Attualità

Coronavirus ultime notizie. Uk, Johnson lancia piano B: green pass e smart working. Pfizer, terza dose protegge da Omicron

Ultime notizie sulla pandemia. Il primo ministro britannico Boris Johnson ha annunciato l’avvio di un cosiddetto Piano B per l’Inghilterra, con l’indicazione alle persone a lavorare da casa, per rallentare la diffusione della variante Omicron

I dati dei vaccinati all'8 dicembre 2021
  • Record di contagi in Francia: 61.340 nelle ultime 24 ore

    La Francia ha registrato oggi un nuovo record giornaliero di infezioni covid da novembre 2020, con 61.340 nuovi casi di coronavirus nelle ultime 24 ore. Secondo l’Agenzia francese per la salute pubblica, il tasso di incidenza ha raggiunto i 448 casi ogni 100.000 residenti. Il bilancio delle vittime ha superato quota 120.000, con 133 decessi registrati nelle ultime 24 ore in tutto il Paese.

    Folla nelle vicinanze delle Galeries Lafayette a Parigi (Reuters)


  • Omicron, Speranza: «Su terza dose Pfizer aspettiamo giudizio autorità»

    L’ipotesi che tre dosi Pfizer, come annunciato dal colosso farmaceutico, possano neutralizzare la variante Omicron, trova cauto il ministro della Salute, Roberto Speranza. “Aspettiamo - ha detto ad Accordi e Disaccordi sul Nove - il giudizio delle autorità internazionali. Aspettiamo che le loro valutazioni si consolidino. Non c’è ancora un giudizio finale e l’impatto della variante non è ancora certo. Non possiamo seguire altre valutazioni. Per me - ha concluso - il riferimento sono le autorità internazionali come l’Oms, l’Ema e la nostra Aifa”.

  • Conference League; rinviata Tottenham-Rennes

    La partita di domani fra Tottenham e Rennes, valida per la fase a gironi della Conference League, è stata rinviata a causa del focolaio di Covid nel club londinese, dove ci sono 13 positivi, fra i quali otto giocatori. L’annuncio del rinvio è stato dato dal Tottenham, che ha precisato di essere in contatto con l’Uefa, “e i colloqui proseguono per riprogrammare il match”.

  • Speranza, «100 milioni dosi dato rilevante, su vaccini a bambini fidiamoci della scienza»

    “Abbiamo numeri in crescita, comunque diversi dalla stragrande maggioranza dei Paesi europei che stanno messi molto peggio di noi e sono stati costretti ad adottare misure molto forti. Oggi l’Italia sta meglio di altri Paesi ma bisogna mantenere i piedi per terra e continuare un percorso che vede l’indispensabile accelerazione sulle vaccinazioni. Abbiamo raggiunto 100 milioni di dosi somministrate, un dato rilevante reso possibile da un sistema sanitario nazionale capillare e di qualità”. Lo ha detto il ministro della Salute Roberto Speranza, intervenuto a ’Accordi&Disaccordi’ su Nove. Per quanto riguarda la vaccinazione dei bambini, “c’è una valutazione dell’Ema e dell’Aifa: partiremo il 16 dicembre e il mio consiglio -ha proseguito Speranza- è di affidarsi ai nostri pediatri. Della qualità della nostra classe medica si parla in tutto il mondo, fidiamoci di loro. Ai genitori che comprensibilmente hanno dei dubbi dico: parlate con i nostri pediatri, non è materia da talk show o social media. Fidiamoci della scienza e della medicina”.

    Il ministro della Salute Roberto Speranza (Ansa)

  • Trento, Fugatti: sforato 2 parametri, ora Trentino rischia zona gialla

    “Ovvio che temiamo la zona gialla. Abbiamo sforato due parametri su tre: siamo oltre per quanto riguarda incidenza e terapie intensive. Per fortuna siamo invece ancora sotto la soglia delle ospedalizzazioni. Se crescono è chiaro che rischiamo. Ecco perché bisogna continuare a vaccinarsi”. Lo ha detto il presidente della Provincia di Trento, Maurizio Fugatti, commentando i dati della maratona vaccinale che terminerà alle 24.

  • La Danimarca chiuderà bar, club e scuole prima del diffondersi di Omicron

    La Danimarca ha introdotto una versione leggera delle restrizioni anti-Covid adottate lo scorso inverno, limitando gli orari di apertura di bar e ristoranti e chiudendo anticipatamente le scuole per le vacanze di Natale, poiché la variante Omicron si sta diffondendo in tutto il paese.

    “L’economia danese è molto forte”, ma “dobbiamo fare il possibile per evitare blocchi globali”, ha dichiarato oggi il primo ministro Mette Frederiksen durante una conferenza stampa a Copenaghen. Il governo introdurrà piani di compensazione per le aziende colpite dalle nuove misure, ha spiegato il ministro degli affari Simon Kollerup. La Danimarca ha registrato più di 6.600 nuove infezioni, un record, pari a 10 volte il tasso giornaliero di due mesi fa. In sintesi, le misure adottate dal governo danese sono:

    - Bar, club e ristoranti devono chiudere a mezzanotte e i negozi non possono vendere alcolici dopo tale orario
    - Gli eventi al coperto, come i concerti, con più di 50 partecipanti in piedi saranno vietati
    - La durata di validità di un vaccino nel Green Pass danese è ridotta a 7 mesi dopo l’ultima iniezione, da 12 mesi prima
    - Le scuole chiuderanno il 15 dicembre, ovvero da tre a sette giorni prima del previsto, a seconda del distretto scolastico
    - Le mascherine saranno ora richieste anche nei ristoranti; erano già obbligatorie nei negozi al dettaglio e nei trasporti pubblici
    Infine, il governo raccomanda alle persone di lavorare da casa, se possono.

  • Regno Unito, premier Johnson annuncia nuove misure anti-Covid

    Il primo ministro britannico Boris Johnson ha annunciato oggi l’avvio di un cosiddetto Piano B per l’Inghilterra, con l’indicazione alle persone a lavorare da casa, per rallentare la diffusione della variante Omicron del Coronavirus. “Anche se il quadro potrebbe migliorare, e mi auguro sinceramente che lo farà, sappiamo che la logica spietata della crescita esponenziale potrebbe portare a un forte aumento dei ricoveri e quindi, purtroppo, dei decessi, ed è per questo che ora è il proporzionato e il cosa responsabile per passare al piano B in Inghilterra”, ha detto Johnson in una conferenza stampa. Scozia, Galles e Irlanda del Nord avevano già in vigore restrizioni più severe prima dell’annuncio di Johnson.

    Le altre misure messe in campo dal Governo inglese prevedono il Green Pass vaccinale per l’ingresso in discoteche e locali dove si radunano grandi gruppi di persone e l’estensione dell’uso della mascherina a gran parte dei luoghi chiusi.

    Sebbene le nuove regole siano ben lontane dalle restrizioni imposte in precedenza, rappresentano comunque un cambiamento significativo nell’approccio del Regno Unito, e sono politicamente rischiose per Johnson. Il governo aveva sperato che un programma accelerato di vaccinazioni di richiamo avrebbe significato che non sarebbero state necessarie nuove restrizioni durante il periodo natalizio, dopo che le festività sono state vietate per molte famiglie lo scorso anno.

  • Centinaia di No vax manifestano al Sacrario di Redipuglia

    Circa 300 persone hanno partecipato nel primo pomeriggio di oggi a una manifestazione non autorizzata che sarebbe stata promossa dalla galassia no vax al Sacrario di Redipuglia (Gorizia). L’evento ha suscitato immediato sdegno delle istituzioni: in spregio alle ferree regole del luogo sacro, sono stati introdotti animali e numerose persone fumavano laddove è severamente vietato. Le forze dell’ordine, giunte sul posto tempestivamente, hanno presidiato l’area e nelle prossime ore cercheranno di individuare i presenti anche grazie alle riprese della video sorveglianza. Non ci sono stati scontri.

  • Rilevati da Spallanzani tre casi di variante Omicron

    “Sono stati rilevati dall'Istituto Spallanzani tre casi di variante Omicron, ed è stata immediatamente avviata l'indagine epidemiologica”. Lo annuncia l'Assessore alla Sanità della Regione Lazio, Alessio D'Amato. Nello specifico si tratta di due donne, una proveniente dal Sudafrica con un volo dell'Ethiopian Airlines e diretta in provincia di Macerata. La seconda proveniente dalla Francia (Parigi) e residente nel Lazio. Il terzo è un uomo, un militare della Nigeria in missione e di rientro nel proprio Paese. I tre casi stanno tutti bene e sono in isolamento. Sono in corso le indagini epidemiologiche e il contact tracing. I casi sono stati notificati alla piattaforma nazionale affinché vengano allertate le autorità sanitarie delle altre regioni. Sono state richieste le liste dei passeggeri dei voli interessati.

  • Omicron, Iss: in Italia 13 casi confermati, quattro sospetti

    Nella piattaforma ICoGen “13 casi confermati in Italia di variante Omicron del Sars-CoV-2: 7 del cluster in Campania; 3 in Veneto; 1 rispettivamente in Piemonte, Sardegna e Bolzano. Del totale dei 13 casi, 12 sono importati o contatti di importati. Per uno (in Veneto) sono in corso indagini. In corso anche il sequenziamento di altri 4 sospetti”. Lo riferisce l’Istituto superiore di sanità.

  • Scandalo party a Downing Street, si dimette portavoce di Johnson

    Cadono le prime teste, dopo la diffusione di un video nel quale lo staff di Downing Street lo scorso Natale scherzava riguardo ad un party, nonostante le restrizioni dovute alla pandemia. Allegra Stratton, portavoce del premier Boris Johnson per la conferenza Cop26, ha annunciato le sue dimissioni. In una dichiarazione letta tra le lacrime davanti alle telecamere, la Stratton si è scusata per l’atteggiamento assunto nel filmato, risalente al 20 dicembre dello scorso anno. In precedenza, intervenendo alla Camera dei Comuni, Johnson si era detto “furioso” riguardo al video, pur avendo avuto “ripetute rassicurazioni” sul fatto che non vi fu alcun party natalizio a Downing Street, in barba alle regole di distanziamento in vigore all’epoca. Secondo quanto riportato dalla Bbc, al party natalizio parteciparono invece decine di persone, nonostante i divieti.

  • Oms, Omicron rilevata in 57 Paesi del mondo e in crescita

    “La variante di Omicron per ora è stata segnalata in 57 paesi e prevediamo che il numero continuerà a crescere. Alcune caratteristiche di Omicron, tra cui la sua diffusione globale e il gran numero di mutazioni, suggeriscono che potrebbe avere un impatto importante sul corso della pandemia”. Lo detto il capo dell’Oms Tedros Ghebreyesus nel briefing sul Covid da Ginevra.

    Coronavirus: bollettino dell’8 Dicembre 2021
  • In Puglia i vaccini 5-11enni in studi pediatrici e scuole dal 16 dicembre’

    “Siamo tutti al lavoro per avviare le vaccinazioni dei bambini di 5-11 anni dal 16 dicembre. Con la circolare emanata l’8 dicembre entriamo nel vivo di questa nuova fase della campagna vaccinale. In Puglia abbiamo scelto di effettuare queste somministrazioni negli studi pediatrici e nelle scuole”. Lo dichiara il presidente della Regione Puglia Michele Emiliano con riferimento alla circolare appena firmata insieme al direttore del Dipartimento Promozione della Salute Vito Montanaro.
    “Massima attenzione la rivolgiamo ai bambini con fragilità che potranno vaccinarsi nei loro centri di cura”, assicura. Saranno questi ultimi “a contattare le famiglie”. La dose potrà essere effettuata anche a domicilio. “Abbiamo puntato su luoghi che per i bambini e i loro genitori - spiega - sono familiari, sicuri e confortevoli. Ringrazio tutti coloro che da giorni sono al lavoro per garantire il migliore servizio per le famiglie e i loro piccoli. Pediatri e scuole, in sinergia con i dipartimenti di prevenzione delle Asl e la protezione civile regionale, stanno facendo un lavoro prezioso”.

    I dati dei vaccinati all'8 dicembre 2021
  • L’8 dicembre processati 564.698 tamponi, tasso positività 3,18%

    Il numero dei tamponi processati nelle ultime 24 ore sono 564.698. Il tasso di positività registrato è dello 3,2% (+0,9%). È quanto emerge dal bollettino settimanale emanato dal ministero della Salute.
    Leggi l’articolo completo

  • Party di Natale, si dimette una consulente di Johnson

    Si è dimessa Allegra Strutton la consulente del premier britannico Boris Johnson al centro del controverso video registrato un anno fa, quando la Gran Bretagna era in pieno lockdown e vigeva il divieto di riunioni sociali come misura anti Covid, in cui alcuni alti funzionari scherzavano su una festa di Natale a Downing Street. Strutton, che allora occupava il ruolo di responsabile stampa del primo ministro conservatore, ha letto in lacrime il comunicato di dimissioni in cui ha offerto le sue scuse più profonde e ammesso che rimpiangerà per tutta la vita le frasi pronunciate in quel video.

  • Iata: Revocare stop viaggi dopo variante Omicron

    L’International air transport association (Iata) chiede ai governi di revocare immediatamente i divieti di viaggio introdotti in risposta alla variante Omicron del coronavirus. L’orgnizzazione cita le affermazioni dell’Organizzazione mondiale della sanità (Oms) che nei giorni scorsi aveva affermato, secondo quanto riporta Iata che: “divieti di viaggio generalizzati non impediranno la diffusione internazionale e rappresentano un pesante fardello sulle vite e sui mezzi di sussistenza. Inoltre, possono avere un impatto negativo sugli sforzi per la salute globale durante una pandemia disincentivando i paesi a segnalare e condividere dati epidemiologici e di sequenziamento. Tutti i paesi dovrebbero garantire che le misure siano riviste e aggiornate regolarmente quando diventano disponibili nuove prove sulle caratteristiche epidemiologiche e cliniche di Omicron o di qualsiasi altra variante preoccupante”.
    “È inaccettabile che le decisioni affrettate abbiano creato paura e incertezza tra i viaggiatori proprio mentre molti stanno per intraprendere le visite di fine anno in famiglia o le sudate vacanze”, ha affermato il direttore generale dell’organizzazione Willie Walsh.
    “Una volta che una misura è stata messa in atto, è molto difficile convincere i governi a considerare di rivederla, per non parlare di rimuoverla, anche quando ci sono molte prove che puntano in quella direzione. Ecco perché è essenziale che i governi si impegnino in un periodo di revisione quando viene introdotta una nuova misura. Se c’è una reazione eccessiva, come crediamo sia il caso di Omicron, dobbiamo trovare un modo per limitare i danni e tornare sulla strada giusta. E anche in circostanze più normali, dobbiamo riconoscere che la nostra comprensione della malattia può crescere esponenzialmente anche in un breve periodo di tempo. Qualunque sia la misura in atto, deve essere costantemente giustificata rispetto alle conoscenze scientifiche più recenti e accurate”, ha affermato Walsh.

  • In Campania aumentano ricoveri ordinari e in intensive

    Peggiora il quadro Covid in Campania. Nelle ultime 24 ore si sono registrati 1175 positivi a fronte di 32.862: il tasso di contagio risale al 3,57%, dopo il 3,14 di ieri. Una persona è morta. Si registra un aumento dei ricoveri in terapia intensiva: si passa dai 22 di ieri ai 25 di oggi. Per quanto riguarda i reparti ordinari, sono 350 i ricoverati, a fronte dei 342 precedenti. Esattamente un mese fa, le persone in terapia intensiva erano 17, quelle ricoverate nei reparti ordinari 275.

  • Dati definitivi Viminale, ieri 3.541 multati perché senza mascherina

    Secondo i dati definitivi inviati dal Viminale, che riguardano tutte e 106 le prefetture, sono state 3.541 le persone controllate e sanzionate ieri perché trovate senza mascherina, 7 le persone denunciate per inosservanza del divieto di mobilità dalla propria abitazione o dimora in quarantena perché risultate positive al virus.

  • Calcio: Conte, con 13 positivi situazione al Tottenham grave

    Il tecnico del Tottenmham, Antonio Conte, ha confermato che 8 giocatori e 5 membri dello staff sono risultati positivi al test del coronavirus a seguito di un focolaio nel club e si aspetta la conferma di altri casi. Gli Spurs dovranno giocare la loro difficile partita di Europa Conference League contro il Rennes giovedì sera, con regole Uefa severe riguardo al numero minimo di giocatori disponibili.
    “Parlare di calcio oggi è impossibile. L’ultima situazione mi ha molto turbato. La situazione è grave. C’è una grossa infezione. Ci prepariamo per la partita contro il Rennes, ma è molto difficile. Ancora una volta alla fine della seduta, un giocatore (testato) positivo, un altro staff (membro) positivo, domani, chissà”, ha fatto sapere il tecnico come riporta la stampa inglese.
    “Adesso siamo un po’ spaventati perché domani non sappiamo cosa accadrà”, ha spiegato Conte visibilmente turbato affermando che nessuno al club dovrebbe rischiare di portare il virus a casa dalle proprie famiglie. L’allenatore non ha comunque chiesto esplicitamente il rinvio della partita del Rennes.

  • In Umbria ieri 179 nuovi positivi, stabili i ricoveri

    Nuovo picco dei positivi in Umbria, ma situazione sul fronte ricoveri che si mantiene stabile e, al momento, sotto controllo. Questo l’andamento in base ai dati giornalieri resi noti dalla regione. Nelle ultime 24 ore, sono stati rilevati 179 nuovi positivi, su un totale di quasi 10.800 test analizzati. Il tasso di positività si attesta all’1,65%.
    A fronte di 161 guariti, la curva degli attualmente positivi cresce quindi di 18 unità, raggiungendo quota 1.979. Per quello che riguarda i ricoveri, si registrano 49 pazienti, uno in più rispetto a ieri. Di questi, sette in terapia intensiva, in calo di un’unità rispetto al giorno precedente.

  • In Basilicata 116 nuovi positivi su 1.336 tamponi

    Centosedici dei 1.336 tamponi esaminati in Basilicata nelle ultime 24 ore sono risultati positivi: si tratta di una cifra - resa nota nel bollettino della task force regionale - che non si registrava da tempo. Le persone ricoverate negli ospedali sono 21, una delle quali - e anche questa è una novità - è curata in terapia intensiva, dove non vi erano positivi da oltre una settimana. Non si sono registrate altre vittime: in isolamento domiciliare ci sono 1.233 persone e 68 sono i nuovi guariti registrati ieri.

    I dati dei vaccinati all'8 dicembre 2021
  • Nel Lazio 1.554 nuovi casi e 3 morti

    “Oggi nel Lazio su 17.665 tamponi molecolari e 35.339 tamponi antigenici per un totale di 53.004 tamponi, si registrano 1.554 nuovi casi positivi (+80), sono 3 i decessi (-9), 760 i ricoverati (-9), 113 le terapie intensive (+7) e +891 i guariti. Il rapporto tra positivi e tamponi è al 2,9%. I casi a Roma città sono a quota 740”. Lo comunica in una nota l'assessore alla Sanità della Regione Lazio, Alessio D’Amato. “Oggi - sottolinea - superata quota un milione di dosi di richiamo oltre 35% del target, continuiamo cosi', obiettivo a dicembre quota 2 milioni di dosi booster. Chiesto alla struttura commissariale un aumento forniture di anticorpi monoclonali. Nella giornata di ieri sono state 55 mila le dosi somministrate con un incremento del 56% rispetto alla settimana precedente. Mancano all'appello oltre 100 mila nella classe di eta' 40/49 anni che non hanno effettuato la vaccinazione. Invitiamo al più presto a farla, si corre un rischio troppo grande”.
    Per chi avesse effettuato all'estero le prime dosi di vaccino è ora possibile prenotare la dose di richiamo nel Lazio accedendo nella sezione ‘dosi booster per aire e residenti all'estero (https://prenotavaccino-covid.regione.lazio.it/main/home).

  • In Emilia Romagna ancora 13 morti, crescono i ricoveri

    Crescono ancora i ricoveri in Emilia-Romagna con gli ospedali sempre più sotto pressione. Nelle ultime 24 ore si registrano quasi 1.400 nuovi casi di positività e si contano anche 13 nuove vittime, fra le quali un uomo di 66 anni in provincia di Ferrara. I nuovi contagi sono 1.391, individuati sulla base di oltre 36mila tamponi. Di questi circa la metà, 687, sono asintomatici, individuati soprattutto attraverso le attività di contact tracing.
    I casi attivi superano quota 27mila e il 96,6% sono in isolamento a casa. In terapia intensiva ci sono 82 pazienti, uno in più di ieri, mentre negli altri reparti Covid 837 (+30). I morti sono 2 nelle province di Forlì-Cesena, Bologna, Modena, Ferrara e Reggio Emilia, uno a Piacenza, Parma e Ravenna. In termini assoluti il numero più alto di nuovi contagi è a Bologna (292 casi, 40 dei quali nell’Imolese) seguita da Rimini e Forlì-Cesena (200 in entrambe le province).

  • In Italia somministrate 100 milioni di dosi di vaccino

    L’Italia raggiunge 100 milioni di dosi di vaccino somministrati. In base ai dati diffusi dal Governo ad oggi i sieri inoculati sono stati 99.792.722, una cifra che rende l’obiettivo questione di ore, stando anche alla media quotidiana di queste ultime settimane.
    Nel dettaglio le persone che hanno ricevuto almeno una dose sono 47.477.646, pari all’87,91% della popolazione over 12. A completare il ciclo sono stati in 45.830.582, l’84,86% della popolazione over 12. Volano anche le dosi booster: nella sola giornata di ieri sono state sono 441mila per un totale di 9.609.029 terze dosi inoculate.

    I dati dei vaccinati all'8 dicembre 2021
  • Omicron: Pfizer-Biontech, a marzo vaccino aggiornato

    I primi lotti del vaccino Pfizer/BioNTech aggiornato contro la variante Omicron «si prevede che saranno pronti per la consegna entro 100 giorni» e «potranno essere consegnati nel marzo 2022». Lo rendono noto le due aziende in una nota stampa, sottolineando di aver «testato anche altri vaccini specifici per varianti, che hanno prodotto titoli di neutralizzazione molto forti e un profilo di sicurezza tollerabile».

  • Giappone, economia in flessione, crescita Pil rivista al ribasso

    Il Giappone rivede la stima del Pil del Giappone nel terzo trimestre a causa della nuova ondata Covid. Nel dettaglio l’istituto di ricerca economica e sociale del Cabinet Office giapponese prevede che il Prodotto Interno Lordo (PIL) nei tre mesi ha registrato un decremento dello 0,9% su trimestre, superiore al -0,8% della stima preliminare diffusa a metà novembre. Anche su base annuale il Prodotto Interno Lordo è stato rivisto al ribasso a -3,6% dal -3% della prima lettura.

  • Spagna, occupazione terapie intensive sopra il 10%

    Torna al di sopra del 10% il tasso di occupazione delle terapie intensive da parte di pazienti Covid in Spagna, mentre l’incidenza dei contagi su 14 giorni aumenta ancora, fino a raggiungere i 290 casi per ogni 100.000 abitanti (quella settimanale è di 160 casi). Lo si apprende dagli ultimi dati del ministero della Sanità, arrivati mentre il Paese iberico si appresta a concludere un lungo ponte festivo iniziato di fatto lo scorso weekend.

    Nelle terapie intensive, il tasso di occupazione è passato dall’8,84% di venerdì al 10,29% attuale. Nei reparti ordinari, l’indice è cresciuto dal 3,42% al 4,07%. Il tasso di positività è aumentato dal 7,29% all’8,42%. Da inizio pandemia sono stati notificati 88.237 morti. La percentuale di popolazione vaccinata con ciclo completo è dell’89,5% su quella totale. Il 71,1% degli over 70 ha ricevuto anche una dose booster. Iniezione aggiuntiva anche per il 38,3% dei vaccinati con il monodose di J&J, in tutto quasi due milioni di persone.

  • Pfizer, dose booster protegge da variante Omicron

    Gli anticorpi indotti dal vaccino Pfizer-BioNtech covid-19 (bnt162b2) neutralizzano la variante sars-cov-2 Omicron dopo tre dosi. Lo rende noto la stessa Pfizer, dopo la diffusione di uno studio di laboratorio. I risultati a un mese dalla terza dose del vaccino vedono la neutralizzazione della variante Omicron a livelli paragonabili a quelli osservati per la proteina spike sars-cov-2 dopo due dosi.

  • Johnson: Omicron si diffonde a velocità mai vista

    La variante Omicron si sta diffondendo «più velocemente di qualsiasi variante che abbiamo visto finora». Lo ha detto il primo ministro britannico Boris Johnson, riferendosi alla crescita di contagi nel Regno Unito.

  • Omicron: quarantena per turisti in Brasile, no obbligo vaccini

    Il governo brasiliano ha scartato l’obbligo di presentare il certificato di vaccinazione, per gli stranieri che entrano nel Paese dall’estero, annunciando che per loro sarà invece prevista una quarantena di cinque giorni, all’arrivo, seguita da ulteriore test contro il coronavirus.

    “A volte è meglio perdere la vita che perdere la libertà”, ha dichiarato il ministro della Salute, Marcelo Queiroga, spiegando perché è stata rigettata la raccomandazione dell’Agenzia nazionale di vigilanza sanitaria (Anvisa), favorevole al pass vaccinale per evitare che il Brasile diventi meta di turisti no-vax. Queiroga - che pure ha spinto per le vaccinazioni, arrivando a incentivare anche la terza dose - ha affermato che “non si può discriminare tra chi è vaccinato e chi no, e da lì imporre restrizioni”.

    Ore prima delle parole del suo ministro, il presidente Jair Bolsonaro aveva ribadito di non essere d’accordo con Anvisa. Il leader di estrema destra ha affermato che l’Agenzia voleva “chiudere lo spazio aereo” del Paese, ma che lui si è opposto al certificato vaccinale e assicurato che “preferirebbe morire piuttosto che perdere la libertà”.

  • D’Amato, in Lazio superato 1 milione terze dosi, oltre 35% target

    “Stamani ho salutato con un selfie con le nostre operatrici sanitarie nel nuovo hub vaccinale dell'Auditorium–Parco della Musica di Roma - Alessandra Brandimarte medico responsabile del centro e Marinella Lombrici coordinatore infermieristico - il superamento del traguardo di 1 milione di dosi di richiamo somministrate nel Lazio. Stiamo viaggiando ad oltre 55 mila somministrazioni al giorno, ben oltre il target fissato dalla struttura Commissariale, e con una buona notizia relativa alle circa 4 mila prime vaccinazioni ogni giorno. Avanti così, l'obiettivo è quello di raggiungere nel mese di dicembre quota 2 milioni di richiami”. Lo dichiara l’assessore alla Sanità della Regione Lazio, Alessio D'Amato.

  • Fiaso,in 15 giorni +32% non vax e -33% vax in rianimazione

    Nelle ultime due settimane crescono ancora i pazienti no vax in terapia intensiva, con +32%, mentre continuano a diminuire quelli vaccinati, -33%. E, tra i ricoverati in gravi condizioni, non ci sono soggetti che hanno completato il ciclo vaccinale da meno di 4 mesi. Questi i dati dell’ultima rilevazione del network degli ospedali sentinella di Fiaso, la Federazione Italiana Aziende Sanitarie e Ospedaliere, che nell’ultima settimana mostrano anche un incremento complessivo delle ospedalizzazioni per Covid pari al 10,1%. Si passa da 810 pazienti del 30 novembre a 892 degenti del 7 dicembre

  • In Umbria un anno fa meno casi ma molti più ricoveri

    Meno casi giornalieri nello stesso giorno a un anno di distanza, 135 l’8 dicembre del 2020 contro i 179 del 2021 ma ricoverati in ospedale oltre sette volte di più, 376, 49 ora, e 57 in terapia intensiva, sette adesso. E’ il quadro che si ricava nel confronto tra i due scenari. L’8 dicembre del 2020 venivano segnalati nove morti, nessuno quest’anno, e gli attualmente positivi erano 5.746, 1.979 nell’ultimo giorno.

  • Cina continentale, 44 nuovi casi locali

    Ieri in Cina continentale sono stati segnalati 44 nuovi casi di Covid-19 a trasmissione locale. Lo ha reso noto oggi la Commissione Sanitaria Nazionale nel consueto bollettino quotidiano. Dei nuovi casi, 34 sono emersi nella Mongolia Interna, 8 nello Zhejinag, uno nell’Heilongjiang e uno a Shanghai. La commissione ha anche riferito di 30 nuovi casi importati in otto suddivisioni a livello provinciale. A Shanghai è stato segnalato inoltre un nuovo caso sospetto proveniente dall’estero. Non sono stati ulteriori decessi correlati alla malattia. Il totale dei contagi confermati in Cina continentale al 7 dicembre ha raggiunto quota 99.371, con 1.133 pazienti ancora in terapia, 22 dei quali in condizioni gravi. Il numero complessivo dei dimessi dalle strutture ospedaliere a seguito di guarigione ammonta invece a 93.602 mentre sono 4.636 le persone che hanno perso la vita per conseguenze dovute al virus. Ieri sono emersi inoltre 23 nuovi asintomatici, di cui 18 importati.

  • Germania, record decessi da febbraio ma cala incidenza

    Record di morti per Covid in Germania da 10 mesi. Il Paese ha registrato 527 decessi nelle ultime 24 ore, il numero più alto dal 12 febbraio scorso, rilevano i media internazionali sottolineando comunque che sta decelerando il tasso di incidenza dei casi settimanali, calato da 432 a 427 contagi per 100 mila abitanti.

  • Sindaco di Napoli Manfredi: controlli non semplici su trasporti

    «Fare controlli sui mezzi pubblici è molto complicato. Si sta controllando a campione come prevede la norma, c’è il piano coordinato dal prefetto in una serie di punti sensibili dove stanno operando sia le forze dell’ordine che la polizia municipale e anche il personale delle aziende di trasporto». Così il sindaco di Napoli, Gaetano Manfredi, rispetto ai controlli su bus e metropolitane per salire a bordo dei quali dallo scorso 6 dicembre è necessario esibire la certificazione verde.

  • Nuovo boom contagi in Veneto, +3.516 in un giorno

    Un altro balzo dei contagi Covid in Veneto, con l’aumento giornaliero più marcato dall’inizio della quarta ondata: 3.516 positivi, cui si aggiungono 6 vittime. Lo riferisce il bollettino della Regione. Il totale degli infetti dall’inizio della pandemia sale a 538.767, quello dei decessi i 12.020. Le persone attualmente positive e in isolamento sono 42.565 (+1.917). . C’è però un miglioramento della situazione ospedaliera rispetto ai report di ieri. I malati Covid ricoverati nei reparti ordinari sono 741 (-31), quelli nelle terapie intensive 129 (-3).

  • Fiaso, in 2 settimane +32% no vax in terapia intensiva

    Nelle ultime due settimane crescono ancora i pazienti no vax in terapia intensiva, con +32%, mentre continuano a diminuire quelli vaccinati, -33%. E, tra i ricoverati in gravi condizioni, non ci sono soggetti che hanno completato il ciclo vaccinale da meno di 4 mesi. Questi i dati dell’ultima rilevazione del network degli ospedali sentinella di Fiaso, la Federazione Italiana Aziende Sanitarie e Ospedaliere, che nell’ultima settimana mostrano anche un incremento complessivo delle ospedalizzazioni per Covid pari al 10,1%. Si passa da 810 pazienti del 30 novembre a 892 degenti del 7 dicembre. Complessivamente sono 97 i ricoverati nelle terapie intensive dei 16 ospedali sentinella Fiaso, con un incremento del 2% rispetto a una settimana fa quando erano 95. I pazienti non vaccinati sono 77 mentre quelli vaccinati risultano 20. Da sottolineare come i vaccinati siano tutte persone che hanno completato il ciclo vaccinale da oltre 4 mesi. Si tratta, inoltre, per il 75% dei casi di soggetti affetti da gravi comorbidità e con un’età media di 69 anni. Numeri differenti, invece, per i non vaccinati. I soggetti finiti in Rianimazione senza aver mai avuto una dose di vaccino sono in media più giovani, 62 anni, e nel 42% dei casi sono persone sane che non soffrono di altre patologie. Di rilievo anche la differenza del range di età che fra i vaccinati è fra 47 e 85 anni e fra i non vaccinati fra 21 e 83 anni.

  • Occhiuto (Calabria): «A Platì e San Luca pochissimi vaccinati, se focolai subito zona rossa»

    «Con la mia ordinanza per la mascherina obbligatoria all'aperto ho voluto lanciare un alert ai calabresi: noi dobbiamo stare più attenti degli altri, perché abbiamo una sanità fatiscente. E poi occorre continuare a correre sulle vaccinazioni». Lo ha detto Roberto Occhiuto, presidente della Regione Calabria, in un'intervista a TgCom24. «Ho parlato ieri con il commissario dell'Asp di Reggio Calabria - ha aggiunto -, in quella Provincia ci sono Comuni come Platì e come San Luca nei quali sono vaccinati solamente il 29 e il 30% degli abitanti. Ho avvertito il commissario: al primo focolaio, in quei Comuni istituirò subito la ‘zona rossa'. La maggioranza dei calabresi - ha concluso - che ha scelto la scienza, non può pagare per l'irresponsabilità di una minoranza irragionevole, che non si vaccina».

  • Rapporto Oms, Omicron presente in 57 nazioni

    La variante di è stata segnalata in 57 nazioni, con casi di Covid in aumento nell’Africa meridionale, compreso lo Zimbabwe, mentre il numero di pazienti che necessitano di ricovero è destinato ad aumentare man mano che si diffonde, ha affermato l’Organizzazione mondiale della sanità.
    Nel suo rapporto epidemiologico settimanale l’Oms ha affermato che sono necessari più dati per valutare la gravità della malattia causata dalla variante Omicron e se le sue mutazioni possono ridurre la protezione dall’immunità derivata dal vaccino.«Anche se la gravità è uguale o potenzialmente anche inferiore a quella della variante Delta, si prevede che i ricoveri aumenteranno se più persone verranno contagiate e che ci sarà un intervallo di tempo tra un aumento dell’incidenza dei casi e un aumento dell’incidenza delle vittime», si legge nel rapporto.

  • Guarito paziente zero Omicron, «ora torno in Africa»

    Sono guariti dalla variante Omicron del Covid il manager Eni di Caserta, primo contagiato in Italia dalla nuova variante, e anche le altre persone, ovvero la moglie, i due figli, la madre e una badante; resta invece contagiata la suocera del professionista. In un’intervista a la Repubblica, l’ingegnere sottolinea: «sono salvo grazie ai vaccini» e annuncia la volontà di tornare in Africa e di essere intenzionato a portarvi anche i figli. «I genitori dei compagni di classe dei miei figli ci sono stati vicini ma sui social abbiamo letto cattiverie anche da parte di conoscenti», aggiunge nell’intervista. La negativizzazione al Covid è emersa dal tampone effettuato nei giorni scorsi. Il professionista casertano era risultato positivo al Covid il 16 novembre scorso dopo essere tornato da un viaggio in Mozambico; il successivo 27 novembre, in seguito al sequenziamento del suo materiale genetico, era emerso che la positività riguardava la nuova variante sudafricana denominata Omicron.

  • In Germania 69.601 nuovi casi, 527 morti

    Sono 69mila i nuovi casi di Covid registrati in Germania nelle ultime 24 ore. Il Robert Koch-Institut segnala 527 nuovi decessi che fanno salire il totale delle vittime a 104.047.

  • Sindaco Trento, da oggi obbligo mascherine anche all’aperto

    Da oggi al 6 gennaio obbligo di mascherina all’aperto nel centro storico di Trento. Lo ha deciso il sindaco, Franco Ianeselli, alla luce dell’aumento dei contagi. «Prudenza, dispositivi di protezione e vaccinazioni sono necessari per sopravvivere a questo nuovo inverno di pandemia - sottolinea Ianeselli -. Queste sono le armi che abbiamo a disposizione per combattere il virus. La mascherina e il green pass saranno obbligatori anche in occasione della fiera di Santa Lucia, prevista comunque in versione ridotta nel prossimo weekend. Per cercare di limitare gli assembramenti ci saranno meno bancarelle rispetto al solito. Saranno rafforzati i controlli da parte della polizia locale che sarà affiancata da addetti che avranno il compito di richiamare l’attenzione sul rispetto dell’obbligo di utilizzare le mascherine».

  • Italia verso il traguardo dei 100 milioni di vaccini iniettati

    L’Italia si appresta oggi a superare i 100 milioni di dosi di vaccino Covid-19 somministrate nei 2.453 punti dislocati nel Paese: secondo il report del Governo a questa mattina sono infatti 99.792.722 le iniezioni fatte a quasi un anno dall’inizio della campagna vaccinale (formalmente partita il 27 dicembre 2020), a fronte di 105.174.747 vaccini distribuiti. Le persone che hanno ricevuto almeno una dose sono 47.477.646, mentre 45.830.582 hanno completato il ciclo con due dosi e 9,6 milioni hanno ricevuto la dose di richiamo/booster, il 46,76% della popolazione potenzialmente oggetto di dose addizionale/booster che hanno ultimato il ciclo vaccinale da almeno cinque mesi.

    Vaccini in tempo reale

  • Oms: no indicazioni che Omicron causi forme più gravi, vaccini efficaci

    «Non ci sono indicazioni che la nuova variante» Omicron «causi forme più gravi di Covid-19» e «non c’è motivo di dubitare> che gli attuali vaccini proteggano i pazienti infetti dalla nuova variante. Lo ha affermato Michael Ryan, responsabile per le emergenze dell’Organizzazione Mondiale della Sanità, in un’intervista ad Afp. «Abbiamo vaccini molto efficaci che hanno dimostrato di essere potenti contro tutte le varianti finora, in termini di gravità della malattia e ospedalizzazione, e non c’è motivo di credere che non sia così», ha aggiunto Ryan, pur precisando che gli studi sulla variante rilevata solo il 24 novembre e da allora avvistata in circa 40 paesi sono solo all’inizio.

  • Segretario Onu Guterres in contatto con positivo a Covid, è in isolamento

    Il segretario generale dell’Onu, Antonio Guterres, è stato in contatto con un funzionario delle Nazioni Unite positivo al covid e in via precauzionale è in isolamento a casa. Lo comunica il portavoce del Palazzo di Vetro. Guterres non ha alcun sintomo ed è già stato sottoposto ad un tampone che è risultato negativo. Per prudenza, Guterres ha annullato i prossimi impegni di persona sino al prossimo test di giovedì. Il portavoce nei giorni scorsi ha fatto sapere che il segretario generale ha ricevuto recentemente la terza dose di vaccino.

  • India, 195 vittime nelle 24 ore

    In India le vittime quotidiane da Covid-19 segnalate dalle autorità del Paese sono state 195. I decessi dall’inizo della pandemia salgono quindi a 473.952.

  • Studio sudafricano: Omicron può eludere i vaccinati con solo due dosi Pfizer

    La variante Omicron del coronavirus può eludere parzialmente la protezione da due dosi di vaccino Pfizer-BioNTech. Lo ha detto il capo della ricerca di un laboratorio presso l’Africa Health Research Institute in Sudafrica. Tuttavia, lo studio ha dimostrato che il sangue di persone che avevano ricevuto due dosi del vaccino e avevano avuto una precedente infezione erano per lo più in grado di neutralizzare la variante, suggerendo che le dosi di richiamo del vaccino potrebbero aiutare a respingere l’infezione.
    Alex Sigal, professore presso l’Africa Health Research Institute, ha affermato in un paper linkato dal suo account Twitter che c’è stato «un calo molto grande» nella neutralizzazione della variante Omicron rispetto a precedenti ceppi di Covid-19.
    Il laboratorio ha testato il sangue di 12 persone che erano state vaccinate con due dosi del vaccino Pfizer/BioNTech, secondo un paper pubblicato sul sito web del laboratorio. I dati preliminari paper non sono ancora stati sottoposti a peer review.
    Il sangue di cinque persone su sei che erano state vaccinate e precedentemente infettate da Covis-19 ha comunque neutralizzato la variante di Omicron, afferma il paper. «Questi risultati sono migliori di quanto mi aspettassi. Più anticorpi hai, più possibilità avrai di essere protetto da Omicron», ha detto Sigal.
    Sigal ha anche aggiunto che il laboratorio non ha testato la variante a persone che hanno ricevuto una terza dose di richiamo, perché non sono ancora disponibili in Sudafrica.
    Secondo il manoscritto, il laboratorio ha osservato un calo di 41 volte dei livelli di anticorpi neutralizzanti contro la variante Omicron. Sigal ha detto che è probabile che la cifra venga modificata dopo che il suo laboratorio avrà fatto più esperimenti.

  • Cina, 74 nuovi casi più 23 asintomatici

    La Repubblica Popolare Cinese ha riportato 74 nuovi casi confermati di coronavirus per il 7 dicembre, in calo rispetto ai 94 del giorno prima. Lo hanno annunciato le autorità sanitarie locali. Delle nuove infezioni, 44 sono state trasmesse localmente, secondo una dichiarazione della Commissione sanitaria nazionale, rispetto alle 60 del giorno prima. I nuovi casi locali sono stati segnalati dalle autorità della Mongolia interna, Zhejiang, Heilongjiang e Shanghai.
    Inoltre, sono stati segnalati 23 nuovi casi asintomatici, che vengono classificati separatamente dai casi confermati, rispetto ai 14 del giorno prima. Non ci sono stati nuovi decessi: il bilancio delle vittime reta quindi a 4.636. Dall’inizio della pandemia, sono stati 99.371 i casi confermati nel Paese asiatico.

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti