dati aggiornati

Coronavirus, ultimi dati: in Italia 218 altri casi (+0,09%). Calano ancora le vittime (+23). Mini-zone rosse in Calabria e Campania

Gli attualmente positivi calano dell’1,59% in 24 ore, mentre si registrano 533 guarigioni. In Lombardia il 65,6% dei nuovi contagi nazionali

Coronavirus: il contagio nella tua regione. Rt a 1,12 nel Lazio

Gli attualmente positivi calano dell’1,59% in 24 ore, mentre si registrano 533 guarigioni. In Lombardia il 65,6% dei nuovi contagi nazionali


6' di lettura

Sono 218 i nuovi casi di coronavirus alle 17 di lunedì 22 giugno e portano il totale dei contagi dall’inizio dell’epidemia a quota 238.720, per un incremento dello 0,09% rispetto al giorno precedente. Nelle ultime 24 ore si sono contati 23 morti, +0,06% nel confronto con domenica il totale dall’inizio dell’emergenza. Gli attualmente positivi sono 20.637, ossia 335 in meno rispetto al giorno precedente (-1,59%), mentre si registrano 533 guariti (+0,29%). Questo il quadro generale che si coglie dai dati quotidiani della Protezione civile sulla pandemia di Covid-19 in Italia, ricavati partendo dai 28.972 tamponi effettuati.

I ricoverati con sintomi calano dell’11,9%

Al momento i pazienti ricoverati con sintomi sono 2.038, in calo di addirittura l’11,92% nell’ultimo giorno. Rispetto al totale dei ricoverati, 127 sono i pazienti in terapia intensiva, 21 in meno giorno su giorno. Reparti di rianimazione vuoti di pazienti Covid in nove regioni: Marche, Campania, Puglia, Friuli Venezia Giulia, Sardegna, Valle d’Aosta, Calabria, Molise e Basilicata. Reparti di rianimazione senza pazienti Covid anche nella provincia autonoma di Trento. Sottoposte a isolamento domiciliare 18.510 persone ammalate e qui il calo giornaliero è di 38 unità.

In Lombardia il 65,6% dei nuovi casi

In Lombardia sono localizzati 143 nuovi casi, il 65,6% del totale nazionale. Nella giornata di domenica, i nuovi casi lombardi erano stati 128. Nettamente staccate le altre regioni, comprese Emilia Romagna (+22) e Trentino Alto Adige (+12), rispettivamente seconda e terza della classifica dei nuovi casi giornalieri. Sette le regioni senza nuovi casi: Puglia, Abruzzo, Sicilia, Umbria, Sardegna, Valle d’Aosta e Basilicata. Sono poi 12 le regioni che non hanno registrato nuove vittime. Si tratta di Marche, Campania, Puglia, Sicilia, Friuli Venezia Giulia, Trentino Alto Adige, Umbria, Sardegna, Valle d’Aosta, Calabria, Molise e Basilicata.

Lombardia, casi al +13% dopo la fine del lockdown

Con la riapertura delle attività a maggio, a parte la Lombardia, dove l’epidemia sta calando meno velocemente rispetto al lockdown e c’è stato un incremento della trasmissione del contagio del 13%, nel resto delle regioni non si è avuto un aumento dei casi. È quanto emerge da uno studio dell'università Ca’ Foscari di Venezia, in via di revisione e pubblicazione, e in parte anticipato durante la giornata di studio online «Modellistica e Covid», organizzata dall'università di Trento. «Il confronto dei dati ci mostra che solo in Lombardia c’è stato un aumento dei contagi rispetto a quanto atteso durante il lockdown, mentre nelle altre regioni non ci sono state differenze significative o ci sono stati dei cali», spiega Enrico Bertuzzo, coordinatore dello studio. In particolare «in Veneto ed Emilia Romagna c’è stata una diminuzione rispetto a quanto previsto durante il lockdown, mentre nelle altre regioni la trasmissione è rimasta simile», continua. Sul perchè, diverse le ipotesi fatte. Secondo Bertuzzo potrebbe dipendere «dalla stagionalità e dall’impatto del caldo sul virus, anche se non è così sicuro, visto che in questo momento in Messico e Brasile, dove non fa freddo, i contagi sono in crescita». Oppure potrebbe essere collegato alla maggiore capacità di contenimento dei contagi da parte delle Regioni, «perchè adesso ci sono pochi casi. Ciò può spiegare perchè non c’è stato un rimbalzo dei casi con la riapertura delle attività». Per quanto riguarda la Lombardia, «l’epidemia sta calando meno velocemente di quanto faceva durante il lockdown, rispetto a cui si registra un aumento dei contagi del 13%, probabilmente per l'incremento dei contatti con la riapertura. In questa regione - prosegue - essendoci il maggior numero di casi, l’isolamento è più difficile e la circolazione del virus è più sostenuta».

Mini-zona rossa a Palmi (Calabria)...

In questo contesto di generale miglioramento, resta l’allerta per eventuali mini-focoali. È quello che è successo in Calabria: una mini “zona rossa” è in vigore fino alle 14 del 26 giugno in tre quartieri costieri di Palmi (Pietrenere, Tonnara e Scinà). Lo ha disposto la governatrice della Calabria Jole Santelli, dopo che è stato individuato un focolaio con 8 persone positive al Covid-19 derivante da 2 positivi rientrati in Calabria da altre regioni. L'ordinanza prevede “il divieto di allontanamento, riducendo drasticamente ogni possibilità di vicinanza fisica e limitando al massimo ogni spostamento” ed il “divieto di accesso, fatta salva la possibilità per gli operatori sanitari e socio-sanitari, del personale impegnato nei controlli e nell'assistenza e nelle attività riguardanti l'emergenza e delle forze dell'ordine”. Sono consentiti gli spostamenti ritenuti “essenziali” e sono sospese le attività commerciali e produttive, tranne quelle “essenziali”. E' stato inoltre disposto il “potenziamento dell'attività di individuazione di eventuali altri soggetti positivi asintomatici” con l'effettuazione di test per “valutare la reale incidenza”.

... e a Mondragone (Campania)

Scatta una mini zona rossa anche a Mondragone (Caserta) per i residenti in quattro edifici di case popolari, il cosiddetto 'complesso ex Cirio', dopo la rilevazione di otto positivi al Covid 19. Lo ha deciso con una ordinanza il presidente della Regione Campania, Vincenzo De Luca, mentre è in corso lo screening della Asl di Caserta sui circa 700 abitanti, in prevalenza immigrati e in gran parte di origine bulgara. Fino al 30 giugno, salvo proroghe, i residenti di questi edifici - “fortemente popolati e in condizioni di alta promiscuità”, si legge nell'ordinanza - dovranno rimanere in isolamento domiciliare: il Comune provvederà a fornire loro derrate alimentari. Forze dell'ordine ed esercito vigileranno sul rispetto della quarantena. Nel frattempo in tutto il comune di Mondragone torna l'obbligo di indossare la mascherina, anche all'aperto, fino al 30: prescrizione che da oggi non è più valida nel resto della regione

Lazio, otto nuovi casi

In Lazio si registrano otto casi positivi e tre decessi. Due positivi sono collegati all’Istituto religioso Teresianum a Roma che è stato posto in sorveglianza sanitaria e dove sono stati effettuati test a tutti: si tratta di un giardiniere (Asl Roma 1) e una suora (Asl Roma 3). Nessuno può entrare o uscire dall’Istituto senza l'autorizzazione della Asl. Inoltre è stato ricoverato al Policlinico Umberto I un paziente proveniente da Dacca (Bangladesh) che riferisce di essere stato sintomatico già alla partenza. Avviata la notifica al ministero della Salute per le operazioni di verifica. Nella Asl Roma 1 un infermiere positivo è riferito alla coda del focolaio del San Raffaele Pisana che raggiunge così un totale di 119 casi. Nella Asl Roma 4 i due casi positivi sono stati individuati in sede di pre-ospedalizzazione e nella Asl Roma 6 un positivo è stato individuato al Pronto soccorso e trasferito poi al Policlinico Umberto I. A Latina la Asl considera chiusi i cluster di Priverno e della RSA San Michele, mentre all'ospedale San Giovanni dopo 620 tamponi effettuati è stato registrato il primo positivo al tampone al drive-in. Si conferma trend in calo nelle province che registrano zero casi.

IL TREND GIORNO PER GIORNO
Loading...

Veneto, ultimi pazienti «forse i più complicati»

I malati di Coronavirus ricoverati negli ospedali del Veneto sono 223, due in meno del giorno precedente, con 29 positività: restano 12 i pazienti in terapia intensiva, con un solo positivo. Nel presentare i dati del consueto bollettino quotidiano, il presidente del Veneto Luca Zaia si è espresso in questi termini: «Probabilmente gli ultimi pazienti rimasti sono i più complicati dal punto di vista clinico. E questi ultimi 223 probabilmente avranno ancora bisogno di cure intense». Riguardo all'aumento dei positivi (19.247, +2), Zaia ha rinnovato l’appello al rispetto delle misure di prevenzione.

Piemonte, 65 guariti e sette nuovi casi

Il bilancio del Coronavirus in Piemonte, nei dati aggiornati dall’Unità di crisi della Regione, riporta 65 nuovi casi di guarigione e sette contagi, di cui cinque asintomatici. In via di guarigione altri 1.447 pazienti, mentre solo quattro le vittime che si aggiungono, ma nessuna registrata nella giornata. Immutato, rispetto a domenica, il numero dei ricoverati in terapia intensiva, 19, mentre negli altri reparti si registra oggi in calo di dieci pazienti: ora sono 346 in totale. Le persone in isolamento domiciliare sono 1605. I tamponi diagnostici finora processati sono 391.668, di cui 215.139 risultati negativi.

RICOVERI E TERAPIE INTENSIVE
Loading...

Dove eravamo rimasti

Erano 238.499 i casi di coronavirus al 21 giugno: 224 nuovi contagi (+0,09%) e 24 nuove vittime (+0,07%). Per trovare così pochi deceduti in un giorno, oltre al 15 giugno in cui erano 26, bisognava risalire a fine febbraio. Il totale dei guariti arrivava a 182.893 (+440). Erano 20.972 i malati di coronavirus in Italia, 240 meno di sabato, quando il calo degli attualmente positivi era stato di 331 unità. Scendevano ancora ricoveri in terapia intensiva dei malati di coronavirus: 148 i pazienti nei reparti di rianimazione, 4 meno del giorno precedente.

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti