Attualità

Coronavirus ultime notizie. Speranza (Salute): con dati in miglioramento allentare e poi superare coprifuoco

Covid-19: le notizie di domenica 16 maggio in tempo reale

Coronavirus, i vaccinati al 15 maggio 2021
  • Serracchiani (Pd): risultati con misure giuste e non slogan

    “Come giustamente ricordato dal ministro Speranza i dati in miglioramento e le prossime nuove misure di allentamento delle restrizioni sono il risultato della linea di gradualità scelta dal governo, dei comportamenti corretti delle persone e della campagna vaccinale. È così che si riapre in sicurezza e senza correre il rischio di nuovi drammatici stop. Non con gli slogan e la propaganda a buon mercato per convenienza di partito”. Così Debora Serracchiani, capogruppo Pd alla Camera.

  • Salvini (Lega): domani attendiamo riaperture e ripartenza

    “Grazie all'insistenza della Lega il 26 aprile riaprirono tante attività, e qualcuno annunciava disastri. Risultato, da allora 9.551 ricoveri in meno, 1.083 terapie intensive in meno, 326.864 guariti in più. Dalla riunione di domani quindi ci aspettiamo riaperture e ripartenza, lavoro e libertà, all'aperto e al chiuso, di giorno e di sera! Fidiamoci degli italiani #nocoprifuoco”. Lo dice il leader della Lega Matteo Salvini. Domani, prima della cabina di regia, Salvini ha convocato una videoconferenza della Lega per fare il punto della situazione.

  • Oggi 1.926 contagi e 4 morti in Gran Bretagna

    Nelle ultime 24 ore la Gran Bretagna ha registrato 1.926 nuovi contagi di coronavirus e quattro decessi. I dati delle autorità sanitarie portano il totale dei contagi a 4.450.771 casi mentre i decessi entro 28 giorni dalla diagnosi di Covid-19 sono in tutto 127.679.

  • Giannelli (Associazione presidi): bene il Lazio su vaccino a maturandi, idea per tutte Regioni

    La volontà espressa dalla Regione Lazio di vaccinare i maturandi “credo sia un'idea condivisibile, utile anche a diffondere maggiormente tra i ragazzi la cultura della vaccinazione”. Lo dice Antonello Giannelli, presidente dell'Associazione nazionale presidi. “Si potrebbe pensare di attuarla in tutte le regioni, questo permetterebbe agli studenti di affrontare l'esame con maggiore tranquillità e sicurezza”, prosegue.

  • In Gran Bretagna oltre 20 milioni immunizzati con doppia dose

    Più di 20 milioni di britannici sono stati pienamente immunizzati contro il covid-19 con una doppia dose di vaccino. E' quanto si legge nel bollettino giornaliero delle autorità sanitarie. Le persone che hanno ricevuto almeno una dose di vaccino sono 36.573.354, di cui 20.103.658 sono pienamente immunizzati.

  • Francia: oggi 81 vittime, ancora in calo ricoveri in terapia intensiva

    La Francia registra oggi 4.255 persone ricoverate in reparti di terapia intensiva con Covid-19, in calo di 16 unità dal giorno precedente: il numero di pazienti che necessitano di cure in terapia intensiva è quindi in diminuzione per il 13° giorno consecutivo. La Francia segnala anche 81 decessi in ospedale tra le persone che erano risultate positive al Coronavirus, in calo rispetto alle 112 di sabato.

  • Salgono contagi a Mosca, 20mila in una settimana

    Vi è stata un'impennata di 20mila contagi di Covid-19 nell'ultima settimana a Mosca, il livello più alto da metà gennaio. Lo riferisce l'agenzia stampa Tass parlando di un aumento del 17% rispetto ala settimana precedente. Il bollettino odierno riporta circa 8.500 nuovi casi in tutta la Russia, oltre un terzo dei quali nella capitale. Mosca conta oltre 12,5 milioni di abitanti. Al momento sono 1,3 milioni i moscoviti pienamente vaccinati, ha detto il sindaco Sergey Sobyanin esortando i suoi concittadini a farsi immunizzare nei 40 centri aperti appositamente nei parchi della città. Centri di vaccinazione sono stati aperti anche negli shopping center, ma vi è un'ampia parte della popolazione restia a vaccinarsi.

  • Superate 27 mln di dosi somministrate in Italia

    È stata superata quota 27 milioni di dosi somministrate in Italia (precisamente 27.011.116 secondo l'ultimo aggiornamento). È quanto emerge dal report dei vaccini sul sito del governo in merito alla campagna vaccinale. Il totale delle persone vaccinate con prima e seconda dose è di oltre il 14% della popolazione (8.475.672 persone).

  • Francia, tamponi gratis per i turisti in estate

    Il tampone molecolare in Francia sarà gratis quest'estate anche per i turisti, così come lo sono tutti i tamponi per i francesi: lo ha annunciato il sottosegretario agli Affari europei, Clément Beaune, in un'intervista alla radio Europe 1. Il test Pcr per individuare la presenza del coronavirus, gratuito per i francesi, “costa fino a 120 euro in Spagna - ha detto Beaune - in Gran Bretagna bisogna sborsare oltre 100 sterline (116 euro), in Svezia il costo sale fino a 300 euro”. Per i viaggiatori che arrivano in Francia da questi Paesi, ha detto Beaune, “la gratuità dei test rappresenterà dunque un fattore di attrattività” della Francia.

    Sulla reciprocità, si è invece ancora molto lontani, ha ammesso Beaune: “Il Parlamento europeo - secondo il sottosegretario - chiede attualmente che i tamponi siano gratis ovunque in Europa, ma non posso dire oggi se tutti accetteranno”. Attualmente, i francesi che devono sottoporsi a un molecolare all'estero possono essere rimborsati dalla Sanità pubblica al loro rientro dietro presentazione di una fattura.

  • Speranza (Salute): con dati in miglioramento allentare e poi superare coprifuoco

    “Con dati in miglioramento possiamo allentare e poi superare il coprifuoco. Questo è possibile proprio grazie alle misure adottate in questi mesi e ai comportamenti corretti della stragrande maggioranza delle persone e, naturalmente, grazie alla campagna di vaccinazione che è la leva fondamentale per aprire una nuova stagione nel Paese”. Queste le parole del ministro della Salute, Roberto Speranza, durante la sua visita agli Internazionali d'Italia di Tennis a Roma.

    Il ministro della Salute Roberto Speranza (foto Monaldo/LaPresse)

  • Vaccini, il Regno Unito apre agli over 35

    Il Regno Unito apre alla vaccinazione per gli over 35 a partire dalla prossima settimana. Lo conferma il segretario britannico per la Salute, Matt Hancock, esortando le fasce di età interessate a farsi avanti per ricevere il siero contro il Covid-19, mentre nel Paese torna il timore di diffusione della variante indiana del virus dopo che alcuni casi sono emersi in determinate zone, come Blackburn e Bolton. Lo riferisce Sky News.

  • Vaia (Spallanzani): “Non esistono vaccini serie A o B, tutti coprono varianti”

    “Tutti i vaccini che abbiamo in campo ora sono utili e sufficienti per non farci avere la malattia grave, la mortalità e l'ospedalizzazione. Non esistono vaccini di serie A e di serie B, questa classifica è stata determinata dai balbettii delle autorità regolatorie e da qualche improvvido intervento, anche in sede europea, di chi ha detto 'noi non compreremo più il vaccino'” senza specificare che c'erano problemi contrattuali. Lo ha detto il direttore dello Spallanzani, Francesco Vaia, ospite a ‘Domenica In'. Quindi ha ribadito: “I vaccini sono tutti buoni ai fini della prevenzione del contagio, della malattia grave e della mortalità. Ormai è provato, questi vaccini coprono le varianti”.

  • Il 5 giugno test discoteche in Puglia: ingressi per 2mila persone

    Un test in due locali in Puglia, entrambi all'aperto, per arrivare alla riapertura delle discoteche. I locali individuati sono il Praja di Gallipoli (Lecce) e il Divinae Follia di Bisceglie (Bari), appuntamento il 5 giugno. “L'ingresso sarà consentito a 2mila persone, vaccinati, guariti oppure con un tampone negativo fatto 48 ore prima. E nei giorni successivi all'evento verrà fatto il tampone a chi ha partecipato”, spiega Maurizio Pasca di Silb-Fipe, l'associazione italiana imprese di intrattenimento da ballo e di spettacolo. “Al momento ci è stata data la conferma da parte della regione Puglia”, precisa Pasca anticipando che la stessa iniziativa si terrà anche in un locale al chiuso di Milano “ancora da stabilire”.

  • Assessore Salute Lazio: entro il 2 giugno open day per maturandi

    “Entro il 2 giugno faremo un open day nel Lazio per gli studenti che affronteranno gli esami di maturità. Pensiamo sia importante far svolgere in tranquillità gli esami. La gran parte del personale docente e non docente avrà avuto il vaccino ed è importante che lo abbiano anche i maturandi”. Lo spiega l'assessore alla Sanità del Lazio Alessio d'Amato sulla campagna di vaccinazione in vista degli esami di maturità.

  • Esperto tedesco: nel 2022 bisognerà vaccinarsi di nuovo

    Il presidente della Commissione permanente per le vaccinazioni (Stiko) della Germania ha affermato che è probabile che tutti dovranno vaccinarsi di nuovo l'anno prossimo contro il Covid-19. Thomas Mertens ha dichiarato al Funke Mediengruppe che non ci sono ancora dati sufficienti per dire quando sarà necessario fare il richiamo, e che i funzionari dovranno aspettare alcuni mesi per vedere se la protezione contro il Coronavirus si indebolisce in alcuni gruppi. Ma ha sottolineato che “il virus non ci lascerà più” e quindi le vaccinazioni attualmente in corso non saranno le ultime. “In linea di principio, dobbiamo prepararci per tutti coloro che potrebbero dover aggiornare la loro protezione vaccinale l'anno prossimo”, ha detto l'esperto.

  • Sileri (Salute): i numeri andranno sempre meglio

    «I numeri andranno sempre meglio, abbiamo due milioni in più, rispetto alla scorsa settimana, di persone che hanno ricevuto la prima dose. Un milione in più di persone ha completato il ciclo vaccinale. Possiamo tirare un sospiro di sollievo». Lo ha detto Pierpaolo Sileri, sottosegretario alla Salute, a Domenica In. «Il peggio dovrebbe essere passato, dico dovrebbe perché è un virus particolare con mutazioni e varianti, ma la situazione è sotto controllo, in Europa e in tutti i Paesi dell'Occidente. Non dobbiamo essere sempre negativi, le cose vanno bene grazie alla ricerca, alle nostre donne e uomini e grazie a ciò che è stato messo in campo. I contagi potrebbero aumentare tra i più giovani, aprendo di più soprattutto sotto i 16 perché non sono quelli vaccinati».

  • Gelmini: nelle prossime settimane rivedremo il coprifuoco

    La cabina di regia in programma domani posticiperà il coprifuoco «almeno alle 23», ma con i dati in miglioramento e un numero sempre più ampio di cittadini vaccinati «è realistico ipotizzare che nelle prossime settimane verrà rivisto». Lo dice il ministro degli Affari regionali Mariastella Gelmini in un'intervista nell'edizione di Palermo di Repubblica ribadendo che la ripartenza sarà a «piccoli passi sapendo» però «che la prospettiva certa è quella di poter tornare preso a correre». La migliore “garanzia” per mettersi alle spalle l'emergenza, aggiunge, è «il comportamento responsabile di ciascuno di noi»: in queste settimane «stiamo gradualmente riaprendo il paese, ma la sicurezza è la precondizione necessaria per proseguire con il ritorno alla normalità».

  • Regno Unito, variante indiana potrebbe diventare dominante

    La variante del coronavirus a rapida diffusione identificata per la prima volta in India potrebbe diventare il ceppo dominante nel Regno Unito. I funzionari sanitari stanno conducendo test porta a porta in diverse aree del Paese nel tentativo di frenare la diffusione della variante, che secondo il governo potrebbe interrompere i piani di riapertura del Regno Unito. L'aumento delle vaccinazioni nelle regioni chiave inizierà a breve. Il segretario alla salute Matt Hancock ha affermato che il nuovo ceppo, noto come B.1.617.2, è più trasmissibile del ceppo dominante del Regno Unito. Gli scienziati hanno un “alto grado di fiducia” sul fatto che i vaccini attuali funzionino contro la nuova variante e che non ci sono prove che causi una malattia più grave.

  • India, 311.170 contagi e oltre 4mila morti

    Nelle ultime 24 ore in India si sono registrati 311.170 nuovi contagi di covid-19 e più di 4mila morti. Gli ultimi dati arrivano mentre sale il timore per una diffusione del contagio anche nelle aree rurali dove vi sono poche infrastrutture sanitarie. La nuova ondata di infezioni che si è diffusa in aprile nelle grandi città ha portato al collasso gli ospedali. Ma ora vi sono sempre più notizie di persone che si ammalano nei villaggi, con i corpi dei morti che vengono buttati nel Gange o sepolti sulle rive del fiume sacro. L'esercito indiano, in collaborazione con le ferrovie, si sta preparando per allestire ospedali da campo nelle zone più vulnerabili, riferisce l'emittente Ndtv. Il 70% degli 1,3 miliardi di abitanti dell'India vive nelle zone rurali.

  • Lamorgese: sostegno e controlli per difendere imprese in difficoltà

    «Oggi le mafie si muovono lungo più direttrici: forme di “assistenza” a famiglie in condizioni di disagio in modo da ampliare la propria base di consenso sociale; indebita percezione di erogazioni pubbliche; contraffazione e truffe on line riguardanti soprattutto i dispositivi medico-sanitari; intromissione, anche indiretta, nei settori dell'economia legale considerati più vantaggiosi”. Così il ministro dell'Interno Luciana Lamorgese in un'intervista su Polizia moderna di maggio. In particolare, «la condizione di vulnerabilità delle attività commerciali, soprattutto di piccole e medie dimensioni, aumenta il rischio di usura e del possibile ingresso della criminalità negli assetti proprietari e gestionali delle imprese, anche ai fini del reimpiego di capitali illeciti. Occorre, quindi, garantire massima fluidità e tempestività nel circuito di erogazione delle misure di sostegno varate. Al tempo stesso, bisogna assicurare i più rigorosi controlli per scongiurare indebite distrazioni di risorse destinate all'economia legale da parte della criminalità», spiega Lamorgese, sottolineando: “In questa direzione si muovono i protocolli che ho sottoscritto nei mesi scorsi con il ministero dell'Economia e delle Finanze e con la società Sace S.p.a. e l'Agenzia delle Entrate. Un'analoga intesa è in via di definizione con Cassa Depositi e Prestiti, incaricata di gestire un 'patrimonio destinato' alle imprese di maggiori dimensioni”.

  • Sardegna, in aeroporti e porti verifiche per 3.636 persone

    Sono ripresi da lunedì 22 marzo i controlli realizzati dal Corpo forestale della Regione Sardegna per vigilare sul rispetto delle regole stabilite per l'emergenza sanitaria da Covid-19. Tra le 18 del 14 maggio e le 18 del 15 maggio, sono stati effettuati 3.636 controlli negli scali aeroportuali e portuali: 670 nell'aeroporto di Alghero e 517 in quello di Cagliari; 1.230 nel porto di Olbia, 716 in quello di Porto Torres, 332 a Golfo Aranci, 93 a Cagliari, 59 ad Arbatax e 19 a Santa Teresa.

  • Basilicata, sei Comuni in area rossa

    Dopo il monitoraggio sull'incidenza settimanale dei contagi da SARS-CoV-2, il presidente della Regione Basilicata Vito Bardi ha firmato un’ordinanza con cui, a partire da oggi e fino al 23 maggio, dispone l'applicazione delle misure di area rossa in altri tre Comuni. Sono Anzi, Pietrapertosa e Rivello (provincia di Potenza). Inoltre è confermata la zona rossa per il territorio comunale di Acerenza e Ripacandida (provincia di Potenza) e Rotondella (provincia di Matera), sempre fino al 23 maggio. Con la stessa ordinanza è stata disposta la revoca, a partire da oggi, dell'area rossa per i territori comunali di Balvano e Rionero in Vulture (provincia di Potenza) e Garaguso (provincia di Matera).

  • Controlli a Napoli sulla movida, 120 sanzioni

    Week-end di controlli notturni per i carabinieri del comando provinciale di Napoli, che nelle zone della movida hanno elevato 120 sanzioni per il mancato rispetto delle norme anticovid. Sul lungomare di Mergellina multate 25 persone che circolavano durante il coprifuoco. A Posillipo, infatti, poco dopo le 22, i militari hanno invitato alla chiusura 15 attività commerciali tra ristoranti, pub e paninerie ed hanno allontanato gli avventori presenti. Assembramenti sciolti in piazza San Luigi: molti i giovani, tra questi dieci sanzionati, che sostavano nei pressi dei locali. In piazza San Giovanni maggiore e nelle vie vicine, i militari hanno sanzionato 22 ragazzi per il mancato rispetto del coprifuoco. Un 18enne, per scampare alla sanzione per aver violato il coprifuoco, ha fornito false generalità. Per lui, oltre la multa, anche la denuncia.

  • In Germania 8.500 contagi e 71 decessi

    Nelle ultime 24 ore, la Germania ha registrato 8.500 nuovi contagi di coronavirus e 71 decessi. I dati dell'Istituto Robert Koch portano ad un totale di 3.593.434 casi di covid-19 e 86.096 morti dall'inizio della pandemia. Al momento vi sono circa 221.000 casi attivi nel paese. L'incidenza dei contagi nell'arco di sette giorni si attesta a 83,1 casi ogni centomila abitanti, un dato in calo per il terzo giorno consecutivo.

  • Lazio, ieri record con quasi 57mila dosi somministrate

    «Ieri record di quasi 57mila dosi somministrate di vaccino e grande successo degli Open Day per gli over 40. Grazie ancora alla straordinaria comunità che in tutto il Lazio sta lavorando senza sosta al successo della campagna vaccinale. Replicheremo gli Open Day». Così il presidente della Regione Lazio Nicola Zingaretti su Facebook.

  • Gran Bretagna, decisione su stop restrizioni sarà presa il 14 giugno

    La Gran Bretagna deciderà il 14 giugno sull'opportunità o meno di andare avanti con il piano di allentamento delle restrizioni anti Covid-19, che al momento fissa l’uscita completa dal lockdown per il 21 giugno. A riferirlo è il ministro della salute Matt Hancock.

    Il ministro inglese della salute Matt Hancock (AP)

  • In Cina eseguiti 393 milioni di vaccini: ieri somministrate 12,4 milioni di dosi

    Ieri la Cina ha effettuato circa 12,4 milioni di vaccinazioni contro il Covid-19. Il dato è fa salire il numero totale di dosi somministrate a 392,99 milioni, stando a quanto ha appena riferito la Commissione sanitaria nazionale del paese.

    Laboratori di ricerca e produzione del vaccino cinese Sinovac

  • Locatelli: «Da riaperture nessuna ripresa curva contagi»

    «L'analisi dei dati indica che le aperture decise secondo il criterio del “rischio ragionato” non si sono associate a una ripresa della curva epidemica. L'ultima analisi settimanale indica un Rt inferiore a quello della settimana prima (0,86 contro 0,89) e l'incidenza cumulativa di casi ogni 100.000 abitanti è scesa a un valore nazionale di 96». A dirlo Franco Locatelli, coordinatore del Cts, parlando delle riaperture scattate il 26 aprile. Alla domanda se è presto per togliere le mascherine all'aperto come negli Stati Uniti Locatelli risponde: «Sì è troppo presto, oggi la scelta non è ipotizzabile. Giusto comunque iniziare una riflessione prospettica».

  • Singapore, piano per vaccinare i bambini sotto i 16 anni

    La città-stato di Singapore ha deciso di vaccinare i bambini sotto i 16 anni, dopo un recente aumento delle infezioni da Covid-19 tra gli studenti. Lo riferisce il ministro dell'Istruzione Chan Chun Sing. I ministeri dell'Istruzione e della Salute stanno elaborando piani per la «vaccinazione dei nostri studenti», ha scritto Chan sulla sua pagina Facebook. «Una volta concessa l'approvazione per l'uso, lanceremo le vaccinazioni per coloro che hanno meno di 16 anni».

  • Albergatori trentini: «Noi pronti ad allestire servizio vaccini per i turisti»

    «La categoria è pronta a mettere in campo tutto ciò che serve. La richiesta che abbiamo avanzato, in sede provinciale e nazionale, è chiara: dare la possibilità di fare la seconda dose anche in vacanza. Non vogliamo che i turisti arrivino a essere condizionati nelle scelte: o il vaccino o le vacanze». Così il presidente dell'associazione albergatori e imprese turistiche del Trentino, Gianni Battaiola. Negli ultimi giorni gli albergatori hanno ricevuto oltre 235mila richieste di disponibilità condizionate dal piano vaccinale. «In Trentino abbiamo la possibilità di garantire il servizio - prosegue Battaiola -. Aspettiamo solo il via libera. A fronte della piena disponibilità offerta dalle strutture ricettive, abbiamo bisogno di capire in fretta quale sarà il modello organizzativo richiesto».

  • Vaccini, a 35 giorni da prima dose crollano infezioni (-80%), ricoveri (-90%) e decessi (-95%)

    Nelle persone vaccinate il rischio di infezione da Sars-CoV2, di ricovero e di decesso, diminuisce progressivamente dopo le prime due settimane. A partire dai 35 giorni dall'inizio del ciclo vaccinale si osserva una riduzione dell'80% delle infezioni, del 90% dei ricoveri e del 95% dei decessi sia negli uomini che nelle donne e in persone di diverse fasce di età. I dati emergono dal primo report nazionale sull'impatto della vaccinazione anti Covid a cura dell'Istituto superiore di Sanità (Iss) e del ministero della Salute reso noto sabato, in base all'analisi congiunta dell'anagrafe nazionale vaccini e della sorveglianza integrata Covid-19.

    PER APPROFONDIRE:

    La mappa dei contagi
    Vaccini in tempo reale
    Tutto quello che ha scoperto la scienza


Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti