Attualità

Coronavirus oggi: Ue, da AstraZeneca 9 milioni di dosi aggiuntive. Quasi 50mila morti nella seconda ondata in Italia

● Variante africana individuata nel Maryland
● Pakistan: in arrivo da Pechino la prima tranche di vaccini Cinopharm
● Australia, Perth in lockdown per 5 giorni
● Esperti Oms al mercato di Wuhan
● Entro marzo nelle Filippine 5,6 milioni di dosi di vaccino
● Migliaia sfidano divieto manifestazione, arresti a Vienna
● Sette vaccini cinesi in fase 3 degli studi clinici
● 213.364 tamponi, tasso positività al 5,2%
● Fvg,stop assembramenti,consumare seduti o lontano da bar
● Proteste a Bruxelles, quasi 500 arresti
● Colloquio von der Leyen-case farmaceutiche, minaccia varianti
● Al via distribuzione dosi Moderna in Piemonte
● Fontana a Sala, cambiamo insieme regole astruse Dpcm
● Ue, da AstraZeneca 9 milioni di dosi aggiuntive

default onloading pic
(AFP)
  • Arcuri, stiamo lavorando con oltre 60% vaccini in meno

    “Abbiamo iniziato il piano delle vaccinazioni con uno schema che prevedeva in Italia sarebbero arrivati 28 milioni e 600 mila vaccini. Stiamo lavorando adesso con uno schema che prevede 11 milioni e 200 mila vaccini. Si tratta di oltre il 60% in meno”. Lo ha detto il commissario straordinario per l'emergenza Coronavirus, Domenico Arcuri, intervistato a Che tempo che fa da Fabio Fazio

  • Arcuri, con scene folla perderemo controllo epidemia

    «Se noi automaticamente ricominciamo a far finta di niente e assistiamo alle scene di folla perderemo di nuovo il controllo dell'epidemia. Il virus non è stato sconfitto ma circola ancora». Lo ha detto il commissario straordinario per l'emergenza Coronavirus, Domenico Arcuri, intervistato a Che tempo che fa da Fabio Fazio

  • Ue, da AstraZeneca 9 milioni di dosi aggiuntive

    «AstraZeneca consegnerà 9 milioni di dosi aggiuntive nel primo trimestre (40 milioni in totale) rispetto all'offerta dell'ultima settimana e inizierà la distribuzione una settimana prima rispetto a quanto programmato. Inoltre la compagnia amplierà anche la sua capacità di produzione in Europa». Lo scrive in un tweet la presidente della Commissione Ursula von der Leyen dopo aver incontrato i ceo delle aziende farmaceutiche con cui la Commissione europea ha firmato accordi di acquisto di vaccini contro il Covid-19.

  • Fontana a Sala, cambiamo insieme regole astruse Dpcm

    «Proponiamo insieme, in tempi rapidi, di modificare le attuali determinazioni in capo a Dpcm che confermo essere astrusi e incomprensibili. Lavoriamo insieme per fare in modo che, attraverso regole certe e controlli efficaci, venga superato questo sistema delle zone 'a colori' che ogni settimana produce chiusure insensate e incomprensibili per la stragrande maggioranza dei cittadini e aperture sempre soggette a revisioni successive». E l'appello lanciato dal governatore lombardo Attilio Fontana al sindaco di Milano Beppe Sala, che questa mattina è tornato a chiedere certezza sui dati del contagio. «In attesa che il Tar del Lazio si pronunci sul tardivo passaggio della Lombardia in zona arancione e confermi, come ne sono certo, le nostre ragioni - ha risposto Fontana su Facebook -, rilancio al sindaco di Milano, Beppe Sala - che oggi in termini generali si lamenta per l'incertezza dei dati - la proposta che intendo condividere con le Regioni. Una proposta che, mi auguro, trovi anche l'adesione dell' Associazione Nazionale dei Comuni d'Italia, a partire dai sindaci delle grandi città». Per Fontana, «abbiamo bisogno di un sistema più stabile che sia chiaro sui comportamenti consentiti, con regole certe che consentano a cittadini e attività di programmare la propria vita in sicurezza». Da qui l'appello via social diretto al primo cittadino di Milano: «Sindaco Sala, se ci sei batti un colpo! E dichiara pubblicamente che sosterrai la proposta che la Lombardia intende sottoporre a quello che sarà il nuovo Governo».

  • Al via distribuzione dosi Moderna in Piemonte

    Stanno per essere distribuite in queste ore, in Piemonte, le prime 4.800 dosi di Moderna, arrivate oggi all'aeroporto militare di Pratica di Mare. Le altre due consegne sono in programma per la settimana dell'8 e per quella del 22 febbraio, con un taglio già annunciato di circa il 20% rispetto a quanto preventivato nel primo caso e probabilmente anche nel secondo. Le persone che oggi hanno ricevuto il vaccino contro il Covid, secondo quanto rende noto l'Unità di crisi regionale, sono state 3.866. A 3850 piemontesi è stata somministrata la seconda dose. Dall'inizio della campagna si è quindi proceduto all'inoculazione di 183.058 dosi, delle quali 46.813 come seconda, corrispondenti al 91,08 % delle 200.980 finora disponibili per il Piemonte. La Fase 1, come noto, coinvolge il personale del servizio sanitario regionale, ospiti e operatori delle Rsa.

  • Colloquio von der Leyen-case farmaceutiche, minaccia varianti

    L'emergere di preoccupanti varianti di Covid-19 solleva “la minaccia imminente di una ridotta efficacia dei vaccini approvati di recente. È fondamentale pertanto prepararsi per la comparsa di tali varianti”. E' uno dei punti emersi nella videoconferenza della presidente della Commissione europea, Ursula von der Leyen con i CEO delle aziende farmaceutiche con cui la Commissione europea ha firmato accordi di acquisto di vaccini contro il Covid-19, come si legge nel comunicato della Commissione europea. “La discussione ha esplorato i requisiti per lo sviluppo, la produzione e l'approvazione normativa molto rapidi dei vaccini per le varianti covid-19 nell'Ue”, sottolinea la Commissione definendo l'incontro “molto costruttivo” e dal quale sono emersi “numerosi suggerimenti pratici”. Scopo della videoconferenza - alla quale hanno partecipato anche i commissari Stella Kyriakides e Thierry Breton, il consigliere speciale del presidente per il coronavirus Peter Piot e Moncef Slaoui, nonché il direttore esecutivo dell'Agenzia europea per i medicinali, Emer Cook - era l'avvio del lavoro sulla preparazione alla bio-difesa europea. La Commissione - come annunciato da von der Leyen al forum di Davos - istituirà un'autorità dell'Ue per la preparazione e la risposta alle emergenze sanitarie (HERA), per fornire un approccio più strutturato alla preparazione alle pandemie. HERA aiuterà ad anticipare le minacce e identificare le risposte. L'industria sarà un partner importante e il lavoro con l'industria - rileva la Commissione - si concentrerà sia sul miglioramento della preparazione alla pandemia dell'Europa a medio termine sia sul contributo ad affrontare le sfide più immediate legate al covid-19. Ulteriori discussioni - informa infine il comunicato - si svolgeranno con l'industria e altri settori rilevanti nelle prossime settimane.

  • Proteste a Bruxelles, quasi 500 arresti

    La polizia di Bruxelles ha effettuato 488 arresti durante le manifestazioni contro le restrizioni anti-Covid non autorizzate. Lo rende noto l'agenzia Belga. Sono stati fermati anche tifosi di alcuni club di calcio, sia valloni che fiamminghi. La polizia ha sequestrato diversi oggetti pericolosi, da coltelli a razzi bengala.

  • Fvg,stop assembramenti,consumare seduti o lontano da bar

    Divieto di consumare alimenti e bevande per asporto nelle vicinanze dei locali e nei luoghi dove siano possibili assembramenti. Divieto di consumazione al banco nei locali dopo le ore 11. E' quanto dispone l'ordinanza firmata oggi dal governatore del Friuli Venezia Giulia Massimiliano Fedriga per evitare gli assembramenti alla vigilia della zona gialla. L'ordinanza, in vigore da domani 1 febbraio al prossimo 5 marzo, ripropone una serie di limitazioni già previste nel provvedimento dello scorso 5 dicembre, nonostante il rientro del Fvg in zona gialla

  • 213.364 tamponi, tasso positività al 5,2%

    Sono stati 213.364 i tamponi effettuati nelle ultime 24 ore in Italia, con un tasso di positività rispetto ai nuovi casi (11.252) del 5,27% (+0,9% rispetto a ieri). Gli attualmente positivi sono 453.968, 9.384 in meno di ieri.

    Regioni in zona gialla, gli assembramenti in anticipo

    Regioni in zona gialla, gli assembramenti in anticipo

    Photogallery24 foto

    Visualizza

  • 11.252 nuovi casi, 237 vittime

    Nelle ultime 24 ore sono stati 11.252 i nuovi casi di coronavirus in Italia, con 237 vittime. Lo rende noto il nuovo bollettino del ministero della Salute.

  • Portogallo vieta viaggi all'estero non essenziali

    Il Portogallo ha vietato i viaggi all'estero, se non per motivi essenziali, per contrastare la diffusione del Covid-19, che, secondo i calcoli dell'Afp, ha fatto del piccolo Paese di 10 milioni di abitanti il più colpito al mondo in proporzione alla popolazione, con oltre 12.000 morti di coronavirus accertati. Lo ha dichiarato il ministro dell'Interno di Lisbona, che ha specificato le uniche eccezioni ammesse per gli spostamenti oltreconfine: lavoro all'estero, urgenza medica, trasporto di merce o riunione familiare. A Elvas, uno dei principali varchi di confine con la Spagna, la polizia ha controllato decine di auto. Quanto agli arrivi dai Paesi Ue e Schengen, il Portogallo li ha divisi per Paesi di provenienza in quattro categorie, a seconda dell'incidenza del contagio per ogni 100.000 abitanti: si va dalla Norvegia, dalla quale Lisbona non prevede restrizioni, a quelli intermedi, come l'Italia e la Francia, da cui i passeggeri devono presentare un test negativo al coronavirus entro 72 ore dalla partenza, a quelli come Spagna e Irlanda, per i quali oltre al test negativo è obbligatorio osservare 14 giorni di quarantena. Il Portogallo ha proibito i voli da Brasile e Regno Unito.

  • Sette vaccini cinesi in fase 3 degli studi clinici

    Sette vaccini contro il Covid-19 di fabbricazione cinese sono entrati nella fase 3 degli studi clinici, secondo un funzionario del Ministero della Scienza e della Tecnologia (MOST). La Cina ora ha 16 vaccini anti Covid-19 auto-sviluppati in fase di sperimentazione clinica, ha detto Wu Yuanbin, direttore generale della scienza e della tecnologia per lo sviluppo sociale per il ministero in una recente conferenza sull'ematologia. Un vaccino inattivato sviluppato dal Beijing Biological Products Institute sotto il China National Biotec Group (CNBG), affiliato con Sinopharm, è stato il primo a ricevere, il mese scorso, l'approvazione del mercato dalla National Medical Products Administration. I risultati provvisori dei suoi studi clinici di fase 3 mostrano, secondo il ministero, un'efficacia del 79,34% contro il Covid-19.

  • Migliaia sfidano divieto manifestazione, arresti a Vienna

    Circa 5mila persone, tra cui neonazisti, sono scese in piazza oggi a Vienna per protestare contro le restrizioni anti-Covid, sfidando il divieto delle autorità austriache. I manifestanti hanno raccolto l'appello del partito di estrema destra Fpoe, che ha definito le chiusure “scandalose”. La polizia ha eseguito diversi fermi perché la folla ha rifiutato di disperdersi, tentando invece di dirigersi verso il parlamento e bloccando il traffico.

  • Proteste a Bruxelles, salgono a 300 gli arresti

    Salgono a 300 le persone arrestate a Bruxelles, dove erano in programma raduni contro le restrizioni imposte per il Covid. Lo riferiscono i media locali. Le manifestazioni erano state vietate dalle autorità.

    Non solo Bruxelles, anche ad Amsterdam diverse le proteste.

  • Cina: 73 nuovi contagi interni

    La Cina continentale ha registrato ieri 92 casi di Covid recentemente confermati, di cui 73 trasmessi a livello locale e 19 provenienti da fuori dalla Cina continentale, ha detto ieri la Commissione sanitaria nazionale. Dei casi trasmessi localmente, 63 sono stati segnalati in Jilin, nove nell'Heilongjiang e uno nell'Hebei, ha detto la Commissione nel suo rapporto quotidiano. Nessun caso sospetto è stato segnalato. Nessun decesso correlato alla malattia è stato registrato ieri, ha detto la commissione. Fino a ieri, la Cina continentale aveva segnalato 4.708 casi importati in totale. Tra questi, 4.399 erano stati dimessi dagli ospedali dopo la guarigione e 309 erano rimasti ricoverati. Nessun decesso è stato segnalato tra i casi importati.

  • Si valuta chiusura scuole in comuni provincia Perugia

    Saranno i sindaci umbri, in particolare quelli della provincia di Perugia maggiormente interessata dal contagio da Covid, a decidere comune per comune, in base al quadro fornito loro dalla Sanità regionale con un documento inviato in queste ore, la possibilità di chiudere le scuole. Non si va quindi, segnala Ansa, verso un'unica ordinanza regionale proprio per le differenze epidemiologiche del territorio. La possibilità di intervenire sulle scuole era stata “suggerita” nei giorni scorsi dalla presidente della Regione Donatella Tesei, in una lettera inviata all'Anci e ai sindaci dei 29 Comuni più colpiti dalla diffusione del virus (la provincia di Perugia sta registrando una minore incidenza di quella di Terni). Sollecitandoli a «individuare una serie di iniziative territoriali temporanee, in aggiunta alle limitazioni regionali». Misure subito adottate. Sulla scuola i comuni hanno chiesto invece una decisione per l'intera Umbria o indicazioni da parte della Sanità regionale. Documento inviato in queste ore e sottoscritto anche dal Cts e dal Gruppo epidemiologico regionale (alcuni hanno tuttavia già deciso lo stop alla didattica in presenza da domani).

  • Proteste a Bruxelles contro le restrizioni Covid, 200 arresti

    É di almeno 200 arresti il bilancio dell'intervento della polizia a Bruxelles, teatro di due manifestazioni contro le restrizioni per il Covid. Lo riferiscono i media locali. Tra gli arrestati anche diversi ultrà.

  • Covid, vietata manifestazione dell'estrema destra a Vienna

    Una manifestazione indetta dall'estrema destra a Vienna contro le restrizioni imposte nel Paese contro il Covid è stata vietata dalla polizia. Nei precedenti raduni di questo tipo «i manifestanti hanno ignorato l'obbligo di mascherina e distanziamento sociale», scrive la polizia in un comunicato, precisando di aver vietato la manifestazione, indetta dall'ex ministro Herbert Kickl, nel timore di assembramenti.

  • Covid: 362 positivi nelle Marche in 24 ore

    Sono 362 i positivi al covid rilevati nelle ultime 24ore nelle Marche tra le nuove diagnosi. Il Servizio Sanità della Regione ha comunicato che nelle ultime 24ore «sono stati testati 4.227 tamponi: 2.511 nel percorso nuove diagnosi (di cui 968 nello screening con percorso Antigenico) e 1.716 nel percorso guariti (con un rapporto positivi/testati pari al 14,4%)». Sui 968 test del Percorso Screening Antigenico sono stati riscontrati 27 casi positivi (da sottoporre al tampone molecolare). Il rapporto positivi/testati è pari al 3%. Dei 362 positivi, 152 sono in provincia di Ancona, 85 in provincia di Macerata, 57 in provincia di Pesaro Urbino, 35 in provincia di Fermo, 25 in provincia di Ascoli Piceno e 8 fuori regione.

  • Iss, quasi 50mila morti nella seconda ondata di Covid in Italia

    Da ottobre a oggi sono stati quasi 50.000 (49.274) i morti di Covid-19 in Italia, sul totale di oltre 85.000 (85.389) registrati a partire dal gennaio scorso. Lo indica il rapporto pubblicato sul sito EpiCentro dell'Istituto Superiore di Sanità (Iss) e basato sui dati, aggiornati al 27 gennaio, riportati dalla Sorveglianza Integrata Covid-19 coordinata dallo stesso istituto. I circa 50mila decessi, si legge nel rapporto, sono avvenuti nella seconda ondata iniziata nell'ottobre 2020 e ancora in corso. Nella prima ondata (marzo-maggio 2020) i decessi per Covid-19 sono stati 34.278 e 1.837 nella fase di bassa incidenza (giugno-settembre 2020). Il rapporto indica inoltre che l'età media dei pazienti deceduti e positivi a SARS-CoV-2 è 81 anni e sono complessivamente 941 (pari all'1% dei decessi registrati dal marzo 2020) i pazienti deceduti di età inferiore a 50 anni. La maggior parte dei decessi è avvenuta in Lombardia, con 26.674; di questi, la maggior parte (16.362) risale alla prima ondata.

  • Ministro Gb, aiuteremo Ue solo dopo aver vaccinato i nostri

    Il Regno Unito è disposto ad aiutare l'Ue con le forniture di vaccini contro il coronavirus ma solo se non influirà sul calendario messo a punto dal governo per vaccinare la sua popolazione. Lo ha detto la ministra al Commercio internazionale, Liz Truss, citata dal Guardian. Dopo giorni di tensione tra le due sponde della Manica sul dossier AstraZeneca, Downing Street aveva aperto alla possibilità di trasferire nel Continente parte delle proprie scorte vaccinali una volta terminata “la prima fase” del programma. Londra intende vaccinare i gruppi più vulnerabili entro la fine di febbraio, tutte le persone sopra i 50 anni entro la primavera e tutti gli adulti entro settembre. Truss ha ribadito la disponibilità ad aiutare ma, secondo il Guardian, ha lasciato intendere che qualsiasi trasferimento di dosi all'Ue potrebbe non avvenire prima che il Regno Unito abbia completato il suo programma entro l'autunno.

  • L. Segre: «Vaccinare i carcerati, anch’io in quelle celle»

    «Mi voglio occupare che siano vaccinati i detenuti di San Vittore perché io sono stata 40 giorni in quelle celle, anche se oggi sono state rinnovate». È il messaggio che la senatrice a vita e sopravvissuta ai campi di sterminio nazisti, Liliana Segre, ha portato nel corso della cerimonia al Memoriale della Shoah a Milano, per ricordare la deportazione il 30 gennaio 1944 degli ebrei milanesi. «Eravamo merci, vitelli destinati al mattatoio. Nessuno ci ha fermato per strada quando con i camion ci hanno portato alla stazione per essere deportati - ha aggiunto - . Sono stati i detenuti che ci hanno dato l'ultimo saluto di grande umanità. Quei detenuti ci hanno fatto sentire ancora delle persone».

  • Di Maio: Big Pharma mette a rischio campagna di vaccinazione

    «È stato scelto il momento peggiore per aprire una crisi di governo che sta bloccando il Paese. Il bollettino covid ogni giorno ci ricorda che ancora ci sono troppe vittime. La situazione è tutt'altro che rassicurante, anche perché i colossi farmaceutici stanno mettendo a rischio la nostra campagna di vaccinazione». Lo scrive su Facebook il ministro degli Esteri Luigi Di Maio. «Sarò duro, ma siamo in guerra contro un nemico invisibile che quotidianamente uccide persone e che sta mettendo in ginocchio il comparto produttivo del Paese», aggiunge il titolare della Farnesina.

  • Veneto, altri 499 contagi e 9 decessi in 24 ore

    Numeri in netto calo nel bollettino giornaliero sul Covid in Veneto. Il report della Regione segnala 499 contagi e 9 decessi nelle ultime 24 ore. Dati che portano il totale degli infetti dall'inizio dell'epidemia a 312.185 e quello delle vittime a 8.931. Si liberano man mano i posti letto negli ospedali, dove il trend di discesa dei ricoverati Covid è in atto da alcune settimane. I malati nei reparti non critici sono oggi 1.982 (-15), mentre nelle terapie intensive si trovano 254 persone (-7)

  • Miozzo, campagna vaccinale? «Vedo improvvisazione»

    Si è in piena pandemia, ma c'è ancora troppa improvvisazione, anche nella campagna vaccinale. A un anno dalla dichiarazione dello stato di emergenza «dico che se vogliamo battere questo virus non possiamo permetterci altri errori. Rischiamo di pagarli a caro prezzo». Lo dice in un'intervista al Corriere della Sera Agostino Miozzo, coordinatore del Comitato tecnico-scientifico. C'è «poca preparazione del territorio nell'affrontare la campagna vaccinale. Non ho elementi per giudicare se abbiamo fatto tutto ciò che era necessario fare o se avremmo potuto fare di più o meglio - spiega -. Gran parte di quei dossier sono secretati, non mi permetto quindi di giudicare. Vedo però disordine e cattiva gestione del processo: i furbi del vaccino, la scarsa informazione sulle prospettive, la poca comunicazione dedicata a fasce diverse della popolazione». Non posso immaginare, dice, « cosa succederà quando dovremo andare a vaccinare persone non deambulanti, anziani che non hanno un pc per accreditarsi. Non mi pare di aver visto una banca dati nazionale, sento molta preoccupazione tra i medici di famiglia». Per Miozzo bisogna «usare la Protezione civile e i suoi volontari e con le sue migliaia di organizzazioni presenti in modo capillare sul territorio, che dovranno ovviamente interagire con il sistema sanitario territoriale, i militari, la polizia, i carabinieri, la guardia di finanza». La vera priorità «è il rigore: se allenteremo il controllo della curva epidemica perderemo questa guerra».

  • Covid, gli Stati Uniti superano i 26 milioni di contagi

    Gli Stati Uniti hanno superato i 26 milioni di contagi di Covid-19 dall'inizio della pandemia. Secondo i dati della John Hopkins University, i casi di nuovo coronavirus sono saliti a 26.012.880. I decessi registrati sono 438.239.

  • Entro marzo nelle Filippine 5,6 milioni di dosi di vaccino

    Almeno 5,6 milioni di dosi di due vaccini internazionali per combattere il nuovo coronavirus dovrebbero arrivare nelle Filippine nel primo trimestre dell’anno. Lo ha detto il capo della task force sul coronavirus del paese. Il volume iniziale fa parte dei 9,4 milioni di dosi dei due vaccini - uno sviluppato da Pfizer- BioNTech, l'altro da AstraZeneca - che dovrebbero essere spediti nella prima metà, ha detto Carlito Galvez, che si occupa anche del governo approvvigionamento di vaccini. Le Filippine, che hanno registrato la seconda più grande epidemia di Covid-19 nel sud-est asiatico con oltre mezzo milione di infezioni e oltre 10mila decessi, mirano ad avviare le vaccinazioni a febbraio. Il governo mira a garantire 148 milioni di dosi, con l’obiettivo di vaccinare 70 milioni di persone quest'anno, ovvero due terzi della popolazione del paese. Le Filippine si sono anche assicurate 25 milioni di dosi del vaccino sviluppato dalla cinese Sinovac Biotech, con le prime 50mila previste in arrivo a febbraio.

  • Corea del Sud: restrizioni anti-Covid estese fino al 14 febbraio

    La Corea del Sud estenderà le restrizioni anti-Covid fino al 14 febbraio, poiché le nuove infezioni sono riemerse la scorsa settimana e hanno invertito una tendenza al ribasso. L'allerta per la grande area di Seul, dove vive la metà della popolazione del paese, sarà mantenuta ad alto livello per ulteriori due settimane, ha detto il primo ministro Chung Sye-kyun nel corso di una riunione. Verrà inoltre esteso il divieto di raduni di più di quattro persone a causa delle preoccupazioni per le prossime festività del capodanno lunare.
    I caffè e i ristoranti dovranno chiudere alle 21 e gli incontri nei club e nei bar karaoke rimangono vietati. Il paese riceverà 117mila dosi di vaccini Pfizer per circa 60mila persone a metà febbraio, ha detto Chung durante l'incontro.

  • Cina, esperti Oms visitano il mercato di Wuhan

    Gli esperti dell’Oms, Organizzazione mondiale della sanità, che si trovano in Cina per indagare sull'origine del coronavirus hanno visitato il mercato di Wuhan, dove si vendevano animali selvatici vivi. Il mercato è ritenuto l’epicentro della pandemia. Il team è entrato in auto nel mercato, che è chiuso dal gennaio dell'anno scorso: all'ingresso c'era un gruppo di giornalisti, allontanati dagli addetti alla sicurezza. Gli esperti dell’Oms, 10 in tutto, hanno iniziato il 30 gennaio 2021 la loro indagine sul campo, dopo avere trascorso i previsti 14 giorni di quarantena. Il team ha in programma di visitare anche l’Istituto di virologia di Wuhan, dotato di laboratori P3 e P4 ad alta sicurezza, specializzato sui coronavirus.

  • Covid: Australia, Perth in lockdown per 5 giorni

    Lo Stato australiano dell'Australia Occidentale ha imposto un lockdown di cinque giorni nella capitale Perth, nella regione di Peel (a sud di Perth) e nel sudovest del territorio: lo riporta il Guardian. La decisione è stata presa nel timore che un dipendente di un hotel adibito alle quarantene risultato positivo al tampone anti-Covid possa avere contratto la variante inglese del coronavirus. Il lockdown comincerà alle 18 di oggi (le 11 in Italia), ha detto il premier dello Stato Mark McGowan, e sarà “totale”, ovvero i residenti potranno uscire di casa solo per fare la spesa, per ragioni mediche e per poche altre eccezioni come per fare attività fisica ma solo nel loro quartiere. Le scuole rimarranno chiuse, le mascherine saranno obbligatorie durante questi cinque giorni e chiuderanno anche i bar, le palestre e i luoghi di culto, mentre i ristoranti potranno fare solo consegne a domicilio.

  • Pakistan: in arrivo da Pechino la prima tranche di vaccini Cinopharm

    Il Pakistan ha riportato 34 morti e 1.599 casi di Covid-19 nelle ultime 24 ore. Lo ha dichiarato il ministero dei Servizi sanitari nazionale. Ora il Paese asiatico conta un totale di 544.813 contagi da coronavirus e 11.657 decessi. Il numero di pazienti guariti è 499.974, mentre i casi attivi sono 33.182. Nella prima mattinata un aereo speciale dell'aeronautica militare pakistana è partito per la capitale cinese Pechino, per il trasporto della prima tranche di vaccini Cinopharm. Il Pakistan ha messo in atto tutte le misure necessarie per la conservazione dei vaccini a Islamabad e per spostare il vaccino in varie unità federate, in particolare nel Sindh e nel Belucistan, per via aerea.

  • Coronavirus, variante africana individuata nel Maryland

    Il nuovo coronavirus continua a viaggiare per il mondo. Il Maryland ha segnalato un caso della variante del nuovo coronavirus individuata per la prima volta in Sud Africa. Si tratta del terzo caso documentato negli Stati Uniti. La California ha superato i 40mila decessi. La Greater Los Angeles Area - zona metropolitana degli Stati Uniti, sviluppata attorno alla città di Los Angeles, in California, divisa in cinque contee (Los Angeles, Orange, San Bernardino, Riverside e Ventura) - ha riportato il numero più alto di morti giornaliere in circa tre settimane.

  • Vaccini: quasi 560 mila i richiami Covid eseguiti in Italia

    Sono 558.668 le seconde dosi di vaccino anti-Covid somministrate finora in Italia, su un totale di 1.895.483 somministrazioni eseguite. Il dato è contenuto nell’ultimo report della presidenza del Consiglio dei ministri. A livello nazionale sono state somministrate l’81,5% delle dosi consegnate. Oggi arriveranno 66mila dosi del vaccino Moderna, che da domani, 1° febbraio, saranno disponibili presso le regioni.

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti