Attualità

Coronavirus, ultime notizie. Via libera Cdm a dl crisi d’impresa. Cybersecurity: Draghi nomina direttore Agenzia Roberto Baldoni

Gli aggiornamenti in tempo reale per seguire l’andamento della pandemia

Vaccini, Oms chiede di sospendere richiami sino a fine settembre
  • Tabacci rimette delega Spazio, Draghi gli conferma fiducia

    Il sottosegretario alla presidenza del Consiglio, Bruno Tabacci, ha rimesso nelle mani del presidente del Consiglio, Mario Draghi, la delega allo Spazio e all’Aerospazio. Lo rende noto Palazzo Chigi. Il presidente Draghi, “prendendo atto dell’irrevocabilità della decisione del sottosegretario Tabacci, gli ha confermato fiducia e stima, invitandolo a proseguire nel lavoro di delegato al coordinamento della politica economica e alla programmazione degli investimenti pubblici di interesse nazionale e di segretario del Comitato interministeriale per la programmazione economica e lo sviluppo sostenibile (CIPESS)”, aggiunge Chigi.

  • Fauci, prossima variante potrebbe essere più grave

    Anthony Fauci lancia un nuovo allarme: la prossima mutazione del coronavirus potrebbe essere anche peggiore e più contagiosa della variante Delta. Di qui per il virologo l’importanza di fermare, soprattutto attraverso la vaccinazione, la diffusione dei casi che in America si avviano ad essere almeno 100 mila al giorno. Fauci ha quindi ribadito come la recente impennata dei contagi ha colpito prevalentemente le persone non vaccinate. “Ci sono ancora 93 milioni di americani che potrebbero essere immunizzati ma non lo hanno ancora fatto”, ha aggiunto.

  • Delega Spazio può andare a ministro, Tabacci verso rinuncia

    La delega allo Spazio potrà andare a un ministro senza portafoglio: lo prevede una norma del decreto legge sul Green pass. La norma, a quanto apprende l’ANSA, modifica la legge attuale che riserva la delega a un sottosegretario e preluderebbe a un passaggio della competenza sullo Spazio dal sottosegretario Bruno Tabacci a un ministro. Tabacci potrebbe infatti rinunciare a breve all’incarico. Qualche polemica era nata per l’assunzione del figlio del sottosegretario in Leonardo, azienda che si occupa anche di spazio.

  • Via libera Cdm a dl crisi d’impresa e risanamento aziende

    Il Consiglio dei ministri, su proposta del Presidente Mario Draghi e del Ministro della giustizia Marta Cartabia, ha approvato un decreto-legge che introduce misure urgenti in materia di crisi d’impresa e di risanamento aziendale, nonché ulteriori misure urgenti in materia di giustizia. Si tratta di un percorso di composizione esclusivamente volontario e caratterizzato da assoluta riservatezza. Il dl introduce l’istituto della “composizione negoziata della crisi”, che rappresenta un nuovo strumento di ausilio alle imprese in difficoltà finalizzato al loro risanamento

  • Pa: ok Camera con 339 sì, è legge

    Dopo rapide dichiarazioni di voto dei gruppi parlamentari, è stato approvato in maniera definitiva il cosiddetto dl reclutamento, il decreto legge per il rafforzamento della capacità amministrativa delle pubbliche amministrazioni funzionale all’attuazione del Pnrr e per l’efficienza della giustizia. I voti favorevoli sono stati 339, quelli contrari, 32 gli astenuti.

  • Speranza: solo Ema può dare l’ok a Sputnik

    “L’esenzione ai cittadini di San Marino non significa riconoscere il vaccino Sputnik. L’Italia ha una relazione costruttiva con Ema che è la nostra agenzia europea di riferimento e la procedura dentro Ema è ancora in itinere e noi vincoliamo come paese l’approvazione di vaccini solo alla approvazione di Ema. Quindi la nostra è una soluzione di natura transitoria che tiene conto della specificità di San Marino e che consentirà una ulteriore valutazione sia all’Ema sia a San Marino rispetto all’utilizzo eventuale di altri vaccini”. Così il ministro della Salute Roberto Speranza nella conferenza stampa al termine del Cdm.

    Fiale di Sputnik (Afp)

  • Speranza: su terza dose decide la scienza

    “Siamo pronti, abbiamo dosi a sufficienza per fare la terza dose e aspettiamo le indicazioni delle autorità scientifica per dirci il tempo giusto per somministrare la terza dose, le prime indicazioni ci lasciano presupporre che si inizierà dai piu fragili”. Così il ministro della Salute Roberto Speranza nella conferenza stampa al termine del Cdm.

  • Speranza, 70 milioni dosi somministrate, 68% almeno con 1 dose

    Numeri incoraggianti, superate le 70 milioni di dosi, 72% dei vaccinabili raggiunti, 68% di vaccinati almeno con una dose. E’ quanto ha dichiarato il ministro Speranza nella conferenza stampa al termine del Cdm. La scuola è un fattore fondamentale della societa’ - ha detto - l’obiettivo e’ di riaprire in sicurezza e presenza. C’e’ una differenza radicale rispetto al passato, tutti gli studi del mondo sono concordi nel dire che i vaccini sono efficaci e sicuri, l’appello del governo e’ di continuare su questa strada per aprire una stagione davvero diversa.

    Il ministro della Salute Roberto Speranza (Ansa)

  • Speranza, green pass per evitare chiusure e per libertà

    “Abbiamo approvato un nuovo decreto legge che punta sullo strumento del green pass per gestire questa fase epidemica. I numeri davanti a noi sono incoraggianti con 70 milioni di dosi somministrate: in questa fase la scelta del governo è investire sul pass per evitare chiusure e tutelare liberta”. Cosi il ministro della Salute, Roberto Speranza, in conferenza stampa al termine del Consiglio dei ministri.

    Per approfondire / Green pass, obbligo anche per i docenti o sospensione e stop stipendio

  • Camera approva fiducia a decreto reclutamento Pa

    La Camera ha approvato la fiducia posta dal governo sul cosiddetto dl reclutamento, il decreto legge per il rafforzamento della capacità amministrativa delle pubbliche amministrazioni funzionale all’attuazione del Pnrr e per l’efficienza della giustizia. I voti favorevoli sono stati 386, quelli contrari 43.

  • Costa, «scaricati oltre 53 mln di Green pass»

    “Sono stati scaricati oltre 53 milioni” di Green pass. Lo ha detto il sottosegretario alla Salute, Andrea Costa, intervenendo a SKyTg24, sostenendo che ciò “conferma che da parte dei cittadini c’e’ piena consapevolezza dell’utilità del documento” per “un ritorno graduale alla normalità”.

  • Cdm nomina nuovi ambasciatori Ankara, Baghdad e Kinshasa

    Il Consiglio dei ministri ha approvato la nomina dei nuovi ambasciatori in Turchia, Iraq, Guinea e Repubblica Democratica del Congo. A quanto si apprende, ad Ankara andrà l’ambasciatore Giorgio Marrapodi, al posto di Massimo Gaiani. A Baghad arriverà Maurizio Greganti, al posto di Bruno Antonio Pasquino, in Guinea Stefano Pontesilli sostituirà Livio Spadavecchia, nella Repubblica Democratica del Congo Luigi Diodati prenderà il posto di Luca Attanasio, ucciso il 22 febbraio scorso.

  • Gb, oltre 30mila nuovi casi e 86 decessi

    In Gran Bretagna oggi si registrano 30.215 nuovi casi di Covid e il decesso di 86 persone che nelle ultime quattro settimane erano risultate positive al test. E’ quanto rendono noto le autorità sanitarie britanniche.

  • Cybersecurity: Draghi nomina direttore Agenzia Roberto Baldoni

    Nel corso del Cdm, a quanto apprende LaPresse, il presidente del Consiglio ha indicato Roberto Baldoni, attualmente vicedirettore del Dis, come direttore dell’Agenzia per la Cybersecurity istituita con apposito decreto approvato martedì dal Senato in via definitiva. Della nomina viene informato il Copasir.

  • Israele spinge per terza dose e mobilita influencer

    Israele è diventato il primo Paese al mondo a iniettare le terza dose di vaccino anti-Covid negli anziani, con il primo ministro che oggi ha fatto appello agli influencer affinché aiutino a incoraggiare le vaccinazioni tra i giovani. La mossa arriva mentre calano i numeri degli israeliani che si vaccinano contro Covid-19 e i dati dei contagi salgono. Un alto dirigente del ministero della Salute israeliano ha detto che un lockdown sarebbe concepibile entro fine mese, mentre i numeri dei nuovi casi continuano a crescere, con la diffusione della variante Delta di Sars-CoV-2. “Ora come ora non imporrei un lockdown, ma darei tempo alla terza dose di produrre i suoi effetti e per altre misure. In 2 o 3 settimane dovremo prendere una decisione diversa”, ha detto Nachman Ash, direttore generale del ministero, alla radio dell’Esercito oggi. Ash spera che il booster per gli ultrasessantenni e le misure adottate dal gabinetto siano efficaci. Le autorità sanitarie israeliane hanno registrato oltre 3mila contagi giornalieri negli ultimi 3 giorni, con 3.430 nuovi casi ieri. Attualmente ci sono nel Paese 250 persone ammalate gravemente di Covid, secondo il ministero. Il 58% circa della popolazione è stato pienamente vaccinato (Israele conta 9,3 milioni di abitanti) e oltre 262mila persone hanno ricevuto una terza dose di vaccino.

  • Attacco hacker Lazio, estratti backup, dati non compromessi

    Sono stati estratti ’aggirando’ il ransomware i dischi di backup dai server rimasti bloccati dopo l’attacco hacker che ha colpito il centro elaborazione dati della Regione Lazio. Secondo quanto si apprende da fonti investigative, i backup sembrerebbero non compromessi dall’attacco. L’estrazione dei backup è stata possibile creando un dispositivo identico a quello compromesso, con il quale si è arrivati ai dischi di backup.

  • Moderna, «probabilmente necessaria terza dose prima di inverno»

    La compagnia farmaceutica Moderna ritiene che “probabilmente” sarà necessaria la somministrazione di una terza dose di vaccino anti-Covid “prima della stagione invernale”, a causa della comparsa della variante Delta. “Crediamo che l’aumento della forza dell’infezione risultante dalla variante Delta”, o indiana, “la stanchezza della popolazione per le misure” preventive come distanziamento e mascherine, “e gli effetti stagionali, con il trasferimento al chiuso, condurranno a un aumento dei contagi negli individui vaccinati”, riconosce la compagnia Usa nelle slide della presentazione dei risultati agli analisti. “Anche se vediamo un’efficacia duratura del vaccino in fase 3 fino a 6 mesi - sottolinea Moderna - ci aspettiamo che gli anticorpi continuino a diminuire e finiscano per compromettere l’efficacia del vaccino. A causa di questa intersezione, crediamo che una terza dose di rinforzo sarà probabilmente necessaria prima della stagione invernale”. Il Ceo dell’azienda, Stefan Bancel, ha sottolineato che il vaccino “sta mostrando un’efficacia duratura del 93% a 6 mesi”, ma ha avvertito che “la variante Delta è una minaccia nuova e importante, per cui dobbiamo restare attenti”. Guardando al futuro, Bancel ha detto che la compagnia sta lavorando su un vaccino di una dose che serva da richiamo annuale contro la Covid-19, l’influenza e il virus respiratorio sinciziale per gli adulti. Nello stesso modo, Moderna ha già iniziato a preparare gli studi di ultima fase su un vaccino contro l’influenza e il Vrs, che ha ricevuto l’autorizzazione al fast track negli Usa qualche giorno fa.

    Coronavirus: bollettino del 5 agosto 2021
  • Aifa, ok a monoclonali anche per pazienti ricoverati

    L’Agenzia italiana del Farmaco ha “deciso di estendere il possibile utilizzo della combinazione degli anticorpi monoclonali casirivimab/imdevimab” nei pazienti “adulti ospedalizzati per Covid-19, anche in ossigenoterapia convenzionale”. Lo rendo noto l’agenzia che ha aggiornato le modalità di utilizzo in relazione alle nuove evidenze di letteratura. La decisione di indicarlo per questa sottopopolazione deriva dai risultati dello studio clinico internazionale Recovery, “che ha mostrato un beneficio in termini di mortalità e di riduzione del rischio di progressione di malattia (ricorso alla ventilazione meccanica o evento morte) del trattamento con casirivimab e imdevimab nei pazienti adulti ospedalizzati per Covid-19, anche in ossigenoterapia convenzionale (non ad alti flussi e non in ventilazione meccanica), e con sierologia negativa per gli anticorpi IgG anti-Spike di Sars-CoV-2” (parametro che indica che l’infezione è avvenuta entro i 10 giorni precedenti). Finora l’uso degli anticorpi monoclonali era autorizzato in soggetti di età superiore a 12 anni, positivi per Sars-CoV-2, con infezione di recente insorgenza (massimo 10 giorni) e presenza di almeno un fattore di rischio, ma era limitato a pazienti non ospedalizzati per Covid-19 e non in ossigenoterapia.

  • Fisco: rinvio a 15 settembre versamenti per imprese

    Rinvio al 15 settembre per i versamenti delle imprese (Irap e Iva). Lo conferma l’Agenzia delle Entrate che definisce anche il nuovo calendario dei pagamenti. Si tratta dei versamenti che si sarebbero dovuti fare tra il 30 giugno fino al 31 agosto. Sulle nuove rate saranno dovuti gli interessi al tasso del 4% annuo.

  • Oggi in Italia 7.230 nuovi casi e altri 27 morti

    Oggi in Italia si registrano 7.230 nuovi casi e altre 27 vittime. Il tasso di positività è del 3,4%, in aumento rispetto al 3% di ieri.

    Per approfondire / Coronavirus Italia: 7.230 casi e 27 decessi. Tasso di positività al 3,41%

  • In Lombardia 793 nuovi casi e 1 morto in ultime 24 ore

    Sono 793 i nuovi positivi al coronavirus registrati in Lombardia nelle ultime 24 ore, mentre si registra un decesso, facendo così salire a 33.835 il numero di vittime dall’inizio della pandemia. Lo rende noto la Regione. A fronte di 35.340 tamponi effettuati, sono 793 i nuovi positivi, con un rapporto tamponi/positivi che si attesta al 2,2%). In calo i ricoveri in terapia intensiva: sono 31 (-1) mentre i pazienti ricoverati non in terapia intensiva salgono a 254 (+7).

  • Vaccini: Xi, Cina darà 2 miliardi di dosi entro fine 2021

    La Cina fornirà due miliardi di dosi di vaccini contro il Covid-19 al resto del mondo entro la fine del 2021 e donerà 100 milioni di dollari al programma Covax, sotto la guida dell’Organizzazione mondiale della sanità (Oms). Nel discorso al Forum Internazionale per la cooperazione sui vaccini curato da Pechino, il presidente Xi Jinping ha assicurato che la Cina “continuerà a fare tutto il possibile per aiutare i Paesi in via di sviluppo a fare fronte alla pandemia”. Il forum, in videoconferenza, vuole “rafforzare la cooperazione internazionale sui vaccini” e favorirne la distribuzione, ha detto in una nota il ministero degli Esteri.

  • Campania; balzo incidenza, +2,5% in un giorno

    Aumenta di quasi 2,5 punti percentuali in 24 ore il tasso di incidenza del Covid in Campania, passando dal 6,30% di ieri all’8,76 del bollettino odierno dell’Unità di crisi. Il tasso di positività viene qui calcolato senza tenere conto dei risultati dei tamponi antigenici: quelli molecolari sono stati 7.642, con 670 nuovi contagi. Non si segnalano nuove vittime, mentre crescono sia i ricoveri in intensiva (13, +1) sia le degenze, giunte a quota 246 (+7).

  • D’Amato (Lazio), «oggi 544 casi e 6 decessi»

    «Oggi si registrano 544 nuovi casi positivi, compresi i recuperi (+31), 6 decessi, compresi i recuperi (+5) i ricoverati sono 392 (+13), le terapie intensive sono 53 (+2). I casi a Roma città sono a quota 240. Osserviamo anche oggi una frenata del trend dei casi positivi (-236 su base settimanale) che ci aspettiamo sia confermata anche nei prossimi giorni. Bassa la pressione sulla rete ospedaliera». Lo comunica in una nota l'assessore alla Sanità e Integrazione Sociosanitaria della Regione Lazio, Alessio D'Amato, al termine della videoconferenza della task-force regionale per il Covid-19 con i direttori generali delle Asl e Aziende ospedaliere, Policlinici universitari e l'ospedale Pediatrico Bambino Gesù di Roma. Nel dettaglio - si legge nella nota - nella Asl Roma 1 sono 101 i nuovi casi nelle ultime 24h e si tratta di casi isolati a domicilio o con link familiare o contatto di un caso già noto. Si registra 1 decesso; nella Asl Roma 2: 71 nuovi casi nelle ultime 24h e si tratta di casi isolati a domicilio o con link familiare o contatto di un caso già noto. Si registrano 3 decessi; nella Asl Roma 3: 68 nuovi casi nelle ultime 24h e si tratta di casi isolati a domicilio o con link familiare o contatto di un caso già noto. Si registrano 1 decessi; nella Asl Roma 4: 65 nuovi casi nelle ultime 24h e si tratta di casi isolati a domicilio o con link familiare o contatto di un caso già noto. Si registrano 0 decessi.

  • Allo zoo di San Diego corsa per vaccinare tigri e ghepardi

    Come si vaccina una tigre? O un ghepardo? O un babbuino? Con attenzione, tanta attenzione. Con parecchio allenamento e con una panoplia di esche. Mentre i casi di Covid-19 salgono in tutta la regione, il San Diego Zoo e il Safari Park si stanno affrettando a immunizzare una vasta gamma di animali, degna dell’arca di Noè: dalle tigri ai cercopitechi, alle iene e ad altre creature che lo staff ritiene possano essere vulnerabili alla malattia. Entro la fine di questa settimana, avranno iniettato prime dosi di vaccino a circa 250 animali, molte dei quali appartenenti a specie a rischio di estinzione. “Siamo in una situazione molto simile a quella in cui noi umani ci trovavamo qualche mese fa, quando i vaccini sono diventati disponibili”, dice Hendrik Nollens, che guida l’équipe dei veterinari dello zoo e dello zoo safari. “Ora è una corsa contro il tempo. Chi arriverà per primo, il vaccino o il virus?”. Gli ultimi accadimenti hanno dato una nuova urgenza ai loro sforzi. Lunedì scorso, il Safari Park ha appreso, dalle analisi di campioni di feci degli animali, che cinque delle sue sei tigri di Sumatra hanno la Covid-19.

  • Circolare, per vaccinati ReiThera esenzione temporanea pass

    “Ai cittadini che hanno ricevuto il vaccino ReiThera (una o due dosi) nell’ambito della sperimentazione” sul prodotto, “nelle more della definizione, con particolare riguardo a coloro che hanno ricevuto una sola dose, delle indicazioni relative alla loro vaccinazione con uno dei vaccini approvati da Ema, potrà essere rilasciato un certificato di esenzione temporanea alla vaccinazione anti Covid-19, in formato cartaceo o digitale”. E’ quanto prevede una circolare del ministero della Salute, emanata dopo indicazione del Comitato tecnico scientifico per l’emergenza coronavirus.

    Un laboratorio di ricerca ReiThera (Ansa)

  • La Cina rafforza misure contenimento nei cinema

    L’organismo di controllo del cinema cinese ha emesso oggi una circolare che richiede alle sale cinematografiche di tutto il Paese di tutelarsi dalla ricomparsa del Covid-19 in base alle circostanze locali. Le sale cinematografiche in aree a medio e alto rischio dovranno essere chiuse, ha dichiarato la China Film Administration nella circolare, aggiungendo che i tassi di presenza per quelle in aree a basso rischio dovranno rimanere al di sotto del 75%. Pur mantenendo una buona areazione, i cinema dovranno assicurarsi che le sale di proiezione, l’atrio, le toilette, i sedili e gli occhiali 3D siano completamente disinfettati, ha concluso l’autorità.

  • Sardegna vola al 14,8% di positività: 522 nuovi casi, 4 morti

    In Sardegna oggi ci sono 522 nuovi casi confermati di positività al covid su 3523 persone testate, per una percentuale di positività che vola al 14,8%. Ci sono anche 426 persone in isolamento domiciliare in più rispetto a ieri, per un totale di 6.000 casi. Quattro i morti, tutti fra la città metropolitana di Cagliari e il sud Sardegna (di 74, 88, 80 e 73 anni). I pazienti ricoverati nei reparti di terapia intensiva restano stabili a 19, così come i ricoverati in area medica, 87, lo stesso numero di ieri. Secondo gli esperti, l’isola si sta avvicinando al picco di questa quarta ondata.

  • Tni Italia, no a verifica green pass a carico dei ristoratori

    “Green pass? Non ci stiamo. Non siamo controllori, siamo ristoratori. Non siamo tenuti a chiedere la carta di identità ai nostri clienti, né a scaricare l’app per la verifica. Per questo nei giorni scorsi abbiamo organizzato un flash mob e presentato un emendamento che sarà discusso a settembre in Parlamento. Quello che chiediamo è di eliminare per i ristoratori l’obbligo di verifica della certificazione green pass”. A dirlo la segretaria nazionale di Tni Italia, Cristina Tagliamento, in merito all’introduzione del green pass per consumare al tavolo all’interno dei ristoranti, misura che entrerà in vigore domani, 6 agosto. “Nei nostri locali - sostiene - affiggeremo dei cartelli, attraverso i nostri canali social sensibilizzeremo e informeremo la popolazione perché sia in regola se chiede di consumare, con servizio al tavolo, all’interno del locale. Ma non andremo oltre, non vogliamo diventare sceriffi”. Il sindacato che tutela imprenditori e dipendenti del mondo horeca ha inviato un quesito formale al garante della privacy, come già fatto dall’assessore agli Affari legali della regione Piemonte.

  • Moderna, vaccino resta efficace al 93% a 6 mesi da seconda dose

    Per il vaccino anti-Covid di Moderna un’efficacia del 93%, duratura per 6 mesi dopo la seconda dose. E’ il dato che emerge dall’analisi finale dei risultati dello studio Cove di fase 3, comunicati dall’azienda americana nell’ambito della presentazione degli aggiornamenti aziendali e dei risultati finanziari del secondo trimestre 2021. Moderna ha ricevuto l’autorizzazione emergenziale per l’uso del suo vaccino negli adulti dagli enti regolatori di più di 50 Paesi e l’elenco di uso d’emergenza dall’Organizzazione mondiale della sanità (Oms), nonché il via libera all’uso negli adolescenti dai 12 anni in su, in Ue e Giappone. L’1 giugno la società ha avviato il processo per ottenere l’autorizzazione completa e definitiva al vaccino negli Usa (Bla, Biologics License Application) e si aspetta di completare l’iter di presentazione entro agosto. Nel frattempo, Moderna sta lavorando anche con altri enti regolatori per l’autorizzazione o approvazione del prodotto in altre giurisdizioni. Intanto, l’azienda ha completato l’arruolamento ed è in corso lo studio di fase 1 per un vaccino Covid di nuova generazione (mRna-1283) potenzialmente stabile in frigorifero, qualità che potrebbe facilitare la distribuzione e la conservazione. In questo candidato vaccino di nuova generazione (che codifica per le porzioni della proteina Spike di Sars-CoV-2 cruciali per la neutralizzazione, in particolare il Rbd e Ntd), l’antigene codificato è più corto di quello dell’attuale vaccino mRna-1273. Le sue caratteristiche potrebbero agevolare la ’logistica’ di questo prodotto e anche la somministrazione da parte degli operatori sanitari, spiega l’azienda.

    Vaccino Moderna (Afp)

  • In Friuli Venezia Giulia 111 nuovi casi e nessun decesso

    Oggi in Friuli Venezia Giulia su 4.289 tamponi molecolari sono stati rilevati 97 nuovi contagi - di cui 8 migranti in provincia di Trieste e 2 in quella di Gorizia - con una percentuale di positività del 2,26%. Sono inoltre 1.407 i test rapidi antigenici realizzati, dai quali sono stati rilevati 14 casi (0,99%). Dall’analisi dei dati a disposizione, emerge che il 58 per cento dei nuovi contagi afferisce alla categoria degli under 29. Nella giornata odierna non si registrano decessi; quattro persone sono ricoverate in terapia intensiva, mentre i pazienti in altri reparti sono scesi a 19. Lo comunica il vicegovernatore con delega alla Salute del Friuli Venezia Giulia, Riccardo Riccardi.

  • Mangia’s, boom presenze in resort e club gruppo

    Mangia’S Sea View Resorts & Clubs, brand di proprietà del Gruppo Aeroviaggi S.p.A. - prima catena alberghiera italiana per room market share di proprietà nel 2019 e seconda catena italiana specializzata in località di mare (Sun & Beach Destinations), insignita del premio Booking Traveller Review Awards 2021 - ufficializza i primi risultati della stagione estiva 2021. Al 31 luglio il Gruppo ha registrato una crescita record del +203% dei ricavi camera, generati nei primi sette mesi del 2021 da canali finali diretti (website aziendale, Ota, Call Center/Cro), rispetto allo stesso periodo del 2019 nel contesto pre-Covid 19. La crescita dei ricavi ha riguardato tutte le 14 strutture del Gruppo presenti in località di pregio di Sicilia e Sardegna tra cui Favignana Premium Resort & Villas, l'ultima novità della collection Mangia'S, acquisita a marzo di quest'anno e situata in una delle destinazioni più esotiche del Mediterraneo. Dall'avvio della stagione 2021 le prenotazioni nei Resorts & Clubs della collection Mangia'S hanno portato a un boom di presenze, facendo registrare il fully booked nelle strutture del Gruppo che hanno applicato tutte le misure di prevenzione anti Covid. Nel periodo maggio-luglio, sono state generate complessivamente oltre 25.000 room nights (prenotazioni di camere) tramite canali diretti con una crescita rilevata del 90% rispetto al 2020. Le presenze estere hanno provenienza principale dal Centro Europa e rimarcano il tratto distintivo di Mangia'S quale brand globale con uno spiccato imprinting verso l'internazionalizzazione della clientela. Nella stagione 2021 il 15% delle prenotazioni dei clienti stranieri è stato effettuato online, in aumento del 50% circa sulle prenotazioni online 2020 da parte del turismo estero, segno tangibile della rilevanza crescente dei canali diretti di prenotazione. I risultati in crescita sono il frutto del percorso di riposizionamento del Gruppo nella fascia premium del segmento Hospitality Resort, intrapreso dalla famiglia proprietaria Mangia, orientato allo sviluppo internazionale con il lancio del brand Mangia'S e caratterizzato dai numerosi investimenti di valorizzazione; nel 2020 il Gruppo ha operato investimenti di restyling e ampliamento delle sue strutture premium per un valore complessivo di 15 milioni di Euro. Un posizionamento reso possibile grazie allo stato di solidità aziendale di Aeroviaggi S.p.A. che ha chiuso il 2020 con un attivo patrimoniale di oltre 265 milioni di Euro e un Ebitda in positivo.

  • Vaccini, in Lombardia accordo con Coni e Fmsi per dosi ad atleti tesserati

    A partire da lunedì 9 agosto, per gli atleti tesserati sarà possibile accedere, all’interno della categoria ’Atleti tesserati alle Federazioni sportive nazionali’, alla piattaforma ufficiale di Regione Lombardia prenotazionevaccinicovid.regione.lombardia.it, tramite codice fiscale e tessera sanitaria. Nel caso in cui la piattaforma non consenta l’accesso diretto alla prenotazione, è necessario effettuare dal portale - sottolinea una nota di Palazzo Lombardia - una richiesta di preadesione attraverso il pulsante ’Richiedi abilitazione’, per l’inserimento dei propri dati. Entro 24 ore dalla richiesta di registrazione, sarà possibile per l’atleta accedere alla piattaforma e procedere con la prenotazione del vaccino anti Covid-19. La nuova funzionalità dedicata è presente sul portale di prenotazione regionale per il completamento del ciclo vaccinale in favore degli atleti tesserati alle Federazioni sportive nazionali, alle discipline associate e agli Enti di promozione sportiva riconosciuti dal Coni, che rientrino nelle categorie autorizzate per la vaccinazione. Regione Lombardia e Federazione medico sportiva italiana (Fmsi), impegnate in prima linea sin dall’inizio della pandemia in importanti azioni di contrasto alla diffusione del Covid-19, hanno annunciato - in collaborazione con il Comitato regionale Coni Lombardia - questa iniziativa per supportare concretamente il completamento della campagna vaccinale e rendere più sicura la pratica delle attività sportive.

  • In Sardegna 522 nuovi casi e 4 morti

    In Sardegna si registrano oggi 522 ulteriori casi confermati di positività al Covid, sulla base di 3523 persone testate. I pazienti ricoverati nei reparti di terapia intensiva sono 19, lo stesso numero registrato ieri. I pazienti ricoverati in area medica sono 87, lo stesso numero registrato ieri. 6000 sono i casi di isolamento domiciliare (+426 rispetto a ieri).

  • Green Pass: Assohotel, soddisfatti per conferma su hotel

    “Un chiarimento opportuno che avevamo già chiesto quando il governo aveva approvato il decreto legge Covid”. Così il vicepresidente vicario di Assohotel Confesercenti Nicola Scolamacchia commenta le notizie, apprese dall’ANSA da fonti di governo, sull’orientamento della cabina di regia sul Green Pass riguardo all’esenzione dal Green Pass per i clienti degli alberghi che accedono a ristoranti e bar interni alle strutture. “Una conferma che apprendiamo con soddisfazione. Non sarebbe stata a nostro avviso possibile una diversa interpretazione. Purtroppo questi 10 giorni di incertezza non sono stati indolori, con disdette ricevute in numerose strutture ricettive. Ci auguriamo pertanto che in futuro non si rimetta in discussione quanto oggi sancito e si eviti di penalizzare le imprese del settore, che stanno gradualmente provando a ripartire dopo mesi di restrizioni”.

  • Vaccini, Tar Lecce respinge ricorso medico no vax

    Il Tar di Lecce ha respinto il ricorso di un medico della Asl di Brindisi, non vaccinato contro il Covid 19, che chiedeva l’annullamento del provvedimento con cui l’Azienda sanitaria, lo scorso 5 luglio, l’aveva sospeso dal servizio, senza retribuzione. La dottoressa chiedeva di congelare gli effetti di quel provvedimento, ma l’istanza cautelare non è stata accolta.
    La decisione è del presidente della Seconda sezione del Tar di Lecce, Antonio Pasca, con decreto depositato oggi, di cui LaPresse ha preso visione.

  • Vaccino a 12-16enni, accordo Regione Toscana-pediatri

    In Toscana l’assessore alla salute, Simone Bezzini, e i segretari regionali delle associazioni dei pediatri Fimp, Valdo Flori, e Simpef, Silvia Petralli, hanno firmato un accordo integrativo regionale per la partecipazione dei pediatri di libera scelta alla campagna di somministrazione del vaccino anti Covid così da completare la copertura vaccinale dei giovanissimi prima dell’inizio dell’anno scolastico. La vaccinazione, a cura dei pediatri di famiglia, prenderà il via il 10 agosto. La firma del documento fa seguito alla recente approvazione dello schema dell’Accordo da parte della Giunta regionale. La vaccinazione riguarda i minori a partire dai 12 anni compiuti fino ai 16 anni (15 anni e 364 giorni). L’appuntamento per il richiamo sarà fissato 21 giorni dopo la prima dose.

  • Green pass, da domani test rapidi gratuiti a Parco archeologico Pompei

    Da domani, 6 agosto, per accedere ai siti del Parco archeologico di Pompei sarà necessaria esibire la certificazione verde Covid/green pass (vaccino o certificato di tampone antigenico con esito negativo) in ottemperanza al decreto legge n. 105 del 23 luglio 2021. “Nel pieno rispetto della normativa governativa e al fine di garantire la massima accoglienza di tutto il pubblico e facilitare l’accesso al sito di Pompei”, il Parco archeologico, in collaborazione con la Regione Campania - Asl 3 Napoli, attiva a partire dal 6 agosto una postazione - si legge in una nota - presso l’ingresso di piazza Anfiteatro, nei consueti orari d’ingresso al sito, per la somministrazione di tamponi antigenici rapidi con rilascio di relativa certificazione. Il servizio, che per ora si svolge in maniera sperimentale, è gratuito per i visitatori del sito.

  • L’antinfluenzale può proteggere da effetti avversi

    Il vaccino antinfluenzale può fornire una protezione contro le conseguenze della Covid-19. A dirlo è uno studio della Miller School of Medicine dell’Università di Miami pubblicato sulla rivista scientifica Plos One. Il lavoro è stato condotto utilizzando le cartelle cliniche di 37.377 pazienti di diversi Paesi, tra cui Stati Uniti, Regno Unito, Germania, Italia, Israele e Singapore. L’analisi ha rivelato che coloro che non avevano avuto il vaccino antinfluenzale avevano una probabilità significativamente maggiore (fino al 20% in più) di essere ricoverati in terapia intensiva, di andare in pronto soccorso (fino al 58% in più), di sviluppare sepsi (fino al 45% in più), di avere un ictus (fino al 58% in più) e di trombosi venosa profonda (fino al 40% in più). Il rischio di morte, invece, non è risultato ridotto. Sebbene non sia ancora esattamente noto come il vaccino antinfluenzale fornisca protezione contro la Covid-19, la maggior parte degli studiosi ipotizza che il vaccino antinfluenzale possa potenziare il sistema immunitario innato. “La continua promozione del vaccino antinfluenzale ha anche il potenziale di aiutare la popolazione globale a evitare una possibile epidemia simultanea di influenza e coronavirus”, ha affermato Susan M. Taghioff, ricercatrice che ha condotto lo studio.

  • Zingaretti, dopo attacco hacker ’ripartito sito prenotazione vaccino’

    “Dopo il lavoro di questi giorni, ora siamo in grado di presentare un primo cronoprogramma dei servizi che stiamo riattivando: è operativo da questo pomeriggio il sistema di prenotazione vaccinale che si potrà raggiungere dal sito www.prenotavaccino-covid.regione.lazio.it In giornata ripartirà anche l'anagrafe vaccinale”. Lo comunica in una nota il presidente della Regione Lazio, Nicola Zingaretti. “Lunedì invece - continua la nota - verrà attivato un sito regionale temporaneo che conterrà le informative ai cittadini e i servizi amministrativi, come ad esempio il Burl. Entro venerdì prossimo tornerà attiva la posta elettronica della Regione Lazio ed entro fine agosto l'attività di bilancio, i cui dati sono integri. Le gare regionali sono già ripartite grazie alla collaborazione con la Regione Emilia Romagna, in attesa che entro i primi di settembre riparta la nostra piattaforma. Confermiamo che i servizi 118, 112, Protezione civile, Centro trasfusionale, Pronto soccorso e Pagamento bollo auto non sono mai stati interrotti”.

  • Cina, possibile rinvio apertura scuole

    Le scuole nelle aree cinesi classificate come a medio o alto rischio di epidemie di Covid-19 possono posticipare l’inizio del prossimo semestre autunnale. Lo ha reso noto oggi Liu Peijun, un funzionario del ministero dell’Istruzione, nel corso di una conferenza stampa. Quest’ultimo ha infatti affermato che se dovessero esservi aree a medio o alto rischio proprio in prossimità dell’inizio del nuovo semestre, gli istituti di tali aree adotteranno di conseguenza il rinvio. La prevenzione e il controllo del Covid-19 è la priorità assoluta per i lavori del nuovo semestre, ha affermato il funzionario, aggiungendo che alle autorità locali per l’istruzione e alle scuole è stato chiesto di prepararsi accuratamente a vari scenari per garantire un inizio regolare e sicuro del nuovo semestre.

  • Orlando, «non c’è una decisione su green pass per lavoratori»

    “Al momento una decisione sul Green pass nei posti di lavoro non c’è. Dentro la maggioranza ci sono posizioni diverse. Non so dire quale sarà la decisione finale. Finora il confronto con le parti sociali ha garantito protocolli sulla sicurezza nei luoghi di lavoro anche con la vaccinazione”. Lo sottolinea il ministro del Lavoro, Andrea Orlando, in occasione del Question time alla Camera.

  • Odg Consiglio dei ministri, al primo punto green pass

    Il Consiglio dei ministri, convocato in data odierna a Palazzo Chigi, esaminerà il seguente ordine del giorno. Decrelo legge: misure urgenti per l’esercizio in sicurezza delle attività scolastiche, in materia di università e dei trasporti. Dl Misure urgenti in materia di crisi d'impresa e di risanamento aziendale, nonché ulteriori misure urgenti in materia di giustizia. Dl: Misure urgenti concernenti modalità operative, precauzionali e di sicurezza per la raccolta del voto nelle consultazioni elettorali dell’anno 2021

  • Moderna, solida risposta anche su Delta da vaccini booster allo studio

    “Risposte anticorpali robuste” contro importanti varianti di preoccupazione di Sars-CoV-2, Delta compresa, sono state osservate per i 3 candidati richiami vaccinali attualmente in fase 2 di sperimentazione da parte di Moderna. A spiegarlo è stata l’azienda americana, presentando una serie di aggiornamenti insieme ai suoi risultati finanziari del secondo trimestre 2021. Un capitolo è dedicato proprio alle varianti. In uno studio di fase 2, riferisce Moderna, è stata valutata la vaccinazione con 50 microgrammi di 3 diversi candidati ’booster’. Le solide risposte anticorpali sono state osservate sia contro il ceppo D614G del coronavirus pandemico, sia contro le varianti di preoccupazione principali, tra cui la brasiliana Gamma (P.1), la sudafricana Beta (B.1.351) e l’indiana Delta (B.1.617.2). I candidati al richiamo includevano sia una dose booster dell’attuale vaccino, sia i due prodotti sperimentali mRna-1273.351 e mRna-1273.211. I livelli di anticorpi neutralizzanti dopo il richiamo si avvicinavano a quelli osservati dopo la vaccinazione primaria con 2 dosi da 100 microgrammi di mRna-1273, cioè dell’attuale vaccino Moderna. Questi dati sono stati sottoposti a una rivista peer-reviewed per la pubblicazione, sottolineano dalla società.

  • Usa: nuove richieste sussidi disoccupazione -14.000 a 385.000, in linea con stime

    Negli Stati Uniti, il numero dei lavoratori che per la prima volta hanno richiesto i sussidi di disoccupazione, nella settimana terminata il 31 luglio, è diminuito di 14.000 unità a 385.000, secondo quanto riportato dal dipartimento del Lavoro; le attese erano proprio per un dato a 385.000. Il dato della settimana precedente è stato rivisto da 400.000 a 399.000. Nel pieno della pandemia, gli Stati Uniti avevano registrato un massimo di 6,9 milioni di nuove richieste settimanali. La media delle ultime 4 settimane è di 394.000, in calo di 250 dalla media della settimana precedente. Il numero complessivo dei lavoratori che ricevono i sussidi di disoccupazione – relativo alla settimana terminata il 24 luglio, l’ultima per la quale è disponibile il dato – ha registrato un ribasso di 366.000 unità a 2,930 milioni di unità, il dato più basso dal 14 marzo 2020. Il numero totale delle persone che ricevono gli aiuti dei vari programmi statali e federali, compresi quelli per l’emergenza Covid-19, era di 12.975.015 nella settimana conclusa il 17 luglio, in calo di 181.251 unità dalla settimana precedente.

  • Fvg: Rosolen, 'misure protezione lavoro funzionano'

    “I dati di questa ricerca confermano che le misure di protezione attuate per contrastare gli effetti del Covid-19 e le misure regionali a favore delle politiche attive del lavoro hanno funzionato per mitigare gli effetti negativi sull’occupazione”. Così l’assessore regionale al Lavoro del Friuli Venezia Giulia, Alessia Rosolen, commenta i dati emersi dalla prima tranche di monitoraggio sul tessuto imprenditoriale regionale, relativa al primo trimestre 2021. “Ricordo che il saldo occupazionale in Friuli Venezia Giulia, nel primo semestre dell’anno, resta positivo rispetto allo stesso periodo del 2020”, ha detto Rosolen. “Per tutelare i livelli occupazionali e ricollocare quanti hanno perso il posto di lavoro - ha concluso Rosolen - occorre proseguire nel percorso di rafforzamento delle politiche attive del lavoro e dare attuazione al Piano straordinario di rafforzamento dei centri per l’impiego per il quale l’Amministrazione regionale ha già stanziato 24 milioni di euro per migliorare le infrastrutture e assumere nuovo personale formato e qualificato”.

  • La Cina invia 20 team a supporto delle città portuali

    Il team del meccanismo congiunto di prevenzione e controllo del Covid-19 del Consiglio di Stato cinese ha inviato 20 gruppi di lavoro in città portuali chiave per fornire supporto negli sforzi profusi per la lotta al virus. È quanto ha affermato oggi il portavoce della Commissione sanitaria nazionale Mi Feng nel corso di una conferenza stampa. Quest’ultimo ha precisato che i gruppi di lavoro supervisioneranno e guideranno le città portuali nel colmare le lacune in termini di misure preventive nei confronti dei contagi importati e per rispondere prontamente a possibili focolai.

  • In Pakistan 60 morti e oltre 5.600 casi

    Sono 60 le persone morte a causa del Covid, 5.661 quelle infettate, in Pakistan nelle ultime 24 ore. Lo riferisce il ministero della Sanità. Si tratta di un record di infezioni giornaliere dal 23 aprile scorso. Le autorità mettono in guardia contro la quarta ondata del virus nel Paese. A oggi sono oltre 34milioni le dosi di vaccino somministrate.

  • Le misure in Cina efficaci contro la variante Delta

    Le attuali misure di contenimento del Covid-19 messe in atto dalla Cina sono efficaci contro la variante Delta. È quanto affermato oggi da He Qinghua, un funzionario della Commissione sanitaria nazionale nel corso di una conferenza stampa a Pechino. Secondo quest’ultimo, anche le dosi di vaccino somministrate in tutto il Paese dimostrano buoni effetti preventivi e protettivi contro la variante Delta.

  • Fratoianni, «bene invio ispettori ministero Salute in Friuli Venezia Giulia»

    “Bene che il ministero della Salute abbia inviato in Friuli Venezia Giulia gli ispettori per verificare quanto denunciato nei mesi scorsi dalle associazioni dei rianimatori e dei medici di urgenza sul numero esatto o gonfiato di posti nelle terapie intensive della regione. A aprile era stata questa la nostra richiesta in un'interrogazione parlamentare in cui chiedevamo di fare chiarezza. Già allora l'assessore regionale alla Sanità aveva reagito parlando, a sproposito, di strumentalizzazione politica. Le stesse parole che sta usando anche in queste ore”. Lo afferma il segretario di Sinistra Italiana Nicola Fratoianni. “La politica ha fatto il suo mestiere - prosegue il leader di Si - raccogliere le preoccupazioni e le denunce di chi da un anno e mezzo sta cercando di salvare quante più vite possibile. Sono gravi e sconclusionate le affermazioni ‘evidentemente a Roma c'è qualcuno che non ha nulla da fare'. Un atteggiamento irrispettoso che tradisce nervosismo: c'è qualcosa per caso che l'assessore ha da nascondere? “Peccato, perché dovrebbe essere anche interesse del centrodestra e di quel governo regionale - conclude Fratoianni - diradare i troppi dubbi e quanto di poco chiaro nella vicenda. Poichè ne va della credibilità delle Istituzioni nei confronti dei cittadini, dovremmo tutti aspettare con serenità che gli ispettori ministeriali facciano il proprio lavoro”.

  • Cina, focolaio Zhengzhou da caso importato

    I recenti casi di Covid-19 segnalati nella città centrale cinese di Zhengzhou erano altamente correlati a un caso importato in cura presso un ospedale locale. Lo ha fatto sapere oggi Guo Yanhong, un funzionario della Commissione sanitaria nazionale nel corso di una conferenza stampa. Secondo quest’ultimo il sequenziamento del genoma ha rivelato la connessione e i cluster di casi sono stati causati da infezioni contratte nell’ospedale. Guo ha aggiunto che i pazienti nel capoluogo della provincia dell’Henan, sebbene infettati con la variante Delta, altamente contagiosa, non erano collegati alla recente recrudescenza di Nanchino. Il funzionario ha spiegato che la nuova ondata ha messo in luce le lacune nel controllo dell’infezione all’interno dell’ospedale di Zhengzhou e che sono stati individuati i relativi responsabili. Sono in corso indagini a livello nazionale negli ospedali per identificare gli anelli deboli ed arginare i rischi nel controllo dell’infezione al fine di impedire che simili situazioni possano verificarsi di nuovo, ha concluso Guo.

  • In corso incontro governo-Regioni su dl green pass

    Iniziato, in videoconferenza, incontro governo-Regioni su dl green pass. Per il governo presenti i ministri Gelmini, Speranza, Giovannini, Bianchi

  • Londra cancella obbligo di quarantena per chi torna dalla Francia

    A partire da domenica, i viaggiatori completamente vaccinati che faranno ritorno nel Regno Unito dalla Francia non dovranno più sottoporsi a un periodo di quarantena. In base alle nuove modifiche al sistema ’a semaforo’ adottato dalle autorità sanitarie britanniche per la loro lista dei Paesi a rischio, la Francia è infatti stata declassata da ’amber plus’ (giallo rafforzato) a ’amber’ (giallo). Tra grandi proteste delle autorità di Parigi, la Francia era stata inserita il mese scorso nell’elenco di Paesi per i quali era richiesta la quarantena, a causa dei timori per la diffusione della variante Beta del virus, ritenuta dagli scienziati più resistente ai vaccini. E tuttavia, migliaia di turisti britannici si trovano attualmente in Messico, che verrà inserito nella categoria dei Paesi in zona rossa. Nonostante i timori dei giorni scorsi, invece, la Spagna, meta abituale dei vacanzieri britannici, rimarrà in zona gialla, senza obbligo di quarantena.

  • Spallanzani, 53 pazienti ricoverati, 6 in terapia intensiva

    All’Istituto Spallanzani di Roma, in questo momento, “sono ricoverati 53 pazienti positivi al tampone per la ricerca di Sars-CoV-2, di cui 2 in via di dimissione”, mentre sono “6 i pazienti ricoverati in terapia intensiva” (dati stabile rispetto a ieri). Questo l’ultimo bollettino dell’Istituto per le malattie infettive capitolino. “I pazienti dimessi e trasferiti a domicilio o presso altre strutture territoriali sono a questa mattina 2.919”.

  • Accademia Britannica, studenti italiani rientrati da Dubai ’stanno bene’

    Tutti i ragazzi bloccati a Dubai a causa di un focolaio di Covid scoppiato durante una vacanza studio sono rientrati in Italia e stanno bene. Lo annuncia l'Accademia Britannica, scuola di lingue e tour operator, impegnato da decenni in viaggi-studio. Tutto si è risolto nel migliore dei modi, la salute dei ragazzi è stata sempre sotto controllo e mai preoccupante. I ragazzi, in arrivo da tutta Italia, erano partiti per Dubai tra fine giugno e inizio luglio. Hanno tutti dai 15 ai 18 anni, ma la maggior parte di loro è ancora minorenne. I gruppi sarebbero dovuti tornare dopo due settimane ma pochi giorni prima della partenza sono stati diagnosticati 11 casi positivi. E' stato dunque attivato il protocollo di sicurezza che comporta tampone molecolare e isolamento immediato, fino all'esito dei risultati. L'Accademia sottolinea che è stato “svolto un lavoro straordinario in un momento di grande emergenza e pandemia globale”. La priorità del tour operator è stata, fin dall'inizio “quella di prestare assistenza, anche psicologica, ai ragazzi e alle loro famiglie che da anni affidano i viaggi studio dei loro figli alla nostra organizzazione”.

  • Moderna, vaccino resta efficace al 93% a 6 mesi da seconda dose

    Per il vaccino anti-Covid di Moderna un’efficacia del 93%, duratura per 6 mesi dopo la seconda dose. E’ il dato che emerge dall’analisi finale dei risultati dello studio Cove di fase 3, comunicati dall’azienda americana nell’ambito della presentazione degli aggiornamenti aziendali e dei risultati finanziari del secondo trimestre 2021. Moderna ha ricevuto l’autorizzazione emergenziale per l’uso del suo vaccino negli adulti dagli enti regolatori di più di 50 Paesi e l’elenco di uso d’emergenza dall’Organizzazione mondiale della sanità (Oms), nonché il via libera all’uso negli adolescenti dai 12 anni in su, in Ue e Giappone. L’1 giugno la società ha avviato il processo per ottenere l’autorizzazione completa e definitiva al vaccino negli Usa (Bla, Biologics License Application) e si aspetta di completare l’iter di presentazione entro agosto. Nel frattempo, Moderna sta lavorando anche con altri enti regolatori per l’autorizzazione o approvazione del prodotto in altre giurisdizioni. Intanto, l’azienda ha completato l’arruolamento ed è in corso lo studio di fase 1 per un vaccino Covid di nuova generazione (mRna-1283) potenzialmente stabile in frigorifero, qualità che potrebbe facilitare la distribuzione e la conservazione. In questo candidato vaccino di nuova generazione (che codifica per le porzioni della proteina Spike di Sars-CoV-2 cruciali per la neutralizzazione, in particolare il Rbd e Ntd), l’antigene codificato è più corto di quello dell’attuale vaccino mRna-1273. Le sue caratteristiche potrebbero agevolare la ’logistica’ di questo prodotto e anche la somministrazione da parte degli operatori sanitari, spiega l’azienda.

  • Scuola, all’esame delle Regioni il Piano 2021/22 con misure di contrasto

    È in corso la riunione della Conferenza delle Regioni convocata in seduta straordinaria a Roma dal presidente Massimiliano Fedriga. All’ordine del giorno il parere sul “Piano scuola”, lo schema di decreto del ministro dell'Istruzione contenente l'adozione del Documento per la pianificazione delle attività scolastiche, educative e formative in tutte le Istituzioni del Sistema nazionale di Istruzione per l'anno scolastico 2021/2022. Il documento contiene anche le proposte sulla gestione del Covid a scuola, a cominciare dal distanziamento fisico che «rimane una delle misure prioritarie per ridurre il rischio di trasmissione del virus in ambito scolastico» e dal ricorso alle mascherine dai 6 anni in su. Quanto alla vaccinazione, il CTS conferma che «costituisce, ad oggi, la misura di prevenzione pubblica fondamentale per contenere la diffusione della Sars-Cov-2». Per garantire il ritorno alla pienezza della vita scolastica - si legge nel documento - dunque è essenziale che il personale docente e non docente, su tutto il territorio nazionale, assicuri piena partecipazione alla campagna di vaccinazione, contribuendo al raggiungimento di un'elevata copertura vaccinale e alla ripresa in sicurezza delle attività e delle relazioni proprie del fare scuola».

  • Bassetti, «con variante Delta in vaccinati virus si ferma nel naso»

    I vaccinati contro Covid-19 possono contagiarsi con la variante Delta, ma non è vero che possono contagiare come chi non è vaccinato. “Bisogna fare chiarezza su questa cosa”, afferma all’Adnkronos Salute Matteo Bassetti, direttore della Clinica di Malattie infettive dell’ospedale San Martino di Genova. All’origine del fraintendimento alcune interpretazioni delle parole di Anthony Fauci, immunologo consulente del presidente americano Joe Biden. “Tony Fauci ha parlato per 12 minuti, però - rileva Bassetti - ci si è focalizzati, soprattutto chi è contro i vaccini, solo su una parte di 20 secondi in cui parlava di questo esperimento fatto a Princeton, dove si è visto che c’è stato un gruppo di vaccinati e non vaccinati che avevano stessa carica virale. Però attenzione”, ammonisce l’infettivologo: “Il vaccinato ha il virus nel naso e non ce l’ha nel polmone, e sono due mondi diversi”.

  • Dopo Sicilia e Sardegna, anche Toscana e Marche inserite in zona rossa nella mappa Ue

    Salgono a quattro le regioni italiane rosse nelle mappe dell’Ecdc, il centro europeo per la prevenzione e il controllo delle malattie: oltre alla Sicilia e alla Sardegna, tornate rosse la scorsa settimana, nell’ultimo aggiornamento si aggiungono anche la Toscana e le Marche. Quasi tutta Italia è ormai in giallo, mentre restano verdi soltanto il Molise, la Puglia al Sud e la Valle d’Aosta al Nord.

  • Covid: rientrati da Dubai tutti i ragazzi italiani

    Tutti i ragazzi italiani bloccati a Dubai a causa di un focolaio di Covid, scoppiato alcune settimane fa durante una vacanza studio, sono rientrati in Italia e stanno bene. Lo annuncia l’Accademia Britannica. La scuola di lingue e tour operator - che ha prestato assistenza ai ragazzi e alle loro famiglie - riferisce che «tutto si è risolto nel migliore dei modi, la salute dei ragazzi è stata sempre sotto controllo e mai preoccupante».

  • Vaccini, Ue: Scelta su terza dose spetta a Stati membri

    La Commissione europea è preparata in caso di necessità di dosi di richiamo del vaccino contro il Covid-19 e dà raccomandazioni sulla base delle indicazioni dell’Ema e delle evidenze scientifiche, tuttavia «la scelta di somministrare una terza dose spetta agli Stati membri». Lo ha detto la portavoce della Commissione Ue, Arianna Podestà, ricordando i contratti firmati dalla Commissione, tra cui quello di ieri con Novavax. «Continuiamo i nostri sforzi con gli Stati membri nel proseguire la campagna di vaccinazione assieme all’impegno globale» di distribuire i vaccini, ha aggiunto. «I contratti firmati, come quello con Pfizer, includono la possibilità per gli Stati di donare le dosi a Paesi terzi», ha aggiunto.

  • Studio: Covid può colpire anche organi addominali e apparato gastrointestinale

    Covid-19 può colpire anche organi addominali e apparato gastrointestinale. E “nei pazienti che presentino sintomatologia addominale e gastrointestinale gli esami radiologici più indicati sono la tomografia computerizzata con acquisizione multifasica, e parzialmente anche l’ecografia. Sebbene infatti il virus non determini segni radiologici specifici nel distretto addominale e gastrointestinale, il contributo offerto dalla diagnostica per immagini può aiutare il clinico nella diagnosi, nella stima di gravità e nella prognosi della malattia”. E’ quanto indicato in un articolo di revisione recentemente pubblicato sul ’World Journal of Gastroenterology’, frutto della collaborazione tra le scuole radiologiche di Pisa e Napoli. L’articolo porta la firma di Piero Boraschi, medico radiologo dell’Unità operativa di Radiodiagnostica 2 dell’azienda ospedaliero-universitaria pisana, coadiuvato da Francescamaria Donati della stessa struttura, da Stefania Romano (Unità operativa di Radiologia dell’ospedale di Pozzuoli, Napoli) e da Luigi Giugliano e Giuseppe Mercogliano (specializzandi dell’Università di Napoli Federico II), che hanno svolto un periodo di formazione alla Scuola di specializzazione in Radiodiagnostica diretta da Emanuele Neri, co-autore dell’articolo e direttore della Radiodiagnostica 3 dell’Aoup.

  • Con pandemia cala il numero dei processi penali chiusi

    Nel periodo 2014-2020, i tribunali di media grandezza, con un numero di sopravvenuti medio nell'ambito penale tra 25 e 50mila, sono 19. Di questi, è possibile evidenziarne alcuni sulla base del Disposition Time e del Clearance Rate. L'andamento storico mostra come i Tribunali di Padova e Foggia abbiano avuto un netto miglioramento nella velocità di smaltimento (rispettivamente -103 e -74 giorni circa dal 2014 al 2019). Si nota, inoltre, come per i tribunali di questa fascia, nel 2016 vi sia stato un miglioramento complessivo nella rapidità di smaltimento.

    Sulla base delle considerazioni precedenti, questa volta utilizzando come metrica il Clearance Rate, si evidenzia per l'anno 2020: Verona (107%), Santa Maria Capua Vetere (99%), Foggia (98%), Venezia (96%), Cagliari (94%). Il trend complessivo è stato altalenante durante gli anni 2014-2019. Alcuni casi particolari sono rappresentati dal Tribunale di Verona, che passa dal 96% nel 2014 al 115% nel 2018; il tribunale di Santa Maria Capua Vetere che nel 2016 è riuscito a definire il 148% di casi in più rispetto a quelli sopravvenuti. In linea con il Disposition time, si ha un evidente miglioramento complessivo della performance nell'anno 2016.

  • Green pass, al via cabina di regia, Cdm slitta alle 16.30

    È iniziata a palazzo Chigi la riunione della Cabina di regia per il decreto sul green pass. Intanto slitta di mezz’ora, alle 16.30, a quanto si apprende, l’inizio del Consiglio dei ministri previsto per le 16.

  • Wuhan, test a tappeto agli abitanti completato in 4 giorni

    La città centrale cinese di Wuhan prevede di completare un nuovo ciclo di test molecolari prima di domani; è quanto hanno reso noto ieri le autorità locali in seguito alla nuova comparsa di casi di Covid-19 trasmessi localmente. Wuhan, capoluogo della provincia di Hubei, è diventata l’anno scorso la prima megalopoli al mondo a completare una campagna totale di tamponi molecolari. La municipalità infatti ha testato quasi 10 milioni di residenti in 19 giorni, un impegno volto a segnare la fine del ’lockdown psicologico’ per la città un tempo devastata dal virus. La giornata di martedì ha visto l’avvio di una nuova campagna di test, dopo che lunedì sono emerse nuove infezioni tra diversi lavoratori migranti. Tra lunedì e martedì, Wuhan ha riportato 12 casi confermati di Covid-19 e 8 asintomatici, tutti a trasmissione locale e tutti legati ai focolai registrati nella provincia dello Jiangsu.

  • La situazione peggiora in Sardegna: contagi +14,6, intensive al 10%

    In Sardegna la situazione Covid peggiora su tutti i fronti, dal numero dei contagi ai ricoveri. 303 casi ogni 100mila abitanti nella città metropolitana di Cagliari, 132 nel sud Sardegna, 57 a Oristano e 51 a Sassari: sono queste le quattro zone osservate speciali per aver superato il limite dei 50 casi ogni 100mila abitanti. I dati emergono dal report settimanale (28 luglio - 3agosto) della Fondazione Gimbe, che registra a livello regionale 335 positivi ogni 100mila abitanti contro i 231 del monitoraggio precedente (+14,6%). Ancora sottosoglia, fermi al 5%, i ricoveri in area medica (è l’unico parametro ancora nei limiti, quello che di fatto tiene la Sardegna in zona bianca), mentre è confermato il raggiungimento del primo step critico per le terapie intensive al 10 per cento.

  • Macron: terza dose vaccino per più anziani e più deboli

    Emmanuel Macron ha confermato che in preparazione una campagna di richiamo del vaccino “all’inizio dell’anno scolastico” per “i più fragili e gli anziani. Sì, probabilmente servirà una terza dose, non per tutti ma per i più anziani e fragili, in questa fase, comunque si impara a ogni passo”, ha detto in un video dalla sua residenza estiva. Il perimetro delle persone a cui verrà offerta la terza dose di vaccino dovrebbe essere oggetto di valutazione “la prossima settimana”, secondo quanto indicato dal ministero della Salute. Attualmente la terza dose è raccomandata solo alle persone immunodepresse. Ieri Macron aveva specificato che il pass sanitario non sarà obbligatorio per gli studenti, ma che saranno organizzate campagne di vaccinazione e di test per alunni e studenti.

  • Unioncamere-Anpal: ad agosto previste 257mila assunzioni

    Sono circa 257mila i lavoratori ricercati dalle imprese per il mese di agosto, oltre 9mila in più (+3,7%) rispetto allo stesso periodo del 2019; nel trimestre agosto-ottobre le imprese hanno in programma di assumere 1,2 milioni di lavoratori (+13,8% rispetto all'analogo trimestre 2019). Sono i dati incoraggianti, contenuti nel Bollettino del Sistema informativo Excelsior, realizzato da Unioncamere e Anpal, che confermano il clima di fiducia e la ripresa della domanda di lavoro delle imprese, in linea con l'importante crescita del Pil registrata dall'Istat nel secondo trimestre 2021. Lo riferisce una nota.

    L'industria programma per il mese di agosto 72mila entrate che salgono a oltre 342mila nell'orizzonte temporale del trimestre agosto-ottobre, con tassi di crescita rispettivamente del 3,2% e del 10,9% con riferimento al 2019. A loro volta i servizi hanno in programma di attivare per il mese 184mila contratti di lavoro (+4,0%) e oltre 878mila contratti per l'intero trimestre (+15%).

  • Scuola, Salvini (Lega): per docenti nessun obbligo di vaccino in vista

    “Vaccini obbligatorio per i docenti? Non c’è nessun obbligo in vista, gli italiani stano rispondendo alla grande”. Così il leader della Lega, Matteo Salvini, parlando a Roma al Mercato della Magliana.

  • Covid, nuovo record contagi a Tokyo: 5.042 casi in 24 ore

    Nuovo record di casi di coronavirus a Tokyo: in 24 ore i contagi sono stati 5.042, nel massimo storico mai raggiunto da inizio pandemia, come confermano le autorità sanitarie locali. A livello nazionale, mercoledì il Giappone ha riportato oltre 14.000 casi per un totale di 970.000 contagi.

  • Green Pass, Coldiretti: per 11 mln stop ristoranti al chiuso

    Sono circa 11 milioni gli italiani sopra i dodici anni che saranno costretti a rinunciare a sedersi al tavolo in bar e ristoranti al chiuso dove possono trovare posto solo le persone che hanno avuto almeno una somministrazione di vaccino, sono guarite dal Covid nei sei mesi precedenti o hanno un tampone negativo. È quanto emerge dall’analisi della Coldiretti diffusa in occasione dell’entrata in vigore dell’obbligo del green pass per ristoranti al chiuso, bar (ma non al bancone), cinema, teatro, musei, palestre, sagre, stadi, congressi e grandi eventi.

    La misura, sottolinea la Coldiretti, interessa circa 360mila ristoranti, trattorie, pizzerie, agriturismi dei quali solo poco più della metà dispone di spazi all’aperto, dove tuttavia sono notevolmente aumentati i coperti grazie alle flessibilità concessa sull’utilizzo degli spazi pubblici. In difficoltà sono soprattutto gli esercizi situati nei centri urbani stretti fra traffico e asfalto mentre al contrario gli agriturismi godono della disponibilità di grandi aree all’esterno che consentano di garantire al meglio le distanze. La ristorazione, sottolinea la Coldiretti, è tra i settori più colpiti dalla pandemia, con una perdita registrata nel 2020 del 48% del fatturato, quasi 41 miliardi di euro nel 2020.

  • Cartabellotta (Gimbe), rischio rallentamento campagna vaccini ad agosto

    «La campagna vaccinale è ormai totalmente dipendente dai vaccini a mRna, le cui consegne non saranno sufficienti a mantenere il ritmo di 500mila somministrazioni al giorno una volta completati i cicli “aperti” con i vaccini a vettore adenovirale. In assenza di un deciso cambio di marcia nelle forniture di vaccini a mRna, è ragionevole aspettarsi un rallentamento della campagna nel mese di agosto». A lanciare l’allarme su una battuta d’arresto nell’andamento delle vaccinazioni è Nino Cartabellotta, presidente della Fondazione Gimbe, che oggi pubblica il monitoraggio 28 luglio-3 agosto sull’epidemia. Dopo oltre un mese di decremento, nelle ultime due settimane risale la percentuale di prime dosi sul totale di quelle somministrate, pari a poco più di 1 milione (29,5% del totale), ma la campagna vaccini secondo la Fondazione conta su un numero di dosi di mRna insufficiente per mantenere il ritmo. Questo a fronte di una serie di criticità, prima tra tutte il dato degli oltre 2,7 milioni di over 60 che non hanno ancora completato il ciclo vaccinale, con 1,98 mln (11%) che non hanno ancora ricevuto neanche una dose (dal 19% della Sicilia al 6,2% della Puglia) e 0,77 mln (4,3%) che devono completare il ciclo con la seconda dose.

  • Bce: area euro verso forte crescita nel terzo trimestre

    “L'economia dell'area dell'euro ha registrato un recupero nel secondo trimestre dell'anno e, con l'allentamento delle restrizioni, procede verso una forte crescita nel terzo trimestre”. Lo si legge nel bollettino economico diffuso questa mattina dalla Bce. Con il continuo aumento delle vaccinazioni e il conseguente allentamento delle misure di restrizione, la Bce prevede un andamento “molto positivo nel settore manifatturiero, benché le strozzature dal lato dell'offerta stiano frenando la produzione nel breve termine.

    Per quanto riguarda il settore servizi, “sebbene la riapertura di ampi settori dell'economia stia sostenendo un forte recupero dei servizi, la variante Delta del Coronavirus potrebbe smorzare la ripresa di questi ultimi, soprattutto nel comparto del turismo e dell'ospitalità”. Man mano che la clientela torna a frequentare negozi e ristoranti, la spesa per consumi cresce, sorretta dal miglioramento delle prospettive occupazionali, dall'aumento della fiducia e dal continuo sostegno dei governi. La ripresa in atto della domanda interna e mondiale accresce l'ottimismo delle imprese, favorendo gli investimenti. “Si prevede che l'attività economica torni al livello pre-crisi nel primo trimestre del prossimo anno - prosegue il bollettino - ma c'è ancora molta strada da fare prima che i danni economici causati dalla pandemia siano ripianati”.

  • Cina conferma 85 nuovi casi, ”priorità assoluta il controllo”

    Sono 85 i nuovi contagi da Coronavirus confermati dalla Cina, dopo che ieri la vice premier, Sun Chunlan, ha ribadito come il controllo e la prevenzione debbano essere “la priorità assoluta” dei funzionari governativi a livello locale in una situazione che viene definita “incerta”. La Commissione sanitaria nazionale ha riferito stamani di 62 nuovi casi di trasmissione locale, 40 dei quali accertati ieri nella provincia di Jiangsu, quella di Nanchino (il nuovo focolaio sarebbe partito dall’aeroporto della città), e di altri 23 “casi importati”, nove dei quali a Shanghai. Le autorità sanitarie segnalano anche altri 54 casi relativi a pazienti asintomatici che però non vengono inseriti nel bollettino dei contagi confermati.

    Ad oggi i dati ufficiali parlano di un totale di 93.374 infezioni confermate in Cina dall’inizio della pandemia con 4.636 decessi. Sun, dell’Ufficio politico del Comitato centrale del Partito comunista cinese, ha insistito anche sull'importanza di “vigilare” su aeroporti, porti e confini terrestri per contenere la diffusione della variante Delta nel gigante asiatico che ha ripristinato restrizioni sugli spostamenti dopo l'aumento di casi registrato nelle ultime settimane.

  • Report Aifa: 16 eventi gravi ogni 100mila dosi vaccino

    L’Agenzia italiana del farmaco Aifa ha pubblicato il settimo Rapporto di Farmacovigilanza sui Vaccini Covid-19. I dati raccolti e analizzati riguardano le segnalazioni di sospetta reazione avversa registrate nella Rete nazionale di farmacovigilanza tra il 27 dicembre 2020 e il 26 luglio 2021 per i quattro vaccini in uso nella campagna vaccinale in corso. Nel periodo considerato sono pervenute 84.322 segnalazioni su un totale di 65.926.591 dosi somministrate (tasso di segnalazione di 128 ogni 100.000 dosi), di cui l'87,1% riferite a eventi non gravi, come dolore in sede di iniezione, febbre, astenia/stanchezza, dolori muscolari. Le segnalazioni gravi corrispondono al 12,8% del totale, con un tasso di 16 eventi gravi ogni 100.000 dosi somministrate.

    Nel dettaglio, gli eventi avversi gravi correlabili alla vaccinazione più spesso segnalati configurano un quadro di sindrome simil-influenzale con sintomatologia intensa, più frequente dopo la seconda dose dei vaccini a mRNA e dopo la prima dose di Vaxzevria. Come riportato nei precedenti Rapporti, indipendentemente dal vaccino, dalla dose e dalla tipologia di evento, la reazione si è verificata nella maggior parte dei casi (80% circa) nella stessa giornata della vaccinazione o il giorno successivo e solo più raramente oltre le 48 ore successive. La maggior parte delle segnalazioni sono relative al vaccino di Pfizer Biontech Comirnaty (68%), finora il più utilizzato nella campagna vaccinale (71% delle dosi somministrate) e solo in minor misura al vaccino Vaxzevria di Astrazeneca (25% delle segnalazioni e 17% delle dosi somministrate), al vaccino Spikevax di Moderna (6% delle segnalazioni e 10% delle dosi somministrare) e al vaccino COVID-19 Janssen di Johnson e Johnson (1% delle segnalazioni e 2% delle dosi somministrate).

  • Scuola, Giovannini: al lavoro da aprile per riapertura, no disattenzioni

    “I ministeri, le Regioni e i tavoli prefettizi discutono della riapertura della scuola da aprile. Il nostro auspicio è che tutte le misure messe in campo siano adeguate, non c’è stata disattenzione. Sappiamo quanto è importante riportare i ragazzi in presenza”. Lo ha detto il ministro delle infrastrutture e della mobilità sostenibili Enrico Giovannini, audito al Senato sulle iniziative di sua competenza in vista dell’avvio del prossimo anno scolastico.

    Per approfondire: Scuola, ultima chiamata dal Pnrr: 12,7 miliardi per la svolta. Intanto si riaprirà con spazi ristretti

  • Trasporto locale, Giovannini: in arrivo altri 1,4 mld per servizi aggiuntivi e compensare perdite

    “In aggiunta a quanto finora fin qui erogato, nella seconda parte del 2021 per le Regioni e le Province autonome saranno ripartiti: 618 milioni di euro per finanziare servizi aggiuntivi; 800 milioni per compensare minori ricavi. Tali stanziamenti appaiono pienamente adeguati a sostenere un aumento consistente dell'offerta di Tpl per l'intero anno in corso”. Lo ha detto il ministro delle infrastrutture e della mobilità sostenibili Enrico Giovannini in un’audizione sulle iniziative di sua competenza in vista dell’avvio del prossimo anno scolastico alla commissione Istruzione del Senato. Giovannini ha ricordato che nel biennio 2020-2021 sono stati stanziati 2.740 milioni di euro finalizzati alla copertura dei mancati ricavi dovuti all'emergenza sanitaria e alla erogazione di servizi aggiuntivi da parte degli enti territoriali, responsabili del Tpl.

  • Tokyo 2020, 31 nuovi casi di covid-19 legati ai Giochi

    Gli organizzatori delle Olimpiadi hanno registrato 31 nuovi casi di coronavirus relativi ai Giochi di Tokyo nel loro rapporto quotidiano. È il più alto aumento giornaliero di casi legati ai Giochi da quando gli organizzatori hanno iniziato a segnalare casi il 1 luglio. Mercoledì sono stati segnalati 29 casi. Tra le persone colpite c’era un atleta, ancora del nuoto sincronizzato greco. La Grecia si è ritirata dal nuoto sincronizzato all’inizio della settimana dopo che la sua squadra è risultata positiva al virus. Gli ultimi numeri portano a 353 il totale dei test positivi legati alle Olimpiadi.

  • Germania: ordini manifatturieri +4,1% a giugno, +26,2% su anno, oltre attese

    Gli ordini manifatturieri della Germania sono aumentati del 4,1% congiunturale a giugno e del 26,2% tendenziale, secondo l’indice destagionalizzato. Dati ben al di sopra delle attese. Gli ordini interni sono saliti del 9,6% su mese a giugno.

  • Record di 262 casi a Sydney, mai così tanti da inizio pandemia

    Record di contagi da Coronavirus a Sydney, in Australia, dove nelle ultime 24 ore sono stati registrati 262 casi, mai così tanti dall’inizio della pandemia. Lo confermano le autorità sanitarie locali, segnalando cinque decessi per complicanze riconducibili al Covid-19 nell’ultima giornata e che nessuno di loro aveva completato il ciclo vaccinale. Il triste record è stato segnalato mentre ai cinque milioni di abitanti di Sydney è stato chiesto di restare in casa, per limitare la diffusione del contagio. Solo il 20 per cento dei cittadini australiani ha ricevuto entrambe le dosi del vaccino contro il Covid-19, sia a causa dello scetticismo della popolazione, sia per la difficoltà di approvvigionamento.

  • Superati i 200 mln di casi nel mondo

    Il mondo ha superato i 200 milioni di casi totali di Coronavirus, secondo il conteggio della Johns Hopkins University. I positivi sono per la precisione 200.014.602. I decessi sono invece 4.252.873, mentre le dosi di vaccino somministrate sono oltre 4 miliardi e 228 milioni.

  • In India quasi 43mila nuovi casi, oltre la metà nel Kerala

    In India sono quasi 43mila i nuovi casi di coronavirus registrati nelle ultime 24 ore. Lo riferisce il ministero della Sanità indiano, aggiornando a 31.812.114 il totale dei contagiati, 42.982 in più rispetto a ieri. A essere maggiormente colpito è lo stato del Kerala, dove sono stati confermati 22.414 casi positivi nell’ultima giornata e 108 decessi. Sono invece 533 le persone che hanno perso la vita nelle ultime 24 ore, facendo salire a 426.290 il totale delle vittime.

  • Da domenica in Gran Bretagna stop quarantena per arrivi dalla Francia

    I passeggeri totalmente vaccinati che arrivano in Inghilterra, Scozia e Irlanda del Nord dalla Francia non dovranno più essere messi in quarantena a partire da domenica. È quanto riporta la Bbc. In seguito a modifiche diffuse al sistema di semafori per i viaggi. Germania, Austria e Norvegia sono tra le sette nazioni aggiunte alla lista verde.

  • Vaccini, superata quota 70 mln di somministrazioni in Italia

    Sono 70.126.104 le somministrazioni di vaccino anti-Covid in Italia. È quanto emerge dall’ultimo aggiornamento del report governativo. Sono 33.485.151 le persone totalmente vaccinate, il 62% della popolazione over 12. Le dosi finora distribuite sono state 73.984.946.

  • Green Pass, oggi cabina di regia e Cdm: verso l’obbligo per i prof

    Questa mattina, alle 11:30, si terrà la cabina di regia del premier Mario Draghi con i ministri e gli esperti in vista delle nuove misure sul Green pass per scuola e trasporti. Alle 16, invece, è previsto il Consiglio dei ministri per varare le nuove norme. Da domani scatta infatti l’obbligo del certificato verde. Sul tavolo l'ipotesi di estenderlo anche al personale scolastico

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti