Il bollettino della pandemia

Coronavirus, in Italia altri 188.797 casi, +2,3% sulla settimana. Le vittime sono 385

L'Università Cattolica rileva timidi segnali positivi sul controllo dell'ultima ondata pandemica guidata dalla variante Omicron

Coronavirus: bollettino del 20 gennaio 2022

5' di lettura

I DATI DEL CONTAGIO
Loading...

Alle 17.40 di oggi, giovedì 20 gennaio, si sono registrati 188.797 nuovi positivi al Coronavirus (- 3.253 giorno su giorno: ieri erano 192.320) rilevati dal bollettino quotidiano diffuso dal ministero della Sanità e dalla Protezione civile. Il dato segna una lieve risalita rispetto ad una settimana fa, quando i nuovi contagiati rilevati erano 184.615. L’incremento di +2,3% su giovedì 13 gennaio ci dice che purtroppo la pandemia non ha ancora raggiunto il suo picco, e ci troviamo sul cosiddetto plateau.

Il totale degli attualmente contagiati arriva così a 2.682.041 unità. I guariti nelle ultime 24 ore sono stati 143mila. Il “tasso di positività”, cioè il rapporto tra il numero totale dei tamponi effettuati e quelli che risultano postivi si è attestato al 17% (in crescita: ieri era al 16,2%). Il dato è stato elaborato in base ai risultati di 1.110.266 tamponi effettuati nelle ultime 24 ore contro i 1.181.889 di mercoledì (sono considerati nel conteggio sia i test rapidi antigenici che i tamponi molecolari). I decessi, nelle ultime 24 ore, sono stati 385 (cinque vittime in più rispetto alle 380 contate ieri), per un totale di 142.590 morti dall'inizio della pandemia.

Loading...

Degli oltre due milioni e 680mila italiani attualmente positivi, 19.659 sono ricoverati con sintomi nei reparti ospedalieri ordinari (+159, ieri erano 19.500) e 1.698 nei reparti di terapia intensiva (+10, erano 1.688; 155 gli ingressi giornalieri). I soggetti tenuti sotto osservazione medica in isolamento domiciliare sono invece 2.660.684 (+55.282, erano 2.605.402).

In Veneto 21.833 nuovi positivi e 32 decessi

Sono 21.833 i nuovi casi in Veneto alle 8 di questa mattina, contro i 21.209 di ieri. Il numero dei residenti attualmente positivi arriva a quota 273.895 contro i 265.072 di ieri. Cresce di cinque unità a quota 2.010 il numero dei ricoveri complessivi in Veneto. La causa si identifica in una lieve crescita dei pazienti attualmente in area non critica (1.806 contro i 1.802 di 24 per fa) e in un altrettanto leggero aumento dei pazienti in area critica (204 contro i 203 di ieri). Il numero dei decessi si attesta oggi a 32 contro i 26 di ieri.

Altri 20mila nuovi casi e 33 morti in Emilia-Romagna

Altri 20mila nuovi casi di Coronavirus in Emilia-Romagna, un aumento in linea con quello degli ultimi giorni, tre ricoverati in più in terapia intensiva per un totale di 152 e 53 in più negli altri reparti, dove in tutto ci sono 2.465 pazienti. Sono i dati del bollettino quotidiano della pandemia in regione, dove si contano anche 33 morti, dai 68 ai 100 anni. I nuovi positivi, 20.140, sono stati registrati con 71.690 tamponi in 24 ore. Nelle terapie intensive il 61,2% sono non vaccinati. A Bologna i nuovi contagi sono 3.969 più 897 del circondario imolese, poi c’è Modena con 2.970. I casi attivi salgono complessivamente a 348.440 (+7.502), il 99,2% in isolamento a casa. Le persone complessivamente guarite sono 12.605 in più rispetto a ieri.

CRESCITA NUOVI CASI SU BASE SETTIMANALE

I puntini sono: casi giornalieri del giorno/casi giornalieri dello stesso giorno della settimana precedente. La curva rappresenta la media mobile a 7 giorni. Se il dato è superiore a 1 vuol dire che i contagi sono in crescita

Loading...

Toscana: +24 morti, più ricoveri ma meno terapie intensive

Sono ventiquattro le persone decedute per Covid in Toscana nelle ultime 24 ore, con il totale dei deceduti a causa dell’epidemia che sale a 7.949. I casi complessivi di positività in Toscana sono ad oggi 628.124. I guariti, che oggi sono 10.064 in più rispetto a ieri, crescono del 2,3% e raggiungono quota 440.184 (70,1% dei casi totali). Gli attualmente positivi sono oggi 179.991, con un +2,1% rispetto a ieri. I ricoverati sono 1.454 (13 in più rispetto a ieri), di cui 124 in terapia intensiva (3 in meno).

In Puglia 8.333 nuovi positivi (13,2%) e sette morti

Sono 8.333 i nuovi contagi da Covid 19 su 63.243 test giornalieri con un tasso di positività del 13,2%. Sette i morti. Le persone attualmente positive sono 133.483 (ieri 139.003), 691 (ieri 665) quelle ricoverate in area non critica, 63 (ieri 69) in terapia intensiva.

IL TREND GIORNO PER GIORNO

Casi attualmente positivi, guariti, morti e casi totali dal primo rilevamento a oggi. Casi nuovi giorno per giorno

Loading...

Marche: +6.905 positivi in 24 ore, 699 sintomatici

Sono quasi 7.000 (6.905) i nuovi positivi rilevati nelle Marche nell’ultima giornata, secondo i dati dell’Osservatorio epidemiologico regionale, ma è stabile il tasso di incidenza cumulativo di 2.549,41 contagi ogni 100mila abitanti, come ieri. Sono stati testati 20.075 tamponi, dei quali 16.528 nel percorso nuove diagnosi (molecolari e antigenici), con una percentuale di positivi del 41,8% . I soggetti con sintomi sono 699, i casi in fase di approfondimento epidemiologico 1.655, 72 i positivi in setting scolastico/formativo.

Oggi in Valle d'Aosta 540 nuovi contagi e un morto

Sono 540 i nuovi contagi da Coronavirus nelle ultime 24 ore in Valle d’Aosta secondo il bollettino di oggi, con i dati della Regione. Nella tabella si fa riferimento a un altro morto. I positivi attuali sono 6.061 di cui 5.977 in isolamento domiciliare, 78 ricoverati in ospedale, 6 in terapia intensiva. Da inizio pandemia i morti sono stati 499 nella Regione.

In Umbria due morti, positivi in lieve calo e ricoveri stabili

Due nuovi morti, positivi in lieve calo e ricoveri stabili. È questo l’andamento della pandemia in Umbria, in linea con la tendenza registrata negli ultimi giorni, in base ai dati giornalieri resi noti dalla regione. Nelle ultime ventiquattro ore sono stati rilevati 2.133 nuovi positivi, su un totale di oltre 16.600 test analizzati, con un tasso di positività al 12,8%, in leggero calo rispetto a ieri (14,7%). Sono 2.190 i guariti, per cui il numero degli attualmente positivi diminuisce di 59 unità, raggiungendo quota 25.949. Sul fronte ospedalizzazioni, sono al 213 le persone ricoverate per covid negli ospedali umbri, uno in meno rispetto a ieri. Di questi, 11 si trovano in terapia intensiva, uno in più. Con le vittime registrate ieri, sale a 1.577 il totale dei morti da inizio pandemia.

Abruzzo: 4.004 contagi, oltre 80mila i casi attivi

Sono 4.004 i nuovi casi di Covid-19 accertati nelle ultime 24 ore in Abruzzo. Del totale, 2.554 sono stati identificati attraverso test antigenico rapido. Il tasso di positività, calcolato sulla somma tra tamponi molecolari (7.382) e tampini antigenici (24.313), è pari al 12,63 per cento. I casi attivi superano quota 80mila. Si registrano altri sei decessi, che fanno salire il bilancio delle vittime a 2.726. Continuano ad aumentare i ricoveri. I nuovi positivi hanno età compresa tra 1 mese e 102 anni. Gli attualmente positivi sono 81.459 (+3.748): il dato comprende anche 69.054 casi riguardanti pazienti persi al follow up e sui quali sono in corso verifiche.

Altems: primo calo terapie intensive e incidenza ultimi 7 giorni

Timidi segnali positivi sul controllo di questa nuova ondata pandemica guidata dalla variante Omicron in Italia: in diminuzione questa settimana gli ingressi di pazienti Covid in terapia intensiva. Negli ultimi sette giorni registrano un lieve miglioramento passando a 1,67 per 100mila abitanti, contro un valore medio nazionale di 1,73 per 100mila registrato la scorsa settimana. Le regioni che hanno evidenziato più ingressi in terapia intensiva durante gli ultimi sette giorni sono la Val D'Aosta (3,23 per 100mila abitanti), il Friuli-Venezia Giulia (2,75 per 100mila) e il Veneto (2,58 per 100mila). È quanto emerge dal report settimanale dell'Alta scuola di Economia e management dei sistemi sanitari (Altems) dell'Università Cattolica.

Registra un calo anche l'incidenza dei contagi a livello nazionale, che nelle ultime cinque settimane viaggiava ad una velocità media del +130% (che significa oltre il raddoppio dei casi di settimana in settimana), mentre nella settimana appena trascorsa si registra un aumento limitato, del 20%, passando da 1.719 e 1.767 ogni 100mila residenti. “Dopo cinque settimane di trend di forte crescita dei nuovi ingressi in terapia intensiva, che ha portato a più che raddoppiare il valore nazionale settimanale passando da 0,83 per 100.000 abitanti a 1,73 per 100mila abitanti, finalmente nell'ultima settimana pare affievolirsi questo sprint del Covid, registrando una lieve diminuzione del dato che si stabilizza a 1,67 per 100mila abitanti”, afferma Americo Cicchetti, direttore Altems.

Riproduzione riservata ©

loading...

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti