto che sta lavorando ad accordi in parallelo, anche con altri governi europei, per assicurare una “ampia ed equa fornitura del vaccino nel mondo, con un modello no-profit, durante la pandemia”.

  • L’Australia avvia test idrossiclorochina per prevenzione

    Ricercatori australiani hanno avviato una sperimentazione clinica del farmaco idrossiclorochina, usato comunemente per trattare la malaria e il lupus, per verificare se può prevenire il contagio da Covid-19. Ricercatori del Walter and Elizabeth Hall Institute of Medical Research di Melbourne hanno chiesto a circa 2.250 operatori sanitari di prima linea di partecipare allo studio. In condizioni di laboratorio, l'idrossiclorochina ha dimostrato di impedire al Sars CoV-2, il virus che causa la Covid-19 - di penetrare le cellule. Il farmaco ha dominato il pubblico dibattito da quando il presidente Usa Donald Trump l'ha elogiato come potenziale svolta nel contenere la pandemia e ha rivelato di assumerlo egli stesso quotidianamente a scopo preventivo.

  • In Russia superati ufficialmente i 3mila morti

    Sono stati ufficialmente superati i 3.000 morti per Covid-19 in Russia. Il centro operativo anticoronavirus ha annunciato che 127 persone sono decedute nelle ultime 24 ore, un po' meno delle 135 di ieri, e il totale ufficiale delle vittime del nuovo virus in Russia è così salito a 3.099. I nuovi casi di Covid-19 accertati in Russia nelle ultime 24 ore sono 8.849 (erano 8.764 ieri) e i contagi registrati dall'inizio dell'epidemia salgono a 317.554. I guariti nel corso dell'ultima giornata sono 7.289 (erano 9.262 ieri) e in totale sono 92.681.

  • Turkish Airlines estende blocco dei voli fino al 4 giugno

    La Turkish Airlines ha esteso fino al 4 giugno la sospensione dei suoi voli interni alla Turchia e fino al 10 giugno quella dei collegamenti internazionali. In precedenza, lo stop di tutte le tratte era previsto fino al 28 maggio. La low cost Pegasus, seconda compagnia turca, ha invece fermato i voli interni fino al 3 giugno e quelli internazionali fino al 14 giugno. Il governo di Recep Tayyip Erdogan ha riferito l'intenzione di far ripartire il turismo interno dalla fine di questo mese e quello internazionale da metà giugno. Il ministro della Salute di Ankara, Fahrettin Koca, ha annunciato che è in preparazione un piano per effettuare test di massa sul Covid-19 ai viaggiatori in arrivo dall'estero ai valichi di frontiera terrestri e aeroportuali.

  • La Cina avvia in ritardo la sessione annuale del Parlamento

    La Cina ha dato il via alle “Due Assemblee” (lianghui), la sessione annuale del parlamento, con oltre due mesi di ritardo sui piani originari a causa della pandemia del Covid-19. Nella Grande sala del popolo di Pechino, gli oltre 2.600 delegati della Conferenza consultiva del popolo cinese (Cppcc), tutti dotati di mascherina, hanno rispettato un minuto di silenzio come “tributo” verso quanti hanno sacrificato la propria vita nella lotta al coronavirus. Una settimana di lavori per l'organo consultivo di più alto livello del Paese, dimezzate sulle tradizionali due, in un clima di distanziamento, poco coreografico e celebrativo e con un numero ridotto di osservatori: dai diplomatici ai giornalisti, tutti sottoposti, come i delegati, ai test sulla positività al Covid-19.

  • In Germania 695 nuovi casi nelle ultime 24 ore

    I nuovi casi di coronavirus in Germania sono scesi al di sotto delle 1.000 unità, e il numero di nuovi decessi è rimasto al di sotto di 100, poiché il tasso di infezione del paese è rimasto al di sotto della soglia chiave di 1,0. Nelle ultime 24 ore si sono registrati 695 nuovi casi, portando il totale a 178.473, secondo i dati della Johns Hopkins University. Il fattore di riproduzione del virus, noto come R con 0, è salito a 0,88 mercoledì da 0,86 del giorno precedente, secondo l'ultima stima del Robert Koch Institute. Martedì quel valore era dello 0,87%, in aumento dallo 0,81% del giorno precedente.

  • Berlusconi: bene intesa Merkel-Macron ma servono almeno 1.000 mld

    L'intesa tra Francia e Germania è un “fatto positivo” ma l'entità della proposta “non è ancora sufficiente, servono almeno 1000 miliardi”. Lo sostiene il Presidente di Forza Italia, Silvio Berlusconi a Rtl 102,5. “È positivo il fatto che due grandi paesi come la Germania e la Francia abbiano preso l'iniziativa nella direzione giusta e cioè di dare vita al Recovery Fund, il Fondo per la ricostruzione che del resto noi avevamo già votato al Parlamento Europeo qualche giorno fa. In seno al Partito popolare Europeo io avevo lavorato molto per arrivare a questo risultato e sono contento di esserci riuscito. Ora la presa di posizione di Merkel e Macron è molto importante perché accoglie il principio di erogare contributi a fondo perduto e non solo prestiti, perché paesi con un alto debito non possono indebitarsi ancora. E la determinazione di Francia e Germania dovrebbe rendere poco influenti le resistenze di alcuni paesi del Nord Europa. Tuttavia - sottolinea l'ex premier - è l'entità della proposta franco-tedesca che è ancora insufficiente. Bisogna che il Recovery Fund arrivi ad almeno 1.000 miliardi, di cui la metà a fondo perduto come nella proposta che abbiamo appunto approvato col nostro voto nel Parlamento Europeo”.

  • Easyjet torna a volare dal 15 giugno

    La compagnia aerea Easyjet prevede la ripresa di alcuni voli a partire dal 15 giugno.La compagnia britannica ha annunciato che riprenderà “essenzialmente voli interni Nel Regno Unito e in Francia”plicando misure sanitarie a bordo. “Un limitato numero di voli riprenderà sulle tratte che pensiamo abbiano una domanda sufficiente” sottolinea l'azienda in un comunicato.

  • Jhu: nel mondo 5 milioni di contagiati

    Il numero delle persone nel mondo contagiate dal coronavirus ha raggiunto i cinque milioni, stando ai dati della Johns Hopkins University. Lo riferisce la Bbc. Il numero delle morti causate dal virus è al momento 328.172.

  • La Tunisia rinvia al 2021 il Vertice della Francofonia

    Il presidente tunisino Kais Saied e il segretario generale dell'Organizzazione internazionale della Francofonia (Oif) hanno convenuto, a causa dell'emergenza coronavirus, di rinviare al 2021 la 18ma edizione del Vertice della Francofonia che avrebbe dovuto tenersi a Tunisi il 12 e 13 dicembre di quest'anno. Riaffermando la volontà della Tunisia di ospitare il Vertice, Saied ha proposto la sua organizzazione all'isola di Djerba nel 2021 in una data da concordare di comune accordo. Rimane invariato il tema che sarà: “Connettività nella diversità: il digitale vettore di sviluppo e solidarietà nello spazio francofono”. L'Organizzazione internazionale della Francofonia (Oif) comprende 56 Stati e governi e 14 osservatori provenienti dai cinque continenti. L'elemento che accomuna i membri è la lingua.

  • FT: per il Cdc Usa probabile nuova ondata di Covid entro l’anno

    Robert Redfield, direttore dell'agenzia sanitaria Usa (Cdc, Centers for Disease Control and Prevention) mette in guardia dal rischio di una riacutizzazione del virus entro la fine dell'anno. Lo riferisce il Financial Times. Secondo Redfield, la rapida diffusione del coronavirus nell'emisfero australe suggerisce che sia probabile un suo nuovo divampare negli Stati Uniti in autunno e in inverno, aumentando la possibilità di un secondo round di blocchi anticontagio nel corso del 2020. Per questo gli Stati Uniti dovrebbero aumentare rapidamente le loro capacità di localizzazione delle malattie nei prossimi mesi per evitare un'altra crisi di salute pubblica poiché l'influenza stagionale potrebb coincidere con una seconda ondata di Covid -19.

  • Il mondo verso i 5 milioni di contagi, 106mila in un giorno

    L'Oms ha registrato ieri 106mila nuovi casi di coronavirus, il numero più alto in 24 ore dall'inizio della pandemia, quasi due terzi in solo quattro Paesi. Ventimila solo in Brasile, che si accinge a contendersi con la Russia il ruolo di secondo Paese per numero di contagi dopo gli Stati Uniti. 606.271 il numero dei casi in tutta l'America Latina. Negli Usa anche oggi oltre 1.500 nuovi malati. E mentre la Svezia prende atto del fallimento della politica anti lockdown, il presidente degli Stati Uniti Donald Trump riattacca la Cina e la speaker Nancy Pelosi.

  • Conte-Von der Leyen: Recovery Fund all’altezza della sfida

    Colloquio tra Conte e Ursula von der Leyen, sulle prospettive di un Recovery Fund “ambizioso” in vista della presentazione della proposta della Commissione Ue mercoledì 27 maggio. Conte: “la quantità di risorse mobilitate da tutti gli strumenti Ue, incluso il Recovery fund” secondo la proposta franco-tedesca, “non è all'altezza delle stime di ciò che molte istituzioni pubbliche e private ritengono necessario per mantenere a galla l'economia”.”Serve molto di più”. Per Austria, Paesi Bassi, Danimarca e Svezia i soldi “vanno restituiti” . Rutte “necessarie riforme”.

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti