L’AGGIORNAMENTO DEI DATI

Coronavirus ultimi aggiornamenti: 3.039 nuovi casi (+2,3%) e 604 vittime (+3,6%). Giù terapie intensive e ricoveri. Rezza: finalmente si intravede discesa

Si conferma la frenata dei nuovi casi di contagio da coronavirus in Italia. I nuovi casi positivi sono 3.039 (+2,3) e le vittime 604 (+3,6%)

Coronavirus, ecco le regole per la passeggiata

Si conferma la frenata dei nuovi casi di contagio da coronavirus in Italia. I nuovi casi positivi sono 3.039 (+2,3) e le vittime 604 (+3,6%)


3' di lettura

Sono 3.039 i nuovi casi di contagio e 604 le vittime registrate nelle ultime 24 ore in Italia. Lo comunica la Protezione Civile, che conferma e anzi consolida il trend di rallentamento visto negli ultimi giorni. L’aumento dei casi positivi è infatti solo del 2,3%, quello delle vittime del 3,6 per cento. I morti dall’inizio dell’epidemia sono saliti a 17.127.

LA MAPPA AGGIORNATA DEI CONTAGI

Si conferma anche il trend discendente delle terapie intensive, scese di 106 unità da 3.898 a 3.792, per il quarto giorno consecutivo. Un dato molto importante, perché riduce la pressione sugli ospedali. Così come quello dei pazienti ricoverati, sceso di ben 258 unità, un altro dato incoraggiante.

Sono 24.392 le persone guarite in Italia dopo aver contratto il coronavirus, 1.555 in più di ieri. Lunedì l'aumento dei guariti era stato di 1.022 unità.

Spicca il miglioramento della situazione in Lombardia, che registra un aumento di soli 791 casi positivi nelle ultime 24 ore (+1,5%). Anche qui scendono i pazienti in terapia intensiva, da 1.343 a 1.305, così come queli ricoverati (da 11.914 a 11.833). Le nuove vittime nella regione sono 282, portando il totale a 9.484, più della metà del totale delle vittime in Italia.

Il capo della Protezione civile Angelo Borrelli ha fatto notare che l’aumento giornaliero dei pazienti attualmente positivi è il più basso dal 10 marzo. «Finalmente sembra che si inizi a vedere una diminuzione di nuovi casi: nella curva epidemica, dopo una fase di plateau, sembra esserci una discesa, la curva tende a flettere in basso. Ma aspettiamo domani o dopodomani prima di tirare un sospiro di sollievo». Così Giovanni Rezza
dell'Istituto superiore di sanità.
«Speriamo di assistere ad una flessione - ha precisato Rezza -ma bisogna sempre tenere a mente che il virus resterà nella popolazione, non è che arriviamo a zero tra una settimana o un mese e allora tana libera tutti».

TERAPIE INTENSIVE, RICOVERI E ISOLAMENTO DOMICILIARE
Loading...

I dati del 6 aprile
Il 6 aprile ci ha offerto ancora un dato confortante in arrivo dalla curva epidemica nazionale: l'incremento dei casi totali giorno su giorno segna +2,8% (+3,4% ieri). I contagiati sono arrivati a quota 132.547 con 93.187 infezioni in corso, 22.837 guarigioni e 16.523 deceduti. Prosegue anche il calo del numero di pazienti ricoverati in terapia intensiva (3.898 contro i 3.977 di ieri). Anche i numeri della Lombardia segnano una nuovo rallentamento della curva epidemica (+2,1% contro il +2,7% del 5 aprile). I contagi totali sono arrivati a quota 51.534 con 1.079 nuove infezioni (1.337 ieri). Da rilevare tuttavia, in questa Regione, l'effettuazione di un minor numero di tamponi (5.005 contro una media di quasi 8.000 dei giorni precedenti).

IL TREND GIORNO PER GIORNO
Loading...

Come leggere i dati della Protezione civile
Una premessa di metodo è indispensabile per la interpretazione dei dati perché la comunicazione ufficiale durante la conferenza stampa delle 18 tende a equivocare tra “attualmente positivi” e “nuovi positivi” nelle ultime 24 ore.

La categoria attualmente positivi include le persone trovate positive al tampone e che in questo momento si trovano o in isolamento domiciliare o sono ricoverate con sintomi o ricoverate in terapia intensiva.

Dalla categoria degli attualmente positivi si esce per due ragioni opposte: perché guariti o perché, purtroppo, deceduti.

Il numero da considerare è dunque quello dei casi totali da inizio epidemia che sarà fondamentale seguire nell’evoluzione della crisi. Perché è la sua variazione a dirci quanti sono davvero giornalmente , tolti guariti e malati.

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti