Attualità

Coronavirus, ultime notizie. Nelle Marche un ospedale da campo cinese. Bertolaso ricoverato

Borrelli ha la febbre. Annullata conferenza stampa
Gli ultimi dati della Protezione civile: 57.521 i malati di coronavirus in Italia, con un incremento rispetto a ieri di 3.491 unità
Il premier alla Camera: «Saremo all’altezza? La storia ci giudicherà»
Campania, De Luca scrive a Conte: «Siamo vicini al collasso»
Deliveroo: la ristorazione italiana ripiega sul food delivery
Infermiera positiva al Covid-19 indagata per epidemia colposa
Facebook: chiamate collettive cresciute del 1000%
Gallera: «Si riducono gli accessi nei pronto soccorso»
Fino a 5 anni di carcere per chi viola la quarantena



  • Prefetto di Lodi ricoverato al San Raffaele

    Il prefetto di Lodi Marcello Cardona è ricoverato da qualche giorno all'ospedale San Raffaele di Milano per aver contratto il coronavirus. Le sue condizioni, da quanto è stato riferito, non destano preoccupazioni: è in fase di miglioramento. Lo scorso 8 marzo è stato lui stesso ad annunciare di essere risultato positivo al test del Covid-19 aggiungendo di essersi messo in isolamento nel suo alloggio in prefettura.

  • Orlando (Pd): intanto 600 euro agli autonomi, poi di più

    Riguardo i 600 euro per i lavoratoriautonomi, “andremo a un meccanismo che terrà maggiormente conto della proporzione della perdita. I 25 miliardi stanziati in una settimana non sono una cosa semplicissima. Abbiamo detto subito che è solo un primo segnale”. Lo ha detto il vicesegretario del Pd, Andrea Orlando, durante la registrazione di Porta a Porta. “Tutti sappiamo che in questo momento le imprese stanno soffrendo - ha aggiunto - e sappiamo che dobbiamo trovare risorse per una risposta più forte. Non c'è nessuna volontà di offendere gli imprenditori ma una difficoltà a reperire le risorse”.

  • Capua: cautamente ottimista per l’Italia

    Per l'Italia “mi sento di essere cautamente ottimista. Non ci dimentichiamo che quello che vediamo oggi come contagi, sono contagi che risalgono a 10-15 giorni fa. Quindi se le misure di contenimento hanno avuto l'effetto desiderato questo trend dovrebbe fortificarsi nei
    prossimi giorni”. Lo ha detto al Tg 1 Rai la virologa Ilaria Capua che dirige l'One Health Center of Excellence all'Università della Florida. E sulla situazione in Usa: “Faccio lezione da remoto. Siamo sulla stessa barca. Purtroppo l'America è indietro rispetto all'Italia”.

  • Bertolaso al lavoro dall’ospedale

    L'ex capo della Protezione Civile, Guido Bertolaso, ha una leggera febbre ed è sotto osservazione. Questo pomeriggio ha continuato a leggere e lavorare, secondoquanto riferiscono fonti qualificate. Anche se le sue condizioni sembrano “discrete”, i medici dell'ospedale San Raffaele di Milano hanno ritenuto opportuno ricoverarlo in uno dei reparti Covid predisposti nella struttura.

  • Confindustria: escluse produzioni essenziali ma basta polemiche

    Confindustria ribadisce di non condividere la chiusura di alcune produzioni essenziali per garantire le filiere ma dice basta alle polemiche e invita tutti a lavorare con responsabilità. “Pur non condividendo gli interventi che oggi hanno rimesso in discussione provvedimenti già molto restrittivi assunti nei giorni scorsi e, quindi, l'esclusione di alcune produzioni a nostro avviso essenziali per garantire le filiere - si legge in una nota - diciamo che bisogna mettere da parte polemiche, strumentalizzazioni ed eccessi nel linguaggio, come quelli cui abbiamo assistito nei giorni scorsi, ingenerosi verso una categoria che sta responsabilmente affrontando assieme a tutto il Paese la peggiore crisi sanitaria ed economica dal dopoguerra, e lavorare tutti nella medesima direzione e con senso di responsabilità”.

    Per approfondire: Coronavirus, ecco la nuova lista dei settori che restano aperti

  • Meloni (FdI): se stiamo in guerra combattiamo

    “Siamo contenti di questo confronto parlamentare, ora caldeggiamo anche qualcosa di più. Il punto ora ècollaborare di più. Se è vero che stiamo in guerra, non vogliamo disertare, vogliamo combattere, all'altezza di quelle migliaia di italiani che sono in trincea, anche senza divisa”. Lo afferma la leader di FdI, Giorgia Meloni, parlando nell'Aula
    di Montecitorio.

  • Delrio (Pd): Governo apra tavolo con l’opposizione

    Siamo in una difficoltà che nessuno poteva immaginare qualche settimana fa. Siamo in un'altra vita e un altro mondo. Una sfida senza precedenti a fronte della quale chiediamo all'opposizione un senso di unità nazionale: non per confonderci ma affinchè ognuno dia il suo contributo perchè questa nostra comunità rimanga tale e non si disgreghi”. Lo dice nell'Aula della Camera il capogruppo Pd Graziano Delrio. “Il governo apra tavoli costanti e permanenti con la opposizione sui temi fondamentali: insieme uniti nella responsabilità”, conclude.

  • Oms: segnali di miglioramento dall’Italia, speriamo continui

    L'impegno del Governo italiano “è incredibile e anche la collaborazione da parte dei cittadini è fantastica, questo porterà risultati e noi crediamo in questo”. Lo ha detto Tedros Adhanom Ghebreyesus, direttore generale dell'Organizzazione mondiale della Sanità (Oms), durante la conferenza stampa di aggiornamento sulla pandemia di coronavirus Covid-19. In Italia, ha detto, “ci sono segnali positivi e speriamo che il progresso continui. L'Italia sta facendo tutto il possibile”.

  • Psicologi: triage psichico in Pronto soccorso

    “La presenza degli psicologi negli ospedali dovrebbe essere ormai una realtà stabile, dando accesso ad un pronto soccorso psicologico già in ospedale sia per i pazienti che per il personale”. Lo dichiara Laura Parolin, presidente dell'ordine degli psicologi della Lombardia, all'indomani della scomparsa di un'infermiera, suicida in un ospedale della regione, a una settimana di distanza da un altro collega in Veneto. “Il personale medico ed infermieristico sta dando prova, in questi lunghi giorni, di professionalità e umanità senza precedenti - ha proseguito Parolin - a loro tocca la prima linea ed il contatto con lo stress, la paura, il dolore, lo smarrimento proprio e quello delle persone di cui si occupano dei pazienti che stabilizzano e di coloro che perdono”. Queste due drammatiche morti, ha spiegato la dottoressa, “ci riportano a riflettere sulla necessità di supportare da un lato i malati ed i loro famigliari, ma anche i professionisti che di loro sioccupano”, una sorta di “triage psichico che possa supportare i due lati di questa medaglia”, perché avere “dei cedimenti è normale e fisiologico”. Infine Parolin ha concluso: “gli operatori sono caricati di una responsabilità estrema, èimportante che si concedano il tempo per accogliere i propri sentimenti. Chiedere aiuto, sfogarsi, riprendersi i propri spazi non solo è possibile ma è anche doveroso”.

    Per approfondire: Le ferite “invisibili” del virus e il sostegno agli operatori della sanità

  • Guidesi (Lega): «È strage, a Codogno ci hanno abbandonati»

    “Grazie a chi mi ha cercato per sapere come andava. Chi non viva l'esperienza della zona rossa non può capire cosa sta capitando. Non so se sia una guerra ma è una strage vera e propria. Capiamo dalle sirene delle ambulanze l'andamento del virus: quello è l'unico rumore che sentiamo in quelle zone. E siamo stati i primi ad essere abbandonati. Per trenta ore non abbiamo capito a quali restrizioni e a quale sostegno saremmo andati incontro”. Lo dice nell'Aula della Camera Guido Guidesi, il deputato della Lega che è rimasto bloccato a Codogno, tornato a Montecitorio per la prima volta dopo l'isolamento.

  • La Banca d’Italia stanzia 21 mln per l’emergenza

    La Banca d'Italia annuncia il suo contributo per fronteggiare la pandemia da coronavirus, con l'avvio di un programma di contributi straordinari destinati a diverse aree del territorio nazionale. Una somma complessiva di 20,9 milioni è stata messa a disposizione di un primo gruppo di soggetti impegnati nell'azione di contrasto alla diffusione del coronavirus con progetti di immediata attuazione; ulteriori interventi sono in via di definizione, in coordinamento con le autorità sanitarie e la rete delle Filiali della Banca, e saranno annunciati nei prossimi giorni. Tra i beneficiari c'è l'istituto Spallanzani “per l'approntamento di un ulteriore reparto di terapia intensiva da 40 posti letto”. Altre risorse al Gemelli di Roma nonchè alla regione Campania e ai comuni di Milano, Bergamo, Brescia e Cremona.

  • Assessore Gallera: pressione su Pronto soccorso in calo

    “La pressione sui pronto soccorso è in calo e questo dato, che è la voce della trincea, è costante”. Lo ha detto l'assessore al Welfare di Regione Lombardia, Giulio Gallera nella diretta facebook sulla situazione dell'epidemia di coronavirus in Lombardia. Tutti i dati mostrano, ha aggiunto, “un trend che è sceso rispetto alla settimana scorsa e ora sono costanti, stiamo su uno scalino più basso”.

  • Nelle Marche ospedale e medici cinesi entro tre giorni

    Entro tre giorni verrà realizzato dalla Cina un ospedale da campo nelle Marche nel quale lavoreranno 50 medici, 80 infermieri e 30 tecnici tutti provenienti dal paese asiatico. Lo ha annunciato il capo delle emergenze della Protezionecivile Luigi D'Angelo sottolineando che si tratta di tutti sanitari ed esperti che “hanno lavorato a Wuhan e che potranno portare un'esperienza importante”.

  • Conte: misure graduali perchè sempre adeguate all’obiettivo

    “La scelta degli interventi effettuati si è sempre basata sulle relazioni del Comitato tecnico-scientifico. I principi ai quali ci siamo attenuti sono stati quelli della massima precauzione ma contestualmente anche quelli della proporzionalità dell'intervento all'obiettivo. È questa la ragione della gradualità delle misure”. Lo dice il premier Giuseppe Conte nel corso dell'informativa sull’emergenza coronavirus alla Camera.

  • Conte: «Saremo all’altezza? La storia ci giudicherà»

    “Saremo all'altezza? La storia ci giudicherà, verrà il tempo dei bilanci, tutti avranno la possibilità di sindacare”. Lo dice il premier Giuseppe Conte nel corso dell'informativa sul cronavirus alla Camera. “Ci sarà tempo per tutto, ma questo è il tempo dell'azione. Il governo ha agito con la massima determinazione, con assoluta speditezza”, ha aggiunto Conte.

    Per approfondire: Coronavirus, Conte: «Il governo non dimenticherà lo sforzo di medici e infermieri»

  • Cala ancora il numero dei nuovi malati

    Per il quarto giorno consecutivo cala il numero di nuovi positivi al coronavirus in Italia: oggi sono 3.491 mentre ieri erano stati 3.612, lunedì 3.780 e domenica 3.957. Il numero delle vittime è oggi di 683, con un calo
    rispetto a ieri quando erano state 743, mentre lunedì l'aumento era stato di 601.

  • <br>In Italia 57.521 malati, 3.491 più di ieri

    Sono complessivamente 57.521 i malati di coronavirus in Italia, con un incremento rispetto a ieri di 3.491. Martedì l'incremento era stato di 3.612. Il numero complessivo dei contagiati - comprese le vittime e i guariti - ha raggiunto i 74.386. Il guariti sono invece 9.362, 1.036 in più di ieri. Il dato è stato reso noto dalla Protezione civile nel corso della conferenza stampa alla quale non è presente Angelo Borrelli che ha accusato uno stato febbrile. Ieri l'aumento dei guariti era stato di 894.

  • Il Vaticano schiede lo smaltimento ferie ai dipendenti

    La Segreteria di stato vaticana ha emanato una circolare a tutti i dicasteri con le disposizioni riguardo alle “attività produttive non essenziali” in armonia con il Dpcm dell'11 marzo che ha cominciato a introdurre le prime forti limitazioni in Italia. Secondo il testo a firma del cardinale Pietro Parolin, si dispone fino al 3 aprile prossimo “che l'attività negli Uffici e nelle Sedi istituzionali sia rigorosamente limitata alle fattispecie non de-localizzabili e indifferibili. Della natura di tali attività, sia data informazione preventiva alla Sezione per gli affari generali della Segreteria di stato”. La circolare chiede poi ai dipendenti di smaltire le ferie arretrate: “In attesa che vengano emanate direttive definitive per la Curia romana e per gli altri Organismi della Santa Sede, terminate le ferie residue pregresse ed il monte ore in eccedenza accumulato, fatte salve le provvidenze vigenti e la facoltà di avvalersi delle ferie dell'anno corrente, il dipendente compenserà l'assenza dal lavoro maturando un monte ore negativo che sarà gestito secondo i termini che saranno definiti”.

  • Gelmini (FI): dati su medici contagiati inaccettabili

    “I dati diffusi oggi dal sindacato Anaao Assomed che parlano di oltre 5.000 operatori sanitari italiani contagiati da Covid-19 sono semplicemente inaccettabili”. Lo afferma in una nota Mariastella Gelmini, capogruppo di Forza Italia alla Camera dei deputati. “Non è ammissibile che a quasi due mesi dalla proclamazione dello stato di emergenza - spiega - si registri un tale ritardo nella dotazione dei dispositivi di protezione individuale per i nostri operatori in prima linea. Le mascherine e gli altri strumenti di tutela della salute di medici e infermieri sono le armi di difesa di chi combatte una battaglia terribile. Lasciarli senza protezione o con le mascherine 'contate' è semplicemente una vergogna”.

  • Con ultimo Dpcm stop anche a cantieri sisma

    L'ultimo Dpcm per il contenimento del Covid 19, oltre che a chiudere le attività imprenditoriali non essenziali, ha portato anche alla sospensione di tutti i cantieri, pubblici e privati, della ricostruzione post sisma 2016. Il Decreto supera di fatto la direttiva con la quale il neo commissario alla ricostruzione, Giovanni Legnini, qualche giorno fa, illustrava le misure di carattere generale entro le quali le imprese impegnate sul “cratere sismico” del Centro Italia potevano o meno continuare a lavorare.

    Per approfondire: Coronavirus, ecco il decreto che blocca le attività non essenziali

  • Salvini: Conte venga in Parlamento per dire chiaramente no al Mes

    “No al Mes: chiediamo che il presidente del Consiglio venga in Parlamento, visto che questo è il nostro posto di lavoro, a dire a chiare lettere no al Mes”. Così il leader della Lega, Matteo Salvini, in un videomessaggio su Facebook. “Chiediamo altri fondi” per fronteggiare l'emergenza coronavirus, “fondi della Bce ma non i fondi di un trattato che rischierebbe di essere la morte del nostro Paese”, aggiunge Salvini.

  • Moody's: in semestre pil Italia -4,5%

    Nella prima metà del 2020 le economie avanzate sperimenteranno “cali severi dell'attività economica. Prevediamo contrazione cumulativa nel primo e secondo trimestre del 2020 del 5,4% in Germania, del 4,5% in Italia, del 4,3% negli Stati Uniti, del 3,9% nel Regno Unito e del 3,5% in Francia». Lo prevede Moody's, stimando per la Cina una crescita del 3,3% nel 2020, seguita da un +6,0% nel 2021.

  • Carceri, Bonafede: con dl al massimo fuori in 6mila

    Sono seimila i detenuti che potenzialmente potrebbero lasciare il carcere per passare alla detenzione domiciliare. Ma questo «dipenderà da diversi requisiti e variabili (come per esempio, il domicilio idoneo) che dovranno essere accertati dalla magistratura». Lo ha detto il ministro della Giustizia Alfonso Bonafede, rispondendo a un'interrogazione sull'impatto del dl, che prevede la detenzione domiciliare per reati non gravi con residuo di pena di 18 mesi. Misura di cui ad oggi hanno beneficiato «circa 50 detenuti». «Dalle interlocuzioni con il ministero dell'Interno emerge, fino al 15 maggio, l'effettiva disponibilità di 2.600 braccialetti elettronici da installare in via progressiva settimanalmente». Lo ha detto il ministro della Giustizia Alfonso Bonafede rispondendo alla Camera al question time a diverse interrogazioni. Questi braccialetti, ha chiarito il ministro, «non hanno costi ulteriori, in quanto compresi nel contratto triennale, siglato nel 2018, per un valore complessivo di 23 milioni di euro». Allo stato attuale, ha detto ancora il ministro, nelle carceri risultano 15 contagiati.

  • Bertolaso ricoverato al San Raffaele

    È stato ricoverato all'ospedale San Raffaele di Milano Guido Bertolaso, l'ex capo della protezione civile chiamato dal presidente della Lombardia Attilio Fontana come consulente per il progetto del nuovo ospedale in fiera. Lo si apprende da fonti della Regione. Proprio ieri Bertolaso aveva annunciato di avere la febbre e di essere risultato positivo al Coronavirus.

  • 30 medici morti, 17 erano di base

    Salgono a 30 i medici morti in questi giorni per Covid-19, 17 erano medici di famiglia. Lo rende noto la federazione dei medici di medicina generale (Fimmg). «Tra ieri e oggi, dei 6 medici morti ben 5 erano di base. Questo
    dovrebbe far riflettere le istituzioni sanitarie: gli operatori sanitari vanno protetti e nessuno può sentirsi in pace con la coscienza se continua ad esporre il personale sanitario senza protezioni», dice il segretario generale Fimmg Silvestro Scotti, rendendo noto il decesso di un altro collega.

  • Conte: emergenza senza confini

    «L'emergenza che stiamo vivendo non conosce confini. A livello europeo c'è necessità di uniformare le prassi sanitarie e di aumentare lo scambio di informazioni, soprattutto adesso, nella fase più acuta dell'epidemia. La risposta, anche sul piano economico-finanziario, deve essere poderosa, coesa, tempestiva». Lo scrive su Fb il premier Giuseppe Conte rilanciando la lettera scritta al presidente del Consiglio Ue.

  • Istat: shock inimmaginabile a economia del mondo

    Il diffondersi della crisi sanitaria “in Cina e nell'estremo oriente dalla seconda metà di gennaio e successivamente nei paesi europei, proprio a partire dall'Italia, e infine negli Stati Uniti, ha imposto limiti alla circolazione delle merci e delle persone e alle attività produttive sempre più stringenti e ora tali da determinare uno shock di dimensioni inimmaginabili all'economia internazionale”. Lo rileva l'Istat nella memoria inviata al Parlamento sul dl 'Cura Italia. Un contesto d'incertezza che, spiega, “non ha precedenti nel dopoguerra”.

  • Dal 10 marzo 30mila italiani rimpatriati

    «Dal 10 marzo, data in cui è stato effettuato il primo trasporto da Malta a Pozzallo, al 23 marzo scorso sono rientrati, tramite mezzi aerei ed altri mezzi di trasporto, in Italia circa 30 mila connazionali che si trovavano temporaneamente all'estero». Lo dice nell'Aula della Camera il ministro per i Rapporti con il Parlamento Federico D'Incà rispondendo al question time. «Il Governo sta gestendo una crisi senza precedenti: ci troviamo dinanzi ad una emergenza storica. Lavoriamo per garantire il rientro in Italia di tutti i connazionali all'estero che ne fanno richiesta».
    «Nel periodo compreso tra il 24 marzo ed il prossimo 5 aprile, anche grazie al supporto ed alla disponibilità degli operatori economici privati, si stima il rientro in Italia di un numero di connazionali compreso tra i 45
    mila e i 50 mila, prevalentemente tramite vettori aerei e, in misura minore, mediante pullman».

  • Il ministro D’Incà: prezzi mascherine fuori controllo

    «La produzione di dispositivi di protezione individuale e di dispositivi medicali è dislocata prevalentemente fuori dal territorio nazionale. Pertanto si riscontra una maggiore difficoltà nel loro reperimento». Lo dice il ministro per i rapporti con il Parlamento e le Riforme, Federico D'Incà. «La diffusione dell'epidemia a livello globale - prosegue -ha comportato peraltro una lievitazione dei prezzi che ormai sono fuori controllo con una distorsione del mercato che non consente più di avere prezzi medi di riferimento. A ciò si deve aggiungere il blocco delle esportazioni che hanno adottato molti Paesi produttori».

  • Benzinai: mai indetto sciopero ma costretti a chiusura

    «Nessuno sciopero è stato proclamato», i gestori vogliono garantire il servizio ma sono allo stremo e temono di essere costretti a chiudere per causa di forza maggiore. Così i sindacati dei benzinai rispondono al Garante, sullo sciopero nei pubblici servizi essenziali.
    «Ciò non toglie - si legge nella comunicazione congiunta sindacale - che le nostre Federazioni hanno ragione di ritenere che i gestori, da soli, in assenza di interventi immediati di sostegno, non sono più a lungo nelle condizioni di sopportare, sia sotto il profilo sanitario che sul piano economico, tutto l'onere necessario, nella presente drammatica congiuntura, ad assicurare la continuità e la regolarità del servizio essenziale di cui qui si parla».
    Faib, Fegica e Figisc/Anisa hanno infine chiesto all'Autorità «di svolgere una azione di mediazione nei confronti del Governo, nell'interesse condiviso volto a salvaguardare la regolare erogazione del pubblico servizio».

  • Istat: attive 2,3mln imprese, quasi la metà

    «Le imprese, classificate in base all'attività prevalente, attive nei settori le cui attività non vengono sospese sono poco meno di 2,3 milioni di unità su 4,5 milioni (il 48,7% del totale), generano circa due terzi del valore aggiunto complessivo (circa 512 miliardi di euro) ed il 53,1% delle esportazioni totali». Lo rileva l'Istat nella memoria inviata al Parlamento, con riferimento ai Dpcm dell'11 e del 22 marzo, cui sono stati aggiunti i settori della difesa ed aerospazio, a prescindere dalle attività in smart working.

  • Domani Conte alle 10 al Senato e Azzolina alle 15,30

    «Domani alle 10 il premier Giuseppe Conte renderà in Aula una informativa sulle iniziative assunte dal governo contro il coronavirus. Sempre domani alle 15,30 il ministro dell'Istruzione, Lucia Azzolina, terrà una informativa sulla prosecuzione dell'anno scolastico in corso». Lo annuncia all' Aula di Palazzo Madama la Presidente Elisabetta Casellati.

  • Sintomi febbrili per Borrelli: salta la conferenza stampa

    Il capo della Protezione Civile Angelo Borrelli ha accusato questa mattina sintomi febbrili mentre era in corso il comitato operativo. Secondo quanto si apprende, al commissario è stato fatto un nuovo tampone per il coronavirus dopo quello negativo di qualche giorno fa e si attende l’esito dell’esame. Intanto, la conferenza stampa prevista per le 18 è stata annullata.

  • Dalla Russia 600 ventilatori polmonari

    La Russia in tutto fornirà all’Italia «seicento ventilatori polmonari» come misura di aiuto per fronteggiare l’epidemia di coronavirus. Lo ha detto l’ambasciatore italiano a Mosca Pasquale Terracciano, nel corso di un videomessaggio pubblicato sulla pagina Facebook dell’ambasciata, in cui ringrazia la Federazione Russa per il sostegno fornito.

  • Morti altri quattro medici. In totale sono 29

    Continua a salire il bilancio dei medici deceduti per l’epidemia di Covid-19. Mercoledì 25 marzo si registrano altri 4 decessi, si apprende dalla Federazione nazionale degli ordini dei medici. Si tratta di Calogero Giabbarrasi, medico di famiglia di Caltanissetta; Renzo Granata, medico di famiglia di Alessandria; Ivan Mauri, anch’egli medico di famiglia, di Lecco, e Ivano Garzena, odontoiatra di Torino. Garzena è il primo odontoiatra deceduto per Covid ed aveva 49 anni. Il totale sale a 29 decessi. dalla Federazione nazionale degli ordini dei medici. Si tratta di Calogero Giabbarrasi, medico di famiglia di Caltanissetta; Renzo Granata, medico di famiglia di Alessandria; Ivan Mauri, anch’egli medico di famiglia, di Lecco, e Ivano Garzena, odontoiatra di Torino. Garzena è il primo odontoiatra deceduto per Covid ed aveva 49 anni. Il totale sale
    a 29 decessi.

  • Campania, De Luca scrive a Conte: «Siamo a un passo dal collasso»

    «La comunicazione di questi ultimi giorni relativa alla epidemia è gravemente fuorviante. Il richiamo a numeri più contenuti di contagio al Nord rischia di cancellare del tutto il fatto che non solo la crisi non è in via di soluzione, ma che al Sud sta per esplodere in maniera drammatica. I prossimi dieci giorni saranno da noi un inferno. Siamo alla vigilia di una espansione gravissima del contagio, al limite della sostenibilità». Si esprime in questi termini il governatore della Campania, Vincenzo De Luca, in una lettera al presidente del Consiglio Giuseppe Conte e a diversi ministri.

  • Lombardia, le restrizioni aggiuntive restano in vigore

    In Lombardia da domenica scorsa e per 10 giorni restano in vigore le restrizioni aggiuntive disposte dalla Regione. Lo ha detto il presidente della Regione Lombardia, nella quotidiana conferenza stampa sull’emergenza coronavirus. «Non abbiamo ancora ricevuto formalmente il nuovo Dl. Inutile fare valutazioni sulle bozze. Tutti i provvedimenti già emessi rimangono in vigore per 10 giorni, quindi l’ordinanza della Regione di domenica per dieci giorni è in vigore, salvo che venga revocata dal presidente del consiglio», ha dichiarato Fontana. «Tutti i divieti aggiuntivi rimangono in vigore, quanto meno per dieci giorni a partire da domenica. Prima del decimo giorno il presidente consiglio ci dirà se continuare o revocare», ha precisato Fontana.

  • Oltre 5mila sanitari contagiati

    Sono oltre 5mila gli operatori sanitari italiani contagiati da Covid-19. Emerge da una lettera del sindacato Anaao Assomed al presidente dell’Istituto superiore di sanità Silvio Brusaferro in cui viene chiesto di intervenire immediatamente per garantire gli strumenti di protezione
    individuale. La lettera è firmata dal segretario nazionale del sindacato Carlo Palermo e dal segretario del Piemonte Chiara Rivetti. Quest’ultima ricorda che proprio martedì altri due chirurghi sono stati sottoposti a intubazione a Torino.

  • Conte: «Stiamo valutando il golden power»

    «Stiamo studiando dettagliatamente il provvedimento dello scudo del golden power e, sotto la regia di Palazzo Chigi, siamo pronti ad agire per difendere gli asset industriali e aziendali del nostro Paese senza precluderci di allargare l’intervento ad altri settori strategici». Così il premier Giuseppe Conte nell’intervista concessa a Famiglia Cristiana, in edicola giovedì.

  • Enac: chiusura degli aeroporti prorogata al 3 aprile

    L’Enac, Ente Nazionale per l’Aviazione Civile, informa che la chiusura degli aeroporti è prorogata fino al 3 aprile 2020, in applicazione del decreto del 24 marzo 2020 emanato dal ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti di concerto con il Ministro della Salute, con il quale, tra le varie disposizioni, viene prorogato il decreto ministeriale del 12 marzo 2020 che prevedeva lo stop temporaneo di alcuni scali nazionali. Gli aeroporti interessati, ricorda Enac, sono i medesimi individuati nel decreto 112 del 12 marzo relativo alla razionalizzazione del trasporto a seguito dell’emergenza Covid-19.

  • Sky offre a tutti Sky Arte

    Proseguono le iniziative di Sky per l’emergenza Covid-19. Questa volta sono protagonisti l’arte e la cultura: a partire da mercoledì 25 marzo sul sito di Sky Arte, è offerto gratuitamente un palinsesto 24 ore su 24. Sarà possibile quindi fruire in streaming dei contenuti del canale, dai film d’arte ai documentari girati nel cuore dell’Italia.

  • Deliveroo: la ristorazione italiana ripiega sul food delivery

    I ristoranti in tempo di coronavirus, si aggrappano al food delivery. Con le disposizioni del governo che chiudono al pubblico ristoranti ed esercizi commerciali, il settore della ristorazione guarda alle piattaforme di consegna di cibo a domicilio per dare continuità alla propria attività, tutelare i dipendenti e l’intero indotto occupazionale e assicurare ai cittadini un servizio adesso più che mai necessario. A dimostrarlo sono i dati di Deliveroo, dove qualora il trend attuale dovesse essere confermato, la piattaforma leader dell’online food delivery con circa 9 mila locali chiuderà il mese di marzo con un aumento del 40% del numero dei ristoranti che hanno deciso di fare il proprio ingresso rispetto alle previsioni. «I ristoranti guardano alle piattaforme e noi guardiamo al mercato dove vediamo dei primi segnali positivi che ci auguriamo si traducano presto in una ripresa consistente», fa sapere il general manager Deliveroo Italia, Matteo Sarzana, che aggiunge, «stiamo facendo il massimo per sostenere i nostri ristoranti partner e quelli che hanno deciso in questi giorni di fare il proprio ingresso in piattaforma. Siamo un servizio essenziale per la vita di molte persone, lo facciamo con grande senso di responsabilità pensando prima di tutto alla sicurezza di ristoranti, rider e clienti».

  • Fontana: «Da tre, quattro giorni i primi effetti delle misure più rigorose»

    «Spero che queste giornate rappresentino un’interruzione del trend di aumento dei contagi da Coronavirus: da tre, quattro giorni c’è un aumento più contenuto e spero sia effetto delle prime misure che non erano particolarmente rigorose. Tra altri tre-quattro giorni dovremmo vedere i primi effetti delle misure ancora più rigorose che abbiamo poi preso e che fecero capire a tutti che serviva rigore». È quanto ha dichiarato il governatore della Lombardia, Attilio Fontana, in diretta su Rai Uno. «In Cina nessuno usciva di casa ma noi non riusciamo a replicare quel modello perché siamo una democrazia da più di 70 anni e non siamo in grado di rinunciare a diritti e valori irrinunciabili: un minimo dobbiamo lasciare e questo minimo è il mezzo con cui il virus, seppur in minor misura, riesce a circolare», ha aggiunto Fontana, secondo cui «per le strade ci sono ancora troppe persone. È un dato di fatto supportato da quello che vedo, non da un’analisi».

  • Dadone: «Non tutti i dirigenti si adeguano allo smart working»

    «Purtroppo non tutti i dirigenti si stanno adeguando, qualcuno ha ancora timore a riorganizzare il lavoro» nella modalità agile. Così la ministra della Pa Fabiana Dadone, su Rainews24. «Ma in generale la risposta» data al passaggio verso lo smart working, vista l’emergenza coronavirus, «è molto buona, con esempi positivi di Comuni e Regioni, come il Piemonte, oltre il 60%, e l’Umbria, il 70%».

  • Erasmus finito per i 16 ragazzi spagnoli della festa in terrazza

    Erasmus finito per i sedici studenti spagnoli, ragazze e ragazzi da 21 a 26 anni, scoperti giorni fa a Sassari a far festa sul tetto di un palazzo. Lo stabilisce il decreto di interruzione immediata della loro esperienza di mobilità in città, firmato dal rettore dell’Università di Sassari, Massimo Carpinelli, e notificato agli interessati e alle loro università di appartenenza. Provenienti dagli atenei di Cordoba, Granada, Alcalà de Henares, Barcellona, Burgos, Saragozza, Castilla La Mancha, Cantabria, Valencia e Leòn, i sedici studenti spagnoli erano a Sassari per i programmi Erasmus ed Erasmus+ di mobilità studentesca a fini di studio e tirocinio. A informare Carpinelli è stato il sindaco Nanni Campus, che definisce quella festa di compleanno sul tetto terrazzato, in barba a ogni ordinaria misura di sicurezza e alle norme di contrasto del rischio di contagio da Coronavirus, «un fatto grave». Identificati con l’uso di un drone e denunciati, gli studenti spagnoli «si sono spostati dalle loro case, in diversi quartieri cittadini – sottolinea il sindaco – hanno avuto una reazione sprezzante verso i condomini e hanno mostrato inconsapevolezza della gravità della loro condotta».

  • Emilia Romagna, 55 milioni per le aziende agricole

    La Regione Emilia Romagna è intervenuta anche oggi a sostegno dell’agricoltura, provata dall’emergenza Coronavirus, dopo aver pubblicato due giorni fa il bando per le aziende agricole montane, finanziato con 12,6 milioni di euro e aver promosso semplificazioni per la richiesta di carburanti agricoli (Uma). Attraverso Agrea, l’agenzia per i pagamenti in agricoltura, la Regione ha infatti liquidato in meno di un mese oltre 55 milioni di euro (55.683.615) ai beneficiari di diversi canali di finanziamento (Domanda Unica, Ocm, Psr) per un totale complessivo di oltre 2.400 mandati di pagamento elaborati.

  • Sileri: «Più laboratori devono fare i tamponi»

    «Più laboratori devono fare i tamponi, rimango basito quando si dice che tutto deve essere certificato da quel laboratorio». Lo ha detto Pierpaolo Sileri, viceministro della Salute a 24Mattino su Radio 24. «Abbiamo sul territorio nazionale decine di università, ospedali qualificati, strutture di eccellenza mondiale. Lasciamo fare i tamponi pure a loro che sono in grado di certificarli. Rimango ancora più basito quando sento che i tamponi devono muoversi dall’Italia per essere ulteriormente certificati dall’Istituto superiore di sanità. Iss deve autorizzare i laboratori più periferici mettendo il marchio ed evitiamo spreco di denaro».

  • Al via l’ospedale da campo di Crema

    Da mercoledì 25 marzo comincia il graduale avvio dell’ospedale da campo di Crema. Lo spiega il sindaco della cittadina lombarda, Stefania Bonaldi. L’ospedale sarà gestito da Esercito, Asst Crema e dalla cosiddetta Brigata Cubana, costituita da medici e infermieri giunti appositamente dal Paese del Centro America. «Da oggi graduale avvio della struttura, che ha 32 posti, di cui tre terapie intensive, con integrazione fra operatori sanitari italiani e cubani», annuncia il sindaco.

  • Facebook, in Italia chiamate di gruppo al +1000%

    Da quando il coronavirus ha colpito l’Italia, le chiamate di gruppo su Messenger e WhatsApp sono aumentate, in termini di tempo, di oltre il 1.000 per cento. Lo rende noto Facebook in un post firmato da due vicepresidenti, Alex Schultz e Jay Parikh. Il tempo trascorso dagli italiani sulle app dell’ecosistema Facebook - che comprende Instagram, Messenger e WhatsApp - è aumentato del 70% dall’inizio della crisi, si legge nel post. Nell’ultimo mese lo scambio di messaggi è cresciuto del 50%, mentre le visualizzazioni delle dirette - Instagram e Facebook Live - sono raddoppiate nell’arco di una settimana. A livello globale, «la crescita d’uso causata dal Covid-19 non ha precedenti in tutto il settore, stiamo riscontrando nuovi record di utilizzo quasi ogni giorno», scrivono Schultz e Parikh. «Mantenere la stabilità durante questi picchi di utilizzo è più difficile del solito ora che la maggior parte dei nostri dipendenti lavora da casa». Tuttavia, assicurano, «stiamo lavorando per mantenere le nostre app funzionanti senza problemi, rendendo i nostri sistemi più efficienti e aggiungendo la capacità richiesta».

  • Infermiera positiva al Covid-19 indagata per epidemia colposa

    L’infermiera dell’ospedale «Maggiore» di Modica trovata positiva al Covid-19 è stata iscritta nel registro degli indagati con l’accusa di epidemia colposa. La procura di Ragusa ha aperto un fascicolo e sono state avviate le indagini per verificare se la donna avesse avuto sintomi che potevano in qualche modo metterla in allarme quando si trovava in servizio. Lo scorso 19 marzo quando si è avuta conferma della positività dell’infermiera che lavorava nel laboratorio di analisi dell’ospedale di Modica, il reparto è stato chiuso per un giorno per procedere alla sanificazione dei locali. I colleghi parasanitari e sanitari dell’infermiera sottoposti a tampone sono risultati negativi.

  • Gli scioperi dei metalmeccanici restano in piedi

    Gli scioperi dei metalmeccanici della Lombardia e del Lazio proclamati per mercoledì 25sono confermati. Lo riferiscono i sindacati spiegando che si va verso l’accordo con il Governo sulle attività da chiudere per l’emergenza coronavirus ma che un nuovo incontro è previsto per le 12. Gli scioperi sono in corso e riguardano tutta l’industria metalmeccanica i cui comparti non sono stati chiusi al di fuori delle attività legate a quella ospedaliera e sanitaria e alla produzione di macchine per questa attività.

  • Gallera: «Meno accessi nei pronto soccorso»

    «In tutta la regione c’è stata nel week end ed è stata confermata lunedì una riduzione della pressione, cioè del numero di accesi nei pronto soccorso. Questo è un dato abbastanza costante in tutti i pronto soccorso, magari è lieve però c’è e questa è la cosa che a noi interessa di più». Lo ha spiegato l’assessore lombardo al Welfare Giulio Gallera, in collegamento con Agorà. «I dati statistici, i numeri che un giorno ci fanno esultare e l’altro preoccupare, li prendiamo in considerazione, ma la voce della trincea è tutto sommato positiva», ha commentato Gallera.

  • Dalla Russia arriva il 15esimo aereo di aiuti

    Un altro aereo russo è arrivato in Italia per contribuire a contrastare le gravi conseguenze della pandemia di coronavirus. «Il quindicesimo aereo da trasporto militare Ilyushin Il-76 delle Forze Aerospaziali Russe che trasporta attrezzature per la diagnosi e la disinfezione ha consegnato, presso la base aerea italiana di Pratica di Mare, mezzi speciali per combattere il coronavirus», ha detto il ministero della Difesa russo a Interfax.

  • Salvini: «Muoversi o sarà scontro sociale»

    Di fronte all’emergenza sanitaria del coronavirus, servono garanzie di investimenti illimitati prima che si arrivi allo scontro sociale tra garantiti e non garantiti: «Servono cento miliardi? Mettiamo cento miliardi». Il leader della Lega Matteo Salvini parla così con la Stampa. La gente si sta comportando in maniera eccezionale, osserva, ma pretende garanzie, a partire dall’occupazione: «I soldi promessi devono arrivare. Ora, non tra due mesi. La gente ha bisogno di fare la spesa adesso». Il decreto di aprile? Speriamo di essere consultati prima di saperlo a cose fatte da Facebook.

  • La Cina invia il terzo team di medici

    La Cina ha inviato dal Fujian il terzo team di medici ed esperti in Italia, negli sforzi per contrastare la crisi del coronavirus. L’aereo, che trasporta otto tonnellate di forniture mediche donate dalla provincia sudorientale cinese - 30 ventilatori polmonari, 20 set di monitor sanitari, 3mila tute protettive, 300mila mascherine (più altre 20mila del tipo N95) e 3mila schermi facciali -, è partito alle 11:10 ora locale (le 4:10 in Italia) dal Fuzhou Changle International Airport ed è atteso a Milano alle 16:45 italiane, hanno riferito i media cinesi.

  • Passi in avanti tra Governo e sindacati: nuovo incontro a mezzogiorno

    Passi avanti tra Governo e sindacati sulle chiusure delle attività produttive. Prevista una nuova riunione mercoledì 25 marzo alle 12. Cigl, Cisl e Uil parlano di «importanti modifiche» convenute con l’esecutivo. Possibile la revoca dello sciopero dei metalmeccanici di Lombardia e Lazio. Appello di Conte anche ai benzinai, che vorrebbero subito incrociare le braccia.

  • Fino a 5 anni di carcere per chi viola la quarantena

    Approvato dal Cdm un nuovo decreto anti-coronavirus, che accorpa e inasprisce tutti i divieti e le sanzioni stabiliti finora per affrontare l’emergenza. Fino a 5 anni di carcere per chi viola la quarantena da positivo; fino a 3mila euro di multa per chi non rispetta le altre regole. Lo stato d’emergenza nazionale è fino al 31 luglio ma le misure restrittive potrebbero essere tolte anche prima, spiega Conte.

  • Tornano a salire le vittime

    Sono 5.249 i nuovi casi di coronavirus in Italia (+8,2%) nella serata di martedì 24 marzo, cifra che porta il totale a 6.9176, un aumento percentuale praticamente anaologo a quello di lunedì. Il totale dei morti torna a salire dopo essere andato in flessione negli ultimi due giorni, con un balzo di 743 nuove vittime (per un totale di 6.820): il secondo valore più elevato dopo il record del 21 marzo. I dimessi/guariti arrivano però a 8.326, con un rialzo di 894 unità nelle 24 ore precedenti. Tra i positivi c’è Guido Bertolaso, consulente per l’emergenza delle Regioni Lombardia e Marche.

    PER APPROFONDIRE:
    Coronavirus, tutto quello che devi sapere
    La mappa dei contagi

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti
Loading...