Attualità

Coronavirus, ultime notizie. Vaccini: Speranza a Regioni, allinearsi ai piani governo

Le notizie di domenica 13 giugno in tempo reale

Coronavirus: il bollettino del 12 giugno 2021
  • Figliuolo: luce in fondo al tunnel grazie a vaccini

    «Si ricomincia a vedere la luce in fondo al tunnel. E una delle luci deriva proprio dalle vaccinazioni. Stiamo portando avanti un piano senza precedenti e oggi siamo arrivati a 42 milioni di somministrazioni». Così il generale Francesco Paolo Figliuolo durante l’incontro inaugurale dell’Ebraica Festival di Roma.

  • In Lombardia 257 positivi, calano i ricoveri

    Con 26.842 tamponi eseguiti è di 257 il numero di nuovi positivi al coronavirus registrati in Lombardia, con una percentuale in risalita allo 0,9%. Continua invece il calo dei ricoveri: 114 in terapia intensiva (due meno di ieri) e 628 negli altri reparti, in calo di 35. Sono invece sei i decessi che portano il totale da inizio pandemia a 33.726. Per quanto riguarda le province, 90 casi sono stati segnalati a Milano, 43 a Brescia, 26 a Bergamo, 18 a Monza e Pavia, 13 a Mantova, 10 a Como, 9 a Sondrio, 8 a Lecco, 7 a Lodi 5 a Varese e uno a Cremona.

  • Nuova zona rossa in provincia di Caltanissetta

    Nuova zona rossa in Sicilia. Si tratta del Comune di Santa Caterina Villarmosa, in provincia di Caltanissetta, dove è avvenuto un considerevole aumento di positivi al Covid. A breve il presidente della Regione Nello Musumeci firmerà l’ordinanza che avrà efficacia da martedì 15 giugno. Le misure restrittive, adottate su richiesta dell'Asp nissena e sentito il sindaco, cesseranno giovedì 24.

  • Da mezzanotte Piemonte in zona bianca, Cirio firma ordinanza

    Il presidente della Regione, Alberto Cirio, ha firmato un'ordinanza che comprende tutte le riaperture possibili in Piemonte e che sarà in vigore da domani con l'avvio della zona bianca e fino al 31 luglio prossimo. Le riaperture consentite comprendono i parchi tematici e di divertimento, anche temporanei (attività di spettacolo viaggiante, parchi avventura e centri d'intrattenimento per famiglie), le piscine e i centri natatori in impianti coperti, i centri benessere e termali, i centri culturali, sociali e ricreativi, le sale giochi e scommesse e le sale bingo. L'elenco comprende pure le feste private anche conseguenti a cerimonie civili e religiose all'aperto e al chiuso, le sagre e le fiere locali, le grandi manifestazioni fieristiche, i congressi e i convegni, i corsi di formazione, gli eventi sportivi aperti al pubblico che si svolgono al chiuso. Possono riaprire anche le sale da ballo e le discoteche, ma solo per le attività di bar e ristorazione, mentre non è ancora consentito ballare.

    Su tutte le riaperture e le attività consentite si applicano le linee guida e le norme di contenimento e sicurezza previste a livello nazionale.Infine, l'ordinanza dispone la proroga al 31 luglio dell'efficacia del 23 febbraio scorso sulle segnalazioni dovute da chi fa rientro in Piemonte dall'estero.

  • Viminale: sabato controllate 9.052 attività, 10 chiusure

    Il Viminale rende noto su Twitter che nella giornata di ieri sono state controllate, nell’ambito del rispetto delle misure anti Covid, 74.195 persone, di cui 427 sanzionate e 15 denunciate. Ispezionati anche 9.052 esercizi commerciali e 48 titolari sanzionati. Disposte 10 chiusure.

  • Coldiretti: l’estate senza inglesi costa 1,5 mld all'Italia

    Una estate senza inglesi costa 1,5 miliardi all'Italia per le mancate spese nell'alloggio, nell'alimentazione, nei trasporti, divertimenti, shopping e souvenir. È quanto emerge da una analisi della Coldiretti in riferimento alla necessità di reinserire la quarantena per chi arriva dall’Inghilterra nel caso di forte aumento dei casi per la cosiddetta variante indiana annunciata dal premier Mario Draghi in conferenza stampa al termine del G7.

    Prima della pandemia erano oltre 2,1 milioni i cittadini della Gran Bretagna in viaggio in Italia durante i mesi di luglio, agosto e settembre con le mete privilegiate che sono le città d'arte ma – precisa la Coldiretti – gli inglesi apprezzano molto anche le campagne italiane e prestano particolare attenzione alla qualità dell'alimentazione per la quale destinano una quota elevata della spesa durante la vacanza. Gli effetti rischiano di farsi sentire – precisa la Coldiretti – anche dal venir meno della leva positiva del turismo sulle esportazioni nazionali con i turisti che al ritorno in patria cercano sugli scaffali i prodotti gustati durante il viaggio. La Gran Bretagna si classifica al quarto posto tra i partner commerciali del Belpaese per cibo e bevande dopo Germania, Francia e Stati Uniti. Dopo il vino, con il prosecco in testa, al secondo posto tra i prodotti agroalimentari italiani più venduti in Gran Bretagna ci sono – conclude la Coldiretti – i derivati del pomodoro, ma rilevante è anche il ruolo della pasta, dei formaggi, salumi e dell'olio d'oliva e il flusso di Grana Padano e Parmigiano Reggiano.

  • Ultime 24 ore, -9 terapie intensive e -113 ricoveri

    Sono 565 i pazienti ricoverati in terapia intensiva per il Covid in Italia, con un calo di 9 rispetto a ieri nel saldo quotidiano tra entrate e uscite. Gli ingressi giornalieri, secondo i dati del ministero della Salute, sono stati 20 (ieri erano stati 25). I ricoverati con sintomi nei reparti ordinari sono 3.542, in calo di 113 unità rispetto a ieri.Sono 20 gli ingressi in terapia intensiva nelle ultime 24 ore per un totale di 565 persone ricoverate con coronavirus in rianimazione. Sono i dati del ministero della Salute sulla diffusione del contagio. Sono 113 in meno le persone ricoverate per un totale di 3.542 nei reparti ospedalieri.

  • Camilla, Draghi vicino alla famiglia. «Non doveva avvenire»

    «Cordoglio e partecipazione alla mamma e al papà di quella ragazza e al resto della famiglia. È stata una cosa tristissima che non doveva avvenire. Questa è la cosa più importante che ho da dire». Lo dice il premier Mario Draghi in conferenza stampa al termine del G7, rispondendo a una domanda sulla morte della diciottenne Camilla dopo il vaccino.

  • Draghi: anche Moderna pronta a produrre in Italia

    «Non abbiamo parlato della possibilità che possano iniziare a produrre in Italia. Ma di fatto ci sono accordi con aziende americane per produrre in Italia. Mi pareva di aver già annunciato una volta un’azienda in particolare, ora si è aggiunta anche Moderna. Ci sono siti che verranno utilizzati. Mi pare che la cosa stia andando bene». Lo dice il premier Mario Draghi in conferenza stampa al termine del G7.

  • Draghi: se salgono contagi possibile quarantena da Gb

    «Noi facciamo il tampone a chi entra in Italia. Se dovessero ricominciare ad aumentare i contagi, anche noi dovremmo reinserire la quarantena per chi arriva dall’Inghilterra», ma «non ci siamo ancora». Così il premier Mario Draghi in conferenza stampa al termine del G7, rispondendo a una domanda sulla cosiddetta variante indiana.

  • Crisanti: ai giovani non si doveva dare Astrazeneca

    «I vaccini ai giovani non si sarebbero dovuti dare; questa è una situazione nella quale non ci saremmo dovuti trovare». Lo ha detto Andrea Crisanti, professore ordinario di Microbiologia all’università di Padova, intervenendo a ’Mezz’ora in più’ su Raitre, riferendosi alla morte della diciottenne ligure deceduta dopo essersi vaccinata con Astrazeneca. «Le indicazioni del Cts e di Ema -spiega Crisanti - erano chiare, “preferenzialmente agli over 60”. Preferenzialmente significa in assenza di alternative, ma siccome le alternative c’erano, perché c’erano a disposizione Pfizer e Moderna, i giovani non dovevano essere vaccinati con i vaccini a vettore virale».

  • De Luca: no a mix di vaccini

    «Per i soggetti sotto i 60 anni (tranne che per chi è alla dodicesima settimana) non si procede alla somministrazione di vaccini diversi dalla prima dose, sulla base di preoccupazioni scientifiche che invieremo al Governo, e rispetto alle quali sollecitiamo risposte di merito, in mancanza delle quali, manterremo la nostra linea di rifiuto del mix vaccinale». Lo dice in una nota il presidente della Regione Campania Vincenzo De Luca.

  • Puglia, prima dose Astrazeneca e Janssen solo a over 60

    Sono state aggiornate dal direttore del Dipartimento promozione della salute e dall’assessore alla sanità della Regione Puglia, Vito Montanaro e Pierluigi Lopalco, le indicazioni operative sulla campagna vaccinale anti Covid. Pertanto, come da parere del Comitato tecnico scientifico nazionale, per la somministrazione di vaccino a vettore virale (Vaxzevria-Astrazeneca e Janssen), si dispone l'utilizzo esclusivamente per le persone di età superiore o uguale ai 60 anni di età, mentre quelli di età inferiore ai 60 anni che abbiano già ricevuto una dose di vaccino Vaxzevria (Astrazeneca) riceveranno la seconda dose con un vaccino ad m-RNA (Moderna e Pfizer) ad una distanza di 8-10 settimane dalla prima dose. A tutti gli altri cittadini di età inferiore ai 60 anni e non ancora vaccinati verrà somministrato un vaccino ad m-RNA (Moderna o Pfizer).

  • G7 chiede tempestiva e trasparente indagine origini Covid

    Il G7 chiede una «tempestiva e trasparente» indagine sulle origini del Covid. È quanto sarebbe indicato nel comunicato finale del G7.

  • G7 si impegna a donare 1 miliardo di vaccini

    Il G7 promette un miliardo di ulteriori vaccini contro il Covid. “Gli impegni complessivi del G7 dall’inizio della pandemia sono per un totale di due miliardi di dosi, con impegni da quando ci siamo riuniti lo scorso febbraio 2021, incluso qui a Carbis Bay, per offrire un miliardo di dosi il prossimo anno», si legge nel comunicato finale di cui l’agenzia Bloomberg ha ottenuto una copia.

  • Argentina proroga stop voli, meno collegamenti Europa

    Il governo argentino ha annunciato la proroga fino al 25 giugno di un decreto amministrativo riguardante le restrizioni dei collegamenti aerei al fine di contrastare la pandemia da Covid-19, aggiungendo come novità anche una riduzione del 20% dei collegamenti da e per l'Europa e l'interruzione delle rotte da e per la Turchia e l'Africa. Lo riferisce oggi l'agenzia di stampa statale Telam. Negli ultimi giorni le autorità sanitarie argentine, e personalmente anche il presidente della repubblica Alberto Fernández hanno manifestato preoccupazione per i potenziali effetti della variante Delta, che ha avuto origine in India, considerata “più trasmissibile e potenzialmente più grave” di quelle esistenti.

    L'art.1 del decreto pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale estende fino al 25 giugno la sospensione già in atto per i voli diretti che hanno come origine o destinazione il Regno Unito e l'Ulster “, a cui si è aggiunta ora quella relativa alla Turchia e al Continente africano. Resta inoltre in vigore anche il divieto di ingresso di aerei provenienti da “Brasile, Cile e India”, “vista la presenza segnalata in questi Paesi della variante Delta”. Per quanto riguarda infine i collegamenti con il Vecchio Continente, l'articolo 2 del decreto stabilisce che il ministero dei Trasporti “ne disponga una riduzione del 20% delle frequenze” nei due sensi. Tuttavia, si chiarisce infine, l'Amministrazione nazionale dell'aviazione civile (Anac) “avrà facoltà di ampliare, diminuire o eliminare tale percentuale di riduzione, sulla base delle richieste dell'autorità sanitaria” nazionale.

  • Speranza: mix vaccini già usato da altri paesi, risultati incoraggianti

    Durante il punto con i giornalisti sul piano vaccinale, il ministro della Salute Roberto Speranza ha sottolineato che «la vaccinazione eterologa è già utilizzata da paesi importanti come la Germania da diverse settimane e i risultati sono incoraggianti. Vi sono alcuni studi che testimoniano come la risposta immunitaria sia addirittura migliore di quella con due dosi dello stesso vaccino».

    PER APPROFONDIRE: Quanto è efficace la vaccinazione eterologa? Cosa dicono i dati disponibili

  • Speranza. indicazioni Cts assunte all'unanimità, anche con Aifa

    «Il Cts ha lavorato molti giorni su come proseguire questa campagna di vaccinazione. Lo ha fatto in stretta connessione con il Ministero della Salute da un lato e con l'Aifa, in costante raccordo anche con Ema. Le nuove indicazioni che sono state presentate dal Cts, e già state inoltrare alle Regioni, sono state decise all'unanimità dopo un confronto importante anche con Aifa, che è stata parte integrante del processo decisionale, con la partecipazione sia del direttore Magrini sia del direttore Palù». Lo ha detto il ministro della Salute Roberto Speranza incontrando i giornalisti al Ministero per fare il punto sulla campagna vaccinale.

  • Vaccini: Speranza a Regioni, allinearsi ai piani governo

    “Abbiamo un messaggio chiaro su AstraZeneca, cioè evitare l'uso sotto i 60 anni e questo vale sia per la prima sia per la seconda dose e per questo per la seconda dose si useranno vaccini mRNA. Questa è una posizione chiara, netta delle nostre autorità e chiediamo alle autorità regionali di allinearsi ai piani nelle prossime settimane”. Lo ha detto il ministro della Salute, Roberto Speranza, incontrando i giornalisti per fare il punto sulle vaccinazioni anti-Covid.

    Foto Claudio Peri/POOL ANSA/LaPresse Il ministro della Salute, Roberto Speranza e il Commissario straordinario, Francesco Paolo Figliuolo

  • Veneto, nessuna vittima nelle ultime 24 ore

    Il Veneto non registra alcun decesso di malati Covid nelle ultime 24 ore. Lo riferisce il bollettino della Regione. L'ultima volta che la tabella dei morti aveva segnato zero era stato il 6 agosto 2020. I nuovi contagi da ieri sono 87, per totale di infetti dall'inizio dell'epidemia che sale 424.615. Il dato delle vittime rimane invariato a 11.600.

    Tornano in turisti a Venezia. Da domani il Veneto sarà una delle regioni italiane a entrare in zona bianca. (Foto: REUTERS/Yara Nardi)

  • Marche, 33 positivi in 24ore su 1.043 nuove diagnosi

    Nelle Marche 33 positivi in un giorno sulla base di 1.043 nuove diagnosi tra tamponi molecolari e test antigenico. Lo fa sapere il Servizio Sanità della Regione: “Nelle ultime 24 ore sono stati testati 2.162 tamponi: 1.043 nel percorso nuove diagnosi (di cui 297 screening con percorso Antigenico) e 1.119 nel percorso guariti (il rapporto tra positivi e i soli test nuove diagnosi è del 3,2%)”. I test antigenici eseguiti sono 297 con un positivo rilevato (da sottoporre al tampone molecolare) e in questo caso un rapporto positivi/testati inferiore all'1%.

  • Sei nuovi casi locali in Cina continentale

    In Cina continentale ieri sono stati segnalati 6 nuovi casi di Covid-19 trasmessi a livello locale, tutti nella provincia del Guangdong. Lo ha reso noto oggi la Commissione Sanitaria Nazionale nel consueto bollettino quotidiano. La stessa giornata ha visto anche la segnalazione di 28 nuovi casi importati di cui 7 nel Guangdong, 6 a Shanghai, 5 nello Yunnan, 3 nel Sichuan, 2 a Tianjin, 2 nello Zhejiang e uno per provincia nello Jiangsu, nel Fujian e nello Shaanxi. A Shanghai è inoltre emerso 1 nuovo caso sospetto proveniente dall'esterno. Non vi sono stati ulteriori decessi correlati alla malattia. Alla fine di ieri il totale dei casi importati nella Cina continentale ammontava a 6.256, tra i quali 5.943 dimessi dagli istituti in cui erano in cura dopo essersi ripresi e 313 pazienti tuttora ricoverati. Non sono stati segnalati decessi tra i casi importati.

    Test per il Covid a Shenzhen, nella provincia cinese di Guangdong. (Photo by STR / AFP) / China OUT

  • Russia, 14.723 nuovi casi e 357 morti

    Nelle ultime 24 ore la Russia ha registrato 14.723 nuovi contagi da coronavirus e 357 decessi. Ieri i nuovi casi erano stati 13.510 e i morti 399.

  • Moratti: Con 120mila dosi al giorno, in Lombardia immunità il 10 luglio

    “Se diamo per assodato che ogni giorno riusciamo a somministrare 100mila dosi di vaccino, possiamo arrivare a fine luglio a raggiungere il target dell'immunità in Lombardia”. Lo ha detto Letizia Moratti, vicepresidente della Regione Lombardia, con delega al Welfare, ai microfoni di Radio 24. “Se potessimo aumentare le somministrazioni a 120mila dosi al giorno, potremmo raggiungere questo obiettivo entro il 10 luglio”, ha affermato. Moratti ha poi affermato che «nel 2023 la Lombardia tornerà a livelli economia pre-Covid».

    L'assessore al Welfare di Regione Lombardia, Letizia Moratti e l'ad di Unipol Carlo Cimbri, in occasione dell'inaugurazione dell'hub vaccinale del gruppo Unipol a Milano, 7 giugno 2021. ANSA/DANIEL DAL ZENNARO


  • Coldiretti, al via vaccini a braccianti stranieri salva raccolti

    Con la vaccinazione dei braccianti extracomunitari accelera il piano del Commissario Figliuolo con il recupero di una fetta importante della popolazione che vive lontano dai centri urbani ed è più difficilmente raggiungibile. L'iniziativa della Coldiretti parte dall'hub vaccinale di Foggia in Viale Sant'Alfonso Maria dè Liguori, 1 con i lavoratori di Ghetto Out - Casa Sankara e di coloro che vivono e lavorano nelle campagne. E' stato creato un percorso dedicato ad accoglienza, triage, 2 postazioni vaccinali e area osservazione, con la procedura di prenotazione che – precisa la Coldiretti - ha previsto l'individuazione degli elenchi su liste raccolte dalla dalle aziende agricole della provincia di Foggia che hanno presentato la richiesta di somministrazione con il vaccino Pfizer. A livello nazionale – sottolinea la Coldiretti - viene ottenuto da mani straniere più di ¼ del Made in Italy a tavola, con 368mila lavoratori provenienti da ben 155 Paesi diversi che hanno trovato regolarmente occupazione in agricoltura, fornendo il 29% del totale delle giornate di lavoro necessarie al settore.

    Il "mix" di vaccini anti-Covid per i richiami divide i virologi

    Oltre il 40% del totale sono lavoratori stagionali comunitari provenienti da Romania, Polonia e Bulgaria e altri Paesi europei che possono beneficiare del green pass europeo per favorire la libera circolazione di turisti e lavoratori ma rilevante è la presenza di extracomunitari che va tutelata in un momento importante – continua la Coldiretti - per la salute dei 10 milioni di cittadini che vivono nelle aree rurali e garantire la sicurezza degli approvvigionamenti alimentari. Ad oggi sono stati “approvati” come punti vaccinali già in possesso di tutti i requisiti richiesti 141 sedi Coldiretti e 27 sedi aziendali con molte Regioni che hanno già avviato incontri operativi con le strutture territoriali della Coldiretti per l'attività di vaccinazione con l'obiettivo di coinvolgere 1,5 milioni di dipendenti, agricoltori e addetti alla filiera agroalimentare Made in Italy. L'obiettivo del piano di vaccinazioni della Coldiretti è quello di garantire la sicurezza delle forniture alimentari alla popolazione sull'intera rete di oltre un milione di realtà divise tra 740mila aziende agricole, 70mila industrie alimentari e 230mila punti vendita e 360mila bar, ristoranti e agriturismi per un totale di 3,6 milioni di posti di lavoro.

  • Droni nella città cinese di Guangzhou per spingere cittadini a restare a casa

    Una flotta di 60 droni è stata schierata nella città di Guangzhou, nel sud della Cina, per spingere i cittadini a restare a casa e ricordare a chi esce di indossare le mascherine. Sei nuovi casi di coronavirus sono stati segnalati a Guangzhou nelle ultime 24 ore, portando il totale a oltre 100. I droni controllati dalla polizia sono dotati di telecamere e trasmettono messaggi a chi esce. Gungzhou ha isolato diversi quartieri, limitato i viaggi fuori dalla città e dalla provincia e chiuso cinema e altri luoghi di intrattenimento al coperto.

    A Guangzhou, in Cina, test d’ingresso al college in tuta protettiva per gli studenti che hanno avuto contatti ravvicinati con i nuovi casi di Covid registrati nella città. (AP Photo)

  • Richiami dopo Az: in arrivo 55 milioni dosi Pfizer e Moderna, rivisti open day

    Non ci saranno rallentamenti nella campagna di vaccinazione dopo lo stop all' uso di Astrazeneca per chi ha meno di 60 anni. Fonti di Palazzo Chigi fanno sapere che sono in arrivo 55 milioni di dosi di Pfizer e Moderna che serviranno, fra l'altro, quale seconda dose per gli under 60 che hanno avuto una prima dose del vaccino anglo-svedese, circa 900 mila persone. Intanto le Regioni cancellano gli Open day che andranno riorganizzati rispettando le indicazioni per fasce di età.

    ANSA/ MASSIMO PERCOSSI

  • Richiami Az sospesi in Lombardia, in arrivo sms per riprogrammare

    I vaccinati under 60 con prima dose di Astrazeneca in Lombardia e in particolare coloro che avevano il richiamo programmato nei prossimi giorni riceveranno in queste ore l'sms di 'sospensione' dell'appuntamento. Appuntamento che, fanno sapere dalla direzione Welfare, sarà a breve riprogrammato. Almeno fino a nuova comunicazione, sono sospesi i richiami con il vaccino Astrazeneca.

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti