USA

Coronavirus, ultime notizie: Goldman Sachs: crisi quattro volte peggiore del 2008. Tour de France rinviato. Negli Usa oltre 25mila morti

Oltre 120mila morti nel mondo
Da Bruxelles via libera a misure per le imprese, sostegno per 200 miliardi e garanzie
In Cina torna surplus commerciale a marzo, 19,9 mld di dollari. Export -6,6%
In Russia 2.774 casi in 24 ore
Turchia, maxi amnistia per 90mila detenuti. Esclusi gli oppositori di Erdogan
Francia proroga lockdown fino all’11 maggio
In Spagna ripartono fabbriche e uffici
Fase 2 in Austria, riaprono i piccoli negozi. Riparte anche Danimarca
Germania: 2.082 nuovi casi, al minimo da 3 settimane
La presidente della Commissione Ue Von der Leyen: «Anziani isolati fino a fine anno» . E invita a non prenotare le ferie



  • Usa, accordo sugli aiuti alle compagnie aeree

    Il Dipartimento del Tesoro americano e le compagnie aree hanno raggiunto un accordo di principio per i termini degli aiuti federali. Lo riportano i media americani citando alcune fonti. Gli aiuti sono inclusi nel pacchetto di stimoli all'economia da 2.200 miliardi di dollari approvato dal Congresso.

  • Negli Usa oltre 25mila vittime

    Il numero dei morti per coronavirus negli Stati Uniti sale sopra 25.000, precisamente 25.239. I casi sono quasi 600.000. È quanto emerge dai dati della John Hopkins University.

  • General Motors consegna 30.000 ventilatori entro giugno


    General Motors Co. “obbedisce” all’ordine del presidente Trump: ha iniziato a costruire respiratori nel suo stabilimento dell’Indiana e ne consegnera’ quasi meta’ dei 30000 richiesti dallo U.S. Health and Human Services Department entro la fine di giugno. Trump aveva accusato le case automobilistiche di essere troppo lente nella risposta alla richiesta che proveniva direttamente dalla Casa Bianca.

  • Goldman Sachs: crisi quattro volte peggiore del 2008

    La crisi economica globale causata dal coronavirus può essere quattro volte peggiore di quella del 2008. Lo afferma Goldman Sachs, prevedendo per gli Stati Uniti il tasso di disoccupazione più alto dalla Seconda Guerra Mondiale al 15%.

  • In Brasile 24.920 contagi, 1.489 morti. Positivo il governatore di Rio de Janeiro

    Sono 24.920 i casi confermati di Covid-19 in Brasile, dove si contano 1.489 morti, secondo quanto informa oggi il ministero della Salute. I contagi nelle ultime 24 ore sono stati 1.490, con 161 decessi. La situazione più critica e' a San Paolo, dove oggi si contano 87 morti, 695 in totale dall'inizio della pandemia di coronavirus. Positivo anche il governatore di Rio de Janeiro.

  • Usa, i morti sono 25mila

    I morti negli Stati Uniti sono adesso 25mila, un numero doppio rispetto a una settimana fa.

  • Tensione diplomatica Francia-Cina

    L'ambasciatore della Cina in Francia è stato convocato oggi al Quai d'Orsay, dove il ministro degli Esteri Jean-Yves Le Drian gli ha comunicato la “chiara disapprovazione” di alcune affermazioni recenti di un suo funzionario. Tra Francia e Cina è in corso da qualche settimana una polemica sulla gestione della crisi del Coronavirus, in particolare dopo le accuse di Parigi a Pechino di accompagnare con “propaganda” gli aiuti inviati all'Occidente.

    Stati Uniti. Un murales a sostegno del personale sanitario a Denver, Colorado
  • <br>Ue dona 50 milioni di euro alla Nigeria

    L'Unione europea ha donato 50 milioni di euro alla Nigeria per supportare la sua lotta contro il coronavirus. Secondo una dichiarazione della presidenza nigeriana riportata da Bbc Africa, i finanziamenti aiuteranno notevolmente il Paese ad arginare il virus e rivitalizzare il
    suo sistema sanitario. Il presidente della Nigeria Muhammadu Buhari ha dichiarato a una delegazione dell'Ue di essere commosso e grato per questo gesto nonostante il fatto che anche i Paesi membri dell'Unione
    europea siano impegnati nella battaglia contro il virus. L'ambasciatore dell'Ue in Nigeria, Ketil Karlsen, ha dichiarato a Buhari che la donazione al suo Paese rappresenta il più alto contributo che l'Ue ha dato a oggi al di fuori dell'Europa durante la pandemia. La Nigeria ha 343 casi confermati di coronavirus e 10 decessi a causa della malattia Covid-19.

  • Tour de France rinviato al 29 agosto


    Il Tour de France è stato rinviato. Le nuove date - si apprende dagli organizzatori - prevedono la partenza il 29 agosto e l’arrivo il 20 settembre. Tradizionalmente il Tour parte a luglio, quindi un posticipo a fine estate.

    Kenya. Un’artista confeziona e vende mascherine


  • In Francia nuovo record di morti: 762 nelle ultime 24 ore

    Nuovo record di morti in un solo giorno in Francia con 762 decessi nelle ultime 24 ore. Sale così a 15.729 il bilancio delle vittime dal 1 marzo ad oggi per l'epidemia di Coronavirus, di cui 10.129 negli ospedali e 5.600 nelle case di riposo. Lo ha reso noto il direttore generale della Sanità, Jerome Salomon. Per il sesto giorno consecutivo il saldo fra i nuovi pazienti in rianimazione e quelli usciti dal reparto fa registrare un calo complessivo di 91 unità. Attualmente i ricoverati in rianimazione sono 6.730.

  • Festival di Cannes 2020 cancellato: si esplorano altre possibilità per realizzarlo

    “Il rinvio del 73esimo Festival di Cannes, inizialmente considerato per la fine di giugno all'inizio di luglio, non è più un'opzione. È chiaramente difficile presumere che il Festival di Cannes possa svolgersi quest'anno nella sua forma originale” ammettono gli organizzatori del festival ufficialmente, dopo che ieri il presidente Macron ha annunciato il proseguimento del lockdown. Allo stesso tempo il festival non si arrende: “Da ieri sera abbiamo avviato molte discussioni con professionisti, in Francia e all'estero”. L'obiettivo è “esplorare tutte le possibilità per realizzare Cannes 2020 in un modo o nell'altro”.

  • Fauci: eccessivamente ottimistico pensare di far ripartire economia Usa il primo maggio

    Il dottor Anthony Fauci, massimo esperto immunologo americano e consigliere di Donald Trump, dice che e’ eccessivamente ottimistico pensare di far ripartire l’economia americana il primo maggio visto che non si sono fatti abbastanza test e non sono state avviate le procedure di tracciamento necessarie a indviduare i positivi e rallentare in questo modo il contagio. Sono oltre 584mila i casi accertati di Covid-19 negli Stati Uniti mentre i decessi sono almeno 23.134, emerge dall'aggregatore di dati della Johns Hopkins University.

  • Science: quarantena a intermittenza fino al 2022


    Con il passare dei giorni e il dilagare della pandemia, pare sempre più improbabile che il virus SarsCoV2 possa essere eradicato così come era accaduto al suo parente più stretto, il virus della Sars. Secondo gli
    esperti, il nuovo coronavirus continuerà a circolare stagionalmente, come i virus influenzali. Per valutare la plausibilità di questo scenario, l'immunologo Stephen Kissler e i suoi collaboratori hanno elaborato un modello matematico per calcolare le dinamiche del contagio nei prossimi cinque anni. Tutte le simulazioni, sia quelle che prevedono la quarantena una tantum sia quelle che considerano il distanziamento sociale a intermittenza, mostrano che il contagio rischia di riprendere non appena vengono allentate le restrizioni. Se questo accade per esempio in autunno, quando la trasmissibilità del virus è maggiore, si prevede un'ondata di contagi invernale sovrapponibile alla consueta stagione influenzale, col rischio di sovraccaricare il sistema sanitario. Un altro scenario mostra che il virus SarsCoV2 potrebbe ripresentarsi ancora a fine 2024. Secondo gli autori dello studio, in assenza di farmaci e
    vaccini davvero efficaci, la sorveglianza e il distanziamento sociale potrebbero dover essere mantenuti fino al 2022 per dare tempo agli ospedali di attrezzarsi e per raggiungere una buona immunità di popolazione.

    Brasile. Uno studente di medicina consegna un test fai da te a Sao Caetano do Sul, Stato di Sao Paulo


  • Commissione Ue: ritorno alla normalità sarà molto lungo

    «Anche se il ritorno alla normalità sarà molto lungo, è anche chiaro che le misure straordinarie di confinamento non possono durare indefinitamente”. È quanto afferma la Commissione europea in una bozza del documento che contiene le raccomandazioni agli Stati membri per coordinare l'avvio delle misure di deconfinamento.

  • L’Islanda riapre le scuole il 4 maggio

    L'Islanda ha annunciato un graduale allentamento delle restrizioni introdotte per limitare i contagi da coronavirus. A partire dal 4 maggio, riapriranno scuole superiori e università, dopo essere rimaste chiuse per quasi un mese. Anche parrucchieri e musei potranno riaprire e sarà innalzato da 20 a 50 persone il limite agli assembramenti. Piscine, palestre, cinema, bar e ristoranti rimarranno invece chiusi. I funzionari sanitari hanno annunciato la scorsa settimana che l'isola ha raggiunto il suo picco dell'epidemia. Oggi il numero di contagi ha continuato a diminuire, per il quarto giorno consecutivo. L'Islanda ha al momento 1.720 casi confermati, otto i morti.

  • Regno Unito, altri 778 in totale oltre 12.000

    Torna a salire a 778, contro i 717 di ieri, e seppure in calo rispetto ai record di 911 e 980 di fine settimana scorsa, l'incremento del numero di morti da coronavirus registrati negli ospedali del Regno Unito nelle ultime 24 ore. Lo certificano i dati diffusi oggi del dicastero della Sanità, portando il totale dei decessi censiti nel Paese a 12.107, cui vanno aggiunte alcune centinaia di morti extra ospedaliere sullo sfondo d'un allarme sempre più forte in particolare per la situazione in molte case di riposo. I contagi diagnosticati superano intanto 93.800, con una curva di crescita stabilizzata attorno a 5.000 casi giornalieri in più.

  • Olanda, 27.419 contagi e quasi 3.000 morti

    L'ultimo aggiornamento delle autorità sanitarie olandesi riferisce di 868 nuovi contagi da coronavirus, per un totale di 27.419 casi registrati. Sono invece 122 i nuovi decessi per un totale di 2.945 morti, mentre i ricoveri segnalati sono 210, per un totale di 8.939.

  • Ue, assicurare gestione efficiente rifiuti

    Gli Stati membri dovrebbero garantire la continuità nella raccolta dei rifiuti per prevenire qualsiasi rischio per la sicurezza e la salute pubblica. Lo raccomanda la Commissione europea, che ha pubblicato linee guida
    per la gestione dei rifiuti nell'emergenza coronavirus, con orientamenti sia per i rifiuti convenzionali, sia per quelli speciali provenienti da strutture sanitarie, laboratori e misure di sicurezza del personale sanitario.

  • Germania, ministro salute: positivo il bilancio delle feste


    Le misure di contenimento per l'emergenza coronavirus hanno trovato “una accettazione molto grande e un sostegno” nella popolazione anche durante le festività pasquali: è questo il bilancio tracciato dal ministro tedesco della Salute, Jens Spahn in conferenza stampa a Wiesbaden, in Assia. Il ministro è il primo esponente del governo ad esprimersi dopo la pausa delle festività pasquali sull'andamento dell'epidemia coronavirus in Germania. “Si tratta alla fine di trovare un bilanciamento tra la protezione della salute, la vita pubblica e l’economia” e di imparare a “convivere con il virus” senza che gli ospedali siano sovraccaricati, ha proseguito il ministro. “Molti ospedali hanno usato il tempo a disposizione per preparasi bene”, ha aggiunto. Spahn ha dichiarato di aver apprezzato i molti consigli degli esperti ricevuti nell'ultimo periodo, aggiungendo che una decisione politica su come procedere in futuro sarà presa nella riunione di domani tra la cancelliera Angela Merkel e i presidenti dei 16 Land in video-conferenza.

  • Emirati Arabi, i matrimoni si fanno online

    Negli Emirati Arabi Uniti, anche ai tempi del coronavirus, le coppie potranno sposarsi, ma solo online, in videoconferenza. Il Ministero della Giustizia, riferisce al Arabiya, ha lanciato infatti un servizio di matrimonio digitale, in linea con il divieto temporaneo ai matrimoni di “dal vivo”. Secondo l'annuncio del ministero, per realizzare le cerimonie nuziali in videoconferenza, le coppie dovranno prima presentare online i documenti richiesti, firmati, pagare le relative tasse e far approvare il tutto dal ministero. Nessun annuncio, precisa la stessa fonte, è stato finora diffuso riguardo alle procedure di divorzio, che sono state sospese a Dubai insieme ai matrimoni lo scorso mercoledì e “fino a nuovo avviso”.

  • Oltre 120mila morti nel mondo

    Sono oltre 120mila i morti nel mondo a causa del nuovo coronavirus. E' quanto emerge dal bilancio aggiornato della Johns Hopkins University. I contagi sono 1.929.922.

  • Gb: con lockdown 3 mesi Pil potrebbe scendere del 13% nel 2020

    Il Regno Unito potrebbe subire un calo storico del 13% del prodotto interno lordo nel 2020, a causa del coronavirus che ha bloccato l'economia, secondo uno scenario basato sul lockdown del paese per tre mesi pubblicato dall'istituto OBR, responsabile delle previsioni economiche e di bilancio per il governo. L'istituto avverte anche che il tasso di disoccupazione dovrebbe salire al 7,3% nel 2020, con uno shock particolarmente forte nel secondo trimestre. Le sue stime si basano sull'ipotesi di confinamento di tre mesi, seguito da un altro periodo di tre mesi durante il quale le restrizioni sarebbero gradualmente revocate.

  • Renault: rivede strategia in Cina, rinuncia a jv con Dongfen

    Renault rivede la sua strategia in Cina, rinunciando alla produzione di vetture in joint venture con Dongfeng. Il gruppo francese ha deciso al momento di concentrarsi su due altre aree di business nel Paese asiatico: auto elettriche (Ev) e veicoli commerciali leggeri (Lcv). Lo comunica Renault in una nota. In particolare, in merito alle auto per passeggeri, il Gruppo Renault ha siglato un contratto preliminare con Dongfeng Motor Corporation secondo il quale Renault trasferirà le sue azioni a Dongfeng della loro joint venture. Drac (Dongfeng Renault Automobile Company) interromperà così le sue attività legate al marchio Renault. Il gruppo francese continuerà a fornire assistenza ai suoi 300mila clienti tramite i concessionari e le società dell'Alleanza.

  • Ok Consiglio Ue: 2,7 mld a sistemi sanitari

    Il Consiglio Ue ha dato il via libera all'attivazione dello strumento di sostegno di emergenza dell'Unione europea per sostenere direttamente i sistemi sanitari nazionali nella loro lotta contro la pandemia di coronavirus. Si tratta di 2,7 miliardi di euro. In una prima fase contribuirà a finanziare le necessità urgenti di forniture mediche, quali maschere e respiratori, il trasporto di attrezzature mediche e pazienti nelle regioni transfrontaliere, il reclutamento di personale sanitario aggiuntivo che può essere impiegato in tutta l'Unione, nonché alla costruzione di ospedali da campo mobili. Lo strumento di sostegno di emergenza consente alla Commissione di procurarsi direttamente per conto degli Stati membri e concentrare l'aiuto laddove è maggiormente necessario. Nel medio-lungo termine potrà sostenere i test di massa negli Stati.

  • Mosca: inaccettabile accusare la Cina

    I tentativi di ritenere la Cina responsabile della pandemia di Covid-19, anche dal punto di vista economico, sono “inaccettabili e vergognosi”. Lo ha detto il ministro degli Esteri russo Serghei Lavrov. “Quando sentiamo qualcuno sostenere che la Cina dovrebbe pagare per tutti per l'insorgenza di questa infezione e che qualcuno non ha informato gli altri in tempo... sapete, questo è davvero oltre il limite”, ha detto Lavrov in un'intervista con giornalisti russi e stranieri. Lo riporta Interfax.

  • Gentiloni, entro primavera Piano rinascita Ue

    «Entro la primavera, il piano di rinascita dell'Europa da 1.500 miliardi». Si esprime così, con il Foglio, il commissario agli Affari economici Ue Paolo Gentiloni. “Voglio essere ottimista. Anche sul futuro, rispetto alla possibilità che si realizzi un piano per la rinascita - dice Gentiloni - oggi l'Europa ha gli strumenti per lavorare a una sua rinascita facendo leva prevalentemente sulle sue forze. Dobbiamo definire nel giro di qualche settimana i contorni di un piano che permetta ai paesi europei di agire in modo coordinato”. Per realizzarlo, Gentiloni immagina un fondo “la cui dotazione minima dovrebbe aggirarsi intorno ai 1.500 miliardi di euro. I primi 500 miliardi sono quelli” dell'accordo “raggiunto la scorsa settimana dall'Eurogruppo sul Mes. I successivi 1.000 miliardi andranno messi insieme facendo invece leva da un lato sul bilancio comunitario e dall'altro sull'emissione di bond”.

  • Dombrovskis: servono 1.500 mld, anche con bond

    All'Ue potrebbe servire un fondo per la ripresa da 1.500 miliardi di euro dopo la pandemia da coronavirus. Lo ha detto Valdis Dombrovskis, vicepresidente della Commissione Ue, al quotidiano economico tedesco Handelsblatt. Su come finanziarlo “finora non è stato deciso nulla” e il tema di bond comuni europei sarà “sul tavolo” alla riunione dei capi di governo del 23 aprile ma il lettone aggiunge che “potremmo finanziare il fondo con bond sostenuti da una garanzia degli Stati membri”.

  • Goldman vede Pil Eurozona a -9% nel 2020, Italia a -11%

    La “coronacrisis” sta spingendo l'economia dell'eurozona in una profonda recessione la cui entità continua a crescere alla luce delle misure di lockdown adottate dai governi di tutta Europa. Secondo le nuove stime di Goldman Sachs, il prodotto interno dell'eurozona farà registrare un calo del 4% per il primo trimestre e dell'11,4% per il secondo mentre la proiezione per l'intero anno riflette ora un scivolone del 9%. A livello di singoli paesi, l'Italia è quella che secondo Goldman Sachs pagherà lo scotto maggiore con un calo del pil compreso fra l'11% e l'11,5% mentre la Spagna dovrebbe riuscire a contenere la flessione a una sola cifra sebbene molto vicina al 10%. Peggiora anche la proiezione per il Regno Unito dove l'economia è attesa nel 2020 a un declino del 7,5% mentre la Germania farà registrare un calo pari a quello dell'eurozona, ovvero del 9%.

  • I morti in Pakistan salgono a 100

    Con i quattro decessi avvenuti nelle ultime 24 ore sono salite a 100 le vittime del coronavirus in Pakistan. Lo riferiscono le autorità sanitarie, aggiungendo che i nuovi contagi registrati sono 88, il che porta il totale a 5.782. I guariti sono 1.378. I nuovi decessi e i nuovi contagi sono avvenuti nella provincia meridionale di Sindh.

  • In Iran quasi 75 mila casi e 3.691 vittime

    Salgono a 74.877 i casi di coronavirus in Iran, con 1.574 contagi registrati nelle ultime 24 ore. Le nuove vittime sono 98, portando il totale dei deceduti a 4.683. Si registrano dunque un calo costante sia dei nuovi positivi che dei morti. I malati in gravi condizioni sono 3.691, mentre i pazienti guariti aumentano a 48.129. Lo riferisce il ministero della Salute di Teheran, precisando che i test effettuati finora sono 287.359.

  • In Bulgaria 695 casi e 35 vittime

    In Bulgaria nelle ultime ventiquattro ore sono stati registrati 19 nuovi contagi da coronavirus (14 nella capitale Sofia, nove i ricoverati in ospedale), con il totale che sale a 695, ovvero un aumento del 2,8% rispetto al giorno precedente. I nuovi decessi sono quattro, il numero delle vittime sale a 35. Sono trentasette i contagiati fra il personale medico. Negli ospedali del Paese sono ricoverati 194 pazienti (122 a Sofia). Le persone in quarantena sono oltre 76mila, prevalentemente bulgari tornati in patria dall'estero.

  • La Cina dona 2 milioni di mascherine al Pakistan

    Il Pakistan ha ricevuto in dono dalla Cina oltre 2 milioni di mascherine e altro materiale di protezione necessario per la difesa dal coronavirus, secondo quanto hanno fatto sapere le autorità di Islamabad. Pechino ha anche fornito quasi 34.000 tenute di protezione per i medici, guanti, termometri e 36 ventilatori polmonari. Intanto una squadra di medici cinesi è arrivata in Pakistan per condividere le esperienze nella lotta alla malattia Covid-19. In Pakistan si sono avuti finora 5.716 contagi e 96 decessi. I guariti sono 1.378.

  • In Turchia cure gratis per tutti

    Tutti i cittadini che si ammaleranno di Covid-19 in Turchia verranno curati gratuitamente nelle strutture sanitarie statali, anche se non risultano ufficialmente iscritti ai registri della sicurezza sociale. Lo stabilisce un decreto presidenziale pubblicato stamani sulla Gazzetta ufficiale di Ankara. Il provvedimento esclude pagamenti anche per i test diagnostici e i dispositivi di protezione individuale, tra cui le mascherine.

  • Boom di casi in Russia, 2.774 in 24 ore

    Il numero di casi di coronavirus in Russia è aumentato di 2.774 unità nelle ultime 24 ore, arrivando a toccare quota 21.102. È il dato più consistente da quando sono iniziate le rilevazioni, peraltro in continuo aumento. I morti ufficiali, nello stesso lasso di tempo, sono stati 22 - in totale dunque sono 170. Altri 1.489 casi di coronavirus sono stati poi confermati a Mosca, toccando quota 13.002. Lo fa sapere la task force nazionale contro l'epidemia, citata dalla Tass.

  • In Turchia amnistia per 90mila detenuti

    Riguarderà 90 mila detenuti la maxi-amnistia approvata la scorsa notte dal Parlamento turco per ridurre i rischi di diffusione del coronavirus nelle carceri sovraffollate. Il provvedimento porterà alla liberazione o al trasferimento ai domiciliari di quasi un terzo del totale dei prigionieri, ma esclude gli oppositori del presidente Recep Tayyip Erdogan. . Nelle carceri turche risultano 17 detenuti malati di Covid-19, di cui uno in terapia intensiva. In Turchia si registrano al momento 61 mila casi e 1.296 vittime. Il ministro della Gioventù, Muharrem Kasapoglu, ha annunciato
    la fine della quarantena in Turchia per 20.427 persone che erano state isolate in dormitori studenteschi statali per sospetto contagio da coronavirus.

  • Ue, via libera aiuti a imprese

    La Commissione europea ha autorizzato oggi i provvedimenti presi dall'Italia per fornire liquidità al sistema produttivo per fare fronte alle conseguenze dell'emergenza coronavirus. Da Bruxelles due decisioni distinte: il primo via libera Ue riguarda la garanzia pubblica che attraverso la Sace sarà offerta sui finanziamenti necessari alle aziende per fare fronte alle conseguenze dell'emergenza. L'altro ok arrivato da Bruxelles si riferisce alle schema messo in piedi per assistere, sempre dal punto di vista finanziario, tutte le imprese che abbiano fino a 499 dipendenti. «Le misure dal valore complessivo di circa 200 miliardi consentiranno di offrire la garanzia pubblica su nuovi prestiti o rifinanziamenti alle grandi aziende. Insieme all'altro programma di sostegno rivolto ai lavoratori autonomi e alle piccole e medie imprese, queste misure - ha evidenziato la commissaria Ue alla concorrenza Margrethe Vestager - il pacchetto permetterà alle società di coprire le loro necessità finanziarie più urgenti per affrontare la difficile situazione. Continueremo a lavorare a stretto contatto con gli Stati membri per assicurare che le misure di sostegno nazionali possano contenere gli effetti dei danni causati dal coronavirus».

  • Germania: nuovi casi al minimo da 3 settimane, 170 nuovi decessi

    La Germania ha registrato 2.082 nuovi casi di coronavirus in un giorno, il dato minimo da tre settimane, che porta il totale dall'inizio dell'epidemia a 125.098 contagi. Lo ha reso noto il Robert Koch Institute. L'incremento giornaliero dei casi di Covid-19 è inferiore al 2%. Sono, inoltre, 68mila i pazienti guariti, con un aumento di 3.600, rispetto alla precedente rilevazione. I decessi sono aumentati di 170 in 24 ore a un totale di 2.969, con un tasso di mortalità del 2,4%. Il Land più colpito resta la Baviera con 33.600 casi e 870 decessi, seguita dal Nord Reno Westfalia (25.400 casi e 545 decessi) e dal Baden Wuerttemberg (25mila casi e 711 decessi). In base ai dati del centro di ricerca della John Hopkins, in Germania i contagi sono 130mila e i decessi 3.200.

  • Cina: surplus bilancia commerciale a 19,9 mld a marzo, export a -6,6%

    Le esportazioni e le importazioni in Cina hanno registrato un nuovo rallentamento a marzo, un mese penalizzato dal diffondersi dell'epidemia da coronavirus ma a un ritmo più lento rispetto ai mesi precedenti e alle attese con l'attività economica del paese che ha iniziato a riprendersi dalle misure emanate per prevenire la diffusione del virus. Le esportazioni cinesi sono calate del 6,6% a marzo rispetto all'anno precedente, dopo essere scese del 17,2% a gennaio- febbraio, secondo i dati dell'Amministrazione generale delle dogane. Le attese erano per un calo attorno al 15 per cento. Le importazioni cinesi sono diminuite dello 0,9% rispetto all'anno precedente, a fronte di un calo del 4% nei primi due mesi dell'anno e rispetto ad un calo atteso del 10 per cento. Così il surplus commerciale del paese ha raggiunto 19,9 miliardi di dollari a marzo, rispetto al deficit di gennaio-febbraio di 7,09 miliardi e le aspettative per un surplus di 21 miliardi.

  • India, lockdown prorogato fino al 3 maggio

    Il primo ministro Narendra Modi ha annunciato oggi l'estensione fino al 3 maggio del confinamento in India per combattere la pandemia di coronavirus. «Le discussioni con i leader statali e i ministri hanno portato alla conclusione che il contenimento dovrà essere esteso. Alcuni stati hanno già deciso di estenderlo. Il Paese dovrà estenderlo almeno fino al 3 maggio», ha detto il leader nazionalista indù in un discorso tv alla nazione. Dal 25 marzo in India, paese da 1,3 miliardi di abitanti, è in atto un severo confinamento a livello nazionale.

  • Trump: «Spetta a me riaprire Paese». «Fauci persona straordinaria»

    Nel suo briefing alla Casa Bianca sul coronavirus, il presidente americano Donald Trump ha rivendicato di avere «l'autorità suprema» per riaprire l'economia degli Stati Uniti. Una affermazione che arriva mentre vari governatori stanno lavorando insieme per piani coordinati di riapertura delle attività imprenditoriali. Dopo aver ritwittato un post che ne sollecitava il licenziamento, Trump ha poi elogiato il lavoro di Anthony Fauci, virologo e super esperto della task force Usa anti coronavirus. «È una persona straordinaria», ha detto Trump. Fauci ha gettato acqua sulle polemiche dopo l’intervista alla Cnn in cui lo scienziato aveva detto che se si fosse intervenuti prima si sarebbero potute salvare vite: non si trattava di una «critica al presidente», ha detto.

  • Usa: altri 1.509 morti in 24 ore, oltre 10mila nello stato di New York

    Gli Stati Uniti hanno riportato ieri altri 1.509 morti per coronavirus in 24 ore, per un totale di 23.529, secondo il conteggio della Johns Hopkins University. I casi totali sono arrivati a oltre 572mila. Lo stato di New York, epicentro dell'epidemia negli Usa, ha superato le 10.000 vittime per Covid-19.

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti